toba60

Qual è il Segreto della Gestione Dell’Uomo nel Calcio?

Se qualcuno pensa che studiare calcio tutta la vita sia il requisito fondamentale per essere un grande allenatore, molto probabilmente non ha capito nulla su come il genere umane si relaziona al di fuori di tutto ciò che ha imparato.

Toba60

Harry Redknapp, Alex Ferguson, José Mourinho, Jürgen Klopp e Rafa Benítez hanno approcci diversi. Cosa funziona?

Vari dirigenti concepiscono sessioni di allenamento, elaborano complessi piani tattici, gestiscono budget multimilionari, affrontano domande impegnative da parte della stampa mondiale, si fanno carico della pressione della tifoseria del club – eppure, quando si tratta di gestire esseri umani, alcuni di loro fanno fatica. Perché? Perché le relazioni sono complicate.

I giocatori hanno personalità distinte, plasmate da un’educazione unica, e hanno ego ed entourage. I migliori manager trovano il giusto equilibrio tra la severità nei confronti dei giocatori e la sensibilità verso le loro esigenze. “Gestire le diverse personalità è la cosa più difficile del management”, dice l’ex manager del Brighton Micky Adams, che ha guidato il club a successive promozioni all’inizio del secolo.

Jürgen Klopp con Georginio Wijnaldum, Harry Redknapp con Paolo Di Canio, José Mourinho con John Terry, Rafael Benítez con Steven Gerrard e Alex Ferguson con Wayne Rooney.

“Devi scoprire cosa li spinge ad agire. Vedo molti dirigenti che perdono il lavoro perché non riescono a creare questi rapporti personali. Bisogna capire i sentimenti e le fragilità dei giocatori e mostrare empatia, ma anche imporre e pretendere i più alti standard da loro.

“Quando giocavo, non mi dava fastidio se un manager mi diceva in faccia che ero una merda. La mia reazione sarebbe stata: ‘Ti dimostrerò che ti sbagli e ti dimostrerò che non lo sono’. Oggi questo atteggiamento non è più valido, perché il giocatore moderno ha bisogno che gli venga ribadito in continuazione quanto è bravo. Qualunque sia l’epoca di cui si parla, una cosa non è cambiata: hai bisogno del sostegno dei personaggi che gestiscono lo spogliatoio. Senza di loro, sei nei guai”.
Iscriviti a The Recap, la nostra e-mail settimanale con le scelte dei redattori.

I personaggi sono spesso i leader e i vincitori delle partite. I dirigenti usano tecniche diverse per galvanizzare i loro luogotenenti. Il braccio intorno alla spalla era l’approccio preferito di Harry Redknapp. Per i non addetti ai lavori ha senso. Si stimola il giocatore con i complimenti e lo si lascia libero di muoversi fuori dal campo, a patto che lo faccia. Paolo Di Canio, Rafael van der Vaart e Paul Merson sono stati tutti giocatori stravaganti che hanno beneficiato di questo metodo.

Durante la stagione 2002-03, Merson disse a Redknapp che doveva farsi ricoverare nella clinica Sporting Chance di Tony Adams per i suoi problemi di alcolismo e gioco d’azzardo, ma invece volò alle Barbados per una vacanza. Merson pensava di averla fatta franca, finché non si imbatté in uno dei migliori amici di Redknapp. Piuttosto che punire il suo capitano, il manager del Portsmouth ha chiuso un occhio. Merson segnò 12 gol con il club che vinse il campionato e guadagnò la promozione in Premier League. “Tornai abbronzato, era gennaio”, racconta Merson. “Lui ha continuato a farlo. Non ha mai detto una parola al riguardo e me l’ha detto due anni dopo”.

Jürgen Klopp ha coltivato una devozione quasi religiosa da parte dei suoi giocatori forgiando rapporti molto personali. Con tatto e mostrando un interesse genuino per le loro vite, ha costruito una fiducia e un legame che ha aiutato la squadra a superare sconfitte cocenti in finali importanti e a vincere la Champions League e la Premier League.

