toba60

Memorandum 200 (Rapporto Kissinger) Documento Declassificato del Progetto per lo Spopolamento Mondiale

Ed ora fate bene attenzione che quello che avrete modo di vedere perché sono sicuro vi lascerà interdetti!!!

Osservate bene la cartina geografica qua in basso ………..

Metà della popolazione mondiale si concentra nell’1% del territorio (in giallo) /fonte: Metrocosm)

Metà della popolazione mondiale vive in appena l’1% delle terre emerse.

Lo afferma un’elaborazione dei dati della Nasa, pubblicata da Max Galka, esperto di ‘data crunching’, sul sito Metrocosm.

La mappa elaborata da Galka divide il mondo in 28 milioni di quadratini di circa 5 chilometri di lato, colorando di giallo quelli con una popolazione di più di 8mila persone, più o meno la densità di abitanti di uno Stato come il Massachusetts, e in nero quelli con meno abitanti.

l risultato è una cartina in gran parte senza colore, fatta eccezione per qualche puntino sparso e alcune zone completamente gialle in India, Bangladesh e Cina.

Completamente colorata è l’isola di Giava, in Indonesia, che ha una popolazione di 140 milioni di persone pur essendo delle dimensioni dello Stato di di New York. “In tutto il mondo – rileva Galka – la cella con la maggior popolazione è quella che corrisponde si trova all’interno de Il Cairo: misura solo 14,4 chilometri quadrati, è abitata da oltre un milione di persone”.

Questo signori miei è la realtà oggettiva in cui ci troviamo …..ora ditemi voi dove sta il problema della sovrappopolazione!!!!

Documento Declassificato del Progetto per lo Spopolamento Mondiale

Quando si parla di teorie complottiste si parte sempre da una disanima dei fatti che via via si sviluppa nel tempo con precisione svizzera.

Uno dei talloni di Achille a cui si va incontro esponendo gli eventi è che le fonti e le referenze sono inevitabilmente facile oggetto di una arbitraria interpretazione su cui ci giocano molto coloro che mirano ad inibire le notizie.

Lavoriamo 24h su 24 senza il vostro supporto economico siamo costretti a chiudere e questo non ve lo meritate!

Abbiamo pertanto voluto porre alla vostra attenzione documenti ufficiali declassificati dove non si può in alcun modo alterarne il contenuto.

A fondo pagina abbiamo inserito il testo originale che potete scaricare per intero, ma per semplificarvi le cose dopo una stesura generica iniziale lo abbiamo riassunto nei punti salienti affinché ognuno di voi possa avere un idea ci come si sono evoluti gli eventi negli anni, che come sapete grazie alla tecnologia ed una politica finanziaria e sociale favorevole consolidata nel tempo, ha subito una brusca accelerazione.

Toba60

Memorandum 200

Il Consiglio di Sicurezza Nazionale è il più alto organo decisionale del governo degli Stati Uniti. Nel dicembre 1974, ha finalizzato un documento top secret intitolato National Security Study Memorandum 200, o NSSM-200, sottotitolato “Implications of Worldwide Population Growth for U.S. Security and Overseas Interests.1

Questo documento è stato scritto perché l’NSC vedeva la rapida crescita della popolazione nei paesi meno sviluppati (LDC) come una grande minaccia alla nostra sicurezza nazionale.2

Quattro decenni dopo, NSSM-200 rimane il documento fondamentale sul controllo della popolazione emesso dal governo degli Stati Uniti. Pertanto continua a rappresentare la politica ufficiale degli Stati Uniti sul controllo della popolazione.

I lavoratori pro-vita di tutto il mondo dovrebbero avere una conoscenza pratica della NSSM-200 perché espone le motivazioni e i metodi immorali del movimento di controllo della popolazione. Leggendo la NSSM-200, vediamo che gli Stati Uniti e le altre nazioni sviluppate la stanno ancora seguendo come modello per il controllo della popolazione.

Lo scopo della NSSM-200

I controllori della popolazione credono che un’alta densità di popolazione porti alla povertà. Così pensano di poter migliorare il livello di vita delle persone nei paesi meno sviluppati riducendo i loro tassi di crescita della popolazione. Ma NSSM-200 mostra che la vera motivazione dietro le attività di controllo della popolazione è la conservazione del nostro alto standard di vita mantenendo l’accesso alle risorse minerarie dei PMS.

La NSSM-200 dice:

L’economia degli Stati Uniti richiederà grandi e crescenti quantità di minerali dall’estero, specialmente dai paesi meno sviluppati….Dove una diminuzione della pressione demografica attraverso la riduzione delle nascite può aumentare le prospettive di tale stabilità, la politica della popolazione diventa rilevante per le forniture di risorse e per gli interessi economici degli Stati Uniti.3

Al fine di proteggere gli interessi commerciali degli Stati Uniti, l’NSSM-200 citava una serie di fattori che potevano interrompere il flusso regolare di materiali dai paesi meno sviluppati agli Stati Uniti, compresa una grande popolazione di giovani anti-imperialisti il cui numero deve essere limitato dal controllo della popolazione. Il documento identificava tredici nazioni per nome che sarebbero state gli obiettivi principali degli sforzi di controllo della popolazione finanziati dagli Stati Uniti: India, Bangladesh, Pakistan, Nigeria, Messico, Indonesia, Brasile, Filippine, Thailandia, Egitto, Turchia, Etiopia e Colombia.4

Nel 1996, le nazioni sviluppate del mondo hanno donato 2,2 miliardi di dollari per le attività di controllo della popolazione (in dollari del 2013). Questa cifra è più che quadruplicata a 10,1 miliardi di dollari nel 2013, per un totale di 102,2 miliardi di dollari nel periodo 1996-2013. Quasi la metà di questo totale, ovvero 50 miliardi di dollari, è stato donato dagli Stati Uniti.5

La maggior parte di questo denaro ben il 63% – va a contenere la popolazione dell’Africa, il continente con più risorse minerarie.6 Si tratta di una quantità enorme di denaro, ma le nazioni ricche lo vedono come un ottimo investimento. Il conseguente flusso di risorse dai PMA alle nazioni ricche, specialmente minerali e metalli strategici dall’Africa, significa un tasso di rendimento davvero molto alto.

Questa somma colossale non ha migliorato il livello di vita della gente, che dovrebbe essere lo scopo di tutti gli aiuti internazionali. Questi 102 miliardi di dollari non hanno fatto altro che trasformare grandi famiglie povere in piccole famiglie povere. Se tutto questo denaro fosse stato invece versato in un autentico sviluppo economico – strade migliori, cliniche e scuole di assistenza sanitaria di base, elettrificazione rurale e attrezzature agricole meccaniche – avrebbe potuto migliorare significativamente le condizioni di vita di più di un quarto di miliardo di persone tra le più povere del mondo.

Invece, sono ancora tutti poveri.

La strategia di controllo della popolazione in NSSM-200

NSSM-200 è un documento molto completo e logico. Stabilisce esplicitamente la strategia dettagliata in cinque fasi con cui il governo degli Stati Uniti promuove aggressivamente il controllo della popolazione nelle nazioni in via di sviluppo, al fine di avere un migliore accesso alle risorse naturali di questi paesi.

Questo processo in cinque fasi è strettamente modellato sui protocolli di pianificazione delle missioni militari:

Identificare la minaccia e la sua posizione; Identificare gli strumenti da utilizzare per neutralizzare la minaccia; Identificare le persone che useranno questi strumenti per neutralizzare la minaccia; Mettere a punto il piano e assicurarsi fonti di finanziamento durature; e Stabilire e amplificare un programma di propaganda completo a sostegno della strategia.

1. Identificare la minaccia

NSSM-200 inizia identificando la “minaccia”. Il flusso regolare di risorse verso gli Stati Uniti potrebbe essere messo in pericolo da azioni governative dei PMA, conflitti sindacali, sabotaggi o disordini civili, che sono molto più probabili se la pressione della popolazione è un fattore. L’NSSM-200 dice: “Questi tipi di frustrazioni sono molto meno probabili in condizioni di crescita lenta o nulla della popolazione”.3

Inoltre, i giovani sono molto più propensi a sfidare l’imperialismo e le strutture di potere del mondo, quindi il loro numero dovrebbe essere ridotto il più possibile. Il documento dice: “Questi giovani possono essere più facilmente persuasi ad attaccare le istituzioni legali del governo o le proprietà reali dell'”establishment”, degli “imperialisti”, delle multinazionali, o di altre influenze – spesso straniere – accusate dei loro problemi. “7

Dove si trova questa “minaccia”, in modo che l'”arma” del controllo della popolazione possa essere utilizzata? Nei paesi in via di sviluppo in più rapida crescita, naturalmente, con un’enfasi su quelli che possiedono le risorse minerarie che gli Stati Uniti desiderano. L’NSSM-200 mira specificamente a tredici nazioni per un’attenzione speciale al controllo della popolazione: India, Bangladesh, Pakistan, Nigeria, Messico, Indonesia, Brasile, Filippine, Thailandia, Egitto, Turchia, Etiopia e Colombia.4

2. Scegliere le armi contro la minaccia

Il secondo passo è identificare le “armi” che il governo degli Stati Uniti userà per neutralizzare la minaccia. NSSM-200 identifica quattro strumenti che possono essere utilizzati per rallentare la crescita di una nazione, con particolare attenzione alla sua popolazione giovane. Questi sono:

La legalizzazione dell’aborto Incentivi finanziari per i paesi per aumentare i loro tassi di aborto, sterilizzazione e uso della contraccezione Indottrinamento dei bambini attraverso l’educazione sessuale e la propaganda Controllo obbligatorio della popolazione e coercizione di altre forme, come il rifiuto di aiuti per disastri e cibo a meno che un PMA non implementi programmi di controllo della popolazione.

3. Assegnare il lavoro sporco

Ora che la minaccia e gli strumenti per sopprimerla sono stati identificati, il terzo passo è determinare chi farà il vero lavoro sporco. Gli Stati Uniti non possono fare il lavoro sporco da soli, o saranno giustamente accusati di razzismo e imperialismo. Questo significa che, attraverso l’attuazione dei suoi programmi di controllo della popolazione, gli Stati Uniti devono nascondere le loro tracce e mascherare i loro programmi come altruistici.

La NSSM-200 riconosce che gli Stati Uniti devono agire per procura:

C’è anche il pericolo che alcuni leader dei paesi meno sviluppati vedano le pressioni dei paesi sviluppati per la pianificazione familiare come una forma di imperialismo economico o razziale; questo potrebbe creare un serio contraccolpo….Gli Stati Uniti. possono aiutare a minimizzare le accuse di una motivazione imperialista dietro il loro sostegno alle attività demografiche affermando ripetutamente che tale sostegno deriva da una preoccupazione per (a) Il diritto della singola coppia di determinare liberamente e responsabilmente il numero e la spaziatura dei figli e di avere informazioni, istruzione e mezzi per farlo; e (b) Il fondamentale sviluppo sociale ed economico dei paesi poveri in cui la rapida crescita della popolazione è sia una causa che una conseguenza della povertà diffusa.8

Notate molto attentamente il linguaggio di questo passaggio – gli Stati Uniti continueranno ad “affermare ripetutamente” che si preoccupano dei diritti individuali e del benessere del paese mentre lo inondano di contraccezione, sterilizzazione e aborto, che la gente e la nazione li voglia o no.9

Quindi se il governo degli Stati Uniti non può imporre direttamente misure di controllo della popolazione alle nazioni povere, chi può farlo?

4. Trovare i finanziamenti

Ci sono due gruppi che implementeranno questi programmi.

In primo luogo, gli Stati Uniti devono sviluppare un impegno per il controllo della popolazione tra i principali leader dei PMS, senza ignorare i desideri del loro popolo. L’NSSM-200 dice che “Gli Stati Uniti dovrebbero incoraggiare i leader dei PMS a prendere l’iniziativa nel promuovere la pianificazione familiare e la stabilizzazione della popolazione sia all’interno delle organizzazioni multilaterali che attraverso contatti bilaterali con altri PMS”.10 Il programma viene solitamente implementato attraverso il ministero della salute della nazione obiettivo, con l’assistenza dei media controllati dallo stato.

In concomitanza con questo sforzo, si arruola l’aiuto del maggior numero possibile di organizzazioni multilaterali per il controllo della popolazione, al fine di sviare le critiche e le accuse di imperialismo: “Gli Stati Uniti guarderanno alle agenzie multilaterali, in particolare al Fondo delle Nazioni Unite per le attività demografiche, che già oggi è in funzione.

NSSM-200 menziona anche altre tre grandi organizzazioni non governative che guideranno i programmi: il Pathfinder Fund, l’International Planned Parenthood Foundation (IPPF) e il Population Council.12 Naturalmente, questi non sono gli unici gruppi che gestiscono programmi di controllo della popolazione nelle nazioni in via di sviluppo; c’è una galassia di organizzazioni, da Abt Associates a Zonta International, che sono ansiose di ricevere il denaro delle tasse americane.

Finora, gli obiettivi, gli strumenti e i soldati sono stati identificati. Ora dobbiamo trovare le fonti di finanziamento per i programmi di controllo della popolazione e poi elaborare i loro dettagli specifici per la nazione obiettivo.

Il cartello del controllo della popolazione nega stridentemente che sta spingendo l’aborto sulle nazioni in via di sviluppo, ma l’aborto è in realtà l’obiettivo finale. Le agenzie delle Nazioni Unite e le ONG orientate al controllo della popolazione hanno scritto centinaia di documenti chiedendo l’adozione in tutto il mondo dei “diritti riproduttivi” per chiunque abbia dieci anni o più, mentre negano indegnamente che la RH includa l’aborto.

Eppure tutti sanno che il programma di salute riproduttiva non sarà completo finché non ci sarà l’aborto libero su richiesta in ogni nazione della Terra. Come ha ammesso Hillary Clinton nel 2010, con orrore dei suoi sostenitori, “Non si può avere la salute materna senza la salute riproduttiva, e la salute riproduttiva include la contraccezione e la pianificazione familiare e l’accesso all’aborto legale e sicuro”.13

Questa convinzione deriva dal NSSM-200, naturalmente, che ha riconosciuto: “Nessun paese ha ridotto la sua crescita demografica senza ricorrere all’aborto“.14 Il documento si spinge fino a suggerire che i gruppi di controllo della popolazione pagano le persone per aumentare i loro tassi di aborto, sterilizzazione e contraccezione: “Pagare le donne nei paesi meno sviluppati per abortire come metodo di pianificazione familiare…. Analogamente, ci sono stati alcuni esperimenti controversi, ma di notevole successo, in India in cui gli incentivi finanziari, insieme ad altri dispositivi motivazionali, sono stati utilizzati per convincere un gran numero di uomini ad accettare la vasectomia. “15

5. Sostenere il programma con la propaganda

Il passo finale nel programma di controllo della popolazione di una nazione è quello di stabilire e mantenere un battito costante di propaganda antinatalista per desensibilizzare e indottrinare la gente ad abbandonare l’idea di famiglie numerose e unite.

Questo, naturalmente, richiede un’educazione sessuale esplicita e obbligatoria, alla quale i genitori non possono sottrarre i loro figli: “L’ovvio aumento dell’attenzione dovrebbe essere quello di cambiare gli atteggiamenti della prossima generazione, quelli che sono ora nella scuola elementare o più giovani… concentrandosi sull’educazione e sull’indottrinamento della nascente generazione di bambini riguardo alla desiderabilità di una famiglia più piccola. “16

Ancora una volta, i media corrotti fanno da guida. NSSM-200 raccomanda che gli Stati Uniti “influenzino i leader nazionali” e che “un migliore sostegno a livello mondiale per gli sforzi relativi alla popolazione dovrebbe essere ricercato attraverso una maggiore enfasi sui mass media e altri programmi di educazione e motivazione della popolazione da parte delle Nazioni Unite, dell’USIA e dell’USAID.

Naturalmente, ci sarà resistenza a questo “imperialismo contraccettivo”, indipendentemente da chi sta cercando di imporlo. I popoli delle nazioni in via di sviluppo non sono stupidi; possono vedere l’influenza dell’Occidente che sta invadendo ovunque nei loro paesi e se ne risentono. Questo significa che la Chiesa cattolica e i suoi alleati devono essere messi da parte o neutralizzati, per cui gruppi come Catholics for Choice sono arruolati. Se la Chiesa e il popolo si rifiutano di essere messi a tacere, c’è solo una strada aperta ai controllori della popolazione – la forza bruta.

Gli autori dell’NSSM-200 probabilmente presumevano che il documento sarebbe rimasto classificato top secret a tempo indeterminato, perché sono stati notevolmente onesti nelle loro opinioni. Dissero: “La conclusione di questo punto di vista è che potrebbero essere necessari programmi obbligatori [di controllo della popolazione] e che dovremmo considerare queste possibilità ora”.18

Il documento raccomanda anche di considerare l’uso della coercizione in forma indiretta, come il rifiuto di aiuti alimentari e per i disastri a meno che un paese meno sviluppato non attui programmi di controllo della popolazione: “Il cibo sarebbe considerato uno strumento di potere nazionale? Saremo costretti a fare delle scelte su chi possiamo ragionevolmente assistere, e se è così, gli sforzi della popolazione dovrebbero essere un criterio per tale assistenza? “18

Come sempre, i controllori della popolazione devono stare attenti a nascondere i loro motivi e metodi, specialmente per quanto riguarda la coercizione. La NSSM-200 dice: “In queste relazioni delicate, tuttavia, è importante, sia nello stile che nella sostanza, evitare l’apparenza della coercizione”.19 In altre parole, gli Stati Uniti non eviteranno la coercizione in sé, naturalmente solo l’apparenza della coercizione.

La NSSM-200, che è completamente priva di moralità o etica, ha inevitabilmente incoraggiato atrocità e massicce violazioni dei diritti umani in decine di nazioni. Per esempio, il governo degli Stati Uniti ha generosamente finanziato il Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (UNFPA) per molti anni. Uno dei principali obiettivi del denaro dell’UNFPA è la Repubblica Popolare Cinese (RPC) e il suo ampiamente criticato programma di aborto forzato e pianificazione familiare.

Secondo i suoi stessi documenti, l’UNFPA ha donato più di 100 milioni di dollari al programma cinese di controllo della popolazione; ha comprato e progettato su misura un complesso di computer IBM da 12 milioni di dollari specificamente per monitorare il programma di popolazione; ha fornito le competenze tecniche e il personale che ha formato migliaia di funzionari cinesi di controllo della popolazione; e ha presentato alla Cina un premio per il “più eccezionale programma di controllo della popolazione. “20

Conclusioni

La NSSM-200 era basata su informazioni demografiche superate. Prevedeva che la popolazione mondiale si sarebbe stabilizzata tra i 10 e i 13 miliardi, con alcuni demografi che prevedevano che la popolazione mondiale sarebbe aumentata fino a 22 miliardi di persone. Ora sappiamo che la popolazione mondiale raggiungerà circa 8,3 miliardi, e poi comincerà a diminuire.21

L’applicazione a livello mondiale delle strategie raccomandate nella NSSM-200 ha fatto sì che i tassi di crescita della popolazione regionale decelerino così velocemente che stanno già causando gravi problemi economici e sociali in Europa, nell’ex Unione Sovietica, in Giappone, nella Corea del Sud, a Singapore e a Hong Kong. Molte nazioni in via di sviluppo stanno invecchiando ancora più rapidamente del mondo sviluppato, il che fa presagire problemi ancora più gravi per le loro economie relativamente sottosviluppate. Le nazioni sviluppate hanno avuto l’opportunità di diventare ricche prima di diventare vecchie; se una nazione diventa vecchia prima, non diventerà mai ricca.

Fin dall’inizio, il concetto di “esplosione demografica” era un falso allarme ideologicamente motivato, specificamente progettato per permettere alle nazioni ricche di saccheggiare le risorse delle nazioni più povere. La conseguente spinta al controllo della popolazione nei paesi meno sviluppati non ha dato assolutamente alcun frutto positivo nei suoi decenni di attuazione. Infatti, le ideologie e i programmi di controllo della popolazione rendono ancora più difficile rispondere all’imminente grave crisi che si profila sotto forma di una disastrosa “implosione demografica” mondiale. È ora di cominciare a spingere le famiglie ad avere più figli, non meno, se vogliamo evitare una catastrofe demografica mondiale.

Il primo passo in un tale massiccio cambiamento di politica è, ovviamente, cambiare la nostra visione e i nostri valori. Per fare questo, dobbiamo ripudiare vecchi modi di pensare e modi antiquati di realizzare i nostri obiettivi.

Qui potete scaricare il documento originale completo del Memorandum 200

La NSSM-200 rappresenta l’aspetto peggiore dell’ingerenza delle nazioni “avanzate” negli affari più intimi delle nazioni meno sviluppate. Simboleggia come nessun altro documento il volto del “brutto americano”. Sostiene la violazione delle libertà più preziose e dell’autonomia dell’individuo attraverso programmi coercitivi di pianificazione familiare. Il documento rappresenta un classico esempio della miopia della Cultura della Morte, che sceglie sempre il torto più facile rispetto al diritto più difficile.

Gli Stati Uniti e le altre nazioni del mondo sviluppato, così come le ONG di controllo della popolazione ideologicamente motivate, dovrebbero sostenere e guidare un autentico sviluppo economico che permetta alla gente di ogni nazione di usare le proprie risorse per il proprio beneficio, portando così ad un miglioramento dei diritti umani in tutto il mondo e ad economie più sane per tutti.

Riassunto dell’Istituto di Ricerca sulla Popolazione

Nei primi anni ’70, durante gli ultimi giorni dell’amministrazione del presidente Nixon, un documento del Dipartimento di Stato creato sotto la direzione del segretario di Stato Henry Kissinger identificava la crescita della popolazione nei paesi del terzo mondo come “una questione della massima importanza”.

Questo documento, il National Security Study Memorandum 200 (o Rapporto Kissinger), sosteneva che tale crescita metteva in pericolo l’accesso ai minerali e ad altre materie prime di cui gli Stati Uniti avevano bisogno, e quindi rappresentava una minaccia alla loro sicurezza economica e politica.

Qual è stata la soluzione? Controllo estensivo della popolazione. Le seguenti citazioni che abbiamo scelto dimostreranno che il governo degli Stati Uniti si è impegnato in una delle campagne più egoiste e disumane del XX secolo. Il Memorandum 200, declassificato nel giugno 1989, motiva ancora molte delle linee guida della politica estera degli Stati Uniti. Gli aiuti ai paesi in via di sviluppo continuano ad essere dati a condizione che questi paesi siano disposti ad attuare misure di controllo della popolazione. In realtà, questo significa suicidarsi lentamente a livello nazionale.

Le seguenti citazioni, insieme alle loro pagine corrispondenti, indicate tra parentesi, sono prese parola per parola dal Memorandum 200.

“L’ubicazione delle riserve metalliche note di grado superiore della maggior parte dei minerali favorisce la crescente dipendenza di tutte le regioni industrializzate dalle importazioni dai paesi meno sviluppati (PMA). I veri problemi delle forniture minerarie non stanno nel fatto che ci sia una quantità di base sufficiente, ma nelle questioni politiche ed economiche che circondano l’accesso a tali forniture, le condizioni per la loro esplorazione e sfruttamento, e la divisione dei benefici tra produttori, consumatori e governi dei paesi ospiti” (p. 37).

“Che sia a causa di azioni governative, dispute sindacali, sabotaggi o disordini civili, il flusso continuo di materiali necessari sarà messo in pericolo. Mentre la pressione della popolazione non è chiaramente l’unico fattore, tali frustrazioni sono meno probabili in condizioni di crescita lenta o nulla della popolazione” (37-38).

“La priorità dovrebbe essere data, nel programma globale di aiuti, a certe politiche di sviluppo in quei settori che offrono la maggiore “educazione” e la speranza di una maggiore motivazione ad avere famiglie più piccole” (17).

“Lo sviluppo di un impegno politico e popolare mondiale per la stabilizzazione della popolazione è fondamentale per qualsiasi strategia efficace. Ciò richiede il sostegno e l’impegno dei principali leader dei PMS. Questo avverrà solo se si renderanno chiaramente conto dell’impatto negativo della crescita incontrollata della popolazione e crederanno che sia possibile affrontare questa situazione attraverso l’azione del governo. Gli Stati Uniti dovrebbero incoraggiare i leader dei PMA a prendere l’iniziativa nella promozione della pianificazione familiare” (18).

“L’economia statunitense richiederà grandi e crescenti quantità di minerali dall’estero, specialmente dai paesi meno sviluppati. Questo fatto dà agli Stati Uniti un interesse acquisito nella stabilità politica, sociale ed economica dei paesi fornitori. Laddove una diminuzione delle pressioni demografiche, attraverso una diminuzione dei tassi di natalità, può aumentare le possibilità di tale stabilità, la politica demografica diventa rilevante per le forniture di risorse e per gli interessi economici degli Stati Uniti”. (43)

“C’è anche il pericolo che alcuni leader dei PMA possano vedere la pressione dei paesi sviluppati per la pianificazione familiare come una forma di imperialismo economico e razziale; questo potrebbe creare un serio contraccolpo” (106).

“È vitale che lo sforzo per sviluppare e rafforzare l’impegno da parte dei leader dei PMA non sia visto da loro come una politica di un paese industrializzato per mantenere un vigore ridotto o per preservare le risorse da utilizzare dai paesi ‘ricchi'” (114).

“Gli Stati Uniti possono contribuire a minimizzare le accuse di avere un movimento imperialista dietro il loro sostegno alle attività della popolazione affermando ripetutamente che tale sostegno deriva da una preoccupazione per: (a) il diritto dell’individuo a determinare liberamente e responsabilmente il numero e l’intervallo dei suoi figli… e (b) il fondamentale sviluppo sociale ed economico dei paesi poveri” (115).

