toba60

Pro-Vax Geert Vanden Bossche Massimo Esperto di Vaccini Implora una Moratoria Globale

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Il mondo in questo momento e’ diviso tra si Vax e no Vax, pare di essere allo stadio dove le squadre contendenti si apostrofano mille epiteti per rivendicare il diritto ad essere la squadra migliore, (E’ scontato che sia il Milan ma non ditelo agli Sfigati amici Interisti perché potrebbero avermene male)

Ma se uno dei più accreditati scienziati nel settore della ricerca medica che ha lavorato con le più’ importanti industrie farmaceutiche mondiali, decide di porsi dall’altra parte della barricata, forse un qualche legittimo sospetto che qualcosa sia poco chiaro, andrebbe approfondito….. prima che qualche piccolo danno lo possa fare.

A voi questa semplice e comprensibile a tutti analisi tecnica di come Geert Vanden Bossche vede la situazione mondiale in questo momento.

Toba60

Geert Vanden Bossche chiede una Moratoria Globale sui Vaccini

In un repost da Technocracy News, Geert Vanden Bossche, uno dei massimi esperti mondiali di vaccini, che è stato a favore dei vaccini durante tutta la sua carriera di scienziato, sta soffiando sui vaccini COVID-19.

Chiede una moratoria sulle iniezioni di massa fino a quando un dibattito scientifico aperto e trasparente può essere avuto con gli esperti di tutto il mondo. Egli avverte che un programma di vaccinazione di massa intempestivo sulla falsariga di quello che stiamo vedendo ora negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Israele rischia di ritorcersi contro e di causare un risultato catastrofico per il mondo. Eppure, il campanello d’allarme di questo scienziato pro-vaccino viene ignorato e censurato dai media globali.

Da Tecnocrazia Notizie e Tendenze

Geert Vanden Bossche, DMV, Ph.D., è un esperto di vaccini e virologo indipendente del Belgio. È uno dei più appassionati sostenitori dei vaccini nel mondo, avendo insegnato e lavorato ampiamente in virologia per tutta la sua vita sia nell’industria dello sviluppo dei vaccini che nel settore no-profit, anche con la Bill and Melinda Gates Foundation e GAVI, dove si è concentrato specificamente sui programmi di vaccini e sulle partnership di sviluppo di prodotti per interventi immunitari nella salute globale.

Bossche attualmente ha un avvertimento fondamentale per quanto riguarda la metodologia di blocco e, più importante, il lancio di massa del vaccino COVID-19. È profondamente preoccupato per l’interazione tra il nostro sistema immunitario naturale e il COVID-19, così come il modo in cui una pandemia si sviluppa e come il suo corso naturale può essere profondamente disturbato dall’intervento umano. Il suo obiettivo dichiarato è quello di prevenire l’emergere di nuove varianti di COVID-19 altamente infettive e, infine, di sradicare le varianti attualmente esistenti.

Geert Vanden Bossche PhD e il suo avvertimento al mondo contro la ‘fuga immunitaria’. Video Completo Digita Qui

Approfondimento sulle preoccupazioni di Bossche

La scienza dei vaccini è una sfida complessa, ma la ragione sottostante è relativamente semplice. In parole povere, un vaccino espone il corpo di un individuo ad agenti patogeni indeboliti o inattivati o a piccole parti di essi, permettendo al sistema immunitario di produrre cellule immunitarie, alcune delle quali producono proteine anticorpali in grado di riconoscere l’agente patogeno e combatterlo se attacca di nuovo.

Per quanto Bossche sia appassionato di vaccini, ritiene che il loro uso attuale nella pandemia COVID-19 presenti una significativa possibilità di peggiorare il virus invece di mitigarlo. Come ha recentemente spiegato al Vaccine Summit Ohio 2021 all’inizio di questo mese, nella stragrande maggioranza degli individui sani, il ceppo originale COVID-19 stava causando sintomi lievi o nulli. È ragionevole che prima di raccomandare uno qualsiasi dei vaccini COVID-19 a tutta la popolazione, dovrebbe essere chiaro che il vaccino abbasserà il tasso di morbilità e mortalità al di sotto di quello che ci si potrebbe plausibilmente aspettare lasciando che la pandemia faccia il suo corso naturale. Bossche lo afferma più semplicemente:

“Se si analizza la dinamica di una pandemia causata da un’infezione virale naturale e autolimitante (per esempio, la pandemia di influenza durante la prima guerra mondiale), diventa ovvio che il tributo di vite umane non è più alto di quello che è strettamente necessario al virus per perpetuarsi. Senza l’intervento umano, una pandemia alla fine si traduce in immunità di gregge”.

Questo scenario pone le premesse perché il virus si diffonda con sparute ricadute stagionali (come per il virus dell’influenza). Nessuna pandemia, comprese l’influenza spagnola e quella suina, è mai durata più di due anni. Una volta stabilita l’immunità di gregge, il ritorno del virus è controllato dai nostri sistemi immunitari naturali “grazie alla loro memoria dei precedenti incontri con il virus”.

Appello urgente all’OMS: è ora di cambiare marcia Video digita Qui

Di conseguenza, ha senso che per un vaccino che funzioni meglio della pandemia naturale, dovrebbe aumentare l’immunità di gregge. Ma invece, stiamo vedendo esattamente il contrario in questo momento con COVID-19. Secondo Bossche, “i vaccini non sono in grado di prevenire la diffusione virale da parte dei destinatari del vaccino esposti ai ceppi emergenti altamente infettivi del virus.

Questo sta impedendo il verificarsi dell’immunità di gregge”. Gli individui sani, compresi i bambini che sono stati tipicamente i meno propensi a contrarre il virus – sono ora sempre più esposti ai nuovi ceppi di virus in circolazione senza avere gli anticorpi adeguati per combatterli.

Secondo Bossche, i vaccini COVID-19 possono aumentare l’infezione del virus perché sono vaccini profilattici, che sono progettati per prevenire la diffusione o il verificarsi di una malattia o infezione costruendo l’immunità negli individui prima dell’esposizione a un virus o agente patogeno. Egli elabora:

“Essi (vaccini profilattici) non sono affatto adatti ad essere somministrati alle persone durante una pandemia perché la probabilità che chi riceve il vaccino venga già attaccato mentre non è ancora dotato di una risposta immunitaria completa aumenta con l’aumentare della pressione infettiva. Questo vale soprattutto in caso di varianti circolanti altamente infettive”.

Vaccino COVID-19 e risposta immunitaria

Bossche spiega che non appena un individuo riceve il suo primo vaccino COVID-19, il suo corpo inizierà a costruire una risposta immunitaria, impiegando settimane per svilupparsi completamente. Se sono esposti al virus durante questo periodo, la loro risposta immunitaria può essere troppo debole per combatterlo efficacemente. E anche se il primo fa può offrire protezione dallo sviluppo dei sintomi, il virus molto probabilmente avrà ancora la capacità di replicarsi e trasmettersi.

L’uso non studiato di terapie che non sono state completamente dimostrate per trattare o prevenire COVID-19 o la sua trasmissione ha il potenziale di portare a una pressione immunitaria indesiderata sul virus, che è una ricetta per il virus di sfuggire a una risposta del sistema immunitario (fuga immunitaria) e creare una variante più potente. Mentre questo è inquietante, Bossche nota ciò che stiamo osservando sempre più frequentemente è ancora più preoccupante:

“Anche coloro che si sono vaccinati completamente prima dell’esposizione al Covid-19 non controllano più la replicazione e la trasmissione del virus. Questo perché ora sono sempre più infettati da varianti più infettive, la cui proteina spike è diversa da quella contenuta nel vaccino.

Quindi, il virus elude sempre più la risposta anticorpale vaccinale”.

Leo hohmann

Fonte: leohohmann.com

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

Codice  IBAN  IT19B0306967684510332613282

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code