toba60

Perché Matrix è Stato Progettato per Farti Scappare

Ti alzi la mattina e tutto ti appare un incubo, non puoi andare al bar, sederti liberamente con gli amici in un locale, condividere un pasto fuori porta, alloggiare in un hotel, andare al cinema, presso un ufficio pubblico, accedere ad una pasticceria, mangiare una pizza……….

………..se vedi perfettamente tutto ciò, vuol dire che hai fatto tua la pillola Rossa, gli altri sono morti che camminano i quali invocano quella blu, colore in sintonia del vuoto interiore che scorre nelle loro vene in balia di un siero che sta facendo il suo corso.

Toba60

Matrix è Stato Progettato per Farti Scappare

È stato il ricercatore marginale Jordan Maxwell a dire: “Niente in questo mondo è come pensi che sia… niente!”.

Un’idea che ha sempre risuonato con me, per la maggior parte della mia vita adulta ho messo in discussione il livello superficiale della realtà e, inoltre, le macchinazioni che sembrano incorporate nella sua struttura.

Da quando il film originale Matrix ha frantumato la nozione di realtà come pensavamo che fosse, per molti l’idea che potremmo vivere in un posto simile – forse una realtà progettata attraverso una simulazione, decine di persone ora mettono in discussione la linea di base di ciò che crediamo essere reale.

Supponendo che la nostra realtà e tutto ciò che la sostiene sia progettato in modo intelligente da ciò che molti chiamano Dio o Universo o Sorgente qualunque sia questo livello onnipotente di coscienza, si suppone che ci debba essere uno scopo e un intento.

Ma qual è l’intento? Inoltre, chi è stato incaricato di progettarlo, nel bene e nel male?

Quando si guarda al “peggio” della realtà, perché mai Dio dovrebbe costruire “il male” in questo disegno intelligente?

Alcuni sostengono che a questo livello di realtà una distinzione tra una data cosa e il suo opposto polare è assolutamente necessaria per capire le caratteristiche di ciascuna.

L’alchimia è una forma di distillazione della realtà che comprende il potere inerente all’unificazione degli opposti l’obiettivo di fondere due parti opposte della realtà per creare una terza realtà che è composta da entrambe ma gli elementi rimangono distinti per conto loro.

Eppure, proprio ora, al livello di realtà che la maggior parte degli umani riconosce, le ramificazioni degli opposti distinti non potrebbero essere più evidenti.

La parte che appare come cattiva, malvagia, negativa ecc. sembra cercare di fare del suo meglio per cooptare e dirottare il suo nemico (quello del bene).

Ergo, non c’è nessuna mescolanza da fare.

Coloro che sono stati la chiave per osservare l’apparentemente inesorabile malevolenza dell’attività su questo pianeta per millenni sentono che c’è una certa influenza che è stata paragonata a esseri demoniaci o arconti. Un’antica e ancora avanzata forma di controllo che sente che il pianeta appartiene a loro e così le persone che vagano sulla sua superficie.

Inclusa nella loro diabolica agenda c’è quella di obliterare un gran numero di specie umane e soggiogare il resto per i loro scopi egoistici.

La sola idea di un tale piano è assurda per molti individui ignari, ignari del grande deposito di storia documentata che mostra ampie prove che tale agenda è interamente reale.

Ma è qui che la tana del coniglio diventa infinitamente profonda: Questo pianeta che è stato paragonato ad una prigione (in anni più recenti) potrebbe avere una botola che è disponibile per tutti coloro che possono trovarla e trovare il coraggio di attraversarla?

C’è una lezione che tutti noi possiamo imparare sul perché esiste una tale prigione?

In un mondo bloccato da regole, norme e programmi che secondo alcuni devono andare secondo i piani, si potrebbe pensare che non ci sia via d’uscita da quello che è stato soprannominato “Il pianeta prigione”.

Matrix era un film che rappresentava uno scenario spaventoso delle masse robotiche e dei loro “gestori” (gli agenti – alias arconti) determinati a tenere d’occhio e a impedire alle persone una vita di libertà. Il personaggio rappresentato come “Neo”, una volta presa la pillola rossa, scoprì quanto è profonda la tana del coniglio, ma scoprì anche un santuario interiore; un potere risvegliato dalla dormienza, che a un certo livello tutti noi possediamo.

Questo film iniziale di Matrix è arrivato a molti come una chiamata di chiarezza una spinta a svegliarsi dal coma della compiacenza e a riconoscere come funziona veramente la realtà, al fine di raccogliere la forza per sfidare le sue apparenze e trasmutare il buio in luce… proprio come gli alchimisti.

Ma per fare questo, il risveglio alla verità, sebbene sia un grande passo nella giusta direzione, è solo il primo passo.

Una volta che coloro che stabiliscono l’ordine del giorno per mantenervi in uno stato perpetuo di acquiescenza, al fine di mantenere il controllo completo su di voi, si rendono conto che anche voi avete ingoiato quella pillola rossa, vedono come loro compito quello di aumentare la pressione… su di voi!

Che cosa allora?

Un altro film che ritrae questa apparente spinta/trazione della realtà sotto l’apparenza di una struttura predeterminata simile a Matrix, ma con un potente colpo di scena, è The Adjustment Bureau.

