toba60

Nulla Accade per Caso

La vita e’ scandita da continui episodi che paiono essere frutto di un susseguirsi di eventi caotici che vanno di volta in volta a formare la nostra esistenza.

Tutto ciò che accade, viene sempre interpretato come frutto del caso stabilito dal destino a tutti sconosciuto, già Albert Einstein aveva compreso benissimo quanto tutto questo non aveva una sua ragione d’essere e liquidò subito la questione dicendo che Dio non gioca a Dadi.

In ambito sociale poi, vi e’ la tenenza a credere che tutto avviene a causa di un singolo episodio, ”sempre causale naturalmente”, ignorando che ogni evento affonda la sua radice in profondità, che per il solo fatto che non si vede, non significa che non esista.

Il materialismo endemico facente parte del presente passato e futuro, attraverso cui l’uomo da una sua illogica spiegazione dei fatti, si evidenzia poi in tutta la sua devastante interpretazione degli eventi che si manifesta ora più’ che mai nel periodo storico in cui viviamo.

Riferito ai giorni nostri non e’ il caso di trovare sempre un capro espiatorio per ogni cosa accada……..basta guardarsi allo specchio e per una volta essere onesti con se stessi e cercare e far mente locale per una volta su ciò’ che realmente siamo, vogliamo e desideriamo dalla vita.

Toba60

Incidente ma non troppo

Molte persone sono sorprese dal fatto che gli incidenti siano catalogati come qualsiasi altra malattia. Pensano che gli incidenti siano qualcosa di completamente diverso: dopo tutto, vengono dall’esterno, quindi si può erroneamente essere da biasimare.

Questo argomento denota la confusione del nostro pensiero in generale, e fino a che punto il nostro modo di pensare e le teorie si conformano ai nostri desideri inconsci. È estremamente spiacevole per tutti noi assumerci la piena responsabilità della nostra esistenza e di tutto ciò che ciaccade. Siamo costantemente alla ricerca di modi per proiettare il senso di colpa verso l’esterno. E siamo irritati dal fatto che queste proiezioni ci smascherano. La maggior parte degli sforzi scientifici mirano a consolidare e legalizzare queste proiezioni con teorie. “Umanamente”, questo è perfettamente comprensibile.

Dobbiamo capire che c’è sempre qualcosa che apparentemente viene dall’esterno e che possiamo sempre interpretare come una causa. Tuttavia, questa interpretazione causale non è che una possibilità di vedere le cose e in questo libro abbiamo impostato per sostituire o, se del caso, completare questa visione abituale.

Quando ci guardiamo allo specchio, la nostra riflessione apparentemente ci guarda anche dall’esterno e, tuttavia, non è la causa del nostro aspetto. Al freddo, sono i mieimi che provengono dall’esterno e in loro vediamo la causa. Nell’incidente stradale è l’automobilista ubriaco che ha tolto la nostra preferenza per superare la causa dell’incidente. A livello funzionale c’è sempre una spiegazione. Ma questo non ci impedisce di interpretare ciò che è successo con un’ottica trascendente.

La legge della risonanza determina che non possiamo mai entrare in contatto con qualcosa con cui non abbiamo nulla a che fare. Le relazioni funzionali sono i mezzi materiali necessari affinché una manifestazione si verifichi sul piano del corpo. Per dipingere una scatola abbiamo bisogno di una tela e colori; ma non sono la causa del dipinto, ma solo il materiale significa con l’aiuto del quale il pittore cattura la sua pittura interiore. Sarebbe sciocco confutare il messaggio della cornice sulla base del fatto che il colore, la tela e i pennelli sono le sue vere cause.

Non cerchiamo incidenti, così come non cerchiamo “malattie” e nulla ci fa rinunciare a usare qualsiasi cosa come “causa”. Tuttavia, di tutto ciò che ci accade nella vita, siamo responsabili. Non ci sono eccezioni,quindi è meglio smettere di cercarli. Quando una persona soffre, soffre solo per mano sua (che non presuppone che la sofferenza non sia grande!). Ognuno è un agente e paziente in una sola persona. Finché l’essere umano non scopre entrambi se stessi non sarà sano. A causa dell’intensità con cui le persone denotano l’agente esterno, possiamo vedere fino a che punto sono sconosciuti. Mancano quella visione che permette loro di vedere l’unità delle cose.

L’idea che gli incidenti siano inconsciamente causati non è nuova. Freud, nella sua Psicopatologia della vita quotidiana, oltre a fallimenti come difetti di pronuncia, dimenticanza, perdita di oggetti, ecc., cita anche incidenti a causa di uno scopo inconscio. Successivamente, la ricerca psicosomatica ha dimostrato statisticamente l’esistenza della cosiddetta “propensione all’incidente”. È una personalità che è incline ad affrontare i suoi conflitti sotto forma di incidente. Per quanto riguarda il 1926 lo psicologo tedesco K. Marbe, nella sua psicologia pratica degli incidenti e degli incidenti industriali, osserva che l’individuo che ha già subito un incidente ha maggiori probabilità di subire altri incidenti di quanto non li abbia mai avuto.

Il lavoro chiave di Alexander sulla medicina psicosomatica, pubblicato nel 1950, ha trovato le seguenti osservazioni sull’argomento: “Nell’indagine sugli incidenti automobilistici in Connecticut si è scoperto che in un periodo di sei anni, un piccolo gruppo di solo il 3,9% di tutti gli automobilisti coinvolti nell’incidente aveva subito il 36,4% di tutti gli incidenti. Una grande azienda che impiega numerosi camionisti, allarmata dagli alti costi degli incidenti, ha fatto accertare le cause. Tra gli altri fattori possibili, è stata esaminata la storia di ciascun conducente e coloro che avevano subito il maggior numero di incidenti erano destinati ad altri posti di lavoro. 

Bitcoin Exchange CEX.IO

Con questa semplice misura, il numero di sinistri potrebbe essere ridotto di un quinto. È interessante notare che i conducenti lontani dalla strada hanno continuato a mostrare la loro propensione nel nuovo posto di lavoro. Questo indica inconfutabilmente che la propensione all’incidente esiste e che queste persone mantengono questa proprietà in tutte le attività della vita quotidiana” (Alexander, Medicina Psicosomatica).

Alexander deduce che “nella maggior parte degli incidenti, c’è un elemento di deliberazione, anche se è quasi sempre inconscio. In altre parole, la maggior parte degli incidenti sono inconsciamente causati. Questo sguardo alla vecchia letteratura psicoanalitica ci dice, tra le altre cose, che il nostro modo di contemplare gli incidenti non ha nulla di nuovo e quanto tempo ci vuole per ottenere alcune prove (sgradevoli) per penetrare (se viene) nella coscienza collettiva.

Nel nostro esame non siamo così interessati alla descrizione di una certa personalità incline all’incidente come, soprattutto, al significato di un incidente che si verifica nella nostra vita. Anche se una persona non possiede una personalità soggetta a incidenti, ha sempre un messaggio per lei, e vogliamo imparare a decifrarlo. Se gli incidenti abbondano nella vita di un individuo, questo significa solo che questa persona non ha risolto consapevolmente i suoi problemi e sta quindi intensificando le fasi dell’apprendimento forzato. Che una persona in particolare fare le sue correzioni in modo primario da incidenti è dovuto al cosiddetto “locus minoris resistentiae” di altre persone. Un incidente mette in discussione violentemente un modo di agire o il percorso intrapreso da una persona. È una pausa nella vita che deve essere indagata. Per fare questo è necessario contemplare l’intero processo dell’incidente come un gioco e cercare di capire l’esatta struttura dell’azione e riferirlo alla situazione stessa.

Incidenti stradali

“Incidente stradale” è un termine difficile da interpretare, in modo astratto. Devi sapere esattamente cosa succede in un dato incidente, per dire quale messaggio contiene. Ma se, in generale, l’interpretazione è difficile e persino impossibile, nel caso specifico è molto difficile. Tutto quello che devi fare è ascoltare attentamente la presentazione dei fatti. L’ambivalenza del linguaggio tradisce tutto. Purtroppo, più e più volte si verifica che molte persone non hanno un orecchio per afferrare queste connotazioni verbali. Tendiamo ad avere un paziente ripetere una certa frase della loro descrizione fino a quando non si rendono conto di ciò che rappresenta. In questi casi, avvertiamo dell’incoscienza con cui le persone gestiscono il linguaggio o di quanto bene i filtri agiscono quando si tratta dei problemi stessi.

Pertanto, nella vita e nella circolazione, una persona può, per esempio, deviare dal suo percorso – passo sull’acceleratore – perdere il nord – perdere il controllo o il dominio, correre su uno, ecc. Cosa resta da spiegare? Ascolta e basta. Si accelera in modo tale che non può frenare e non solo si avvicina troppo al (o il?) che va davanti a lui, ma lo arieti, portando una collisione (o una radice, come dicono gli altri). Questo incidente è una contraddizione, quindi gli automobilisti spesso si scontrano non solo con le auto, ma anche con le parole.

Spesso, la domanda ” Chi è stato la colpa per l’incidente?”ci dà la risposta chiave: “Non potevo frenare in tempo”, e dice che una persona,in qualche aspetto della sua vita, ha accelerato in modo tale (per esempio, sul lavoro) che è venuto a mettere a repentaglio un tale aspetto. Questa persona dovrebbe interpretare l’incidente come una chiamata per esaminare tutte le accelerazioni nella sua vita e rallentare. La risposta: “Non l’ho visto”, indica che questa persona smette di vedere qualcosa di molto importante nella sua vita. Chi si addormenta al volante dovrebbe svegliare la sua vita il prima possibile in modo da non schiantarsi. Chi rimane sdraiato di notte sulla strada dovrebbe esaminare attentamente quali sono le cose nella zona notturna dell’anima che possono impedirgli di avanzare. Questo taglia qualcuno, l’altro va oltre la linea o salta il cordolo, un altro rimane bloccato nel fango. Improvvisamente, si smette di guardare chiaro, non vede il segnale di stop, confonde la direzione, si scontra con le resistenze. Quasi sempre, gli incidenti stradali portano a un intenso contatto con altre persone; nella maggior parte dei casi, l’approccio è eccessivo e, naturalmente, violento.

Esaminiamo insieme un incidente specifico, per illustrare meglio il nostro approccio con un esempio pratico. Si tratta di un vero e proprio incidente che, allo stesso tempo, rappresenta un tipo di incidente stradale molto comune. Ad un incrocio con preferenza a destra si scontrano due auto con tanta violenza che una di loro viene gettata sul marciapiede dove viene rovesciata, con le ruote rivolte verso l’alto. All’interno, diverse persone sono rimaste intrappolate urlando aiuto. La radio dell’auto funziona a pieno volume. I passanti tolescono gli armadietti dalla loro prigione di ferro, che, con ferite di media gravità, vengono trasferiti in ospedale.

Questo evento può essere spiegato come segue: tutte le persone coinvolte in questo incidente si trovavano in una situazione in cui volevano continuare in linea retta nella direzione che avevano preso nella loro vita. Questo corrisponde al desiderio e al tentativo di andare avanti senza fermarsi. Ma sia sulla strada che nella vita ci sono croci. La pista retta è la norma nella vita, è quella che è seguita dall’inerzia. Il fatto che la traiettoria dritta di tutte queste persone sia stata bruscamente interrotta dall’incidente indica che tutti avevano trascurato la necessità di rettificare la direzione. Arriva un momento nella vita in cui è necessario rettificare. Per quanto sia una regola o un indirizzo, nel tempo può diventare inadeguato. Il più delle volte, le persone difendono le loro regole invocando la loro osservanza in passato. Questo non è un argomento. In un bambino è normale ai pannolini bagnati, e non c’è niente di meglio che obiezione. Ma il ragazzo che ancora bagna il letto alle cinque è ingiustificabile.

Una delle difficoltà della vita umana è riconoscere nel tempo la necessità di un cambiamento. Sicuramente le persone coinvolte nell’incidente non l’avevano riconosciuta. Hanno cercato di continuare in linea retta sul sentiero che fino ad allora era stato accreditato come buono e soppresso l’invito ad abbandonare la norma, a variare rotta, ad prendere possesso della situazione. Questo impulso è inconscio. Inconsciamente, sentiamo che la strada non è quella giusta. Ma falto valore di interrogare consapevolmente e abbandonarlo. I cambiamenti generano paura. Ti piacerebbe, ma non osi. Questo può essere un rapporto umano che è stato superato, o un lavoro, o un’idea. La cosa comune per tutti è che ognuno reprimeil desiderio di liberarsi dall’uomo con un salto.

Chi è sincero con se stesso, dopo l’evento può vedere che, in fondo, era stato a lungo insoddisfatto del suo cammino e voleva abbandonarlo, ma gli mancava il coraggio. Le soluzioni inconsce sono efficaci, naturalmente, ma hanno il rovescio della medaglia che, in breve, non risolvono il problema a tutti. Questo è semplicemente perché alla fine un problema può essere risolto solo con una decisione deliberata, dove mentre la soluzione inconscia rappresenta sempre solo una realizzazione materiale. La realizzazione può dare una spinta, può informare, ma non risolvere completamente il problema.

Così, nel nostro esempio, l’incidente provoca la liberazione della solita strada, ma impone una nuova e ancora maggiore mancanza di libertà: il blocco in macchina. Questa situazione nuova e inutilizzata è il risultato dell’incoscienza del processo, ma può anche essere interpretato come un avvertimento che l’abbandono della vecchia strada può portare non alla tanto attesa libertà, ma ad una mancanza ancora maggiore di libertà. Per chi vede un simbolo in tutto, questo dettaglio è espressione del tentativo di deviare dal conflitto con mezzi esterni. Ma il pensiero è dissenziente e questo conflitto e desiderio di libertà dall’anima sono racchiusi nell’inconscio. Non possono liberarsi, ma devono aspettare che i fatti esterni li rilascino. L’incidente qui è il “fatto esterno” che ha aperto a problemi inconsci un canale per loro di articolare. Le grida di aiuto dell’anima sono diventate udibili. L’individuo ha imparato ad essere onesto.

Infortuni a casa e sul lavoro

Simile agli incidenti stradali, la diversità delle possibilità e il loro simbolismo in altri incidenti domestici e sul lavoro è quasi illimitato, quindi ogni caso deve essere esaminato attentamente. Nelle ustioni troviamo un ricco simbolismo. Molte frasi hanno fatto uso di bruciatura e fuoco come simbolo di processi psichici: bruciare le labbra – bruciare le mani – afferrare un ferro ardente – giocare con il fuoco – mettere le mani sul fuoco da una persona, ecc.

Il fuoco è qui sinonimo di pericolo. Pertanto, le ustioni indicano che non si sapeva come vedere o misurare il pericolo in modo tempestivo. Forse non si ottiene giusto vedere quanto caldo un particolare argomento è davvero. Le ustioni ci fanno capire che stiamo giocando con il pericolo. Inoltre, il fuoco ha un chiaro rapporto con il tema dell’amore e della sessualità. Si dice che l’amore sia focoso, si si infiamma di amore, un amante è focoso. Il simbolismo sessuale del fuoco è quindi evidente.

Le ustioni colpiscono prima la pelle, cioè l’avvolgimento o il bordo dell’individuo. Questa violazione del confine significa sempre l’interrogatorio del Sé. Con il Sé ci stiamo isolando e l’isolamento impedisce l’amore . . . Per amare dobbiamo aprire il confine del Sé, dobbiamo infiammarci con la brace dell’amore, per abbattere gli ostacoli. A coloro che resistono al fuoco interno, forse un fuoco esterno brucia il bordo della pelle, lasciandolo aperto e vulnerabile.

Un simbolismo simile si trova in quasi tutte le ferite che, naturalmente, iniziano perforando il bordo esterno della pelle. Ecco perché si parla anche di ferite psichiche e si dice che ci si senta feriti da una certa parola. Ma si può ferire non solo gli altri, ma anche laccerare la carne.

Anche il simbolismo della “caduta” e del “stumble” è facile da decifrare. Devono scivolare sul parquet o rotolare al piano di sotto. Se il risultato è commozione cerebrale, il pensiero dell’individuo è influenzato. Ogni tentativo di andare a letto provoca un mal di testa, in modo da sdraiarsi di nuovo in subito. Pertanto, la predominanza che ha finora è presa dalla sua testa e pensiero e le esperienze del paziente nel proprio corpo che il pensiero fa male.

Fratture

Le ossa sono rotte, quasi senza eccezioni, in circostanze di iperdinamica (auto, moto, sport), con l’intervento di un fattore meccanico esterno. La frattura impone immediatamente l’immobilizzazione (riposo, intonaco). Ogni frattura provoca un’interruzione del movimento e dell’attività e richiede riposo. Da questa passività forzata dovrebbe sorgere un riorientamento. La frattura indica chiaramente che l’imperativo dello scopo di un’evoluzioneè statodimenticato, quindi il corpo deve rompere con il vecchio per consentire l’emergere del nuovo. La frattura si rompe con il percorso precedente che è stato caratterizzato da iperattività e movimento. L’individuo esagera il movimento e il sovraccarico o l’iperattività si accumula fino a quando il punto più debole cede.

L’osso rappresenta nel corpo il principio della solidità,delle regole che danno un punto di sostegno, e anche quello dell’anchilosi. L’osso agganciato è fragile e non può adempiere alla sua funzione. Qualcosa di simile accade con gli standard: devono fornire una base, ma l’eccessiva rigidità li rende inoperanti. Una frattura ci segnala sul piano fisico che un eccesso di rigidità della norma è stato trascurato nel sistema psichico. L’individuo era diventato eccessivamente rigido e senza compromessi. La persona, con l’età, tende ad aggrapparsi ai suoi principi in modo più rigido e perde la sua adattabilità, l’anchilosi delle ossa aumenta a sua volta e il pericolo di frattura cresce. Tutto il contrario di ciò che accade al bambino, che ha le ossa così flessibili che difficilmente possono rompersi. Il bambino non conosce regole o misure in cui pietrificarsi. Quando una persona diventa eccessivamente intransigente, una vertebra fratturata corregge l’anomalia: la sua colonna vertebrale è rotta. Questo può essere evitato piegandolo volontariamente!

Esther Hicks

“La Enfermedad Como Camino”

Puoi risparmiare 1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Donate JTR Bitcoin :

bc1qkspp89dl7ywl4v4ngdz6h0nrzfrt850anlgpll 

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code