toba60

L’ultima Battaglia dell’Umanità con la Natura

Views: 205

E’ estremamente difficile essere razionali in momenti come questi, i vincoli materiali e sociali che ora si sono instaurati con veemenza, hanno scardinato ogni senso critico degli eventi.

Non me ne vogliano i lettori vincolati all’immagine di un leader che li rappresenta, ma provo una cera tristezza nel vedere spesso molte persone delegare il ruolo di salvatore ad un soggetto, che sia politico o mediatico, in relazione a tutto quello che sta avvenendo.

Ogni interazione che si viene a creare, e’ sempre frutto di un intermediazione artificiosa, dettata dalle circostanze del momento che fanno leva sull’emotività’ delle persone e da lì il distacco totale con la vera ed autentica natura che contraddistingue l’uomo.

E’ un inclinazione istintiva che ci e’ congenita e’ non necessita di alcun negoziatore, l’impellente desiderio di aggrapparsi ad un soggetto esterno, fa il gioco di chi da questa situazione può’ agire creando la sola cosa che serve per creare un pensiero unico globale, il quale sorge solo li li dove tutto e’ frammentato, incerto e opinabile.

La natura umana non ha padroni perché la sua sola funzione e’ quella di essere armoniosa con il creato.

Mettete via i Simboli e Abbiate fiducia nella sola cosa che ha un Significato Autentico nella Vita di Ognuno

Toba60

L’ultima Battaglia

La maggior parte degli articoli che ho visto sulla mostruosità delle crisi del Covid-19 si concentra su questioni oggettive, pratiche e materialiste.

Questi argomenti includono la distruzione dell’economia, la corruzione dei governi mondiali, la corruzione dell’OMS e del CDC e i possibili piani nefasti in corso di esecuzione intesi a guidarci verso un dominio globale dell’élite e l’esecuzione della loro agenda.

Più leggo e più mi occupo del mio pensiero critico, più sono convinto che sia in gioco una qualche forma di questa intenzione cosciente e mortale.

In qualità di psicologo, rivolgo quindi la mia attenzione ai metodi che vengono impiegati, sia gli sforzi coscienti mirati a specifici effetti desiderabili, sia un potere o un’energia inconscia che potrebbe non avere un impulso intenzionale consapevole dietro di esso.

I risultati di queste forze potrebbero essere una sorta di proprietà emergente, in crescita, inconsapevole e, in alternativa, fuori dall’agenda creata consapevolmente. Naturalmente, è discutibile se questo effetto “marginale” sia effettivamente messo in moto inconsciamente. Probabilmente è un comodo effetto collaterale che aiuta la causa cosciente primaria a raggiungere il suo obiettivo.

L’osservazione e lo studio di questi effetti richiedono una pelatura più profonda della cipolla e, sebbene non così ovvia come i risultati superficiali che tutti vediamo ogni giorno, possono essere altrettanto, o più, devastanti degli effetti più evidenti. Questo articolo si concentra su quello che ritengo essere il principale esempio di queste forze e dei loro risultati: l’allontanamento del genere umano dalla nostra umanità in particolare, e dalla natura nel suo insieme

Gli esseri umani hanno avuto un debole rapporto con Madre Natura sin dal primo giorno, o almeno così sembra. Gli antichi egizi, e forse poche altre culture antiche, potrebbero aver capito esattamente come integrare la loro strana natura umana con la natura naturale del loro ambiente durante il loro tempo al sole, ma nessuno lo sa per certo.

Ad alcune, o forse tutte, culture indigene logore viene dato il merito di aver compreso le connessioni spirituali che avevano con Madre Terra, ma ancora una volta, non possiamo essere certi esattamente quali potrebbero essere state quelle connessioni – o sono ancora nelle restanti civiltà primordiali su terra. Basti dire che, almeno dagli albori del cristianesimo, e certamente prove per crederci un po ‘prima, abbiamo combattuto con le unghie e con i denti “il nostro sé animale” e la nostra profonda connessione con la terra da cui siamo sgorgati.

Grazie all’impulso dell’Età dell’Illuminismo la maggior parte del mondo occidentale è arrivata ad adorare il dio dello scientismo, piuttosto che il dio irato di Abramo, e noi, per la maggior parte, abbiamo pensato che il mondo fosse migliore per questo. Di conseguenza la vita è diventata un mondo glorioso, quasi privo di parassiti e malattie, sfogo nei campi di vetro e acciaio del comfort delle creature, con la medicina avanzata per scongiurare l’inconveniente molto simile a un animale (brivido) di morire e soffrire, telefoni cellulari, computer, viaggi nello spazio, frutta e verdura geneticamente modificata e animali allevati in fabbrica da mangiare, per citare solo alcuni dei contributi esclusivamente umani all’evoluzione planetaria.

