toba60

Mahatma Gandhi o Che Guevara: Resistere alla Tirannia Dipende dal Coraggio di non Conformarsi

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Quanto sta avvenendo in questo periodo storico è una trama che si ripete a cadenza periodica in virtù del facile controllo da parte di un establishment il quale può adesso con strumenti molto sofisticati manipolare il pensiero e l’opinione pubblica della gente.

Quando si è in balia delle forze dell’ordine o di una qualsiasi autorità, è totalmente inutile trovare un punto di incontro che possa in qualche modo stemperare una situazione oramai compromessa, ciò che anima le gesta ed il comportamento di queste persone non ha nulla a che vedere con la logica interpretazione del fatto in sé, che trova giustificazione unicamente su basi prettamente di ordine pubblico imposto dall’alto.

I 60 milioni di morti nella seconda guerra mondiale, per non parlare poi della precedente, pare non abbia insegnato nulla alla nostra specie, il quale continua a sottovalutare il potere distruttivo di cui sono capaci gli esseri umani.

I 6 milioni di ebrei sterminati ragionavano con la stessa logica di chi ora si presenta ai cortei pensando che questo induca alla ragione un potere che questa la usa unicamente per un fine che ancora pochi hanno compreso.

Non esistono leggi che possano cambiare l’ordine delle cose ma solo la trasgressione di queste.

La scelta se proprio si vuole creare un modello da seguire è tra Mahatma Gandhi o Che Guevara, entrambi hanno preso due strade differenti per centrare in pieno l’obbiettivo.

Fatevene una ragione, il prezzo sarà comunque molto alto …non pensate di cavarvela con una scampagnata in città con le bandiere in mano gridando a quattro venti libertà, quella è già vostra nel momento in cui decidete di sovvertire il sistema ….

…..ma non solo a parole, nei fatti la questione può essere fatale per la propria vita, tutto dipende dal significato che diamo a questa tanto decantata parola.

Toba60

Mahatma Gandhi o Che Guevara

Lo psicologo sociale Roy Baumeister inizia il suo libro Evil: Inside Human Violence and Cruelty, con una proposizione che sarà controintuitiva per molti: “Il male di solito entra nel mondo senza essere riconosciuto dalle persone che aprono la porta e lo lasciano entrare. La maggior parte delle persone che perpetrano il male non vedono ciò che stanno facendo come male”.

Liquidare i malfattori come “pazzi” è un tentativo di assolvere sia loro che voi dalla responsabilità. Baumeister osserva: “Le persone diventano estremamente turbate e abbandonano l’autocontrollo, con risultati violenti, ma questa non è pazzia”. Se solo i “pazzi” commettono atti “malvagi”, potreste ragionare che non c’è bisogno di rafforzare i muscoli spirituali e morali. Si potrebbe saltare la riflessione, lo studio e la pratica che costruisce la forza spirituale e morale.

Lei, chiede Baumeister, “obbedirebbe all’ordine di uccidere civili innocenti? Aiutereste a torturare qualcuno? Sareste rimasti passivamente a guardare mentre la polizia segreta trascinava i vostri vicini nei campi di concentramento? Baumeister scrive: “La maggior parte delle persone dice di no. Ma quando tali eventi accadono davvero, la realtà è ben diversa”. Oggi, al punto, obbedirete agli ordini di sparare sulle persone che si rifiutano di rispettare i mandati?

In uno dei libri più istruttivi sulla Germania nazista, Ordinary Men: Reserve Police Battalion 101 and the Final Solution in Poland, lo storico Christopher Browning esplora il motivo per cui la maggior parte delle persone dice di sì e commette atti efferati anche quando gli viene data la latitudine di dire no.

Gli uomini del Battaglione di Polizia 101 non erano assassini psicopatici appositamente selezionati. Inizialmente, il Battaglione fu istituito per far rispettare il dominio nazista nella Polonia occupata.

Alla fine, la loro missione cambiò, portandoli ad essere gli assassini genocidi di ebrei che erano incaricati di radunare. Browning spiega: “La maggior parte degli assassini non erano appositamente selezionati, ma estratti a caso da una sezione trasversale della società tedesca, e non uccidevano perché costretti dalla minaccia di una terribile punizione per aver rifiutato”. Per lo più erano “poliziotti di riserva di mezza età”. La battaglia non aveva spinto questi uomini alla depravazione, “non erano stati sparati addosso né avevano perso dei compagni”.

