toba60

Luce ed Elettricità: Qual è l’Origine e la Causa di Questa “Luce” Così Necessaria per la Percezione Ottica del mondo Oggettivo

Spesso si è solito delegare i fatti con la fatidica frase di rito che consolida la chiesa da secoli la quale dice … ”Mistero della fede”.

Eric Dollard

Detto tra noi, la scienza mano a mano che passa il tempo sta diventando sempre più una questione religiosa e lo si e’ visto nel periodo del covid.

Come vorrei che in barba a tutte le sciocchezze che si sentono o in giro, si possa finalmente dare voce a chi nemmeno sa di che colore ha il denaro.

Toba60

Alcune Osservazioni sui Rapporti tra Luce ed Elettricità

Amici, evitate la camera oscura,
dove si pizzica la luce,
che deve inchinarsi nel lamento
Mentre le distorsioni deridono la nostra vista.
Credenti troppo creduloni
Nel corso degli anni ce ne sono stati abbastanza
Nelle cervella dei vostri maestri
Regnano le illusioni, gli spettri.
Goethe

Quando apriamo gli occhi e vediamo ciò che ci circonda, questo è possibile grazie a un fenomeno che chiamiamo “luce”. Qual è l’origine e la causa di questa “luce” così necessaria per la percezione ottica del mondo oggettivo?

Nikola Tesla ed il Motore ad Induzione 1938

Su questa domanda si sono scatenate battaglie. Si è affermato che la risposta è stata data molte volte nel corso dei secoli, ma è stata veramente data? La luce è una particella, un’onda, un’aberrazione dalla testa di Giano che mescola le due cose e confonde la mente, o è l’espressione di una forza cosmica che il punto di vista legato alla gravità della scienza moderna non è in grado di comprendere nella sua interezza a causa di aspetti definibili ma incommensurabili?

Alla radice di tutto questo c’è la questione della formazione dei colori. La scienza moderna sostiene che il colore è un semplice tasso di vibrazione che colpisce il nostro occhio, che non è che un’illusione… Ma ci sono difetti in questa visione, gravi difetti che chiunque di media intelligenza può vedere da solo se guarda.

Le concezioni moderne sulla formazione dei colori derivano generalmente dall’esperimento di base di Sir Isaac Newton, che si chiuse in una stanza buia e fece entrare solo una piccolissima fessura di luce. Questa fessura di luce fu diretta a passare attraverso un prisma e su una superficie bianca. Il risultato fu lo spettro del rosso, arancione, giallo, verde, blu, indaco e viola. Newton concluse da questo singolo esperimento che i colori di questo spettro sono “nascosti” o “contenuti” nella luce e possono essere estratti con il prisma.

Newton dichiarò che come risultato dei suoi esperimenti aveva scoperto che la luce “bianca” contiene tutti i colori e il nero è l’assenza di tutti i colori. Alcuni esperimenti di miscelazione di pigmenti possono indurre a considerare questo punto di vista, ma un’analisi completa degli esperimenti prismatici metterà a tacere questo errore di pensiero.

Il modo di pensare lineare che nasce insieme al concetto newtoniano di spettro ha dato origine alle moderne concezioni dello “spettro elettromagnetico”. Questo grande spettro è quello in cui tutte le energie, siano esse luce, suono, diverse onde elettriche, ecc., si pretende che si allineino come soldati ben addestrati che marciano in perfetto ordine, da zero all’infinito, in gerarchia di ciò che si presume essere la loro vera natura: il loro tasso vibratorio.

Mentre non c’è dubbio che lo spettro elettromagnetico ha una realtà specifica, ingegneristica, la cui concezione ci ha fornito i molti prodotti della tecnologia che salvano la volontà, non dovremmo saltare alla conclusione che è una realtà onnicomprensiva fino a quando non prendiamo in considerazione tutte le considerazioni sperimentali.

Approccio universale

Mentre Newton seguì i metodi analitici e scientifici nel suo percorso di scoperta, il grande poeta Goethe adottò un approccio più universale. Piuttosto che studiare semplicemente la luce e il colore chiudendosi in una stanza buia e riproducendo gli esperimenti di Newton, cosa che naturalmente fece molto metodicamente per valutare i risultati in prima persona, scelse di discernere la natura del colore nella sua piena gloria ed espressione nel mondo manifesto.

Goethe accettò che l’esperimento di Newton mostrasse verità scientifiche, ma non fu così avventato da saltare alle stesse conclusioni affrettate. Poteva vedere chiaramente che Newton era in errore nella sua deduzione dello spettro rosso-arancio-giallo-blu-indaco-violetto (ROYGBIV) come attributo primario della sola luce. Goethe vide chiaramente che lo spettro ROYGBIV era un prodotto fabbricato da una specifica disposizione della fenditura e del prisma, un effetto secondario del processo di formazione del colore.