Il prezzo che abbiamo dovuto pagare per questa opulenza tecnologica è sembrato a volte monumentale, ma praticabile: un pianeta impoverito delle sue risorse naturali, molte delle popolazioni del mondo che muoiono di fame o si rotolano in altro modo nella sporcizia e nella sofferenza, un pianeta inquinato al di là del riconoscimento, e un clima impazzito e fuori controllo, o almeno così sembra. Tutte le cose portate a noi dai progressi nella manipolazione del mondo naturale, attraverso la scienza – e tutte le cose da cui la stessa scienza può tirarci fuori – di nuovo, così sembra.

A mio parere, tuttavia, c’è un problema piuttosto serio di cui non ci preoccupiamo mai di parlare molto; la nostra disconnessione dalla stessa cosa dalla quale siamo nati: la natura.

“E allora?” potresti dire. Sì, quindi cosa, sembra che stiamo andando piuttosto bene come specie, non credi?

Non ne sono così sicuro.

Ci sono alcuni che credono, essendo io uno di loro, che la nostra disconnessione dalla natura abbia portato a quasi tutti i crolli psicologici e culturali che, come razza umana, abbiamo sperimentato. Questo è un presupposto piuttosto enorme, e non c’è davvero modo di dimostrarlo, quindi mi atterrò alle piccole cose ovvie e le presenterò qui piuttosto che approfondire l’idea che tutto ciò che è successo a noi come specie è dovuto al fatto che vediamo più la natura come qualcosa con cui dobbiamo lottare e con cui integrarci completamente.

Vorrei iniziare definendo la natura in questo contesto.

Sì, la natura ovvia è costituita da spazi aperti, alberi, animali, montagne e oceani. Ma cosa significa connettersi con esso? Forse per occuparmene? Per onorarlo? Per ammirare, da una prospettiva profonda e sincera, la sua maestosità e brillantezza? Piuttosto che buttarlo ripetutamente?

Natura significa anche, soprattutto dal punto di vista di questo articolo, le nostre connessioni gli uni con gli altri come esseri umani, il nostro riconoscimento e accettazione del fatto che siamo parte di una danza ecologica che include la nostra integrazione con la vita e la morte. Quella malattia, sofferenza e soccombere ai ritmi naturali della vita sono naturali e fanno parte di ciò che significa essere umani.

Non sto parlando di rinunciare alla scienza, né di rinunciare alla medicina. Approfittare di queste discipline fa anche parte di ciò che significa vivere una vita naturale, ma c’è un equilibrio che è necessario: la comprensione che non possiamo entrare in un ritmo naturale di essere vivi senza correre rischi, entro limiti ragionevoli, e capire che il il resto del mondo naturale non è “fuori per prenderci”, ma piuttosto per nutrirci e sostenerci attraverso disordini e tragedie.

A partire da un punto particolare della storia antica, noi, come razza di umani, siamo diventati terrorizzati dal mondo naturale che ci circonda. Sembra che il nostro obiettivo sia stato quello di prendere le distanze da esso e dai suoi effetti. Alcune di queste cose hanno senso, altre, o dovrei dire la maggior parte, sono piuttosto psicopatologiche.

Abbiamo migliorato nel tempo, ovviamente, poiché stiamo appena iniziando a vedere quanto sia futile questo sforzo “anti-natura” e anche quanto sarà devastante per noi come specie di animali che distruggono il nostro ambiente. Ma tendiamo ancora a vedere questo pericolo solo da una prospettiva fisiologica, e non lo vediamo come una grave crisi esistenziale, che porterà anche alla nostra morte, sebbene molto più lenta e dolorosa.

Ovviamente, alla maggior parte delle persone non sembra importare nulla di tutto ciò. Quindi, cosa succede se tutte le api stanno morendo, o se ci sono meno mosche domestiche o se tutte le zanzare scompaiono? La maggior parte di queste cose sono buone, non è vero? Naturalmente, se il riscaldamento globale è vero, i risultati di quella calamità ci uccideranno. Facciamo qualcosa al riguardo. L’uccisione del corpo è importante: l’uccisione dell’anima? Non così tanto. Certamente potremmo sopravvivere in un mondo privo di api mellifere, fiori o altre cose che possano garantire l’equilibrio ecologico. Voglio dire, abbiamo la scienza, giusto? La scienza può occuparsi di tutto.

Non abbiamo bisogno di tramonti che possiamo vedere attraverso cieli limpidi e incontaminati per scrivere poesie, o farfalle in un campo di gigli di cui possiamo scrivere musica, o per ispirarci a riflettere retrospettivamente.

