toba60

Lo Scioccante ”Esperimento di Calhoun” Rivela la Condizione Attuale della Nostra Società

Le Élite paiono stupide ma non lo sono, ed allora i posti in prima fila li lasciano a quelli che di fatto lo sono e questo è l’unico modo per portare avanti un progetto il quale coloro che si credono intelligenti supportano a spada tratta vivendo nella convinzione che il mondo sia popolato da stupidi.

Toba60

La libera informazione come la nostra non gode di alcun finanziamento pubblico e solo grazie alle vostre donazioni può ogni giorno dare seguito suo lavoro.

Ignorare Il logo in basso significa dare spazio a chi trae vantaggio da una società vincolata alle restrittive norme del pensiero unico imposto attraverso una distorta comunicazione dei fatti odierni, passati e futuri.

Staff Toba60

“Un esperimento scioccante rivela le condizioni della nostra società!”.

Un titolo del genere è solitamente legato agli articoli che descrivono gli esperimenti comportamentali del dottor John Calhoun.

Ovviamente c’è un motivo.

Tra l’altro, le conclusioni tratte dall’esperimento di Calhoun vengono utilizzate per criticare le società abbondanti, per cercare modi di organizzare le città e per spiegare le origini dei movimenti femministi o la scomparsa della mascolinità.

A differenza delle citazioni di Albert Einstein false e mal fotografate, l’esperimento di Calhoun è stato effettivamente realizzato. Si possono avere dei dubbi sulle conclusioni dell’esperimento, ma ne parleremo più avanti.

John Calhoun.

Prima di tutto, parliamo dell’esperimento in sé. Sebbene le scoperte di Calhoun siano ritenute tra le più importanti nella storia della psicologia (Hock, 2004, citato in: Ramsden, Adams 2009), il lavoro dello scienziato non è conosciuto quanto gli esperimenti di Zimbardo o Milgram.

Il dottor Calhoun è stato un etologo molto famoso che ha studiato soprattutto il comportamento di topi e ratti presso il National Institutes of Health (USA). Gli esperimenti più importanti sono stati condotti negli anni Cinquanta e Sessanta. Uno degli esperimenti più scioccanti condotti dal ricercatore comportamentale è noto come Esperimento dell’utopia del topo.

Durante l’esperimento, un gruppo di otto topi viveva in condizioni ambientali ideali. L’universo utopico forniva ai roditori un accesso illimitato a tutto ciò che era necessario per la loro sopravvivenza. I topi avevano a disposizione cibo, acqua e materiale per il nido. Tutto era a portata di zampa.

Sebbene l’inizio dell’esperimento sembri ordinario, il corso dello studio e i risultati sono piuttosto sorprendenti.

Come si è svolto esattamente l’esperimento?

CONDIZIONI:

Le quattro coppie di topi vivevano in un’area quadrata chiusa di 2,57m x 2,57m. Avevano il già citato accesso illimitato a cibo, acqua e materiali necessari per costruire i nidi. Le risorse sono state calcolate in modo tale che i topi potessero vivere senza “preoccuparsi” di nulla fino a raggiungere il numero di 3840 roditori.

Sono stati curati anche altri aspetti della loro vita.

La temperatura era mantenuta a 20-30°C e cambiava a seconda del mese. Gli abitanti dell’universo utopico godevano di un delicato e piacevole vento generato da un ventilatore. Ogni quattro-otto settimane l’intera area veniva ripulita, rimuovendo gli avanzi, gli escrementi e altri rifiuti urbani.

Veniva inoltre mantenuta la sterilità, per cui i topi erano esenti da malattie gravi. Nessun predatore aveva accesso all’utopia dei topi; pertanto, gli animali non dovevano lottare per la loro vita.

In pratica, gli animali vivevano in paradiso. Erano al sicuro, sazi, al caldo e le loro case erano pulite. In realtà, non dovevano fare nulla.


L’esperimento di Calhoun durò quattro anni e fu diviso in quattro fasi. Per mantenere la simmetria, vi fornirò i dettagli in quattro sezioni.


FASE A 0-104 GIORNI

Quattro coppie di topi furono collocate nell’area chiusa.

Nei primi 104 giorni è stata notata una notevole agitazione sociale. I topi cercavano lentamente di abituarsi l’uno all’altro e di adattarsi all’ambiente incredibilmente lussuoso.


