toba60

Nuovo Ordine Criminale Mondiale

Views: 348

Nuovo Ordine mondiale, se ne sente molto parlare, in rete e’ uno dei temi maggiormente trattati, si pensa di sapere tutto, ma alla fine si rimane sempre con la sensazione, che più’ si penetra a fondo e più’ il problema si amplifica.

Un analisi creativa non si limita al solo conoscere , la visione di insieme e’ fondamentale, considerato che le persone direttamente coinvolte operano tutte allo stesso livello e non contrariamente a come la gente pensa su una scala piramidale.

Immaginate un immensa pianura dove e’ posizionata una gran folla che può’ vedere solo le persone nelle sue immediate vicinanze, ed il resto lo può’ solo immaginare!

E’ una visione delle questa che ti consente di agire in prima persona per operare i cambiamenti dovuti, contrariamente al classico modo presentare il ”Nuovo Ordine Mondiale”.

Ed ora una considerazione sull’intervista fatta a Marcus Klöckner.

E’ molto ben fatta e da un idea ben precisa del lato oscuro che si cela dietro il Neoliberismo in atto su tutto il pianeta, va considerato pero’ che come Vicepresidente del Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani, io mi aspetterei di sentire in prima persona, cosa ha fatto in tutti questi anni per contrastare questo stato di cose, nulla di tutto quello che ha detto e’ sconosciuto ai più’.

Mi sono permesso di mettere un punto di domanda (?) alla fine del suo riferimento alla Primo ministro tedesco Angela Merkel quando l’ha descritta come una donna molto saggia e umana per come si è dimostrata esemplare nel problema dei rifugiati, lascio a voi ogni considerazione sulla questione, dico questo per farvi capire, quanto una persona, per quanto animata da buone intenzioni, una volta inserita all’interno di un meccanismo perverso come lo e’ quello dell’Organizzazione della Nazioni Unite, finisce per perdere di vista il contatto della Realtà’.

Una Buona Lettura a tutti.

Toba60

Viviamo in una dittatura sotto le oligarchie del capitale finanziario globalizzato

Marcus Klöckner intervista il vice presidente del Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani il suo comitato consultivo Jean Ziegler

Signor Ziegler, nel tuo nuovo libro scrivi: “La terza guerra mondiale contro i popoli del terzo mondo è già iniziata.” Cosa intendi?

Le 23 organizzazioni speciali delle Nazioni Unite sono tenute a presentare le loro relazioni finanziarie a giugno di ogni anno al Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite. E in questi rapporti, ciò che ho detto qui può essere osservato. I rapporti indicano chiaramente chi sono le vittime di acque inquinate, fame, guerra, cambiamenti climatici, epidemie, ecc. Sono tutte persone che vivono nei paesi del Terzo mondo. Da questi rapporti è chiaro che stiamo parlando di un bilancio delle vittime di 53 milioni di persone ogni anno! Nella seconda guerra mondiale morirono 57 milioni di persone, sia civili che militari.

Solo queste due figure mostrano: abbiamo a che fare con una guerra mondiale contro il Terzo mondo.

Perché questa guerra viene condotta?

La guerra è ciò che richiede l’ordine mondiale cannibale di oggi.

Ordine mondiale cannibale? Cosa intendi?

L’ordine mondiale di cui sto parlando è omicida e assurdo. Questo ordine mondiale cannibale è caratterizzato da un incredibile accumulo di potere nelle mani di alcune oligarchie. Viviamo in una dittatura delle oligarchie del capitale finanziario globalizzato. Queste oligarchie hanno formato una dittatura in tutto il pianeta, che controlla anche gli stati più forti.

Lo illustrerò con un numero.

Per favore.

Le 500 più grandi società private transcontinentali, secondo le statistiche della Banca mondiale dello scorso anno, controllano il 52 percento del PIL mondiale (cioè tutta la ricchezza che il mondo ha creato in un anno). Riesci a immaginare quanta potenza c’è dietro questo?

Questi oligarchi hanno un potere ideologico, economico, economico e politico che nessun imperatore, re o papa ha mai avuto su questo pianeta. Sfidano qualsiasi controllo sociale, statale e sindacale. Inoltre: queste aziende sanno molto. Controllano gli sviluppi scientifici e tecnologici – sono incredibilmente creativi.

Questo non deve essere negativo. Perché lo dici in un tono come questo è qualcosa di molto malvagio che minaccia.

Il disastro è già avvenuto. Vale a dire, queste aziende lavorano solo su un semplice principio.

Quale?

Questo è il principio della massimizzazione del profitto. Vogliono tutti il ​​massimo profitto nel minor tempo possibile – e a tutti i costi. Gli 85 miliardari più ricchi del mondo l’anno scorso avevano la stessa ricchezza dei 4,5 miliardi di persone più povere del mondo. Lì riappare, questo ordine mondiale cannibale che ho appena citato.

Da un lato ci sono 85 persone che hanno una fortuna incredibilmente grande, mentre dall’altro crescono i cadaveri. Nel nostro mondo, un bambino di età inferiore ai 10 anni muore ogni 5 secondi di fame o delle sue conseguenze immediate. Lo stesso rapporto delle Nazioni Unite che ha rivelato queste quote afferma anche che l’agricoltura mondiale potrebbe nutrire 12 miliardi di persone senza problemi oggi. È quasi il doppio dell’attuale popolazione mondiale.

Cioè, non c’è vera carenza di cibo.

Esatto Il problema non è la mancanza di produttività, poiché Marx pensò alla sua morte nel marzo del 1883. Da quando Marx morì, l’umanità ha aumentato il suo potere di produzione così immensamente che oggi, dall’inizio del nuovo millennio, non vi è più alcuna carenza oggettiva di cibo.

Quindi nessun essere umano ha bisogno di soffrire la fame su questo pianeta?

La fame è creata dall’uomo e può essere abolita domani se c’è la volontà collettiva.

Quanto è preciso il problema ora? Perché così tante persone muoiono ancora di fame nel mondo?

Il problema non è una mancanza di produzione, ma una mancanza di potere d’acquisto. Coloro che hanno fame non hanno mezzi per comprare cibo. L’ordine mondiale cannibalistico mostra la sua incredibile disuguaglianza proprio attraverso questo – una disuguaglianza che viene a spese dei più poveri. L’ordine mondiale cannibale uccide. Ed è assurdo, perché non deve uccidere. Oggi, per la prima volta nella storia dell’umanità, potremmo essere in grado di dare a tutte le persone una vita degna. Una vita libera dalla paura di morire nella miseria.

Come si collegano gli oligarchi privati ​​al sistema democratico?

Minacciano il sistema democratico. Coloro che si incontreranno presto ad Amburgo al vertice del G20 sono stati a lungo indicati come destinatari degli ordini. Sono lacchè e allo stesso tempo mercenari per gli oligarchi. La nostra democrazia è diventata in molti modi una democrazia simulata.

Ma ci sono scelte libere, uguali e segrete. I pilastri della democrazia.

È vero, ma le scelte libere, uguali e segrete aiutano quando coloro che sono eletti in seguito obbediscono ai dettami degli oligarchi?

Queste sono affermazioni spiacevoli che fai. Potresti forse illustrarlo con un esempio?

Prendiamo la Germania come esempio. La Germania è sicuramente la democrazia più vibrante in questo continente e anche la terza economia più forte al mondo. Ma ora ti racconterò ciò che ho recentemente sperimentato nel Consiglio dei diritti umani. Il Consiglio per i diritti umani ha proposto di rendere gli attori non statali responsabili dei diritti umani.

Che significa?

Se Nestlé attacca uno sciopero in Colombia e le persone vengono uccise attraverso l’uso delle forze di polizia colombiane, i sopravvissuti della famiglia della vittima potrebbero fare causa. Potrebbero chiedere danni in Svizzera, ovvero sempre nel paese di origine del Gruppo. Se Bayer è contaminato con i suoi pesticidi nell’India meridionale e si può dimostrare che le persone hanno il cancro, le vittime potrebbero portare il caso in tribunale in Germania.

Vedo. Ma puoi fare un esempio di come appare quando i politici democratici si sottomettono alle grandi corporazioni.

Immediatamente. Ora arriva il punto: la Germania di solito svolge un ruolo molto progressista nel Consiglio dei diritti umani. Ma l’inviato che vota nel Consiglio dei diritti umani non vota liberamente, secondo la sua coscienza. Hanno un mandato obbligatorio.

Che significa?

Ciò significa che gli inviati devono votare come dicono i rispettivi governi. Quindi c’era un ordine da Berlino che questa nuova convenzione, che avrebbe portato a ritenere responsabili gli attori non statali, doveva essere prevenuta.

Ma perchè? Come lo spieghi?

La spiegazione probabilmente non è che Angela Merkel, che credo sia una donna molto saggia e umana (si è dimostrata esemplare nel problema dei rifugiati (?)) vuole opporsi alla convenzione.

Ma?

Le grandi compagnie hanno mobilitato ed esercitato un’enorme pressione sul parlamento e sul governo. Il governo tedesco si è inchinato a questa pressione.

Dal momento che parliamo della tensione tra le oligarchie private e la democrazia: la ricerca sulle strutture di potere ha dimostrato che esiste un processo di formazione politica integrato delle élite di potere. Cosa ne pensi di questo?

Sì, certo, esiste questo processo di formazione. È profondamente antidemocratico.

Cosa ne pensi degli incontri annuali del Bilderberg ?

Questa è una collezione molto pericolosa che si svolge a porte chiuse. Le conferenze mostrano come alcuni oligarchi sabotino la libera formazione di opinioni. Incontri come Bilderberg sono pericolosi, mortali per la democrazia e macchine per uccidere per le persone più povere del mondo.

Un altro tema. Nel libro parli molto di fondi avvoltoio. Che cos’è?

Sono felice di dirtelo, ma devo tornare un po ‘indietro. Va bene?

Sì certo.

Uno dei maggiori problemi di povertà con l’ordine mondiale cannibale è il debito verso i paesi dell’emisfero meridionale. Il terzo mondo (a parte le cinque economie emergenti: Brasile, Sudafrica, Russia, India e Cina) aveva un debito estero cumulativo di $ 2.100 miliardi l’anno scorso.

Tutto ciò che questi stati guadagnano su cotone, arachidi, ecc. Viene immediatamente utilizzato come pagamento di interessi alle banche di New York, Londra, Francoforte e Zurigo. Questo debito è come una stretta al collo di questi stati. Non hanno più soldi da investire in scuole, sistemi di irrigazione, fertilizzanti o ospedali. Ed è per questo che, ad esempio, la produttività degli agricoltori nel Sahel è circa 10 volte inferiore rispetto alle aree agricole europee.

Per mostrare solo un esempio: 1 ettaro di colture di grano nel Sahel negli anni normali, vale a dire quando non ci sono guerre, cavallette o disastri della siccità, produce 600-700 chili di grano. Con te in Germania, un ettaro produce 10.000 chili di grano. Ma l’agricoltore tedesco non gestisce questo risultato perché è molto più competente della sua controparte africana, ma perché l’agricoltore africano non ha risorse finanziarie da investire nella sua agricoltura.

E cosa c’entra questo con i fondi avvoltoio?

Necessario sapere: l’agricoltore africano non può stipulare prestiti di investimento, per fertilizzanti e impianti di irrigazione, perché il debito estero del suo paese è estremamente elevato.

E ora arrivano i fondi avvoltoio che descrivi in ​​dettaglio nel tuo libro?

È corretto Sai che in America Latina, Africa e Asia, gli stati sono regolarmente insolventi. In tal caso, i paesi in crisi indebitano i loro creditori e cercano di ridurre il debito attraverso i negoziati. I creditori si dicono: è meglio recuperare il 30 percento che niente. Quindi vengono emesse nuove obbligazioni per sostituire quelle vecchie.

Il problema è che le vecchie note di debito, in cui il debito è scritto come pari al 100 percento, circolano ancora in un mercato parallelo. Gli hedge fund quindi si tuffano e seppelliscono questi come gli avvoltoi – e acquistano tali titoli di debito per niente e niente. Quindi vanno in tribunale a New York, Londra o Parigi e fanno causa, chiedendo il 100% del valore nominale. E nella maggior parte dei casi, hanno successo. Questi giudizi sono quindi esecutivi.

E poi succedono cose come, ad esempio, una nave argentina che trasporta grano viene confiscata nel porto di Amburgo. I fondi avvoltoio sono uno dei peggiori strumenti del capitalismo predatore.

Il libro è intitolato ” Un debole barlume di speranza. »Perché uno sguardo debole? Che aspetto ha questo debole sguardo?

L’ordine mondiale cannibale ha creato una nuova cosa storica, ed è la società civile mondiale. Che Guevara disse: “I muri più forti crollano a causa di crepe”. E le crepe sono ovunque. Karl Marx disse: “Il rivoluzionario deve poter sentire crescere l’erba”. E l’erba cresce.

Quindi pensi che si formi resistenza?

Lo fa. La società civile, di cui ho parlato, comprende tutti i numerosi movimenti sociali oltre i partiti e gli stati nazionali. Che si tratti di Attac, Greenpeace, Via Campesina , Amnesty o del movimento femminile: gruppi come questi stanno già combattendo un’opposizione alla dittatura mondiale degli oligarchi su fronti completamente diversi. Tutti questi gruppi, nel loro insieme, sono invincibili. Non funzionano secondo i confini del partito. Non devono seguire un comitato centrale.

Funzionano dall’imperativo categorico che ogni essere umano porta. Immanuel Kant disse: “La disumanità fatta l’uno all’altro distrugge l’umano dentro di me”.

Anche quando c’è resistenza, non sembra esserci alcun cambiamento.

Il grande problema è l’alienazione della coscienza collettiva.

Cosa intendi?

L’ordine mondiale cannibale può esistere solo a causa di questa alienazione, perché è riuscito a convincerci della nostra impotenza. Fammi fare una digressione.

L’uomo è l’unica creatura che è consapevole della sua identità, cioè di riconoscersi negli altri. Quando un cane vede un altro cane picchiato, non succede nulla. Se una persona, indipendentemente dalla cultura, dalla classe sociale, ecc. da cui viene, vede come un bambino viene torturato davanti ai suoi occhi, qualcosa nella persona si rompe perché si riconosce in quel bambino.

Questo senso di identità è ora sepolto sotto l’illusione neoliberista. Dice: le persone come soggetto storico non esistono più. C’è solo una forza storica, vale a dire la mano invisibile del mercato. E segue le leggi della natura.

Quindi le forze di mercato governano il mondo?

Vuole che crediamo nell’illusione neoliberista. Ci dice: tutto ciò che l’uomo può fare è sottomettersi a queste forze del mercato, cioè a svolgere i compiti che gli vengono assegnati dagli oligarchi. Ma l’unicità delle persone, la solidarietà, non esiste più. Questa alienazione ha direttamente messo un limite concreto al nostro senso di identità.

Hai un esempio?

Lo provo ancora e ancora nelle mie lezioni. I saggi che si alzano nella sala per fare domande dicono che probabilmente ho ragione nelle mie spiegazioni, ma cosa può fare un individuo a Siemens, Bayer, ecc. Queste persone stanno lì e dicono: “Sono solo un piccolo cittadino. »

Quindi un senso di impotenza ha preso il sopravvento.

Esattamente. L’impotenza interiorizzata è un’espressione di alienazione. Questa sensazione è la più grande vittoria degli oligarchi. Lavorano con una bugia di cui dobbiamo liberarci. Non c’è impotenza in democrazia. Tutte le strutture omicide possono essere rimosse in modo costituzionale, pacifico e democratico domani. Sai quanto sia terribile la speculazione del mercato azionario sugli alimenti di base. Gli hedge fund e le grandi banche lo fanno. Grazie a loro, il prezzo dei beni di base è aumentato.

Le conseguenze di ciò nei bassifondi di San Paolo o Manila sono devastanti. Quando il prezzo del riso aumenta, le madri di San Paolo non possono comprare abbastanza riso e i loro bambini muoiono. La speculazione del mercato azionario sul cibo potrebbe essere bandita domani dal parlamento – se volessimo, se esercitassimo una pressione sufficientemente forte.

Lo dico di nuovo: non c’è impotenza in democrazia. La Costituzione ci fornisce tutte le armi di cui abbiamo bisogno: dobbiamo solo inchinarci e raccoglierle. Abbiamo il diritto di sciopero, abbiamo delle scelte, abbiamo il diritto di manifestare e molti altri diritti. Possiamo costringere i governi ad attuare queste riforme strutturali.

Quello che dici suona rivoluzionario. E parli con una passione molto autentica. Ma questa lotta è stata combattuta a lungo dalla società civile di cui hai parlato prima. Il tuo amico, il sociologo francese Pierre Bourdieu, ha dichiarato quanto segue nel 2001, in un’intervista a Spiegel poco prima della sua morte: “In realtà, i politici stanno lasciando andare la globalizzazione. Usano parole spudorate di libertà, prosperità per tutti; ma sottopongono se stessi e i loro cittadini a poteri economici che essi stessi hanno scatenato dai legami. ”Da allora sono trascorsi 16 anni. Le condizioni sono migliorate?

So che sono peggiorati.

Dico anche quello. Quello che dici sembra abbastanza ragionevole, ma …

… spero che ora non mi definirai un “idealista”. Odio questa parola.

Il concetto di idealismo era pesante.

Non dirlo. Sartre disse: “Riconosci il nemico, combatti il ​​nemico”. Quindi riconoscere il nemico è riconoscere le menzogne ​​neoliberali della globalizzazione, rivelare, eliminare il senso di impotenza del cittadino, mostrargli dove sono le sue armi. Devi mostrargli come funziona l’ordine cannibalistico mondiale e può essere combattuto. E questo è un compito per gli intellettuali: devi alzare la voce di coloro che non hanno voce e vengono distrutti senza opportunità di difesa.

C’è una crescente consapevolezza della giustizia. E io ti dico che questa consapevolezza della giustizia sta aumentando, sta crescendo.

Prendi l’esempio della schiavitù. 150 anni fa, la schiavitù fu difesa anche nella Camera dei Comuni inglese. La schiavitù era legale, parte della struttura economica. Ancora oggi, la tratta di esseri umani sta ancora avvenendo, nel mezzo dell’Europa. Ma nessuno si permetterebbe di difendere la schiavitù in una sessione delle Nazioni Unite, in parlamento o in una chiesa. Una rivolta di coscienza è imminente. Arriverà

Nietzsche scrive: “La rivoluzione arriva ai piedi di una colomba”. Quando vedi tutta la sofferenza – e so che l’hai vista – cosa sta succedendo nel mondo, puoi dire che non sapevi nulla? Qualcuno può effettivamente dire, in Germania, che non lo sapevano? Dovrei menzionare un’altra citazione, dell’autore francese George Bernanos: “Dio non ha mani diverse dalle nostre.” O rovesciamo l’ordine mondiale cannibale o nessuno lo fa.

A livello di coloro che lo fanno: il capo, ad esempio, Siemens, Nestlé o Bayer è una persona malvagia?

Si tratta, ancora una volta, di citare Bourdieu, il sistema di “violenza strutturale”. Il presidente di Nestlé è un ottimo sciatore. Di tanto in tanto ci incontriamo sulle colline dello slalom di Zermatt. Lo conosco. È un essere umano decente. Ma quando si tratta di aumentare il valore di mercato della sua azienda, come capo di Nestlé, fa ciò che è necessario. Se non lo facesse, non sarebbe il capo di Nestlé tra tre mesi.

C’era una volta un comandante tedesco in alto nel sistema. Improvvisamente ha sostenuto la riduzione del debito per il Terzo mondo. Si chiama Alfred Herrhausen . Tuttavia, è stato assassinato dalla RAF.

O per conto di qualcuno.

Pensi che sia possibile?

Molte persone pensano che sia possibile.

Quindi, se qualcuno in questo sistema sta mostrando coscienza e sta cercando di rompere le strutture …

…. Se è così, la sua vita è in pericolo.

Jean Ziegler

È così male?

Con il benevolo permesso del Nachdenkseiten. Jean Ziegler, nato il 19 aprile 1934, è un ex professore di sociologia all’Università di Ginevra e Sorbona. Attualmente è vicepresidente del comitato consultivo dei diritti umani delle Nazioni Unite. È stato socialdemocratico eletto nella Confederazione svizzera dal 1981 al 1999. Ha inoltre ricoperto diverse posizioni nelle Nazioni Unite, in particolare come relatore speciale sul diritto all’alimentazione dal 2000 al 2008 e come membro del comitato consultivo dei diritti umani delle Nazioni Unite dal 2008 al 2012. Jean Ziegler ha scritto molti libri, tenuto conferenze ed è noto per questa frase: “Un bambino che muore di fame è un bambino assassinato”.

Governo Globale - Ed. Economica
La storia segreta del Nuovo Ordine Mondiale
Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere
€ 12,90

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
0

Your Cart