Niente di tutto questo è necessario. Certamente non abbiamo bisogno di vedere sorrisi da altri esseri umani, o abbracci da estranei, o grandi raduni di anime affini per celebrare il matrimonio, le nascite o addolorarci insieme per la morte di un altro essere umano (a meno che non siamo meno di 10 di noi, naturalmente.) Perché tutto questo è così importante? “Indossa una maschera per l’amor di Dio, non è niente!” Sopravviveremo, vero? Mad Max l’ha fatto, perché non possiamo? La scienza si prenderà cura di noi, almeno delle parti di noi che contano.

Ma la sopravvivenza è davvero la cosa più importante di questa vita?

Sopravviviamo per vivere il giorno successivo. La vita non deve essere un lungo periodo di semplice sopravvivenza. C’è di più nell’essere umano che mantenere gli organi funzionanti e le cellule che pompano nelle nostre vene, o evitare agenti patogeni, virus, batteri al di là di qualsiasi ragione statisticamente rilevante per farlo.

Nella nostra attuale cultura materialista, consumistica, sembra esserci certamente un consenso sul fatto che la sopravvivenza – la sopravvivenza dalla natura stessa – è praticamente tutto ciò che conta. Almeno ci viene detto che lo è. È certamente più facile controllare un corpo senz’anima che uno che cerca significato e scopo nella vita, un corpo che è impegnato con l’anima quanto lo è con la sua sopravvivenza materiale.

Naturalmente, possiamo essere ingannati nel credere che ciò che sta accadendo ora con la risposta al Covid-19 e le sue restrizioni imposte sia temporaneo. Sicuramente essere temporaneamente disturbati vale la protezione dalla natura promessa dalle sanzioni. Ma è temporaneo?

E anche se è temporaneo, vale il prezzo fisico e spirituale che dovremo pagare?

Al momento della stesura di questo articolo, sto cominciando a sentire attraverso il canale dei media mainstream che in Australia i viaggi internazionali saranno probabilmente limitati seriamente, se non del tutto interrotti nella maggior parte dei casi, per almeno tre anni . Ho sentito una fonte qui in Canada dire che ai bambini potrebbe essere richiesto di indossare maschere a scuola per altri due o tre anni , vaccino o no. Ciò proviene dalla stessa fonte ufficiale che ha detto che i bambini in età scolare avrebbero preso una pausa primaverile prolungata a marzo, ma sarebbero tornati per finire l’anno scolastico in due settimane.

È logico, in base all’esperienza passata, che queste sanzioni probabilmente non finiranno nemmeno tra tre anni.

La nostra integrazione e consapevolezza del nostro sé animale non si ottiene solo attraverso una connessione con il pianeta e le altre creature che vivono con noi, ma anche, forse cosa più importante, attraverso la nostra connessione con i nostri simili. La magia di ballare insieme, ridere insieme, tenersi stretti l’un l’altro, piangere l’uno sulle spalle dell’altro – baciarsi, abbracciarsi, amare – essere vicini agli altri negli stadi sportivi, nelle sale da concerto, nelle piste di pattinaggio, nei parchi, persino camminare per strada condividendo sorrisi , annuisce e sentire l’energia degli altri umani mentre ci passano vicino va oltre un valore quantificabile.

Questi bisogni sono antichi quanto gli umani stessi.

Sappiamo tutti che l’isolamento è considerato la peggiore di tutte le pene; lo stesso che accade con l’evitamento o altre forme di isolamento grave e prolungato. Quando questo tipo di separazione e disconnessione ci viene imposto, o da un’autorità superiore (sanzioni governative obbligatorie) o attraverso l’autorità delle nostre stesse paure, specialmente se instillate da un pericolo gonfiato, falso o ingiustificato, corriamo il rischio di danno all’anima.

O, come stiamo iniziando a vedere, una sfida e una protesta da parte di persone che semplicemente non riescono a vedere vivere una vita, isolate dalla vita, in questo modo.

Tuttavia, questo isolamento forzato, o disconnessione forzata dalla natura e l’un l’altro attraverso l’uso di maschere o l’obbligo di allontanamento sociale, non è in realtà una causa del problema a cui mi riferisco qui (disconnessione con la natura). Queste cose sono più un sintomo del problema. Il problema stesso è la paura.

Una paura della natura, e quindi l’uno dell’altro, ci ha afferrati, una convinzione che possiamo eludere il lato oscuro della natura, una paura che la natura sia fuori per prenderci e se possiamo proteggerci da lei, forse potremmo vivere per sempre. Sembriamo essere addestrati attraverso i media e la nostra cultura più materialista ad essere in contrasto con la natura, a vedere la natura come un nemico.

