toba60

Quando Attaccare su Campo aperto?

Il gioco del calcio è molto democratico, chiunque può emergere e diventare un bravo giocatore, basta solo non dare ascolto a tutti coloro che pretendono di sapere cosa fare per diventarlo….

…..altrimenti sarete sarete sempre la brutta copia di qualcuno che non siete voi.

Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci e andare avanti per un altro anno.

Quando Attaccare?

L’ultimo decennio ha portato a una massiccia trasmissione concettuale in termini di formazione e analisi del gioco del calcio.

Grazie ai successi della nostra nazionale e del grande Barça di Pep, si è generata una cultura di gioco visibile nel nostro calcio di base, la filosofia del possesso palla, il cosiddetto “tiki-taka”; molti allenatori di squadre di bambini hanno cercato di imitare questo stile di gioco quando allenavano i loro giovani giocatori.

Nonostante questi grandi successi, il giornalismo sportivo spagnolo, sempre critico, ha talvolta criticato il “tiki-taka“, in quanto a volte apparivano partite in cui queste alte percentuali di possesso si accompagnavano a poche occasioni da gol, mostrando un gioco troppo piatto. È apparso quindi un movimento contro il possesso palla il cui obiettivo era semplicemente quello di “tenere la palla”; dando forma all’uso del possesso come mezzo o strumento, come commenta molto bene Perarnau in uno dei suoi articoli; e come Pep ha sempre difeso, basato sul gioco posizionale.

“Il possesso è buono se si generano occasioni, altrimenti ti logora”.

(Simeone)

In questo modo, gli allenatori che si preoccupano di sviluppare se stessi e i giocatori che li circondano stanno iniziando a capire che il possesso non è un compito qualsiasi di possesso palla, e che il possesso deve essere accompagnato da qualcos’altro. Si comincia a capire che il possesso senza direzione o senza un obiettivo specifico serve a poco o nulla, perché tenere la palla senza generare nulla può portare a una perdita e lasciare la squadra scoperta. Questo serve come punto di partenza per riflettere sulla domanda posta in questo articolo: campo grande quando si attacca? Forse, più che questa domanda, dovremmo chiederci: perché un campo grande in attacco? O come fare un campo grande? Beh, con un campo grande succede la stessa cosa che con il possesso; se la squadra gioca un campo grande e si apre per non generare nulla, avrà più possibilità di subire un gol che di segnarne uno, perché se la squadra perde la palla, sarà aperta e disponibile per il contropiede avversario.

Dal mio punto di vista, fare il campo grande significa trasmettere ai bambini un messaggio di facile comprensione, ma l’allenatore deve ottenere molto di più grazie al lavoro che viene svolto in allenamento. Per questo motivo, questo articolo vuole dare un senso e un contenuto a un concetto che si sta imponendo nel calcio di base di oggi e che si sente spesso dagli spalti quando gli allenatori si rivolgono ai loro ragazzi una volta che riescono a entrare in possesso del pallone.

La chiave per fare un “campo grande” è senza dubbio l’occupazione dello spazio in attacco in modo coerente e in accordo con il sistema difensivo avversario. Parleremo quindi dell’occupazione dello spazio in funzione di tre fattori:

1º.- Il posizionamento della nostra squadra e il suo orientamento in funzione del compagno che ha la palla. Non ci posizioneremo allo stesso modo se la palla è in possesso del nostro centrale destro e se è in possesso del nostro terzino sinistro. Pertanto, questo primo fattore si riferisce specificamente al modo in cui ci posizioniamo in riferimento al compagno di squadra con la palla.

Quando si lavora nell’ambito dell’avviamento allo sport nell’area dell’Educazione Fisica con bambini che iniziano a giocare a calcio o ad altri sport collettivi che condividono gli stessi principi generali di gioco, l’insegnante deve cercare di generare momenti di riflessione e comprensione a partire dalla pratica. I singoli principi di gioco vengono presentati al bambino dopo che questi ha esplorato il rapporto con il proprio corpo e ha preso confidenza con la palla. Al bambino viene chiesto, dopo il completamento di un compito: quando avevi la palla (in una situazione 1×1) cosa potevi fare? La risposta viene costruita guidando la loro scoperta, fino a quando rispondono che in una situazione 1×1 possono guidare la palla (dribblare la palla oltre l’avversario) o tirare in porta.