Nella teoria della gravità di Newton la domanda più importante non viene posta: come la mela che cade si è alzata sull’albero in primo luogo, cosa l’ha fatta crescere attraverso vari stadi formativi fino al suo stadio di fruttificazione tutto il tempo crescendo in direzione opposta alla forza di gravità? Allo stesso modo, la maggior parte della teoria della formazione dei colori quella ricavata dall’osservazione e dalla comprensione dell’essenza della luce e del colore in natura è andata persa da questo punto di vista legato alla gravità.

Lo spettro fisico di Goethe

Ora, consideriamo l’affascinante, classico esperimento di Sir Isaac Newton. Egli è isolato dal campo naturale della luce nella sua stanza buia, con il suo apparato che permette solo un piccolo fascio di luce che è diretto attraverso una piccola apertura che poi permette una fessura più piccola di luce attraverso, poi su attraverso un prisma su una superficie bianca (in realtà Newton ha eseguito la luce attraverso un foro circolare, ma noi considereremo la forma più comune fessura dell’esperimento).

Il concetto di “spettro ROYGBIV come struttura assoluta delle componenti della luce bianca” deriva da questa impostazione (pensate un po’… studiare la luce al buio!). Ora riprendiamo l’esperimento e allarghiamo questa fessura: il verde scompare, e il bianco della superficie di proiezione prende il suo posto. Vediamo due bande di colori, rosso-giallo e blu-violetto, che si affrontano come polarità attraverso un centro bianco.

Avvicinate di nuovo la fenditura e il verde riappare di nuovo quando il giallo e il blu si mescolano. Dimenticando per il momento ogni sorta di teorie, l’esame dei fenomeni osservabili mostra che la formazione del colore consiste in effetti di confine tra aree chiare e scure. Il rosso è sopra l’ombra, o porzione nera della proiezione e il giallo è nella porzione illuminata, o bianca. Il blu appare sul bianco e il viola sul nero. I risultati di questo esperimento possono essere osservati più facilmente guardando attraverso un prisma i diagrammi che illustrano i confini in varie disposizioni.


Continuiamo il nostro esperimento invertendo i confini attraverso i quali viaggia la nostra luce sperimentale. Invece di far passare la luce attraverso una fessura, facciamola passare intorno a un oggetto la cui larghezza può essere facilmente manipolata. Se stiamo guardando attraverso il prisma una carta, guardiamo diverse linee scure di larghezza variabile su uno sfondo bianco. Quello che vediamo ora è un altro spettro: giallo, rosso, magenta, viola e blu (YRMVB). Se allarghiamo l’oggetto o la linea il magenta scompare e abbiamo l’oscurità che separa le nostre due polarità, giallo-rosso e viola-blu, rosso e viola sul lato scuro della fenditura, e giallo e blu sul lato illuminato.

Se tutti i colori dello spettro newtoniano sono contenuti nella luce, allora tutti i colori di questo secondo, o spettro goethiano, non dovrebbero essere contenuti nell’oscurità? Le azioni dei raggi infrarossi e ultravioletti che sono sotto e sopra lo spettro newtoniano sono ben note e studiate, ma cosa appare sopra e sotto lo spettro goethiano? Le ricerche del professor August Kirschmann hanno dimostrato che “un’ampia zona caratterizzata dall’assenza di raggi ultravioletti si estende nella luce incolore adiacente al giallo. Adiacente al blu si rivelerebbe probabilmente anche una zona con assenza di raggi infrarossi. Per le teorie della fisica attuale questo è un mistero, poiché secondo queste teorie sia i raggi ultravioletti che quelli infrarossi devono essere presenti nelle zone incolori, come in qualsiasi luce bianca”.

Dobbiamo anche mettere in discussione la teoria della lunghezza d’onda della luce. Senza dubbio ha una realtà ingegneristica legata ad essa, ma come si inserisce il magenta? Non c’entra, anche se il verde e il magenta si possono chiaramente distinguere come formati dai due poli di colore. Tutti i colori prismatici non sono ammessi nello spettro “elettromagnetico”, e quindi il magenta non deve avere lunghezza d’onda.

È considerato una miscela secondaria, a differenza del suo opposto polare, il verde. Come si deduce la lunghezza d’onda? Con l’uso di reticoli di diffrazione e oggetti simili che producono colori lungo i bordi. Così si può considerare che le lunghezze d’onda hanno una certa realtà, ma che è un’attività secondaria legata all’interazione dei materiali utilizzati nella sua produzione, e quindi può non essere un attributo primario.

Pensare lungo queste linee dà luogo a gravi preoccupazioni con l’attuale concezione dello spettro elettromagnetico lineare. Questo non vuol dire che gli esperimenti che hanno dato origine a questa concezione siano errati, piuttosto, la loro interpretazione ha prodotto una comprensione solo di una parte della nostra realtà funzionante, e con l’atteggiamento che questa sia tutta la storia sulle energie dell’universo.

Goethe ha combinato i due spettri proiettabili insieme per creare un cerchio di colori (Fig. 3 nel grafico qui sopra) che riprende la vera struttura dei colori prismatici. Cominciamo a percorrere il suo cerchio dal rosso, poi seguiamo l’arancione, il giallo, il verde, il blu, il viola e poi torniamo al rosso. Per comprendere appieno questo diagramma dobbiamo definire i colori come Goethe li ha usati in questo cerchio: “rosso” è quello che chiameremo magenta, è il colore prismatico centrale nell’esperimento della fessura scura, Goethe lo chiamava anche pur-pur, peach-blossom, o pure-red; “orange is what is red”; yellow, green and blue are as they are, and “purple” is violet. Goethe aveva chiare ragioni per queste denominazioni. Non rientra nello scopo di questo articolo esplorare questi motivi o l’intera gamma di esperimenti disponibili lungo queste linee. Basterà qui organizzare la struttura di base dei fenomeni di colore.

Ci sono molti cerchi di colore presentati dai sostenitori di varie teorie della luce e del colore, e questi coprono una vasta gamma da varie interpretazioni dello spettro di Newton fino alle tabelle di classificazione dei pigmenti industriali. Il cerchio dei colori di Goethe è basato su fenomeni prismatici reali. Questo cerchio di colori è espresso intorno alla stella a sei punte, l’antica designazione della massima “come sopra, così sotto”.

Goethe sentiva che il verde era in realtà il più basso tra i colori “vivi” (il bianco, il nero e il grigio sono “morti”). Come una miscela di ciò che considerava i due veri colori, il giallo e il blu, era più vicino al grigio, creato mescolando il bianco e il nero. Diceva: “Il verde ci ricorda una miscela molecolare”, e vedeva il verde come la dissoluzione della luce attraverso la miscela di giallo e blu.

D’altra parte chiamava il magenta “rosso puro” e lo considerava l’ascesa del colore verso il suo punto più alto, “Il percorso verso il culmine nel rosso puro appare più dinamico; l’aspetto del verde ha più una natura atomistica.” È chiaro che Goethe considerava il verde e il magenta come polarmente opposti.

Per ragioni che ora diventano chiare, lo spettro della fenditura chiara (ROYGBIV) sarà subito designato come lo spettro “fisico”, e quello della fenditura scura (YRMVB) come “eterico”. Si vedrà che questa vera struttura del colore ha una relazione diretta e profonda con la struttura e la funzione del corpo umano.


Che ci sia luce…

Sistema terapeutico Spectrochrome

Un interessante e importante ricercatore nella teoria del colore fu Dinshah Pestanji Ghadiali. Conosciuto come “Dinshah”, negli anni ’20 introdusse il suo sistema di guarigione del colore conosciuto come Spectro-Chrome. Mentre Dinshah era un discepolo ardente e un instancabile difensore di Newton e della sua teoria del colore, è evidente dallo studio della concezione di Dinshah della struttura del colore che il suo sistema è abbastanza utile per comprendere il cerchio di colori goethiano. Infatti, i colori prismatici intorno alla stella a sei facce come presentata da Goethe sono la struttura fondamentale del sistema Dinshah Spectro-Chrome come si vede nel grafico a destra. La ricerca di Dinshah si basava sulle opere di Newton e di Edwin Babbitt. Curiosamente, la teoria del colore di Goethe non viene mai menzionata nemmeno un po’ in uno scaffale pieno di libri e riviste scritti da Dinshah.

La sensibilità yogica di Dinshah combinata con la sua ricerca scientifica gli ha fornito indicazioni che la struttura dei colori è direttamente collegata alla funzione e alla struttura del corpo umano. Il rosso, secondo lui, è direttamente collegato alla funzione del fegato e dei globuli rossi. Il viola si riferisce alla milza. I globuli “bianchi”, sosteneva Dinshah, sono in realtà di natura “viola”. Al verde Dinshah dava il ruolo di governare la testa e le sue funzioni. Questo triangolo di fegato, milza e testa si collega direttamente al triangolo rosso, viola e verde. Il verde è anche il colore fisico dominante e serve a stabilizzare le funzioni fisiche del corpo. Al triangolo Giallo-Blu-Magenta Dinshah ha collegato le funzioni e i flussi del corpo. Il giallo agisce come stimolante motorio per i muscoli. Il blu, un depressore motorio. Il Magenta governa i flussi energetici ed era usato per equilibrare le energie sessuali e il cuore.