Stiamo sostenendo che “la natura non è sicura, è necessario indossare una maschera solo per evitare di ammalarsi, anche se essere malati non ha sintomi, o la possibilità di contrarre questo virus è statisticamente irrilevante” o “dovresti sempre indossare un maschera, anche quando questo virus sarà sparito, ce ne sarà ovviamente un altro oppure “ dobbiamo davvero accettare il Nuovo Normale in cui le persone eviteranno di toccarsi, stringere la mano, abbracciarsi, perché potrebbe sempre esserci qualcosa là fuori per prenderti. ”

Questo è il vero problema: la nostra falsa convinzione che la natura stessa sia il vero nemico. Dimentica il miracolo del sistema immunitario umano e come è progettato per funzionare prendendo agenti patogeni e costruendo anticorpi, è meglio vivere in una bolla perché la natura non può prenderti allora, crea un vaccino, lascia che la scienza ti protegga, natura ti ucciderò. Se non devi essere un animale e far parte della natura, potresti vivere per sempre.

Lo so, queste sono affermazioni estreme e si applicano ampiamente, ma penso che tu abbia capito la mia deriva. Questa mentalità per gli esseri umani è stata a lungo in preparazione. In una certa misura è sempre esistito: la natura è stata una forza formidabile, per non dire altro, da quando gli umani hanno camminato per la prima volta sulla terra (presumo di sì).

Il punto è: non credo che l’obbedienza per tutti, ovunque, di indossare maschere come prescritto dalla legge sarebbe così prontamente accettata come sembra senza questa paura della natura profondamente radicata. Sebbene questa paura sia chiaramente solo il risultato della nostra cultura di lunga data, rappresenta certamente una “opportunità da cogliere”, una sorta di tallone d’Achille. Ovviamente, non aiuta il fatto che i media mainstream ci abbiano alimentato con uno zampillo di paura provocando “notizie” e, naturalmente, i governi del mondo hanno fatto lo stesso. La speranza è diventata una teoria del complotto.

Ho letto spesso sul mio feed di Facebook suppliche disperate di persone disperate che sono tutte chiaramente consapevoli di questo “significato della vita e del vivere” – ma sono chiaramente in minoranza e sono tipicamente attaccate ferocemente dall ‘”altra parte”. Più importanti sono coloro che pensano che tutti questi “mandati disumani” siano chiaramente nel nostro migliore interesse e sono necessari per evitare il grande male di una “natura” invasiva che non ha alcun compito di far scoppiare la nostra bolla illusoria che possiamo superare nella vita senza doverlo fare affrontando un processo naturale della natura.

Sfortunatamente, abbiamo organizzato tutto da soli con un piccolo aiuto dei nostri “amici”. Siamo stati metodicamente addestrati per molte generazioni ad avere poca cura per la vita della nostra anima e poca preoccupazione per la nostra dipendenza dalla natura inestricabilmente intrecciata.

Bitcoin Exchange CEX.IO

Sarei negligente se non dicessi chiaramente che credo che abbiamo la responsabilità di proteggerci da certe forze naturali. Tutti gli animali si proteggono istintivamente dai pericoli naturali. Siamo abbastanza avanzati, ovviamente, e i nostri sforzi per mantenere e gestire la natura sono ampi e di discreto successo.

Non sto suggerendo un paradigma idealistico in cui noi, come esseri umani, viviamo in alberi e caverne e soccombiamo a tutto ciò che la natura vuole lanciarci con gioia e apprezzamento – anche se potrebbe non essere una cosa così terribile, non sembra che siamo pronti per quel tipo di prospettiva.

È chiaro alla maggior parte dei lettori che qui sta succedendo qualcosa di molto strano – che c’è stato uno sforzo per costringere le masse a un comportamento ingiustificato con tutte le sanzioni, i mandati e la paura. Questo articolo ha lo scopo di sottolineare che i risultati di questi sforzi non sono limitati al crollo economico, malattie elevate (diverse da Covid-19) e fame nel terzo mondo, o anche una distruzione del nostro libero arbitrio e dei diritti umani.

I miei commenti non intendono aggiungere intenzionalmente la beffa al danno, e quindi ancora più paura e disperazione, ma tutto questo va più in profondità dell’ovvio.

Profondo come l’anima.

Todd Hayen

Fonte: off-guardian

Natura e Uomo
Secondo la scienza dello spirito
€ 21,00

La Natura, non l'Attività dell'uomo, Governa il Clima
Riassunto ad uso dei responsabili politici del Rapporto del Comitato Internazionale Non-governativo sui Cambiamenti Climatici
€ 10,00

Alla Scoperta dell'Uomo
Brevi saggi sull’Uomo e l’ambiente
€ 15,00

Puoi risparmiare  1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code