Ecco la trama…

Siamo noi a controllare il nostro destino o sono forze invisibili a manipolarci? Un uomo intravede il futuro che il destino ha pianificato per lui e si rende conto che vuole qualcos’altro. Per ottenerlo, deve inseguire attraverso, sotto e per le strade della moderna New York l’unica donna che abbia mai amato.

Sul punto di vincere un seggio al Senato degli Stati Uniti, l’ambizioso politico David Norris (Matt Damon) incontra la bellissima ballerina di danza contemporanea Elise Sellas (Emily Blunt), una donna che non ha mai conosciuto. Ma proprio quando si rende conto che si sta innamorando di lei, uomini misteriosi cospirano per tenere i due separati. David scopre di avere a che fare con gli agenti del destino stesso, gli uomini di The Adjustment Bureau, che faranno tutto ciò che è in loro potere per impedire a David ed Elise di stare insieme. Di fronte alle probabilità schiaccianti, deve lasciarla andare e accettare un percorso predeterminato… o rischiare tutto per sfidare il destino e stare con lei. (Fonte: IMDB)

Anche se sotto la copertura della fantascienza, The Adjustment Bureau è un altro film con un messaggio preveggente per tutti noi forse perfettamente realizzato per questi tempi!

Ma quale prezioso messaggio si può ricavare?

Il paradosso della realtà e i nostri tempi attuali

L’estrema follia che è il nostro mondo dal 2020 non mostra segni di cedimento. Questo è un quadro che ad alcuni sembra essere artificioso, pre-pianificato e intento a raggiungere un risultato molto specifico, e che certamente non è di buon auspicio per la specie umana. Alias, “agenda del male”, “controllo della popolazione”, “schiavitù globale”… sono stati assegnati numerosi nomi a questo apparente programma meticolosamente calcolato, se un tale piano esiste davvero.

Un individuo potrebbe osservare questa “follia” e concludere che siamo condannati; questo è il male nella sua essenza e niente di più.

Un altro potrebbe osservare che l’agenda è una lezione ben pianificata progettata per svegliare l’umanità e vedere una realtà che solo “sembra” essere cattiva, e quindi deve essere intesa solo come una cartina di tornasole per tutta la specie, che alla fine è per il nostro più alto bene.

Un terzo individuo può intrattenere entrambe le angolazioni, riconoscendo che entrambe sono ugualmente vere e quindi scegliere di utilizzare l’opportunità di fondere gli opposti insieme e trasformare la follia in magia (L’Alchimista).

Fu il romanziere e filosofo americano F. Scott Fitzgerald che disse,

“La prova di un’intelligenza di prim’ordine è la capacità di tenere in mente due idee opposte allo stesso tempo e conservare la capacità di funzionare”. dal saggio di F. Scott Fitzgerald The Crack Up

Quando capite che questo livello di realtà presenta un paradosso (o puzzle), e lo trattate come tale, potete effettivamente combinare due opposti che sembrano opposti per creare una nuova realtà, e una che preferite molto.

Ma ecco il colpo di scena. È stata una narrazione inclusa nella scena finale di Adjustment Bureau (SPOILER ALERT AHEAD) che forse dice tutto sulla vera natura di questa Matrice…

“La maggior parte delle persone vive la vita sul percorso che noi [gli agenti] abbiamo stabilito per loro, troppo spaventati per esplorarne altri. Ma una volta ogni tanto arrivano persone come te [personaggio: David Norris] che abbattono tutti gli ostacoli che mettiamo sulla tua strada. Persone che si rendono conto che il libero arbitrio è un dono che non saprai mai come usare finché non combatterai per esso. Penso che questo sia il vero piano del presidente [capo dell’Ufficio di Aggiustamento]. Che forse un giorno non saremo noi a scrivere il piano, ma voi”.

Immaginate che tutto quello che sta succedendo in questo momento possa essere solo il modo dell’Universo (per quanto duro possa essere) di mostrarci come usare il nostro libero arbitrio datoci da Dio attraverso l’inimmaginabile Matrix della crisi, della sfida e di un piano che sembra avere solo intenti malvagi? Immaginate se il piano includesse anche un cast di personaggi che sembrano progettare l’agenda malvagia con un’aspettativa di controllo completo e la perdita della libertà e del libero arbitrio? E immaginate, come quel copione cambierebbe in un attimo (al suo contrario) se noi individualmente e collettivamente abbattessimo tutti gli ostacoli che ci mettono sulla strada?

Potrebbe essere questo il vero piano? Potrebbe essere che questa Matrix sia stata effettivamente progettata per fuggire?

Qualunque sia il piano generale, penso che sia doveroso per tutti noi almeno considerare la possibilità. Meglio ancora, esplorarla con azione e intenzione. E allora non solo sapremo cosa significa veramente il libero arbitrio, ma sperimenteremo una volta per tutte che Matrix non è altro che un costrutto relativo della realtà, progettato per essere relegato negli annali dell’illusione e l’unica cosa che è reale è la vostra coscienza di scegliere di creare la vostra realtà come meglio credete.

Alexis Brooks

Fonte: higherjourneys.com

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE



Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code