FASE B 104-315 GIORNI

In questo periodo è stato osservato lo sviluppo sociale. La popolazione raddoppiava in media ogni 55 giorni fino a raggiungere i 620 topi. Il ritmo è stato rapido. Ogni volta che le cucciolate raggiungevano la maturità sessuale, diventavano esse stesse genitori.

Tuttavia, in alcune unità si è verificata una certa sproporzione nel numero di nascite. In alcuni settori sono nate ben 111 cucciolate, in altri solo 13 (otto volte meno).

Da dove deriva questa differenza?

Il tasso di natalità dipendeva dal dominio dei maschi che occupavano determinate unità. I maschi più attivi ingravidavano più femmine dei loro colleghi passivi.

Questo grafico mostra il numero di nuove nascite in alcune unità dell’ambiente dei topi.

Man mano che la popolazione cresceva, le migliori unità abitative venivano occupate da gruppi sociali organizzati. L’atteggiamento dionisiaco dei partecipanti all’esperimento ha portato all’aumento del numero di topi giovani, che a sua volta ha superato di tre volte il numero di topi vecchi alla fine della terza fase.

Questo è stato il primo segnale che suggerisce che le cose potrebbero prendere un corso inaspettato. È impossibile osservare un tasso di natalità così elevato in un ambiente naturale di topi, perché la maggior parte delle cucciolate muore semplicemente nei primi giorni di vita.

Tuttavia, i fenomeni osservati nella fase C dell’esperimento sono stati discussi in tutto il mondo per decenni.

FASE C 315-560 GIORNI

Nella fase C si notò una crescita più lenta della popolazione. La popolazione raddoppiava ogni 145 giorni, contro i soli 55 giorni della fase precedente. È stato osservato questo comportamento atipico dei topi dell’universo utopico.

In un ambiente naturale (anche se il numero di cucciolate è inferiore a quello dell’esperimento) la maggior parte dei topi giovani raggiunge la maturità. Di conseguenza, ci sono più topi di quanti siano i posti disponibili nella gerarchia di un particolare gruppo.

Quando ciò accade, coloro che non riescono a trovare una posizione nella società dei topi emigrano.

Tuttavia, durante l’esperimento non c’era alcun luogo in cui emigrare.
Nell’esperimento utopico, molti giovani topi erano in competizione per un numero limitato di posizioni sociali. Quelli che non riuscivano a vincere la gara dei topi venivano dominati dagli altri membri della società in modo piuttosto drammatico.

I topi emarginati si riunivano nelle unità meno attraenti dell’universo utopico e si ritiravano dall’interazione sociale con gli altri topi. La loro posizione diventava così insignificante che la loro presenza non provocava nemmeno gli attacchi dei maschi dominanti.

Tuttavia, i loro corpi erano coperti di ferite e cicatrici.

Queste ferite non erano però il risultato di lotte con altri topi per raggiungere una migliore posizione sociale. Erano dovute a lotte interne al gruppo dei reietti. Di tanto in tanto uno dei maschi attaccava una vittima prescelta che aveva perso la capacità di scappare o di reagire. Dopo qualche tempo la vittima si trasformava in aggressore, accelerando la spirale di violenza con l’attacco ad altri topi.

Sono stati osservati cambiamenti non solo alla base della scala sociale, ma anche ai vertici. I maschi più territoriali dovevano affrontare grandi sfide.

Anche se alcuni topi hanno fallito in questa gara, un numero enorme di giovani roditori continuava a lottare per il proprio territorio. Anche i maschi più combattivi avevano difficoltà a reagire a così tanti aggressori. L’universo dei topi si stava restringendo e l’intensità delle reazioni difensive stava diminuendo.

A causa della difficoltà di stabilire il ruolo di maschio dominante, sono stati osservati cambiamenti particolari nel comportamento delle femmine di topo.

La mancanza di garanzie di sicurezza ha reso le femmine che allattano più suscettibili a potenziali attacchi. Nonostante il fatto che le femmine che allattano siano raramente coinvolte in situazioni di aggressività in un ambiente naturale, in questo esperimento sono diventate i principali aggressori. Spesso assumevano il ruolo di maschi dominanti.
Questa aggressività si è rapidamente estesa ai loro piccoli. Le femmine che allattano spesso costringono i loro piccoli a lasciare la casa molto prima che diventino indipendenti. Le cucciolate venivano attaccate e gravemente ferite dalle femmine anche durante il parto.

A metà della fase C, quasi tutti i piccoli sono stati respinti prematuramente dalle madri. Questi topi respinti hanno iniziato una vita indipendente senza alcuna esperienza di interazione sociale o di costruzione di relazioni. Anche quando cercavano di interagire socialmente, la vita in un universo altamente popolato faceva sì che i loro sforzi passassero inosservati agli altri topi. L’istinto materno, l’aggressività o l’amore non erano affatto sviluppati. Un gran numero di femmine non rimaneva incinta per tutta la vita.

Si formò un nuovo e insolito gruppo di maschi, chiamati i belli.

Questi topi non si impegnavano mai in combattimenti o approcci sessuali con le femmine; pertanto, la loro pelliccia era ben curata. Il loro repertorio comportamentale si limitava a mangiare, bere, dormire e fare la toeletta. I più belli evitavano anche qualsiasi tipo di comportamento potenzialmente rischioso.

Alla fine della fase C, la tipica società organizzata dei topi non esisteva più.

FASE D 560-1588 GIORNI

La crescita della popolazione rallentò drasticamente il giorno 560 dopo la colonizzazione. Un piccolo numero di topi nati prima del giorno 600 è sopravvissuto all’infanzia. La popolazione stava invecchiando molto rapidamente. Tre anni dopo l’inizio dell’esperimento, la durata media della vita dei topi era di 776 giorni. L’equivalente di 80 anni umani.

Il grafico presenta i cambiamenti osservati nella popolazione di topi durante ogni fase.

Tre mesi dopo, nella società vivevano solo 122 topi. La maggior parte dell’ultima metà della popolazione era costituita da femmine non riproduttive e da maschi attraenti e non interessati al sesso. Erano rimasti solo due gruppi in età riproduttiva, che però non erano in grado di riprodursi.


Col tempo la popolazione si estinse.

Il dottor Halsey Marsden (1972, citato in: Calhoun, 1973) ha condotto un esperimento simile in cui i topi della fase D sono stati collocati in un ambiente nuovo e non sovrappopolato. Nonostante le migliori condizioni di vita, questi topi non sono stati in grado di creare una società organizzata. Hanno perso la capacità di riprodursi e non hanno presentato una quantità significativa di comportamenti sessuali. Le esperienze di questi topi all’interno della “società utopica” hanno portato alla mancanza di capacità di creare una vita normale al di fuori di essa.

Quali sono le conclusioni tipiche di questo esperimento cosiddetto “utopico”?

CONCLUSIONI TIPICHE

Ecco un rapido elenco delle conclusioni che si possono trovare in numerosi articoli e commenti all’articolo:

1) La scomparsa della mascolinità nel mondo moderno (come si vede in “Le belle”).
2) L’esclusione sociale rende le vittime estremamente aggressive (come i topi “rifiutati” che vivono al centro dell’utopia).
3) L’estinzione della società derivante dalla prosperità (come sembra accadere alla fine dell’intero esperimento).
4) Donne aggressive che assumono il ruolo degli uomini quando non ci sono uomini forti in giro (come si vede nei topi femmina aggressivi).
5) La necessità di fornire alla nuova generazione un posto di lavoro decente, altrimenti l’intera generazione andrà sprecata (come la sproporzione tra giovani e anziani nella società dei topi).

Queste sono le cose che mi vengono in mente dopo aver letto di questo esperimento. E sono i primi pensieri che sono venuti in mente anche a me.

Tuttavia, l'”esperimento utopico” non supporta effettivamente queste idee e le potenziali implicazioni per la nostra società.

Lascerò che Calhoun si spieghi da solo.

LE CONCLUSIONI DI CALHOUN

Secondo Calhoun, questi fenomeni possono verificarsi in società in cui le generazioni più anziane vivono più a lungo del solito e la crescita della popolazione è ancora entro limiti normali. Gli anziani non muoiono abbastanza velocemente e le generazioni più giovani aspettano con impazienza di assumere determinati ruoli sociali. La competizione tra le generazioni diventa molto più severa.

Col tempo, gli anziani e i giovani iniziano a comportarsi come non farebbero mai in natura. Insieme ai cambiamenti comportamentali, diminuisce anche l’organizzazione della società.