Gini Wijnaldum, uno dei giocatori chiave di questi successi, ha snobbato il Tottenham a favore del Liverpool dopo aver parlato con Klopp. “Ho avuto grandi conversazioni con [Mauricio] Pochettino e Klopp”, ha detto nel 2016. “Ma nell’incontro con Jürgen ci siamo fatti una risata e non abbiamo parlato solo di calcio. Si è interessato alla mia vita privata e questo è stato positivo per me. Non era interessato solo a Wijnaldum calciatore, ma a Wijnaldum persona”.

“Quando non si è sul campo di calcio, si deve comunicare come persone ed è bene sapere qualcosa di come è l’altra persona. Rende le cose più facili. Ogni sessione di allenamento che facciamo è finalizzata a migliorare il giocatore. È diverso da quello che ho sperimentato in precedenza e sono molto contento. Il manager ti dà fiducia. Non è un manager che ti sgrida o si arrabbia con te quando commetti un errore. Si arrabbia solo se non fai le cose che sai fare bene”.

José Mourinho

La professoressa Sophia Jowett dell’Università di Loughborough ha sintetizzato questo approccio in un quadro intitolato alle 3+1C: vicinanza, impegno, complementarità e co-orientamento. Il racconto di Wijnaldum evidenzia la condivisione di dettagli personali (vicinanza), sessioni di allenamento impegnative (impegno), una visione simile della vita (complementarità e co-orientamento) e forti linee di comunicazione. Dopo aver parlato con una serie di mentori, ha scoperto che questi quattro elementi creano una relazione “positiva, efficace e armoniosa”, in grado di fornire “una piattaforma da cui esprimere debolezze e bisogni e raggiungere obiettivi e traguardi”.

In teoria, gli abbracci di Klopp non si limitano a soffocare chi li riceve. L’ormone delle coccole o dell’amore, l’ossitocina, viene rilasciato dal cervello quando le persone si abbracciano o si legano socialmente. Quando Klopp abbraccia un giocatore, attiva l’ormone del benessere nel corpo.

Questo non funziona per tutti. Se si esaminano i risultati ottenuti da Steven Gerrard sotto la guida di Rafa Benítez – la vittoria della FA Cup e della Champions League e l’elezione a calciatore dell’anno da parte di giocatori e scrittori – si può pensare che fossero vicini. In realtà, erano tutt’altro. Gerrard dice che la “freddezza” di Benítez ha tirato fuori il meglio di lui perché aveva “fame” di guadagnarsi le sue lodi.

“Posso alzare il telefono e parlare con tutti i miei precedenti manager del Liverpool, tranne che con Rafa”, ha scritto Gerrard nella sua autobiografia. “È un peccato perché abbiamo condiviso la notte più importante della nostra carriera – la vittoria della Champions League del 2005 a Istanbul – eppure non c’è alcun legame tra noi. A livello umano preferisco un manager simpatico, come Gérard Houllier o Brendan Rodgers, ma in termini di calcio non mi dispiace lavorare con un uomo più freddo”. Un rapporto privo di emozioni e distante con personaggi come Rafa Benítez e Fabio Capello a volte può produrre più successo”.

Jon Stead ha sperimentato un approccio simile da parte di Mark Hughes quando i due lavoravano insieme al Blackburn nella stagione 2004-05. Stead è partito alla grande a Ewood Park, segnando sei gol in 13 partite sotto la guida di Graeme Souness. Quando Souness è stato sostituito da Hughes, Stead ha sofferto. “Mark Hughes non era un personaggio sgradevole, ma non riuscivo a capirlo”, ricorda Stead.

“Ho bisogno di un manager che sia aperto e onesto. Quando non so cosa pensano o non riesco a ottenere risposte dirette, questo mi crea problemi”. Hughes aveva osservato in prima persona i giochi mentali di Alex Ferguson nello spogliatoio ma, se stava cercando di provocare una reazione da parte di Stead, non ha funzionato. L’attaccante ha segnato solo due gol in 36 presenze sotto la guida del gallese.

Ferguson ha avuto molto più successo nel mettere in difficoltà i suoi giocatori più talentuosi e solidi. Si rivolgeva a determinati giocatori per far arrabbiare il resto della squadra. “Ho sempre avuto un ottimo rapporto con il manager, ma nella maggior parte delle partite, durante l’intervallo, io e il manager ci siamo affrontati”, racconta Wayne Rooney. “Sapeva che, facendo così con me, avrebbe trasmesso un messaggio agli altri giocatori. Lo faceva anche con Giggsy. Sempre dopo la partita, il manager scendeva verso l’autobus e mi dava uno schiaffo sulla nuca. Era il suo modo di dire: ‘È finita'”.

Wayne Rooney e Alex Ferguson si scambiano una battuta nel 2005.

L’ex capo del Brighton Adams utilizzava una tecnica simile per motivare il difensore centrale Danny Cullip durante il loro periodo insieme. “Mi rivolgevo alla squadra dando le spalle a Danny e parlando dei difensori”, ricorda Adams. “Dicevo: ‘Ragazzi, per vincere questa partita dovremo segnare quattro gol, perché non potete contare su questi difensori’. Lo insultavo senza essere aggressivo, ma lui lo interpretava come se lo stessi prendendo in giro e lo infiammava”.

Ignorare i membri chiave della squadra è una delle tante tattiche utilizzate da José Mourinho. John Terry ha ricevuto messaggi contrastanti dal manager. Mourinho elogiava il suo capitano, facendolo sentire “alto 3 metri”, ma quando Terry era infortunato il manager lo ignorava, spingendo Terry a lavorare di più per tornare in campo più velocemente.

“Se ti infortunavi e saltavi un giorno di allenamento, lui arrivava e non ti parlava. Ti passava davanti sul tavolo di terapia”, ha detto Terry. “Sei seduto lì, capitano della squadra di calcio, e stai cercando di dare il cinque al mister, ma non lo ottieni, lui ti lascia senza parole. Mentre sei lì, dice al fisioterapista: ‘Quanto tempo? “Quanto tempo? E il fisioterapista risponde: “Un paio di giorni”. E se ne va. Mi ha provocato e mi ha fatto pressione”.

Sebbene gli approcci di Benítez, Ferguson e Mourinho siano diversi, sono tutti concepiti con lo stesso scopo, afferma lo psicologo dello sport Dan Abrahams. “Creano un ambiente con grandi sfide e grandi aspettative”, spiega Abrahams, che lavora con i giocatori della Premier League e con la squadra inglese di rugby.

“Per sua natura, una sfida elevata può creare una cultura del confronto e questo è certamente il caso se si guarda ad alcune fasi della carriera di Mourinho. Si dice alla squadra: ‘Ecco il piano di gioco e la mia filosofia. O lo fate o non lo fate. Se non lo fate, siete fuori”. È un approccio ad alto rischio per i giocatori di oggi, che possono esaurirsi dopo due o tre anni. È molto difficile essere allo stesso tempo di grande sfida e di grande supporto. Il punto di forza è una via di mezzo tra i due. Avendo lavorato con Eddie Jones e con l’Inghilterra del rugby, so che ha dovuto ammorbidire il suo approccio per capire le esigenze individuali di ogni essere umano”.

Il talento all’interno di una squadra gioca un ruolo importante nel successo di un manager ma, soprattutto, la sua capacità di guadagnarsi l’impegno di un giocatore sblocca il potenziale della squadra. Non esiste un modello per creare il legame perfetto. Ogni rapporto tra giocatore e manager ha bisogno di un piano su misura e, anche in questo caso, le influenze esterne possono sabotare la configurazione.

Per garantire un successo duraturo, i manager devono essere flessibili e adattarsi ai cambiamenti di atteggiamento della società, ma questo non garantirà necessariamente relazioni durature. Data la posta in gioco – tre punti, ingenti somme di denaro e reputazione personale – gli scontri sono inevitabili. Non sarà tutto un darsi il cinque e presentare trofei. L’intensità di questi legami può portare al burnout. In questo senso, sono più simili ai matrimoni che alle amicizie: si può anche non piacersi sempre, ma ci deve essere un’intesa e un impegno per una causa che va al di là di un’agenda egoistica.

Tuttavia, come spiega Adams, i migliori giocatori sono disposti a contrarre questo matrimonio se li si porta al successo. “Non pensate che il manager piaccia a tutti, perché non è così che funziona”, dice. “I giocatori devono credere in te e nel fatto che quello che stai facendo porterà dei risultati. Devo averci azzeccato da qualche parte, perché ho ottenuto quattro promozioni. Se piacevo loro? Non sono sicuro che gli piacessi……

……. ma garantisco che mi rispettavano”.

Fonte: theguardian.com

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *