toba60

Per Coloro che stanno per Morire o Aspiranti Suicidi Sapere qualcosa sulla Morte può Essere Molto Utile

Oggi più che mai è indispensabile rivedere un po il concetto di vita e di morte in un mondo che fa di tutto per esorcizzare l’aldilà.

Porsi delle domande sulla questione oggi come oggi, in una società che concepisce la propria esistenza all’insegna del tutto e subito, oggettivamente non ha alcun senso.

Per gran parte degli abitanti del pianeta la fine della propria esistenza è già avvenuta da un pezzo, basta vedere la smania di chi fa la coda per implorare in ginocchio un vaccino, un sostituto del Dio Moloch, che lo ha reso privo della sola cosa che rende le persone immortali da qui all’eternità……

la ”Propria Anima”, questa sconosciuta e rinnegata dall’uomo.

Toba60

P.S. Il libro (Ritorno da domani) in Epub e Pdf completo, da cui e’ stato tratto l’articolo lo potete trovare alla fine in lingua Originale (Danese) ed in Inglese.

Sapere qualcosa sulla Morte può Essere Molto Utile

Per coloro che stanno per morire, sapere qualcosa sulla morte può essere di grande aiuto. È importante essere consapevoli e curiosi, anche dopo che la morte è avvenuta.

Ma vale anche la pena di notare quanto segue: coloro che credono che se ci si toglie la vita, l’io si dissolve nel vuoto oscuro, o per colui che uccide il suo nemico, e crede che così lo elimina per sempre… entrambi si basano su un equivoco che ha conseguenze molto gravi, perché in realtà accade qualcosa di ben diverso… e se lo si fosse saputo prima, non si sarebbe mai pensato di fare qualcosa di così stupido, come l’omicidio o il suicidio.

Il libro Tilbake fra imorgen (Ritorno da domani), di George G. Ritchie ed Elizabeth Sherill, è un piccolo libro molto speciale che fu pubblicato nel 1978. Da una traduzione danese di Carin, Svend e Sidseln Astrup, pubblicata nel 1984, con un’introduzione del famoso Dr. Raymond A. Moody, jr. dove caratterizza il libro come segue:

“…uno dei racconti più magnifici e meglio documentati che io conosca sull’esperienza del morire”.

Lui, George, da ventenne, appena ricoverato all’ospedale militare in Arizona con febbre alta e polmonite, descrive il doloroso e inaspettato essere senza corpo e invisibile agli altri terrestri. Egli è se stesso pienamente e completamente, quasi non accorgendosi di non avere il suo corpo terreno, di essere effettivamente morto. È semplicemente stupito dall’inaspettato che sperimenta.

Citazione pagina 32: “Quando guardai giù, mi resi conto che avevo smesso di muovermi. La sensazione di essere in qualche modo sospeso a cinquanta (50) piedi nell’aria era ancora più strana di quanto lo fosse stato il volo vorticoso. Ma non ebbi il tempo di preoccuparmene, perché lungo il marciapiede verso la cappa della notte un uomo arrivò camminando alacremente.

Ho pensato che avrei potuto almeno imparare da lui che città era, e in che direzione mi stavo muovendo. Proprio allora mi venne in mente come se il pensiero e il movimento fossero diventati una cosa sola, e mi ritrovai sul marciapiede, correndo accanto allo sconosciuto. Era un civile, di forse quaranta o quarantacinque anni, con un cappotto, ma senza cappello. Evidentemente stava pensando profondamente a qualcosa, perché non mi ha nemmeno guardato mentre camminavo accanto a lui”.

“Per favore, ditemi”, dissi, “sono un estraneo qui, e vorrei – “

L’autore Ritchie racconta; Youtube, qui.

“Abbiamo raggiunto il caffè e lui si è girato e ha afferrato la maniglia della porta. Il tizio era sordo? Ho allungato la mano sinistra per dargli un colpetto sulla spalla. Non c’era nulla. Rimasi in piedi davanti alla porta e lo fissai mentre la apriva e spariva all’interno. Era stato come toccare… l’aria nuda. Eppure l’avevo visto chiaramente, l’inizio di qualche barba nera sul mento dove aveva bisogno di radersi”.

Citazione a pagina 37: “Cerca il proprio cadavere nel grande complesso ospedaliero di tombe di soldati identiche e non contrassegnate e fa un’esperienza strana ma completamente nuova. Alla fine delle mie peregrinazioni sono arrivato al reparto di radiologia. Il tecnico con la giacca bianca che avevo incontrato prima era seduto a una scrivania, leggendo alcuni fogli accartocciati.

Ecco l’ultimo essere umano che mi aveva detto qualcosa. “Guardami! Gli ho gridato. “Sono proprio qui!” Si tolse il cappuccio della penna e annotò qualcosa sul foglio. Erano passate solo poche ore da quando ero stato portato in questa stanza su una barella? Doveva essere settimane fa. Anni fa. O … erano solo minuti? C’era anche qualcosa di strano nel tempo in questo mondo, dove le regole della distanza e della velocità e della sostanza erano tutte sospese. Avevo perso il senso se un’esperienza durava una frazione di secondo o se durava diverse ore.

Citazione a pagina 38: ” Vivo nell’orrore. Probabilmente c’era qualcuno nel letto, ma il lenzuolo era tirato completamente sopra la sua testa, così che solo le sue braccia erano fuori dalle coperte. Le braccia sembravano stranamente rigide e dritte, innaturali, e le mani rivolte con i palmi verso il basso… Sul terzo dito della mano sinistra c’era un piccolo gufo giallo su una pietra ovale di onice nera. Aveva trovato il suo cadavere. Lui stesso”.

E questo ha sollevato in lui molte domande.

Citazione pagina 39: “Ma non ero morto! Come potrei essere morto e ancora sveglio? Ho pensato. Ho potuto sperimentare. La morte era un’altra cosa. Ero io, completamente sveglio, solo senza un corpo fisico in cui funzionare. Ho cercato come un pazzo di afferrare il lenzuolo, tirarlo indietro e cercare di scoprire la figura nel letto.

Ma tutti i miei sforzi non produssero nemmeno la minima arietta nella piccola stanza silenziosa. Nella piccola stanza la luce diventa lentamente sempre più forte. Prende un’intensità che non ha mai visto prima. In mezzo a questa luce sta una personalità e irradia un amore completo per lui. È un osservatore e descrive ciò che vede in modo molto dettagliato”.

Citazione pagina 40: “Questa persona era la Forza stessa, più vecchia del tempo eppure più moderna di chiunque avessi mai incontrato. Soprattutto, sapevo con la stessa misteriosa certezza che questo Essere mi amava. Molto più grande della Forza stessa era l’amore incondizionato che irradiava dalla sua presenza. Un amore sorprendente.

Un amore al di là di ogni mia immaginazione. Questo amore conosceva tutto ciò che non poteva essere amato in me; i litigi con la mia matrigna, il mio temperamento esplosivo, i pensieri sessuali che non riuscivo mai a tenere sotto controllo, tutti i pensieri e le azioni malvagie ed egoiste dal giorno della mia nascita e mi ha accettato e amato allo stesso modo. Quando dico che sapeva tutto di me, è perché era semplicemente un fatto che si poteva osservare.

Perché insieme alla sua radiosa presenza, erano entrati nella stanza anche tutti gli episodi di tutta la mia vita, anche se quando li racconto devo descriverli singolarmente. Tutto quello che mi era successo era semplicemente lì in piena vista, simultaneo e presente, come se si stesse svolgendo in quel preciso momento.

È importante notare qui che il centro della luce, L’Essere, arriva contemporaneamente alle immagini dettagliate e chiare della sua biografia. Cose e figure che credeva dimenticate appaiono con grande intensità, come se stessero accadendo proprio ora. La Creatura lo porta in un viaggio dove vede certe cose”.

Citazione a pagina 47: “Ancora e ancora ho osservato questo fenomeno, che le persone non erano consapevoli della presenza di altri accanto a loro. Ho visto un gruppo di operai della catena di montaggio in una mensa. Una delle donne ha chiesto una sigaretta a un’altra, in effetti l’ha implorata, come se la volesse più di ogni altra cosa al mondo.

Ma l’altra, parlando con i suoi amici, non l’ha vista. Prese un pacchetto di sigarette dal bollitore e, senza nemmeno offrirlo all’altra donna che lo prendeva così avidamente, ne tirò fuori una e l’accese. Rapida come un serpente che attacca, la donna respinta raggiunse la sigaretta accesa nella bocca dell’altra. Ancora e ancora si è scatenata contro di essa. Ancora e ancora”.

