toba60

Nikola Tesla: Il “Raggio della Morte”

State seduti e tranquilli, birra a fianco e un sacchetto di patatine se volete, cancellate dalla mante ogni soggetto televisivo mainstream che vi passa per la mente, che qua stiamo parlando di una persona che la vita l’ha vissuta non solo da protagonista, ma da essere umano in quanto tale.

Toba60

Il “Raggio della Morte”

Tesla spiegò in molti articoli di esperimenti o invenzioni che potevano produrre effetti a distanze considerevoli. Ha descritto diversi fenomeni che sembrano avere natura diversa tra loro. Nonostante le sue dichiarazioni su questi concetti non sono mai stati dimostrati, oggi esiste il concetto di “armi ad energia diretta” che è applicato in diverse armi per la difesa militare “per produrre effetti a distanza”.

Disegno architettonico Sopra di Titus deBobula mostra il terminale ad alto potenziale e la centrale elettrica di Tesla. Questa illustrazione era inclusa nella sua proposta di arma a raggio della morte.

Gli ultimi risultati di Tesla – Ora produce radiografie ad una distanza di più di quaranta piedi Electrical Review 18 marzo 1896:

“Sto producendo forti ombre a distanze di 40 piedi. Ripeto, 40 piedi e anche di più. E questo non è tutto. Le azioni sulla pellicola sono così forti che è necessario prendere provvedimenti per proteggere le lastre nel mio reparto fotografico, situato al piano superiore, a una distanza di 60 piedi, da essere rovinate da una lunga esposizione ai raggi vaganti. Anche se nel corso delle mie indagini ho fatto molti esperimenti che sembravano straordinari, sono profondamente stupito osservando queste manifestazioni inaspettate, e ancora di più, perché anche ora vedo davanti a me la possibilità, per non dire la certezza, di aumentare gli effetti con il mio apparato almeno dieci volte!”

“Questi effetti sulla piastra sensibile a così grande distanza li attribuisco all’impiego di una lampadina con un solo terminale, che permette di utilizzare praticamente qualsiasi potenziale desiderato e di raggiungere velocità straordinarie delle particelle proiettate. Con una tale lampadina è anche evidente che l’azione su uno schermo fluorescente è proporzionalmente più grande che quando si utilizza il solito tipo di tubo, e ho già osservato abbastanza per essere sicuro che ci sono grandi sviluppi in questa direzione”.

Oggi sappiamo che i raggi X sono una forma di radiazione elettromagnetica invisibile ad alta frequenza con una lunghezza d’onda tra 10 e 0,01 nanometri, corrispondente ad una frequenza di 30 PHz a 3 E Hz. Sono prodotti dall’accelerazione di elettroni su un bersaglio metallico. Nell’applicazione medica, questo è Tungstran (95%), Rhenium (5%), oMolibden. I raggi X sono utilizzati in varie applicazioni mediche.

Nel 1907, commentando la distruzione della nave francese Iena, Tesla notò in una lettera al New York Times che aveva costruito e testato siluri controllati a distanza, ma che le onde elettriche sarebbero state più distruttive:

“Per quanto riguarda la proiezione di energia delle onde in qualsiasi regione particolare del globo, questo può essere fatto dai miei dispositivi”, ha scritto. Inoltre, sosteneva che “il punto in cui l’effetto desiderato deve essere prodotto può essere calcolato molto da vicino, assumendo che le misure terrestri accettate siano corrette”.

Nel 1908 Tesla ripeté l’idea della distruzione tramite onde elettriche al giornale il 21 aprile La sua lettera all’editore affermava:

“Quando ho parlato di guerra futura intendevo dire che dovrebbe essere condotta tramite l’applicazione diretta di onde elettriche senza l’uso di motori aerei o altri strumenti di distruzione”. Aggiungeva: “Questo non è un sogno. Già ora si potrebbero costruire centrali elettriche senza fili con le quali qualsiasi regione del globo potrebbe essere resa inabitabile senza sottoporre la popolazione di altre parti a gravi pericoli o disagi”.

Ancora nel 1915, in un’altra lettera all’editore, Tesla dichiarò:

“È perfettamente pratico trasmettere energia elettrica senza fili e produrre effetti distruttivi a distanza. Ho già costruito un trasmettitore senza fili che lo rende possibile. Quando è inevitabile, il [trasmettitore] può essere usato per distruggere la proprietà e la vita”.

Le opinioni di Tesla su elettricità e guerra The Electrical Experimenter – agosto 1917:

“All’epoca di quei test ero in grado di produrre i più potenti raggi X mai visti. Potevo stare ad una distanza di 100 piedi dall’apparecchio a raggi X e vedere chiaramente le ossa della mano con l’aiuto di uno schermo fluoroscopico; e avrei potuto facilmente vederle a diverse volte quella distanza, utilizzando una potenza adeguata. Infatti, allora non potevo procurarmi dei generatori di raggi X per gestire anche una piccola frazione della potenza che avevo a disposizione. Ma ora ho un apparato progettato in modo che questa tremenda energia di centinaia di kilowatt possa essere convertita con successo in raggi X”.

Nello stesso mese Tesla delineò un concetto per unità primitive simili a radar. Egli dichiarò:

“…con il loro uso [delle onde elettromagnetiche] possiamo produrre a volontà, da una stazione di invio, un effetto elettrico in una particolare regione del globo; [con cui] possiamo determinare la posizione relativa o la rotta di un oggetto in movimento, come una nave in mare, la distanza percorsa dallo stesso o la sua velocità.”

La proposta di Tesla del 1917 per la guerra sottomarina ad energia diretta ( Tesla’s Views on Electricity and the War – The Electrical Experimenter – August, 1917 e New Yankee Tricks to Circumvent the U-Boat – The Fort Wayne Journal-Gazette, Fort Wayne, Indiana – August 19, 1917 ):

“Credo che il metodo magnetico di localizzare o indicare la presenza di una massa di ferro o acciaio potrebbe rivelarsi molto pratico per localizzare un sottomarino nascosto. Ed è, naturalmente, di fondamentale importanza trovare un mezzo per localizzare accuratamente i cacciatorpediniere sottomarini quando sono sommersi, in modo che possiamo, con questa informazione, essere preparati ad avvicinarli quando tentano di venire in superficie.

Questo è particolarmente importante quando diverse navi viaggiano in formazione di flotta; la posizione e la presenza del sottomarino nemico può essere comunicata via radio alle altre navi da coloro che effettuano il rilevamento magnetico e, per mezzo di reti in alcuni casi, o con spari e l’uso di idro-aeroplani lanciati in alto dalle navi, il nemico sottomarino ha una buona possibilità di essere “bombardato”, bombardato o mirato.

“Tuttavia, si sarebbe presto trovato un mezzo per annullare questo rilevatore magnetico della nave da guerra sommersa sottomarina. Potrebbero fare gli scafi degli “U-boat” di un metallo non magnetico, come rame, ottone o alluminio. È una buona idea tenere sempre a mente che praticamente per ogni buona invenzione di un tipo come questo è sempre stato inventato un opposto, e altrettanto efficace contrastare l’invenzione”.

“Ora supponiamo di erigere su una nave una grande elica rettangolare o una bobina induttrice di filo isolato. Esperimenti reali nel mio laboratorio di Houston Street (New York City) hanno dimostrato che la presenza di una massa locale di ferro come lo scafo della nave non interferirebbe con l’azione di questo dispositivo.

A questa bobina di filo, che misura forse 400 piedi di lunghezza per 70 piedi di larghezza (la larghezza della nave), colleghiamo una fonte di corrente oscillante ad altissima frequenza e molto potente. Questa irradierà potenti correnti elettrostatiche oscillanti, che, come ho scoperto con un esperimento reale nei miei test in Colorado qualche anno fa, colpiranno prima un corpo metallico (come lo scafo di un sottomarino, anche se fatto di ottone o di qualsiasi altro metallo), e a loro volta faranno reagire induttivamente quella massa sulla bobina eccitante della nave.

Per localizzare una massa di ferro, non è necessario eccitare la bobina con una corrente ad alta frequenza; l’equilibrio critico della bobina sarà influenzato semplicemente dalla presenza del corpo magnetico. Per determinare con precisione la direzione e la portata del sottomarino nemico, si dovrebbero usare quattro induttanze eccitanti. Con una sola induttanza, tuttavia, sarebbe possibile determinare la posizione di un sottomarino facendo correre la nave prima in una direzione e poi in un’altra e osservando se la reattanza aumentava o diminuiva l’effetto causato dalla presenza dello scafo del sottomarino.

L’induttanza radiante deve essere sintonizzata molto precisamente con l’apparecchio di misura installato sulla nave, quando non ci sono problemi si troverà a rilevare la presenza di una massa metallica così grande come un sottomarino, anche a una distanza di 5-6 miglia; di questo mi sento sicuro dai miei esperimenti passati nel regno delle correnti e potenziali ad altissima frequenza.”

Tesla era errato nel suo presupposto che le onde radio ad alta frequenza avrebbero penetrato l’acqua, ma Émile Girardeau, che aiutò a sviluppare il primo sistema radar francese negli anni ’30, notò nel 1953 che la speculazione generale di Tesla che sarebbe stato necessario un segnale ad alta frequenza molto forte era corretta affermando:

“(Tesla) stava profetizzando o sognando, dato che non aveva a disposizione alcun mezzo per realizzarle, ma bisogna aggiungere che se stava sognando, almeno stava sognando correttamente”.

L’11 luglio 1934 l’inventore descrisse per la prima volta sul New York Sun e sul New York Times una nuova arma che poteva essere usata contro la fanteria a terra o per scopi antiaerei. La stampa lo chiamò “raggio della pace” o raggio della morte.

Tesla annunciò al mondo due nuove sorprendenti invenzioni. La prima era un proiettore di fasci di particelle che Tesla intendeva usare come strumento di difesa nazionale. Chiamò il suo sistema “teleforce”. Con questa macchina dichiarò che una nazione poteva portare distruzione all’ingrosso su eserciti invasori e abbattere flotte di aerei in arrivo ad una distanza di 200 miglia (400 km). Mentre il concetto di base dell’arma a raggi fu rivelato per la prima volta nel 1934, il giorno del 78° compleanno di Tesla, è stato difficile ottenere dettagli specifici sul dispositivo effettivo.

Un anno dopo, durante la sua conferenza stampa annuale di compleanno, il 10 luglio 1935, Tesla affermò un metodo per trasmettere energia meccanica con una perdita minima su qualsiasi distanza terrestre, permettendo un nuovo mezzo di comunicazione e una tecnica per la localizzazione di depositi minerari sotterranei. Il sistema di trasmissione meccanica dell’energia di Tesla, da lui soprannominato “l’arte della telegeodinamica”, era basato principalmente sulla sua invenzione del motore alternativo, brevettato nel 1894. Mentre i principi fondamentali di funzionamento dell’oscillatore meccanico di Tesla sono ben compresi, poco è stato detto su come la macchina sarebbe stata usata per la prospezione sotterranea.

Nel nuovo libro di Leland Anderson “Nikola Tesla’s Teleforce & Telegeodynamics Proposals” questi due importanti documenti, nascosti per più di 60 anni, sono presentati per la prima volta. I principi dietro la teleforza, l’arma a fascio di particelle, e la telegeodinamica, il concetto di risonanza meccanica della terra per l’esplorazione sismica, sono completamente affrontati. Oltre alle copie dei documenti originali, scritti sulla carta da lettere ufficiale di Tesla, quest’opera include anche due sezioni Reader’s Aid che guidano il lettore attraverso gli aspetti più tecnici di ogni documento. I documenti sono seguiti da sezioni di commento che forniscono un background storico e spiegazioni funzionali dei due dispositivi. Gli articoli di giornale significativi e i resoconti dei titoli sono forniti per documentare la prima menzione di queste proposte. Un’ampia appendice fornisce una grande quantità di materiale correlato e informazioni di base, seguita da una sezione Bibliografia e dall’Indice.

Illustrazione della cartolina dell’Hotel New Yorker, New York City. (Raccolta della Società storica di New York)

Tesla ha annunciato la sua nuova arma a raggi in numerose interviste sui giornali il giorno del suo settantottesimo compleanno

Nel 1934 Tesla si trasferì nella sua residenza finale, la stanza 3327 (ancora divisibile per tre) dell’Hotel New Yorker recentemente completato. Lì visse da solo con le sue idee e i suoi piccioni per il decennio successivo. Affisse una nota dattiloscritta sulla porta: “Per favore non disturbare l’occupante di questa stanza”.

Nella mente di Tesla, era il momento di rivelare la sua più grande invenzione: un’idea perfetta e impossibile, un’arma per prevenire la seconda guerra mondiale.

L’11 luglio 1934, il titolo sulla prima pagina del New York Times annunciava:Tesla a 78 anni mette a nudo un nuovo raggio della morte”

“Invierà fasci concentrati di particelle attraverso l’aria libera, di un’energia così tremenda che abbatteranno una flotta di 10.000 aerei nemici ad una distanza di 250 miglia (400 km) dal confine di una nazione in difesa e causeranno la morte di eserciti di milioni di persone.

Una volta messa in funzione, il Dr. Tesla disse che questa sua ultima invenzione avrebbe reso la guerra impossibile. Questo raggio di morte, ha affermato, circonderebbe ogni paese come una muraglia cinese invisibile, solo un milione di volte più impenetrabile. Renderebbe ogni nazione inespugnabile contro l’attacco di aerei o di grandi eserciti invasori”.

Joseph Butler, un esperto della U.S. Air Force sulle armi a fascio, ha detto dell’idea di Tesla: “Sicuramente, ha avuto il concetto di un’arma a fascio di particelle cariche negli anni ’30. Il concetto era giusto nel segno. Il concetto era giusto nel segno … particelle proiettate a lunghe distanze per fare danni ad alcuni aerei nemici, nel suo caso particolare”. Maler ha aggiunto: “Non ho idea di come intendesse farlo realmente” (intervista con gli autori, 1998).

Il concetto di guerra futura di Tesla: la torre di Tesla in azione fornendo e dirigendo macchine da guerra da distanze di centinaia o addirittura migliaia di miglia.

L’inventore immaginava la guerra nel futuro come una “semplice gara” tra macchine. Questo concetto fu illustrato da Paul Frank e apparve su Science and Invention, febbraio 1922.

Percependo un’opportunità di business, Tesla incarica l’architetto Titus deBobula nel 1934 di disegnare i piani di come potrebbero essere le nuove torri delle armi a fascio di particelle e contatta diversi governi nel mondo per cercare di vendere i suoi piani.

Principi e concetti del “raggio della morte” di Tesla

Raggio per uccidere l’esercito a 200 miglia, l’affermazione di Tesla al 78° compleanno – New York Herald Tribune – 11 luglio 1934:

“Primo e più importante è un meccanismo per produrre raggi e altre manifestazioni di energia in aria libera. Finora i tubi a vuoto sono sempre stati necessari. Il secondo è un apparato per produrre quantità inaudite di corrente elettrica e per controllarla quando viene prodotta. La corrente è necessaria come potenza per il primo meccanismo. Senza di essa, nessun raggio di forza sufficiente potrebbe essere prodotto. Il terzo è un metodo per intensificare e amplificare il secondo processo, e il quarto è un metodo per produrre “una tremenda forza elettrica repellente”.

Il 23 luglio 1934 Time Magazine scrisse un articolo sul raggio di Tesla:

“La settimana scorsa il Dr. Tesla ha annunciato una combinazione di quattro invenzioni che renderebbero la guerra impensabile.

Il nucleo dell’idea è un raggio della morte – un fascio concentrato di particelle sub-microscopiche che volano a velocità prossime a quelle della luce. Il raggio, secondo Tesla, farebbe cadere un esercito nelle sue tracce, abbattere squadroni di aerei a 250 miglia di distanza. L’inventore Tesla avrebbe scaricato il raggio per mezzo di un dispositivo per annullare l’effetto ostacolante dell’atmosfera sulle particelle, un metodo per creare un alto potenziale, un processo per amplificare quel potenziale a 50.000.000 di volt, la creazione di “una tremenda forza elettrica di repulsione”.

Secondo Tesla la produzione del fascio di particelle dipende dalle seguenti quattro invenzioni (Per maggiori dettagli vedi anche: “La nuova arte di proiettare energia concentrata non dispersiva attraverso mezzi naturali”):

1-.Un metodo e un apparato per produrre raggi e altre manifestazioni di energia in aria libera, eliminando l’alto vuoto necessario attualmente per la produzione di tali raggi e fasci. Questo viene realizzato con una nuova forma di tubo ad alto vuoto, un’estremità del quale è aperta all’atmosfera. I proiettili sono accelerati nel vuoto e poi condotti nell’atmosfera attraverso un condotto valvolare.

Tubo sottovuoto aperto modificato

GB179,043Processo e apparato migliorati per la produzione di alto vuoto – 24 marzo 1921

1.329.559 condotto valvolare, 3 febbraio 1920

2-.Un metodo e un processo per produrre una forza elettrica molto grande nell’ordine di 60.000.000 di volt per spingere le particelle al loro obiettivo. Tesla specificò che questo poteva essere fatto con un grande generatore elettrostatico su un principio nuovo e di grande potenza, per molti aspetti simile ad un generatore di Van de Graaff. Al posto di una cintura portatrice di carica, impiega un flusso circolante di aria essiccata che viene spinto attraverso un condotto ermeticamente sigillato da un soffiatore a disco di Tesla. Un apparato tipo Wardenclyffe potrebbe anche essere usato per questo scopo.

ILLUSTRAZIONE SCHEMATICA DEL NUOVO GENERATORE AD ALTO POTENZIALE E DEL TERMINALE SFERICO E DI UN TUBO DEL VUOTO APERTO

US1.061.142 Propulsione fluida 29 aprile 1913

3-.Un metodo per amplificare questo processo nella seconda invenzione. L’esterno del terminale ad alto potenziale è dotato di numerosi bulbi di qualche materiale isolante che contengono ciascuno, un elettrodo di lamiera sottile opportunamente arrotondato e sfiato al massimo vuoto ottenibile.

NUOVO TERMINALE PER POTENZIALI ECCEZIONALI COSTITUITI DA ATTACCHI A STRUTTURA SFERICA

4) Un nuovo metodo per produrre una tremenda forza elettrica di repulsione sotto forma di “disposizioni per impartire ad una minuscola particella una carica estremamente elevata”. Sembra che questo si riferisca al componente conduttore interno (la presa e l’estensione centrale) alla base del proiettore o elemento della pistola del sistema Mentre i dettagli specifici su questo aspetto del progetto non sono immediatamente evidenti, sembra che la stretta attenzione al soddisfacimento dei requisiti 1, 2 e 3 sia fondamentale per il successo. Nelle parole di Tesla, “con l’applicazione delle mie scoperte è possibile aumentare la forza di repulsione più di un milione di volte e ciò che prima era impossibile è stato reso facile da realizzare”.-[1, 2]

Tesla ha descritto l’idea del raggio della morte un gigantesco generatore elettrostatico azionato da una delle sue turbine per accelerare minuscole particelle di mercurio per produrre un tale fascio di proiettili ad altissima potenza di diversi milioni di volt. Dato che erano accelerate nel vuoto, Tesla aveva bisogno di un modo per sputarle fuori dalla sfera dell’acceleratore senza far entrare l’aria. Propose di farlo con un ugello speciale che soffiava aria ad alta pressione intorno ad un tubo aperto che portava alla sfera evacuata e che agiva come un tappo che si rinnovava costantemente per preservare il vuoto. Cosa succede al flusso di mercurio dopo che ha lasciato l’ugello e ha dovuto viaggiare attraverso l’atmosfera era un’altra questione che non è mai stata chiarita.

Nella proposta del raggio della morte, Tesla usava il termine “particelle” ma non intendeva particelle atomiche come protoni, neutroni… ecc. ma intendeva goccioline microscopiche accelerate in un tubo elettronico e dall’azione della repulsione della forza elettrostatica.

The Inventions, Researches and Writings of Nikola Tesla – di Thomas Commerford Martin, Editore – 1894:

Le attrazioni e repulsioni elettrostatiche tra corpi di dimensioni misurabili sono, tra tutte le manifestazioni di questa forza, i primi fenomeni cosiddetti elettrici notati. Ma sebbene ci siano noti da molti secoli, la natura precisa del meccanismo coinvolto in queste azioni ci è ancora sconosciuta e non è stata nemmeno spiegata in modo soddisfacente.

Che tipo di meccanismo deve essere? Non possiamo fare a meno di chiedercelo quando osserviamo due magneti che si attraggono e si respingono con una forza di centinaia di libbre con apparentemente nulla tra di loro. Abbiamo nelle nostre dinamo commerciali magneti capaci di sostenere a mezz’aria tonnellate di peso.

BuyBitcoinFiveMinute

Ma cosa sono anche questi [Pg 326] forze che agiscono tra i magneti se paragonate alle tremende attrazioni e repulsioni prodotte dalla forza elettrostatica, alla quale apparentemente non c’è limite di intensità. Nelle scariche dei fulmini i corpi sono spesso caricati ad un potenziale così alto che vengono scagliati via con una forza inconcepibile e strappati o frantumati in frammenti.

Tuttavia, anche questi effetti non possono essere paragonati alle attrazioni e repulsioni che esistono tra le molecole o gli atomi carichi, e che sono sufficienti a proiettarli con velocità di molti chilometri al secondo, in modo che sotto il loro violento impatto i corpi sono resi altamente incandescenti e sono volatilizzati. È di particolare interesse per il pensatore che indaga sulla natura di queste forze notare che mentre le azioni tra le singole molecole o atomi si verificano apparentemente in qualsiasi condizione, le attrazioni e repulsioni di corpi di dimensioni misurabili implicano un mezzo che possiede proprietà isolanti.

Così, se l’aria, rarefatta o riscaldata, viene resa più o meno conduttrice, queste azioni tra due corpi elettrificati praticamente cessano, mentre le azioni tra i singoli atomi continuano a manifestarsi.

Un esperimento può servire come illustrazione e come mezzo per mettere in evidenza altre caratteristiche di interesse. Qualche tempo fa ho mostrato che un filamento di lampada o un filo montato in una lampadina e collegato ad uno dei terminali di una bobina secondaria ad alta tensione viene fatto girare, la parte superiore del filamento generalmente descrive un cerchio.

Questa vibrazione era molto energica quando l’aria nel bulbo era a pressione ordinaria e diventava meno energica quando l’aria nel bulbo era fortemente compressa. Cessava del tutto quando l’aria era esaurita in modo da diventare relativamente buona conduttrice. Trovai allora che nessuna vibrazione aveva luogo quando il bulbo era molto esaurito.

Ma ipotizzai che la vibrazione che avevo attribuito all’azione elettrostatica tra le pareti della lampadina e il filamento avrebbe dovuto aver luogo anche in una lampadina molto esaurita. Per provarlo in condizioni più favorevoli, fu costruita una lampadina come quella della Fig. 174. Essa comprendeva un globo b, nel cui collo era sigillato un filo di platino w che portava un sottile filamento di lampada f. Nella parte inferiore del globo un tubo t era sigillato in modo da circondare il filamento. L’esaurimento è stato portato fino al punto in cui era possibile con l’apparato utilizzato.

Fig. 173. & Fig. 174.

Questa lampadina ha verificato la mia aspettativa, perché il filamento è stato messo in rotazione quando la corrente è stata accesa, ed è diventato incandescente

[Pg 327]

Ha anche mostrato un’altra caratteristica interessante, che riguarda le osservazioni precedenti, vale a dire, quando il filamento è stato tenuto incandescente per qualche tempo, il tubo stretto e lo spazio interno sono stati portati ad una temperatura elevata e come il gas nel tubo è diventato conduttore, l’attrazione elettrostatica tra il vetro e il filamento è diventato molto debole o cessato, e il filamento è venuto a riposo.

Quando si fermava, brillava molto più intensamente. Questo era probabilmente dovuto alla sua assunzione della posizione al centro del tubo dove il bombardamento molecolare era più intenso, e anche in parte al fatto che i singoli impatti erano più violenti e che nessuna parte dell’energia fornita veniva convertita in movimento meccanico. Poiché, in accordo con le opinioni accettate, in questo esperimento l’incandescenza deve essere attribuita agli impatti delle particelle, molecole o atomi nello spazio riscaldato, queste particelle devono quindi, per spiegare tale azione, essere assunte per comportarsi come portatori indipendenti di cariche elettriche immerse in un mezzo isolante; tuttavia non vi è alcuna forza attrattiva tra il tubo di vetro e il filamento perché lo spazio nel tubo è, nel suo complesso, conduttore.

È di un certo interesse osservare a questo proposito che mentre l’attrazione tra due corpi elettrificati può cessare a causa dell’indebolimento del potere isolante del mezzo in cui sono immersi, la repulsione tra i corpi può ancora essere osservata. Questo può essere spiegato in modo plausibile.

Quando i corpi sono posti a una certa distanza in un mezzo scarsamente conduttore, come l’aria leggermente riscaldata o rarefatta, e vengono improvvisamente elettrificati, essendo loro impartite cariche elettriche opposte, queste cariche si equalizzano più o meno per perdita attraverso l’aria.

Ma se i corpi sono elettrificati in modo simile, c’è meno opportunità per tale dissipazione, quindi la repulsione osservata in questo caso è maggiore dell’attrazione. Le azioni repulsive in un mezzo gassoso sono comunque, come ha dimostrato il Prof. Crookes, potenziate dal bombardamento molecolare.

In qualche momento della sua vita Tesla credeva nella possibilità dell’energia atomica come fonte di energia. Ma dopo alcuni anni di ricerca affermò proprio il contrario come risultato dei suoi esperimenti di “accelerazione e schiacciamento delle particelle atomiche”. Per questo motivo si suppone che un qualche tipo di acceleratore di particelle sarebbe necessario per sviluppare tali esperimenti, tuttavia i dettagli sono sconosciuti. L’utilizzo di tubi elettronici (o tubi catodici) è descritto in alcuni articoli e interviste sul “raggio della morte” di Tesla.

Imbrigliare la natura Si può utilizzare l’energia libera dello spazio? Scientific American – 5 aprile 1913

“Gli esperimenti condotti dal signor Nikola Tesla con forze elettromotorie di 2.000.000 di volt lo hanno convinto che se si potessero produrre 100.000.000 di volt sarebbe possibile rompere la struttura atomica di qualsiasi elemento e liberare così una certa quantità di energia. “Ma”, disse allo scrittore di questo articolo, “anche se l’impresa potesse essere compiuta e si liberasse una quantità sufficiente di energia, rimane ancora il problema enormemente difficile di concepire un mezzo per utilizzare l’energia in modo pratico”.

Tesla, 75 anni, predice una nuova fonte di energiaNew York Times – 5 luglio 1931

“Quando e dove pensa di fare l’annuncio ufficiale delle sue nuove scoperte?” fu chiesto all’inventore.

“Queste scoperte”, rispose, “non mi sono venute di notte, ma come risultato di un intenso studio e sperimentazione per quasi trentasei anni. Sono naturalmente ansioso di dare i fatti al mondo il più presto possibile, ma desidero anche presentarli in una forma finita. Questo può richiedere qualche mese o qualche anno”.

“L’idea dell’energia atomica è illusoria, ma si è impadronita così fortemente delle menti, che sebbene io abbia predicato contro di essa per venticinque anni, ci sono ancora alcuni che la credono realizzabile.

“Ho disintegrato gli atomi nei miei esperimenti con un tubo a vuoto ad alto potenziale, che ho messo in commercio nel 1896 e che considero una delle mie migliori invenzioni. L’ho fatto funzionare con pressioni che vanno da 4.000.000 a 18.000.000 di volt. Più recentemente ho progettato un apparecchio per 50.000.000 di volt che dovrebbe produrre molti risultati di grande importanza scientifica.

“Ma per quanto riguarda l’energia atomica, le mie osservazioni sperimentali hanno dimostrato che il processo di disintegrazione non è accompagnato da una liberazione di tale energia come ci si potrebbe aspettare dalle teorie attuali.

Difesa aerea “raggio della morte” offerto agli Stati Uniti da Tesla The Baltimor Sun – 12 luglio 1940.

Le tensioni per spingere il raggio della morte al suo obiettivo, ha dichiarato, raggiungeranno un potenziale di 50.000.000.

Con questa enorme tensione, disse, microscopiche particelle di materia saranno catapultate nella loro missione di distruzione difensiva.

Raggio per uccidere l’esercito a 200 miglia, l’affermazione di Tesla al 78° compleanno – New York Herald Tribune – 11 luglio 1934:

“È una pistola elettrica

Il fascio di forza stesso, come il Dr. Tesla lo ha descritto, è una corrente concentrata – non deve essere più spessa di una matita – di particelle microscopiche che si muovono a diverse centinaia di volte la velocità dei proiettili di artiglieria. La macchina in cui il dottor Tesla combina i suoi quattro dispositivi è, in realtà, una sorta di cannone elettrico.

Ha illustrato il tipo di cose che saranno le particelle ricordando un incidente che si è verificato abbastanza spesso quando stava sperimentando con un tubo catodico. Allora, a volte, una particella più grande di un elettrone, ma ancora molto piccola, si staccava dal catodo, passava fuori dal tubo e lo colpiva. Disse che poteva sentire un dolore acuto e pungente nel punto in cui entrava nel suo corpo, e di nuovo nel punto in cui usciva. Le particelle nel fascio di forza, munizioni che gli operatori della macchina generatrice dovranno fornire, viaggeranno molto più velocemente delle particelle che si sono staccate dal catodo, e viaggeranno in concentrazioni, disse.

Come ha spiegato il dottor Tesla, l’enorme velocità delle particelle darà loro le qualità di distruzione. Tutte le superfici corazzate, tranne le più spesse che le affrontano, verrebbero fuse in un istante dal calore generato dalla concussione”.

“Dovrei anche dire, e questo è forse importante come qualsiasi altra cosa, che in questo apparecchio sono state eliminate tutte le limitazioni relative alla forza elettrica e alla quantità di elettricità trasmessa”.

Dichiarazione preparata di Tesla (per l’intervista con la stampa in occasione dell’81° compleanno):

C’è un’altra scoperta che voglio annunciare in questo momento, che consiste in un nuovo metodo e apparato per l’ottenimento di vuoto che supera di molte volte il più alto finora realizzato. Penso che si possa raggiungere anche un miliardesimo di micron. Ciò che può essere realizzato per mezzo di tali vuoti è una questione di congetture, ma è ovvio che essi renderanno possibile la produzione di effetti molto più intensi nei tubi elettronici.

Le mie idee riguardo all’elettrone sono in contrasto con quelle generalmente sostenute. Ritengo che sia un corpo relativamente grande che porta una carica superficiale e non un’unità elementare. Quando un tale elettrone lascia un elettrodo di potenziale estremamente alto e in un vuoto molto alto, porta una carica elettrostatica molte volte maggiore del normale. Questo può stupire alcuni di coloro che pensano che la particella abbia la stessa carica nel tubo e fuori di esso nell’aria.

Un esperimento bello e istruttivo è stato ideato da me per dimostrare che non è così, perché non appena la particella esce nell’atmosfera, diventa una stella ardente a causa della fuga della carica in eccesso. La grande quantità di elettricità immagazzinata nella particella è responsabile delle difficoltà incontrate nel funzionamento di certi tubi e del rapido deterioramento degli stessi.

Proporre il “raggio della morte” per la difesaPhiladelphia Inquirer – 20 ottobre 1940:

“Si basa su un principio fisico completamente nuovo che nessuno ha mai sognato. È diverso dal principio incorporato nelle mie invenzioni relative alla trasmissione di energia elettrica a distanza, per le quali detengo un certo numero di brevetti di base”.

Illustrazioni da un articolo nel numero di marzo 1920 di Electrical Experimenter intitolato ‘Trasmissione wireless di potenza ora possibile’. Le illustrazioni mostrano i suoi dispositivi prototipo per ‘trasmissioni di fasci ionizzati diretti’, un dispositivo ‘faro di ricerca’. Ma secondo Tesla i risultati dei test non giustificavano la speranza di importanti applicazioni pratiche a grande distanza.

“Dopo gli esperimenti preliminari di laboratorio, feci delle prove su larga scala con il trasmettitore menzionato e un fascio di raggi ultravioletti di grande energia nel tentativo di condurre la corrente agli alti strati rarefatti dell’aria e creare così uno spettacolo aurorale come potrebbe essere utilizzato per l’illuminazione, specialmente degli oceani di notte. Trovai che c’era qualche virtù nel principio, ma i risultati non giustificavano la speranza di importanti applicazioni pratiche anche se, alcuni anni dopo, diversi inventori affermarono di aver prodotto un “raggio della morte” in questo modo. Mentre i rapporti pubblicati in questo senso erano del tutto infondati, credo che con il nuovo trasmettitore da costruire, molte meraviglie saranno raggiunte”.

Una macchina per porre fine alla guerra Liberty – Febbraio 1937:

La mia scoperta pone fine alla minaccia degli aeroplani o dei sottomarini, ma assicura la supremazia della nave da guerra, perché le navi da guerra possono essere dotate di alcune delle attrezzature necessarie. Potrebbe ancora esserci una guerra in mare, ma nessuna nave da guerra potrebbe attaccare con successo la linea costiera, poiché l’equipaggiamento della costa sarà superiore all’armamento di qualsiasi nave da guerra.

Voglio dichiarare esplicitamente che questa mia invenzione non prevede l’uso dei cosiddetti “raggi della morte”. I raggi non sono applicabili perché non possono essere prodotti nelle quantità richieste e diminuiscono rapidamente di intensità con la distanza. Tutta l’energia di New York City (circa due milioni di cavalli) trasformata in raggi e proiettata a venti miglia, non potrebbe uccidere un essere umano, perché, secondo una nota legge della fisica, si disperderebbe a tal punto da essere inefficace.

Il mio apparecchio proietta particelle che possono essere relativamente grandi o di dimensioni microscopiche, permettendoci di convogliare in una piccola area a grande distanza trilioni di volte più energia di quanto sia possibile con raggi di qualsiasi tipo. Molte migliaia di cavalli possono così essere trasmessi da un flusso più sottile di un capello, in modo che nulla possa resistere. Questa meravigliosa caratteristica renderà possibile, tra le altre cose, raggiungere risultati inimmaginabili nella televisione, poiché non ci sarà quasi nessun limite all’intensità dell’illuminazione, alle dimensioni dell’immagine o alla distanza di proiezione.

Non dico che non ci possano essere diverse guerre distruttive prima che il mondo accetti il mio dono. Potrei non vivere per vedere la sua accettazione. Ma sono convinto che tra un secolo ogni nazione si renderà immune da attacchi con il mio dispositivo o con un dispositivo basato su un principio simile.

All’età di 81 anni, ad un pranzo in suo onore, riguardo al Raggio della Morte, Tesla dichiarò:

“Ma non è un esperimento…. L’ho costruito, dimostrato e usato. Passerà solo un po’ di tempo prima che io possa darlo al mondo”.

Storia degli acceleratori di particelle

Ci sono due classi fondamentali di acceleratori: gli acceleratori elettrostatici e quelli a campo oscillante. Gli acceleratori elettrostatici usano campi elettrici statici per accelerare le particelle. Un esempio su piccola scala di questa classe è il tubo catodico in un comune vecchio televisore. Altri esempi sono il generatore di Cockcroft-Walton e il generatore di Van de Graaff. L’energia cinetica ottenibile per le particelle in questi dispositivi è limitata dalla rottura elettrica. Gli acceleratori a campo oscillante, d’altra parte, usano campi elettromagnetici a radiofrequenza per accelerare le particelle, ed eludono il problema della rottura. Questa classe, che è stata sviluppata per la prima volta negli anni ’20, è la base di tutti i moderni concetti di acceleratore e delle strutture su larga scala.

Per poter approfondire i segreti della struttura della materia, i fisici scoprirono che dovevano “schiacciare”, “colpire” o “disturbare” le particelle atomiche con la massima energia possibile. Nel 1911 Rutherford riuscì ad elaborare un modello atomico con l’aiuto di un proiettile di una certa energia: le particelle α (particelle alfa).

Durante un lungo periodo di tempo tali particelle furono l’unico metodo per disturbare il microcosmo in modo controllato; ma per l’unico modo di produrle, era necessario un qualche tipo di materiale che fosse già radioattivo in natura. Questa limitazione divenne più notevole nel 1919 quando Rutherford aprì il nuovo campo delle trasformazioni nucleari quando studiò la reazione N14 + α (alfa) => O17 + p (un nucleo di azoto assorbe una particella α, emettendo un protone e trasformandolo in un nucleo di Ossigeno). Le fonti radioattive disponibili erano troppo deboli per continuare a penetrare nel mistero del nucleo atomico. Un grammo di radio produceva 37.000 milioni di particelle α al secondo (oltre ad altri prodotti della disintegrazione) di cui 1 su 100.000 portava una trasformazione; troppo pochi per poter separare chimicamente le sostanze generate per esaminare i prodotti.

Inoltre, l’energia di queste particelle α era appena sufficiente per poter superare la repulsione elettrica del nucleo verso cui erano dirette. Era urgente trovare macchine che potessero aumentare il numero e la velocità (energia) delle particelle. E poiché erano cariche, un modo era quello di metterle dentro grandi differenze di potenziale.

Prima della prima guerra mondiale non esistevano mezzi tecnici per progredire così tanto in quella direzione. Dal 1920 già iniziato ad apparire alcuni apparecchi. A Cambridge, John Cockcroft ed Ernest Walton usarono un moltiplicatore voltaico che forniva loro 125 Kv (1Kv=1000V) per essere i primi ad osservare nel 1932 la disintegrazione artificiale di atomi di litio in due particelle α. Nel dipartimento di magnetismo terrestre del Carnegie Institute di Washington, Merle Tuve nel 1928 utilizzò un trasformatore inventato da Nikola Tesla con il quale raggiunse 3 milioni di Volt.

Con la collaborazione di Gregory Breit, Tuve utilizzò questo metodo per accelerare protoni ed elettroni. Dopo aver lavorato per un breve periodo in una centrale elettrica in Alabama, Robert J. Van de Graaf progettò il suo generatore elettrostatico. Dopo aver trascorso un anno a Oxford con una borsa di studio, ha concepito un dispositivo per costruire un’alta tensione utilizzando semplici principi di elettrostatica.

Una cintura di materiale isolante porta l’elettricità da una fonte puntuale ad un grande conduttore sferico isolato. Un’altra cintura allo stesso modo trasporta elettricità di carica opposta ad un’altra sfera. Le sfere accumulano un potenziale fino a quando il campo elettrico rompe l’aria e un’enorme scintilla si innesca. Mentre era postdottorato a Princeton, lo adattò (dove arrivò nel 1928) per l’accelerazione di particelle. In poco tempo il suo prototipo forniva gli 80 Kv e nel 1931 era già possibile fornire 750 Kv e usando due sfere era possibile raggiungere una differenza di potenziale di 1,5 Mv (1Mv=1000Kv).

Nel 1937 esistevano già generatori di Van de Graaf di 5 metri di altezza che erano in grado di fornire 5Mv. Aumentando il raggio delle sfere, Van de Graaff poteva raggiungere tensioni più elevate senza archi elettrici. Il voltaggio massimo in teoria, in megavolt, equivaleva all’incirca al raggio della sfera in piedi. Ben presto stava progettando una coppia di sfere di 15 piedi di diametro. Nel 1933 Tuve e la sua squadra usarono un generatore di Van de Graaf di 1 Mv insieme al tubo di scarica che migliorarono e osservarono la disintegrazione del litio e del boro.

Questo generatore elettrostatico (Van de Graaf generator) smascheratore di atomi fu costruito alla Carnegie Institution di Washington D.C., e usato tra il 1920 e il 1940. La sezione trasversale mostra un conduttore sferico, i suoi supporti isolanti e il tubo in cui le particelle sono accelerate. Il nastro di carica è mostrato tagliato vicino alla parte superiore e inferiore. In questa struttura si parlava anche di “raggi della morte”.

L’iniziativa più importante che finì per sviluppare di più e segnare un’epoca della fisica fu quella associata al fisico americano Ernest Orlando Lawrence. Le difficoltà di mantenere alti voltaggi portarono diversi fisici a proporre di accelerare le particelle usando un voltaggio inferiore più di una volta.

Dopo la laurea a Yale Lawrence fu assunto come professore associato alla fisica per Berkley nel 1928. Lawrence venne a conoscenza di uno di questi schemi nella primavera del 1929, mentre sfogliava un numero di Archiv für Elektrotechnik, una rivista tedesca per ingegneri elettrici. Lawrence leggeva il tedesco solo con grande difficoltà, ma fu premiato per la sua diligenza: trovò un articolo di un ingegnere norvegese, Rolf Wideröe, il cui titolo poteva tradurre come “Su un nuovo principio per la produzione di tensioni più elevate”. I diagrammi spiegavano il principio e Lawrence saltò il testo. Questo articolo ispirò la sua idea di un acceleratore di particelle, il primo ciclotrone.

Il primo linac a radiofrequenza per l’accelerazione di ioni pesanti è stato progettato da Rolf Widerøe nel 1928. Sorgente rf da 1 MHz, 25 KV per accelerare gli ioni di potassio fino a 50 KeV. Distanza di traferro ottimale d=βλ/2=βc/2f

Rolf Widerøe, Gustav Ising, Leó Szilárd, Donald Kerst ed Ernest Lawrence sono considerati i pionieri degli acceleratori di particelle, concependo e costruendo il primo acceleratore di particelle lineare operativo, il betatron e il ciclotrone.

Schema di un ciclotrone, un acceleratore di particelle inventato da Earnest O. Lawrence nel 1932 e ampiamente utilizzato dagli anni ’30 agli anni ’50. Consiste in una coppia di elettrodi di lamiera a forma di “D” chiamati “Dees” posti faccia a faccia all’interno di una camera a vuoto, tra i poli di un elettromagnete. Una tensione oscillante a radiofrequenza di diverse migliaia di volt viene applicata ai Dees. Le particelle atomiche da accelerare, come i protoni, vengono rilasciate nel centro.

Il campo magnetico le fa viaggiare in un percorso a spirale dal centro al bordo dei coni, venendo accelerate ogni volta che passano da un elettrodo all’altro. Quando le particelle raggiungono il bordo, escono dai coni attraverso una piccola fessura e colpiscono un bersaglio. In questo diagramma i pezzi del polo dell’elettromagnete non sono mostrati a grandezza naturale; devono essere grandi almeno quanto i coni per creare un campo uniforme. Didascalia: Come funziona il ciclotrone. Le dimensioni dei magneti sono state tenute basse per mostrare il percorso dell’elettrone

La nuova arte di proiettare energia concentrata non dispersiva attraverso i mezzi naturali

Se l’idea di Tesla sia mai stata presa sul serio è ancora una questione di congetture. La maggior parte degli esperti oggi considera la sua idea inattuabile. Tuttavia, il suo raggio della morte ha una sorprendente somiglianza con l’arma a fascio di particelle cariche sviluppata sia dagli Stati Uniti (Beam Experiments Aboard Rocket) che dall’Unione Sovietica durante la guerra fredda.

Alla fine degli anni ’30 molti conflitti stavano dando abbastanza prove che l’oscuro futuro della guerra sarebbe presto scoppiato in Europa. Nikola Tesla cercò di convincere i militari a generare interesse per ottenere i finanziamenti per il suo “raggio di pace”, ma sembra che non ricevette l’attenzione che sperava. Dopo alcuni tentativi, decise di non arrendersi e inviò un elaborato documento tecnico, inclusi i diagrammi, a un certo numero di nazioni alleate tra cui Stati Uniti, Canada, Inghilterra, Francia, Unione Sovietica e Jugoslavia.

Un documento emerge nel 1983 che è il primo a mostrare un vero piano per un’arma. Un’analisi della carta da parte del museo Tesla di Belgrado ne determina l’autenticità. Il documento, che si intitola “Nuova arte di proiettare energia concentrata non dispersiva attraverso mezzi naturali” è l’unico documento conosciuto che Telsa abbia mai scritto sull’armamento a fasci di particelle.

Il paese più interessato tra tutti quelli che ricevettero la proposta di Tesla, il maggior interesse venne dall’Unione Sovietica. Nel 1937 (accordo datato 20 aprile 1935) Tesla presentò un piano alla Amtorg Trading Corporation, un presunto fronte sovietico di armi a New York City. Due anni dopo, nel 1939, una fase del piano fu testata in URSS e Tesla ricevette un assegno di 25.000 dollari. È evidenziato dagli archivi non classificati dell’FBI rilasciati (Parte 1 pagina 185).

All’interno dell’estratto Tesla accettò di fornire piani, specifiche e informazioni complete su un metodo e un apparato per produrre particelle molto piccole in un tubo aperto all’aria, per aumentare la carica delle particelle alla piena tensione del terminale ad alto potenziale e per proiettare le particelle ad una distanza di cento miglia o più. La velocità massima delle particelle è stata specificata come non inferiore a 350 miglia al secondo. Il ricevimento di 25.000 dollari per questa divulgazione fu riconosciuto da Nikola Tesla e da A. Bartanian della Amtorg Trading Corporation.

Durante la seconda guerra mondiale, Amtorg gestì il flusso di forniture militari all’Unione Sovietica, compresi gli armamenti, le materie prime, il cibo e le uniformi sotto il programma Lend-Lease.

Durante gli anni della Guerra Fredda, la portata dell’impresa di Amtorg era più limitata, ma continuò a condurre i suoi affari al 49 West 37th Street, a New York City, mantenendo uno staff ridotto all’osso. Come braccio dello stato sovietico, Amtorg, all’epoca situata al 355 di Lexington Avenue a New York City, fu presa di mira in due tentativi di bombardamento, nel 1971 e nel 1976, da membri della Jewish Armed Resistance, un gruppo estremista affiliato alla Jewish Defense League.

Circondato da continue controversie, Amtorg è sopravvissuto alla guerra fredda ma non è sopravvissuto al crollo dell’Unione Sovietica, scomparendo silenziosamente nel 1998.

In una lettera scritta a J. P. Morgan, Jr. il 29 novembre 1934, Tesla descrisse l’arma:

“Ho fatto recenti scoperte di inestimabile valore… La macchina volante ha completamente demoralizzato il mondo, tanto che in alcune città, come Londra e Parigi, la gente ha una paura mortale dei bombardamenti aerei. I nuovi mezzi che ho perfezionato offrono una protezione assoluta contro questa e altre forme di attacco. … Queste nuove scoperte, che ho realizzato sperimentalmente su scala limitata, hanno creato una profonda impressione.

Uno dei problemi più urgenti sembra essere la protezione di Londra e sto scrivendo ad alcuni amici influenti in Inghilterra sperando che il mio piano venga adottato senza indugio. I russi sono molto ansiosi di rendere sicuri i loro confini contro l’invasione giapponese e ho fatto loro una proposta che viene seriamente considerata”.

Durante il periodo in cui i negoziati erano in corso, Tesla sostenne che erano stati fatti degli sforzi per rubare l’invenzione. La sua stanza era entrata e i suoi documenti erano stati esaminati, ma i ladri, o le spie, se ne erano andati a mani vuote. Disse che non c’era pericolo che la sua invenzione potesse essere rubata perché non aveva mai messo su carta nessuna parte di essa. Il progetto dell’arma Teleforce era tutto nella sua mente.

Nel 1940 Tesla stimò che ogni stazione non sarebbe costata più di 2.000.000 di dollari e avrebbe potuto essere costruita in pochi mesi.

Altre controverse proposte del raggio della morte e possibili frodi

Proposta di raggio della morte di Harry Grindell Matthews
Proposta di raggio della morte di Harry Grindell Matthews

“Le opinioni di Tesla sull’elettricità e la guerra” – The Electrical Experimenter – Agosto 1917

Il “raggio Ulivi” è stato davvero trapiantato da questo paese in Italia”, ha affermato il dottor Tesla. “Era semplicemente un adattamento dei miei potentissimi fenomeni ad alta frequenza come quelli realizzati in Colorado e citati in precedenza. Con un potente oscillatore che sviluppa migliaia di cavalli di potenza, sarebbe facilmente possibile far esplodere caricatori di polvere da sparo e munizioni per mezzo delle correnti ad alta frequenza indotte in ogni pezzo di metallo, anche se situato a cinque o sei miglia di distanza e oltre. Anche un barattolo di polvere da sparo avrebbe un potenziale da 6.000 a 7.000 volt indotto in esso a quella distanza.

“All’epoca di quei test riuscii a produrre i raggi X più potenti mai visti. Potevo stare ad una distanza di 100 piedi dall’apparecchio a raggi X e vedere chiaramente le ossa della mano con l’aiuto di uno schermo fluoroscopico; e avrei potuto facilmente vederle ad una distanza molte volte maggiore utilizzando una potenza adeguata. Infatti, allora non potevo procurarmi generatori di raggi X per gestire anche una piccola frazione della potenza che avevo a disposizione. Ma ora ho progettato un apparecchio con il quale questa tremenda energia di centinaia di kilowatt può essere trasformata con successo in raggi X”.

Tesla aveva probabilmente torto in questo caso quando affermò che Giacomo Ulivi copiò la sua idea sapendo che i raggi della morte di Ulivi furono infine considerati una frode dopo molti tentativi in diversi luoghi per evitare le sue scuse di dimostrare la sua invenzione al pubblico senza condizioni ma anche perché aveva la cattiva abitudine di sparire nei momenti giusti

La proposta del raggio della morte di Harry Grindell Matthews aveva quasi la stessa reputazione del falso inventore italiano Giacomo Ulivi perché non era mai stato in grado di dimostrare ai militari del Regno Unito o a qualsiasi altro testimone, ma sembra che ci sia sempre stato qualche dubbio sul fatto che Matthews abbia mai effettivamente inventato un “raggio della morte” sapendo che alcuni documenti conservati nell’ufficio brevetti francese mostrano un brevetto registrato per la “Projection à distance Phénomenès invisibles de haute fréquency électrique” – o la “proiezione a distanza di elettricità invisibile ad alta frequenza” (fonte di ricerca) in altre parole, il “raggio della morte” – depositato nell’ottobre 1924 sotto il nome di Eugene Royer, stretto collaboratore di Matthews.

Arma “raggio della morte” sviluppata dai nazisti

Altre informazioni: “I nazisti svilupparono l’arma “raggio della morte””.

Il seguente è un insieme di dati relativi al progetto nazista.

Death-Rays as Life-Savers in the Third Reich di Pedro Waloschek (la descrizione che appare nel libro sul “raggio della morte” di Tesla è sbagliata in quanto non doveva utilizzare onde elettromagnetiche o energia senza fili e in questo caso Tesla non ha mai dichiarato che le particelle dovevano viaggiare più velocemente della luce):

Oggi sappiamo che i “raggi della morte” resi famosi dalla letteratura e dal cinema di fantascienza non sono mai stati effettivamente impiegati, e certamente non durante la seconda guerra mondiale. La vasta letteratura sulle armi segrete ci fornisce pochissime menzioni di “raggi della morte”, e la maggior parte di queste si riferiscono a disperate trovate pubblicitarie della leadership tedesca verso la fine della guerra.

Tuttavia, furono fatte diverse proposte che portarono alla creazione di veri e propri progetti di ricerca e sviluppo che miravano (o speravano) di raggiungere lo sviluppo dei ‘raggi della morte’, o almeno di raccogliere alcune delle conoscenze considerate indispensabili per la realizzazione di tali armi. Tutto ciò non appartiene al mondo delle congetture; esistono prove reali di attività, ricostruibili grazie a documenti d’archivio e dichiarazioni di testimoni.

Verso la fine della guerra, gli scienziati in Germania cercarono di utilizzare i fondi ancora disponibili per il lavoro di ricerca. Alcuni di questi progetti erano sensati, altri meno. Hanno anche usato tali progetti come pretesti per salvare i loro dipendenti dai servizi di guerra (vedi Schiebold) o dalla deportazione nei campi di concentramento (vedi Schmellenmeier).

La maggior parte di loro stava già pensando in termini di applicazioni scientifiche o commerciali del dopoguerra. Così furono sostenuti e incoraggiati da aziende industriali come Brown Boveri (BBC), Philips e Siemens, che si aspettavano un futuro mercato di macchine per la produzione di raggi X per gli ospedali. Ed erano in forte competizione con aziende statunitensi come General Electric.

Tuttavia, per ottenere i materiali, il sostegno finanziario e i servizi necessari per un progetto, molti scienziati trovarono conveniente dichiarare che il loro lavoro era di vitale importanza per lo sforzo bellico. Le loro possibilità di successo andavano ancora meglio se potevano affermare che i loro sviluppi erano indispensabili per produrre un’arma specifica, che poteva rivelarsi decisiva per una vittoria definitiva (e un po’ miracolosa). A volte queste proposte erano esplicite, e 6 rapporti inequivocabili (anche se segreti) venivano presentati per iscritto alle autorità.

Ma in altri casi i suggerimenti venivano sollevati solo oralmente, e la documentazione presentata serviva solo a nascondere lo scopo militare di questi progetti dietro una cortina fumogena di intenti civili. In una certa misura gli scienziati furono in grado di fare questo gioco grazie alla mancanza di comprensione tecnica e scientifica della leadership nazista. Inoltre, era improbabile che esperti con punti di vista opposti sollevassero obiezioni ad un progetto considerato essenziale per lo sforzo bellico, poiché questo sarebbe stato considerato in generale come disfattismo di rango.

Tuttavia il mondo aveva paura delle armi miracolose di Hitler e in particolare dei suoi raggi della morte. Qual era la verità dietro questi raggi della morte? E come la Luftwaffe tedesca e altre autorità erano state convinte dell’opportunità di fare sostanziali sforzi di ricerca e sviluppo per produrre tali raggi della morte? Questa è l’area in discussione. L’argomento ha cominciato ad affascinarmi in gioventù.

Il mio scopo è quello di presentare la raccolta di dati che ho accumulato nel corso di molti anni, e renderla accessibile agli altri in un modo che spero sia interessante e facile da capire. Sono stato particolarmente interessato alla vita e ai problemi delle persone coinvolte nei progetti del “raggio della morte”, e spero che le informazioni che presento possano contribuire all’eliminazione di alcuni miti e pregiudizi che sono sorti dopo la guerra, principalmente come risultato del (talvolta giustificato) silenzio dei partecipanti.

L’arma tedesca “raggio della morte” distrutta The argus, Melbourne – 8 settembre 1944

Questa struttura di cemento in Francia doveva ospitare un’arma segreta nazista, credono i civili francesi. Cinquemila operai erano impegnati giorno e notte, ma dopo 35 attacchi della RAF il progetto fu abbandonato. I costruttori hanno lasciato intendere che si stava installando una macchina a raggi mortali capace di fermare i motori degli aerei in volo e di radere al suolo Londra. (Foto della radio canadese WIB ricevuta da Beam Wireless).

Da “Restricted Films of WWII”:

“Un fortino tedesco incompleto vicino a Vatan, Francia. (Circa 240Km a sud di Parigi) Secondo i civili, i nazisti speravano di ospitare apparati elettrici per inviare fasci che avrebbero fermato gli aerei in volo.

La struttura è lunga 300′, larga 200′ e alta circa quattro piani. Le porte d’acciaio destinate a funzionare su rulli sono spesse 8′ e alte 24′-25′. Gli aerei alleati hanno bombardato il blocco e i suoi dintorni con bombe da 1000 libbre”.

Veduta aerea del bunker pesantemente bombardato – Blockhaus d’Éperlecques – Aperto al pubblico dal 1973 e classificato ‘Ancient Memorials’ nel 1985.

Mechanix Illustrated

Aprile 1944

Il governo britannico era spaventato nel 1935. Non a causa della forza aerea di Hitler o della sua fanteria. A causa del suo raggio della morte.

I giornali gridavano che i nazisti potevano avere una super-arma che poteva incenerire tessuti viventi o far esplodere una bomba a lunga distanza. Inondato da lettere che imploravano una risposta, il Ministero dell’Aria britannico chiese all’eminente fisico Robert Watson-Watt di vedere se un raggio della morte basato sulle onde radio fosse fattibile.

Entro dieci giorni Watson-Watt riferì che tale arma era improbabile. Ma usare le onde radio per localizzare un bombardiere in avvicinamento era una possibilità reale. Ed è così che nacque il radar.

A Robert Watson-Watt viene dato il merito di aver inventato il radar. In realtà, questo credito dovrebbe andare all’ingegnere tedesco Christian Hulsmeyer che nel 1904, utilizzando brevettato un sistema di allarme rapido per la navigazione. Egli, a sua volta, utilizzò una scoperta di Heinrich Hertz che aveva scoperto nel 1888 che le onde radio potevano essere fatte rimbalzare dagli oggetti.

Nel 1935, a Robert Watson-Watt un fisico scozzese fu chiesto dal Ministero dell’Aria di investigare la possibilità di creare un’arma “a raggi mortali” usando le onde radio. Watson-Watt lavorava al National Physical Laboratory di Slough.

Watson-Watt non creò un’arma a “raggi della morte”, ma scoprì che i suoi trasmettitori radio potevano creare un’eco da un aereo che si trovava a oltre 200 miglia di distanza. Questa informazione avrebbe dato alla Royal Air Force un avvertimento anticipato di un attacco da parte di caccia nemici. Nel momento in cui una forza nemica si avvicinava alla costa, i caccia sarebbero stati in volo e pronti a combattere. Il nemico avrebbe perso l’elemento sorpresa. Questa invenzione di Watson-Watt fu vitale per la RAF durante la battaglia d’Inghilterra nel 1940.

Nel 1940, aiutato da John Randall e Henry Boot dell’Università di Birmingham, Robert Watson-Watt inventò il magnetron a cavità. Questo produceva una fonte compatta di onde radio ad onde corte e permetteva al Fighter Command della RAF di rilevare gli aerei nemici in arrivo da una distanza molto maggiore, dando così ai piloti più tempo per organizzarsi.

L’esodo quantico: Jewish Fugitives, the Atomic Bomb, and the Holocaust – di Gordon Fraser – 2012 – Pg 133-134:

Una rete di sostenitori scientifici si mise in azione per convincere le autorità che Gans, esperto di magnetismo, sarebbe stato più proficuamente impiegato nel laboratorio di Schmellenmeier. Una lettera di nientemeno che del Reichsfürer delle SS Heinrich Himmler sembrò risolvere la questione.

All’indebolito Gans fu assegnato un nuovo obiettivo. Più di un decennio prima, un’idea oscura in una rivista di ricerca tedesca aveva portato lo scienziato americano Ernest Lawrence a inventare i ciclotroni. Macchine per turbinare protoni e altri frammenti subatomici e accelerarli ad alte energie. L’idea di Schmellenmeier era di investigare se queste nuove macchine potessero essere trasformate in armi. L’efficacia dei cannoni antiaerei convenzionali tedeschi era stata ridotta dai bombardieri alleati che volavano in alto, fuori dalla portata dei cannoni, e che stavano portando sempre più scompiglio nelle città tedesche.

Forse la nuova arma di Schmellenmeier potrebbe colpire tali obiettivi nella stratosfera. L’idea era di far girare gli elettroni in un anello per creare un’intensa radiazione di microonde. Queste sarebbero state irradiate verso gli aerei nemici e avrebbero interferito con l’accensione del motore o accecato l’equipaggio. Il dispositivo era chiamato “Rheotron”.

Sulla carta, suonava molto impressionante, una nuova superarma da affiancare alle V1 e alle V2 “Vergeltungswaffen” (armi di ritorsione) allora in fase di preparazione. Tuttavia l’idea di questo “raggio della morte” non era nuova. Nel 1935, la Gran Bretagna aveva istituito un comitato per studiare i nuovi metodi di difesa aerea. Presto apparve che la potenza del raggio necessaria era irraggiungibile, ma la tecnologia fu presto focalizzata in quello che divenne noto come “radar”.

Gans era stato salvato una volta dal destino in un campo di concentramento, ma non era ancora al sicuro. La sua fortuna sembrava essersi esaurita nell’estate del 1944, quando fu arrestato e portato nella Grosse Hamburger Strasse, il punto di raccolta di Berlino per gli ebrei diretti ai campi di concentramento.

Ancora una volta, una missione di salvataggio entrò in azione all’ultimo minuto. Ormai, con il destino dei nazisti che diventava chiaro, alcuni membri di alto livello delle SS erano ansiosi di costruirsi una protezione aiutando gli ebrei invece di ucciderli. Il Rheotron era un bluff elaborato a diversi livelli. In primo luogo era un deterrente cartaceo, ma aveva anche un ruolo secondario come copertura per gli scienziati ebrei, in particolare Gans, che sospettavano che l’idea non avrebbe funzionato.

Più tardi quell’anno l’attrezzatura di Schmellenmeier fu evacuata con l’istruzione che “in caso di sconfitta militare, l’ebreo Gans deve essere liquidato”. Tuttavia le forze americane arrivarono per prime.

Ernst Schiebold (1894-1963) era un mineralogista tedesco che ha reso servizi eccezionali all’esame dei materiali utilizzando i raggi X. Von Schiebold vendette a Milch dell’aeronautica l’idea che fosse possibile costruire un faro a raggi X che avrebbe causato ustioni agli equipaggi dei bombardieri alleati ad altitudini fino a 30.000 piedi. la fonte dei raggi X doveva essere un betatron.

Durante la seconda guerra mondiale l’azienda elettronica tedesca Siemens sviluppò un’arma a raggi di particelle per la Luftwaffe. Fu inventato dal Prof. Max Steenbeck nel 1935. Heinz Schmellenmeier, Richard Gans e Fritz Houtermans erano le figure principali del progetto.

Il funzionamento della macchina consisteva nell’interrompere i magneti dei motori dei bombardieri alleati e portare gli aerei a quote più basse, alla portata delle batterie FLAK.

Il norvegese Dr. Rolf Wideroe scrisse nella sua autobiografia di aver lavorato su un acceleratore di particelle trasformatore di raggi X per questo progetto ad Amburgo nel 1943. Anche la filiale Philips Valvo partecipò e gran parte dell’ingegneria fu eseguita da CHF Muller & Co. Wideroe più tardi salvò il dispositivo dalle macerie di Dresda e lo consegnò alla terza armata del generale Patton a Burggrub il 14 aprile 1945.

Un secondo dispositivo rivale, il ‘Röntgenkanone’ di Ernst Schiebolds fu sviluppato a Großostheim a sud di Francoforte. Questo impiegava un acceleratore di particelle a coppa da sotto uno specchio parabolico di berillio con un fascio di nove barre di berillio come anodo nel suo nucleo. l’intero dispositivo era orientabile verso formazioni di bombardieri alleati. La società Richert Seifert & Co era in gran parte responsabile della sua fabbricazione.

Questi non erano laser. Dirigevano radiazioni dure agli aerei ed erano i precursori delle armi di Star Wars di oggi.

Nelle ultime fasi della seconda guerra mondiale, la Germania nazista puntò sempre più sulla ricerca di armi segrete tecnologicamente rivoluzionarie, le Wunderwaffen.

Tra le armi ad energia diretta che i nazisti studiarono c’erano le armi a raggi X sviluppate da Heinz Schmellenmeier, Richard Gans e Fritz Houtermans. Costruirono un acceleratore di elettroni chiamato Rheotron (inventato da Max Steenbeck alla Siemens-Schuckert negli anni ’30, questi furono poi chiamati Betatron dagli americani) per generare duri fasci di sincrotrone a raggi X per il Reichsluftfahrtministerium (RLM). L’intento era quello di pre-ionizzare l’accensione nei motori degli aerei e quindi servire come DEW antiaereo e portare gli aerei giù alla portata del FLAK. Il Rheotron fu catturato dagli americani a Burggrub il 14 aprile 1945.

Un altro approccio fu il “Röntgenkanone” di Ernst Schiebolds sviluppato dal 1943 a Großostheim vicino ad Aschaffenburg. La ditta Richert Seifert & Co di Amburgo forniva le parti.

Il Terzo Reich sviluppò ulteriormente le armi soniche, usando riflettori parabolici per proiettare onde sonore di forza distruttiva. Le armi a microonde furono studiate insieme ai giapponesi (vedi anche: radar giapponesi e relative armi della seconda guerra mondiale).

Rolf Wideroe disse nella sua autobiografia:

“Sembra che il Dr. Schiebold abbia spammato le sue idee. Ha parlato con i fisici che devono averlo ritenuto un caso senza speranza, ma ha anche affrontato alcune persone influenti in veste ufficiale che non erano in grado di dare giudizi informati. La maggior parte delle persone probabilmente lo liquidò come un pazzo innocuo, ma alcuni devono essersi convinti perché l’Aeronautica Militare, cioè il Ministero dell’Aviazione tedesco (RLM) e il Comando della Luftwaffe, fornirono un certo sostegno al suo “raggio della morte”.

Al fine di condurre alcuni esperimenti di prova per questo “raggio della morte”, un apparecchio a raggi X ancora inutilizzato e non imballato, con un’alimentazione ad alta tensione di poco più di un milione di volt (realizzata per mezzo di una sorta di circuito a cascata), fu portato da un ospedale di Amburgo a un piccolo aeroporto militare chiamato Groß-Ostheim (oggi “Großostheim”) nella regione di Hanau. Se ricordo bene, Richard Seifert organizzò questi test e Hollnack ne fu l’amministratore. Tuttavia, sia gli ingegneri che i tecnici capirono rapidamente che il pericolo per loro stessi che operavano la macchina a terra era molto più grande che per i piloti e le bombe degli aerei nemici.

Tuttavia, un trasformatore di raggi o betatron poteva produrre raggi X di molti milioni di volt e così facendo si poteva, in linea di principio (puramente sulla base delle leggi della fisica), migliorare il “raggruppamento” del fascio con un aumento di energia. In una certa misura, la portata effettiva potrebbe essere aumentata. Questa sembrava essere la ragione dell’interesse dell’aviazione tedesca per il betatron. Io non dovevo saperne nulla, e abbiamo sempre parlato del betatron solo in termini di importanza per la medicina. Come si è scoperto questo era effettivamente corretto.

Nel novembre 1943 avevo sviluppato un piano in tre fasi che prevedeva prima la costruzione di un betatron da 15 MeV ad Amburgo, poi un betatron da 200 MeV e infine una stazione sperimentale a Groß-Ostheim per installazioni ancora più grandi… [Wideroe commenta che solo la macchina di Amburgo venne realizzata, tuttavia l’intelligence alleata fa riferimento ad una macchina funzionante a Groß-Ostheim che disturbava i bombardieri alleati, quindi Wideroe potrebbe essere stato fuori dal giro sui successivi sviluppi].

Il nostro lavoro ad Amburgo confermò presto che il passo dalla macchina da 2,3 MeV di Kerst (USA) al nostro previsto trasformatore di raggi da 15 MeV era quello giusto. Naturalmente, tutto ciò che volevamo in linea di principio era raggiungere la massima energia possibile, ma a 15 MeV non ci aspettavamo alcun problema imminente con il giogo di ferro (che era molto simile a quello di un trasformatore ordinario). Tuttavia, questi problemi sono apparsi quando abbiamo costruito la prima macchina da 31 MeV per Brown Boveri a Baden, come spiegherò più avanti”.

Il ‘Röntgenkanone’ del Dr. Schiebold fu catturato dall’esercito di Patton a Burggrub, vicino a Beyreuth, intorno al 14 aprile 1945. Scomparve nei progetti neri degli Stati Uniti nel Nuovo Messico, riportato negli USA dal Progetto LUSTY.

Dall’autobiografia online di Wideroe, The Infancy of Particle Accelerators:

Alla fine ho scoperto perché l’aeronautica tedesca era così interessata al betatron. Il fisico Dr. Schiebold di Lipsia, uno specialista dei test non distruttivi dei materiali usando i raggi X tra gli altri metodi (dopo la guerra divenne professore a Magdeburgo) aveva avuto l’idea che sarebbe stato possibile costruire un tubo a raggi X….[che] avrebbe causato l’emissione dei raggi X in un fascio stretto. Con un voltaggio sufficientemente alto sarebbe stato possibile raggiungere alte intensità di radiazioni a lunghe distanze. Così sarebbe anche possibile uccidere i piloti.

Al fine di condurre alcuni esperimenti di prova per questo “raggio della morte”, un apparecchio a raggi X ancora inutilizzato e non imballato, con un’alimentazione ad alta tensione di poco più di un milione di volt (realizzata con una sorta di circuito a cascata), fu portato da un ospedale di Amburgo a un piccolo aeroporto militare chiamato Groß-Ostheim (oggi “Großostheim”) nella regione di Hanau.

Gunson afferma che il “ball lightning” era un artefatto del raggio quando veniva usato per disabilitare gli aerei in volo. Ho già sentito questa affermazione, anche se non ricordo dove. Tuttavia, la menzione del fulmine a palla fa sempre risuonare un sonoro “ding! ding! abbiamo una winna!” nella mia testa.

Un betatron è un acceleratore ciclico di particelle sviluppato da Donald Kerst all’Università dell’Illinois nel 1940 per accelerare gli elettroni, ma i concetti provengono in definitiva da Rolf Widerøe, il cui sviluppo di un acceleratore a induzione fallì a causa della mancanza di focalizzazione trasversale. Uno sviluppo precedente in Germania è avvenuto anche attraverso Max Steenbeck negli anni ’40.

Il betatron è essenzialmente un trasformatore con un tubo a vuoto a forma di toro come bobina secondaria. Una corrente alternata nelle bobine primarie accelera gli elettroni nel vuoto intorno a un percorso circolare. Il betatron è stata la prima importante macchina per produrre elettroni ad alta energia.

I betatroni sono stati storicamente impiegati in esperimenti di fisica delle particelle per fornire fasci di elettroni ad alta energia fino a circa 300 MeV. Se il fascio di elettroni è diretto ad una piastra metallica, il betatron può essere usato come fonte di raggi X o raggi gamma energetici; questi raggi X possono essere usati in applicazioni industriali e mediche (storicamente in radio-oncologia). Una piccola versione di un Betatron è stata anche utilizzata per fornire elettroni convertiti in raggi X duri da un bersaglio per fornire una rapida iniziazione di alcune armi nucleari sperimentali per mezzo di fissione indotta da fotoni e reazioni fotone->neutrone nel nucleo della bomba.

Il Radiation Center, il primo centro medico privato a trattare i pazienti affetti da cancro con un betatron, fu aperto dal dottor O. Arthur Stiennon in un sobborgo di Madison, Wisconsin alla fine degli anni ’50.

Fig. ? Il betatrone. Nota come le espansioni polari vanno al centro di una ‘ciambella’ sottovuoto.

Il dispositivo George utilizzava un gruppo di bombe Mk-5 e aveva lo scopo di raccogliere ulteriori dati sul tempo di innesco rispetto alla curva di rendimento. Un dispositivo utilizzava un iniziatore esterno invece di uno interno attivato dall’onda d’urto dell’implosione. Questo dispositivo noto come betatron usava elettroni per generare raggi X ad alta energia che inducevano la fotofissione nel nucleo per iniziare la reazione a catena. Il betatron permetteva un controllo molto accurato del tempo di innesco. Il dispositivo di prova aveva un diametro di 100cm e pesava 1224kg, la nube raggiungeva gli 11.000m. Il colpo fu rimandato a causa di condizioni meteorologiche sfavorevoli, e fu anche spostato in una zona diversa del Nevada Test Site a causa delle radiazioni residue dei colpi precedenti Easy e Fox.

Operazione Tumbler-Snapper

George 1 giugno 1952 Nevada Test Site (NTS), Area 3

Questo dispositivo (chiamato in codice XR2) ha utilizzato un gruppo bomba Mk 5. Il test aveva lo scopo di raccogliere ulteriori dati sul tempo di innesco rispetto alla curva di rendimento. Una caratteristica nuova di questo test era l’uso di un iniziatore esterno – in questo caso utilizzando un dispositivo chiamato betatron (che è un acceleratore circolare di elettroni). In questo test gli elettroni ad alta energia sono stati usati per generare raggi X ad alta energia che hanno indotto la fotofissione nel nucleo per iniziare la reazione a catena. Il betatron permetteva un controllo molto accurato del tempo di innesco. Il dispositivo di prova aveva un diametro di 40 pollici e pesava 2700 libbre, la resa prevista era di 30 kt.

Dispositivo di uccisione Betatron agenzia DOD/DARPA – 1989

Viene proposto uno studio di fattibilità su un nuovo concetto per la progettazione di un dispositivo di uccisione elettronica (soft kill). Il concetto utilizza mezzi convenzionali per consegnare un dispositivo che produce radiazioni ad alta energia (un “betatron”) in prossimità dei sistemi d’arma della minaccia, distruggendo così i componenti elettronici integrati in, o in supporto a, sistemi d’arma della minaccia.

Quando il betatron collassa sotto la pressione degli alti esplosivi contenuti nel sistema di consegna, diffonde in avanti le radiazioni gamma ad alta energia in una geometria a cono, producendo un’alta probabilità di danni permanenti ai dispositivi elettronici all’interno del cono di radiazione. Precedenti ricerche condotte dal Sandia National Laboratory sotto il nome in codice “delphi”, per l’ufficio della difesa strategica; e ricerche sul betatron condotte da fonti sia statunitensi che sovietiche supportano la possibilità di questo dispositivo.

Link relativi al betatron e alle armi ad energia diretta a raggi x:

I federali arrestano un membro del KKK e un complice per un complotto letale ai raggi X CNN – 21 giugno 2013

Armi moderne ad energia diretta

Dopo un secolo dalle idee di Tesla non sappiamo ancora della fattibilità del suo “raggio della morte”, ma alcune tecnologie moderne stanno diventando una realtà con gli stessi obiettivi. Un’arma ad energia diretta (DEW) emette un’energia altamente focalizzata, trasferendola su un bersaglio per danneggiarlo.

Le potenziali applicazioni di questa tecnologia includono sistemi di armi antiuomo, un potenziale sistema di difesa missilistica, e la disabilitazione di veicoli leggermente corazzati come automobili, droni, jet ski, dispositivi elettronici come i telefoni cellulari, applicazioni militari per bloccare l’elettronica e le comunicazioni nemiche, proteggere i convogli in zone ad alto rischio IED, sistemi in grado di proteggere aree critiche e attrezzature, così come nuovi sistemi per la polizia e l’impiego civile, sono tutti alla base della continua ricerca e sviluppo di Directed Energy Systems.

Verso la fine della guerra fredda, gli Stati Uniti hanno preso in considerazione lo sviluppo di propri DEW per difendersi dalle armi nucleari sovietiche e anche per contrastare un progetto sovietico percepito per conquistare il ‘terreno alto’ schierando laser e disturbatori nello spazio. Nel marzo 1983, il presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan propose l’ambizioso programma dell’Iniziativa di Difesa Strategica (SDI), in seguito soprannominato un po’ derisoriamente “Guerre Stellari”, per utilizzare sistemi basati a terra e nello spazio al fine di proteggere gli Stati Uniti da attacchi di missili balistici intercontinentali (ICBM).

La SDI studiò anche la possibilità di impiegare dispositivi ad energia diretta, specialmente armi laser, per distruggere gli ICBM in volo. Sebbene il colossale programma sia stato abbandonato in quanto impraticabile e proibitivamente costoso, ha posto le basi per lo sviluppo di alcuni dispositivi DEW realistici.

Come parte della SDI, i ricercatori sviluppano la tecnologia del fascio neutro al Los Alamos National Laboratory nel 1989, con l’intento di usare un’arma a fascio di particelle in orbita per disabilitare i sistemi spaziali.

Come parte del progetto Beam Experiments Aboard Rocket (BEAR), un prototipo di arma a fascio di idrogeno viene lanciato dal White Sands Missile Range nel luglio 1989 e dispiegato con successo nell’orbita terrestre bassa. Funziona con successo nello spazio e viene recuperato dopo il rientro. Nel 2006 il prototipo dell’arma BEAR viene trasferito da Los Alamos allo Smithsonian Air and Space Museum di Washington.

Le DEW tentano di puntare con precisione l’energia su un bersaglio per ottenere l’effetto desiderato, letale o non letale, senza usare un proiettile.

L’energia può venire in varie forme:

Radiazione elettromagnetica, tra cui radiofrequenza, microonde, laser e maser

Particelle con massa, nelle armi a fascio di particelle (tecnicamente una forma di arma a microproiettile)

Suono, nelle armi soniche

Le DEW possono essere classificate in base alla frequenza in cui operano, come la radiofrequenza (RF) o il laser, o in base al principio su cui operano. Le cosiddette armi a microonde sono un sottoinsieme delle DEW RF. Le armi a fascio di particelle sono un tipo di DEW che usano particelle cariche o neutre per distruggere un bersaglio.

Sono teoricamente possibili, ma non sono noti esempi pratici. Tali dispositivi soffrirebbero probabilmente di “blooming”, in cui l’energia che è destinata ad essere concentrata sul bersaglio si diffonde, rendendo il fascio meno efficace.

Le armi al plasma sparano un fascio, un dardo o un flusso di particelle subatomiche. Le armi DEW soniche e ultrasoniche usano un fascio focalizzato di suoni o ultrasuoni per ferire, inabilitare o addirittura uccidere un avversario.

Tuttavia, le armi laser sono di gran lunga la varietà più promettente di DEW attualmente in fase di studio.

Fonte: teslaresearch.jimdofree.com

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile secondo le proprie possibilità è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code