Se la situazione 1×1 diventa 2×1, compare anche l’opzione del passaggio. Pertanto, il bambino ha poche opzioni in queste situazioni, ma all’interno di ogni opzione ci sarà un’ampia gamma di alternative possibili, sia di tipo strategico-tecnico che strategico-tattico. In altre parole, l’azione tecnico-tattica del passaggio può essere realizzata in molti modi diversi. Quando parliamo del suo carattere strategico-tecnico, pensiamo a quale superficie il bambino utilizzerà per effettuare il passaggio: interna, esterna, interna al collo del piede…? Allo stesso tempo, il giovane apprendista dovrà anche decidere con quale piede effettuare il passaggio: sinistro o destro? È qui che nasce il concetto di lateralità offensiva/difensiva, cioè la capacità di attaccare o difendere con entrambi i piedi.

Per quanto riguarda la decisione strategico-tattica all’interno dell’azione tecnico-tattica, il giocatore deve decidere in quale situazione e in quale momento effettuare il passaggio, cioè quella dimensione spazio-temporale che dal mio punto di vista ha un ruolo stellare nello sport.

Spesso abbiamo detto a un bambino che ha sbagliato un passaggio: “non fa niente, l’idea era buona”, probabilmente perché era buona la decisione strategico-tattica, ma non quella strategico-tecnica. Vogliamo sottolinearlo, perché l’errore di esecuzione è spesso basato su un errore percettivo-decisionale. D’altra parte, accade il contrario quando un bambino, ad esempio, riceve ed esegue un cambio di direzione, profilandosi correttamente, cambiando l’orientamento del corpo ed effettuando un passaggio con la tensione precisa; ma il passaggio non raggiunge il destinatario perché viene tagliato lungo il percorso.

Così, il bambino “talentuoso” sarà caratterizzato da buone decisioni strategico-tecniche e strategico-tattiche.

Prima di passare alla mia prossima opinione, vorrei dire che ho idolatrato Guardiola per molto tempo, penso che sia un allenatore supremo. Un giorno ho letto che Guardiola distingueva i buoni giocatori dai migliori, in quanto questi ultimi non perdevano quasi mai la palla. Per me, e con il massimo rispetto, i migliori giocatori non sono quelli che difficilmente perdono la palla, i migliori giocatori sono quelli che sanno quando possono perdere la palla. Il caso di Xavi nel Barça di Pep è l’esempio più tangibile. Quando studiavo all’università di Porto, il professor Júlio Garganta un giorno ci mostrò una diapositiva su Xavi, che lui soprannominò “la macchina”. Le statistiche di Xavi nella stagione 2010-2011 ci mostravano che perdeva molti più palloni di quanto pensassimo.

Ciò che accadeva era che Xavi perdeva palloni poco importanti per il gioco, palloni che passavano inosservati, palloni che non compromettevano la sua squadra. In quella stessa stagione Messi avrebbe concluso il campionato come il quinto giocatore con il maggior numero di palle perse. Inutile dire che il Barça fu campione del campionato sotto Pep. Per aggiungere ulteriori indizi, sappiamo che lo stesso Messi è stato il giocatore che ha perso più palloni nell’ultimo campionato 2014-2015. Ricordo anche una conversazione con una persona importante del Real Madrid, che mi disse: “Avevamo un giocatore che non perdeva quasi mai la palla e ci siamo resi conto che non faceva mai un passaggio rischioso in nessun momento della partita, cercava sempre passaggi sicuri, giocava sempre piatto e vicino, non generava nulla”.

Generare “qualcosa” sembra essere un comportamento fondamentale quando un giocatore ha la palla. Questo giocatore dovrebbe cercare di avvicinarsi al difensore o aspettare che la sua pressione lo fissi per dividere la difesa. A seconda della posizione della palla, possono verificarsi comportamenti diversi. Un terzino con la palla che blocca il difensore per passare all’ala e tagliare al centro, può creare uno squilibrio attraverso un muro sull’ala guadagnando le spalle del suo avversario diretto. Questo comportamento si verificherà raramente con un difensore centrale, che percorrerà la corsia centrale ogni volta che troverà un percorso di penetrazione non popolato per superare la prima linea di pressione. Se supera la seconda linea di pressione, può essere in grado di lanciare il muro a un compagno, ma se la seconda linea di pressione è organizzata, è probabile che il centrale passi la palla e prenda il suo posto. Da qui l’importanza delle posizioni fisse, semimobili e mobili nel calcio di oggi e quando si tratta di rendere coerente un campo ampio.

2°.- Il controllo dello spazio intorno alla palla sembra essere un altro fattore di importanza capitale per poter creare superiorità nel centro del gioco. Ricordiamo i principi specifici del gioco secondo Queiroz (1983):

Non permettere l’inferiorità numerica.

Evitare la parità numerica.

Cercare di creare superiorità numerica.

In questo modo, i compagni di squadra vicini al giocatore in possesso saranno fondamentali per soddisfare questo secondo fattore, offrendo sostegno al compagno. Questi appoggi devono essere caratterizzati principalmente da due aspetti: devono essere efficaci e brevi.

Che cos’è un appoggio efficace?

Un appoggio efficace deve soddisfare una o più delle seguenti premesse:

Ricevere senza marcatura e profilato per iniziare a guidare se ha spazio per avanzare. In queste condotte, il giocatore deve essere influenzato in modo che avvengano con il piede lontano dal difensore che cerca di rubargli la palla.

Ricezione su linee di pressione avversarie per creare squilibrio. In caso di ricezione contro una difesa chiusa, lo squilibrio deve essere creato all’esterno, ad esempio attraverso un cross laterale. In caso di difesa aperta, cercare di sbilanciare l’interno, cercando passaggi interni o situazioni di 1×1 vantaggiose.
Ricevere profilati verso la porta avversaria per vedere il più rapidamente possibile le potenziali linee di passaggio sia interne che esterne.

Cosa sarà un supporto corto?

Come indica la parola stessa, corto significherà vicino al compagno di squadra che ha la palla, al fine di creare la densità offensiva necessaria per garantire la superiorità nel centro del gioco. Da qui nasce il concetto di “accumulare per sorprendere”.

3º.- Sfruttare gli spazi liberi per generare incertezza nella squadra avversaria. Offrire ampiezza e profondità è fondamentale, ma può essere offerto in modi diversi. Per esempio, posso volere che le mie due ali avanzino dalla linea di metà campo quando il mio terzino sinistro ha la palla, per liberare spazio per i miei terzini. Posso modificare la mia idea di gioco a seconda dell’avversario, forse voglio che i miei terzini siano profondi nell’area di partenza, o forse no. Posso volere che la profondità sia fornita dai miei terzini. Posso volere che la profondità sia garantita solo dal mio attaccante, oppure posso preferire che diversi giocatori che offrono profondità sollecitino il pallone tra le linee attraverso corse di supporto. L’importante è che l’idea di gioco presentata ai giocatori sia attraente e coerente.

Per quanto riguarda il concetto di “accumulare per sorprendere”, accumuliamo da una parte per sorprendere dall’altra ed è qui che i giocatori lontani dal centro del gioco svolgono il loro ruolo. Da un lato, ci saranno giocatori incaricati di creare incertezza per l’avversario, di occupare quegli spazi vantaggiosi che permettono alla squadra di generare quel qualcosa che stiamo cercando; dall’altro, ci saranno giocatori incaricati di mantenere l’equilibrio nella squadra, preparando la possibile transizione attacco-difesa. In definitiva, tutti i giocatori condividono questa doppia funzione di sbilanciamento (squadra avversaria) – bilanciamento (propria squadra), l’importante è decidere quando e perché agire in un modo o nell’altro (decisioni strategico-tattiche). Ne è un chiaro esempio il terzino opposto al centro del gioco, che dovrà decidere in molte occasioni se cercare di sorprendere sull’ala aspettando un cambio di direzione, oppure mantenere la posizione per garantire l’equilibrio difensivo.

In conclusione, la chiave per fare grande il campo non è solo coprire più terreno possibile, ma anche posizionarsi correttamente con l’intenzione di generare qualcosa in base ai concetti sopra citati. In questo senso, l’allenatore deve cercare di costruire nei suoi giocatori comportamenti di iniziativa e coraggio, evitando i bambini che si nascondono per paura di ricevere.

Non punire gli errori e utilizzare i successi per motivare e creare nuove sfide.

Rubén Sánchez.

Fonte: martiperarnau.com

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *