toba60

Nato ed Unione Europea? ”Una Trappola Mortale per l’Europa Intera”

L’informazione gestita dagli organi nazionali ha da tempo un unica funzione, ed e’ quella di disinformare e quando non lo può fare in modo diretto lo fa deviando la notizia li dove tutti come delle pecore indirizzano il loro sguardo.

Atene Oggi ora tocca a Noi

Se qualcuno pensa che il problema principale, quello che anima mente e corpo ogni sforzo cognitivo delle masse, sia quello di chi punta il dito, vuol dire che ha metabolizzato per bene il pensiero unico dominante il quale desidera che tutto abbia una sua origine precostituita da non si sa chi e dove.

I problemi della gente scattano a comando e paiono essere tutti impellenti e uniformi ovunque tu vada, si passa dal terrorismo, ai disastri ambientali, dal covid alla guerra e via via a tempo indefinito dove tira il vento, ogni cosa pare fatta apposta per far dimenticare che esiste il problema della salute, del lavoro, della famiglia, della criminalità organizzata, dei dissesti geologici, sociali, politici, finanziari, geopolitici, strutturali, e via via nei mille rivoli che oggettivamente incidono nella vita di ognuno di noi.

Il problema non è il lavoro, ma un buon lavoro adeguato alle potenzialità di ognuno, possibilmente ben retribuito, non è la salute, (A quella ci pensiamo noi) ma delle valide strutture sanitarie, non è la politica, ma un oculata scelta di chi la rappresenta, non e’ l’ambiente, ma una ottimale gestione delle risorse a nostra disposizione, potremo andare avanti anni evidenziano le cose che in concreto sanciscono ogni reale necessità degli esseri umani che disgraziatamente hanno delegato il loro destino ad una pletora di deficienti.

L’Euro e l’Unione Europea la Nato sono una calamità che malauguratamente molti ancora oggi considerano una Normalità…….

neanche tanto nuova!

La Trappola dell’Euro

Le azioni irresponsabili dell’UE durante la guerra in Ucraina potrebbero avere grandi conseguenze impreviste per il futuro dell’Europa e del suo popolo. Alle porte ci sono i rischi di grandi sofferenze umane, ma anche che l’intero progetto crolli e che gli europei riprendano il potere in Europa.

Scrive Fredrik Vejdeland.

La guerra tra la Russia e l’Ucraina, per ragioni comprensibili, ha riguardato soprattutto la Russia e l’Ucraina nella copertura mediatica. Allo stesso tempo, la guerra ha esposto il vero volto e le ambizioni dell’UE. Ad una settimana dall’inizio del conflitto, l’UE ha seppellito il suo progetto di pace e si è mostrata come un superstato totalitario che minaccia il popolo europeo.

Recentemente, il servizio di notizie RT (ex Russia Today) ha avuto le sue trasmissioni e gli account dei social media censurati. La decisione è stata sostenuta da tutti i paesi dell’UE, compresa la Svezia, sulla base del fatto che RT si impegna in “propaganda” e “disinformazione”. La verità, tuttavia, è che RT non è più propaganda per la Russia di quanto SVT lo sia per la Svezia. Durante la guerra in Ucraina, sono stati una delle poche voci abbastanza sane e trasmettono molta meno disinformazione dei nostri media in Svezia e di altri media nell’UE.

Quindi la libertà di stampa non esiste più in Europa, ed è ovviamente possibile eliminarla rapidamente. L’UE si comporta come se ci fosse uno stato di emergenza in Europa, ma almeno io non ho sentito che sia stata dichiarata una cosa del genere. I leader dell’UE possono ora prendere le decisioni che vogliono senza nemmeno pretendere di ancorarle a una sorta di “volontà popolare” o aspettare una decisione del Parlamento europeo?

Questo vale anche per tutte le altre sanzioni?

Nei media, naturalmente, questo è stato dipinto come una buona cosa, una giusta contro-azione all’aggressione della Russia. Sono stato quindi molto sorpreso quando l’UE e la censura svedese sono effettivamente venute fuori quando il presidente di Reporter senza frontiere ha visitato SVT per parlare della scelta della Russia di chiudere i media occidentali. Il fatto che il presentatore di SVT abbia chiesto del ruolo dell’UE nella censura e che Reporter Senza Frontiere abbia confermato che l’UE e la Svezia praticano la censura e minacciano la libertà di stampa, e che lo abbiano fatto notare al governo svedese, è stato qualcosa di rinfrescante. Anche se la critica non ha fatto notizia, naturalmente, ha mostrato una sorta di onestà nel grande flusso di ipocrisia e ipocrisia che prevale nei media mainstream.

Può sembrare ridicolo parlare di libertà di stampa quando c’è una guerra in corso in Europa, ma essere in grado di smantellare le libertà così rapidamente e spietatamente dimostra che l’UE è uno stato totalitario, che può avere conseguenze impreviste per noi in futuro. Abbiamo già grandi problemi con la libertà di espressione in Europa che sono abbastanza paragonabili, e in alcuni casi peggiori, a quelli che i media occidentali credono esistano in Cina o in Russia.

Gli scrittori vengono imprigionati, i roghi di libri digitali hanno luogo, i pensionati vengono perseguiti per qualcosa che hanno detto su Facebook, la gente può essere incarcerata per anni per aver messo in dubbio la scrittura della storia. Il musicista satirico austriaco Mr. Bond è ora sotto processo e rischia 20 anni di prigione per i testi delle sue canzoni, dov’è lo sdegno dei media svedesi per questo? Inoltre, sappiamo che i dissidenti sono stati rimossi dai social media in seguito alla pressione del governo svedese.

Per quanto riguarda la propaganda dei media occidentali durante la guerra, probabilmente non mi sbaglio nel dire che quasi ogni articolo pubblicato o servizio televisivo mostrato contiene falsità, travisamenti e distorsioni. Dalle affermazioni che i soldati bielorussi sono in Ucraina, che la Russia vuole assassinare Zelensky o che migliaia di soldati russi stanno morendo ogni giorno. Cose che possono essere vere (cosa di cui dubito fortemente di per sé) ma sono comunque prese direttamente dalla propaganda ucraina e non sono in alcun modo informazioni confermate.

La propaganda nei media non è certo una novità, l’abbiamo vista anche durante la pandemia di Corona.

A volte la propaganda diventa quasi paranoica. Come quando il corrispondente di SVT in Ucraina deve spiegare il discorso di invasione di Putin e lo fa scuotendo la testa, parlando di “bugie assurde” e “falsificazioni della storia”, e poi scuotendo di nuovo la testa – senza rispondere a una sola parola detta nel discorso. SVT fa poi riferimento all'”esperto” Martin Kraagh e alla sua speculazione che il discorso di Putin sia stato preregistrato e poi lo presenta come verità.

Infine, si può ben dire che le informazioni rilevanti sono deliberatamente nascoste al consumatore dei media, per esempio che l’esercito ucraino sta uccidendo i civili nel Donbass. Informazioni contrabbandate da RT e pubblicate su Twitter dall’account che l’UE ha ora deciso di chiudere.

La propaganda nei media non è certo una novità, l’abbiamo vista anche durante la pandemia di Corona. Ciò a cui gli europei devono pensare è quali potrebbero essere le conseguenze in uno scenario futuro se solo a questi attori è permesso di operare liberamente e il resto è vietato.

Cosa potrebbero significare le sanzioni per l’Europa

La guerra in Ucraina ha sicuramente contribuito a unire l’UE, ma solo la sua leadership e consolidando il loro potere. In realtà, l’UE è più divisa che mai, non tra i paesi ma tra i popoli e l’élite di potere. Anche se durante la pandemia di Corona i paesi dell’UE sono stati in grado di attuare le loro politiche, e avevano le masse dietro di loro, da due anni l’Europa ha visto enormi anche gigantesche proteste all’interno dell’UE e contro i suoi governi nazionali. Queste rischiano ora di continuare e di riversarsi sulla crisi energetica, che sembra destinata a peggiorare a causa delle sanzioni dell’UE.

Quando la Russia ha invaso l’Ucraina, la Russia probabilmente pensava che l’UE avrebbe risposto inviando abbracci di forza e cuori di mani all’Ucraina. Invece, l’UE ha agito in un modo che potrebbe essere percepito come una dimostrazione di forza. Ma questa dimostrazione di forza è stata più che altro un precursore che si è trasformato quasi immediatamente in azioni e dichiarazioni che dovrebbero essere descritte più precisamente come estremamente sconsiderate e isteriche.

Le sanzioni dell’UE sono ampie e i media, che condividono gli interessi globalisti dell’UE, hanno lavorato per fare pressione sulle aziende che operano in Russia per chiudere le operazioni. È stato dopo la pressione dei media che IKEA ha chiuso le sue operazioni in Russia. Più recentemente, anche la Cina è stata coinvolta in quanto ha deciso di non trasmettere le partite della Premier League perché si sarebbero schierate con l’Ucraina.

La Russia ha comunicato che dopo tutto non ha paura delle sanzioni dell’UE. Può essere propaganda, ma presumibilmente molti considerano un piccolo sollievo non avere a che fare con l’Occidente e considerano anche che valga la pena rischiare. Naturalmente, la Russia ha calcolato su questo. Dopo tutto, la Russia ha diversi altri partner, tra cui la Cina, che ha un mercato molto grande.

Non credo che Putin stia perdendo il sonno per la chiusura di IKEA. D’altra parte, la mancanza di aziende tecnologiche occidentali può essere un grande negativo a breve termine, ma possono ancora essere scambiate con la Cina in cambio di materie prime russe. Sia la Russia che la Cina stanno sviluppando sistemi economici alternativi. Il Brics è un po’ in stallo, ma si dice che stia ottenendo nuove risorse. Davanti a noi potremmo vedere un mondo multipolare che l’ordine mondiale ebraico-globalista probabilmente non ha previsto o sperato.

Ciò che la Russia ha anche che l’Europa non ha è l’accesso alle risorse naturali che possono fornire loro cose come le forniture di energia. Quindi, da parte russa, il danno inflitto dalle sanzioni dell’UE può essere visto come un prezzo che vale la pena pagare. È un grosso errore pensare che i russi siano come noi in Occidente e che capitolerebbero perché non hanno più tutte le cose materiali e hanno un tenore di vita inferiore. I russi sono abituati sia alle sanzioni che alle condizioni dure e faranno fronte alle sanzioni dell’UE e senza diventare una nuova Corea del Nord isolata. Hanno partner in Cina, India e Brasile, tra gli altri, e probabilmente ne avranno qualcuno in Europa una volta che la polvere si sarà posata.

Alcuni che non se la caveranno così bene sono i popoli dell’Europa. È qui che le sanzioni colpiranno più duramente. L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) ha annunciato oggi che i prezzi mondiali dei prodotti alimentari hanno raggiunto un livello record, il più alto degli ultimi 61 anni, a causa dell’aumento dei prezzi degli oli vegetali e dei prodotti caseari. L’UE ha appena sanzionato la Russia, la Bielorussia e ha esteso la guerra con l’Ucraina. La Russia è il più grande esportatore di grano del mondo e l’Ucraina rappresenta il 10% di tutto il grano in Europa, insieme rappresentano un terzo delle esportazioni globali di grano. La Bielorussia è un grande esportatore di fertilizzanti e la Russia è uno dei maggiori esportatori mondiali di fertilizzanti.

Alcuni che non se la caveranno altrettanto bene sono le popolazioni dell’Europa.

Inoltre, cose come il petrolio, il gas e le forniture energetiche sono qualcosa che esiste in tutti e tre i paesi. Se la Russia chiude il rubinetto Nord Stream, vedremo una crisi energetica molto grande in Europa, ma la domanda è se le stesse sanzioni dell’UE non porteranno a una crisi economica per l’Europa. I prezzi del petrolio, del gas e dei prodotti alimentari rischiano di salire alle stelle e di portare all’inflazione.

Resta ora da vedere se le sanzioni continueranno dopo la sconfitta dell’Ucraina. Se finiscono, la Russia avrà guadagnato molto; se continuano, sarà la prova della “forza” dell’UE mentre i popoli europei ne soffriranno. Le conseguenze potrebbero essere catastrofiche.

L’UE rischia di trascinare l’Europa in una grande guerra

Tuttavia, abbiamo le maggiori possibilità di morire se veniamo trascinati nella guerra e questa si sviluppa in un grande conflitto. L’Ucraina non vincerà militarmente contro la Russia a meno che non riceva un’assistenza militare attiva dalla NATO, a cui gli Stati Uniti e la NATO hanno detto di no. L’UE che invia armi alle forze dell’Ucraina è solo un modo per prolungare la guerra. Questo a sua volta porta alla perdita di vite ucraine e russe, ma rappresenta anche una grave minaccia per il resto delle popolazioni europee. Il tono alto, soprattutto da parte di attori come la Svezia, non aiuta.

Ancora una volta, la Russia viene sottovalutata o sopravvaluta le proprie capacità ed eccellenza. Sarebbe un modo di assumersi la responsabilità se i cosiddetti leader europei ascoltassero davvero quello che Putin ha detto nel suo discorso prima dell’invasione invece di scuotere semplicemente la testa e dire “è pazzo”. Ci sono ragioni logiche dietro la decisione di entrare in Ucraina: difendere le sue repubbliche secessioniste e la sua popolazione civile russa, restituire parti storiche alla Russia e neutralizzare la minaccia della NATO alla Russia mentre si espande verso est. Questo è qualcosa che sembra avere un forte sostegno in Russia. Piuttosto, molti russi credono che fosse il momento per Putin di prendere la decisione di entrare in Ucraina.

La grande minaccia, tuttavia, è naturalmente che l’UE rischia di trascinarci in una grande guerra.

In altre parole, è improbabile che la Russia faccia marcia indietro. Se le armi continuano ad essere inviate in Ucraina e c’è una guerra prolungata, le sanzioni continueranno a colpire l’Europa, e la crisi dei rifugiati aumenterà, che, comunque la si guardi, è anche qualcosa che potrebbe contribuire ad una crisi economica.

La grande minaccia, tuttavia, è naturalmente che l’UE rischia di trascinarci in una grande guerra. Putin non ha del tutto torto ad avvertire che se i paesi dell’UE inviassero armi alle forze armate dell’Ucraina, o se stabilissero una no-fly zone sull’Ucraina, diventerebbero parti del conflitto. La Svezia, come sappiamo, ha inviato 5 000 carri armati in Ucraina.

In una sola settimana, l’Unione Europea è passata da un progetto di pace a un mostro guerrafondaio e a uno stato totalitario che ricorda molto più l’Unione Sovietica che la Russia. Se questa guerra degenera in una guerra maggiore, è sicuramente colpa dell’UE e responsabilità dei governi interni dell’UE. Anche la Svezia ha un ruolo importante in questo.

Gli uomini deboli rendono i tempi difficili

La mancanza di giudizio e di responsabilità dei cosiddetti leader dei paesi dell’UE è stata abbondantemente chiara quando si tratta della guerra in Ucraina. È anche ovvio che l’UE non rappresenta gli interessi dei popoli europei quando prolunga la sofferenza umana in Ucraina e crea nuova sofferenza umana nel resto d’Europa.

Lo stesso giorno in cui Putin ha aumentato la preparazione nucleare del paese, la Russia ha lanciato un avvertimento ai paesi che forniscono armi all’esercito ucraino (inclusa la Svezia). La loro formulazione era: “Dovete capire le conseguenze di quello che state facendo”. Queste possono essere tattiche spaventose, ma sono parole serie che devono essere affrontate in modo professionale. La risposta di Ann Linde è stata quella di inchinarsi e minacciare conseguenze per i leader russi. “Sei tu che dovresti essere punito”. Almeno Peter Hultqvist ha avuto il buon senso di tenere la bocca chiusa.

Ci sono due espressioni che sono appropriate qui. Uno è “mai portare un coltello in una sparatoria”. Ciò a cui le provocazioni svedesi rischiano di portare nel peggiore dei casi è un contrattacco russo. I media svedesi naturalmente grideranno ai crimini di guerra, ma la domanda è se la Svezia ora può davvero essere considerata un attore neutrale? In questa situazione potenziale, non c’è alcuna garanzia del sostegno della NATO, perché dov’è la NATO ora che l’Ucraina viene invasa? Non c’è nessun articolo 5 per difendere la Svezia. Pertanto, sia l’invio di armi all’Ucraina, insieme al tono alto, sono irresponsabili e idioti.

La seconda espressione è “gli uomini deboli creano tempi difficili” dell’autore G. Michael Hopf.

I tempi duri creano uomini forti, gli uomini forti creano tempi buoni, i tempi buoni creano uomini deboli e gli uomini deboli creano tempi duri.

Penso che molto dell’odio per Putin sia dovuto al fatto che lui è un maschio alfa mentre i nostri cosiddetti leader sono dei beta o delle donne che cercano di affermarsi nel dominio degli uomini. Com’è la nostra difesa in Svezia? Un primo ministro che non sa cosa sia un’invasione, un ministro della difesa che era un malese e un comandante supremo che va in giro a ballare alle parate gay.

Ci sono pochi veri capi di stato e di governo in Europa che possono capire e rispondere adeguatamente a uno come Putin. Le reazioni e gli sfoghi di questi saggi sono quindi sempre isteriche, mal giudicate e basate sull’emotività. In cima a questa gerarchia troviamo una donna chiamata Ursula von der Leyen. Sarà lei a condurre l’Europa in una terza guerra mondiale e a sfatare finalmente il mito che le donne al comando siano una garanzia di pace?

In questo conflitto, ci sono stati solo due attori che hanno agito professionalmente: la Russia e gli Stati Uniti. I media occidentali possono sbraitare quanto vogliono sul fatto che Putin è “pazzo” o che sta “per premere il pulsante”, ma il fatto è che non c’è nulla che suggerisca che sia improprio. L’invasione sta andando in gran parte secondo i piani, la Russia sta procedendo con cautela e chiaramente non vuole né radere al suolo il paese né uccidere i civili.

Quando la Russia ha bombardato la torre della televisione a Kiev, ha avvertito in anticipo i civili di lasciare quella particolare zona. I media occidentali mostrano immagini di edifici in frantumi, ma questo non è sorprendente poiché altre immagini (non mostrate dall’apparato di propaganda) mostrano le forze armate ucraine che sparano ai soldati russi dalle zone residenziali. In altre parole, l’Ucraina sta usando i civili come scudi, ed è per questo che la Russia vuole evacuare Mariupol mentre l’Ucraina vuole renderlo più difficile.

L’Ucraina, e il suo presidente in particolare, ha agito in modo estremamente irresponsabile fin dall’inizio.

Gli Stati Uniti, anche se odio dirlo, hanno agito con cautela e hanno esortato i paesi dell’UE a non inasprire il conflitto. I media americani non pubblicano inutilmente informazioni non confermate come fanno in Svezia, per esempio. Quando i media svedesi (Aftonbladet) hanno semplicemente copiato la propaganda ucraina che la Bielorussia era entrata in guerra, gli Stati Uniti hanno risposto dicendo che non c’era alcuna indicazione di ciò.

Il fatto che gli Stati Uniti siano stati in ogni caso più equilibrati dell’UE può essere spiegato dal fatto che: 1. la situazione non ha bisogno di aggravarsi ulteriormente poiché gli Stati Uniti hanno in gran parte ottenuto ciò che vogliono. L’escalation potrebbe portare a conseguenze negative sia per gli Stati Uniti che per l’élite di potere globalista che rappresenta. 2. Biden può essere inappropriato, ma intorno a lui c’è uno staff militare che è già stato lì.

L’Ucraina, e soprattutto il suo presidente, ha agito in modo estremamente irresponsabile fin dall’inizio. Oltre ai crimini di guerra contro i civili non mostrati dai media occidentali, ha distribuito armi sia ai civili che ai criminali. Distribuire armi a civili che non hanno mai impugnato un’arma in vita loro e poi offrire loro un rapido corso di addestramento da parte di Azov è, ovviamente, folle e un chiaro segno che il presidente ebreo non dà valore alle vite ucraine. Anche armare i criminali non è direttamente responsabile. Se, nella remota possibilità, la Russia attaccasse la Svezia, quanto sarebbe stato appropriato per il governo svedese distribuire armi alle bande criminali?

Il galoppino di Kolomoyski, Zelensky, è però solo un piccolo giocatore. Il peggior giocatore di tutti, pronto a sacrificare vite umane russe, ucraine e di altri europei, è l’UE e i suoi leader corrotti. Armati di bontà e del superpotere umanitario che hanno in seno, vanno in giro a fare e dire qualsiasi cosa.

Il futuro dell’Europa

In conclusione, quindi, si può dire dell’UE e dei suoi governi corrotti, compresa la Svezia, che essi:

  1. rappresentare gli interessi ebraico-globalisti.
  2. espone il popolo europeo al pericolo.
  3. danneggia economicamente l’Europa.
  4. Ha mostrato il suo vero volto di superstato totalitario.

Anche quest’ultimo è serio. Se l’UE è in grado di applicare massicce sanzioni economiche contro paesi, aziende e individui in un conflitto che non coinvolge nemmeno un paese dell’UE, qual è il prossimo passo? L’Ungheria o la Polonia possono essere isolate del tutto se vogliono limitare l’immigrazione o sono critiche nei confronti dell’influenza ebraica nei loro paesi? Gli attori dei media come Nordfront o altri servizi di notizie nazionali possono essere improvvisamente chiusi? Una rivolta popolare potrà avere luogo in qualsiasi paese europeo se l’UE ha il controllo totale? Penso che coloro che vogliono combattere per lo stato di influenza ebraica dell’Ucraina dovrebbero pensare a questo, anche quelli che lo fanno con la scusa di aiutare gli ucraini.

Anche se la guerra sembra portare a molte cose negative, ce ne sono anche di positive. Per ora, l’UE ha un nemico esterno visibile, che ci “unisce”, ma abbastanza presto le crisi interne rischiano di diventare schiaccianti e il popolo europeo scenderà di nuovo in piazza. Vedremo persone che si radicalizzano, tendenze rivoluzionarie e una ridotta stabilità all’interno dell’UE. I leader dell’UE non possono vedere questo perché sono troppo convinti della loro bontà ed eccellenza, ma la cattiva gestione di questo conflitto rischia il collasso finale del progetto.

Vladimir Putin

Inoltre, la guerra in Ucraina, qualunque sia il suo esito, servirà come un campanello d’allarme per l’Europa per prepararsi. La pressione delle forze armate e dell’opinione pubblica costringerà i governi a farlo, che questi lo vogliano o no. Gli svedesi saranno addestrati per essere soldati, gli aerei da combattimento saranno visibili nel cielo, i soldati e i veicoli da combattimento saranno visibili e si parlerà della necessità di potersi difendere in caso di guerra.

I soldati, naturalmente, saranno destinati ad assistere l’UE, la NATO e l’élite di potere globalista ed è così che sarà probabilmente, all’inizio – ma, allo stesso tempo, aiuterà i popoli europei a diventare meno danneggiati dalla pace e a tornare alle dure realtà della vita. Sarà più difficile per l’élite del potere globale subordinarsi agli stati sottomessi quando la popolazione non sarà più composta da “uomini” buoni, sottomessi e femminilizzati.

Creerà una durezza nel popolo europeo che può rivelarsi un effetto collaterale negativo per l’UE ma molto positivo per noi.

Perché come dice G. Michael Hopf

“Gli uomini duri fanno bei tempi”.

Fredrik Vejdeland

Fonte: nyadagbladet.se

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code