toba60

Perché le Élite sono così Felici dell’Impennata dei Prezzi del Gas?

Il Covid e la guerra sono eventi che per le Élite rappresentano un autentico Santo Graal fondamentale per consolidare tutto il loro potere sui popoli…..

………che in massa tacciono e osservano in silenzio il loro inevitabile destino che li porta alla schiavitù.

Toba60

Perché le Élite sono così Felici

Le celebrità dei media e i compari della Casa Bianca stanno diffondendo una narrazione nei circoli di sinistra/socialisti: Pagare prezzi elevati per il petrolio e il gas è in realtà una buona cosa.

Ma perché è una buona cosa per queste persone? Come li avvantaggia?

Spoiler alert: questo non ha nulla a che fare con la punizione economica della Russia.

Mentre scrivo questo articolo, i prezzi del greggio si sono stabilizzati un po’ intorno ai 110-115 dollari al barile, che si traduce in poco più di 4 dollari al gallone per la benzina nella maggior parte del paese. Non mi aspetto che questo duri molto a lungo. Penso che la benzina normale finirà tra i 7 e gli 8 dollari al gallone prima che il petrolio di scisto americano ritorni e riequilibri il mercato. Mi rendo conto che questa è una stima conservativa e forse la migliore delle ipotesi. Il prezzo della benzina potrebbe essere molto più alto a seconda della speculazione sui mercati del petrolio e della continua ingerenza dell’amministrazione Biden.

Il grande segreto è che i prezzi del gas stavano già per raggiungere altezze epiche. L’evento in Ucraina non è un catalizzatore, aggiunge solo un po’ di olio al fuoco. Il fatto è che ci sono persone che vogliono disperatamente che i prezzi vadano molto più in alto, qualunque cosa accada in Ucraina.

La settimana scorsa, il “comico” di tarda notte e rappresentante dell’establishment Stephen Colbert ha detto che era disposto a pagare fino a 15 dollari al gallone per la benzina perché possiede una Tesla (questo è lo stesso tipo che ha ballato intorno a siringhe che camminano/parlano per promuovere vaccini sperimentali contro i covidi per il gigante farmaceutico Pfizer). Per capire i pagliacci elitari come Colbert, bisogna rendersi conto che lui è un’iterazione piuttosto nuova del vecchio modello di propaganda dell’Operazione Mockingbird.

Mettiamo da parte la possibilità che Colbert sia un completo idiota che non sembra capire che l’elettricità che carica la sua Tesla è molto probabilmente generata in parte o in tutto da gas naturale, petrolio o carbone. Il costo della ricarica della sua auto aumenterà insieme ai normali prezzi dell’energia. Considerate invece la possibilità che Colbert stia semplicemente rigurgitando una narrazione a lui attribuita, come ha fatto in passato.

Decenni fa, gli americani venivano nutriti con bugie e disinformazione principalmente dai media mainstream controllati dalle corporazioni, perché ci interessava quello che il MSM aveva da dire. Oggi, quasi nessuno si preoccupa del MSM e i loro miseri ascolti lo dimostrano. Ci sono canali di media alternativi su YouTube e siti di notizie alternative che schiacciano i numeri di CNN e MSNBC. Noi li dominiamo. Detto questo, ci sono ancora dei media di sinistra che hanno un traffico elevato, e si tratta soprattutto di spettacoli comici.

Colbert ha ancora un’alta audience di circa 1 milione o più di spettatori per video, perché è così che i giovani hanno imparato a digerire i contenuti delle notizie – attraverso una commedia mediocre. Questo modello ha avuto abbastanza successo ai tempi di Comedy Central e del Daily Show con John Stewart. Devo dire che Stewart è stato perlomeno corretto, in quanto ha criticato la sua stessa parte quasi altrettanto spesso quanto ha criticato la destra politica. Ma questo tipo di auto-esame non esiste più a sinistra.

Colbert, in particolare, deve essere stato invitato a una festa gay al Bohemian Grove o a qualche altro campo di fuga elitario, perché ora si comporta come se il braccio di Biden fosse a metà del suo sedere, controllandolo come un burattino. Il suo show riceve certamente entrate pubblicitarie dalla Pfizer, dato che la sua società madre, la CBS, ha ampi accordi di marketing con loro, ma la sua relazione con la Casa Bianca è un po’ meno chiara. Quello che sappiamo è che Biden ha lavorato per rafforzare le sue già comode relazioni con le società di social media e i giornalisti tradizionali, quindi perché non i conduttori di talk show notturni?

Ci sono più di alcune teste parlanti che promuovono l’idea che “il gas caro è buono”. C’è una schiera di politici e celebrità, tra cui il sempre odioso George Takei di Star Trek, che dice che pagare un prezzo più alto per la benzina vale la pena se significa fare del male a Putin. E poi c’è il segretario ai trasporti della Casa Bianca Pete Buttigieg, che sostiene che la soluzione agli alti prezzi del gas è, ancora una volta, che gli americani comincino a comprare auto elettriche e che il governo spenda miliardi di dollari dei contribuenti per sviluppare flotte di autobus elettrici.

