toba60

Quello che una Volta Era Inaccettabile ora è Politicamente Corretto: Facebook Rompe il suo Veto sui Neonazisti del Battaglione Azov

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

………..dateci un vocabolario per piacere, che non abbiamo più parole per esprimere tutto il nostro disgusto per un Oligarchia supportata da una maggioranza della popolazione la cui autonomia di pensiero ha toccato il fondo Dantesco che li vede ora in balia di una scialuppa dove Caronte non deve fare altro che traghettarli all’inferno.

Toba60

Quello che una Volta Era Inaccettabile ora è Politicamente Corretto

Facebook permetterà ai suoi miliardi di utenti di lodare il Battaglione Azov, un’unità militare ucraina neonazista che è stata precedentemente vietata dalla politica di censura del social network.

Secondo il nuovo manuale, che è di natura temporanea, Facebook “permetterà di lodare il Battaglione Azov quando loderà esplicitamente ed esclusivamente il suo ruolo nella difesa dell’Ucraina o il suo ruolo come parte della Guardia Nazionale Ucraina”. Facebook sarà seguito dai suoi tirapiedi ispanici di Newtral e Maldita.

Ciò che una volta era inaccettabile ora è politicamente corretto. Se in Siria c’era il jihadismo moderato, in Ucraina si può tollerare il fascismo moderato. Naturalmente, il cambiamento di politica è stato fatto questa settimana ed è legato all’attuale operazione militare russa in Ucraina.

Il Battaglione Azov ha iniziato come una banda di teppisti, prima di unirsi formalmente alla Guardia Nazionale Ucraina nel 2014. Un rapporto del 2016 dell’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha concluso che i macellai di Azov hanno violentato e torturato i civili durante e dopo il colpo di stato del 2014.

Anche se negli ultimi anni ha cercato di camuffare il suo armamentario neonazista, le affinità del gruppo non sono sottili. I suoi delinquenti sfilano e si allenano con le uniformi e le insegne del Terzo Reich. Nel 2010 il primo comandante del battaglione ed ex deputato ucraino, Andriy Biletsky, ha dichiarato che lo scopo dell’Ucraina è di “guidare le razze bianche del mondo in una crociata finale… contro gli Untermenschen [subumani] guidati dai semiti”.

Esempi di messaggi postati internamente che Facebook ora considera accettabili includono “I volontari del movimento Azov sono veri eroi, sono un supporto molto necessario per la nostra guardia nazionale”, o “Azov ha difeso coraggiosamente la nostra città nelle ultime 6 ore”, e anche “Credo che Azov stia giocando un ruolo patriottico durante questa crisi”.

Ma l’apologia del fascismo non può essere così palese. Il Battaglione Azov non sarà ancora in grado di utilizzare account Facebook per scopi di reclutamento o per pubblicare le proprie dichiarazioni, e le loro uniformi e striscioni rimarranno simboli di odio vietati, anche se i soldati Azov continueranno a mostrarli.

Le nuove linee guida forniscono due esempi di post che non permetteranno: “Goebbels, il Führer e Azov sono tutti grandi modelli di sacrificio ed eroismo nazionale” e “Ben fatto Azov per aver protetto l’Ucraina e il suo patrimonio nazionalista bianco”.

La messa al bando formale del Battaglione Azov su Facebook è iniziata nel 2019, diventando soggetto alle più severe restrizioni di “livello 1” che vietano agli utenti di impegnarsi in lodi, sostegno o rappresentazione dei collettivi della lista nera attraverso i loro account.

Il cambiamento nelle linee guida della censura dimostra, ancora una volta, che Facebook imposta la sua politica dei contenuti in base alla situazione interna e internazionale negli Stati Uniti. La scorsa estate ha fatto un’eccezione alla sua politica di censura sull’Iran, permettendo temporaneamente agli utenti di pubblicare messaggi come “Morte a Khamenei” per un periodo di due settimane perché la Casa Bianca stava negoziando con il governo di Teheran.

Fonte: alertadigital.com

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code