toba60

Prova Che La Chirurgia Del Cancro Aumenta La Mortalita’

Views: 239

E’ un articolo molto dettagliato con molti riferimenti a cui attingere, per approfondire ogni tematica riferita al caso, tra breve saranno inseriti articoli molto particolari, e non sempre mi e’ possibile inserire l’autore per motivi che potete capire.

Dire che non mi assumo la responsabilita’ sul contenuto e’ dire una stupidaggine, su certe cose non si scherza, e condivido con tutti i lettori di Toba60 ogni sforzo alla precisa volonta’ di fare chiarezza su questioni che trascendono la semplice stesura di un articolo.

Sto entrando in contatto con persone di tutto il mondo per quello che e’ un progetto unico nel suo genere, di cui ora non intendo parlare, a fatti gia’ avvenuti, spero, tutto questo possa essere condiviso con tutti voi, buona lettura e fate visita sempre per aggiornamenti reperiti da ogni angolo del mondo.

Toba60

Nella ricerca sul cancro è generalmente riconosciuto che la stragrande maggioranza dei pazienti o circa il 90% muore per metastasi o tumori secondari e solo una piccola minoranza per tumore primario. Pertanto, dovrebbe essere di grande preoccupazione per i terapeuti e per i pazienti che già più di 30 anni fa è stato dimostrato in modo definitivo che la chirurgia del cancro è la principale causa di metastasi ( Krokowski , vedi sotto). Tuttavia, questa ricerca è stata completamente ignorata dalla professione, era semplicemente orribile da contemplare e i pazienti non hanno mai saputo nulla (1).

Da allora sono stati pubblicati dati e recensioni sempre più inquietanti, l’ultimo è una recensione completa di un team internazionale di importanti ricercatori sul cancro con la conclusione ovvia dal titolo: Chirurgia innesca l’espansione della malattia latente a distanza nel carcinoma mammario: una verità scomoda ? (2).

A causa dello status indiscusso dei membri di questo team, le loro conclusioni non possono più essere ignorate dalla professione medica e causare molta costernazione, soprattutto perché la recensione è una pubblicazione ad accesso aperto. Mi aspetto che si stiano compiendo sforzi per impedire che queste informazioni diventino una conoscenza pubblica diffusa.

La revisione ha anche scoperto che le future metastasi di organi sono indipendenti dalle dimensioni del tumore primario e dalla sua apparente malignità o dal coinvolgimento di eventuali linfonodi. La metastasi sembra dipendere principalmente dal grado di stress per il tumore e il paziente, dalla stimolazione della crescita dovuta al meccanismo di guarigione delle ferite avviato dall’intervento chirurgico e dalla qualità del sistema immunitario.   

Inoltre, come mostrano i seguenti esempi, la chirurgia non è l’unica procedura medica che aumenta la metastasi. Negli ultimi anni c’è stato un flusso costante di ricerche che dimostrano che praticamente tutti gli interventi medici possono scatenare metastasi mentre un numero crescente di rimedi e metodi naturali tende a inibire la metastasi.

Recenti risultati della ricerca

Mentre la maggior parte della ricerca sul cancro è finanziata dalle case farmaceutiche con l’obiettivo di aumentare i loro profitti, ora ci sono anche un numero crescente di studi indipendenti che mostrano il lato negativo della terapia convenzionale del cancro. Ecco una piccola selezione di interessanti risultati della ricerca.

Conflitto di interessi nella ricerca sul cancro: questa analisi mostra perché è così difficile arrivare alla verità nella ricerca medica. Conflitti di interesse esistono in un numero considerevole di articoli di ricerca sul cancro pubblicati su riviste mediche e esiste un alto grado di connessioni finanziarie tra ricercatori e aziende farmaceutiche. Ciò produce risultati distorti con un esito più favorevole per i farmaci e le tecnologie studiate (3).

Gli esperti vogliono interrompere lo screening: Lo screening per il cancro al seno e alla prostata non ha portato a un declino delle morti per queste malattie. Invece i programmi di screening portano all’eccessiva rilevazione e al trattamento eccessivo del tumore (4).

La morfina stimola il cancro e accorcia la vita: La morfina è stata utilizzata nel trattamento del cancro per due secoli. Ora la ricerca mostra che stimola la crescita e la diffusione delle cellule tumorali e accorcia i tempi di sopravvivenza dei pazienti (5).

I raggi X diagnostici causano il cancro: È stato stimato che i raggi X diagnostici nel corso della vita causano fino al 3,2% di tumori aggiuntivi in ​​una popolazione. La Germania si colloca tra i paesi con i più alti tassi di cancro ai raggi X mentre con lo 0,6% il Regno Unito e la Polonia hanno il rischio di vita più basso, in Australia è dell’1,3% (6).