Browning esplora una delle loro prime azioni omicide, “sparando a circa 1.500 ebrei nel villaggio polacco di Józefów nell’estate del 1942”. Il maggiore Wilhelm Trapp si rivolse ai suoi uomini prima dell’inizio della sparatoria: “Pallido e nervoso, con la voce strozzata e le lacrime agli occhi, Trapp lottava visibilmente per controllarsi mentre parlava. Il Battaglione, disse a malincuore, doveva svolgere un compito spaventosamente sgradevole. Questo incarico non era di suo gradimento; anzi, era altamente deplorevole, ma gli ordini venivano dalle più alte autorità”.

Trapp fornì una “giustificazione” per l’imminente massacro gli ebrei stavano danneggiando la Germania e minacciando le truppe tedesche – ma poi Trapp “fece un’offerta straordinaria: se qualcuno degli uomini più anziani tra loro non si sentiva all’altezza del compito che aveva davanti, poteva tirarsi indietro”. Il compito, ha spiegato Trapp, era l’uccisione immediata di tutte le donne, i bambini e gli anziani.

Solo dodici dei circa 500 del Battaglione inizialmente accettarono l’offerta di Trapp di “uscire”. Browning ha stimato che “dal 10 al 20 per cento di quelli effettivamente assegnati ai plotoni di esecuzione” si sono tirati fuori “con metodi meno appariscenti o hanno chiesto di essere rilasciati dai plotoni di esecuzione una volta che la sparatoria era iniziata”. Eppure, per la maggior parte dei poliziotti, uccidere divenne una seconda natura: “Molti poliziotti della riserva che erano inorriditi nei boschi fuori Józefów… successivamente divennero volontari occasionali per numerosi plotoni d’esecuzione e “caccia all’ebreo””.

La ricerca di Browning fornisce intuizioni sulla mentalità che alimentava l’obbedienza: “Chi avrebbe ‘osato’, dichiarò con enfasi un poliziotto, di ‘perdere la faccia’ davanti alle truppe riunite”. Un altro disse: “Nessuno vuole essere considerato un codardo”.

Non tutti coloro che eseguivano gli ordini mancavano di coscienza morale: Un altro poliziotto, più consapevole di ciò che richiedeva veramente il coraggio, disse semplicemente: “Sono stato un codardo”.

Alcuni razionalizzarono le loro atrocità: “Era possibile per me sparare solo ai bambini. Il mio vicino allora sparò alla madre e io sparai al bambino che le apparteneva, perché ragionavo con me stesso che in fondo senza la madre il bambino non poteva più vivere”.

Per sfuggire alla colpevolezza morale, altri offrivano la scusa di quale differenza potevano fare: “Senza di me [sparare] gli ebrei non sarebbero comunque sfuggiti al loro destino”. Quanti manager dicono oggi: “Che differenza posso fare? Se non licenzio i non vaccinati, lo farà qualcun altro.

Browning spiega: “La preoccupazione degli uomini per la loro posizione agli occhi dei loro compagni non era accompagnata da alcun senso di legame umano con le loro vittime. Gli ebrei stavano fuori dal loro cerchio di obblighi e responsabilità umane”. Oggi, gli amministratori degli ospedali stanno licenziando i lavoratori con una robusta immunità naturale che hanno servito fedelmente durante la pandemia e rifiutano il vaccino. Come gli uomini del Battaglione, questi amministratori stanno solo seguendo gli ordini.

Cosa sarebbe successo quel terribile giorno del 1942 se più poliziotti avessero riconosciuto l’umanità dell'”altro” e avessero avuto il coraggio di non conformarsi? Oggi, cosa accadrebbe se più imprese, come In-N-Out Burger, si rifiutassero di obbedire agli editti del governo? In ottobre, Stephen Davis, un capo battaglione dei pompieri della Florida, “è stato licenziato per aver rifiutato di disciplinare i dipendenti del dipartimento elencati come non vaccinati”. Cosa accadrebbe se più dirigenti avessero il coraggio del capo Davis?

Senza obbedienza, la tirannia fallisce.

Durante questo periodo di Covid, possiamo imparare lezioni dal libro di Browning su come trattiamo le persone che fanno scelte diverse dalle nostre. Possiamo notare quando non riusciamo a vedere l’umanità negli altri. Possiamo diventare consapevoli quando giustifichiamo una mentalità noi contro loro. Possiamo mettere in discussione le nostre percezioni. Aspettare che Biden o Fauci cambino prima è ignorare il nostro potere di scelta.

Lezioni apprese

Browning riflette sulle azioni del Battaglione e si chiede: “Se l’obbedienza agli ordini per paura di una terribile punizione non è una spiegazione valida, che dire dell'”obbedienza all’autorità” nel senso più generale usato da Stanley Milgram?

Browning si chiede se c’è “una ‘tendenza comportamentale profondamente radicata’ a conformarsi alle direttive di coloro che sono posizionati gerarchicamente sopra, anche fino al punto di eseguire azioni ripugnanti in violazione delle norme morali ‘universalmente accettate'”. Browning spiega,

Le nozioni di “lealtà, dovere, disciplina”, che richiedono una prestazione competente agli occhi dell’autorità, diventano imperativi morali che prevalgono su qualsiasi identificazione con la vittima. Gli individui normali entrano in uno “stato agenziale” in cui sono lo strumento della volontà di un altro. In tale stato, non si sentono più personalmente responsabili del contenuto delle loro azioni, ma solo della loro buona esecuzione.

Browning racconta: “Milgram fece riferimento diretto alle somiglianze tra il comportamento umano nei suoi esperimenti e sotto il regime nazista. Ha concluso: ‘Gli uomini sono portati ad uccidere con poca difficoltà'”.

È importante notare che “Milgram stesso nota che le persone invocano molto più frequentemente l’autorità che la conformità per spiegare il loro comportamento, perché solo la prima sembra assolverli dalla responsabilità personale”. Eppure, nel caso del Battaglione, “molti poliziotti hanno ammesso di aver risposto alle pressioni della conformità – come sarebbero stati visti agli occhi dei loro compagni – non all’autorità”. Sulla base della sua ricerca, Browning conclude: “Il conformismo assume un ruolo più centrale dell’autorità a Józefów”.

La Covidocrazia esige che tutti si conformino e svergogna coloro che fanno scelte diverse.

Browning spiega i pericoli di una cultura della vergogna: “La cultura della vergogna, facendo della conformità una virtù primaria, spingeva i tedeschi comuni in uniforme a commettere crimini terribili piuttosto che soffrire lo stigma della codardia e della debolezza e la ‘morte sociale’ dell’isolamento e dell’alienazione nei confronti dei loro compagni”.

La segregazione degli ebrei era un facilitatore di azioni malvagie.

Browning sottolinea la pervasiva messa al bando degli ebrei dalla società tedesca “e la conseguente esclusione delle vittime ebree da qualsiasi terreno comune con i perpetratori rese ancora più facile per la maggioranza dei poliziotti conformarsi alle norme della loro comunità immediata (il battaglione) e della loro società in generale (la Germania nazista)”.

Per alcuni poliziotti che non spararono, i loro legami commerciali modellarono la loro visione degli esseri umani. Uno disse: “Attraverso la mia esperienza commerciale, specialmente perché si estendeva all’estero, avevo acquisito una migliore visione delle cose. Inoltre, attraverso le mie precedenti attività commerciali conoscevo già molti ebrei”.

Lo psicologo sociale di Harvard Gordon Allport ha sviluppato la sua famosa ipotesi del contatto negli anni ’40: “Aumentare l’esposizione ai membri di un gruppo esterno migliorerà gli atteggiamenti verso quel gruppo e diminuirà i pregiudizi e gli stereotipi”. I legami commerciali uniscono le persone.

Oggi, i politici fanno gli straordinari demonizzando, deridendo e punendo i “membri del fuori gruppo” che non obbediscono ai loro dettami.

Una storia di anticonformismo

Recentemente Tim, un lettore e imprenditore neozelandese, mi ha inviato la sua potente testimonianza in una e-mail:

Cinquanta e passa anni fa, da bambino andavo alla scuola elementare Ranui nella periferia di Auckland. C’erano due ragazzi Māori nella mia classe di 9 anni.

