toba60

Nuovo Ordine Criminale Mondiale Tecnologico

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

E ora di chiamare le cose per quello che sono, una ristretta cerchia di criminali globali sta creando tutti i presupposti per ridurre l’umanità’ in schiavitù, il guaio e’ che il sentire collettivo pensa ad una fase transitoria in cui tutto si ristabilisce, un po come il tormentone Covid primaverile, in cui tutti animati da tanta buona volontà’ e poco cervello si prodigavano a scrivere sulle lenzuola:

Andrà Tutto Bene.

Non c’è legge che tenga, a rispettarla dovrà essere solo il popolo che confida nelle buone intenzioni di chi detta le regole del gioco, che come tale e’ diventato poco divertente o meglio ….lo e’ solo per chi ha le carte in mano….

Il resto sta a guardare il dramma che si manifesta, ma seriamente.

Toba60

Grande fratello sotto mentite spoglie: l’ascesa di un nuovo ordine mondiale tecnologico

“Dovevi vivere, hai vissuto, per abitudine che è diventata istinto supponendo che ogni suono che facevi fosse ascoltato e, tranne che nell’oscurità, ogni movimento esaminato.”

George Orwell, 1984

Aveva il potenziale per il disastro.

La mattina presto di lunedì 15 dicembre 2020, Google ha subito una grave interruzione a livello mondiale in cui tutti i suoi servizi connessi a Internet si sono bloccati , inclusi Nest, Google Calendar, Gmail, Documenti, Hangouts, Maps, Meet e YouTube.

L’interruzione è durata solo un’ora, ma è stato un agghiacciante promemoria di quanto il mondo sia diventato dipendente dalle tecnologie connesse a Internet per fare di tutto, dallo sbloccare le porte e alzare la temperatura all’accesso ai file di lavoro, all’invio di e-mail e alle telefonate.

Un anno prima, un’interruzione di Google ha impedito agli utenti Nest di accedere ai propri termostati Nest, serrature intelligenti Nest e videocamere Nest. Come Fast Company riporta , “Ciò significava essenzialmente che a causa di un’interruzione dell’archiviazione cloud, alle persone veniva impedito di entrare nelle loro case, utilizzare l’AC e monitorare i loro bambini “.

Benvenuto in Matrix.

Vent’anni dopo il film iconico dei Wachowski, Matrix , ci ha introdotto in un mondo futuristico in cui gli esseri umani esistono in una non realtà simulata al computer alimentata da macchine autoritarie, un mondo in cui la scelta tra l’esistenza in un virtuale dominato dalla negazione stato di sogno o affrontare le dure e difficili realtà della vita si riduce a una pillola blu o una pillola rossa: ci troviamo sull’orlo di una matrice tecnologicamente dominata da noi stessi.

Stiamo vivendo quanto anticipato da Matrix ogni giorno che passa, cadendo ulteriormente sotto l’incantesimo di comunità virtuali guidate dalla tecnologia, realtà virtuali e comodità virtuali gestite da macchine artificialmente intelligenti che sono sulla corsia preferenziale per sostituire gli esseri umani e alla fine dominare ogni aspetto delle nostre vite.

La fantascienza è diventata realtà.

In The Matrix , il programmatore di computer Thomas Anderson aka hacker Neo viene svegliato da un sonno virtuale da Morpheus , un combattente per la libertà che cerca di liberare l’umanità da uno stato di ibernazione permanente imposto da macchine di intelligenza artificiale iper-avanzate che si affidano agli esseri umani come fonte di energia organica. Con la mente collegata a una realtà virtuale perfettamente realizzata, pochi umani si rendono conto di vivere in un mondo di sogno artificiale.

Neo ha una scelta: prendere la pillola rossa, svegliarsi e unirsi alla resistenza, o prendere la pillola blu, rimanere addormentato e servire da foraggio per i poteri forti.

La maggior parte delle persone sceglie la pillola blu.

Nel nostro caso, la pillola blu – un biglietto di sola andata per una condanna a vita in un campo di concentramento elettronico – è stata rivestita di miele per nascondere il retrogusto amaro, venduta a noi in nome dell’opportunità e consegnata tramite Internet incredibilmente veloce , segnali da telefoni cellulari che non interrompono mai una chiamata, termostati che ci mantengono alla temperatura perfetta senza che dobbiamo alzare un dito e intrattenimento che può essere trasmesso contemporaneamente in streaming a TV, tablet e telefoni cellulari.

Eppure non siamo solo schiavi di queste tecnologie che avevano lo scopo di semplificarci la vita. Ne siamo diventati schiavi.

Guardati intorno. Ovunque ti giri, le persone sono così dipendenti dai loro dispositivi con schermo connesso a Internet – smartphone, tablet, computer, televisori – che possono rimanere per ore immerse in un mondo virtuale in cui l’interazione umana è filtrata attraverso il mezzo della tecnologia.

Questa non è libertà.

Questo non è nemmeno un progresso.

Questa è la tirannia tecnologica e il controllo del pugno di ferro fornito dallo stato di sorveglianza, giganti aziendali come Google e Facebook e agenzie di spionaggio governative come la National Security Agency.

Siamo così consumati dall’avvalerci di tutte le ultime tecnologie che abbiamo risparmiato a malapena un pensiero per le ramificazioni del nostro inciampare incauto e precipitoso verso un mondo in cui la nostra abietta dipendenza da gadget e aggeggi connessi a Internet ci sta preparando per un futuro in quale libertà è un’illusione.

Eppure non è solo la libertà a essere in bilico. L’umanità stessa è in gioco.

Se mai gli americani si troveranno schiavi dei tiranni tecnologici, dovremo incolpare solo noi stessi per aver forgiato le catene attraverso la nostra stessa stanchezza, pigrizia e abietta dipendenza da gadget e aggeggi connessi a Internet che ci rendono del tutto irrilevanti.

In effetti, ci stiamo avvicinando rapidamente alla visione del futuro di Philip K.Dick rappresentata nel film Minority Report . Lì, le agenzie di polizia arrestano i criminali prima che possano commettere un crimine, le auto senza conducente popolano le autostrade e la biometria di una persona viene costantemente scansionata e utilizzata per tracciare i suoi movimenti, bersagliarli per la pubblicità e tenerli sotto sorveglianza perpetua.

Indica l’alba dell’era dell’Internet delle cose (IoT), in cui le “cose” connesse a Internet monitorano la tua casa, la tua salute e le tue abitudini al fine di mantenere la tua dispensa rifornita, le tue utenze regolate e la tua vita sotto controllo e relativamente senza preoccupazioni.

La parola chiave qui, tuttavia, è controllo .

In un futuro non troppo lontano, ” quasi tutti i dispositivi che possiedi – e persino prodotti come le sedie, in cui normalmente non ti aspetti di vedere la tecnologia – saranno connessi e parleranno tra loro “.

Entro la fine del 2018, “c’erano circa 22 miliardi di dispositivi Internet of Things connessi in uso in tutto il mondo … Le previsioni suggeriscono che entro il 2030 circa 50 miliardi di questi dispositivi IoT saranno in uso in tutto il mondo, creando un’enorme rete di dispositivi interconnessi dispositivi che coprono tutto, dagli smartphone agli elettrodomestici da cucina “.

Man mano che le tecnologie che alimentano questi dispositivi sono diventate sempre più sofisticate, sono anche diventate sempre più diffuse, includendo di tutto, dagli spazzolini da denti e lampadine alle automobili, ai contatori intelligenti e alle apparecchiature mediche.

Si stima che 127 nuovi dispositivi IoT siano connessi al web ogni secondo .

Questa industria “connessa” è diventata la prossima grande trasformazione sociale, proprio lì con la rivoluzione industriale , un momento di svolta nella tecnologia e nella cultura.

Tra auto senza conducente che mancano completamente di volante, acceleratore o pedale del freno e pillole intelligenti incorporate con chip per computer, sensori, telecamere e robot, siamo pronti a superare l’immaginazione di scrittori di fantascienza come Philip K.Dick e Isaac Asimov.

(A proposito, non esiste un’auto senza conducente. Qualcuno o qualcosa guiderà, ma non sarai tu.)

Questi gadget tecnologici connessi a Internet includono lampadine intelligenti che scoraggiano i ladri facendo sembrare la tua casa occupata, termostati intelligenti che regolano la temperatura della tua casa in base alle tue attività e campanelli intelligenti che ti consentono di vedere chi c’è davanti alla tua porta senza lasciare il comodità del tuo divano.

Nest, la suite di prodotti per la casa intelligente di Google, è stata in prima linea nel settore “connesso”, con comodità tecnologicamente avanzate come una serratura intelligente che dice al tuo termostato chi è a casa, che temperature gradiscono e quando la tua casa non è occupata; un sistema di servizi telefonici di casa che interagisce con i tuoi dispositivi collegati per “imparare quando vai e vai” e ti avvisa se i tuoi figli non tornano a casa; e un sistema di sonno che monitorerà quando ti addormenti, quando ti svegli e manterrà i rumori e la temperatura della casa in uno stato favorevole al sonno.

Lo scopo di questi dispositivi connessi a Internet, come proclama Nest, è quello di rendere “la tua casa una casa più attenta e consapevole “. Ad esempio, la tua auto può segnalare che stai tornando a casa, mentre le luci Hue possono accendersi e spegnersi per attirare la tua attenzione se Nest Protect rileva che qualcosa non va. La tua macchina per il caffè, basandosi sui dati dei sensori di fitness e sonno, preparerà una tazza di caffè più forte per te se hai avuto una notte agitata.

Tuttavia, data la velocità e la traiettoria con cui queste tecnologie si stanno sviluppando, non passerà molto tempo prima che questi dispositivi funzionino in modo completamente indipendente dai loro creatori umani, il che pone una serie di preoccupazioni completamente nuove. Come esperto di tecnologia Nicholas Carr osserva l’ : “Non appena permetti ai robot, o ai programmi software, di agire liberamente nel mondo, si imbatteranno in situazioni eticamente gravose e dovranno affrontare scelte difficili che non possono essere risolte attraverso modelli statistici . Questo sarà vero per le auto a guida autonoma, i droni che volano da soli e i robot da campo di battaglia, proprio come è già vero, su scala minore, con aspirapolvere e tosaerba automatici “.

Ad esempio, proprio come il robot aspirapolvere Roomba ” non fa distinzione tra un coniglietto della polvere e un insetto “, i droni armati – pronti a prendere il volo in massa quest’anno – saranno incapaci di distinguere tra un criminale in fuga e qualcuno semplicemente fare jogging lungo una strada. Del resto, come ci si difende da un poliziotto robotico – come l’androide Atlas sviluppato dal Pentagono – che è stato programmato per rispondere a qualsiasi minaccia percepita con la violenza?

Inoltre, non sono solo le nostre case e i nostri dispositivi personali che vengono riordinati e reinventati in questa era connessa: sono i nostri luoghi di lavoro, i nostri sistemi sanitari, il nostro governo, i nostri corpi e i nostri pensieri più intimi che vengono collegati a una matrice su cui non abbiamo vero controllo.

In effetti, si prevede che entro il 2030 tutti sperimenteremo l’Internet dei sensi (IoS), abilitato da Intelligenza Artificiale (AI), Realtà Virtuale (VR), Realtà Aumentata (AR), 5G e automazione. L’Internet dei sensi si basa sulla tecnologia connessa che interagisce con i nostri sensi di vista, suono, gusto, olfatto e tatto attraverso il cervello come interfaccia utente. Come spiega la giornalista Susan Fourtane:

Molti prevedono che entro il 2030 i confini tra pensare e fare si confonderanno . Il 59% dei consumatori crede che saremo in grado di vedere i percorsi della mappa sugli occhiali VR semplicemente pensando a una destinazione … Entro il 2030, la tecnologia è pronta a rispondere ai nostri pensieri e persino a condividerli con gli altri … Usando il cervello come un l’interfaccia potrebbe significare la fine di tastiere, mouse, controller di gioco e, in definitiva, interfacce utente per qualsiasi dispositivo digitale. L’utente deve pensare solo ai comandi e verranno eseguiti. Gli smartphone potrebbero funzionare anche senza touch screen.

In altre parole, l’IoS farà affidamento sulla tecnologia in grado di accedere e agire in base ai tuoi pensieri.

Fourtane delinea all’IoS diverse tendenze relative che dovrebbero diventare realtà entro il 2030:

1: I pensieri diventano azione : utilizzando il cervello come interfaccia, ad esempio, gli utenti potranno vedere i percorsi della mappa sugli occhiali VR semplicemente pensando a una destinazione.

2: I suoni diventeranno un’estensione della realtà virtuale ideata: gli utenti potrebbero imitare la voce di chiunque in modo abbastanza realistico da ingannare anche i membri della famiglia.

3: Il cibo reale diventerà secondario rispetto ai gusti immaginari. Un dispositivo sensoriale per la tua bocca potrebbe migliorare digitalmente tutto ciò che mangi, in modo che ogni cibo possa avere il sapore del tuo piatto preferito.

4: Gli odori diventeranno una proiezione di questa realtà virtuale in modo che le visite virtuali, ad esempio nelle foreste o in campagna, includano l’esperienza di tutti gli odori naturali di quei luoghi.

5: Tocco totale: gli smartphone con schermi trasmettono la forma e la consistenza delle icone digitali e dei pulsanti che stanno premendo.

6: Realtà unita: i mondi di gioco VR diventeranno indistinguibili dalla realtà fisica entro il 2030.

Sfortunatamente, nella nostra corsa verso il futuro, non siamo riusciti a considerare cosa potrebbe significare tale dipendenza dalla tecnologia per la nostra umanità, per non parlare delle nostre libertà.

I chip ingeribili o impiantabili sono un buon esempio di quanto siamo impreparati, moralmente e in altro modo, a navigare su questo terreno inesplorato. Salutate come rivoluzionarie per la loro capacità di accedere, analizzare e manipolare il tuo corpo dall’interno, queste pillole intelligenti possono ricordarti di prendere i tuoi farmaci, cercare il cancro e persino inviare un avviso al tuo medico che avverte di un imminente attacco di cuore.

Certo, la tecnologia potrebbe salvare vite umane, ma è tutto ciò che dobbiamo sapere?

Abbiamo fatto il nostro doveroso dovere nel porre tutte le domande che devono essere poste prima di scatenare una tecnologia così straordinaria su una popolazione ignara?

Ad esempio, chiede la Washington Post giornalista del Ariana Eunjung Cha :

Ad esempio, che tipo di avvertimenti dovrebbero ricevere gli utenti sui rischi di impiantare la tecnologia dei chip all’interno di un corpo? In che modo i pazienti potranno essere certi che la tecnologia non verrà utilizzata per costringerli a prendere farmaci che non vogliono realmente prendere? Le forze dell’ordine potrebbero ottenere dati che rivelerebbero quali persone abusano di droghe o le vendono sul mercato nero? Quello che era iniziato come un esperimento volontario potrebbe essere trasformato in un programma obbligatorio di identificazione del governo che potrebbe erodere le libertà civili?

Mettiamola in un altro modo.

Se sei rimasto scioccato dalle rivelazioni di Edward Snowden su come gli agenti della NSA hanno usato la sorveglianza per spiare le telefonate, le e-mail e i messaggi di testo degli americani, puoi immaginare cosa potrebbero fare agenti governativi senza scrupoli con l’accesso alla tua auto connessa a Internet, a casa e ai farmaci? Immagina cosa potrebbe fare un team SWAT con la possibilità di accedere, monitorare e controllare la tua casa connessa a Internet: bloccarti, spegnere le luci, attivare gli allarmi, ecc.

Mentre il presidente Trump ha firmato l’ Internet of Things Cybersecurity Improvement Act in legge il 4 dicembre 2020, al fine di stabilire una base per la protezione della sicurezza per i miliardi di dispositivi IoT che inondano case e aziende, non e’ stato varato nulla per proteggere il popolo americano da sorveglianza aziendale e governativa.

In effetti, la risposta dell’opinione pubblica alle preoccupazioni sulla sorveglianza del governo è stata una scrollata di spalle collettiva .

Dopotutto, a chi importa se il governo può monitorare la tua posizione sul tuo dispositivo abilitato al GPS purché ti aiuti a trovare il percorso più veloce dal punto A al punto B? A chi importa se la NSA ascolta le tue telefonate e scarica le tue e-mail mail fintanto che puoi ricevere telefonate ed e- mentre sei in movimento e ottenere Internet velocissimo al volo? A chi importa se il governo può monitorare le tue attività in casa attingendo ai tuoi dispositivi connessi a Internet (termostato, acqua, luci) purché tu possa controllare queste cose con il semplice tocco di un dito, che tu sia dall’altra parte della casa o attraverso il paese?

Edward Snowden

Il controllo è la chiave qui.

Il controllo totale su ogni aspetto della nostra vita, fino ai nostri pensieri interiori, è l’obiettivo di qualsiasi regime totalitario.

George Orwell lo capì .

Il capolavoro di Orwell, 1984 , ritrae una società globale di controllo totale in cui alle persone non è permesso avere pensieri che in alcun modo siano in disaccordo con lo stato aziendale. Non c’è libertà personale e la tecnologia avanzata è diventata la forza trainante di una società guidata dalla sorveglianza. Spini e telecamere sono ovunque. E le persone sono soggette alla polizia del pensiero, che si occupa di chiunque sia colpevole di crimini di pensiero. Il governo, o “Partito”, è guidato dal Grande Fratello, che appare sui manifesti ovunque con le parole:

“Il Grande Fratello ti sta guardando”.

Non commettere errori: l’Internet del pensiero e il suo gemello, l’Internet dei sensi, è solo il Grande Fratello travestito.

John W. Whitehead

Fonte: https://www.rutherford.org

Puoi risparmiare 1.00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code