toba60

PCR: Frode Criminale sino a Prova Contraria! Tutta La Veritá sui Tamponi Taroccati

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Il mondo in questo momento viaggia su due binari ben distinti, il primo intriso di falsità e ipocrisia permeata da una malafede che fa da contorno, il secondo che lotta intensamente per far comprendere ai diretti interessati che a procedere su questa strada, la linea di demarcazione che separa la vita e la morte è legata a questa loro ferrea convinzione.

Gli artefici primari del dramma in cui ci troviamo non é tutta causa di quella che chiamano Élite, ma é soprattutto opera di quella manovalanza che attraverso l’omertà e la cieca obbedienza alle direttive di una nomenclatura priva di una qualsiasi logica inerente la salute e la tutela dell’individuo, agisce e si presta ad un vero e proprio genocidio legalizzato in nome della legge.

Mia mamma nativa di Vienna in Austria, al tempo del nazisno se sputava ad un ebreo le potevano anche dare una medaglia.………..le strutture sanitarie mondiali sono state candidate al Nobel per la pace………..

Trovate qualche differenza?

Toba60

La storia in sintesi

Il COVID-19 è stato una pandemia di test falsi positivi; la cosa che ha mantenuto la frode era il fatto che i laboratori utilizzavano soglie di ciclo (CT) eccessivamente alte quando elaboravano i test PCR, risultando in falsi positivi. Ora, poiché quasi 100 milioni di americani sono stati vaccinati contro il COVID-19, il CDC sta abbassando il CT da 40 a 28 quando diagnostica i casi di rottura del vaccino casi in cui individui completamente vaccinati sono diagnosticati con COVID-19.

Mentre persone sane sono state diagnosticate erroneamente come affette da COVID-19 quando in realtà non lo erano perché il CT era impostato su 40 o 45, il CDC sta ora cercando di ridurre al minimo il numero registrato di casi di sfondamento utilizzando un CT che ridurrà al minimo il numero di falsi positivi Al 26 aprile 2021, il CDC aveva ricevuto un totale di 9.245 segnalazioni di infezioni da vaccino.

Di questi, il 55% aveva meno di 60 anni, 835 hanno richiesto l’ospedalizzazione (9%) e 132 sono morti (1%) Il sistema americano di segnalazione degli eventi avversi da vaccino sembra essere arretrato da mesi. Rari ma gravi effetti collaterali possono verificarsi, ma non possiamo vedere la tendenza e più a lungo l’arretrato, più persone saranno esposte a un vaccino potenzialmente pericoloso.

Per molti mesi, gli esperti hanno avvertito che la COVID-19 non è tanto una pandemia virale quanto una “casedemia” – una pandemia di test falsamente positivi – e la cosa che ha fatto sì che la frode continuasse era il fatto che i laboratori usavano soglie di ciclo (CT) eccessivamente alte quando elaboravano i test PCR.1

Ho dettagliato questo schema in “COVID-19 Testing Scandal Deepens” e “Astonishing COVID-19 Testing Fraud Revealed”. I test raccomandati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità erano originariamente fissati a 45 CT,2,3,4 e i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie raccomandano un CT di 40,5 ma il consenso scientifico è stato a lungo che qualsiasi cosa oltre i 35 CT rende il test inutile,6,7,8 poiché la precisione sarà di un misero 3%. Il resto, il 97%, sono falsi positivi.9

Oltre a far salire artificialmente il tasso di casi, la frode del test PCR ha anche alimentato il mito che le persone asintomatiche rappresentavano una potenziale minaccia per la salute, e quindi le aziende dovevano chiudere e tutti dovevano stare a casa ad autoquarantinarsi.

Il 20 gennaio 2021, il giorno dell’inaugurazione di Joe Biden come 46° presidente degli Stati Uniti, l’OMS ha improvvisamente abbassato il CT raccomandato,10 garantendo così che il numero di “casi”, cioè i risultati positivi dei test PCR, sarebbe crollato.

Ora, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno abbassato ulteriormente il CT, in quello che sembra essere un chiaro sforzo per nascondere i casi di svolta del COVID-19, cioè i casi in cui individui completamente vaccinati ricevono la diagnosi di COVID-19.

Come il CDC sta coprendo i casi di svolta

Come parte della sua indagine sui casi di rottura del vaccino COVID-19, il CDC ha emesso delle linee guida11 per la salute pubblica, i laboratori clinici e di riferimento su come testare e diagnosticare i casi in cui individui completamente vaccinati sono sospettati di aver contratto il COVID-19. In queste linee guida, si specifica di usare un valore CT di 28 o meno.

Quindi, in altre parole, mentre l’anno scorso, persone sane sono state diagnosticate erroneamente come affette da COVID-19 quando in realtà non lo erano perché il CT era impostato a 40 o 45, ora stanno cercando di ridurre al minimo il numero di casi registrati utilizzando un CT che ridurrà al minimo i falsi positivi.

Se fosse stato usato un CT di 28 per tutto il tempo, non avremmo avuto neanche lontanamente il numero di “casi” attualmente propagandato e la pandemia sarebbe stata dichiarata finita nel 2020. Al contrario, se fosse stata usata una CT di 40 o 45 per diagnosticare i casi di svolta, si può essere sicuri che i numeri sarebbero stati molto più alti di quelli attualmente riportati.


I casi di sfondamento segnalati sono sottovalutati

Al 26 aprile 2021, il CDC aveva ricevuto un totale di 9.245 segnalazioni di infezioni da vaccino attraverso il suo database nazionale REDCap COVID-19, in cui gli investigatori dei dipartimenti sanitari statali possono inserire e gestire i dati delle loro rispettive giurisdizioni.13

Di questi 9.245 casi, il 55% aveva meno di 60 anni, 835 hanno richiesto l’ospedalizzazione (9%) e 132 sono morti (1%). Con una stima di 95 milioni di americani che sono stati vaccinati, il tasso di sfondamento riportato è solo dello 0,0097%. Tuttavia, il CDC sottolinea anche che:14

“È importante notare che i casi di sfondamento del vaccino riportati rappresentano un sottoconteggio. Questo sistema di sorveglianza è passivo e si basa sulla segnalazione volontaria da parte dei dipartimenti sanitari statali che potrebbero non essere completi. Inoltre, non tutti i casi di sfondamento del mondo reale saranno identificati a causa della mancanza di test”.

Anche gli effetti collaterali del vaccino COVID-19 sono sottostimati

Questo vale la pena tenerlo a mente, perché lo stesso vale per gli effetti collaterali del vaccino COVID-19 riportati, che al 23 aprile 2021, includevano un totale di 118.902 eventi avversi, 12.618 dei quali erano gravi e 3.544 dei quali sono morti.

Per quanto tragici siano questi numeri, anch’essi rappresentano un sottoconteggio, poiché il sistema americano di segnalazione degli eventi avversi da vaccino (VAERS) è un sistema di sorveglianza passiva che si basa sulla segnalazione volontaria. Storicamente, meno del 10% degli effetti collaterali dei vaccini vengono segnalati al VAERS.16 Un’indagine del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti ha stimato un valore dell’1%.17,18

Ciò significa che gli effetti collaterali potrebbero essere in realtà 10 volte o anche 100 volte più alti di quanto riportato. Potremmo, in realtà, trovarci di fronte a una cifra compresa tra 126.000 e 1,2 milioni di effetti collaterali gravi, e tra 35.440 e 354.400 decessi legati al vaccino.

VAERS sembra essere in arretrato da mesi. Effetti collaterali rari ma gravi possono verificarsi, ma non possiamo vedere la tendenza, e più a lungo l’arretrato, più persone saranno esposte a un vaccino potenzialmente pericoloso.

In questo momento, è anche difficile avere un’idea precisa di dove siamo per quanto riguarda gli effetti collaterali come VAERS sembra essere arretrato per mesi. Su Twitter, Alex Berenson19 ha notato che il CDC ha impiegato fino alla fine di aprile per rispondere a un rapporto di gennaio, il che indica che i dati che si vedono su VAERS non riflettono i numeri veri e in tempo reale delle reazioni avverse segnalate.

Questo è importante da sapere, poiché l’obiettivo primario del sistema è quello di “rilevare eventi avversi da vaccino nuovi, insoliti o rari” come un modo per monitorare la sicurezza dei vaccini. Un arretrato di mesi indica che, molto probabilmente, ci sono così tanti rapporti in arrivo che il CDC non può gestirli.

Effetti collaterali rari ma gravi possono verificarsi, ma non possiamo vedere la tendenza perché i dati non li mostrano e più a lungo è l’arretrato, più persone saranno esposte a un vaccino potenzialmente pericoloso.

Il Test PCR ha indotto le persone a vaccinarsi uccidendo un gran numero di persone avverte Top COVID Doc Peter McCullough Video Digita Qui.


Perché migliaia di morti vengono ignorati?

In un’intervista con il giornalista Alex Newman (video qui sopra), il dottor Peter McCullough ha dichiarato di credere che la risposta del governo alla pandemia abbia provocato decine di migliaia di morti inutili, e che il programma di vaccinazione di massa ne stia causando altre migliaia e che lo stiano semplicemente lasciando accadere.

È sconcertato dalla risposta inesistente del governo alle migliaia di morti già registrate nel VAERS, notando che il programma di vaccinazione di massa per la pandemia di influenza suina del 1976 fu ritirato dopo appena 25 morti e qualche centinaio di casi di paralisi. Anche i farmaci vengono ritirati dal mercato a circa 50 morti inspiegabili.

In media, ci sono dai 20 ai 30 decessi riportati in seguito al vaccino contro l’influenza stagionale, che viene somministrato a circa 195 milioni di americani ogni anno.20 Confrontate questo dato con i vaccini COVID-19. A 95 milioni di vaccinazioni somministrate, il conteggio dei morti è già a 3.542, il più alto per qualsiasi vaccino nella storia. Il contrasto nella risposta è “allarmante”, dice McCullough.

Ancora più preoccupante, dopo aver esaminato 1.600 di questi decessi, la FDA ha dichiarato che non una sola morte era legata al vaccino. McCullough non ci crede, perché sa per esperienza diretta che ci vorrebbero mesi per indagare su così tante morti.

“È impossibile che medici normativi senza nome e senza alcuna esperienza con COVID 19 opinino che nessuna delle morti era legata al vaccino”, dice. “Siamo seduti, in questo momento, sul più grande numero di morti da vaccino, ci sono state decine di migliaia di ricoveri, tutti attribuibili al vaccino, e andando forte …

Secondo la mia opinione professionale, il vaccino più sicuro sul mercato era quello della J&J. E quello è stato tirato per eventi di coagulazione del sangue molto rari. Abbiamo avuto sette milioni di persone vaccinate, ma le stime sono per gli altri due vaccini disponibili [Pfizer e Moderna], i tassi di coagulazione del sangue sono probabilmente 30 volte quelli di J&J, e questi altri stanno andando forte”.

Sorveglianza attiva del vaccino a mesi dall’implementazione

La FDA ha anche ammesso che la sua analisi dei dati sulla sicurezza dei vaccini sarà ritardata di settimane, se non di mesi, a causa della pandemia che ha colpito proprio mentre stavano passando dalla sua rete PRISM (Post-Licensure Rapid Immunization Safety Monitoring), che è stata utilizzata per monitorare gli effetti collaterali del vaccino pandemico H1N1, in un nuovo sistema chiamato Biologics Effectiveness and Safety System (BEST).

L’utilizzo di un mosaico di sistemi di segnalazione passivi piuttosto che uno solo, attivo e centrale, può rivelarsi alla fine disastroso. Come riportato da Kaiser Health News

“Le reazioni potenzialmente pericolose e impreviste ai vaccini potrebbero non essere così ovvie in VAERS, un sistema che si ritiene manchi di molti potenziali effetti collaterali – o nei sistemi di monitoraggio aggiuntivi della nazione, tra cui il Vaccine Safety Datalink e il nuovo programma di monitoraggio basato sul telefono del CDC, v-safe.

È un bel guazzabuglio di diversi sistemi di raccolta dati”, ha detto il dottor Katherine Yih, un biologo ed epidemiologo specializzato in sorveglianza dei vaccini presso l’Harvard Pilgrim Health Care … Il Vaccine Safety Datalink, anche se altamente considerato, non ha incluso abbastanza vaccinazioni nei suoi dati da nove sistemi ospedalieri che coprono 12 milioni di persone per catturare il problema J&J, hanno detto i funzionari del CDC.

E l’iscrizione a v-safe è stata inferiore al previsto, con circa 6 milioni di persone iscritte alla fine di marzo, solo il 6,4% di coloro che erano stati vaccinati a quel punto.

Ciò significa che, in un momento in cui circa 100 milioni di americani sono stati completamente vaccinati contro il COVID-19, gli Stati Uniti continuano a fare affidamento su una rete patchwork di sistemi di monitoraggio dei vaccini che potrebbero non riuscire a monitorare una fascia abbastanza ampia della popolazione, hanno detto gli esperti a KHN … PRISM, che è stato riproposto per la sicurezza dei farmaci … non è stato utilizzato per monitorare le reazioni al vaccino durante la pandemia COVID-19, ha detto [l’ex direttore della sicurezza dei vaccini al National Vaccine Program Office, Daniel] Salmon, che ha supervisionato il monitoraggio della sicurezza del vaccino H1N1. Con PRISM, lo abbiamo testato in una crisi e ha funzionato per un decennio …

Sono stato davvero sorpreso quando non è stato utilizzato per COVID-19. Questo è stato il motivo per cui l’abbiamo costruito’ … I funzionari della FDA hanno detto che le capacità di PRISM sono state incorporate in BEST, che può esaminare i dati di 100 milioni di persone.

Hosting WordPress

Gli esperti hanno detto a KHN che non è stato usato estensivamente per monitorare gli effetti post-vaccinazione, ma [il portavoce della FDA Abby] Capobianco ha detto: ‘Non siamo d’accordo. BEST è costruito come un sistema di sorveglianza attiva all’avanguardia’ … La preoccupazione è che i funzionari hanno appoggiato pesantemente su VAERS, un sistema ‘passivo’ che si basa sui rapporti dei pazienti e degli operatori sanitari per segnalare i problemi dopo la vaccinazione che possono o non possono essere collegati ai colpi. Un robusto sistema di sorveglianza ‘attivo’ può cercare grandi volumi di cartelle cliniche per confrontare i tassi di eventi avversi nelle persone che hanno ricevuto i vaccini con quelli che non li hanno ricevuti”.

Il CDC ignora le segnalazioni di gravi effetti avversi

Tornando al CDC, ha anche deciso che non monitorerà più tutti i casi segnalati di rottura del vaccino (forse perché sono sovraccarichi di segnalazioni di effetti collaterali?) e indagherà solo sulle infezioni da rottura del vaccino che risultano in ricovero o morte.

Recenti lamentele da parte di professionisti medici sollevano dubbi sulla capacità del CDC di fare anche questa parte del lavoro.

Come riportato dal Review Journal,23,24 il team medico che ha curato una ragazza di 18 anni ricoverata per coaguli di sangue nel cervello, basso numero di piastrine e altri segni di un raro disturbo della coagulazione del sangue poco dopo aver ricevuto l’iniezione COVID-19 della Johnson & Johnson, “ha cercato urgentemente indicazioni” dal CDC, dalla U.S. Food and Drug Administration e dalla Johnson & Johnson per idee su come trattare al meglio la loro giovane paziente.

Le loro richieste e suppliche di aiuto sono state ignorate da tutti. La FDA “mi ha praticamente riattaccato in faccia”, ha detto il dottor Brian Lipman al Review Journal, aggiungendo: “Non abbiamo ricevuto aiuto da nessuno”. C’è voluta più di una settimana prima che il CDC si decidesse a richiamare. Non è certo quello che ci si aspetta dai più autorevoli esperti di malattie infettive del mondo quando si ha a che fare con un caso di pericolo di vita acuto.


Le regole per la segnalazione di morte COVID-19 cambiano di nuovo

I segni che anche altri paesi stanno iniziando a manipolare i dati in modo da minimizzare i tassi di fallimento del vaccino si possono vedere nella decisione del Regno Unito di abbandonare la sua regola che chiunque sia risultato positivo alla SARS-CoV-2 entro 28 giorni dalla morte deve essere contato come un decesso per COVID-19.

Ora che i vaccini sono usciti, il COVID-19 deve essere elencato come causa di morte solo se il paziente è effettivamente morto per un caso attivo di COVID-19 e nient’altro. L’ipocrisia non è altro che prevedibile a questo punto. Come riportato da iNews:

“Il conteggio giornaliero dei decessi per coronavirus entro 28 giorni da un test positivo sarà probabilmente abbandonato dopo che i consulenti scientifici hanno avvertito il governo che diventerà una misura sempre più imprecisa della pandemia e del successo del vaccino.

Il sottogruppo di modellazione del comitato consultivo scientifico del governo Sage dice che la definizione di 28 giorni era utile prima della vaccinazione diffusa, perché i decessi in ospedale entro un mese da un test positivo erano molto probabilmente dovuti al COVID-19.

Tuttavia ora che decine di milioni di persone nel Regno Unito hanno ricevuto i loro vaccini, i decessi per altre cause potrebbero ancora comparire nei dati giornalieri se sono precedentemente risultati positivi al coronavirus.

Una fonte senior di Sage ha detto: ‘Se la definizione rimane la stessa, queste persone verrebbero contate come ‘fallimenti del vaccino’, mentre il vaccino ha impedito la morte per COVID, ma in realtà sono morti per qualcos’altro'”.

Il risarcimento per le lesioni da vaccino COVID-19 è limitato

Per concludere, vale anche la pena ricordare che tutti coloro che sono stati feriti dai “vaccini” COVID-19 sono lasciati a cavarsela da soli finanziariamente.

Non solo si sono offerti volontari per essere cavie per una terapia genica sperimentale – che è quello che stai facendo se prendi questi “vaccini” ora, dato che gli studi sono quasi due anni fuori dall’essere completati e le iniezioni hanno solo l’autorizzazione per l’uso di emergenza sono anche finanziariamente responsabili per qualsiasi attenzione medica di cui potrebbero aver bisogno come risultato della loro generosità.

Se decidi di partecipare a questo esperimento e sei ferito, puoi provare a richiedere un risarcimento dal Countermeasures Injury Compensation Act (CICP), in base al quale i “vaccini” COVID-19 sono una contromisura coperta.

Non potete richiedere e non riceverete un risarcimento dal National Vaccine Injury Compensation Program (VICP), che copre altri vaccini, compreso il vaccino antinfluenzale. Inoltre, non potete fare causa al produttore del vaccino, al governo, al vostro medico o a chiunque altro sia coinvolto nella produzione, distribuzione o somministrazione dei vaccini COVID-19, poiché essi godono di speciali protezioni di responsabilità ai sensi del PREP Act.

Tuttavia, siate consapevoli che il risarcimento da parte del CICP è molto limitato, e si applica solo nei casi di lesioni gravi che richiedono il ricovero in ospedale e che comportano una disabilità significativa e/o la morte. E, anche se si soddisfano i criteri di ammissibilità, è necessario utilizzare la propria assicurazione sanitaria privata prima che questa entri in gioco per pagare la differenza.

Devi anche presentare una richiesta di benefici entro un anno dalla data in cui il vaccino è stato somministrato, ed è tua responsabilità dimostrare che la tua lesione è stata il “risultato diretto della somministrazione della contromisura basata su prove mediche e scientifiche convincenti, affidabili e valide, al di là della semplice associazione temporale”. In altre parole, devi provare ciò che lo sviluppatore del vaccino deve ancora accertare, visto che fai parte del loro studio ancora in corso. Buona fortuna.

Ulteriori dettagli e collegamenti ipertestuali ai moduli di richiesta dei benefici possono essere trovati nella sidebar legale del Congressional Research Service, “Compensation Programs for Potential COVID-19 Vaccine Injuries. “

TEST DEL CORONAVIRUS: una frode totale, che fornisce fino all’80% di falsi positivi, può essere regolata per produrre qualsiasi risultato

La macchina di simulazione Covid-19: Perché l’inventore del “Corona Test” ci avrebbe avvertito di non usarlo per rilevare un virus

“Gli scienziati stanno facendo un sacco di danni al mondo in nome dell’aiuto. Non mi dispiace attaccare la mia stessa confraternita perché me ne vergogno”. -Kary Mullis, inventore della reazione a catena della polimerasi

Cosa intendiamo quando diciamo che qualcuno è “risultato positivo” al virus Corona? La risposta vi stupirebbe. Ma ottenere questa “risposta” è come arrivare a un fungo molto raro che cresce solo sopra i 200 piedi su un albero di Sequoia nella foresta proibita.

Lo dico per effetto drammatico, ma anche perché ho finito, contro ogni previsione, per trovarlo.

E non sono nemmeno una “persona di scienza”. Sono solo testarda. Ogni giorno mi sveglio e lavoro per sbarazzarmi di uno strato di ignoranza in più, ascoltando attentamente. Ho avuto fortuna con gli scienziati molti anni fa; scienziati epici, incredibili, che hanno incrociato la mia strada quando nessun altro voleva parlare con loro. Ora i loro nomi stanno emergendo, i loro avvertimenti e correzioni si stanno cristallizzando. La vera “scienza” (la natura del mondo naturale) non è mai una cattiva notizia. La scienza globalista non è altro che una cattiva notizia.

La ragione per cui Bill Gates vuole farvi credere che un virus Corona sterminerà oltre 450 milioni di persone è che odia la natura, Dio e voi. (Un’interpretazione soggettiva).

Perché? Dovreste chiederlo al suo psichiatra.

Ma parliamo dell’ultima bomba del terrore fatta esplodere dai PC Creep atei globali sulla tua vita perfettamente buona e libera di cittadino americano nel 2020, governato da un presidente che non pensa al contrario.

Quanti di noi sono “infettati” da questo nuovo virus Corona, e quanta paura dovremmo avere?

In primo luogo, una legge spirituale: Tutto ciò che cerca di spaventarvi viene dall'”opposizione”, nella battaglia spirituale. Non è lo Spirito Santo, punto. Ignorate le sue minacce e mantenete il vostro ingegno. Non c’è bisogno di gridare: “State al sicuro!” ai vostri vicini. Noi siamo al sicuro. Abbiamo un sistema immunitario che è un miracolo come la Cappella Sistina. Resiste all’inondazione tossica e microbica su larga scala in ogni momento, mentre opera una super-autostrada di informazioni genetiche adattive che sostengono la vita, su ponti cellulari, emettendo telegrammi di codice evolutivo vitale, calunniati come “virus” o “retrovirus”.

La gente muore, sì. Ma la gente non muore nel modo in cui Bill Gates vorrebbe farvi credere, alla mercé di patogeni maligni e predatori, “in agguato” su ogni superficie, e specialmente su altri umani. Questa non è “scienza”. Questa è ingegneria sociale. Terrorismo.

Procediamo.

Cosa intendiamo quando diciamo che una persona “risulta positiva” al Covid-19?

In realtà non intendiamo dire che è stato scoperto che “ce l’ha”.

Siamo stati dirottati dalle nostre tecnologie, ma siamo rimasti analfabeti sul loro reale significato. In questo caso, sono nella rara posizione di aver conosciuto, trascorso del tempo con, e intervistato l’inventore del metodo usato nei test del Covid-19 attualmente disponibili, che si chiama PCR, (Polymerase Chain Reaction.)

Il suo nome era Kary B. Mullis, ed era una delle persone più calorose, divertenti ed eclettiche che abbia mai incontrato, oltre ad essere un critico convinto della “scienza” dell’HIV e un improbabile premio Nobel, cioè un “genio”.

Kary B. Mullis,

Una volta, nel 1994, quando lo chiamai per parlargli di come la PCR veniva usata come arma per “provare”, quasi un decennio dopo che era stato affermato, che l’HIV causava l’AIDS, si mise a piangere.

Le persone che vi hanno tolto tutte le libertà nelle ultime settimane, sono ingegneri sociali, politici, leader del pensiero globalista, banchieri, fanatici dell’OMS, e simili. Il loro esercito è composto dai “media mainstream”, che ora sono letteralmente una macchina di propaganda perfetta 24 ore su 24 per il Reich Pandemico guidato da Gates.

Kary Mullis era uno scienziato. Non ha mai parlato come un globalista, e disse una volta, memorabilmente, quando fu accusato di fare dichiarazioni sull’HIV che potevano mettere in pericolo delle vite: “Sono uno scienziato. Non sono un bagnino”. Questa è una linea nella sabbia molto importante. Qualcuno che va in giro sostenendo di “salvare vite” è un animale molto pericoloso, e si dovrebbe correre nella direzione opposta quando lo si incontra. La loro arma è la paura, e la loro parola preferita è “potrebbe”. Ti intrappolano con una forma di bio-debito, creando simulazioni di ogni cosa immaginabile che “potrebbe” accadere, ma non è successo. Bill Gates ha aspettato a lungo un virus con un tale, come dice lui, “potenziale pandemico”. Ma Gates ha un problema, e si chiama PCR.

Dell’invenzione di Mullis, Polymerase Chain Reaction, il London Observer ha scritto:

“Non da quando James Watt camminò attraverso Glasgow Green nel 1765 e capì che il condensatore di vapore secondario avrebbe trasformato la potenza del vapore, un’ispirazione che ha scatenato la rivoluzione industriale, una singola idea epocale è stata così ben registrata nel tempo e nel luogo”.

Cosa ha a che fare l’HIV con Covid-19?

La PCR ha avuto un ruolo centrale nella guerra dell’HIV (una guerra che non conoscete, durata 22 anni, tra gli scienziati post-moderni globalisti dell’HIV e gli scienziati classici). Questi ultimi hanno perso la guerra. A meno che non consideriate vincere l’essere corretti. La violenza implacabile alla fine ha messo a tacere l’opposizione, e sembrava che nessuno avrebbe mai saputo chi erano questi scienziati, o perché combattevano questa cosa in modo così accanito e appassionato.

E la PCR, anche se il suo inventore è morto l’anno scorso e non è qui per parlarne, gioca un ruolo centrale nel terrorismo di Corona.

Ecco un estratto da un articolo che ho pubblicato su SPIN, nel 1994, su Kary Mullis, PCR, HIV e… Tony Fauci:

“La PCR ha avuto un grande impatto anche nel campo dell’AIDS, o meglio, della ricerca sull’HIV. La PCR può, tra le altre cose, rilevare l’HIV in persone che risultano negative al test degli anticorpi dell’HIV.

AA-76 Celia Farber AIDS, COVID e corruzione della scienza medica Video digita Qui

La parola “eccentrico” sembra venire fuori spesso in relazione al nome di Mullis: il suo primo articolo scientifico pubblicato, nella principale rivista scientifica Nature nel 1986, ha descritto come ha visto l’universo mentre era sotto LSD – pieno di buchi neri contenenti antimateria, per i quali il tempo scorre all’indietro.

È stato conosciuto per mostrare fotografie di fidanzate nude durante le sue conferenze, i loro corpi tracciati con modelli frattali di Mandelbrot. E come progetto secondario, sta sviluppando un’azienda che vende medaglioni contenenti il DNA delle rock star. Ma sono le sue opinioni sull’AIDS che hanno davvero fatto infuriare l’establishment scientifico.

Mullis, come il suo amico e collega Dr. Peter Duesberg, non crede che l’AIDS sia causato dal retrovirus HIV. È un membro di lunga data del Gruppo per il riesame dell’ipotesi HIV-AIDS, l’organizzazione di protesta di 500 membri che spinge per un riesame della causa dell’AIDS.

Uno degli argomenti più forti di Duesberg nel dibattito è stato che il virus HIV è a malapena rilevabile nelle persone che soffrono di AIDS. Ironicamente, quando la PCR fu applicata alla ricerca sull’HIV, intorno al 1989, i ricercatori sostennero di aver messo a tacere questa lamentela. Usando la nuova tecnologia, furono improvvisamente in grado di vedere le particelle virali in quantità che non potevano vedere prima. Gli articoli scientifici si riversarono affermando che l’HIV era ora 100 volte più diffuso di quanto si pensasse in precedenza. Ma Mullis stesso non era impressionato. “La PCR ha reso più facile vedere che certe persone sono infettate dall’HIV”, ha detto a Spin nel 1992, “e alcune di queste persone hanno avuto i sintomi dell’AIDS. Ma questo non comincia nemmeno a rispondere alla domanda: “L’HIV lo causa?”.

Mullis ha poi ripreso una delle affermazioni più controverse di Duesberg. “Gli esseri umani sono pieni di retrovirus”, ha detto, “Non sappiamo se sono centinaia o migliaia o centinaia di migliaia. Abbiamo iniziato a cercarli solo di recente. Ma non hanno mai ucciso nessuno prima. La gente è sempre sopravvissuta ai retrovirus”.

Mullis ha sfidato la saggezza popolare secondo cui i meccanismi che causano la malattia dell’HIV sono semplicemente troppo “misteriosi” da comprendere. “Il mistero di quel dannato virus”, ha detto all’epoca, “è stato generato dai 2 miliardi di dollari all’anno che spendono su di esso. Prendi qualsiasi altro virus, e spendi 2 miliardi di dollari, e puoi inventare dei grandi misteri anche su di esso”.

Come molte grandi scoperte scientifiche, l’idea della PCR arrivò all’improvviso, come per trasmissione diretta da un altro regno. Fu durante un viaggio in auto a tarda notte nel 1984, lo stesso anno, ironicamente, in cui fu annunciato che l’HIV era la “probabile” causa dell’AIDS.

“Stavo guidando e pensando alle idee e improvvisamente l’ho visto”, ricorda Mullis. “Ho visto la reazione a catena della polimerasi chiara come se fosse su una lavagna nella mia testa, così ho accostato e ho iniziato a scarabocchiare”. Una sua amica chimica stava dormendo in macchina e, come Mullis ha descritto in una recente edizione speciale di Scientific American: “Jennifer obiettò groggily al ritardo e alla luce, ma io esclamai che avevo scoperto qualcosa di fantastico. Non impressionata, tornò a dormire”.

Mullis continuò a scarabocchiare calcoli, proprio lì in macchina, finché la formula per l’amplificazione del DNA non fu completa. Il calcolo si basava sul concetto di “processi di crescita esponenziale reiterativa”, che Mullis aveva imparato lavorando con i programmi per computer.

Dopo molto lavoro a tavolino, ha convinto la piccola azienda biotecnologica californiana per cui lavorava, la Cetus, che aveva scoperto qualcosa. Per fortuna alla fine gli diedero retta: Vendettero il brevetto della PCR alla Hoffman-LaRoche per la sbalorditiva somma di 300 milioni di dollari, la cifra più alta mai pagata per un brevetto. Mullis nel frattempo ha ricevuto un bonus di 10.000 dollari.

La madre di Mullis riferisce che da bambino, il suo vivace figlio si è cacciato in tutti i tipi di guai – spegnendo l’elettricità della casa, costruendo razzi e facendo esplodere piccole rane a centinaia di metri in aria. In questi giorni, gli piace fare surf, andare sui rollerblade, scattare foto, festeggiare con i suoi amici – la maggior parte dei quali non sono scienziati – e soprattutto, ama scrivere.

Mullis è notoriamente difficile da rintracciare e intervistare. Avevo lasciato diversi messaggi sulla sua segreteria telefonica a casa, ma non avevo ottenuto alcuna risposta. Alla fine, l’ho chiamato in tarda serata e lui ha risposto, nel bel mezzo di un addio ad alcuni ospiti a cena. Ha insistito che non mi avrebbe concesso un’intervista, ma dopo un po’, una conversazione era in corso, e ho chiesto se non potevo per favore accendere il mio registratore. “Oh, che diavolo”, ha borbottato. “Accendi quel cazzo di registratore”.

La nostra conversazione si è concentrata sull’AIDS. Sebbene Mullis non sia stato particolarmente esplicito sul suo scetticismo nei confronti dell’HIV, le sue convinzioni non sono state, a suo credito, confuse o ammorbidite dal suo recente successo e dall’accettabilità del mainstream. Sembra che si goda il suo nuovo potere acquisito. “Non possono farmi la cacca ora, a causa di chi sono”, dice con una risatina – e a detta di tutti, sta usando quel potere in modo efficace.

Quando “Nightline” della ABC ha avvicinato Mullis per partecipare a un documentario su se stesso, lui li ha invece esortati a concentrare la loro attenzione sul dibattito sull’HIV. “Questa è una storia molto più importante”, ha detto ai produttori, che fino a quel momento non avevano mai riconosciuto la controversia. Alla fine, “Nightline” fece una serie in due parti, la prima su Kary Mullis, la seconda sul dibattito sull’HIV. Mullis fu assunto dalla ABC per un periodo di due settimane, per agire come loro consulente scientifico e indirizzarli alle fonti.

Lo show fu superbo, e rappresentò una svolta storica, forse anche la fine del blackout mediatico di sette anni sul dibattito sull’HIV. Ma non ha ancora realizzato l’ultima fantasia di Mullis. “Quello che la ABC deve fare”, dice Mullis, “è parlare con [il presidente del National Institutes of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) Dr. Anthony] Fauci e [il Dr. Robert] Gallo [uno degli scopritori dell’HIV] e mostrare che sono degli stronzi, cosa che potrei fare in dieci minuti”.

Ma faccio notare che Gallo si rifiuterà di discutere il dibattito sull’HIV, come ha sempre fatto.

“So che lo farà”, risponde Mullis, con la rabbia che gli sale nella voce. “Ma sai una cosa? Sarei disposto a inseguire il piccolo bastardo dalla sua macchina al suo ufficio e dire: ‘Questa è Kary Mullis che cerca di farti una domanda dannatamente semplice’, e lasciare che le telecamere lo seguano. Se la gente pensa che io sia un pazzo, va bene. Ma qui c’è un premio Nobel che cerca di fare una semplice domanda a chi ha speso 22 miliardi di dollari e ucciso 100.000 persone. Deve essere in TV. È una cosa visiva. Non sono riluttante a fare una cosa del genere”.

Fa una pausa, poi continua. “E non mi importa di fare la figura dell’idiota, perché la maggior parte della gente si rende conto che lo sono”.

Mentre molte persone, anche all’interno delle file dei dissidenti dell’HIV, hanno recentemente cercato di prendere le distanze dal controverso Duesberg, Mullis lo difende con passione e sembra sinceramente preoccupato per la sua sorte. “Stavo cercando di sottolineare questo punto alla gente della ABC” dice, “che Peter è stato seriamente maltrattato dall’establishment scientifico, al punto che non può nemmeno fare alcuna ricerca.

Non solo, ma tutta la sua vita è abbastanza in disordine a causa di questo, ed è solo perché si è rifiutato di compromettere i suoi standard morali scientifici. Ci dovrebbe essere qualche maledetta fondazione privata nel paese, che dica: ‘Bene, ci trasferiremo dove il NIH [National Institutes of Health] ha abbandonato. Ce ne occuperemo noi. Continua a dire quello che stai dicendo, Peter. Pensiamo che tu sia uno stronzo, e pensiamo che tu abbia torto, ma sei l’unico dissenziente, e ne abbiamo bisogno, perché si tratta di scienza, non di religione”. E questo è stato uno dei motivi per cui ho collaborato con la ABC”.

Kary B. Mullis,

“Sto aspettando di essere convinto che abbiamo torto”, continua Mullis. “So che non succederà. Ma se succede, vi dirò questo – sarò la prima persona ad ammetterlo. Un sacco di persone che studiano questa malattia stanno cercando i piccoli percorsi intelligenti che possono mettere insieme, che mostreranno come funziona. Tipo, ‘E se questa molecola fosse prodotta da questa e poi questa da quest’altra, e poi se questa e quella inducessero quest’altra’ – questa roba diventa, dopo due molecole, una congettura del tipo più raro.

Le persone che si siedono lì e ne parlano non si rendono conto che le molecole stesse sono in qualche modo ipotetiche, e che le loro interazioni lo sono ancora di più, e che le reazioni biologiche lo sono ancora di più. Non c’è bisogno di guardare così lontano.

Non si scopre la causa di qualcosa come l’AIDS occupandosi di cose incredibilmente oscure. Basta guardare cosa diavolo sta succedendo. Bene, qui c’è un gruppo di persone che sta praticando una nuova serie di norme comportamentali. A quanto pare, non ha funzionato perché molti di loro si sono ammalati. Questa è la conclusione. Non si sa necessariamente perché è successo. Ma si parte da lì”.

Questa era una deviazione storica, condivisa nella speranza di radicare storicamente questa conversazione.

Quando vedete la parola “casi” sul vostro schermo televisivo, in questo mondo che ora è stato dirottato da un singolo evento, un timore, un Idol, sarete perdonati per aver pensato che quelli sono casi di Covid-19.

Il numero di “casi” è spesso un numero molto grande, retroilluminato di rosso. Oggi per esempio, il numero di “casi totali”, negli Stati Uniti, secondo Worldometer, è 309.728. La cifra totale dei decessi è di 8.441. I “casi attivi” sono 286.546, di cui 8.206 sono “gravi, critici”. Il numero di “nuovi decessi” è 1.037, e il numero di “recuperati totali” è 14.741.

Non mi è chiaro cosa sia un caso “attivo”. Significa completamente sintomatico? Parzialmente sintomatico? Se la seconda, comprende sicuramente l’influenza/polmonite, che è magicamente, come molti hanno osservato, scesa da un precipizio per il 2020.

In Cina, generalmente, diagnosticano la ‘Corona’ con la TAC e uno o due test PCR positivi. Negli Stati Uniti, è difficile scoprire cosa fa un “caso”, cioè qual è la definizione di caso. Senza TAC, siamo in una caduta libera biotecnologica.

Un sito web offre questa angosciante definizione poco chiara: “Il nuovo coronavirus, o COVID-19, si è diffuso in tutto il mondo, determinando un numero crescente di individui infetti dalla fine del 2019 e un aumento dei numeri di mortalità dall’inizio del 2020. Finora, gli esperti hanno visto che mentre ci sono casi gravi, l’infezione è solitamente lieve con sintomi non specifici. E non ci sono caratteristiche cliniche di marca dell’infezione da COVID-19″.

Non ci sono caratteristiche cliniche di marca? Che cosa, allora, ha fatto crollare il mondo? Spero proprio che tutto questo non si basi su un “test”, come l’oracolo biotecnologico.

Qualche grafico più in basso, le mie paure sono confermate: “La diagnosi di COVID-19 comporta test di laboratorio. Una volta che qualcuno è stato diagnosticato con il coronavirus, ulteriori test diagnostici possono essere fatti per determinare la gravità dell’infezione”.

Accetto che “sta succedendo qualcosa” che si sovrappone all’influenza, ma riferito peggio di una normale influenza. Questo è quello che si sente. Si tratta di una mancanza acuta di ossigeno, per ragioni non chiare. La gente non riesce a respirare. L’intubazione è una procedura seria e potenzialmente pericolosa che solleva molte domande – ma questo è per un futuro articolo.

Qual è la relazione tra la diffusione dei test e la “diffusione” di un nuovo virus? Come facciamo a sapere cosa stiamo sperimentando, rispetto a quello che presumiamo di sperimentare? Uno studio in Austria ha scoperto che l’aumento dei test è correlato, non a caso, all’aumento dei “casi”.

In una discussione via e-mail tra un gruppo di scienziati internazionali, accademici e medici, è stata posta la domanda se il numero giornaliero di nuovi casi fosse correlato al numero giornaliero di test.

“Sì, lo fanno”, ha scritto il medico austriaco Christian Fiala. “Ecco i dati dell’Austria. In altre parole, se vogliono aumentare ulteriormente il numero di persone ‘infette’, devono anche aumentare il numero di test. Tuttavia, questo è fisicamente impossibile.

Un altro aspetto: durante le prime settimane la maggior parte dei test sono stati fatti su persone malate. Pertanto, la percentuale di test positivi era relativamente alta. Ma non ci sono così tanti malati e con la diffusione generale dei test, la stragrande maggioranza delle persone testate sarà sana. Di conseguenza, la percentuale di test positivi sarà bassa, e la maggior parte saranno falsi positivi.

In altre parole, è impossibile continuare l’aumento dei risultati positivi dei test”.

Negli Stati Uniti, abbiamo quasi abbandonato la medicina diagnostica classica a favore della biotecnologia, o della medicina dei risultati di laboratorio. Questo va avanti da molto tempo ed è una svolta pericolosa. Il “test Corona” è chiamato con il caratteristico tech-tedium: “CDC 2019-nCoV Real-Time RT-PCR Diagnostic Panel”. Questo significa che è un test dell’ago nel pagliaio del DNA. Un test PCR.

Trova frammenti, acidi nucleici. Da una e-mail di Kary Mullis, alla vedova del pugile Tommy Morrison, la cui carriera e vita sono state distrutte da un “test HIV”, e che ha litigato ferocemente per anni, contro i produttori di test, il dottor Mullis ha scritto, il 7 maggio 2013:

“La PCR rileva un segmento molto piccolo dell’acido nucleico che fa parte del virus stesso. Il frammento specifico rilevato è determinato dalla scelta alquanto arbitraria dei primer di DNA utilizzati che diventano le estremità del frammento amplificato. “

Se le cose fossero fatte bene, “l’infezione” sarebbe molto lontana da un test PCR positivo.

Kary B. Mullis,

“Bisogna avere una quantità enorme di qualsiasi organismo per causare dei sintomi. David Rasnick, biochimico, sviluppatore di proteasi ed ex fondatore di un laboratorio EM chiamato Viral Forensics, mi ha detto. “Non si comincia con i test; si comincia con l’ascolto dei polmoni. Sono scettico sul fatto che un test PRC sia mai vero. È un grande strumento di ricerca scientifica. È uno strumento orribile per la medicina clinica. Il 30% delle tue cellule infette sono state uccise prima che tu mostri i sintomi. Nel momento in cui mostri i sintomi… le cellule morte stanno generando i sintomi”.

Ho chiesto al Dr. Rasnick che consiglio ha per le persone che vogliono essere testate per il COVID-19.
“Non fatelo, dico, quando la gente me lo chiede”, risponde. “Nessuna persona sana dovrebbe essere testata. Non significa nulla, ma può distruggere la tua vita, renderti assolutamente miserabile”.
Uno degli innumerevoli misteri che fanno girare la testa in tutta questa situazione Corona è stato l’avvento di persone famose, da Tom Hanks e sua moglie, a Sophie Trudeau, al principe Carlo che hanno annunciato di essere “positivi” al COVID-19 e di essersi autoquarantinati.

In tutti questi casi di persone famose-potenti, i sintomi erano inesistenti o lievi. Perché, ci si chiedeva, ne facevano un gran parlare? I reali britannici, specialmente, sembravano contraddire il loro ethos di segretezza in questo caso. Quindi cosa significava? Significava, semmai, che il COVID-19 non è poi così letale. Che il virus può essere presente senza causare la malattia.

Che i fattori dell’ospite contano. E che essere “positivi” al COVID-19 non è né una condanna a morte PR né una vera condanna a morte. Forse nel loro linguaggio elitario ed esoterico, significa una sorta di prestigio, o un sacramento a una divinità pagana dei virus. Chi lo sa? Nel caso dei Trudeau, Sophie è risultata positiva, e ha avuto i sintomi, mentre suo marito Justin, il primo ministro, non si è mai ammalato, e non è stato testato. (Non voleva apparire privilegiato; non tutti possono essere testati in Canada, bisogna avere dei sintomi).

Viviamo ora in un mondo dominato da un virus Corona, come dice il mio amico Kevin Corbett, infermiere nel Regno Unito, “con le manopole”. Shrek-Green è il colore che è stato scelto. Siamo persi in una simulazione, cercando di afferrare la “verità” e la realtà. Un modo per farlo è quello di afferrare le parole, rallentarle e analizzarle. I globalisti amano armare le parole e farne incantesimi. Ipnotici. A questo scopo, inventano nuove parole, e ti costringono ad usarle e viverle. Parole come “Corona Virus”, e “Social Distancing”. “COVID-19”. “Testato Positivo”.

Che ce ne rendiamo conto o no, questa frase è un’eco dell’HIV-pensiero, nel quale ho nuotato per la maggior parte della mia cosiddetta carriera nel giornalismo, soffocando e sputando tutto il tempo. I globalisti scrivono un codice. Codificano i “virus” e danno loro un’identità armata, da videogioco. In questo videogioco, perdi tutte le tue libertà, e devi mostrare gratitudine e servitù. Il codice virale batte tutte le altre forme di politica. Niente può contrastarlo. Soprattutto non la “scienza”. Il virus è anche una metafora travolgente per la diffusione della “disinformazione”, che significa qualsiasi cosa al di fuori delle loro dottrine religiose, non riconoscibile dalla virologia classica.

Il codice, gli scenari potenziali, il misticismo e la superstizione su come il virus si diffonde, non devono essere messi in discussione, se si vuole rimanere una persona, in opposizione a una non-persona. È una forma di socialismo ambientale post-globalista diventato maligno: Esigere che tutte le persone si sottomettano ad un’uguale possibilità di essere uccise da un virus. Recitare la teatralità di adorare il virus con la paura come misura della fede invertita.

Ecco perché le celebrità amano questo genere di cose. Dà loro la possibilità di svilirsi, di autoflagellarsi come compagni di sofferenza. Mentre scrivo questo, dalla mia finestra a New York City, alle 19 di ogni sera, si sente la gente urlare, applaudire e suonare il clacson dalle finestre, per mostrare solidarietà agli operatori sanitari in prima linea. È stata mai escogitata una cosa simile per le morti di massa da oppioidi? No, non erano morti significative per le élite globali. Non è di “morte” che tratta questo spettacolo.

È la teologia del contagio socialista. Non si può andare al supermercato senza incontrare nuove esposizioni di Corona Heroica. Solo i virus interessano questa gente, questi odiatori della libertà. Eppure si rifiutano di imparare la prima cosa sulla vita naturale dei virus e degli esseri umani. Se scrutassero in questo mondo, troverebbero la bellezza, la verità e la meraviglia. Scoprirebbero che i virus sono raramente mortali, sempre incompresi, e che in realtà cercano di proteggerci. La ragione per cui i globalisti sono ossessionati dalla “diffusione” e dai “virus” è perché vogliono chiudere tutte le forme di comunicazione e di scambio di informazioni che minacciano il loro Nuovo Ordine Mondiale.

“Ogni volta che qualcuno prende un tampone, un campione di tessuto del suo DNA, va in un database del governo. E’ per tracciarci”, dice David Rasnick. “Non stanno solo cercando il virus. Per favore, mettetelo nel vostro articolo”.

Tecnocrazia

Nell’HIV, l’incantesimo di morte (codice) è arrivato alle persone sotto forma di due test anticorpali chiamati ELISA e Western Blot, inizialmente. Non i test PCR – vennero dopo, per misurare la “carica virale”, e non erano specificamente da usare per diagnosticare l’HIV. Piuttosto, per stressare le persone sui loro “marcatori surrogati”, che si diceva rappresentassero la loro posizione nella battaglia contro l’HIV. (Le persone avevano davvero bisogno di essere in una “battaglia” contro l’HIV? Questa era la domanda da un trilione di dollari).

In ogni caso, quei test non erano costruiti su un “gold standard” che significa purificazione di un virus reale. Purificazione significa che l’agente patogeno è stato separato da tutto il resto. Il co-scopritore dell’HIV e premio Nobel Luc Montagnier ha notoriamente detto al giornalista Djamel Tahi in un’intervista: “Ripeto, non abbiamo purificato”.

L’HIV non è mai stato “separato da tutto il resto”. Era ed è un artefatto di laboratorio, un insieme di antigeni torturati in laboratorio attorno al quale è stato costruito un “test”, un test che ha distrutto innumerevoli milioni di vite, perché la gente guardava la televisione e credeva a quello che gli veniva detto. Non hanno avuto la possibilità di ascoltare ciò che Kary Mullis o decine di altri veri scienziati avevano da dire sul presunto retrovirus mortale, l’HIV.

Nulla è stato provato prima di essere affermato. Questa divenne la norma, aprendo la strada alla situazione in cui ci troviamo ora. Comunismo virale globale. Tutti temevamo che sarebbe successo, ma non avremmo mai immaginato che avrebbero scelto un virus freddo. Un virus Corona.

All’inizio degli anni ’90, la PCR, (Polymerase Chain Reaction) è entrata nell’uso popolare, e Kary Mullis ha ricevuto il premio Nobel per questo nel 1993. La PCR, in parole povere, è un metodo di ciclaggio termico usato per fare fino a miliardi di copie di un campione di DNA specifico, rendendolo abbastanza grande da poterlo studiare.

Come dice correttamente la pagina Wikipedia della PCR, la PCR è una “…tecnica indispensabile” con una “grande varietà” di applicazioni, “…tra cui la ricerca biomedica e la criminal forensics.” La pagina continua a dire, con mio sgomento, che una delle applicazioni della PCR è “…per la diagnosi delle malattie infettive”.

La PCR è una tecnologia da ago nel pagliaio che può essere estremamente fuorviante nella “diagnosi delle malattie infettive”. Il primo conflitto tra questa tecnologia rivoluzionaria e la vita umana è avvenuto sul campo di battaglia dell’AIDS, e Mullis stesso è venuto in prima linea sostenendo contro la PCR come strumento diagnostico.

Nel 1987, lo stimato virologo del cancro di Berkeley Peter Duesberg aveva condannato i suoi finanziamenti e la sua “carriera” lanciando una bordata in un articolo pubblicato su Cancer Research alle crescenti e promiscue affermazioni fatte per i virus del cancro, tra cui almeno una per la quale avrebbe potuto ottenere un premio Nobel se non ne avesse diffuso egli stesso il significato.

Il suo argomento principale era che il “virus” della fusione Gallo/Montagnier che venne chiamato ‘HIV’ era (come tutti i virus della sua classe) appena capace di infettare le cellule. Infettò così poche cellule che Duesberg paragonò il modello patogeno al pensare di poter conquistare la Cina uccidendo 3 soldati al giorno. Semplicemente non c’era abbastanza “lì-qui” sotto forma di morte cellulare. “È una micia”, ha detto. Ha anche detto che non gli dispiacerebbe esserselo iniettato. (anche se non se provenisse dal laboratorio di Gallo).

Con l’ascesa della PCR, il complesso industriale dell’HIV ne fece un’arma per affermare che ora potevano vedere l’HIV più abbondantemente, quindi il loro malvagio nemico Peter Duesberg era abbrustolito. Ed è stato Kary Mullis, lui stesso un dissidente dell’HIV, che è salito in difesa di Duesberg e ha detto: “No, non lo è”.

Ho condotto un’intervista di due ore con David Crowe, ricercatore canadese, laureato in biologia e matematica, ospite del podcast The Infectious Myth e presidente del think tank Rethinking AIDS. Egli ha rotto i problemi con il test Corona basato sulla PCR in grande dettaglio, rivelando un mondo di complessità inimmaginabile, così come l’inganno.

“La prima cosa da sapere è che il test non è binario”, ha detto. “In effetti, non credo che ci siano test per malattie infettive che siano positivi o negativi”.

La parte successiva della sua spiegazione è lunga e dettagliata, ma andiamo avanti:

“Quello che fanno è prendere una specie di continuum e dire arbitrariamente che questo punto è la differenza tra positivo e negativo”.

“Wow”, ho detto. “Questo è così importante. Penso che la gente lo immagina come una delle due cose: Positivo o negativo, come un test di gravidanza. O ce l’hai o non ce l’hai”.

“La PCR è davvero una tecnica di produzione”, ha spiegato Crowe. “Si inizia con una molecola. Si inizia con una piccola quantità di DNA e ad ogni ciclo la quantità raddoppia, che non sembra molto, ma se si raddoppia 30 volte, si ottiene circa un miliardo di volte più materiale di quello con cui si è iniziato. Quindi, come tecnica di produzione, è fantastico.

Quello che fanno è attaccare una molecola fluorescente all’RNA mentre lo producono. Si illumina una luce ad una lunghezza d’onda e si ottiene una risposta, la luce viene rimandata indietro ad una lunghezza d’onda diversa. Quindi, misurano la quantità di luce che ritorna e questo è il loro surrogato di quanto DNA c’è. Sto usando la parola DNA. C’è un passo nel test RT- PCR che è dove si converte l’RNA in DNA. Quindi, il test PCR in realtà non sta usando l’RNA virale. Sta usando il DNA, ma è come l’RNA complementare. Quindi logicamente è la stessa cosa, ma può confondere. Tipo: perché improvvisamente sto parlando di DNA? Fondamentalmente, c’è un certo numero di cicli”.

Qui è dove diventa selvaggio.

“In un articolo”, dice Crowe, “ho trovato 37 cicli. Se non hai ottenuto abbastanza fluorescenza entro 37 cicli, sei considerato negativo. In un altro, carta, il cutoff era 36. Da 37 a 40 erano considerati “indeterminati”. E se si entrava in quel range, allora si facevano altri test. Ho visto solo due articoli che descrivevano quale fosse il limite. Quindi, è molto probabile che ospedali diversi, Stati diversi, Canada contro Stati Uniti, Italia contro Francia, utilizzino diversi standard di sensibilità di cutoff del test Covid. Quindi, se si taglia a 20, tutti sarebbero negativi. Se si taglia a 50, si potrebbero avere tutti positivi”.

Gli ho chiesto di fare una pausa per poter esclamare il mio stupore. Eppure, era un déjà vu tutto daccapo. Proprio come nella battaglia per l’HIV – alla gente non è mai stato detto che il “test HIV” aveva standard diversi nei diversi paesi, e all’interno dei paesi, da laboratorio a laboratorio. La barra più alta (il maggior numero di proteine HIV) era in Australia: cinque. La più bassa era in Africa: 2. Negli Stati Uniti è generalmente 3-4.

Eravamo soliti scherzare sul fatto che ci si poteva liberare di una “diagnosi di HIV” volando dagli Stati Uniti o dall’Australia all’Africa. Ma per molti anni, l'”AIDS” in Africa è stato diagnosticato senza alcun test. Solo una breve lista di sintomi che corrispondevano esattamente ai sintomi della maggior parte delle malattie tropicali, come febbre, tosse e mancanza di respiro.

David, nel suo tranquillo modo canadese, lanciò una bomba nella sua successiva dichiarazione:

“Penso che se un paese dicesse: “Sai, dobbiamo porre fine a questa epidemia”, potrebbero tranquillamente mandare in giro un promemoria che dice: “Non dovremmo avere il limite a 37 . Se lo mettiamo a 32, il numero di test positivi scende drasticamente. Se non è ancora abbastanza, beh, sapete, 30 o 28 o qualcosa del genere. Quindi, si può controllare la sensibilità”.

Sì, avete letto bene. I laboratori possono manipolare quanti “casi” di Covid-19 ha il loro paese. È così che i cinesi hanno fatto sparire il loro carico di casi all’improvviso?

“Un’altra ragione per cui sappiamo che questo è falso”, ha continuato Crowe, “è da una notevole serie di grafici pubblicati da alcune persone di Singapore in JAMA. Questi grafici sono stati pubblicati nelle informazioni supplementari, il che indica che nessuno dovrebbe leggerli. E penso che gli autori probabilmente li hanno buttati dentro perché erano grafici interessanti, ma non si sono resi conto di quello che c’era dentro.

Quindi, erano 18 grafici di 18 persone diverse. E in questo ospedale di Singapore, facevano test giornalieri sul coronavirus e avevano capito il numero di cicli di PCR necessari per rilevare la fluorescenza. O se non riuscivano a rilevare la fluorescenza entro… 37 cicli, mettevano un punto sul fondo del grafico, a significare un negativo”.

“Quindi, in questo gruppo di 18 persone, la maggior parte è passata da positivo, che normalmente viene letto come “infetto”, a negativo, che normalmente viene letto come “non infetto”, di nuovo a positivo-infetto. Quindi come si interpreta questo? Come si fa ad avere un test se un atto di prova è effettivamente, sapete, positivo al 100% per rilevare l’infezione, allora i risultati negativi devono essere stati sbagliati? E così, un modo per risolvere questo problema è spostare il punto da 37 a 36 o 38, per esempio. Puoi spostare questo, questo ciclo di numeri.

È una divisione arbitraria verso l’alto o verso il basso. Ma non c’è garanzia che se lo facessi, non avresti ancora la stessa cosa. Semplicemente, invece di andare da, da 36 a non rilevabile e indietro a 36 o indietro a 45, potrebbe andare da 33 a non rilevabile a 30 o qualcosa del genere. Giusto? Quindi, non puoi risolvere il problema cambiando questa divisione binaria arbitraria. E quindi fondamentalmente questo dice che il test non sta rilevando l’infezione.

Perché se lo fosse, tipo se sei infetto e poi non sei infetto, e sei in un ospedale con le migliori precauzioni anti-infettive del mondo, come hai fatto a ri-infettarti? E se hai curato l’infezione, perché non hai avuto gli anticorpi per evitare di essere reinfettato? Quindi, non c’è nessuna spiegazione all’interno del mainstream che possa spiegare questi risultati. Ecco perché penso che siano così importanti”.

Non potevo credere alle mie orecchie. Eppure ci riuscivo. Avete mai provato a leggere il foglietto illustrativo di un test PCR “Corona”? Dopo un po’ cominci a sentire che il technobabble è una specie di incantesimo, o un brutto sogno. Una lingua aliena da un’altra dimensione, che non potrebbe mai – per quanto altro possa fare – aiutare un singolo essere umano ad avere una vita migliore. Non è “inglese”. Non so cosa sia.

“Ultimamente ho citato spesso Alice nel paese delle meraviglie”, dice David, “perché è l’unico modo in cui riesco a capire. Alice ha detto: “A volte posso credere a sei cose impossibili prima di colazione!”

Uno dei modi per distinguere la verità dall’inganno nella “scienza” contemporanea è tracciare ciò che viene rimosso. Per esempio, mi dice David, c’era apparentemente un abstract inglese online su PubMed dalla Cina che rendeva l’intero complesso industriale dei test COVID privo di fondamento e assurdo.

“C’era un famoso articolo cinese che stimava che se stai testando persone asintomatiche, fino all’80% dei positivi potrebbero essere falsi positivi. Questo era abbastanza scioccante, così scioccante che PubMed ha dovuto ritirare l’abstract anche se il documento cinese sembra essere ancora pubblicato e disponibile. In realtà ho una traduzione con un amico. L’ho tradotta in inglese ed è un calcolo davvero standard di quello che chiamano valore predittivo positivo. L’abstract ha detto fondamentalmente che nelle popolazioni asintomatiche, la possibilità di un test coronavirus positivo è un vero positivo è solo circa il 20%. L’80% sarà un falso positivo”.

“Non significa che il test non significa nulla?”. Ho chiesto.

“L’analisi cinese era un’analisi matematica, uno standard, l’analisi standard che è stata fatta un milione di volte prima. Non c’è motivo di ritirare il documento per nessuna ragione. Non c’è niente di drammatico nel documento. È un’analisi molto noiosa. È solo che hanno fatto l’analisi standard e hanno detto, in alcune popolazioni, come hanno stimato l’1% delle persone sono effettivamente infette nella popolazione. Potresti avere l’80% di falsi positivi.

Non hanno potuto fare una vera analisi dei falsi positivi per determinare se un test è corretto o no, perché questo richiede un gold standard e l’unico gold standard è la purificazione del virus. Quindi, torniamo al fatto che il virus non viene purificato. Se si potesse purificare il virus, allora si potrebbero prendere cento persone che sono risultate positive e si potrebbe cercare il virus in loro. E se si trovasse il virus in 50 su cento e non negli altri 50, si potrebbe dire che il test è accurato solo il 50% delle volte. Ma non abbiamo modo di farlo perché non abbiamo ancora purificato il virus. E non credo che lo faremo mai”.

Dave Rasnick ha avuto scambi con David Crowe su questo, e concorda: “Per quanto ne so, non hanno ancora purificato questo virus”.