“Oggi si tratta di come possiamo fornire aria più pulita, un clima migliore, trasporti accessibili e buoni posti di lavoro tutti allo stesso tempo…” ha detto Buttigieg. Naturalmente, niente di tutto questo è vero.

Biden e molti altri democratici hanno sproloquiato sugli alti prezzi del gas, come se il popolo americano confondesse una vittoria con una perdita. È interessante notare che solo pochi anni fa, nel 2019, i governatori democratici hanno chiesto la fine delle tasse federali sul gas per alleggerire i prezzi al consumo. Questo accadeva quando la benzina era solo intorno ai 3 dollari al gallone a livello nazionale.

Quindi cosa è cambiato?

Vale la pena notare che molte delle politiche presentate al pubblico americano come soluzioni alle sanzioni petrolifere russe e all’inflazione energetica sono identiche alle politiche che facevano parte del Green New Deal, un programma progettato per tagliare completamente gli Stati Uniti dal petrolio usando il controllo del carbonio e la tassazione. Non è conveniente che la crisi russo-ucraina abbia facilitato l’attuazione di tali politiche?

Ci sono, tuttavia, alcuni problemi.

In primo luogo, il petrolio russo rappresenta solo circa il 3-4% delle importazioni di greggio degli Stati Uniti. I media e la Casa Bianca hanno cercato di distorcere questa percentuale aggiungendo “prodotti raffinati” dalla Russia per far salire le cifre all’8%. Questa affermazione è falsa. Infatti, il greggio russo rappresenta solo una piccola frazione delle importazioni di petrolio straniero negli Stati Uniti.

Questo significa che la riduzione delle esportazioni di petrolio russo negli Stati Uniti non ha nulla a che fare con l’aumento dei prezzi. Le due cose non sono correlate in termini di domanda e offerta. Celebrità come Stephen Colbert e George Takei sembrano doppiamente stupide perché non solo le sanzioni non danneggiano i russi, ma non spiegano nemmeno perché i prezzi sono così alti in America.

Le iniziative di Biden sulle auto elettriche sono strane, in quanto l’inflazione sta già pesando sui portafogli delle persone, ma il governo sta suggerendo a questi stessi americani in difficoltà di acquistare veicoli da 50.000 a 100.000 dollari. Niente di tutto questo affronta le cause alla radice dell’inflazione che affrontiamo. Invece, Biden e la sinistra sembrano dire: “Non siamo interessati a risolvere il problema, dovrete adattarvi come vogliamo noi…”.

È chiaro che l’establishment non vuole che il pubblico metta in discussione i veri fattori scatenanti del disastro inflazionistico a cui stiamo assistendo. Questo è meglio illustrato da un articolo che ho trovato alla CBS che afferma che qualsiasi suggerimento che gli alti prezzi del petrolio siano in qualche modo legati al programma di auto elettriche di Biden è una “teoria della cospirazione” legata a QAnon.

Questo è bizzarro. Da un lato, non ci sono davvero molte persone che suggeriscono che gli alti prezzi del petrolio sono solo per costringere la gente a comprare auto elettriche (e la CBS non fornisce alcuna prova per questa narrazione). Detto questo, io vivo nel mondo della realtà cospirativa, non della “teoria” cospirativa. Quello che vedo regolarmente sono le persone che sottolineano che l’inflazione della benzina e l’inflazione generale è iniziata molto prima che la Russia invadesse l’Ucraina; è solo che ora Biden ha un capro espiatorio da incolpare per i prezzi alti mentre istituisce le azioni del Green New Deal.

Joe Biden e la sua spudorata addetta stampa, Jen Psaki, hanno sempre sostenuto che Putin è la causa principale delle pressioni inflazionistiche, ma l’inflazione negli Stati Uniti ha raggiunto un massimo di 40 anni già nel dicembre dello scorso anno; persino il World Economic Forum lo ammette.

La CBS e gli altri media corporativi sembrano essere consapevoli della verità e delle denunce che stanno per diffondersi in tutto il paese, e stanno cercando di anticipare i problemi chiamando chiunque metta in dubbio la narrazione un “pazzo d’alluminio”.

Ecco i fatti:

Il dollaro americano non è solo la valuta di riserva del mondo, è anche la petro-valuta del mondo. Questo significa che quasi tutto il petrolio è stato comprato e venduto in dollari.

Quando il dollaro affronta un’inflazione aggressiva e una svalutazione, uno dei primissimi segnali o avvisaglie è l’aumento dei prezzi del petrolio. Quando il dollaro crolla, i prezzi del petrolio salgono alle stelle. Questo a volte può essere mitigato da un afflusso di offerta nel mercato, come abbiamo visto sotto Trump (gli Stati Uniti erano un esportatore netto di petrolio solo due anni fa), ma il risultato finale è che la svalutazione del dollaro alla fine vince e il petrolio sale. Questa bandiera rossa è un problema per l’establishment perché non vogliono che il pubblico si renda conto che la svalutazione del dollaro è il problema.