L’autore Ritchie racconta; Youtube, qui.

Citazione pagina 50: “Ho visto un giovane marinaio barcollare in piedi dalla sua sedia, fare due o tre passi e poi cadere pesantemente a terra. Due dei suoi compagni si chinarono e cominciarono a tirarlo via dalla gente ammassata. Ma non era quello che stavo guardando. Fissai pieno di meraviglia mentre il bozzolo luminoso intorno al marinaio svenuto si apriva semplicemente.

Si è separato proprio al centro della testa e ha cominciato a staccarsi dalla testa verso le spalle. All’istante, più velocemente di quanto avessi mai visto qualcuno muoversi, una delle creature inconsistenti che era stata in piedi vicino a lui al bar gli fu addosso. Come un’ombra assetata, si era librato accanto al marinaio, seguendo avidamente ogni sorso del giovane. Ora sembrava saltargli addosso come un animale selvaggio alla sua preda. Con mio assoluto stupore, un attimo dopo la figura era scomparsa”.

Citazione a pagina 54: “All’inizio pensavo che stessimo vedendo qualche grande campo di battaglia dove tutti gli uomini erano condannati a quelli che sembravano combattimenti fino alla morte, dove si contorcevano, si trafiggevano e combattevano con rabbia. Non poteva essere una guerra moderna, perché non c’erano carri armati o cannoni. Nessun tipo di arma, ho visto quando ho guardato da vicino, ma solo mani, piedi e denti nudi. E poi ho notato che nessuno sembrava essere ferito.

Non c’era sangue, non c’erano corpi in giro sul terreno; un colpo che avrebbe dovuto distruggere un avversario lo ha lasciato più o meno nelle stesse condizioni di prima. Anche se sembravano letteralmente essere uno sopra l’altro, era come se ognuno di loro colpisse l’aria vuota; alla fine mi resi conto che non potevano, ovviamente, toccarsi quando non avevano sostanza.

Non potevano uccidere, anche se chiaramente desideravano farlo, perché le loro vittime designate erano già morte, e così si scagliavano l’uno contro l’altro in una rabbia frenetica e spietata ….. Queste creature sembravano essere imprigionate dalle loro emozioni e dalle loro menti, dal loro odio, dalla lussuria e da schemi di pensiero distruttivi. Ancora più orribile dei morsi e dei calci che si scambiavano erano gli abusi sessuali che molti di loro compivano in una pantomima febbrile. Perversioni che non avevo mai sognato erano vanamente cercate per essere eseguite intorno a noi”.

Citazione a pagina 58: “Sembrava che improvvisamente fossimo entrati in una dimensione completamente diversa, quasi un’altra forma di esistenza. Dopo le città rumorose e bellicose e le voci stridenti sul “campo di battaglia”, qui c’era una pace onnipresente.

Quando siamo entrati in uno degli edifici e abbiamo iniziato a camminare attraverso un corridoio dai soffitti alti con grandi porte dappertutto, era così tranquillo che sono rimasto davvero sorpreso di vedere delle persone. Non potevo dire se erano uomini o donne, vecchi o giovani, perché erano tutti avvolti dalla testa ai piedi in cappucci a pieghe che mi ricordavano i monaci.

Ma l’atmosfera del posto non era affatto come immaginavo che fosse un monastero. Sembrava piuttosto un enorme centro di studi, che ribolliva dell’eccitazione di una grande scoperta. Tutti quelli che incrociavamo nei grandi saloni e sulle ampie scale sembravano essere completamente assorbiti da un’occupazione che occupava tutto il loro tempo e interesse; non si scambiavano molte parole. Eppure non ho notato nessuna ostilità tra questi esseri, piuttosto una certa distanza dovuta alla concentrazione totale”.

Questa era una selezione di passaggi del libro danese. Puoi anche ottenerlo in inglese e tedesco (qui). Spero che questo possa darvi un assaggio per approfondire lo studio. Le frasi usate qui sono disponibili come file pdf, qui. Il libro per George G.Ritchie ed Elizabeth Sherill, disponibile in inglese, qui (epub), conversione in formato pdf, qui.

Sven-Inge Johansen

Fonte: nyhetsspeilet.no

Abbiamo  bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per  finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.  

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code