La radioterapia danneggia le ossa: Il mondo scientifico è stato scosso da un rapporto secondo cui una singola dose terapeutica di radiazioni può causare una perdita ossea apprezzabile. Anni dopo possono svilupparsi osteoporosi, necrosi ossea o carcinoma osseo (7).

Più pericolo di radiazioni: È noto che l’esposizione alle radiazioni ionizzanti provoca danni genetici che possono rendere le cellule cancerose. Ora un nuovo studio ha rivelato che le radiazioni possono alterare l’ambiente circostante le cellule in modo che le cellule future abbiano maggiori probabilità di diventare cancerose (8).

La chemioterapia promuove la metastasi: Taxol , un farmaco chemioterapico, fa sì che i micro-tentacoli delle cellule tumorali si allunghino e le cellule tumorali si ricollegino più velocemente. Se trattati con taxolo prima dell’intervento chirurgico per ridurre il tumore primario, i livelli di cellule tumorali circolanti aumentano da 1.000 a 10.000 volte, aumentando potenzialmente la metastasi (9).

Il tamoxifene aumenta i tumori aggressivi: L’ uso di tamoxifene nei pazienti con carcinoma mammario riduce il rischio di sviluppare un tipo più comune e meno pericoloso di secondo tumore al seno, ma ha un rischio più che quadruplicato di provocare un tumore più aggressivo e mortale (10).

Le biopsie causano metastasi: Le biopsie possono incoraggiare attivamente la diffusione delle metastasi. Le biopsie con ago hanno causato un aumento del 50% della diffusione metastatica nei linfonodi vicini dei tumori al seno rispetto alle lumpectomie (11).

Lo stress promuove il cancro: Gli ormoni dello stress proteggono le cellule tumorali dall’autodistruzione, promuovono la diffusione e la crescita dei tumori direttamente e indirettamente indebolendo il sistema immunitario e incoraggiando la crescita di nuovi vasi sanguigni. Stress del paziente   è stato associato con una più rapida progressione della malattia (12).

Lo stress uccide: Gli ormoni dello stress vengono rilasciati in grandi quantità con la paura e durante l’intervento chirurgico. Danneggiano notevolmente il sistema immunitario e promuovono la diffusione delle metastasi. Gli ormoni dello stress con bloccaggio B hanno aumentato del 200-300 percento i tassi di sopravvivenza post-operatoria a lungo termine nei modelli animali (13).

Metastasi del carcinoma mammario dopo terapia ormonale sostitutiva: In precedenza era stato dimostrato che la terapia ormonale sostitutiva aumenta il rischio di cancro al seno. Ora un nuovo studio ha scoperto che aumenta anche la possibilità che il cancro si metastatizzi o si diffonda ai linfonodi (14).

Forte calo dei tassi di cancro al seno: Negli ultimi anni i tassi di cancro al seno sono diminuiti drasticamente a causa di un forte calo nell’uso della terapia ormonale sostitutiva (15).

Ernst Krokowski

Ernst H. Krokowski , MD, Ph.D. (1926-1985) era un professore tedesco di radiologia. La sua ricerca ha fornito la prima prova convincente che la chirurgia del cancro innesca metastasi. Mentre molti dei suoi articoli su argomenti diversi sono ancora in pubblico, la sua ricerca sul rapporto tra chirurgia e metastasi è difficile da trovare, anche in tedesco. Il suo unico articolo su questo argomento in inglese non è elencato in PubMed e il giornale in cui è stato pubblicato non esiste più (16). A causa dell’ovvia importanza di questa ricerca, ho reso questo articolo disponibile sul mio sito Web (1). Anche una lezione correlata in tedesco può ancora essere scaricata (17).

La lettera del suo articolo recita: “Non si può più dubitare che in determinate condizioni le procedure diagnostiche o chirurgiche possano provocare metastasi. L’analisi dei tassi di crescita metastatica ha dimostrato che dal 30 percento ( nell’ipernofroma ) al 90 percento (nel sarcoma e nel seminoma ) delle metastasi diagnosticate sono state provocate da tali procedure. Ciò è stato stabilito da numerosi esperimenti su animali e osservazioni cliniche e richiede un cambiamento nel concetto attualmente in corso di terapia del cancro. I trattamenti precedentemente applicati e comprovati mediante chirurgia e radioterapia devono essere preceduti da una profilassi della metastasi. Sono proposti tre modi diversi per ottenere tale profilassi. ”

Con l’imaging radiologico ha misurato i tassi di crescita di 2.893 tumori metastatici in 568 pazienti con diversi tumori. Da questi ha tratto le seguenti conclusioni:  

1.      Le metastasi derivano solo da tumori primari o dalle loro recidive locali; si diffondono in una sola volta o solo in poche spinte.

2.      Le metastasi dei linfonodi si comportano biologicamente in modo diverso dalle metastasi degli organi [le metastasi dei linfonodi sono relativamente innocue, le metastasi degli organi sono molto pericolose].  

3.      Le oltre 3000 curve di crescita (compresi i dati sperimentali sugli animali) possono essere descritte da una formula di crescita. Le curve di crescita di un numero molto elevato di metastasi, dal 30 al 90 percento a seconda del tipo di tumore, possono essere fatte risalire al tempo del primo trattamento.

Ecco alcune osservazioni chiave dal suo articolo:

§   Le percentuali di successo gonfiate [della chirurgia del cancro] sono il risultato di una composizione selettiva dei gruppi di pazienti studiati o di statistiche adattate, cioè corrette, corrispondenti.

§   Le cure legate allo stesso stadio e alle dimensioni del tumore non sono migliorate negli ultimi 20-25 anni [i risultati più recenti indicano che il tasso di guarigione non è aumentato in modo significativo dagli anni ’70, il che significa che complessivamente non vi è stato alcun miglioramento significativo dagli anni ’50].

§   Le donne in postmenopausa non trattate con carcinoma mammario vivono più a lungo dei pazienti sottoposti a trattamento medico.

§   Le metastasi si verificano prima nei tumori a crescita rapida che nei tumori a crescita lenta. Ciò suggerisce che queste metastasi iniziano il loro sviluppo contemporaneamente al primo trattamento.

§   L’attuale chirurgia del cancro può essere considerata come un secondo fenomeno di Semmelweis ! (Il dottor Semmelweis ha fatto una campagna per i chirurghi per lavare e disinfettare   le loro mani per impedire loro di uccidere le donne durante il parto).  

§   La manipolazione di un tumore, come palpazione grave e pressione

[mammografia!]

, Biopsia o chirurgia, provoca un improvviso aumento delle cellule tumorali rilasciate nel sangue con una maggiore probabilità di metastasi.

§   La connessione tra chirurgia e formazione di metastasi è stata particolarmente impressionante nei singoli casi osservati: in un paziente con un sarcoma, la formazione di metastasi si è verificata dopo l’intervento chirurgico del tumore primario e ogni volta dopo quattro ulteriori interventi chirurgici di tumori localmente ricorrenti.

§   È stato a lungo insegnato in medicina che un melanoma non dovrebbe essere ferito poiché le lesioni causerebbero una crescita quasi metastatica di metastasi.

§   Non solo il disturbo di un tumore, ma anche la chirurgia non correlata in una posizione diversa possono scatenare metastasi.

§   Più grande è un tumore, più lenta è la sua crescita e alcune osservazioni suggeriscono che alla fine smette di crescere.

§   Le radiazioni e la chemioterapia del tumore prima e dopo l’intervento chirurgico non hanno avuto successo.

§   La possibilità di migliorare in modo decisivo la quota di cura si verifica una sola volta durante il decorso del cancro, vale a dire al momento del primo trattamento.

Gene Therapy

Una verità scomoda?

La seguente recensione cita un flusso costante di studi che dimostrano che è meglio che i pazienti lascino da soli i tumori. Ma questo non è nell’interesse dell’industria del cancro per la quale il trattamento invasivo è il sangue della vita finanziaria. C’erano sempre nuovi farmaci e nuovi modi per combinare la chemioterapia e la radioterapia con la chirurgia, e afferma che ora è stato trovato un modo per prolungare la vita di   pazienti. Con nuovi metodi di diagnosi precoce e tumori piccoli, precancerosi, non invasivi e dormienti classificati come tumori – tumori che non sarebbero diventati maligni se lasciati soli – alcune statistiche hanno effettivamente mostrato tassi di guarigione migliorati. Questo è ora cambiato con una revisione completa da parte di questo team internazionale di importanti ricercatori sul cancro.

Ecco il riassunto della chirurgia innesca l’espansione della malattia latente a distanza nel carcinoma mammario: una verità scomoda? (2) :

“Esaminiamo il nostro lavoro negli ultimi 14 anni, iniziato quando ci siamo confrontati per la prima volta con modelli di ricaduta bimodale in due database di carcinoma mammario di diversi paesi. Questi dati erano inspiegabili con il paradigma della crescita tumorale continua accettato. Per spiegare questi dati, abbiamo proposto che la crescita metastatica del carcinoma mammario includa comunemente periodi di dormienza temporanea sia nella fase della singola cellula che nella fase di micrometastasi avascolare . Abbiamo anche suggerito che la chirurgia per rimuovere il tumore primario spesso interrompe la dormienza con conseguente ricaduta accelerata. Questi eventi iatrogeni sono apparentemente molto comuni in quanto oltre la metà di tutte le recidive metastatiche progredisce in quel modo. Supponendo che ciò sia vero, dovrebbero esserci prove ampie e chiare nei dati clinici. Esaminiamo qui il paradigma del cancro al seno da una varietà di prospettive storiche, cliniche e scientifiche e consideriamo come si osserverebbe la dormienza e la fuga dalla dormienza guidata dalla chirurgia e cosa significherebbe. La dormienza può essere identificata in questi diversi dati, ma la più evidente è l’improvvisa fuga sincronizzata dalla dormienza dopo un intervento chirurgico primario. Sulla base dei nostri risultati, suggeriamo un nuovo paradigma per il carcinoma mammario in fase iniziale. Suggeriamo anche un nuovo trattamento che ha lo scopo di stabilizzare e preservare la dormienza piuttosto che tentare di uccidere tutte le cellule tumorali come è l’attuale strategia “.

I modelli di ricaduta bimodale citati in questo abstract significano che ci sono due picchi di tempo quando compaiono metastasi dopo l’intervento chirurgico per il tumore primario. Il primo picco è dopo 18 mesi, quindi segue un calo a 50 mesi e un picco ampio a 60 mesi con una coda lunga che si estende da 15 a 20   anni. Circa il 50-80% di tutte le recidive si trova nel primo picco. I pazienti con tumori di grandi dimensioni recidivano principalmente nel primo picco, mentre con tumori più piccoli le recidive sono uguali in entrambi i picchi.

C’è anche una struttura nel primo picco. Le ricadute nei primi 10 mesi sono dovute a micro-metastasi che preesistono con il tumore primario e che sono stimolate a crescere. Questa modalità è più comune per i pazienti in premenopausa con linfonodi positivi, oltre il 20% dei quali recidiva. Il resto del primo picco è dovuto a singole cellule che sono inizialmente inattive ma che sono indotte a dividersi a seguito di un intervento chirurgico. Il secondo picco è quindi dovuto alle singole cellule tumorali che sono state seminate durante l’intervento chirurgico e che successivamente si stanno gradualmente sviluppando in metastasi.

Questa dinamica spiega anche il persistente eccesso di mortalità delle donne in premenopausa nel terzo anno di studi di screening mammografico a lungo termine: le metastasi compaiono dopo 10 mesi e il tempo che intercorre tra la ricaduta e la morte nel carcinoma mammario è di circa 2 anni, con conseguente morte circa 3 anni dopo lo screening. Ricordo che una paziente giovane e apparentemente in salute a cui era stata appena rimossa la mammella dopo una mammografia ha mostrato un tumore minuscolo. Era fiduciosa di essere stata salvata perché era stata catturata così presto, ma 3 anni dopo era morta.

Altre prove interessanti in questo articolo provengono da un rapporto danese: le autopsie forensi mostrano che il 39% delle donne di età compresa tra 40 e 49 anni ha un carcinoma mammario nascosto e dormiente, mentre il rischio a vita del carcinoma mammario clinico in Danimarca è solo dell’8%. Ciò significa che solo circa il 20% delle mammografie positive sono reali e sarebbero progredite in una fase clinica. Il resto è completamente innocuo e aumenta il tasso di cure mediche, o in altri interventi chirurgici successivi si innesca metastasi e queste donne alla fine muoiono a causa del loro trattamento.

Ecco alcuni altri punti salienti di questo articolo:

§   Ottenere donne sottoposte a screening mammografico è uno degli obiettivi principali di alcune organizzazioni, quindi queste informazioni (sui possibili danni) vengono trattenute in quanto il loro rilascio sarà contrario al raggiungimento del loro obiettivo.

§   Durante la maggior parte del ventesimo secolo la mastectomia radicale fu la terapia accettata. Sfortunatamente, solo il 23% dei pazienti è sopravvissuto a 10 anni. La risposta naturale a questo fallimento è stata una chirurgia ancora più radicale.

§   Il passo successivo degli oncologi medici è stato simile a quello dei chirurghi: se un po ‘non funziona, prova molto! Inutile dire che la chemioterapia ad alte dosi con il salvataggio del midollo osseo è stata un fallimento e il meno detto di questo triste episodio nella storia del carcinoma mammario è il migliore.

§   Studi patologici e di autopsia hanno suggerito che la maggior parte dei tumori occulti nella mammella (e nei tumori della prostata) potrebbe non raggiungere mai il significato clinico.