A volte durante il giorno si facevano brevi commenti in Māori. Se l’insegnante li sentiva farlo, teneva tutta la nostra classe in punizione dopo la scuola per 15-30 minuti. L’ho sempre odiato perché uno dei ragazzi era mio amico, e un mio regolare compagno di giochi dopo la scuola. Anche l’altro tornava a casa da scuola a piedi con me, erano miei amici.

Ma la maggior parte della classe incolpava questi due ragazzi Māori per il fatto che eravamo tutti chiusi in casa dopo la scuola. La maggior parte dei ragazzi li disprezzava e li maltrattava nella mia classe. Io non potevo farlo; non potevo disprezzarli perché erano miei amici.

Forse anche allora, come ragazzo, potevo vedere cosa stava facendo la nostra insegnante. La nostra insegnante stava usando il resto della classe come un’arma contro quei due giovani ragazzi, incoraggiando gli atteggiamenti dispettosi e discriminatori nei loro confronti.

La scelta di Tim di non conformarsi alla pressione sociale ha fatto la differenza per i suoi amici Māori. La capacità di Tim di vedere l’umanità negli altri lo ha aiutato a diventare un imprenditore di successo? Dopo tutto, gli imprenditori hanno successo quando aiutano a servire i bisogni degli altri.

Tim ha continuato la sua testimonianza:

Oggi, 50 anni dopo, mi sento di nuovo come quando ero nella mia classe della scuola elementare Ranui. La maestra sta dicendo a tutti noi che continueremo ad essere bloccati finché il 90% (o quello che è) del paese non sarà vaccinato. E inoltre, ci viene detto che è colpa di quel 20% (o giù di lì) che finora ha scelto di non accettare i due colpi nel braccio.

Come paese, siamo tutti incoraggiati a riversare la colpa e l’odio verso chiunque abbia deciso di non vaccinarsi. Indipendentemente dal mio stato di vaccinazione, ho amici e familiari che mi rifiuto di odiare o biasimare. Metto la colpa esattamente al suo posto.

Ai piedi della mia maestra delle elementari per le nostre punizioni, non dei miei due amici d’infanzia. E ai piedi del nostro Primo Ministro per le sue regole di chiusura, non ai miei amici e familiari che hanno scelto di rifiutare un’iniezione di cui non si fidano, a torto o a ragione.

Essere come Tim. Siate come il 10-20% del Battaglione 101 che non si è conformato. Il nostro disprezzo dovrebbe essere verso coloro che esigono la nostra obbedienza e dividono l’America in un gruppo interno e un gruppo esterno. Diventate più consapevoli quando permettete che il vostro pensiero sia dirottato dalla propaganda.

Molti nel Battaglione non hanno capito i loro crimini fino a decenni dopo la fine della guerra. Non aspettate di riflettere fino a quando uno storico futuro scriverà un libro su come avete sostenuto la tirannia mettendo il conformismo al di sopra dei diritti umani.

Oggi Charles Eisenstein sottolinea: Molte persone si fidano delle autorità e si conformano volentieri alle loro regole. Non si trovano di fronte a nessun dilemma, nessun momento iniziatico, nessun punto di scelta autodefinente che crei il mondo, non ancora”.

Conformarsi, mancando di coraggio, non vi risparmierà le scelte che la vita vi chiederà. Eisenstein ci sfida: “Man mano che le narrazioni delle autorità si trasformano in assurdità e le loro regole si trasformano in oppressione, sempre più spesso ci troviamo di fronte a questa scelta: … Fare ciò che sai che è giusto, o cedere alla pressione, consolandoti con parole a cui non credi. ‘Non avevo scelta’”.

Abbiamo tutti una responsabilità personale nel preservare la libertà. Il prezzo dell’abdicare alla nostra responsabilità è alto. Come dice Browning, i tedeschi hanno pagato un alto prezzo per “aver riposto una fiducia acritica nella ‘ferma leadership’ di un’autorità politica apparentemente ben intenzionata tra il 1933 e il 1945″.

Barry Brownstein

Fonte: www.aier.org

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che  rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il  monopolio assoluto dell’informazione.  Toba60

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE



Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code