toba60

L’Unione Europea è Fallita chi Salverà gli Europei ?

Views: 238

Come tutti avrete notato la questione Europea si e’ via via defilata in questo periodo, dove l’attenzione e catalizzata dal covid.19 e da tutte le conseguenze che ne sono derivate.

Per gli Oligarchi al potere e’ stata una manna dal cielo, il profitto e’ l’ultima delle necessita’ di chi ha le redini del comando, i soldi hanno la sola funzione di incanalare le masse li dove serve per consolidare un determinato stato di cose, che ha le sue fondamenta in quella che tutti chiamano globalizzazione.

Chi si presta al gioco sale di grado, gli altri si accodano o affondano inesorabilmente, la Nave Europea di fatto ha superato la soglia di galleggiamento, parte dei passeggeri sono sulle scialuppe di salvataggio, altri sono in mare, perché’ queste non erano sufficienti, per tutti l’attesa e’ che qualcuno venga in loro aiuto, ma pochi ancora hanno capito che il progetto non e’ mai stato quello di tutelare i passeggeri, i quali pensavano di fare una crociera sicura e spensierata, per scoprire poi che l’Euro aveva troppe somiglianze con un progetto passato di nome Titanic.

La nave appariva bella, grande, elegante e l’avevano presentata come inaffondabile, ma lo si vedeva subito che non c’era posto per tutti, la prima classe, comoda e spaziosa, la seconda vivibile e la terza quella più’ numerosa, un autentico inferno.

Questo era il destino predisposto per la maggioranza delle persone e ora stanno ostinatamente aspettando remi in barca in mezzo all’oceano, che qualcuno che li porti in salvo……………

Aspettano aspettano aspettano ………….. e nell’attesa Arriva………..

Toba60

“Se l’UE chiedesse di aderire all’UE, non sarebbe accettata. Il suo carattere democratico è semplicemente inadeguato. “L’attuale struttura istituzionale dell’UE deve essere completamente rivista”. Guenter Verheugen – Ex commissario per l’allargamento europeo.

“Le decisioni più importanti non devono essere lasciate alle forze di Bruxelles, che sistematicamente chiudono un occhio sui grandi gruppi di interesse economico e disconnettono completamente queste decisioni dagli interessi delle centinaia di milioni di cittadini comuni . “Una maggiore trasparenza e una maggiore partecipazione dei cittadini sono i prerequisiti per una republica dell’Unione europea, in cui le persone si riconosceranno come cittadini europei e veri governanti dell’Unione”. Sepp Kusstatscher – membro politico italiano dei Verdi.

Quanto sopra è stato detto poco prima e subito dopo il 2007. Nel 2007, tuttavia, qualcosa sembrava cambiare con la firma del Trattato di Lisbona (Nota anche come Riforma). Nell’ambito di questo Trattato è nata l ‘”Iniziativa dei cittadini europei”, dove per la prima volta ai “Cittadini d’Europa” – con un minimo di un milione – è stato concesso il diritto di proporre alla Commissione Europea un disegno di legge, cioè un’iniziativa legislativa. Sembrava quindi che si aprisse, seppur timidamente, una porta istituzionale per la partecipazione diretta dei cittadini alla politica europea.

Shop AutoPartsToys.com for all Your Car, Truck and SUV Accessories at Direct Factory Warehouse Pricing

Sono passati dieci anni interi da allora (ed è stato mediato da un’enorme crisi sociale ed economica) e ad eccezione di questa possibilità di iniziativa legislativa (che rimane di natura consultiva) non è stato istituito alcuno strumento di partecipazione cittadina. Né il referendum europeo (e non dovrebbe essere istituzionalizzato), né il diritto al referendum di ratifica, al fine di limitare o evitare importanti decisioni politiche che non giovano ai popoli d’Europa, né ovviamente l’iniziativa “costituzionale” riguardante i singoli trattati europei, stimolare ulteriormente l’integrazione europea.

A livello nazionale e locale in diversi paesi europei, Stati membri e paesi terzi, esiste una lunga e vasta esperienza che, se ci fosse stata la volontà, indipendentemente dalle sue possibilità di successo o fallimento, avrebbe potuto essere utilizzata dall’UE. Affinché l’Europa possa essere definita democratica, dovrebbe (se vogliamo usare la parola democrazia senza vergogna, questo è il minimo) consentire ai suoi cittadini di decidere, almeno sulle questioni relative agli stessi Trattati dell’UE.

Ad esempio, quando si tratta di definire le relazioni tra l’Unione europea e il resto del mondo, o quando si risolvono problemi chiave di politica ambientale e importanti politiche sociali ed economiche che hanno un impatto importante sui popoli d’Europa con l’adesione di nuovi Stati membri e per altre questioni importanti.

Naturalmente, c’è una contraddizione in quanto sopra

I politici, e soprattutto leader, difendono il modo in cui l’integrazione europea sta “procedendo”, spesso trascurando le rivendicazioni antidemocratiche e citando una serie di risultati positivi. Di solito iniziano con la garanzia della pace così come la sua espansione ad est, la stabilità del mercato interno, la convenienza della moneta unica e continuano con la possibilità della piena mobilità del lavoro, ma anche del capitale, la stabilizzazione dei redditi agricoli, ed i programmi di scambio di studenti, ecc.