Possiamo vedere in questa struttura una correlazione diretta con l’idea di Goethe che il verde è “atomistico” e il magenta è il lato più alto e ascendente del cerchio dei colori. Dinshah affermava la sua convinzione che il verde e il magenta fossero “lo stesso colore”, ma che ruotassero in direzioni opposte durante le loro oscillazioni nell’etere. In effetti era d’accordo con la teoria della lunghezza d’onda, ma riteneva che il magenta avesse la stessa lunghezza d’onda del verde.

Per ottenere i 12 colori usati nel sistema terapeutico Spectro-Chrome di Dinshah furono usati cinque vetrini: Rosso, Giallo, Verde, Blu e Viola, tutti “sintonizzati” per ogni singola macchina di trattamento dei colori per produrre il corretto cerchio di colori completo. Venivano così chiamati “onde di colore sintonizzate” e venivano mescolati come segue. Rosso + Giallo = Arancione; Giallo + Verde = Limone; Verde + Blu = Turchese; Blu + Viola = Indaco; Rosso + Blu = Scarlatto; Rosso + Viola = Magenta; Viola + Giallo = Viola. Quelli che Dinshah considerava i colori eterici sono in corsivo.

Il funzionamento del sistema Spectro-Chrome era semplice, ma preciso e profondo. Specifiche luci colorate venivano proiettate su una persona, sia su tutto il corpo che su parti specifiche. Le condizioni di lunga durata, o di pigrizia, come i tumori, si vedevano sull’ultra-verde, cioè dal verde al violetto. I colori infra-verdi, quelli dal rosso al verde, erano usati per “normalizzare” queste condizioni. Per le condizioni recenti, improvvise o rosse, come le ustioni, le contusioni, ecc. si normalizzava usando i colori ultra-verdi. Per le condizioni relative alle funzioni circolatorie e sessuali del corpo si usavano i colori eterici tra il rosso e il viola: scarlatto, magenta e viola.

Il colore, consciamente o inconsciamente, è un profondo alterante sui nostri stati fisici, mentali e spirituali umani, le funzioni fondamentali di quei curiosi esseri che stanno completamente in piedi tra la luminosità del cielo e l’oscurità della terra, e sono strutturati e sostenuti da questa interazione.

Volto verso il cielo

Se il tuo sguardo sulle belle mattine
alzarsi per bere l’azzurro del cielo,
O quando il sole, velato dallo scirocco,
Il rosso reale sprofonda fuori dalla vista…
Date alla natura lode e onore,
Allegro di cuore e sano d’occhio,
Sapendo per il mondo dei colori
Dove si trovano le sue ampie fondamenta.
Goethe

Osserviamo il cielo. Durante una giornata senza nuvole vediamo due colori atmosferici distinti, il giallo e l’azzurro, che ora sappiamo che Goethe considerava come gli unici veri colori. Il giallo è il punto del sole e il blu è la cupola dell’atmosfera. Il polo rosso-giallo della formazione dei colori si osserva quando il sole si muove dall’alto verso l’orizzonte, si scurisce progressivamente attraverso colori arancio-oro-rosso di diversa varianza, fino a scomparire sotto l’orizzonte. Mentre il sole affonda il cielo blu diventa più scuro verso il cielo nero della notte, illuminato solo dalle stelle. Alpinisti e piloti di jet hanno riferito di aver visto il cielo diventare viola ad alta quota. Possiamo vedere che questo è il polo blu-violetto.

In termini di propagazione la luce gialla del sole può essere vista come un’onda di trasmissione radiale, o raggi, che collega direttamente l’atmosfera con il corpo solare stesso. Questo polo rosso-giallo è un collegamento diretto longitudinale e istantaneo. Di notte si può vedere il raggio longitudinale delle stelle. È possibile, data questa linea di pensiero, concepire la probabilità che la luce delle stelle che vediamo sia una trasmissione istantanea, un collegamento diretto “in tempo reale” con la stella che stiamo guardando.

Il cielo blu a cupola può essere attribuito alla luminescenza dell’atmosfera da parte del vento solare, quel flusso energetico che il sole immette continuamente nello spazio. Il vento solare impiega circa otto minuti per raggiungere la Terra dal Sole, anche se alcune particelle atomiche da esso trasportate possono impiegare più tempo. Non può percorrere la distanza di altri sistemi stellari e questo è il motivo per cui vediamo solo i raggi longitudinali delle stelle di notte. Potremmo vederle durante il giorno se non fosse per il cielo blu. In realtà, un filtro di luce trasversale può essere fabbricato scavando un pozzo profondo e scendendo sul fondo. Si può usare questo dispositivo per vedere le stelle durante il giorno. Guardare gli oggetti lontani attraverso un tubo produce un effetto simile, ma meno profondo, gli oggetti appaiono più chiaramente.