§   Le cellule tumorali e le micro-metastasi rimangono in uno stato di dormienza fino a quando un segnale, forse l’atto di un intervento chirurgico o altri eventi avversi della vita (shock emotivo secondo il dottor Hamer ), li stimolano a una rapida crescita. L’atto di ferire il paziente crea un ambiente favorevole per il trasferimento improvviso di una micro-metastasi da una fase latente a una fase attiva.

§   Un grande tumore primario inibisce lo sviluppo e la crescita di eventuali metastasi a distanza! La rimozione dei risultati primari nella creazione e nella rapida crescita di un gran numero di metastasi latenti, la maggior parte delle quali sarebbe rimasta inattiva o sarebbe scomparsa se il tumore primario non fosse stato rimosso. Gli effetti postoperatori che stimolano la crescita su metastasi latenti preesistenti sono dovuti alla rimozione del tumore primario.

§   Anche altri tumori devono essere attentamente esaminati. Ci sono dati che mostrano un’attività simile in particolare nel melanoma e nell’osteosarcoma .

Inibizione delle metastasi

Gli autori di questa recensione suggerire che gli inibitori dell’angiogenesi al momento del primo intervento chirurgico potrebbero essere una risposta. Questi farmaci inibiscono lo sviluppo dei vasi sanguigni nel corpo, compresi i tumori interni, in modo che non possano crescere.

Ma ora è stato scoperto che questi farmaci riducono i tumori solo inizialmente. Quindi iniziano un’ondata di formazione di metastasi locali e distanti. Uno dei ricercatori ha dichiarato: “Un tumore ben vascolarizzato è ben nutrito e felice, non ha la forza motrice per diventare più invasivo …   (ma) se interrompi l’afflusso di sangue del tumore, questo porta il cancro a diventare più invasivo, più metastatico, in quanto cerca più ossigeno e sostanze nutritive “(18).

Tuttavia, c’è una via d’uscita. Un numero crescente di metodi naturali sta emergendo per inibire la metastasi e mantenere felici i tumori. Ecco alcuni esempi di ricerca che confermano i principi olistici sulla causa e la cura del cancro:

  La vitamina D migliora i risultati dell’intervento chirurgico: i pazienti con il più alto apporto di vitamina D che hanno subito un intervento chirurgico in estate hanno avuto una sopravvivenza tre volte migliore senza malattia e una sopravvivenza complessiva quattro volte migliore rispetto ai pazienti con l’assunzione di vitamina D più bassa che hanno subito un intervento chirurgico durante l’inverno (19).

Gli antiossidanti inibiscono le metastasi: Le specie reattive dell’ossigeno, come il superossido e il perossido di idrogeno generate all’interno delle cellule, svolgono un ruolo chiave nella formazione di sporgenze cellulari implicate nella migrazione delle cellule tumorali e nelle metastasi tumorali . Gli antiossidanti inibiscono tale comportamento invasivo delle cellule tumorali (20).

Il bicarbonato inibisce la metastasi: Il bicarbonato di sodio orale inibisce la crescita dei tumori e la formazione di metastasi spontanee nei modelli murini di carcinoma mammario metastatico. Riduce anche il tasso di coinvolgimento dei linfonodi e metastasi epatiche (21).

Il bicarbonato rende il liquido linfatico più alcalino che quindi inibisce l’infiammazione. Perché un tumore si diffonda, è necessario dissolvere il tessuto connettivo circostante, ma ciò accade solo se questo tessuto è sufficientemente acido per attivare gli enzimi proteolitici del tumore.   

Papaya contro il cancro: La papaia usata come tè dalle foglie essiccate ha un effetto drammatico contro una vasta gamma di tumori coltivati ​​in laboratorio, tra cui tumori della cervice, della mammella, del fegato, del polmone e del pancreas. L’effetto antitumorale era più forte con dosi maggiori di tè (22).

Ginkgo biloba contro lo stress: L’estratto di ginkgo biloba ha rallentato in modo significativo la crescita delle cellule di carcinoma mammario aggressivo e ha inibito la crescita dei tumori impiantati di oltre l’80%. Il ginkgo biloba riduce anche gli ormoni dello stress rilasciati dalla paura a causa di una diagnosi di cancro in modo che un tumore possa non diventare invasivo (23).

Meditazione contro lo stress: le donne con carcinoma mammario sono state in grado di ridurre lo stress e migliorare la loro salute mentale e il benessere emotivo attraverso la meditazione (24).

L’ambiente provoca il cancro: Il President’s Cancer Panel (USA) ha riferito che “il vero onere dei tumori indotti dall’ambiente è stato gravemente sottovalutato” e ha fortemente sollecitato un’azione per ridurre l’esposizione diffusa delle persone agli agenti cancerogeni. L’esposizione agli agenti cancerogeni promuove non solo la formazione di tumori primari ma anche la probabilità di metastasi (25).

Rischio di cancro ereditato: Le figlie di topi in gravidanza alimentate con una dieta non salutare hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro al seno. Ma anche se queste figlie mangiano in modo sano, la loro prole è ancora a maggior rischio di questa malattia (26).

Dieta periodica migliore con il cancro: La dieta periodica è molto più efficace della restrizione calorica permanente, mentre l’assunzione illimitata di cibo è l’opzione peggiore per prevenire il carcinoma mammario sperimentale. In questo esperimento dietetico le calorie sono state ridotte del 25% rispetto ai topi di controllo. L’incidenza del tumore mammario è stata del 71% nei topi di controllo che hanno mangiato tutto il cibo desiderato, il 35% tra coloro che erano cronicamente limitati e solo il 9% in quelli che hanno limitato le calorie in modo intermittente (27).   

Igiene intestinale: Ricerche recenti suggeriscono che la disbiosi intestinale o i microbi malsani nel tratto gastrointestinale possono causare il cancro (28).

“Autoanticorpi” creati in risposta a batteri nascosti: È stato ora dimostrato che nelle malattie autoimmuni il sistema immunitario non attacca le cellule sane ma piuttosto i microbi che si nascondono in queste cellule. Queste sono anche una delle principali cause di cancro e ricercatori precedenti le hanno chiamate “microbi cancerosi” (29).

Cancro causato dallo spreco di proteine ​​all’interno delle cellule: Le cellule devono rimuovere le proteine ​​danneggiate o l’accumulo di rifiuti può farle sviluppare in un tumore del cancro. La mancata eliminazione di questi rifiuti può provocare tossicità, danni al genoma e infiammazione, che a loro volta possono favorire la progressione del tumore e altre malattie degenerative (30).

Il digiuno aiuta a curare il cancro: Il digiuno riduce la crescita tumorale , sensibilizza le cellule tumorali alla chemioterapia e protegge le cellule normali dagli effetti tossici della chemioterapia. Il digiuno per 48 ore è risultato essere sufficiente per sopprimere marcatamente la progressione del tumore nei modelli di topi di carcinoma mammario. In un modello murino di carcinoma mammario, il digiuno da solo (senza chemioterapia) ha causato una riduzione di oltre il 50% nella crescita tumorale. Quando il digiuno è stato combinato con la chemioterapia, ha ridotto la crescita del tumore fino al 90% rispetto ai controlli non trattati. Studi in vitro su cellule di carcinoma mammario hanno trovato risultati simili. Risultati comparabili sono stati trovati con glioma , neuroblastoma e melanoma, anche il tempo di sopravvivenza è aumentato e la metastasi è diminuita. Ora i ricercatori vogliono trovare e usare un farmaco per imitare gli effetti positivi del digiuno (31).

La soluzione naturale

Questi recenti risultati della ricerca sul valore dei nutrienti e dei rimedi naturali nella prevenzione delle metastasi e nel miglioramento del trattamento del cancro sono in pieno accordo con i metodi utilizzati nei programmi di cancro olistico.

Uno dei pilastri della terapia olistica del cancro è l’igiene intestinale oltre alla terapia antimicrobica sistemica. Queste nuove scoperte non solo confermano il valore dell’igiene intestinale ma anche la necessità di una terapia antimicrobica. Quest’ultimo è diretto contro un microbo pleomorfo che può causare malattie autoimmuni e il cancro. Le prove per questi microbi non erano state accettate dalla medicina tradizionale, il che sosteneva che in questi casi il sistema immunitario fosse programmato erroneamente e attaccasse le sue stesse cellule sane.

Il leader del team che ha reso la suddetta scoperta “autoanticorpi” ha dichiarato: “Ciò che pensavamo fossero autoanticorpi generati contro il corpo stesso ora può essere inteso come anticorpi diretti contro i batteri nascosti. Nelle malattie autoimmuni, il sistema immunitario è non attaccare se stesso. Protegge il corpo dai patogeni “(29).

Un altro aspetto fondamentale della terapia olistica del cancro è l’uso della dieta o del digiuno per rimuovere il fango proteico e il grasso ossidato immagazzinato nelle cellule, che quindi danno origine a microbi pleomorfi e al blocco del metabolismo energetico ossidativo nelle cellule tumorali e nelle malattie autoimmuni. Entrambi questi principi sono stati ora confermati dalla ricerca convenzionale.

Inoltre vediamo anche prove del beneficio di ridurre lo stress emotivo usando la meditazione e sostituendo la paura con emozioni positive. Tutto ciò offre un sostegno alla ricerca tradizionale per un importante principio nella terapia olistica del cancro:   Invece di stressare un tumore cercando di distruggerlo, rendilo felice soddisfacendo i suoi bisogni in modo che possa ricongiungersi alla comunità di cellule sane.

Per una migliore comprensione considerare la seguente allegoria: esiste un paese mitico con molti abitanti insoddisfatti. Una città ha dichiarato la sua indipendenza e si è murata per protezione. Il sovrano ora ha la possibilità di distruggere la città o di pacificarla in modo che si riunisca al resto del paese in cooperazione pacifica. Se la città viene distrutta, i ribelli in fuga potrebbero tentare di provocare insurrezioni in altre parti del paese. Il sovrano non sa quanto supporto avrebbero trovato i ribelli altrove. Se non ottengono molto sostegno, non importa se la città ribelle viene distrutta, è innocuo in entrambi i casi. Ma se c’è abbastanza supporto, il sovrano verrà probabilmente deposto. Qual è l’opzione più saggia, distruggere la città o pacificare i suoi abitanti?

La stessa scelta esiste nella terapia del cancro. Il trattamento convenzionale opta per la distruzione totale, indipendentemente dalle conseguenze, mentre la terapia olistica tenta l’approccio pacificante. Inizialmente la maggior parte dei tumori probabilmente iniziano con una bassa malignità che può essere facilmente invertita, ma uno stress eccessivo o persistente lo spingerà verso un aumento della malignità e genererà supporto in altre parti del corpo. Questo stress può essere causato da paura, amarezza, shock emotivo, cattiva alimentazione, radiazioni o aggressioni chimiche. L’approccio opposto ridurrà la malignità come la normalizzazione del metabolismo delle cellule tumorali, il rafforzamento del sistema immunitario e la riduzione dello stress con la meditazione e le terapie emotive (32).

Recentemente anche un protocollo di chemioterapia è stato proposto di giungere a una tregua con un tumore. Questo si basa sull’idea di non distruggere il tumore ma di somministrare abbastanza chemioterapia per impedirgli di crescere ulteriormente. Il ricercatore ha dichiarato: ” Con un modello di carcinoma ovarico di topo, se lo tratti con una dose molto elevata, il tumore scompare. Sembra che tu l’abbia curato. Ma un paio di settimane dopo ritorna e inizia a uccidere animali. Questo è un risultato standard. Quello che abbiamo fatto è stato usare dosi più piccole di farmaci e applicarle quando necessario. Siamo stati in grado di mantenere i tumori stabili e i topi in vita a tempo indeterminato “(33).

Invece di usare la chemioterapia, l’alcalinizzazione è il metodo di scelta nella terapia olistica per stabilizzare un tumore e impedire che cresca ulteriormente. Quindi puoi rendere sempre più felice il tuo tumore soddisfacendo le sue altre esigenze: normalizzare il suo metabolismo riavviando la produzione di energia ossidativa, rimuovere i fanghi tossici che hanno iniziato tutti questi problemi, tenere a bada i microbi pleomorfi e ridurre anche gli ormoni dello stress con la meditazione e le emozioni terapie. Vedi il tumore come una parte del tuo corpo che hai abusato involontariamente e, come un bambino maltrattato, deve essere nutrito per tornare in salute.

Ora le cellule precedentemente maligne riprenderanno le normali funzioni o se sono troppo danneggiate moriranno volontariamente (un processo chiamato apoptosi ). Con questo il tumore può dissolversi gradualmente durante periodi ripetuti di pulizia del cibo crudo. Ma finché il tumore rimane presente, specialmente come primario privo di stress, sarà tuo amico sopprimendo lo sviluppo di metastasi pericolose. Anche dopo la rimozione del primario a causa dell’ignoranza, questo approccio cooperativo rimane l’unica opzione praticabile. Per i dettagli, consultare il mio sito Web e il libro sul cancro (34).

Dai dati disponibili, concludo che la maggior parte delle sofferenze e della mortalità correlate al cancro sono dovute a cure mediche piuttosto che inerenti alla malattia stessa. Con così tanti sforzi attualmente dedicati a mettere la medicina su una base basata sull’evidenza, sono fiducioso che non ci vorranno altri cento anni prima che gli attuali trattamenti per il cancro tradizionali inefficaci e dannosi vengano sostituiti con terapie naturali cooperative ed efficaci.

  Walter Last

)      http://www.health-science-spirit.com/Krokowski.pdf

2)      http://www.mdpi.com/2072-6694/2/2/305/pdf , 30 marzo 2010

3)      http://www.eurekalert.org/pub_releases/2009-05/acs-rfc050609.php , 11 maggio 2009

4)      http://esciencenews.com/articles/2010/03/24/study.questions.whether.screening.really.cuts.breast.cancer.deaths , 24 marzo 2010, http://www.sciencedaily.com/releases/ 2009/10 / 091020181301.htm , 22 ottobre 2009 e http://scienceblog.com/35676/implementing-comparative-effectiveness-research-lessons-from-the-mammography-screening-controversy/ 22 giugno 2010

5)      http://www.sciencedaily.com/releases/2009/11/091118143209.htm , 18 novembre 2009

6)      http://www.abc.net.au/science/news/stories/s1034306.htm , 30 gennaio 2004

7)      http://www.cancerdecisions.org/102906_page.html , 29 ottobre 2006

8)      http://www.physorg.com/news192978184.htm , 13 maggio 2010

9)      http://www.sciencedaily.com/releases/2010/03/100312133712.htm , 15 marzo 2010

10)   http://www.medicalnewstoday.com/articles/161850.php , 26 agosto 2009

11)   http://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2005/04/16/needle-biopsy.aspx , 16 aprile 2005

12)    http://www.scientificamerican.com/article.cfm?id=does-stress-feed-cancer , 13 aprile 2010

13)    http://scienceblog.com/15572/stress-fear-increase-cancer-recurrence-risk-study-says/ , 27 febbraio 2008

14)   http://www.medicalnewstoday.com/articles/188001.php , 07 maggio 2010

15)   http://breast-cancer-research.com/content/12/1/R4 , 8 gennaio 2010  

16)   Krokowski , EH: l’attuale trattamento del cancro è auto-limitante nella misura del suo successo? J Int Acad Preventive Medicine, 6 (1) 23-39, 1979

17)   http://www.windstosser.ch/museum/manuskript/allgem_u_historisch/05_7.html –   Krokowski , E, H .: Verändertes Konzept der Krebsbehandlung . Conferenza al ” Kongress der DEUTSCHEN AKADEMIE FÜR MEDIZINISCHE FORTBILDUNG 1978 a Kassel”

18)   http://www.cancerdecisions.com/031509_page.html , 15 marzo 2009

19)   http://www.medicalnewstoday.com/articles/23042.php , 19 aprile 2005

20)   http://www.sanfordburnham.org/default.asp?contentID=785 , 15 settembre 2009

21)   http://www.curenaturalicancro.com/pdf/bicarbonate-increases-tumour-ph-and-inhibits-metastases.pdf , 10 marzo 2009

22)   http://www.sciencedaily.com/releases/2010/03/100309182449.htm , 10 marzo 2010

23)   http://scienceblog.com/10094/ginkgo-biloba-extract-more-than-just-for-memory/ , 24 febbraio 2006

24)   http://www.medicalnewstoday.com/articles/167261.php , 14 ottobre 2009

25)   http://www.scientificamerican.com/article.cfm?id=environment-as-cause-for-cancer , 6 maggio 2010

26)   http://www.newscientist.com/article/dn18799-rats-on-junk-food-pass-cancer-down-the-generations.html , 20 aprile 2010

27)   http://www.medicinenet.com/script/main/art.asp?articlekey=104326 , 4 agosto 2009

28)   http://cancerres.aacrjournals.org/cgi/content/full/67/3/847 , 1 febbraio 2007, e anche http://www.sciencedaily.com/releases/2010/05/100509144652.htm , 9 maggio 2010

29)   http://scienceblog.com/20646/autoantibodies-may-be-created-in-response-to-bacterial-dna/ , 27 aprile 2009

30)   http://www.sciencedaily.com/releases/2009/06/090611160658.htm , 11 giugno 2009

31)   http://foodforbreastcancer.com/news/fasting-protects-normal-cells-and-sensitizes-cancer-cells-to-chemotherapy , 6 maggio 2010

32)   Infine, Walter: la soluzione olistica per superare il cancro . NEXUS 2008; 16 (1); anche su http://www.health-science-spirit.com/cancersolution.htm

33)   http://www.wired.com/wiredscience/2009/05/cancercompromise/

34)   Siti web: http://www.health-science-spirit.com/ , www.heal-yourself.com.au o www.healing-yourself.com . Libri: Superare il cancro http://www.the-heal-yourself-series.com/OvercomingCancer.html e Guarisci te stesso in modo naturale http://www.the-heal-yourself-series.com/Heal_Yourself_The_Natural_Way.html

Fonte: xyzklr

Web Hosting
0

Your Cart