Il rifiuto dei piccoli da parte delle madri e degli altri adulti crea un ulteriore problema. La mancanza di opportunità di sviluppare legami affettivi adeguati durante l’infanzia ha un effetto negativo più avanti nella vita. Piuttosto che relazioni intense e a lungo termine con una piccola unità familiare, relazioni superficiali, brevi e parziali con un gran numero di altri membri del gruppo possono portare a gravi problemi comportamentali.

I prodotti di queste condizioni di vita sono individui simili agli autistici, capaci solo di comportamenti sociali necessari alla sopravvivenza. Non sono in grado di fare ciò che fanno i topi tipici, cioè corteggiare, proteggere il territorio, prendersi cura dei piccoli, creare e far parte di gerarchie intragruppo e intergruppo.

Questa mancanza di comportamenti complessi porta alla scomparsa della popolazione.
Riassumendo, secondo Calhoun, la ragione di questo risultato è da ricercarsi in un numero troppo basso o attraente di ruoli sociali e nel decadimento delle relazioni strette e intense osservate nella prima infanzia. La sovrappopolazione è la genesi di questi due fenomeni. Non l’abbondanza di risorse.

DI CHE COSA PARLA ALLORA L’ESPERIMENTO?

Solo poche persone che citano questo esperimento ne comprendono il messaggio.

Nonostante il nome popolare dell’esperimento, Calhoun non è riuscito a creare condizioni utopiche. Al contrario, lo scopo principale dell’esperimento era osservare la reazione dei topi quando vivono in una società sovrappopolata. Per creare un vero e proprio ambiente utopico, l’intera area abitativa avrebbe dovuto essere ampliata prima dell’inizio della fase C.

Quando si pensa alle popolazioni umane, la ragione dell’estinzione non sarebbe la prosperità, ma la sovrappopolazione. Chi pensa che la prosperità rovini gli esseri umani dovrebbe visitare i Paesi più poveri del mondo e vedere cosa fanno le persone per fornire cibo e denaro alle loro famiglie.

Tuttavia, qui abbiamo a che fare con una questione molto più significativa. Possiamo effettivamente applicare i risultati dell’esperimento agli esseri umani?

Quando discuteva dei risultati dell’esperimento con altri ricercatori, Calhoun si riferiva alla sovrappopolata Calcutta, i cui cittadini sembravano privi di speranza, capaci solo di comportamenti semplici. Tuttavia, anche città come Hong Kong o Singapore sono sovrappopolate, ma includono esempi di società ben organizzate, prospere e attive.

Jonathan Freedman, uno scienziato anch’egli interessato all’argomento dell’esperimento di Calhoun, stava studiando l’impatto negativo della sovrappopolazione sugli esseri umani. Si è scoperto che non c’è alcun impatto negativo. Freedman suggerì che il problema non era la sovrappopolazione, ma le interazioni sociali incontrollate. Esperimenti successivi hanno dimostrato che la mancanza di privacy porta a un livello di stress più elevato e a una sensazione di “sovrappopolazione” (Freedman, 1975).

Va inoltre notato che gli esseri umani, nonostante il numero di meccanismi biologici e comportamentali simili, sono creature un po’ più complesse dei topi. La cultura umana, che ci distingue dagli altri animali, ha un impatto altrettanto significativo sul nostro modo di comportarci quanto la biologia. Se la cultura non avesse questo impatto, le nostre interazioni sociali assomiglierebbero ancora in modo molto naturale e basato sulla biologia al comportamento degli uomini delle caverne.

QUAL È LA VERA CONCLUSIONE?

L’esperimento scioccante descritto sopra non descrive la condizione della nostra società. Tuttavia, dovremmo prestare attenzione alle scoperte successive e assicurarci di avere il nostro spazio privato per rilassarci e ricaricarci.

Inoltre, quando si leggono i vari esperimenti, vale la pena di notare se l’autore dell’articolo fornisce una bibliografia o altre fonti. Una volta ho letto che le banane contengono ormoni della felicità su un sito polacco equivalente a 9gag.com. Molti siti web spesso divulgano contenuti tanto emotivi quanto semplicemente inaffidabili, quindi sta a voi verificare tutto ciò che leggete.

Maciej Budkowski

Fonte: nihrecord.nih.gov

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *