toba60

Nikola Tesla: Smentiamo Alcuni Miti di Tesla e Correggiamo gli Errori Comuni Diffusi

Come a solito vi voglio sorprendere con effetti speciali, simili quelli che amava il nostro amico Nikola che ora da lassù sta contemplando tutto quello che scrivo e pubblico su di lui.

Vedete….. io ho una certa confidenza con il personaggio in questione, la notte mi ha sussurrato in un orecchio che e’ ora di fare qualcosa in questo mondo che non va, ha lavorato tanto per fare qualcosa di utile e pare nessuno ancora ha realizzato nulla di quello che ha sviluppato in tanti anni.

Behh …oggi con l’inseparabile sacchetto di patatine e l’immancabile birra, sedetevi e godervi questo bellissimo editoriale, ma prima di lasciarvi alla lettura vi avviso che il prossimo articolo sarà’ un autentico Santo Graal da non perdere, munitevi di una chiavetta usb per conservare le centinaia di documenti originali riferiti a questo grande uomo che metterò a vostra disposizione e qualora il sito di riferimento venisse chiuso (cosa assai probabile di questi tempi) mandatemi una mail che troverò io il modo di scaricarli presso un altra locazione, sempre fuori dai motori di ricerca naturalmente, ma solo in privato.

Toba60

P.S.

Noi non siamo una grande struttura dove i fondi possono essere facilmente reperiti attrverso pianificate campagne di marketing, i costi sono lievitati a dismisura e senza il supporto economico degli utenti anche di un euro al mese gia predisposta nella sezione apposita in basso, non possiamo proseguire.

I prossimi 3 mesi mesi condizioneranno delle scelte che comportano il porosieguo o la chiusura definitiva di toba60 qualora venisse meno la possibilita’ di andate avanti.

Grazie a tutti voi comunque per la vostra fedelta’ al servizio che vi abbiamo offerto.

Alcuni Miti di Tesla e Correggiamo gli Errori Comuni Diffusi

1) L'”EFFETTO PELLE” CI PROTEGGE DAGLI ZAPPING DELLE BOBINE DI TESLA? SBAGLIATO!
SBAGLIATO!

Sbagliato, sbagliato, sbagliato. Questa idea sbagliata è effettivamente pericolosa. È anche molto diffusa e appare in numerosi libri. La vera situazione ha serie implicazioni per la sicurezza. È possibile cuocersi internamente e non saperlo nemmeno. Se si fraintendono queste questioni, si potrebbe ferire se stessi e gli altri.

L’effetto pelle si applica principalmente a materiali estremamente conduttivi: a fili e oggetti metallici. Non all’acqua salata, non agli hamburger. I corpi umani non sono di metallo.

Alle frequenze operative abituali delle bobine di Tesla, la “profondità della pelle” delle correnti elettriche nei metalli è una frazione di millimetro. Ma per la carne umana, la profondità della pelle è di almeno 50 cm, MEZZO METRO. O forse di più, a seconda dei valori di resistività utilizzati (sangue vs. muscoli vs. organi interni). Se sei colpito da un grosso TC, il percorso della corrente non è in superficie. È interno. Potresti accidentalmente cuocere il tuo midollo osseo.

Non dimenticate che due dispositivi comuni si basano su questo effetto per il loro funzionamento: i forni a microonde a 2GHz che cuociono l’interno della carne, e nella medicina sportiva, i dispositivi di riscaldamento muscolare a 27MHz usati per riscaldare in profondità i muscoli. Questi dispositivi impiegano frequenze cento volte più alte delle bobine di Tesla, eppure l'”effetto pelle” non impedisce le correnti che producono il riscaldamento profondo all’interno del tessuto muscolare.

Perché allora niente scosse? Se i TC non possono fulminarti, beh, perché no? Semplicemente perché i nervi umani non rispondono a frequenze AC superiori a circa 5KHz. (Tesla questo da solo con un generatore di segnale con uscita HV.) Le bobine di Tesla possono guidare correnti abbastanza alte attraverso la nostra carne, ma stanno operando a ben più di 5KHz. Più come 100 a 1000KHZ, quindi non possiamo sentire la scossa elettrica; solo gli effetti di riscaldamento delle correnti.

Così, ogni volta che permetti agli archi di un grande TC di colpire una chiave metallica tenuta in mano, la corrente si immerge in profondità nei tuoi muscoli. La corrente evita le ossa e il grasso, segue i vasi sanguigni e i muscoli, e apparentemente riscalda le capsule delle articolazioni; di solito il polso, il gomito e la spalla. Se le tue articolazioni sembrano un po’ dolorose dopo, è perché sei stato leggermente cotto internamente.

“Prego ogni notte di non subire mai un’ustione interna” attribuito a Tesla

Prova questo calcolatore di profondità della pelle, usa 160.000.000 o 160M uOhm-cm

(la resistività dei tessuti umani in micro-ohm-cm è di 50-500 milioni. Sangue 160ohm-cm, muscoli 650ohm-cm, grasso 2000ohm-cm, torso 450ohm-cm )

Evviva, qualcuno ci azzecca!

“La gente spesso sostiene che si può toccare il secondario della bobina di Tesla senza essere folgorati a causa dell’effetto pelle… Tuttavia, per le frequenze normalmente utilizzate con le bobine di Tesla (meno di un MHz,) la profondità della pelle supera tipicamente la dimensione del corpo.

Gli esseri umani hanno una resistività di massa di circa 4 ohm-cm” – JC Sprott 2006 (p194), Physics Demonstrations: A Sourcebook for Teachers of Physics

2) TESLA È STATO FREGATO DAI FINANZIERI ED È MORTO SENZA UN SOLDO? FALSO.

Non dimenticare che Tesla ha vissuto la sua vita in una suite di stanze nel centro di NYC. Questa è la situazione di un fallito squattrinato? Non proprio! Certo, le sue invenzioni avrebbero dovuto renderlo fantasticamente ricco.

Non l’hanno fatto, ma questo non era solo colpa dei finanzieri. Inoltre, “non miliardario” è molto diverso dall’essere “squattrinato”. Non dimenticate che Tesla ha lavorato come ingegnere consulente per anni dopo il fallimento di Wardenclyffe (ricordate il suo progetto di turbina senza pale?) Ha perso Wardenclyffe perché ha giocato d’azzardo mettendo il proprio reddito in attrezzature ed esperimenti, poi ha ignorato le bollette per l’affitto dell’hotel, e poi il suo padrone di casa ha rilevato la proprietà di Wardenclyffe per coprire quelle bollette.

A quanto pare Tesla non ha trattenuto alcun risparmio per la pensione, e ha messo ogni centesimo per autofinanziare il suo laboratorio personale. Non era colpa dei “finanzieri”. Dopo il crollo finanziario del 1929, Tesla forse sarebbe morto senza un soldo, se non fosse che la Fondazione Tesla e il governo jugoslavo gli pagarono una pensione mensile di 7.200 dollari (in dollari del 1940, circa 100.000 dollari all’anno oggi). Anche così, Tesla mise ancora ogni centesimo nella ricerca, non riuscì a pagare l’affitto, e durante i suoi ultimi anni era ancora due anni indietro con le bollette!

I problemi finanziari di Tesla avevano molte cause. Per esempio, si rifiutò assolutamente di far pagare (o anche di brevettare) una qualsiasi delle sue invenzioni mediche, né voleva perseguire i molti ladri di idee che stavano raccogliendo i frutti di quelle invenzioni. I suoi dispositivi medici hanno fatto milioni per le aziende che li hanno prodotti senza attribuirli a Tesla. Inoltre, Tesla faceva la corte agli investitori, ma poi spendeva tutte le sue centinaia di migliaia di dollari per pagare personalmente le attrezzature di ricerca e interi laboratori.

Quando Westinghouse fu messa con le spalle al muro dagli azionisti, Tesla buttò via milioni (forse miliardi con i soldi di oggi) stracciando il suo contratto di dollari per watt. Alla fine questo non aiutò nemmeno Westinghouse, dato che gli azionisti gli tolsero comunque la compagnia. Un altro: mentre costruiva Wardenclyffe e trattava con JP Morgan, la restante fortuna di Tesla fu quasi spazzata via in un primo crollo azionario. Poi, non riuscì a trovare investitori per la Wardenclyffe a causa di una “bolla wireless” del mercato azionario di numerose frodi che incassavano le voci sul wireless vendendo azioni di società false. E infine, i suoi principali sostenitori ricchi morirono: Westinghouse dopo essere stato costretto ad abbandonare la sua compagnia; JJ Astor affondò con il Titanic.

Forse parte del mito dello “squattrinato” deriva non solo dal suo rifiuto di pagare l’affitto, ma anche dalle strane credenze sulla salute di Tesla e dagli esperimenti dietetici. Alla fine della sua vita praticò un vegetarismo estremo, e la gente dell’epoca potrebbe concludere che era troppo povero per permettersi cibo normale. Si dice che alla fine lo ridusse ancora di più e visse interamente di latte.

3) LE BOBINE DI TESLA SONO SOLO TRASFORMATORI CON NUCLEO IN ARIA? Non esattamente.


No, le bobine di Tesla sono molto diverse dai trasformatori convenzionali con rapporto di giri, come le bobine d’induzione con nucleo in aria.

Prima di tutto, il lavoro successivo di Tesla non era basato sul trasformatore. Invece, il suo dispositivo era una singola bobina. Una bobina singola collegata a una dinamo AC; un cilindro o una bobina pancake con l’energia elettrica che viene iniettata a un’estremità e l’alta tensione che appare all’altra. Quindi, nessuna bobina primaria. Un’invenzione molto strana! Il suo parente più prossimo è uno che è comune nei radioamatori e nei cb: l’antenna caricata alla base, elettricamente corta, montata sull’auto: un risonatore a quarto d’onda ad alto Q a filo singolo.

Oggi, il dispositivo a bobina unica di Tesla è noto come “Magnifier”, in opposizione a un “trasformatore”. Tesla pilotava tali bobine direttamente attraverso la loro connessione a terra. Oppure, a volte regolava la quantità di accoppiamento aggiungendo un trasformatore convenzionale tra la dinamo e la bobina principale, ma questo non era essenziale. E infine: è perfettamente possibile costruire una bobina di Tesla con accoppiamento puramente capacitivo: con una piastra metallica azionata dalla corrente alternata posta vicino alla base a terra di una singola bobina, e nessuna bobina primaria.

Nikola Tesla - Scritti I
Articoli (1888-1890) Biografia (1900). Applicazioni terapeutiche. Generatore di Van de Graaff
€ 27,00

Per quanto riguarda le vecchie bobine di Tesla di tipo trasformatore, come le macchine a fulmine “teatrali/sceniche” dell’epoca del Vaudeville e dei side-show…non si tratta di trasformatori; i trasformatori convenzionali raggiungono il potenziamento della tensione in base al rapporto di rotazione delle loro bobine primarie e secondarie. Ma con le bobine di Tesla il rapporto di rotazione è quasi irrilevante. Invece, l’effetto step-up è causato dal fenomeno noto come “aumento risonante”. Nell’aumento risonante, il ruolo centrale è giocato dal risuonare a campana del risonatore o “fattore Q” delle bobine.

Più tempo una bobina può suonare, maggiore è il “Q” e la quantità di energia che può accumulare, e quindi maggiore è la tensione che può produrre. Con questo tipo di bobine RF liberamente accoppiate, accordate-primarie accordate-secondarie, la Z e il Q sono le caratteristiche principali, non il rapporto di giri.


Per capire meglio le bobine di Tesla, prendete nota che la lunghezza della bobina cilindrica determina la frequenza operativa. Quindi? Beh, se raddoppiamo la lunghezza, dimezziamo il passo. Cos’è allora una bobina di Tesla? Una bobina di Tesla è una canna d’organo per onde radio! È un fischietto gigante. E le canne d’organo o i flauti possono essere usati come trasmettitori di onde, o per produrre onde stazionarie estremamente intense dove il valore vertiginosamente alto della pressione AC interna può creare ogni sorta di effetti fisici nuovi.

Vedi anche: Cos’è una bobina di Tesla, VERAMENTE? Digita Qui

4) EDISON HA PRESO LE IDEE DI TESLA SENZA PAGARE, QUINDI TESLA HA LASCIATO LA SOCIETÀ?

No. Con il senno di poi, la fisica di base mostra che il progetto di Edison “Mary-Anne dalle gambe lunghe” era sbagliato. Potrebbe anche essere definito un progetto imbarazzantemente stupido. Mentre lavorava per Edison Machine Works, Tesla passò un anno intero a progettare grandi miglioramenti usando statori cilindrici a percorso breve e nuclei di ferro molto compatti. Tutto questo fu sprecato; caddero su orecchie sorde probabilmente perché questi non erano solo piccoli progressi incrementali. Erano invece rivoluzionari, per l’epoca. E dimostrarono chiaramente che la convinzione di Edison sui nuclei di ferro troppo lunghi era sbagliata.

Immaginate se qualcuno raccomandasse di abbandonare il fonografo a cilindri di cera di Edison e di usare invece dischi piatti? Edison accoglierebbe con favore tali cambiamenti o li disprezzerebbe? Situazione simile! Se Edison avesse adottato la riprogettazione di Tesla, la Edison Corp potrebbe possedere quei prodotti, ma sarebbero chiaramente dinamo a corrente continua Tesla e motori a corrente continua Tesla, non invenzioni firmate Thomas Edison come le altre.

Tesla si ritirò a causa di questo problema, ma in seguito Edison apparentemente non utilizzò nessuno dei progetti di nuclei compatti di Tesla. In seguito finirono come caratteristica principale della linea di prodotti Westinghouse nel 1889. Edison li adottò solo molti anni dopo. I suoi motori e generatori elettrici “a gambe lunghe” svanirono silenziosamente, e i progetti di motori cilindrici a nucleo corto di Tesla (anche per tutti i motori DC!) presero presto il sopravvento.

Stranamente, le dinamo industriali a corrente continua di Edison nella sua filiale europea erano state riprogettate da J. Hopkinson, sulla base di conoscenze fisiche di base. Alla fine hanno spinto fuori il formato Long Legged in Edison corp.

(Speculazione: Hopkinson ebbe successo all’interno della Edison Co. dove Tesla fallì, perché la lontana filiale Edison in Europa non era a conoscenza del fatto che gli efficienti progetti a percorso corto erano probabilmente un affronto personale a Edison stesso, mentre la migliore efficienza di questo progetto era ovviamente ovvia per i loro clienti europei).

A proposito, e questa è una riflessione dolorosa, siamo stati io e Schmid a sviluppare questo tipo di telaio e questa disposizione generale che ora è universalmente adottata…Ricordo che anni fa alcuni miei amici, i signori Crocker e Wheeler, iniziarono con quei lunghi magneti e io dissi loro: “Prima li buttate via e adottate la (mia) costruzione, meglio sarà per voi”. Ora l’hanno capito; è tutto a posto. – N. Tesla, 1916

Edison-style bipolar fan
Drawing, dynamo
Dynamo
Dynamo room
Dynamo room photo
Dynamo

5) L’ENERGIA SENZA FILI MONDIALE NON PUÒ FUNZIONARE, IL QUADRATO INVERSO, E LE PERDITE SONO TROPPO GRANDI?


Sbagliato, ma questa vecchia storia è stata usata contro Tesla fin dall’inizio. Negli anni ’50, questo particolare pezzo di ridicolo divenne irrilevante, quando W. O. Schumann scoprì la risonanza terrestre e l’effetto guida d’onda ionosferica a bassa frequenza. L’idea centrale qui è che, se le perdite fossero davvero dominanti, in modo che gli impulsi EM non possano circondare la Terra più volte, allora i picchi dello spettro di risonanza terrestre non possono esistere. Esistono, quindi i detrattori di Tesla avevano torto.

Affinché si verifichi la risonanza di Schumann, le onde non possono irradiarsi nello spazio, ma devono viaggiare ripetutamente intorno all’intera Terra più e più volte prima di morire. Andando oltre … le vecchie misurazioni del fattore Q della Terra VLF hanno dato un valore ~10, il che significa che le onde EM gireranno intorno alla Terra dieci volte prima di ridursi a circa la metà. Le misure più recenti del fattore Q danno valori di uno o due ordini di grandezza più alti, quindi gli impulsi EM passeranno intorno alla Terra centinaia di volte prima di svanire.

Nikola Tesla - Scritti II
Esperimenti con correnti alternate di fraquenza elevetissima e loro applicazione ai metodi di illuminazione artificiale. (1891)
€ 27,00

Eppure lo stesso argomento errato pre-1950 sulle “perdite eccessive” viene usato ancora oggi contro Tesla. Ci sono argomenti abbastanza buoni contro lo schema di Tesla, ma questo particolare debunking … è stato esso stesso debunked settanta anni fa.

La legge dell’inverso del quadrato P=1/r^2 vieta il wireless in tutto il mondo? No, ed è per la stessa ragione per cui il cibo in un forno a microonde non ha bisogno di essere posto proprio vicino alla finestra dell’antenna del magnetron. Il forno a microonde è una cavità risonante guidata, e lo stesso vale per la Terra. Entrambi impiegano onde stazionarie, ed entrambi esibiscono schemi di intensi campi elettromagnetici lontani dall’attuale antenna trasmittente. Ci sono nodi e antinodi, e sì, un ricevitore funzionerà male se posto proprio su un nodo.

Pensateci in questo modo: se il vostro ricevitore di potenza è posizionato nell’Oceano Indiano esattamente a 180 gradi dal trasmettitore negli Stati Uniti, non vi aspettereste di trovare un segnale ENORME là fuori? Non si concentrano tutte le onde nel punto opposto dell’atmosfera? Sì, perché il sistema utilizza un’onda stazionaria guidata, non un sistema radio convenzionale.

E se ti allontanassi da quel lontano punto massimo, la potenza diminuirebbe NON come l’inverso del quadrato, ma come il coseno, scendendo fino a quasi zero nella posizione del primo nodo a 1/4 di lunghezza d’onda, e poi risalendo fino al picco nel prossimo antinodo ad anello. In effetti, la stessa cosa accadrebbe al trasmettitore! Mentre ti allontanavi, all’inizio il campo di tensione sarebbe rimasto lo stesso, nessuna diminuzione dell’inverso quadrato, e il tubo fluorescente nella tua mano sarebbe rimasto acceso.

Così come la vostra lampadina Edison a filamento di carbonio. Quando si guida una risonanza terrestre, l’intenso campo di tensione a KHz inizierebbe finalmente a diminuire quando si passa a circa 1/8 di lunghezza d’onda dalla torre, o circa VENTI MIGLIA. Sì, si potrebbero infilare delle lampadine nel terreno a 20 miglia di distanza dal trasmettitore, e si accenderebbero. Anti-nodi del coseno; roba molto strana. Il trucco sta nel trasmettere alcuni kilowatt di radio a lunghezze d’onda VLF di 1KHz. Nessuno ha idea di come Tesla abbia potuto farlo.

Qui sotto Tesla descrive dove Lord Kelvin nel 1897 fece lo stesso errore sulla legge dell’inverso del quadrato, ma poi vide la luce quando Tesla chiarì che il suo sistema non stava usando un trasmettitore radio…

“Nell’estate del 1897 Lord Kelvin passò per caso da New York e mi onorò di una visita al mio laboratorio dove lo intrattenni con dimostrazioni a sostegno della mia teoria del wireless. Fu abbastanza entusiasta di ciò che vide ma, tuttavia, condannò il mio progetto in termini enfatici, qualificandolo come qualcosa di impossibile, “un’illusione e una trappola”. Mi aspettavo la sua approvazione e ne fui addolorato e sorpreso. Ma il giorno dopo tornò e mi diede una migliore opportunità per spiegare i progressi che avevo fatto e i veri principi che stavano alla base del sistema che avevo sviluppato. Improvvisamente osservò con evidente stupore: “Allora non stai facendo uso delle onde di Hertz?”. “Certamente no”, risposi, quelle sono radiazioni … Nessuna energia potrebbe essere economicamente trasmessa a distanza da una tale agenzia. Nel mio sistema il processo è una vera e propria conduzione che, teoricamente, può essere effettuata alla massima distanza senza perdite apprezzabili”. Non potrò mai dimenticare il magico cambiamento che avvenne sull’illustre filosofo nel momento in cui si liberò di questa errata impressione. Lo scettico che non voleva credere si trasformò improvvisamente nel più caloroso dei sostenitori. Si separò da me non solo completamente convinto della solidità scientifica dell’idea, ma espresse con forza la sua fiducia nel suo successo”. – Sperimentatore elettrico, febbraio 1919

6) TESLA ERA PAZZO

Il pubblico considerava Tesla pazzo per aver ipotizzato l’esistenza di vita intelligente su altri mondi…che aveva ricevuto segnali in codice numerico provenienti dallo spazio esterno…e che i segnali apparivano solo nelle ore in cui il pianeta Marte aveva fatto capolino sopra l’orizzonte. ALIENI!

La comunità scientifica considerava Tesla un pazzo per aver affermato che le onde radio potevano piegarsi oltre l’orizzonte terrestre, che le onde potevano viaggiare ripetutamente intorno all’intera Terra, e che una stazione di trasmissione radio poteva inviare segnali a ricevitori situati in qualsiasi punto del pianeta.

Tutte queste idee erano violazioni dirette della fisica conosciuta all’epoca (questo era prima dello strato di Heaviside, ancora prima di Marconi). La loro sdegnosa incredulità nei confronti della radio mondiale ha apparentemente impedito qualsiasi indagine sulle scoperte di Tesla, e la risonanza terrestre è stata riscoperta solo decenni dopo che le parti in causa erano morte.

Tesla era ovviamente pazzo per aver costruito quella torre gigante a Wardenclyffe.

Aspettate un secondo. Quella gigantesca costruzione era per la trasmissione mondiale con un trasmettitore da megawatt. Cosa usava la BBC world service? E la Voce dell’America? E i concorrenti dell’URSS? TORRI RADIO GIGANTI E TRASMETTITORI DA MEGAWATT.

Quindi forse Tesla sembra pazzo solo perché gli investitori si sono tirati indietro, e Long Island non è mai diventata un complesso di trasmettitori per il primo grande servizio radio mondiale? O era pazzo solo perché la sua torre radio gigante era di legno piuttosto che di metallo, era anche molto più corta di molte altre costruite più tardi, e la sua versione aveva una sfera di metallo in cima? L’enorme complesso di antenne di Marconi crollò durante una tempesta invernale sulla costa del mare.

Lo ricostruì, poi crollò di nuovo. Costruito di nuovo, distrutto di nuovo. Poi di nuovo. Eppure la torre di Wardenclyffe rimase illesa per un decennio, e quando fu dinamitata, rimase completa mentre giaceva su un fianco. (PS, le lettere di Tesla rivelano che la torre Wardenclyffe avrebbe dovuto essere da tre a sei volte più alta di quello che era, ma Tesla non poteva permettersi i costi di costruzione appena citati).

7) C’È UNA COSPIRAZIONE GLOBALE PER SOPPRIMERE TESLA!


No, perché la soppressione non richiede alcuna cospirazione. Tesla può essere soppresso benissimo dall’incredulità diffusa e da atteggiamenti sdegnosi universali. Tutte quelle persone che deridono il lavoro di Tesla, e che si fanno anche carico di attaccare i suoi sostenitori con sprezzante disprezzo…non hanno partecipato a nessun incontro segreto. Nessuna cospirazione.

È la stessa cosa con i bigotti e i prepotenti ovunque: le loro motivazioni sono individuali e personali, e i prepotenti non hanno bisogno di essere assunti dalle compagnie petrolifere prima di intraprendere una campagna di veleno contro le loro deboli vittime indifese. Fermatevi a pensare: ogni volta che le minoranze razziali o religiose si lamentano di una soppressione diffusa e continua, non si trasformano mai magicamente in “teorici della cospirazione”. Le donne non sono tenute in basso nell’avanzamento del lavoro e nel salario a causa di cospirazioni segrete di datori di lavoro sessisti.

Allora perché quando i sostenitori di Tesla si lamentano del trattamento marcio dispensato dagli esperti di storia e dagli scienziati contemporanei, perché tutte le accuse di “teoria del complotto?” Non è una fallacia logica, “l’argomento dell’uomo di paglia”?

Tesla
Esperimenti con correnti alternate alta frequenza alta tensione
Voto medio su 2 recensioni: Buono
€ 0,00

Heh, forse quelli che si lamentano più forte dei sostenitori di Tesla come teorici della cospirazione … sono in realtà AGENTI DEL GOVERNO che sono stati piantati per DISCREDITARE la comunità dei fan di Tesla equiparando i “teorici della cospirazione” alle nostre legittime lamentele di soppressione. È tutta una GRANDE COSPIRAZIONE per farla sembrare una cospirazione quando in realtà non è una cospirazione!!!! (Beh, almeno questa è la mia TEORIA con tutti i punti esclamativi) 🙂

8) UN TRASMETTITORE D’INGRANDIMENTO È UN DISPOSITIVO A 3 BOBINE?

No, poiché in realtà non sappiamo cosa fosse realmente il trasmettitore d’ingrandimento di Tesla.

La moderna comunità dei “Tesla coiler” ha dichiarato che un qualsiasi dispositivo a 3 bobine a base è un “Tesla Magnifier”, ma Tesla stesso aveva usato tali configurazioni almeno dal 1892, quindi per lui non erano una nuova scoperta che meritava un nuovo nome. Cosa veniva ingrandito nel nuovo dispositivo “Magnifier”? Non il voltaggio, dato che tutte le sue bobine lo facevano. Forse la potenza di picco veniva “ingrandita” durante il funzionamento a impulsi? O forse il termine “Trasmettitore Ingranditore” era semplicemente parte della pubblicità di Tesla per il progetto Wardenclyffe: una bobina migliorata con conduttori pesanti, un esteso sistema di messa a terra e un terminale coperto da piccole semisfere regolabili.

Oppure c’è questa pura speculazione: apparentemente la torre di Wardenclyffe conteneva delle rastrelliere per sostenere alcuni grandi dispositivi di vetro: potenti fonti per pre-ionizzare un percorso di scarica sopra il terminale principale. Un trasmettitore Tesla Coil con un globo di vetro in cima è fondamentalmente diverso dalle sue altre invenzioni. Forse “Magnifier” si riferisce ad una speciale bobina di Tesla che include un gigantesco plasma-contattore: un dispositivo per generare un’invisibile plasma-antenna molto più alta dell’altezza della torre fisica.

Ho visto che sarei stato in grado di trasmettere energia a condizione di costruire un certo apparato — e l’ho fatto, come vi mostrerò più avanti. Ho costruito e brevettato una forma di apparato che, con un’altezza moderata di qualche centinaio di piedi, può rompere lo strato d’aria. Vedrete allora qualcosa come un’aurora boreale attraverso il cielo, e l’energia andrà nel luogo lontano. …Sono arrivato alla convinzione che sarebbe stato possibile, senza alcuna antenna elevata — con elevazione molto piccola — rompere lo strato superiore dell’aria e trasmettere la corrente per conduzione. -N. Tesla 1916

9) IL GOVERNO AMERICANO HA FATTO ESPLODERE LA WARDENCLYFFE TOWER PER IMPEDIRE ALLE SPIE TEDESCHE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE DI CONTATTARE GLI U-BOOT? FALSO


No, in realtà fu distrutta dai suoi nuovi proprietari dopo la bancarotta di Tesla. Tesla non aveva pagato l’affitto del suo appartamento nel centro di New York, così il suo padrone di casa (il Waldorf Hotel) ha rilevato l’ipoteca sul suo terreno a Wardenclyffe. Volevano venderlo a degli sviluppatori, ma la gigantesca “torre pazza” aveva abbassato di molto il valore della proprietà. La fecero demolire con la dinamite. Più tardi Hugo Gernsback nella sua rivista “The Electrical Experimenter” pubblicò diversi articoli paurosi sulle “spie” straniere che erigevano antenne radio segrete nascoste per comunicare con i sottomarini tedeschi al largo della costa. La sua rivista sosteneva che il governo americano aveva distrutto la torre di Tesla perché la gente era convinta che fosse usata da spie tedesche. Ma in realtà la situazione era molto simile a quella recente di Wardenclyffe oggi: Afga, i proprietari del terreno di Wardenclyffe, volevano ancora demolire l’edificio in mattoni del laboratorio di Tesla per rendere il terreno più attraente per gli sviluppatori immobiliari.

10) TESLA HA PROGETTATO I GENERATORI DELLE CASCATE DEL NIAGARA?

No, George Forbes ha disegnato le dinamo “umbrella design”, senza sliprings, con bobine centrali statiche e bobine di campo esterne rotanti. Ma questo design di base era già in uso altrove. Tesla ha brevettato la rete elettrica a corrente alternata. Forse la confusione nasce dal fatto che i generatori attuali avevano una targhetta di bronzo con il nome di Tesla e i numeri di brevetto.

http:// www.teslasociety.com/ pictures/ dcs2.JPG
http:// www.ieeeghn.org/ wiki/index.php/ File:05-65.GIF
http:// www.ieeeghn.org /wiki/index.php/ File:05-61 Forbes_Generator- cropped.GIF

11) NON FIDARSI DI TESLA PERCHÉ ESAGERA SEMPRE?


No, e questo è un ragionamento circolare. Ecco il cerchio: prima, Tesla descrive ciò che la sua ultima invenzione può fare, se mai dovesse essere finanziata e costruita. Gli scettici, senza prove, lo accusano di esagerare. La sua invenzione non viene mai costruita, quindi nessuno sa se Tesla aveva ragione.

Ora ripetete! Dopo molti anni Tesla ha descritto molte invenzioni che non sono state finanziate e mai testate.

I suoi nemici lo accusano di essere un inaffidabile esageratore abituale, ma questo si basa sulla loro stessa serie di affermazioni che le invenzioni di Tesla non avrebbero funzionato, se fossero state effettivamente testate. In altre parole, affermano che Tesla è un esageratore, basandosi sul fatto che lo hanno ripetutamente accusato di esagerazione. Si comportano come se i suoi dispositivi fossero stati tutti testati e avessero dimostrato di non funzionare.

Ma per quanto ne sappiamo, se gli investitori avessero effettivamente lasciato che Tesla costruisse le sue creazioni, tutte avrebbero funzionato esattamente come lui ha descritto. Oppure no! Nessuno può affermare che Tesla stava o non stava cercando di ingannare la gente con affermazioni intenzionalmente esagerate a meno che non si finanzino prima i suoi progetti e li si guardi mentre hanno successo/fallimento.

(Si noti che anche Wardenclyffe non ha mai “fallito” in questo senso, invece Tesla ha finito i soldi prima che il dispositivo fosse in funzione). La scienza implica “lasciate fare l’esperimento”, non “le idee audaci non testate sono pazze come sembrano; colpevoli fino a prova contraria”.

Un metodo meno irresponsabile per esaminare dispositivi non testati e determinare l’affidabilità di Tesla sarebbe quello di esaminare i suoi precedenti. In passato ha fatto qualche affermazione apparentemente folle che in realtà si è rivelata tale? A metà del 1800 tutti sapevano che i motori senza spazzole erano impossibili, e inoltre la corrente continua è la scelta più ovvia per i sistemi di alimentazione (altrimenti il grande Edison non l’avrebbe scelta!) Le idee folli di Tesla sui motori a corrente alternata non riuscirono ad attirare un solo investitore in Europa.

Tesla - Lo Scienziato ControVoto medio su 2 recensioni: Da non perdere
€ 12,90

Finalmente dopo il suo trasferimento negli Stati Uniti, Westinghouse lo prende sul serio, e tutte le affermazioni “impossibili” di Tesla sono completamente giustificate. Tesla ha sempre avuto ragione. Tutti i fisici che chiamavano il motore a induzione una “macchina a moto perpetuo” si sono dimostrati sciocchi. L’intera comunità di esperti aveva torto, mentre una voce solitaria aveva ragione.

Poi, Tesla sostiene di inviare segnali intorno alla curva della Terra e che la Terra ha una risonanza fondamentale e sovratoni. Sostiene che un trasmettitore da un megawatt potrebbe essere costruito per inviare trasmissioni in tutto il mondo. Questo è impossibile: va direttamente contro la fisica del 1890. Tesla tiene segreti i suoi esperimenti radiofonici. Marconi non lo fa, e realizza l’impossibile trasmettendo inspiegabilmente intorno alla curva della Terra. (Più tardi si scopre la riflessione ionosferica e lo strato di Heaviside).

Poi, stranamente, la comunità scientifica non si preoccupa mai di cercare la risonanza terrestre. Era reale, ovviamente. Oggi prende il nome del suo “scopritore”, W.O. Schumann. La folle idea “fisicamente violenta” di Tesla è (silenziosamente) rivendicata. Tesla inventa altre cose ridicole: veicoli con abitacoli a bolle trasparenti, armi a fascio di particelle, comunicazioni codificate sicure, missili da crociera, aerei VTOL. Tutte sono evidentemente ridicole e sono state mal dette in pubblico. Nessuno attrae alcun investitore, eppure ognuno è rivendicato decenni dopo.


Quindi, le idee di Tesla per la trasmissione di energia e per il rifornimento di veicoli lontani usando l’energia di trasmissione … sono ovviamente folli? Vanno contro la fisica conosciuta? Se il suo curriculum è preso sul serio, allora se dovessimo davvero costruire i suoi enormi dispositivi, ci sono buone probabilità che funzionino come dichiarato, e ancora una volta l’intera comunità di esperti di fisica avrebbe delle uova in faccia e dovrebbe tornare al tavolo da disegno. (Oppure no! Forse la potenza di trasmissione sarebbe il primo grande errore di Tesla, e si dimostrerebbe che ha solo preso in giro se stesso).

12) TESLA HA ACCESO 200 LAMPADINE A 26 MIGLIA DAL SUO TRASMETTITORE!

Questa affermazione era nella biografia di O’Neill su Tesla. Nessun’altra prova.

Ma aspettate un attimo. Tesla si stava forse vantando di aver inviato kilowatt di potenza senza fili su quella distanza? O forse si vantava di essere riuscito a trasmettere segnali autentici su quella distanza? Nel 1899 nessuna delle due cose era stata fatta, quindi potrebbe essere stata la seconda.

Quelle 26 miglia … era più o meno la distanza dal suo laboratorio a Pike’s Peak? Se è così, qui sotto c’è un mucchio di pura speculazione.

Perché voi avreste deciso di allestire un enorme banco di lampadine a 30 miglia di distanza, per esperimenti radio? (Non Tesla. Tu.) È ovvio: è per testare istantaneamente apparecchiature di ricezione a distanza. Sì, potrei pagare una compagnia telegrafica per stendere 40 km di fili e pali fino a una baracca di ricezione lontana. Oppure potrei avere i miei assistenti che vanno a cavallo, avanti e indietro ogni giorno, consegnando registrazioni di laboratorio temporizzate delle letture del ricevitore. O potrebbero segnalarmi al laboratorio principale con grandi specchi solari. Oppure…oppure…potrei allestire un enorme gruppo di lampadine a batteria, per poi vederle attraverso un telescopio. Watt elevati, grande batteria necessaria, per essere visti a 30 miglia di distanza alla luce del giorno.

Accidenti, non funziona! Il problema è che qualsiasi cosa più distante di ~15KM è nascosta dalla curva della Terra. Avrei bisogno di una torre alta un quarto di miglio, con lampadine in cima. A meno che! Ho ho ho, a meno che io non trovi un luogo di laboratorio con una montagna vicina, e posiziono il mio ricevitore-cabina a qualche centinaio di piedi di altezza, su per le colline con strade sterrate. Sì, un laboratorio lontano, in mezzo al nulla, senza spie industriali che controllano ogni mia mossa, e nemmeno testimoni oculari istruiti. Impulso il mio trasmettitore, e guardo il lontano banco di lampadine attraverso il mio binocolo, e immediatamente conosco il livello di potenza necessario per attivare il ricevitore. Spazzare il mio raggio attraverso il ricevitore, tracciare il suo profilo in sezione!

Le Piastre di Tesla e di Kolzov
Due moderni rimedi di bioenergia
Voto medio su 11 recensioni: Buono
€ 24,00

Signor Cisco! Prepari tutti i bauli, prendiamo il prossimo treno per Pike’s Peak!

Hmm, stranamente, tre anni prima del suo laboratorio del 1899, Tesla apparentemente era a Colorado Springs, ha persino scalato il Pikes Peak ( jpg) ed eseguito esperimenti di risonanza con apparecchiature radio portatili, inviando la musica per ‘Ben Bolt’ attraverso la roccia. Wow.

13) TESLA HA SCOPERTO I RAGGI X!


Sì e No.
lastra di vetro ai raggi X di un piede umano dentro una scarpa, inviata a Roentgen
Massicce ustioni sul petto di un operaio di Tesla
“tubo a spazzola sensibile” del 1892 una fonte prodigiosa di raggi x, stesso problema della maggior parte delle lampade a bottone in carbonio.

14) TESLA NON AVREBBE POTUTO SCOPRIRE I RAGGI X: LE POMPE A VUOTO NON ERANO ABBASTANZA BUONE


Sbagliato. Nella sua conferenza del 1892 in Gran Bretagna alla Royal Society, Tesla descrive la fluorescenza del vetro catodico e il processo (accidentale e non riconosciuto) di pompaggio degli ioni a pressioni inferiori alla soglia di scarica a bagliore.

Il suo tubo “pennello sensibile” così come alcune delle sue lampade a bottone di carbonio avrebbero dovuto essere fonti prodigiose di raggi X morbidi. Come Roentgen, Tesla avrebbe potuto facilmente incontrare inaspettatamente schermi fluorescenti e lastre di pellicola appannate. Sembra che il suo laboratorio di NYC fosse pieno di grandi lastre di pellicola impilate lungo le pareti, dato che stava sperimentando con i fotografi l’illuminazione artificiale. Ma tutto questo potrebbe essere iniziato qualche tempo prima del 1892, anni prima di Roentgen.

15) IL SEGRETO DEL RAGGIO DELLA MORTE DI TESLA É PERSO


Portato da dietro la cortina di ferro nel 1984.
Un enorme generatore VandeGraaff DC con una pompa a fluido che sostituisce la cinghia fisica, che alimenta un’arma basata su una sorta di taglierina a getto d’acqua che utilizza microgocce di tungsteno o mercurio accelerate elettricamente.

16) L'”ELIMINATORE STATICO” DI TESLA È UN PAIO DI BOBINE A PANCAKE REGOLABILI


No, invece era un paio di involucri di legno regolabili a forma di disco, ognuno dei quali contiene due o più bobine e condensatori. Tesla ha parlato di usarne fino a venti.

Con il termine “eliminatore statico”, Tesla stava descrivendo un’invenzione in qualche modo simile allo schema della radio FM di Edwin Armstrong: un sistema che era immune all’elettricità statica dei temporali; tali segnali dei temporali erano solo AM. In altre parole, la radio FM è un’invenzione “eliminatrice di statica”.

Abbiamo poche prove dirette di come funzionava la versione di Tesla, ma probabilmente era una variazione del brevetto di Tesla sullo spread-spectrum “frequency hopping”. Molto probabilmente era uno spinoff di quello che lui chiamava “Metodo di Individuazione”, di comunicazioni sicure e non intercettabili prodotte dai suoi “Circuiti Sezionali” e impiegando il concetto di “Wave-Complex”. Wave-Complex era un segnale trasmesso utilizzando un’onda di battimento o un effetto di frequenza “line-splitting” prodotto da un dispositivo multi-risonatore eccitato. In termini moderni questo era FHSS, un sistema di comunicazione Spread-Spectrum basato su un Frequency-hopping quasi casuale.

Sunny - Tesla Purple Plate - Piastra di Tesla Purpurea - Rectangle Card
Per una potente energizzazione di cose, persone, cibi, animali, piante
Voto medio su 25 recensioni: Da non perdere
€ 28,00

Ma il frequency-hopping di Tesla era analogico, non digitale; e il suo effetto di salto casuale era prodotto naturalmente attraverso diversi circuiti sintonizzati interagenti che Tesla chiamava “circuiti sezionali”. Visualizzate un ricevitore radio con diverse manopole di sintonia per ogni canale, piuttosto che una sola manopola, e dove i temporali non possono duplicare lo strano spettro multi-picco a cui solo i ricevitori speciali rispondono. Ricezione “senza statica” come la FM! Ma basata su una tecnica a spettro diffuso.

“Static Eliminator” era il suo prototipo ripulito; un modello dimostrativo per mostrare lo schema di modulazione “Method of Individuation” di Tesla. Vedi N. Tesla 1/1919 “The Effect of Statics on Wireless Transmission” anche Antenne a polarizzazione orizzontale: L'”eliminatore statico” di Marconi/Weagant

È quello che io chiamo un ‘eliminatore statico’. Un grande problema, quando sono venuto in Colorado, era che non potevo ‘operare’ affatto. Sapete che l’interferenza statica è oggi la grande rovina della trasmissione senza fili. La ragione di ciò è la costruzione difettosa degli impianti, ma con questa invenzione sono in grado di far funzionare in modo soddisfacente anche questi impianti difettosi. Il principio comporta l’impiego di una pluralità di circuiti sintonizzati in serie come mostrato [nello schema dei “circuiti sezionali”] Tuttavia, qualsiasi interazione dei circuiti, derivante dalla mutua induzione, produce risultati che sono estremamente complessi. La nota emessa non sarà pura a causa dei battimenti prodotti. – N. Tesla 1916

17) I PROMOTORI DI TESLA MENTONO. TUTTI CONOSCONO I RISULTATI DI TESLA!

18) TESLA È SERBO! TESLA È CROATO!

19) TESLA HA CAUSATO L’ESPLOSIONE DI TUNGUSKA


L’idea che Tesla abbia fatto esplodere la foresta di Tunguska sembra essere stata avviata da un “canalizzatore psichico” negli anni ’80. Successe quando gli fu chiesto (durante uno stato di trance) la causa dell’esplosione. Disse che era un esperimento andato male, poi in domande successive rivelò che era l’esperimento di Tesla. Ma oltre ai ‘canalizzatori psichici’, ci sono ancora più problemi con questa spiegazione…

Un’esplosione da 10 megatoni, o circa 40 miliardi di megajoule, richiederebbe la trasmissione di energia radio a un livello di 10 megawatt per 130 anni (cioè, se il processo fosse efficiente al 100%, più a lungo in caso contrario). In altre parole, la rete elettrica collegata a Wardenclyffe non può produrre esplosioni su scala megatoni.

Accoppiare l’uscita di un trasmettitore VLF alle lunghezze d’onda di risonanza della Terra richiede un’antenna lunga miglia, simile ai progetti di trasmettitori a bassa frequenza della marina statunitense (progetto Seafarer/Sanguine, Mary Creek, ecc.) In realtà questo è un problema per molte delle affermazioni di Tesla: non ha usato antenne lunghe miglia, eppure i suoi dispositivi potrebbero presumibilmente trasmettere enormi potenze a lunghezze d’onda VLF/ELF. La fisica moderna lo dichiara impossibile.

Una meteora o una cometa è un evento breve e improvviso, mentre se lo facesse Tesla, ci sarebbe probabilmente un lento accumulo. Ci aspetteremmo di vedere vari fenomeni atmosferici strani che si verificano per molti minuti o addirittura ore prima di qualsiasi “esplosione”. Ci potrebbero anche essere diverse esplosioni in serie, più onde di battito separate da un ritardo costante. Se è stata una singola esplosione senza precursori, allora non è stato un “evento Tesla”.

La leggenda dice che Tesla intendeva produrre un’aurora artificiale al Polo Nord, ma ha superato il limite. Quindi, se Tunguska non si trova sul grande cerchio che include la torre Wardenclyffe e il Polo Nord, allora l’affermazione fallisce proprio lì. Una cometa/meteora che colpisce a caso sarà probabilmente in un luogo completamente estraneo. Vai a prendere un mappamondo e guarda.

Quindi, Tesla non può aver causato l’esplosione a meno che…

Ha scoperto un’enorme fonte di energia nella cavità di Schumann della Terra, e il suo trasmettitore ha agito solo come catalizzatore o innesco e non come fonte di energia principale. Questa è la “Teoria TWT” del Sistema Mondiale di Tesla (analogo ad un tubo a microonde Travelling-wave, un amplificatore RF che ha un’alimentazione esterna DC). A meno che Tesla non avesse qualche metodo segreto per “uscire”, per trasmettere un wattaggio VLF significativo senza un’adeguata antenna a filo lungo, a meno che minuti/ore di strani fenomeni siano stati osservati in Russia prima e dopo l’esplosione, a meno che Tunguska non si trovi sulla linea retta tra Wardenclyffe e il Polo Nord.

Bene, il numero quattro è irrilevante: Tunguska è sulla linea! Spaventoso! Anche il numero tre si dimostra vero. A quanto pare le indagini russe hanno mostrato proprio questi effetti di terremoto e cielo per un lungo periodo prima dell’esplosione. Gli esperti avevano sempre ignorato questo fatto come inspiegabile, poiché era in conflitto con la spiegazione convenzionale basata su un corpo cosmico che esplode. (Le prove che sono in conflitto con una “teoria preferita” devono essere derise e spazzate sotto il tavolo?) E, i testimoni oculari originali hanno riportato diverse esplosioni, non solo una. #1 potrebbe anche essere reale: un gruppo della NASA ha rilevato fattori Q di risonanza Schumann nell’ordine delle migliaia, indicando perdite incredibilmente basse nella guida d’onda della Terra, o più probabilmente, una sorta di effetto di auto-oscillazione sconosciuto. I primi documenti del progetto HAARP notano anche che gli impulsi VLF trasmessi ritornano a livelli più alti di quelli inviati, e mettono in guardia contro un possibile disastroso effetto di auto-rinforzo.

Quindi le “esplosioni di Tunguska” potrebbero essere fatte dall’uomo. C’è ancora la #2, e richiederebbe un’antenna molto più grande della torre di Wardenclyffe per essere in grado di trasmettere qualcosa di più di un piccolo segnale di potenza a lunghezze d’onda VLF. Hmmm. Corum e Corum sottolineano che una cavità risonante non solo viola la legge dell’inverso quadrato, ma la risonanza costruita viola le regole dell’impedenza d’antenna, e a causa delle forti onde stazionarie locali, una “sonda a guida d’onda” elettricamente corta può emettere molto più wattaggio di un quarto d’onda di una torre antenna a piano terra. Ancora di più: trovano che un’antenna “sonda a microonde” risonante può lanciare onde di superficie di Zenneck a bassa perdita, mentre una torre a un quarto d’onda emette solo onde di superficie di Norton molto perdenti, le due soluzioni molto diverse delle equazioni d’onda maxwelliane. Hrm. Forse Tesla ha scoperto empiricamente una fisica EM molto genuina che la comunità scientifica ha dichiarato “impossibile”, e che non è stata compresa teoricamente fino all’era 1980-2010! Hmmm!

“È perfettamente possibile trasmettere energia elettrica senza fili e produrre effetti distruttivi a distanza. Ho già costruito un trasmettitore senza fili che lo rende possibile, e l’ho descritto nelle mie pubblicazioni tecniche, tra le quali posso citare il mio brevetto 1.119.732 recentemente concesso.

Con trasmettitori di questo tipo siamo in grado di proiettare energia elettrica in qualsiasi quantità a qualsiasi distanza e applicarla per innumerevoli scopi, sia in pace che in guerra. …la potenza trasmessa non deve essere necessariamente distruttiva, poiché, se l’esistenza viene fatta dipendere da essa, il suo ritiro o la sua fornitura porteranno agli stessi risultati di quelli che ora si ottengono con la forza delle armi.


“Ma quando è inevitabile, lo stesso agente può essere usato per distruggere la proprietà e la vita. L’arte è già così sviluppata che grandi effetti distruttivi possono essere prodotti in qualsiasi punto del globo, determinati in anticipo e con grande precisione. In considerazione di ciò non ho ritenuto azzardato predire qualche anno fa che le guerre del futuro non saranno condotte con esplosivi ma con mezzi elettrici”. ” – N. Tesla 1915

Quindi Tesla progettava di mettere tutto questo nelle mani dei governi? Credeva che i funzionari eletti fossero onesti, etici e gestissero le loro vite secondo le regole della completa integrità personale? Questo non è mai accaduto (a meno che non sia stato costruito sulla base degli appunti privati di Tesla molto tempo dopo la sua morte.) Se non era solo delirante, Tesla lo ha tenuto segreto. Decenni dopo il 1915 Tesla disse: “Sarebbe come dare un coltello a un neonato”.

20) LE BOBINE DI TESLA SONO INCREDIBILI MACCHINE PER I FULMINI

In realtà, se producono fulmini, secondo Tesla vengono usate male. Le bobine di Tesla sono dispositivi radio meglio conosciuti come “trasmettitori di scintille”. (…bobine teatrali usate per decenni nel Vaudeville e nei Side Shows)

21) LE BOBINE DI TESLA SONO SEMPRE ORIZZONTALI E SENZA TERRA. QUALSIASI BOBINA VERTICALE È UNA BOBINA OUDIN.

Prima della seconda guerra mondiale, questa strana nozione è stata pesantemente propagandata dalle riviste radiofoniche per hobbisti. Le bobine verticali sono sempre chiamate “bobine Oudin”? Ma Tesla stesso ha usato entrambe le configurazioni. (coughWardenclyffe&Colorado) Forse l’idea era motivata dalla confusione sul sistema rubato di Marconi “Spark Transmitter” …che naturalmente era una bobina di Tesla.

La “bobina di Tesla” è stata effettivamente inventata da tre persone separate: Thompson, Oudin e Tesla. Le loro scoperte erano indipendenti. Thompson e Tesla hanno entrambi studiato la scarica dei condensatori, e hanno scoperto che gli impulsi squillanti smorzati potevano essere aumentati fino all’alta tensione.

Ma quando Thompson e Tesla si confrontarono sulla stampa, Thompson fece gentilmente marcia indietro e diede il merito a Tesla. Più o meno nello stesso periodo Oudin in Francia stava facendo la stessa cosa. Quello di Oudin era una bobina singola con un rubinetto a pinza (anche se una configurazione simile appare nella presentazione di Tesla del 1892 alla Royal Society). Ancora più importante, quella di Oudin era esclusivamente un’invenzione medica per la “terapia elettrica”, mentre quella di Tesla era destinata ad essere una radiotrasmittente.

Quindi, una bobina di Oudin è una bobina di Tesla, che è una bobina di Thompson.

22) TESLA HA SCOPERTO LA RADIO!

In numerose occasioni Tesla ha insistito che la sua invenzione non era la radio, e che la radio di Marconi era debole e inutile. Secondo Tesla le cosiddette “onde hertziane” potevano funzionare per segnalazioni in linea d’aria, ma non per alimentare una civiltà mondiale avanzata.

Il “non-radio wireless” di Tesla scaturì dai suoi primi tentativi di illuminare il cielo stesso, eliminando la notte e qualsiasi bisogno di lampadine. Lo fece producendo una sorta di scarica luminosa guidata fino a quella che ora è chiamata la ionosfera, e poi usando un enorme trasmettitore per far funzionare la ionosfera come una gigantesca lampada fluorescente.

Trovò anche che questa scarica incandescente a bassa pressione era la stessa cosa di un conduttore; una linea elettrica attraverso il cielo che avvolgeva tutta la Terra. Questa fu l’origine del suo sistema “Wireless Power”. Lo brevettò persino, e quando l’USPTO respinse la sua domanda iniziale, fece venire il capo di quell’ufficio a vedere il suo prototipo: due bobine HV collegate da molti metri di tubo di vetro cavo, con il tubo pompato fino al quasi vuoto.

Era come un cartello al neon usato come un filo; una linea di trasmissione ad alto voltaggio e bassa corrente, la stessa delle linee elettriche convenzionali, ma senza usare cavi metallici. Ha dimostrato che poteva inviare kilowatt e pilotare grandi carichi elettrici alla bobina step-down all’estremità del tubo. Ora è uno dei brevetti di Tesla.

Ma che dire di Marconi? La storia di Marconi suggerisce un furto diretto dell’invenzione di Tesla, ma solo per alimentare un trasmettitore radio e non una scarica di fulmini su tutto il cielo. La prima campagna pubblicitaria di Marconi si è concentrata sul suo sistema “whip crack”, i suoi brevi impulsi con onde sinusoidali smorzate. Presumibilmente questo segnale a impulsi sarebbe arrivato molto più lontano dei concorrenti. (Il concorrente era Tesla, con le sue onde sinusoidali continue “CW” ad alta potenza.) Marconi aveva lavorato con il capo del British Post Office, William Preece.

Marconi scoprì che il suo sistema non poteva essere ricevuto più lontano di qualche decina di miglia, e Preece insistette che Marconi trattasse con Tesla, per dare in licenza il sistema di Tesla con la sua portata molto più lunga. Marconi non lo fece. A questo punto Preece si ritirò improvvisamente, Marconi tacque sulle glorie del “whip-crack”, e i trasmettitori di Marconi iniziarono improvvisamente a trasmettere per centinaia di miglia. Quasi certamente questo è il punto in cui Marconi abbandonò i suoi trasmettitori a banda larga a singolo risonatore e cominciò a impiegare il CW a sintonia stretta di Tesla, i “due risonatori ciascuno al trasmettitore e al ricevitore, con tutti e quattro sintonizzati sulla stessa frequenza”.

Questo sistema radio fu l’invenzione brevettata di Tesla (conosciuta anche come “Oscillatore di Tesla”.) E dopo la grande battaglia legale, la descrizione dei “quattro risonatori” divenne la definizione legale di Radio. In altre parole, la Radio è in realtà una coppia di bobine di Tesla lontane collegate ad antenne a filo lungo. (VEDI DI PIÙ)

Quindi, Tesla ha inventato la radio perché il sistema di Tesla ha vinto la gara, e Marconi l’ha presa tutta, senza pagare un centesimo a Tesla. Ma Tesla non ha inventato la radio, perché Tesla aveva solo poco interesse a inviare deboli e inutili segnali in codice Morse a navi lontane o tra i continenti. Tesla invece voleva alimentare quelle navi con il suo trasmettitore…così come alimentare ogni treno e macchina in tutto il pianeta, così come illuminare il cielo ed eliminare la notte.

23) TESLA FU IL VERO INVENTORE DI…

Cavo coassiale
Radar
Insegne al neon
Illuminazione fluorescente
Macchina per i terremoti
Tachimetro auto
Accensione a scintilla dell’automobile

1) CAVO COASSIALE

Tesla ha un brevetto su quello che sembra essere un cavo coassiale schermato. Ma qualcosa sembra sospetto. Il suo schermo non è messo a terra. Inoltre, è spezzettato in segmenti. Ma non è misterioso. Chiunque abbia a che fare con l’alta tensione estrema lo riconoscerà. È una pila di anelli equipotenziali! Si usa per circondare qualsiasi conduttore lungo ad alta tensione.

È la stessa cosa posta sulle colonne dei VandeGraaff o dei Pelletron, o lungo il tubo di deriva di un acceleratore di particelle. Funziona solo ad altissimo voltaggio. È lì per appianare i campi di tensione intorno al conduttore, prevenendo gli hotspot che potrebbero deviare un fascio di particelle. Il suo secondo scopo è quello di prevenire perdite indesiderate (o scariche dirette) tra l’interno ad alto voltaggio e l’aria esterna.

È uno scudo, ma uno scudo elettrostatico carico, e niente come la “gabbia di Faraday” a terra dei moderni cavi coassiali. Il dispositivo di Tesla in realtà funziona solo ad alte tensioni, dove la lenta perdita di ioni (o capacità ad alta frequenza) fa sì che l’aria circostante diventi conduttiva. Questo produce una sorta di “effetto divisore di tensione” nell’aria, e questo caricherà la pila di anelli allo stesso potenziale dell’aria in quel punto.

La morbidezza complessiva della lunga pila di anelli eliminerà qualsiasi punto ad alto campo da cui possono scaturire pennacchi di ioni o fulmini. A valori più piccoli di alta tensione, gli anelli non sono l’unica configurazione valida, e si potrebbe usare una catena di tubi metallici separati. Ma ai megavolt più alti useremmo una pila di anelli lucidi con spazi vuoti tra loro.

Questa era un’invenzione molto utile per chiunque volesse collegare la parte superiore di una bobina di Tesla a un lungo cavo, e appendere il cavo al soffitto per alimentare elettrodomestici senza fili, o mandare il cavo fuori per alimentare direttamente dispositivi lontani. Senza la catena di tubi a coprire il conduttore, enormi fulmini scaturirebbero da tutta la sua lunghezza.

Ovviamente i tubi non potrebbero essere messi a terra, poiché ciò metterebbe in cortocircuito l’intero sistema con gli archi elettrici al cavo. Ma perché i segmenti? Per due motivi: con un cavo sottile, il cavo agisce come una resistenza, e l’alta tensione può svilupparsi nel senso della lunghezza. Il tubo deve mantenere una tensione molto piccola all’interno, e spezzarlo in segmenti permette che questo accada. In secondo luogo, a una frequenza AC abbastanza alta, il cavo inizia a comportarsi come un’antenna, o almeno come una guida d’onda.

La tensione in un punto non sarà la stessa della tensione più lontano. Quindi, il tubo esterno deve essere diviso in segmenti che sono molto più corti di un quarto di lunghezza d’onda alla frequenza operativa.

2. RADAR
3. Neon signs
4. Fluorescent lighting
5. Earthquake machine
6. Car speedometer
7. Automobile spark-ignition

24) EDISON HA BRUCIATO IL LABORATORIO DI TESLA IN COLORADO


No, non fatevi ingannare dalle cose che vedete in TV. “The Prestige” si è sbagliato, e il laboratorio CS di Tesla non è mai stato bruciato.

Tesla tornò a NYC e fece vendere gran parte del laboratorio come rottame.

25) OK, POI EDISON HA BRUCIATO IL LABORATORIO DI TESLA A NYC
Umm…

W. Beaty

Fonte: amasci.com

Novità letteraria di Toba60 IL mondo non è quello che sembra

Codice  IBAN  IT19B0306967684510332613282

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code