toba60

Perche gli Americani hanno Cancellato la Storia dell’Umanitá ?

Nel momento in cui scrivo si stanno sviluppando una moltitudine di eventi che monopolizzano l’attenzione del grande pubblico, ma dietro le quinte si evolvono situazioni che in altri contesti mai si sarebbero verificati.

L’azione distruttiva del tessuto sociale di interi continenti, non passa solo attraverso uno smembramento culturale, politico o ideologico ma deve affondare la lama in quelle che sono le sue radici storiche e per fare questo l’ingegno delle oligarchie mondiali ha letteralmente fatto il patto con il diavolo unificando le sue forze con strutture terroristiche molto ben consolidate all’interno del mondo arabo.

La religione poi ha fatto il resto, ma questa e’ una storia che si ripete da sempre nei secoli dei secoli ……….Amen.

Toba60

Perché gli americani e lo Smithsonian hanno cancellato la storia dell’umanità?

Perché l’Isis sta facendo a pezzi le più grandi opere d’arte della storia antica in Siria e Iraq?

Smithsonian National Museum of Natural History’s

L’archeologa Joanne Farchakh spiega a Robert Fisk che Iside vende statue e murales richiesti dai commercianti internazionali. Prende i soldi, consegna le antichità e fa saltare in aria i templi e gli edifici per nascondere le prove del saccheggio.

“Le antichità di Palmyra sono già in vendita a Londra”, ha detto l’archeologo franco-libanese. “Ci sono oggetti dalla Siria e dall’Iraq che Isis ha rubato e sono già in Europa. Non sono più in Turchia, dove sono arrivati ​​per la prima volta, se ne sono andati da molto tempo. Questo disastro nasconde le entrate di Iside che vende queste cose PRIMA della distruzione dei templi in cui si trovavano. C’è qualcosa di inestimabile nel vendere e poi distruggere l’area e la distruzione mira a nascondere il livello di furto. Distruggono le prove. Quindi nessuno sa cosa hanno ottenuto e cosa è stato distrutto “.

Farchakh ha lavorato per anni nelle antiche città del Medio Oriente, esaminando i siti archeologici saccheggiati a Samara, in Iraq – dove la “civiltà” presumibilmente ebbe inizio – dopo l’invasione guidata dagli USA nel 2003. Ha documentato la devastazione dei mercati all’aperto. e le moschee di Hlapi e Homs in Siria dal 2011. In effetti, studiare le antichità perdute del mondo a volte equivale a una passione per questa donna, che descrive il suo lavoro come uno “studio sulla distruzione di antichità in guerra” . Negli ultimi 14 anni, ha visto molte profanazioni archeologiche alimentare la sua passione per una carriera così triste. A livello politico, Farchakh individua qualcosa di particolarmente intelligente nella politica dell’Isis.

“Ha imparato dai suoi errori. Quando ha iniziato i disastri archeologici in Iraq e Siria, ha iniziato con martelli, grandi macchine, distruggendo tutto rapidamente mentre stava filmando. Tutte le persone che ha usato per questo erano vestite come se fossero ai tempi del Profeta. Ha fatto saltare in aria Nimrud in un giorno. Ma questo ha prodotto solo 20 secondi di video. Non so quanto questo piccolo pezzo di film possa attirare l’attenzione della gente. Ma ora non pretendono nemmeno di distruggere un luogo. Lo dicono i gruppi per i diritti umani e le Nazioni Unite. Prima di tutto, le persone riferiscono di aver sentito “esplosioni”. Il pianeta ha quindi il materiale che circola secondo il proprio programma “.

Per questo motivo, afferma Farchakh, Isis non ha distrutto tutta Palmyra in un video. “È iniziato con le esecuzioni (di soldati siriani) nel teatro romano. Ha poi presentato gli esplosivi come attaccati alle colonne romane. Ha poi decapitato il direttore in pensione delle antichità, al-Assad. E poi fece saltare in aria il tempio di Baal. “E poi tutti gridarono: ‘Oh, no – qual è il prossimo? Sarà il tempio di Bell! ‘. E così è successo. Ha fatto saltare in aria il Tempio della Campana. Allora qual è di nuovo il passo successivo? Ci saranno altri disastri a Palmyra. Lo pianificheranno diversamente. Poi passeranno al grande teatro romano, poi al mercato dell’Agorà (il famoso cortile circondato da pilastri): hanno un’intera città da distruggere. E hanno deciso di farlo in pace “.

Più a lungo dura il disastro, più alti sono i prezzi nei mercati internazionali di antiquariato. Iside è nel business delle antichità e gestisce il mondo nei drammi del disastro. “Non esistono storie mediatiche senza un ‘evento’. In primo luogo, Daesh ha dato il sangue ai media. Poi i media hanno deciso di non mostrare più sangue. Ecco perché hanno dato loro le antichità. “Quando ciò non accade, le donne daranno loro e poi i bambini”.

Iside, a quanto pare, usa l’archeologia e la storia. In qualsiasi crisi politica, un gruppo o un dittatore può consolidare il proprio potere sui fatti storici. Shahis ha usato le rovine di Persepoli per falsificare la sua storia familiare. Saddam Hussein pose le sue fondamenta nei mattoni di Babilonia.

“Isis ha deciso di cambiare la situazione. Invece di consolidare il suo potere sugli oggetti archeologici, lo consolida nella distruzione delle antichità, invertendo il metodo usuale. Non ci sarà nessun “prima” nella storia. Quindi, non ci sarà alcun “dopo“. Dicono: “Ci siamo solo noi”. Gli abitanti di Palmyra possono confrontare il “prima” e il “dopo” adesso, ma tra 10 anni non saranno in grado di farlo. Perché allora nessuno rimarrà da ricordare.

Non ci sarà memoria “

Per quanto riguarda gli dei romani, Baal non è stato adorato nel suo tempio per 2000 anni. Ma aveva un valore. Farchakh dice: “Ogni antichità di Palmyra che Iside vende è inestimabile. Riceve miliardi di dollari. Il mercato c’è: prenderà ciò che viene offerto e pagherà quello che è per questo. “Daesh vince in ogni passo che fa, in ogni disastro”.

Distruggere la storia

Lo Stato Islamico ha lanciato una campagna mirata per distruggere le antichità in Iraq e Siria demolendo, dissacrando e saccheggiando i principali siti archeologici. Foto e video di jihadisti che distruggono statue e altri oggetti archeologici con mazze e seghe elettriche nei musei e demoliscono antiche città assire sono scioccanti. È una guerra contro la storia e la cultura. È una guerra di immagini e impressioni. Ed è scatenato su una scala tale e con una tale intensità da essere considerato senza precedenti nella storia moderna.

La domenica di Pasqua, combattenti dello Stato Islamico hanno fatto saltare in aria la chiesa della Vergine Maria nel villaggio assiro di Tel Nasri devastato dalla guerra, piantando esplosivi all’interno. È stato solo uno delle centinaia di attacchi a santuari cristiani, sciiti e sufi, nonché a siti archeologici. “I jihadisti stanno usando le ultime tecnologie per mostrare a tutti il ​​loro disprezzo per l’Occidente, per mostrare le barbare uccisioni non solo di cristiani e yezidi, ma anche di altri musulmani che non appartengono alla loro specie. A loro non importa che reagiamo alla distruzione che provocano, anzi sono glorificati per il disagio che ci causano “. ha detto McGuire Gibson, professore di archeologia mesopotamica presso l’Università di Chicago negli Stati Uniti.

L’archeologa irachena Lamia al-Gilani ha detto: “Lo Stato Islamico proibisce il culto degli idoli, quindi tutte le statue, le immagini, tutti i tipi di arte sono considerati pagani e devono essere distrutti. “Distruggendo le antichità nel museo di Mosul e nelle antiche città di Ninive, Nimrud e Hatra, stanno dimostrando ai loro sostenitori di essere veri musulmani”. Molti antichi manufatti provenienti da Iran e Siria sono venduti sul mercato nero, finanziato dallo Stato Islamico.

“Sebbene i jihadisti dell’ISIS non vendano antichità sul mercato nero, stanno sfruttando una complessa rete criminale che promuove oggetti nei ricchi paesi occidentali. Lo Stato Islamico riscuote le tasse sulle antichità dai contrabbandieri che spediscono articoli ai mercati internazionali fuori dalla Siria e dall’Iraq. Si tratta di reti di lunga data che includono persone che fanno gli scavi, intermediari che li consegnano a commercianti in Libano, Golfo Persico, Europa, Stati Uniti e altrove e destinatari finali, acquirenti insaziabili che non sono interessati all’evento. che interi siti archeologici vengono distrutti, purché abbiano qualcosa di vecchio e di valore da mettere in casa, che alla fine lo vendono o lo donano a un museo per una grande esenzione fiscale o per ripulire la loro attività criminale, con una sala del museo che prende il loro nome “. Come ha spiegato il professor Gibson.

“Lo Stato Islamico si rivolge alle seguenti tre udienze

In primo luogo, cerca di radunare i suoi sostenitori in Medio Oriente e all’estero, mostrando loro che l’organizzazione rappresenta con successo le usanze iconoclastiche attribuite a certe tradizioni nel Profeta Muhammad. In secondo luogo, si rivolge al popolo dell’Iraq e della Siria. Saddam Hussein e Assad, nel tentativo di creare una sorta di identità nazionale che trascendesse religioni, sette e gruppi etnici, hanno sottolineato l’importanza delle culture pre-islamiche che un tempo fiorivano in entrambi i paesi. Lo Stato Islamico si oppone fermamente all’idea di stati-nazione mediorientali costruiti su tali tradizioni. Terzo, lo Stato Islamico cerca di danneggiare l’Occidente, che vede la Mesopotamia come una delle radici della sua cultura.

Finché lo Stato islamico controlla gran parte della Siria e dell’Iraq, poco può essere fatto per prevenire ulteriori danni. Una migliore sorveglianza del confine turco potrebbe portare a dei risultati. È inoltre imperativo raccogliere informazioni sul disastro che si sta verificando. E dobbiamo fare tutto il possibile per sostenere gli archeologi e gli storici iracheni e siriani. Il loro lavoro sarà molto importante quando lo Stato Islamico sarà scomparso. “Lo Stato Islamico rompe ostentatamente i tabù e sfida i valori occidentali, il che significa che le dichiarazioni ufficiali che condannano i loro atti barbari indurranno i sostenitori dell’organizzazione a intensificare le loro azioni distruttive”. Come affermato dal professore di assiriologia Eckart Fram

Esplosivi contro Buddha

Nel marzo 2001, i talebani hanno ordinato la distruzione di due colossali statue di Buddha nella valle di Bamiyan in Afghanistan. I Buddha in piedi furono scolpiti nella roccia su una scogliera nella zona di Hazarajat, a nord-ovest di Kabul, a un’altitudine di 2.500 metri. Realizzato nel VI secolo d.C. Le statue – caratteristiche dell’arte gandara – furono descritte come pagane e furono distrutte durante la notte dai talebani, che le fecero saltare in aria con esplosivi alla loro base.

Atti di vandalismo del passato

Nell’aprile 1926, il re saudita Ibn Saud distrusse i mausolei del cimitero di Al Baki a Medina, poco dopo aver conquistato la città. Nel cimitero, che risale al VII secolo d.C. Si stima che siano stati sepolti i parenti del profeta Muhammad. Nello stesso anno distrusse anche i memoriali ai santuari sacri della Mecca, dove furono sepolti la prima moglie di Maometto, Haditha, suo nonno e altri parenti, nonostante le reazioni della comunità islamica.

Per ordine degli archeologi

Nei mesi successivi all’invasione dell’Iraq guidata dagli Stati Uniti nel 2003, più di 15.000 reperti sono stati portati in volo dal Museo Nazionale Iracheno da saccheggiatori che sono riusciti a invaderlo, nonostante le misure presumibilmente prese per proteggerlo prima della guerra. Circa 5.000 antichità rubate, sparse in Giordania, Svizzera, Francia e Stati Uniti, sono state successivamente restituite al museo. Secondo le informazioni, molti degli oggetti erano “ordini” di archeologi. Il museo ha riaperto lo scorso febbraio.

C’erano le 20.000 tavolette cuneiformi che contenevano la vera storia dell’umanità, cioè COME e CHI ci hanno creato e, naturalmente, sono finite negli scantinati dello Smithsonian.. Non c’è più un modo per le persone di conoscere – con reperti archeologici – la loro vera origine e ora possono parlare loro di Dio e di tutte le simili sciocchezze grafiche. Dopotutto, non è difficile per la creatura più insignificante prendere in giro gli animali umani, nei climi alimentari. Guarda le foto per vedere come gli DEI che hanno creato l’animale umano, se ne nutrono e lo apprezzano tanto quanto lo apprezzano, le mucche che lo nutrono. Dalle tavolette a cuneo tradotte esistenti, Zecharia Sitchin ha studiato [fig. down] e ha scritto i suoi libri, il resto e, cosa più importante, si sono premurati di eliminare. Cercali e studia i suoi libri, finché esistono, se vuoi smetterla, anche un po ‘, di appartenere alla razza animale.

Ovviamente, gli alleati occidentali della NATO non entreranno con le loro bombe e livelleranno l’ISIS come hanno fatto con la Jugoslavia, perché mantenerlo sembra guadagnare di più. Dopotutto, gli alleati occidentali della NATO lo mantengono abbondantemente poiché serve i loro piani a lungo termine. Questo è stato discusso in un altro articolo.

Capisci, lettore sospettoso, il lato metafisico della questione, dietro l’oltraggioso ISIS … leggi cap. Ph. Lovecraft per imparare…

SE PUOI RESISTERE, perché come sai LA CONOSCENZA è per pochi forti, così come qualsiasi argomento, evento, o situazione utile.

Modifica Irini krino

independent.co.uk

Puoi risparmiare 1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code