toba60

Pep Guardiola e Marcelo Bielsa L’intelligenza al Servizio del Calcio

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Quelli che andremo a conoscere sono due tecnici opposti come carattere e filosofia di gioco, accomunati da una autonomia di pensiero che li hanno resi unici e irripetibili nel loro modo di sviluppare e intendere il gioco.

Pep Guardiola Marcelo Bielsa

Pep Guardiola prima ancora che un grande allenatore e’ uno psicologo di alto spessore, capace di immedesimarsi all’interno della squadra come pochi, l’aspetto tattico nella sua essenza poggia su principi base molto semplici al di la di tutte le speculazioni che si sono nel tempo fatte in riferimento al famoso Tiki Taka, quello che avrete modo di apprendere e’ l’essenza di quello che e’ il suo modo di intendere il calcio che vale mille volte la visualizzazione di tutti i lavori da lui fatti in anni di lavoro sul campo di allenamento.

Marcelo Bielsa non ho mai avuto modo di conoscerlo in prima persona quando studiavo presso l”ATFA a Buenos Aires, le opinioni su di lui erano sempre molto contraddittorie, ma queste nascevano per via di un carattere estremamente determinato e intransigente, inizio’ a 25 anni ad allenare e già da subito si distinse per il gioco spumeggiante e veloce con una vocazione al gioco offensivo maniacale.

Attraverso la lettura di questo breve editoriale avrete modo di conoscere aspetti insoliti che spero possano essere di stimolo e ispirazione a tutti gli allenatori affinché possano esprimere il meglio di loro.

Toba60

L’intelligenza al Servizio del Calcio

Pep Guardiola, l’allenatore della forse migliore squadra della storia, F.C. Barcellona. Ispirato da Cruyf, La Volpe o Lillo, tra gli altri, è riuscito a reinventare il calcio, aggiornando e perfezionando le lezioni apprese da loro. Ascoltare o leggere le sue parole sul calcio è significa crescere.

Pep Guardiola

Per questo abbiamo deciso di compilare le sue migliori frasi insieme all’interessante talk che ha avuto con Jorge Valdano nel suo programma televisivo.

Pep Guardiola

1) A proposito di tattica:

‘La tattica è che difendono in questo modo e lo spazio sarà qui … La tattica è questa, cosa fanno e da lì si adattano le qualità dei giocatori’.

‘Il calcio appartiene ai calciatori, non dobbiamo mai dimenticarlo’. ‘Cerco solo di fornire ai miei giocatori principi di gioco che riducano i rischi al minimo e valorizzino al massimo le loro virtù’.

‘Se non c’è una sequenza di quindici passaggi precedenti è impossibile rendere bene il passaggio tra attacco e difesa’. “Voglio solo che all’inizio facciano qualche metro insieme in modo che se perdiamo la palla, non ci separino.

‘L’intenzione non è muovere la palla, è muovere l’avversario’.

“È che odio passare la palla perché sì, quella cosa sulla tiquitaca. Questa è una schifezza che è inutile.

Pep Guardiola

Devi passare la palla con un’intenzione, con l’intenzione di segnare un gol nella porta avversaria ”.

“La tattica dipende dalla qualità dei giocatori. Quando abbiamo Xavi, Iniesta, Busquets, Messi e Fabregas, è normale giocare al centro. Quando abbiamo Sané, Sterling e De Bruyne, giocatori che attaccano di più gli spazi, giochiamo diversamente ”.

‘A volte ingaggiamo giocatori e stiamo limitando la loro creatività perché tutto è: dall’inizio e da lì ... a volte il modo in cui giocano li condiziona’.

‘Ho inserito i lati nelle aree interne per avere più passaggi extra e ho anche generato transizioni più efficaci all’interno’.

2) Sulla preparazione fisica

‘All’inizio loro (i giocatori del Bayern Monaco) sono rimasti sorpresi dal fatto che non abbiamo fatto serie di gare di 1 km … In effetti, senza palla non facciamo nulla, solo alcuni recuperi e un lavoro specifico per aggiustare un giocatore’.

Pep Guardiola

3) Informazioni sulla gestione del team:

“Se dubiti, non parlare con (i giocatori), vai a casa e vedremo domani. Quando parli con loro è perché sei chiaro… perché quando i giocatori ti vedono debole non perdonano ”.

‘Ho bisogno di abbracciare i miei giocatori e spiegare, ho bisogno di convincerli, non c’è niente di più meraviglioso che cercare di mettere le tue idee nella testa dei tuoi giocatori’ ‘Perdonerò i giocatori che non lo fanno bene, ma non li perdonerò mai per non averci provato’.

‘Quando non puoi più motivare i tuoi giocatori come allenatore è quando sai che è giunto il momento di partire’.

Pep Guardiola

4) Sulla convinzione:

‘Nel processo ci sono molti dubbi, l’unica cosa che vale è la convinzione di avere le idee chiare’.

Marcelo Bielsa

Il maestro degli insegnanti, colui al quale tutti gli allenatori danno il loro rispetto e ammirazione. La sua passione per l’offensiva e per l’analitico lo porta ad analizzare il calcio fin nei minimi dettagli, ogni sua parola è eloquente e merita di essere ascoltata.

Marcelo Bielsa

Ecco le sue migliori frasi

1) Sulla difficoltà di firmare o descrivere il talento di quei giocatori che non si distinguono troppo:

I buoni giocatori sono visti da te, da me e dalla maggior parte delle persone. La stessa cosa accade con i cattivi giocatori. Il merito è nell’ammonire e nel sapere che il giocatore normale sarà bravo ‘.

2) Sul ruolo fondamentale dell’allenatore

“Un buon allenatore deve avvicinare i suoi giocatori al loro pieno potenziale, o scoprirlo. Questa è la sua funzione principale ”.

“Un allenatore non è migliore per i suoi risultati o per il suo stile, modello o identità. Ciò che ha valore è la profondità del progetto, gli argomenti che lo supportano, lo sviluppo dell’idea ‘.

“Le operazioni e le modifiche vengono effettuate con la vittoria, non con la sconfitta.

Marcelo Bielsa

L’avversità è il tempo per osservare le cose ”.

3) Sul suo stile di gioco

‘L’unico modo per capire il calcio è la pressione costante, giocare in un campo rivale e dominare la palla’.

‘L’importante non sono le percentuali di possesso, l’importante sono le volte che arrivi in area con la palla.

“Tutti difendono spazi brevi e attaccano spazi ampi. Invece, voglio attaccare i piccoli spazi e difendere i grandi spazi ”.

4) Sulla fase offensiva

A proposito del passaggio: ‘Senza rischio di intercettazione, non c’è eliminazione dei rivali’. “Più il tuo rivale è vicino a uno, questo è il messaggio che la palla deve essere ricevuta da dietro di lui.

Quando il rivale viene verso di me, cerco il retro ”.

‘Per toglierti di mezzo devi fare una mossa precedente per portare il difensore in un punto da cui è più scomodo per lui andare dove ho già deciso di andare’.

Marcelo Bielsa

5) Sulla fase difensiva

‘Sai qual è la mia lettura? Mi vergogno persino a dirlo: è che difendiamo con troppe persone. Perché sempre, sempre, in tutte le situazioni di goal ci sono più giocatori da noi che dal rivale.

Il problema di difendere con più persone e rendere il sistema difensivo più ermetico, non viene risolto aggiungendo più giocatori.

Il numero di persone con cui difendiamo è molto alto, e la soluzione non è farle difendere meglio mettendo più giocatori ”.

“Non si può pressare se vicino al punto di pressione c’è un uomo libero dal rivale perché sicuramente la palla arriverà all’uomo libero. Ecco perché dobbiamo avere uguaglianza numerica e supporto nel settore della pressione ”.

6) Sulla filosofia della preparazione e della formazione:

“Dicono che tutte le squadre di club devono giocare con lo stesso schema. La mia opinione è che tutte le squadre formative di calcio debbano giocare ogni anno con uno schema e la sua derivazione ”.

Marcelo Bielsa

“La domanda che per vincere si deve giocare bene si sente spesso Penso che l’affermazione giusta sia: gioca bene per vincere, e non un punto interrogativo tra due opzioni’.

‘Per sapere cosa insegnare, devi vedere cosa contiene il gioco, perché tutto ciò che devi insegnare è ciò che il gioco contiene’.

‘Le migliori condizioni per la scelta del passaggio sono date dal palo centrale’.

‘L’esercizio deve essere vissuto, non eseguito, quando si esegue l’esercizio è inutile’.

‘I tempi nel calcio (i tempi della deselezione) non sono tempi anarchici, sono tempi che si possono imparare’.

Marcelo Bielsa

7) In caso di successo e fallimento

‘Se uno prova e fallisce, merita l’affermazione, ma nessuna azione è molto più riprovevole’. “Sono uno specialista del fallimento e so perfettamente che l’aderenza si perde quando il successo è finito.

Ci sono persone di successo che non sono felici e persone felici che non hanno bisogno del successo. Il successo è un’eccezione e non un continuum ”.

“Quando la mia squadra vince, e vince regolarmente, non rivedo molto le opinioni che ruotano attorno ad essa. Posso farlo per vanità perché parlano bene, per hobby perché ho molto tempo, ma non ne ho bisogno. Ma quando la mia squadra perde, ne ho bisogno. Perché nelle avversità i messaggi che emergono dall’ambiente convergono alla prima squadra…gli interpreti ”.

David Lagar

Fonte: http://africandiego.blogspot.com/

Puoi risparmiare 1.00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code