toba60

No Ospedali, Si Ayahuasca, Cosí gli indigeni Kokama Diminuiscono i Decessi COVID-19 in Amazzonia

Views: 197

Quello che deve far riflettere su quanto avrete modo di leggere, e’ di come paesi che vengono definiti del terzo mondo, nel momento di una qualsiasi difficoltà’, non si pongono tanto la domanda se ciò’ che hanno intenzione di fare corrisponde alla norma del politicamente corretto, ma se ciò’ che fanno funziona.

Senza tanto perdere tempo molti popoli indigeni hanno intrapreso la loro strada senza tergiversare come stiamo facendo noi su quello che si presume sia la cosa migliore da fare come nel caso del Covid-19

loro hanno fatto e …………..Funziona!!!!

L’Ayahuasca

TABATINGA, Brasile – Da metà maggio, un team sanitario multidisciplinare formato da membri del gruppo indigeno Kokama ha visitato le case della comunità nella regione del fiume Solimões superiore del Brasile per monitorare i sintomi del coronavirus. Ogni volta che trovano Kokama potenzialmente infetti, avvertono gli sciamani locali. Ai pazienti viene quindi prescritto un trattamento consistente in rituali a base di ayahuasca, la bevanda sacra della foresta usata per millenni nelle cerimonie di guarigione.

“All’inizio ci affidavamo alla medicina di persone non indigene, ma la nostra gente è andata in ospedale e l’ha lasciata lì in una bara”, dice Edney Samias, capo del popolo Kokama. “Ora, chiunque abbia i sintomi del coronavirus viene curato a casa, solo con l’ayahuasca e altre medicine tradizionali. Ora stiamo salvando molte vite “.

Il primo caso confermato di infezione da COVID-19 tra le popolazioni indigene del Brasile proveniva dalla comunità di Kokama. L’infezione è stata confermata il 31 marzo nel distretto di Santo Antônio do Içá, nella provincia di Amazonas, dopo che un agente sanitario indigeno di 20 anni ha avuto contatti con un medico del Segretariato speciale per la salute degli indigeni (SESAI) del governo che era tornato da vacanza senza quarantena.

Da allora, il virus si è diffuso rapidamente tra i Kokama, lasciando un bilancio delle vittime di 60 e più di 1.000 persone infette in tutta l’Amazzonia alla fine di luglio.

Il capo Samias ha perso 17 parenti diretti a causa della malattia, ma è stata la morte di suo padre, il leader della comunità Guilherme Padilha Samias, il 14 maggio, che ha cambiato il modo in cui la comunità ha trattato quelli con sintomi COVID-19.

La loro fiducia nella medicina occidentale è crollata a causa della serie di morti e del pregiudizio che i Kokama dicono di aver subito all’ospedale militare di Tabatinga, inclusa la negligenza nel modo in cui sono stati trattati.

“Hanno detto che [mio padre] non era indigeno perché non aveva RANI [certificato di nascita indigeno]”, dice Samias. “Ci chiamavano falsi indigeni”. Per il Kokama, essere sepolto come persona non indigena è considerato una mancanza di rispetto per gli antenati, con la convinzione che l’anima andrà persa perché non è considerata indigena. “Se sei un Kokama, sei un Kokama, vivo o morto”, dice Samias.

Da allora, i Kokama si sono attenuti a una decisione interna di non cercare più unità di sanità pubblica in caso di casi comunitari con sintomi COVID-19. Si sono invece rivolti alla medicina tradizionale e alle conoscenze indigene per curare la malattia, sostituendo i medici con gli sciamani e la medicina occidentale con ayahuasca, zenzero, aglio e limone. “La medicina dell’uomo bianco ha ucciso la nostra gente”, dice Samias.

Dice che il trattamento con l’ayahuasca per combattere il COVID-19 è già stato offerto a più di 800 membri della comunità indigena a Tabatinga, un comune al confine tra Brasile e Perù e Colombia, dove vivono circa 5.500 Kokama. Poiché vivono in città e sono considerati non abitanti del villaggio, non sono inclusi nelle statistiche di SESAI.

Dei 60 decessi registrati tra i Kokama, 56 si sono verificati tra metà aprile e metà giugno. Gli altri quattro decessi sono stati segnalati nelle più di sei settimane da allora. La riduzione del tasso di mortalità, anche con l’elevato numero di pazienti in cura a casa, è il risultato che dicono di aspettarsi quando hanno evitato gli ospedali a favore delle loro medicine tradizionali combinate con pratiche igieniche e allontanamento sociale.

Per Glades Kokama, presidente della Federazione dei Popoli Indigeni Kukami-Kukamiria di Brasile, Perù e Colombia, la medicina occidentale non ha funzionato per loro “perché le risorse e le medicine arrivano troppo tardi” e scoraggia la comunità. “In passato, le persone sopravvivevano senza medicine di laboratorio. Garantiremo ciò che è nostro e manterremo la nostra cultura millenaria. Spero che tutti nella medicina tradizionale ci rispetteranno perché, se non per noi, non sappiamo cosa sarà “, dice.

Ad oggi non esistono studi scientifici che dimostrino l’efficacia dell’ayahuasca nella lotta al coronavirus. Tuttavia, ci sono prove del potenziale terapeutico della bevanda come trattamento ausiliario per disturbi psicologici e malattie come il cancro.

Rituali di guarigione

L’ayahuasca è composta da una combinazione di due piante: la vite jagube ( Banisteriopsis caapi ) e il cespuglio chacrona ( Psychotria viridis ). I rituali con l’infuso sacro si svolgono tre volte a settimana durante la notte e possono durare fino all’alba. Vengono eseguiti in uno spazio dedicato e sono guidati da un gruppo di sciamani. Il più anziano ora ha 105 anni e, secondo i membri della comunità intervistati per questa storia, non presentava alcun sintomo della malattia. In casi specifici, la cerimonia può svolgersi a casa del paziente.

“Nei rituali, mettiamo in contatto il corpo del malato con l’albero mururé [ Brosimum acutifolium ] attraverso il canto”, dice Edney Samias, riferendosi a un albero amazzonico noto per le sue numerose proprietà medicinali. “Ma quando ci sono più pazienti contemporaneamente, riuniamo fino a otto persone che prendono l’ayahuasca per rafforzare le loro anime”.

Il rituale dell’ayahuasca è considerato dal Kokama come la cura più potente, ed è un momento di esperienza, scoperta, visioni del futuro e del passato e apprendimento delle tradizioni. È una cerimonia segreta, con tutti i segreti trasmessi direttamente da maestro a discepolo.

“La mia famiglia ha sempre preso l’ayahuasca, ma prima che arrivasse la malattia mi sono fermato per tre mesi. Mi sono spaventata e ho pensato che fosse meglio entrare in contatto con gli uomini bianchi perché hanno respiratori, medicinali, dottori e potrebbero curare. E ho dimenticato che potevo curare la mia famiglia da solo “, dice Samias. “Me ne pento. Non avrei dovuto credere nella medicina dell’uomo bianco, né avrei dovuto portare nessuno in ospedale “.

Secondo Glades, le medicine fatte in casa e le cure domiciliari hanno aiutato la sua gente a sopravvivere. “La contaminazione si diffonde più facilmente in ospedale. Con le nostre medicine restiamo a casa. La medicina ancestrale è l’essenza della cura per noi. Non possiamo aspettare un dottore ”, dice.

Aggiunge che ora è il momento di incoraggiare i membri della comunità a iniziare a coltivare “giardini curativi” con piante medicinali come quelle usate per produrre l’ayahuasca. “Insegneremo perché c’è un modo giusto per coltivare e lavorare le piante di ayahuasca, non è casuale”, dice Glades. “Ora è il momento di rafforzare [le tradizioni]”.

Maria Fernanda Ribeiro

Fonte: Mongabay Waking Times

Ayahuasca Medicina
Sciamanesimo e guarigione: dal San Pedro all’Ayahuasca, il mistero delle Sacre Piante dell’Amazzonia
Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere
€ 16,00

L'ayahuasca nel mio Sangue
25 anni di sogni con la medicina
Voto medio su 3 recensioni: Da non perdere
€ 20,00

Ayahuasca - La Liana degli Spiriti
Il sacramento magico-religioso dello sciamanismo amazzonico
Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere
€ 0,00

Puoi risparmiare  1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

IL Nostro codice JTR Bitcoin è:  bc1qkspp89dl7ywl4v4ngdz6h0nrzfrt850anlgpll 

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code