“Infine, il perseguimento di servizi integrati di salute e di pianificazione familiare su un ampio livello aiuterebbe gli Stati Uniti ad affrontare l’accusa ideologica che gli Stati Uniti sono più interessati a diminuire la popolazione dei paesi meno sviluppati che al loro futuro e benessere.

Mentre si può argomentare, e argomentare efficacemente, che limitare la popolazione può essere uno dei fattori più critici per aumentare il potenziale di sviluppo e le possibilità di benessere, dobbiamo riconoscere che coloro che argomentano in accordo con le loro posizioni ideologiche hanno fatto molto rumore sul fatto che il contributo degli Stati Uniti ai programmi di sviluppo e salute è costantemente diminuito mentre il suo finanziamento per i programmi di popolazione è costantemente aumentato. Anche se ci sono molti modi per spiegare queste tendenze, resta il fatto che esse sono state un impedimento ideologico per gli Stati Uniti nell’evoluzione della sua relazione cruciale con i PMA” (177).

“Potrebbero essere necessari programmi obbligatori e dovremmo considerare queste possibilità ora” (118).

“Il cibo potrebbe essere considerato uno strumento di potere nazionale, saremo costretti a scegliere chi possiamo ragionevolmente aiutare, e se sì, gli sforzi demografici dovrebbero essere un criterio per tale assistenza? Gli Stati Uniti sono pronti ad accettare il razionamento del cibo per aiutare le persone che non possono o non vogliono controllare la loro crescita demografica? (119-120). “Le nostre strategie di assistenza per questi paesi devono considerare le loro capacità di finanziare le attività necessarie alla popolazione” (127).

“È chiaro che la disponibilità di servizi e informazioni contraccettive non è una risposta completa al problema della popolazione. Data l’importanza dei fattori socio-economici nel determinare le dimensioni desiderate della famiglia, la strategia per l’aiuto totale deve concentrarsi sempre più su quelle politiche che contribuiranno al declino della popolazione, oltre ad altri obiettivi” (108).

“[Dobbiamo avere] livelli minimi di istruzione, specialmente per le donne, così come l’educazione e l’indottrinamento dell’attuale generazione di bambini riguardo alla desiderabilità di famiglie più piccole” (111).

“In India [ci sono stati] alcuni esperimenti controversi ma di straordinario successo in cui gli incentivi economici, insieme ad altri meccanismi motivazionali, sono stati utilizzati per convincere un gran numero di uomini ad accettare la vasectomia” (138).

“Ci vorranno più dei servizi di pianificazione familiare per motivare altre coppie a volere famiglie più piccole e per tutte le coppie a volere livelli di sostituzione, che sono essenziali per il progresso e la crescita dei loro paesi(58).

“C’è un grande bisogno di convincere le masse che è nel loro interesse individuale e nazionale avere, in media, solo tre e forse solo due figli… l’ovvio e crescente focus dell’attenzione deve essere sul cambiare gli atteggiamenti della prossima generazione” (158).

Brian Clowes

Fonte:hli.org & solidaridad.net & ansa.it

Note finali

[1] NSSM-200 è stato reso pubblico quando è stato declassificato ed è stato trasferito agli Archivi Nazionali degli Stati Uniti nel 1990. Fu pubblicato poco dopo la prima grande conferenza internazionale sulla popolazione a Bucarest, e fu il risultato della collaborazione tra la Central Intelligence Agency (CIA), l’Agenzia degli Stati Uniti per lo Sviluppo Internazionale (USAID), e i Dipartimenti di Stato, Difesa e Agricoltura.

[2] Forse il più accanito sostenitore dell’NSSM-200 fu Stephen D. Mumford, che scrisse The Life and Death ofNSSM 200: How the Destruction of Political Will Doomed a U.S. Population Policy, incolpando il Vaticano di aver sovvertito la Costituzione degli Stati Uniti a causa della sua instancabile opposizione al controllo della popolazione, che fu resa più pubblica durante il culmine dell’isteria sulla crescita della popolazione con l’enciclica Humanae Vitae nel 1968.

[3] NSSM-200. Capitolo III, “Minerali e combustibili”.

[4] NSSM-200. Parte seconda, “Raccomandazioni politiche”, Capitolo I, “Introduzione – Una strategia statunitense sulla popolazione globale”, Parte B, “Priorità chiave dei paesi nell’assistenza statunitense e multilaterale sulla popolazione”.

[5] Per la documentazione e le statistiche sulle donazioni annuali per il controllo della popolazione di ogni nazione sviluppata, inviare un’e-mail a Brian Clowes a bclowes@hli.org e chiedere il foglio di calcolo Excel F-18-05, “Population Control Donations by “First World” Nations, 1996-Date.”

[6] Per la documentazione e le statistiche sulla quantità annuale di dollari per il controllo della popolazione spesi in ogni nazione in via di sviluppo del mondo, inviare un’e-mail a Brian Clowes all’indirizzo bclowes@hli.org e chiedere il foglio di calcolo Excel F-18-B, “Population Control Expenditures in the Regions and the Nations of the World, 1991-Date.”

[7] NSSM-200. Capitolo V, “Implicazioni della pressione demografica per la sicurezza nazionale”.

[8] “Raccomandazioni politiche”. I, “Introduzione – Una strategia statunitense sulla popolazione globale”. C, “Strumenti e modalità per l’assistenza alla popolazione”.

[9] Questo punto era particolarmente importante per gli autori del NSSM-200. In una lettera di trasmissione, Robert S. Ingersoll, presidente del National Security Council Under Secretaries Committee, scrisse che “Tutti gli sforzi degli Stati Uniti dovrebbero essere intrapresi in modo tale da minimizzare le critiche che sono diretti contro gli interessi dei paesi in via di sviluppo. Pertanto, il [documento] proposto sottolinea lo sviluppo del benessere e del progresso economico dei paesi più poveri. Potrebbe, tuttavia, essere necessario soppesare gli interessi contrastanti degli Stati Uniti nel caso di particolari paesi” [Memorandum NSC-U/DM-130 del presidente del Comitato dei sottosegretari del Consiglio di sicurezza nazionale (Robert S. Ingersoll) al presidente Ford, Washington, 14 dicembre 1974].

[10] NSSM-200. Riassunto esecutivo, paragrafo 30f.

[11] NSSM-200. Riassunto esecutivo, paragrafo 30a.

[12] NSSM-200. Raccomandazioni politiche. II, “Azione per creare condizioni per il declino della fertilità: La popolazione e una strategia di assistenza allo sviluppo”. A, “Strategia generale e allocazione delle risorse per l’assistenza AID”. “Discussione: 1. Azioni del programma passato”.

[13] L’ex Segretario di Stato Hillary Clinton, in una conferenza stampa del 30 marzo 2010 prima del vertice del G8 in Canada, citato da Steven Ertelt. “Il Segretario di Stato Hillary Clinton sollecita il Canada a promuovere l’aborto al G8”. LifeNews.com, 31 marzo 2010.

[14] NSSM-200. Nota speciale a piè di pagina alle conclusioni. “1. Pratiche di aborto nel mondo”.

[15] NSSM-200. Nota speciale: Aborto, (2)(a)(iiii); Raccomandazioni. IIB, “Programmi di assistenza funzionale per creare condizioni per il declino della fertilità”.

[16] NSSM-200. Parte seconda, “Raccomandazioni politiche”. Sezione E, “Creare condizioni favorevoli al declino della fertilità”, paragrafo 3.

[17] NSSM-200. Riassunto esecutivo, paragrafo 35, e Parte Seconda, “Raccomandazioni politiche”. Sezione F, “Sviluppo di un impegno politico e popolare a livello mondiale per la stabilizzazione della popolazione e il suo associato miglioramento della qualità della vita individuale.”

[18] NSSM-200. Parte seconda, “Raccomandazioni politiche”. Sezione E, “Creare condizioni favorevoli al declino della fertilità”, “Una visione alternativa”.

[19] NSSM-200. Parte seconda, “Raccomandazioni politiche”. I. “Introduzione – Una strategia statunitense sulla popolazione globale”, Sezione C, “Strumenti e modalità per l’assistenza alla popolazione”.

[20] Steven W. Mosher. “Pensare chiaro: aborti forzati e infanticidio nella Cina comunista”. Human Life Review, estate 1985, pagine 7-34. Pagina 33, nota 9.

[21] Secondo l’United Nations Population Information Network, la popolazione mondiale era di 7,19 miliardi il 1° gennaio 2014, e raggiungerà il picco di 8,34 miliardi nel 2050. La variante bassa è sempre usata perché è di gran lunga la proiezione storicamente più accurata.

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code