Poiché l’energia solare non può essere separata dalla forza vitale, guardiamo alle osservazioni di Wilhelm Reich sull’orgone atmosferico per capire la struttura di questa atmosfera blu. Reich ha scoperto, imparato ad isolare e studiare scientificamente l’energia vitale che ha chiamato “orgone”. La sua forma osservabile è quella di una vescicola pulsante che ha proprietà specifiche. Reich riferì che tra le proprietà ottiche osservate, l’orgone era bluastro e che si muove attraverso l’atmosfera con un andamento a “cavatappi”. Possiamo vedere questo come un’onda trasversale progressiva, positiva per la vita. Una volta che si comincia a “leggere” le nuvole, si noterà questo motivo a cavatappi come una funzione regolare della formazione delle nuvole. La sua firma si manifesta in diverse metamorfosi, ma una volta riconosciuta, sarà subito notata.
Dalle Etere

Il bagliore si ritira, è finito il giorno della fatica;
si allontana, esplorando nuovi campi di vita;
Ah, che nessuna ala possa sollevarmi dal suolo,
sulla sua traccia da seguire, seguire in volo…
Goethe

Queste parole che scorrono nella mente del giovane Nikola Tesla liberarono dall’interno della sua immaginazione la scoperta del campo elettrico rotante, il cui risultato è la corrente alternata polifase in uso oggi in tutto il mondo. Attraverso questo esempio di segnale si può vedere che le opere di Goethe hanno trasformato il nostro mondo. Tuttavia, il potenziale in esse contenuto per cose molto più grandi sarà apprezzato da coloro che hanno gli occhi per vedere.

Portando con sé la profonda visione poetica degli scienziati naturali del XIX secolo, Tesla ha proseguito con invenzioni molto più grandi, invenzioni la cui comprensione non è possibile con le moderne concezioni della natura fisica dell’universo. Egli parla di potenza senza fili estratta dall’etere luminifero e consegnata liberamente in qualsiasi punto della terra; di trasmettere e registrare il pensiero attraverso analoghi elettrici della struttura ottica. Ci sono buone ragioni per credere che Tesla avesse modelli funzionanti di questi fantastici dispositivi.

Rudolf Steiner, editore degli archivi scientifici di Goethe a Weimar dopo gli anni dell’università, fu un prolifico scrittore e conferenziere. Tra le sue migliaia di conferenze, che vanno dai semplici mezzi con cui si possono raggiungere stadi di coscienza superiore, passando per la medicina, l’antropologia, la filosofia, la storia, ha tenuto tre corsi scientifici completi, Calore, Luce e Astronomia. Steiner non era estraneo alle teorie dei colori di Goethe o alla scienza dell’elettricità.

Steiner attribuisce tutte le attività energetiche ai regni “sensibile”, “soprasensibile” e “subsensibile”. Il sensibile è ciò che percepiamo direttamente con i nostri sensi fisici. Il soprasensibile è ciò che è al di sopra della gamma normale dei nostri sensi. Per poter “vedere” in quel regno i sensi devono essere in uno stato consapevole e aperto, il che permette alla coscienza superiore di funzionare.

Ciò che è al di sotto dei nostri sensi, il “subsensibile”, è al di sotto della materia e viene studiato attraverso la dissezione e la dissoluzione della sostanza materiale. Questo è soprattutto il caso dei prodotti della dissoluzione della materia, i protoni, i neutroni, gli elettroni e i relativi modelli di camere a nube che si dice siano particelle. Abbiamo bisogno di metri e macchine per “sentire” questo regno.

Mentre la luce ha l’occhio per percepirla, nessun organo si è sviluppato nel corpo umano per la percezione dell’elettricità e quindi è sottosensibile. L’elettricità e gli elettroni sono molto reali, le nostre tecnologie elettroniche dipendono dalla loro realtà per funzionare. Tuttavia, dobbiamo capire il loro vero posto nella struttura dell’universo se vogliamo progredire nella nostra conoscenza.

Secondo Steiner il regno soprasensibile contiene quattro eteri, Vita, Tono, Luce e Calore, che si riflettono nei quattro stati sensibili della materia, solido, liquido, gassoso e plasmatico. Steiner ha dichiarato la sua impressione che l’elettricità sia l’Etere di Luce caduto. È un pensiero interessante, per il quale non ho ancora trovato alcuna correlazione nelle sue opere scientifiche. Tuttavia, la nostra conoscenza progredisce sempre con ulteriori ricerche e vedremo emergere una relazione dal riconoscimento di certe polarità scoperte nelle onde elettriche.

Per progredire nella comprensione della relazione tra luce ed elettricità dobbiamo inserire alcuni concetti di base sulla geometria proiettiva. La geometria proiettiva era considerata da Steiner come la geometria veramente universale, di cui il sistema cartesiano non è che un sottoinsieme. Relegato alla pura materia inerziale, il sistema di coordinate cartesiane x,y,z fallisce nell’interpretazione della geometria dei sistemi viventi.

Nella geometria proiettiva il punto e il piano sono lo stesso oggetto in prospettive diverse. Questo è abbastanza facile da percepire con l’uso dell’immaginazione: immaginate un punto minuscolo, di natura plastica; questo punto comincia ad espandersi fino a che lo vediamo come una palla; possiamo mettere le nostre braccia intorno a questa palla mentre continua ad espandersi come un palloncino che viene riempito d’aria; mentre la nostra palla si espande le nostre braccia si allontanano sempre di più, fino a che quando la palla si espande all’infinito le nostre braccia si allungano diritte ai nostri lati. Siamo qui contro un piano e possiamo vedere che il piano è una sfera espansa all’infinito. Se prendiamo il nostro piano all’infinito e lo riduciamo progressivamente, diventa di nuovo una sfera e infine un punto. Un ulteriore studio indicherà che la polarità del punto e del piano sono mediate dalla linea, o raggio.

Torniamo al nostro modello, dove possiamo continuare a ridurre oltre il punto osservabile ad una sfera che si espande verso il piano infinito all’interno del punto. Questa situazione inversa è nel regno del controspazio. Steiner considerava che le energie eteriche operassero in questo spazio interno. La scienza moderna, naturalmente, cerca di penetrare il regno interno della materia, ma lo fa in modo rozzo e distruttivo, distruggendo ciò in cui guarda, e scambiando le particelle di decadimento per i “mattoni”.

Elettricità

L’elettricità è sempre stata riconosciuta come operante con polarità intrinseche. Conosciamo l’elettricità positiva e negativa, ottenuta per attrito contro il vetro e la resina e sostanze affini. La polarità dei colori dei campi elettrici che circondano gli anodi e i catodi nei tubi a vuoto sono ben noti, sono rispettivamente rossastri, con forme radiali, e bluastri, con forme planari (sfera all’infinito). Questi colori e forme sono direttamente legati al colore atmosferico, ma in relazione all’uso dell’energia elettrica dobbiamo rivolgerci ad alcune ricerche moderne per osservare l’intera gamma di polarità inerenti alle onde elettriche trasmesse.

Le ricerche di Eric Dollard ci hanno fornito una comprensione della natura fondamentale della propagazione elettrica. Dollard ha dimostrato, attraverso la sperimentazione con scariche da induttori e condensatori, che il regno dell’elettricità contiene molti fenomeni polari.

Negli esperimenti nei Borderland Labs, intorno al 1988, le polarità del magnetismo e della dielettricità, e le loro relazioni geometriche nelle onde trasversali e longitudinali, sono state chiaramente dimostrate (vedi riferimenti 7,8,9). Dollard ha dimostrato la relazione inversa tra la bobina, o induttore magnetico, e il condensatore, o induttore dielettrico e il loro uso nella propagazione delle polarità elettriche.

La bobina, o induttore magnetico, è usata per immagazzinare e restituire l’energia magnetica nei circuiti elettrici. Questa energia è immagazzinata nello spazio, essendo il campo magnetico intorno all’induttore. La bobina è spazialmente aperta, e questo spazio è utilizzato per l’immagazzinamento e il ritorno dell’energia magnetica. La scarica da una bobina magnetica, essendo di natura elettromagnetica, è presa come il polo magnetico nella nostra immagine in via di sviluppo. Questo polo si propaga come scariche rosse/gialle, suggerendo una relazione con la formazione naturale del colore.

Quando il polo magnetico predomina, come nell’elettromagnetismo, è stato dimostrato che la propagazione è un’onda trasversale ritardata, più lenta della velocità della luce. La matematica ingegneristica di Eric, solidamente basata su uno studio approfondito delle opere di Tesla, Steinmetz e Heaviside, descrive l’onda elettromagnetica trasversale (TEM) come una vela controvento, il che ci permette di immaginare facilmente le sue caratteristiche di propagazione ritardata.

Dato che tutta l’elettricità è considerata di natura “elettromagnetica”, è facile capire perché la gente ha difficoltà a capire la realtà dietro il lavoro di Tesla. L’elettromagnetismo è solo un lato dei fenomeni elettrici, proprio come lo spettro di Newton è solo un lato dei fenomeni di colore. Ma passiamo a conoscere “l’altro lato” dell’elettricità, che in realtà è sempre stato di fronte a noi.