Kary B. Mullis,

In una precedente intervista che ho fatto con lui qualche settimana fa, ha detto questo, a proposito dei test PCR e le fallacie di pensare che meno è più, o più piccolo è meglio, o più “sensibile” significa più accurato:

“È come le impronte digitali. Con la PCR stai guardando solo un piccolo numero di nucleotidi. Stai guardando un minuscolo segmento di gene, come un’impronta digitale. Quando hai delle normali impronte digitali umane, devono avere dei punti di conferma. Ci sono parti che sono comuni a quasi tutte le impronte digitali, e sono quelle parti generiche in un virus Corona che il test PCR raccoglie. Possono avere dei loop parziali, ma se hai preso solo alcuni piccoli campioni di impronte digitali, ti ritroverai con un sacco di segmenti di RNA che non siamo sicuri abbiano a che fare con il virus Corona. Verranno comunque visualizzati nella PCR. Puoi scendere fino ai livelli in cui è biologicamente irrilevante e poi amplificarlo un trilione di volte”.

“I primer sono quelli che conosci. Conosciamo già le stringhe di RNA della famiglia Corona, le regioni che sono stabili. Questa è un’estremità. Poi si guarda all’altra estremità della regione, per tutti i virus Corona. I cinesi hanno deciso che c’era una regione in quelle aree stabili che era unica per il loro virus Corona. Si fa il PCR per vedere se è vero. Se fosse veramente unica, funzionerebbe. Ma stanno usando il test della SARS perché non ne hanno uno per il nuovo virus”.

“La SARS non è il virus che ha fermato il mondo”, offro.

È vero”.

“La PCR per la diagnosi è un grosso problema”, continua. “Quando devi amplificare un numero così grande di volte, genererà una quantità enorme di falsi positivi. Di nuovo, sono scettico sul fatto che un test PCR sia mai vero”.

Crowe ha descritto un caso in letteratura di una donna che era stata in contatto con un caso sospetto di Corona (a Wuhan) che credevano fosse il caso indice. “Lei era importante per la presunta catena di infezione a causa di questo. L’hanno testata 18 volte, in diverse parti del corpo, come il naso, la gola, diversi test PCR. 18 test diversi. Ed è risultata negativa ogni volta. E poi, a causa della sua connessione epidemiologica con gli altri casi, hanno detto: “La consideriamo infetta”. Quindi, avevano 18 test negativi e hanno detto che era infetta”.

“Ora, perché era importante? Beh, c’era solo un’altra persona che avrebbe potuto teoricamente trasmettere il virus se il paziente originale, al di fuori della famiglia, era chi pensavano che fosse. Ma in secondo luogo, aveva gli stessi identici sintomi di tutti gli altri. Giusto? Quindi, quattro persone nella sua famiglia sono venute giù con febbre e tosse e mal di testa, affaticamento e tutti questi tipi di grandi sintomi. Quindi, se lei poteva avere quei sintomi senza il virus, allora tu, tu devi dire, beh, perché i sintomi di tutti gli altri non potevano essere spiegati da qualsiasi cosa lei avesse? Voglio dire, forse hanno mangiato dei frutti di mare avariati o qualcosa del genere e quindi si sono ammalati tutti, ma non aveva nulla a che fare con il coronavirus. Ma perché tre dei quattro, risultato positivo, allora erano, erano tutti considerati infetti e fuori dalla stessa carta.

Un’altra cosa interessante è che hanno fatto molti test. La prima persona nella lista delle persone testate, era positiva a tre test su 11. Quindi, di nuovo, hanno preso campioni di naso e gola e sai, diversi metodi e tutto questo genere di cose. E hanno ottenuto 11 test separati e solo tre erano positivi. E naturalmente, tutto ciò che serve per essere considerato infetto è un solo test positivo. Potrebbero farti il test 20 volte e se sei positivo una volta, allora sei infetto. Quindi, un test positivo è significativo. Un test negativo. È come, eh. Non così tanto”.

Ho chiesto a Crowe cosa pensava che Kary Mullis avrebbe detto di questa esplosione di follia PCR.

“Sono triste che lui non sia qui a difendere la sua tecnica di produzione”, ha detto. “Kary non ha inventato un test. Ha inventato una tecnica di produzione molto potente di cui si sta abusando”. Quali sono le migliori applicazioni della PCR? Non la diagnostica medica. Lui lo sapeva e l’ha sempre detto”.

La nostra conversazione è andata in molte direzioni diverse e ho intenzione di pubblicare l’intera intervista audio. Ho chiesto a David cosa pensava stesse succedendo qui, al livello più centrale.

“Non credo che capiscano quello che stanno facendo”, ha detto. “Penso che sia fuori controllo. Non sanno come porre fine a questo. Questo è quello che penso sia successo: Hanno costruito una macchina pandemica per molti anni e, come sapete, c’è stata un’esercitazione pandemica non molto tempo prima che tutto questo iniziasse”.

“Voglio solo identificare chi ha sponsorizzato quella conferenza di simulazione, 6 settimane prima che le prime notizie uscissero da Wuhan”, interruppi. “Era la fondazione Bill e Melinda Gates, Johns Hopkins Center For Health Security, e il World Economic Forum. Per inciso, tutte le statistiche, le proiezioni e i modelli che vedete nei media vengono dalla Johns Hopkins”.

“Giusto. Allora, questa bella macchina pandemica è molto simile a… usiamo l’esempio di un simulatore di aerei. Ok. Allora, i piloti vengono testati su un simulatore di aerei. Quindi, se stai volando in un aereo e c’è un forte botto e vedi del fumo che esce da un motore sulla destra, questa è probabilmente la prima volta che un pilota è stato in un aereo che ha avuto un guasto al motore.

Ma ha testato questo scenario 25 volte su un simulatore di aerei. Quindi, sa esattamente cosa fare senza che gli venga detto. Esegue la procedura. Non deve pensare, fa solo i passi che gli sono stati insegnati attraverso il simulatore di aerei e fa atterrare l’aereo con successo con un motore. Quindi, un simulatore di pandemia è proprio così. Ti siedi al computer, vedi il virus che gira per il mondo, um, e dici, ok, quindi quello che dobbiamo fare è vestire tutti con abiti protettivi”.

“Dobbiamo mettere in quarantena tutti quelli che sono positivi. Passo successivo. Dobbiamo fare l’isolamento sociale. È un modello matematico. E alla fine si vince sempre, giusto? Quindi, alla fine, i buoni vincono e la pandemia viene sconfitta. Ma non c’è mai stata una vera pandemia da quando hanno costruito questa macchina. Quindi, c’è questa enorme macchina, ha un pulsante rosso su di essa ed è come se si rilevasse l’inizio di una pandemia, si preme il pulsante rosso.

Non sappiamo esattamente cosa sia successo, ma credo che il governo cinese fosse imbarazzato perché era stato accusato di coprire una pandemia. Hanno detto, ok, sapete, vogliamo l’approvazione occidentale per il nostro sistema medico, quindi premeremo il maledetto pulsante rosso. O l’hanno fatto. E poi tutto è seguito da quello. Il problema è che la simulazione non è mai stata basata sulla realtà”.

In un’altra parte della nostra conversazione, ha detto qualcosa di indimenticabile:

“Quindi, siamo stati essenzialmente presi dai talebani della medicina, se volete”.

L’ho incalzato un’ultima volta:

“David, per concludere, finisci questa frase: “Il test PCR per Corona è buono come…”

La sua risposta mi ha fatto ridere. Non sapevo di poter ancora ridere.

“È buono come quel test di Scientology che rileva la tua personalità e poi ti dice che devi dare tutti i tuoi soldi a Scientology. “

Dr. Joseph Mercola & Celia Farber

Fonte: mercola.com & uncoverdc.com

Celia Farber è per metà svedese, cresciuta lì, quindi conosce il “socialismo” dall’interno. Ha concentrato i suoi scritti sulla libertà e la tirannia, con una prima attenzione all’industria farmaceutica e agli abusi dei media sulle libertà umane. È stata sotto feroce attacco per i suoi scritti sull’HIV/AIDS, dove ha lavorato per documentare l’argomento come un’operazione psicologica e radicata nella scienza fasulla. Collabora con UncoverDC e The Epoch Times, e in passato ha scritto per Harper’s, Esquire, Rolling Stone e altri. Essendo stata gravemente ferita dai media legacy, non vuole più tornare indietro. È la destinataria del Semmelweis International Society Clean Hands Award For Investigative Journalism, ed è stata così attaccata per il suo lavoro che ha cercato brevemente la protezione dell’FBI e della polizia di New York. È l’autrice di “Serious Adverse Events: An Uncensored History of AIDS,” e l’editore di The Truth Barrier, un sito web investigativo e letterario. È co-conduttrice di “The Whistleblower Newsroom” con Kristina Borjesson su PRN, il venerdì alle 10 del mattino.

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

Codice IBAN      IT19B0306967684510332613282

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code