Pertanto, a loro avviso, questa mancanza di legittimità democratica e trasparenza, che quando sotto pressione riconoscono finalmente che esiste, è compensata da questi vantaggi immediati per i cittadini che perderebbero al di fuori dell’UE. che, come ad esempio per i redditi agricoli e la politica agricola comune, l’esperienza storica della stessa Grecia ha dato risposte chiare) dovremmo chiederci cosa conta in democrazia.

Infatti, in una democrazia non è solo il risultato che conta (ancora una volta, a prescindere dagli argomenti di cui sopra che possono essere ragionevolmente contestati, il cui risultato non è mai noto in anticipo). Allo stesso modo, se non di più, è la capacità dei cittadini di definire democraticamente qualunque risultato desiderato. Per poter iniziare a parlare di democrazia, quindi, i cittadini devono poter scegliere, con sufficienti informazioni, dialogo politico e metodi democratici, obiettivi e mezzi delle singole politiche specifiche. Ecco perché è importante che i risultati sostanziali di una politica (che il tempo inevitabilmente porterà) non siano solo accettabili e approvati dai cittadini ma anche messi al vaglio in caso di una decisione sbagliata.

Dopotutto, se non fosse possibile criticare il profilo “democratico” dell’UE, questo sarebbe di per sé la prova di un enorme deficit democratico. E, naturalmente, se l’emergere di questa critica solleva allusioni teleologiche a un ritorno alle ostilità generalizzate del passato, la questione acquista un ulteriore peso antidemocratico. Non dimentichiamo inoltre che, di regola, quasi tutti i regimi autoritari hanno forti argomenti per la produzione, la sicurezza e la stabilità che il regime fornisce alla popolazione, soprattutto quando si individua una reazione generalizzata che evidenzia l’ovvia mancanza di legittimità democratica.

La legittimità democratica di un organo politico dipende da diversi fattori, molti dei quali ben noti e, come si è detto, “spiccano”. Uno di questi – che per quanto importante è spesso trascurato – è la qualità del rapporto tra questo organo politico e i cittadini che sono soggetti alle sue decisioni. Questo rapporto nel caso dell’UE è di scarsa qualità, quasi sull’orlo dell’ostilità “dichiarata”, e questo perché:

• L’UE non è una struttura federale e decentralizzata, come il Canada o la Svizzera, ma estremamente centralizzata. Ciò rende l’accesso dei cittadini alle strutture europee, se non impossibile, estremamente difficile.

Una sfera pubblica europea e alcune opinioni pubbliche sono, se non inesistenti, estremamente deboli. Esiste un senso generale di distanza istituzionale e alienazione non solo tra cittadini e istituzioni, ma anche tra i cittadini stessi nei diversi Stati membri.

• I cittadini sentono di non avere alcun peso politico nell’UE, poiché esiste un enorme divario tra loro e le istituzioni dell’UE.

• L’UE è dominata dalle élite , il cittadino medio percepisce, e giustamente, i politici ei burocrati dell’UE come qualcosa di molto lontano al servizio dei potenti economicamente.

• quasi tutto il peso e l’energia dell’UE sono stati dati all’integrazione economica e al servizio di attori economici forti (come le multinazionali) e non ai bisogni dei cittadini.

• non c’è senso di “appartenenza” a una programmazione politica e culturale che creerebbe anche alcune aree di navigazione comune di popoli molto diversi. Quest’ultimo elemento è di fondamentale importanza, poiché si tratta di paesi con grandi differenze culturali. Popoli che ora mostrano chiaramente che le “comodità” della moneta unica e le frontiere “aperte” dell’UE non sono sufficienti per creare un’identità europea. Né, naturalmente, i pochi cosmopoliti ora sono in grado di creare le immagini seducenti del grande villaggio europeo che un tempo promuovevano, per non parlare di convincerli a continuare la grande visione.

Così milioni di europei si sentono lasciati in balia di un processo di integrazione che alla fine non capiscono e di certo non controllano, anche se (nessuno sa quanto ancora) alcuni dei suoi benefici materiali e delle libertà di movimento possono essere raccolti. I sintomi di questa frustrazione sono tanti e sembrano, come è logico, a livello di politica nazionale (visto che a livello europeo il voto per l’elezione dei deputati è sempre stato sciolto poiché alla fine – ad eccezione dei loro stipendi – non ha avuto valore).

Così caratteristica è l’aumento dell’astensione dalle elezioni nazionali, il senso di un generale declino politico, le gare elettorali più frequenti, il rapido declino del prestigio delle istituzioni politiche e rappresentative, l’emergere di voci estreme, utilitarismo politico e opportunismo. Pertanto, l’atteggiamento dei cittadini, che sentono che l’UE non è all’altezza delle loro aspettative, è ragionevole, perché vedono che in pratica le grandi decisioni sono rese opache negli uffici chiusi di Bruxelles .

Queste decisioni vengono poi attuate negli Stati membri, senza che i cittadini stessi possano partecipare e decidere, senza spiegazioni o informazioni. Diventano così semplicemente “soggetti” passivi di decisioni politiche che, però, riguardano direttamente la loro vita e il loro Paese. E ovviamente sempre di più non riescono a capire, giustificare e quindi accettare la crescente cessione dei propri diritti sovrani.

Democrazia: un sogno sfuggente

In altre parole, se si dovesse fare una prognosi medica di “salute democratica” in Europa, non sarebbe affatto buona. Non solo perché la “democrazia” richiesta può essere un sogno sfuggente (questa è una questione di opinione, ma nel caso di chi scrive è principalmente una questione di decisione), ma molto di più, perché il funzionamento dell’UE mostra tendenze autoritarie e atteggiamenti punitivi ( come quello contro la Grecia) che sembrano consolidarsi.

Rocky Mountain Radar has THE BEST technology on the market for radar detectors!

Al centro di qualsiasi sistema che invoca una certa democrazia, il popolo deve essere sovrano, e questa è una questione di sostanza. Oggi, al contrario, siamo “rappresentati” da potenti tecnocrati che compongono un organismo che, oltre ad essere non eletto (l’istituzione assolutamente democratica della lotteria potrebbe essere uno scherzo per i potenti in Europa), oltre alla sua opacità e autoritarismo, è anche completamente slegato dalla società.

Alcuni possono presentare l’Europa come un “faro della democrazia nel mondo”, è ovviamente loro diritto sostenerla e crederci (o ancora servirli personalmente), ma è ugualmente diritto di sempre più cittadini chiedere … chi alla fine illumina e A chi serve questo faro? Ma anche sentire che “vedono” la nave andare a tutta velocità verso gli scogli. Se, per avere questa UE, dobbiamo confrontarla con regimi sempre più autoritari del pianeta (ora e in passato), per sentire che abbiamo il privilegio di vivere in un ambiente democratico vago e più ampio, l’impresa europea è già fallita.

Ovviamente nessuno può prevedere con precisione cosa accadrà in futuro, né a cosa porterà la guerra economica in Europa, né come sarebbero andate le cose se fossero stati utilizzati gli strumenti per la partecipazione diretta dei cittadini alle decisioni politiche europee, come i referendum. . L’allume politico più incredibile, di portata e grandezza indicibile da Commedia divina, potrebbe forse aver luogo, come sosteneva un buon amico politico, se, ad esempio, gli sloveni dovessero “parlare” democraticamente con gli scozzesi . Né cosa sarebbe successo se la profonda diversità culturale dei popoli europei fosse stata presa più sul serio. Tuttavia, ci sono alcune cose che ora sono chiare e alla fine sembrano avere un valore.

In primo luogo, che i leader dell’UE hanno escluso qualsiasi coinvolgimento dei cittadini nelle dinamiche dell’integrazione europea (o non integrazione), non ovviamente perché volevano proteggere le persone dalla possibilità della commedia danese di cui sopra, ma perché non volevano cittadini attivi e politicamente istruiti . In altre parole, volevano un’Europa definita da pochi nella forma che vediamo oggi, cioè di nuovo con vincitori e vinti.

In secondo luogo, le dure politiche di globalizzazione dell’UE non sono diverse da quelle transatlantiche o asiatiche, poiché tutte sfidano il fattore umano e porteranno inevitabilmente al nostro continente, a reazioni imprevedibili e forse spasmodiche.

E terzo, che quasi nessuno crede alle grandi promesse di un’altra “Europa della Solidarietà e della Democrazia” e che quest’ultima, in un mondo purtroppo ancora basato sulla fede, dovrebbe essere considerata il più grande fallimento.

In conclusione, sono passati quasi 220 anni da quando l’idea di democrazia ha cominciato ad eccitare la maggioranza degli europei, non solo in teoria, ma come piano attuabile, e sembra che l’opinione di Rousseau, che (sebbene molti ci auguriamo che avesse torto) – ovviamente considerando il vantaggio di molti – ha sostenuto che “più piccolo è il campo democratico, meglio funziona per il popolo”.

George Koutsantonis

Fonte: γιατί άραγε

George Koutsantonis: è nato nel 1973 ad Atene. Dopo sette anni di studio in una scuola di medicina in Italia, ha abbandonato la medicina e ha studiato traduzione. Oggi esercita, come libero professionista, la professione di traduttore e interprete. La pittura e la scrittura rimangono le sue due grandi passioni insieme allo studio sistematico della filosofia politica e della sociologia.

L'Euro
Come una moneta comune minaccia il futuro dell’Europa – Con una nuova introduzione dell’autore
€ 14,50

Euro Balle
La favola che non si può uscire dall’euro e come farlo prima di affondare – Importanti rivelazioni sul potere che controlla la moneta unica
Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere
€ 10,90

Cimiteuro - Uscirne e Risorgere
Come ripartire dopo il collasso globale dell’economia
Voto medio su 11 recensioni: Da non perdere
€ 0,00

Puoi risparmiare  1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Codice JTR Bitcoin :

 bc1qkspp89dl7ywl4v4ngdz6h0nrzfrt850anlgpll 

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code