Il condensatore

Il condensatore, o induttore dielettrico, è utilizzato per l’immagazzinamento e il ritorno dell’energia dielettrica nei circuiti elettrici. L’energia dielettrica si manifesta comunemente come elettricità “statica”, anche se è tutt’altro che statica. Il condensatore è spazialmente chiuso e l’energia dielettrica è immagazzinata nel controspazio, cioè all’interno del componente, che è costituito da materiali isolanti che sono generalmente considerati come non permettendo all’elettricità di passare. La manifestazione dielettrica dell’elettricità viene presa come il polo elettrico, che si propaga come scintille blu/violette quando viene scaricata da un condensatore.

Gli accumulatori di orgone sono un tipo di condensatore e le proprietà ottiche blu dell’orgone possono essere viste quando se ne usa uno. Questo indica una forte relazione tra dielettricità e orgone.

Il polo elettrico è dominante nella trasmissione delle Onde Longitudinali Magneto-Dielettriche (LMD) che sono state misurate a velocità ben superiori alla velocità della luce. Questa è la forma di elettricità che Tesla propagava dal suo Trasmettitore d’Ingrandimento. L’onda LMD è totalmente fraintesa nella moderna teoria elettrica, ed è funzionalmente una connessione diretta tra trasmettitore e ricevitore, che li rende come una sola unità.

Questa propagazione LMD può essere meglio compresa dalla prospettiva della geometria proiettiva. Prendiamo la terra come un piano elettrico all’infinito, cosa che è per quanto riguarda l’ingegneria elettrica e geologica in generale. Ciò che Tesla fece con il suo Trasmettitore d’Ingrandimento fu di cambiare la prospettiva elettrica dal piano al punto! Così, durante il funzionamento del Trasmettitore d’Ingrandimento di Tesla, la terra diventava un elettrodo singolo che poteva essere toccato in qualsiasi punto come se fosse il terminale di uscita del trasmettitore.

Nella geometria proiettiva la linea media tra punto e piano e nel nostro esempio l’onda LMD sembra manifestarsi come una linea diretta tra trasmettitore e ricevitore. Immaginiamo questa linea come un’asta solida. Se si spinge l’asta longitudinalmente, l’estremità opposta reagisce istantaneamente, non c’è ritardo. D’altra parte, l’onda TEM può essere immaginata usando un pezzo di corda che viene data una forte scossa, l’onda può quindi essere vista viaggiare lungo la lunghezza, perdendo energia mentre va, prendendo il suo tempo per raggiungere l’estremità.

Quando gli induttori magnetici e dielettrici, ora raffigurati come polari in funzione, sono combinati in parallelo, su stimolazione elettrica si crea un circuito oscillante (OC). A seconda dell’ingegneria specifica dell’OC può produrre prevalentemente onde TEM o LMD. Il circuito oscillante ci permette di comunicare tramite onde radio di diverso tipo.

C’è un’interessante analogia dei circuiti oscillanti con la struttura umana: L’induttore è come il nostro intestino arrotolato che rappresenta il polo metabolico del corpo e il condensatore si riferisce alle piastre del cranio, collegate con la polarità nervosa nel corpo. Nel corpo i poli nervoso e metabolico interagiscono per permettere al sistema ritmico di funzionare, permettendoci di comunicare usando il nostro respiro.

Computer analogici

Per comprendere appieno le polarità inerenti alla propagazione elettrica ci rivolgiamo all’uso di computer analogici nello studio della propagazione elettrica. Questi computer sono dimostrati, con strumenti di misura, nella referenza 8.

Sopra c’è uno schema di un assemblaggio di due condensatori e due induttori che formano un elemento di un computer analogico usato per studiare le caratteristiche delle onde TEM e LMD. Le componenti trasversali e longitudinali si muovono a 90° l’una rispetto all’altra, cioè la trasversale lungo la linea di trasmissione, e la longitudinale a 90° rispetto ad essa. Questo può essere compreso più chiaramente dai seguenti diagrammi:

Sopra c’è un computer analogico di una classica linea di trasmissione da usare per determinare le caratteristiche delle onde TEM. La fonte di alimentazione è a sinistra. La distribuzione magnetica, misurata da una bobina di prelievo, è più alta a sinistra e più bassa a destra. La distribuzione dielettrica, come misurata da un unico rivelatore multipactor-fotomoltiplicatore, è più bassa a sinistra e più alta a destra. I componenti magnetici e dielettrici sono in opposizione spaziale. La prova delle dita mostra che le bobine sono calde a sinistra dove il magnetismo è più alto e fredde a destra dove è più basso, e i condensatori sono freddi a sinistra dove la dielettricità è più bassa e caldi a destra dove è più alta. Questo tipo di circuito produce deboli oscillazioni e ha caratteristiche di propagazione più lente della luce. L’onda TEM può essere vista come una forma innaturale di propagazione elettrica. Possiamo collegare questo al concetto della caduta della mela di Newton.