Se il pubblico sapesse questo, si renderebbe conto che le élite dell’establishment sono la causa.

A loro volta, le élite e l’amministrazione Biden stanno usando la guerra in Ucraina come distrazione per deviare la responsabilità. Le sanzioni petrolifere russe hanno poco o nessun impatto sulle forniture di petrolio degli Stati Uniti, ma la stampa massiccia di dollari da parte della Federal Reserve sì.

La banca centrale ha creato decine di trilioni di dollari dal nulla dopo la stretta creditizia del 2008 per evitare un crollo deflazionistico completo dell’economia statunitense. Ma era sempre un palliativo e la Fed e l’establishment sapevano che l’inflazione risultante avrebbe colpito alla fine, era solo una questione di tempo.

Solo nel 2020, la Fed ha creato 6 trilioni di dollari di nuova offerta di denaro come risultato di stupide e inutili chiusure di cooperative nazionali. Questo, combinato con la destabilizzazione dei mercati causata dalla risposta alla pandemia, sta portando a un’espansione delle pressioni inflazionistiche. QUESTO È UN FATTO. Non è COVID. Non è la Russia. La causa dell’inflazione è e sarà sempre la stampa di dollari da parte della Fed. PUNTO FINALE. Tutto il resto è periferico rispetto al colpevole principale.

Oltre al vantaggio di usare la Russia come paravento per nascondere la loro colpevolezza nell’inflazione distruttiva, l’establishment è anche molto interessato a un programma di controllo del carbonio. Queste stesse élite hanno chiesto per anni di aumentare i prezzi del gas. Perché? Perché l’aumento dei prezzi del gas costringerebbe il pubblico ad accettare il programma Green New Deal come unica alternativa. Il controllo del carbonio significa che i governi sarebbero in grado di microgestire ogni aspetto degli affari, della produzione, del commercio, persino come operiamo nelle nostre case o quanti figli ci è permesso avere.

Per coloro che credono davvero alle sciocchezze sul riscaldamento globale messe in giro dalla sinistra e dai ricercatori pagati dal governo, ricordo loro che persino il NOAA ammette che nell’ultimo secolo le temperature sono aumentate di un solo grado Celsius, cioè di un solo grado in più di cento anni. Accidenti, è terrificante. Dove devo firmare per rinunciare alla mia vita e alle mie libertà? Non voglio avere a che fare con altra abbronzatura.

Inoltre, non c’è uno straccio di prova scientifica che questo aumento di un grado sia stato causato dalle emissioni di carbonio. Niente di niente. Nada. Zero. Ci sono un sacco di esperimenti truccati e di dati truccati che sono stati esposti in passato, ma niente di concreto per mostrare una correlazione tra il carbonio e l’aumento delle temperature. (Vi darò un’idea di ciò che ha più influenza sulle temperature della Terra è grande come un milione di Terre, è in fiamme, e spesso si può vedere che si libra sopra di noi nel cielo).

Le politiche del carbonio non hanno uno scopo pratico, ma hanno uno scopo nefasto, dettare la vita della persona media a livello micro.

Forse non è una coincidenza che burattini come Stephen Colbert e altri uomini di sinistra abbiano suggerito che 15 dollari è un prezzo giusto per la benzina. Studi indipendenti di gruppi come l’Institute for Energy Research mostrano che le misure del Green New Deal, incluse le tasse sul carbonio, farebbero salire il prezzo della benzina a circa 13 dollari al gallone. Aggiungete a questo la speculazione di mercato e i prezzi probabilmente arriveranno a circa 15 dollari. Ma ehi, se i prezzi sono già ai massimi storici a causa dell’inflazione e della guerra, allora perché non accettare anche le restrizioni sul carbonio? Nessuno potrà permettersi di guidare da nessuna parte in ogni caso.

Vedete come funziona?

Per riassumere, le élite sono felici dell’aumento del prezzo del petrolio oggi perché, in primo luogo, hanno ora un perfetto capro espiatorio per i disastri che l’inflazione porterà; disastri di cui sono responsabili. In secondo luogo, hanno una via secondaria per introdurre il loro programma di riduzione del carbonio, iniziando a costringere il pubblico a dipendere da tecnologie verdi costose e meno efficienti e lavorando lentamente verso una restrizione totale del carbonio.

La sinistra media si rallegra dell’aumento del prezzo della benzina perché crede ignorantemente che le sanzioni sul petrolio russo stiano danneggiando Putin. Inoltre non credono nel riscaldamento globale e non si rendono conto di quanto il nostro standard di vita sarà ridotto in nome della dittatura del carbonio. In altre parole, questa non è una cospirazione per costringere la gente a comprare auto elettriche; la maggior parte delle persone non può permettersi una Tesla comunque. Ma è una cospirazione per minare la nostra prosperità e le nostre libertà attraverso una crisi inflazionistica e mandati di energia verde. Le sinistre non lo capiscono.

Sono felici perché sono stupidi.

Fonte: Zero Hedge

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code