toba60

Più Invecchi e Meglio puoi Correre sulle Lunghe Distanze

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Sapete una cosa? Quando ero giovane e pieno di energia ambivo ad essere sempre più’ veloce come è normale che sia quando sei in competizione con il mondo, un giorno ad un campionato regionale di corsa in montagna, in prossimità’ della partenza mi si affiancò un vecchietto, magro, pochi capelli, ed un sorriso stampato sulla bocca. il quale mi dette un Buffetto sulla guancia e con tono convenevole mi disse: come vorrei avere la tua età e le tue Gambe…

Dino Tadello oggi, un grande campione nello sport e nella vita.

……una volta giunto al traguardo dopo che subii nei suoi confronti un distacco di 4’18” mi avvicinai a lui mi congratulai per la prestazione e gli risposi: arriverà´ il giorno in cui avrò la tua età e le tue gambe!

Toba60

P.S. (Il vecchietto aveva 52 anni ed io 23, la gara si svolse a Tambre [Bl] Campionato Regionale di Corsa in Montagna, con vincitore Dino Tadello in seguito campione Mondiale del 1988 a Keswick, in Inghilterra)

Più Invecchi e Meglio puoi Correre

Secondo la ricerca e gli esperti, probabilmente è meglio correre a 35 anni che a 25. L’etiope Worknesh Degefa ha vinto la maratona di Boston 2019 a 28 anni, ma Degefa è abbastanza giovane rispetto agli altri corridori d’élite: il keniano Lawrence Cherono (30) ha vinto lo sprint finale contro Lelisa Desisa (29). Desiree Linden, che ha vinto la gara femminile a Boston l’anno scorso ed è arrivata quinta quest’anno, ha 35 anni.

Worknesh Degefa

Il vincitore di Boston dell’anno scorso, Yuki Kawauchi, aveva 31 anni. Edna Kiplagat, che è arrivata seconda nella categoria femminile alla maratona di Boston di quest’anno, ha 39 anni.

Naturalmente, questo modello non è unico alla maratona di Boston, dove Shalane Flanagan, 36 anni, ha vinto la maratona di New York nel 2017. L’anno successivo vinse la 36enne Mary Keitany. Un esempio più memorabile è Haile Gebrselassie, che ha battuto il record mondiale due volte, all’età di 34 e 35 anni. Ed Eliud Kipchoge, il più grande atleta che ha battuto il record del mondo alla maratona di Berlino nel 2018, aveva 33 anni.

Troverete atleti di mezza età in altri sport (il quarterback dei Patriots Tom Brady ha 41 anni, Tiger Woods ha vinto il suo quinto titolo a 43 anni), e la corsa è probabilmente l’unica che non si ferma con l’età – si sta effettivamente crescendo. Meglio ancora, l’effetto non si applica solo ai corridori d’élite. Funziona anche tra i corridori cittadini.

Il vantaggio dell’età per i maratoneti

La logica generale è che i corridori di solito si rivolgono alle maratone dopo la laurea. “Molti corridori universitari competono nei 10.000m, 5.000m o nella steeplechase e poi passano alla maratona dopo la laurea. Timothy Quinn, professore associato di performance atletica presso l’Università del New Hampshire, dice che ha studiato l’efficienza di corsa di molti atleti più anziani.

“Invecchiando, si perde il muscolo ad azione rapida e si guadagnano fibre muscolari ad azione lenta. Greg Grosicki, direttore del Laboratorio di Fisiologia dell’Esercizio alla Georgia Southern University, ha detto. I cambiamenti fisiologici che gli atleti di resistenza subiscono con l’età rendono le mezze maratone, le maratone e le ultramaratone ideali per i corridori trentenni.

Secondo la rivista Sports Medicine, gli ultramaratoneti raggiungono il picco più tardi rispetto ai maratoneti. Normalmente non si vedono 35enni vincere i 400m, ma i muscoli sono più adatti alla maratona di Boston a 35 anni che a 25″, dice Greg Grosicki. Senza contare che hai aggiunto cinque minuti alla tua qualifica.

“L’assunzione massima di ossigeno diminuisce con l’età, ma si ottengono anche altri vantaggi”, ha detto Greg Grosicki. Finché continui ad allenarti, il ventricolo sinistro sarà in grado di pompare più sangue nei tuoi muscoli”, dice Greg Grosicki.

È importante essere coerenti nell’allenamento. In Germania sono stati contati oltre 900.000 tempi di maratona e mezza maratona e lo studio ha dimostrato che molti atleti che si allenavano con costanza non perdevano prestazioni fino all’età di 55 anni. I ricercatori hanno concluso che parte del declino delle prestazioni in età avanzata è dovuto ai cambiamenti dello stile di vita piuttosto che all’invecchiamento fisiologico.

Correre le maratone finché il ginocchio non si rompe

L’articolazione del ginocchio non si romperà con l’età? Questa è una vera esagerazione”, dice Timothy Quinn, professore associato di Kinesiologia, “L’esercizio fisico aiuta a mantenere caviglie, ginocchia e fianchi in buona forma. Una volta che ci si muove, i danni alle articolazioni non sono un problema.

La corsa causa problemi cronici alle articolazioni come l’artrite? In realtà, la ricerca non lo sostiene. In uno studio dell’anno scorso nel Journal of Bone and Joint Surgery, si è scoperto che gli atleti esperti avevano la metà delle probabilità di sviluppare l’artrite rispetto ai non atleti. Inoltre, l’esercizio regolare è efficace nel ridurre l’infiammazione che causa dolore e rigidità e previene i danni alla cartilagine causati dall’artrite.

Alcune persone sperimentano dolori articolari come risultato di un allenamento ridotto e dell’aumento di peso, ma non è dovuto all’età in sé”, dice Timothy Quinn. Le lesioni da corsa legate all’età si verificano perché le persone impiegano troppo tempo tra il riposo e il ritorno all’allenamento. Dovresti iniziare lentamente con l’esercizio e prenderti un po’ di tempo per tornare al tuo livello di allenamento. Continua ad allenarti e ad allenare la forza.

Più invecchi, più diventi intelligente

Gli sport di resistenza richiedono tempo ed esperienza per capire cosa funziona per il tuo corpo: cosa funziona per te, come mangiare per non ammalarti allo stomaco… e così via, dalla conoscenza cumulativa dell’allenamento. Questo significa che l’allenamento diventa più intelligente, non più difficile. I giovani atleti si ricordano solo di accumulare chilometri, ma gli atleti esperti sanno come bilanciare allenamento e recupero.

Sanno cosa fare per aiutare il loro corpo.

In definitiva, gli atleti possono combinare questi vantaggi con l’età: il ventricolo sinistro, il muscolo sistolico lento, l’accumulo di esperienza. Con l’avanzare dell’età, è probabile che le prestazioni siano migliori. In questo caso, il trionfo olimpico di Eliud Kipchoge nella maratona dovrebbe essere a portata di mano se vuole correre a Parigi 2024.

Fonte: runnersworld

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code