Sopra abbiamo un computer analogico della componente magneto-dielettrica longitudinale di un’onda elettrica che viaggia a 90° rispetto alla componente TEM. Questa configurazione è usata per determinare il carattere delle onde LMD. La sorgente, di nuovo, è a sinistra. La distribuzione magnetica è bassa a sinistra e sale verso destra. La distribuzione dielettrica misura bassa a sinistra e alta a destra. I componenti sono in congiunzione spaziale, in contraddizione con la legge dell’induzione elettromagnetica che dice che questi componenti devono essere in rapporto di quadratura nello spazio e nel tempo! La prova con le dita mostra le bobine fredde a sinistra e calde a destra, in relazione diretta con la quantità di magnetismo distribuito nel circuito, e i condensatori sono freddi a sinistra e caldi a destra, di nuovo in relazione diretta con la distribuzione della dielettricità nel circuito. Questo circuito produce oscillazioni forti e nette (alto “Q”). Questa è la forma naturale dell’elettricità, come Tesla sapeva bene, e si propaga più velocemente della luce. Possiamo mettere in relazione questo con la crescita dell’albero che ha prodotto la mela di Newton.

Eric Dollard

Per Steiner le energie eteriche che producono la crescita di un albero esisterebbero nel controspazio. Per Dollard l’onda LMD si propaga nel controspazio. Nei sistemi viventi come le piante, questa energia controspaziale può essere intesa come parte del modellamento delle piante. È interessante notare che l’apparecchio Tesla di Dollard era in grado di emettere scariche (o forse cariche implosive, poiché l’apparecchiatura indicava il flusso di corrente verso terra durante la scarica) che assomigliavano in modo inquietante alle piante.

Cambiando la frequenza degli impulsi e la larghezza di banda, Dollard poteva produrre scariche che variavano da gracili cespugli del deserto a fogliame rigoglioso. Questo è il lato vivo e ignorato dell’elettricità, così assente dai nostri moderni libri di testo, proprio come è assente lo spettro eterico. Una scarica magnetica o dielettrica alla stessa frequenza ha ciascuna le sue caratteristiche peculiari. Quale deve essere collocato nello spettro elettromagnetico lineare? O siamo pronti a ripensare i nostri concetti di base?

Possiamo vedere da queste osservazioni che l’elettricità e la luce sono direttamente correlate come funzioni inverse della formazione dei colori e dei fenomeni di propagazione delle onde. Così costruiamo un quadro nella nostra immaginazione dell’elettricità che è l’Etere di luce caduto. Un pezzo che non si adatta esattamente è il già citato schema di colori anodo/catodo del tubo a vuoto che ha le stesse caratteristiche di colore/propagazione del colore atmosferico – non c’è inversione in quel caso.

Questo può essere dovuto alla natura dell’elettricità che opera all’interno del tubo a vuoto e questa possibilità è stata presa in considerazione. In un tubo a vuoto azionato dal Trasmettitore d’Ingrandimento di Tesla otterremmo onde LMD che si propagano da esso, ma all’interno di alcuni tubi potremmo ottenere effetti di colore/propagazione opposti, quindi si sviluppa una logica mentre esaminiamo questa questione.

Questo grafico riassume e tenta di mappare le polarità salienti delle caratteristiche generalizzate di colore/propagazione della luce atmosferica e delle onde e scariche elettriche in forma geometrica per ulteriori studi. Le forme di propagazione catodica/anodica in vacuo sono tra parentesi per separarle dal quadro generale fino a quando non capiremo meglio la situazione.

Molte altre ricerche e riflessioni devono essere dirette in quest’area, e queste relazioni colore/elettricità dovrebbero essere prese come un’escursione preliminare in una nuova ed eccitante area di ricerca. Queste informazioni sono presentate come un punto di riferimento e una pietra miliare su cui altri potranno costruire, e potrebbero benissimo essere aggiornate attraverso modifiche o perfezionamenti man mano che la ricerca continua.

I concetti rozzi e impropri dell’elettricità e della formazione dei colori con cui la moderna visione del mondo ha incatenato la nostra civiltà devono essere superati. Per progredire a livelli più alti e raffinati nella generazione di energia per sostenere gli sforzi della nostra civiltà, è fondamentale che tutte le energie siano correttamente comprese e definite. L’unico modo per farlo è osservare la totalità dei fenomeni con l’intera gamma delle nostre capacità umane e lavorare verso l’alto da lì.

Questo eleverà le caratteristiche dei nostri sforzi verso quelle più positive e fruttuose per la vita.

Thomas Joseph Brown

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE





Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code