toba60

Questo Pone fine al Dibattito: Studio Israeliano Dimostra che l’Immunità Naturale è 13 Volte più Efficace dei Vaccini

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Alle volte ci domandiamo tra noi cosa si deve fare per stimolare l’attenzione della gente per renderli consapevoli di un qualcosa anche davanti l’evidenza.

Prego Green Pass Patente e Libretto

Noi pensiamo che non sia un problema di comunicazione, ma di qualcosa che esula dai luoghi comuni che si da ad intendere.

Gli asini che volano sono diventati un dato di fatto alla stregua di chi bevendo un bicchiere d’acqua si disseta, non esiste più’ una linea di demarcazione tra la fantasia e la realtà per cui non ci si deve sorprendere di nulla per quanto sta succedendo nel mondo.

Oggi in ospedale entro nello studio per una visita dentistica e una volta seduto mi si avvicina il dottore e mi chiede se ho il GreenPass io gli dico di no, e lui mi invita ad uscire per fare un tampone e poi il vaccino, la sua collega lo interrompe e gli dice ...ma lei e’ scemo? ma che gli sta domandando? c’è una coda lunga un chilometro che attende e lei lo manda a fare un tampone? come se servisse qualcosa!

(Una su mille ce la fa!!!)

Lui colto alla sprovvista abbassa la testa e mi dice… apra la bocca……..

Sapeste quante cose avrei avuto da dirgli……….

Toba60

Studio Israeliano Dimostra che l’Immunità Naturale è 13 Volte più Efficace dei Vaccini

Il dottor Anthony Fauci e il resto dei consiglieri COVID del presidente Biden sono stati smentiti sulla “scienza” dei vaccini COVID ancora una volta. Dopo aver detto agli americani che i vaccini offrono una protezione migliore dell’infezione naturale, un nuovo studio fuori da Israele suggerisce che è vero il contrario: l’infezione naturale offre uno scudo molto migliore contro la variante delta rispetto ai vaccini.

Lo studio è stato descritto da Bloomberg come “la più grande analisi del mondo reale che confronta l’immunità naturale – ottenuta da un’infezione precedente alla protezione fornita da uno dei vaccini più potenti attualmente in uso”.

Qualche giorno fa, abbiamo notato quanto fosse notevole che la stampa mainstream stesse finalmente dando voce agli scienziati per criticare la spinta del presidente Biden a iniziare a distribuire i richiami. Ebbene, questo studio mette ulteriormente in dubbio la credibilità di affidarsi ai vaccini, dato che lo studio ha mostrato che i vaccinati avevano in definitiva 13 volte più probabilità di essere infettati di quelli che erano stati infettati in precedenza, e 27 volte più probabilità di essere sintomatici.

Alex Berenson, un giornalista scientifico che ha ripetutamente messo in discussione l’efficacia dei vaccini e delle maschere per prevenire la COVID, ha propagandato lo studio come sufficiente per “porre fine a qualsiasi dibattito sui vaccini contro l’immunità naturale”.

Il nuovo preprint israeliano mostra che l’immunità naturale a #SARSCoV2 è di gran lunga superiore a quella artificiale le persone vaccinate avevano 13 volte più probabilità di essere infettate e 27 volte di avere infezioni sintomatiche rispetto a una coorte abbinata che era stata precedentemente infettata. E questo è con Delta dominante. pic.twitter.com/hhD9h0vyMS

Alex Berenson (@AlexBerenson) 25 agosto 2021

Ecco un estratto da un rapporto di Science Magazine:

La nuova analisi si basa sul database del Maccabi Healthcare Services, che iscrive circa 2,5 milioni di israeliani. Lo studio, condotto da Tal Patalon e Sivan Gazit al KSM, il braccio di ricerca e innovazione del sistema, ha trovato in due analisi che le persone che sono state vaccinate in gennaio e febbraio erano, in giugno, luglio e la prima metà di agosto, da sei a 13 volte più probabilità di essere infettati rispetto alle persone non vaccinate che sono state precedentemente infettate dal coronavirus.

In un’analisi, confrontando più di 32.000 persone nel sistema sanitario, il rischio di sviluppare COVID-19 sintomatico era 27 volte superiore tra i vaccinati, e il rischio di ospedalizzazione otto volte superiore.

Questa volta, i dati lasciano pochi dubbi sul fatto che l’infezione naturale è veramente l’opzione migliore per la protezione contro la variante delta, nonostante il fatto che gli Stati Uniti non riconoscano che i già infetti abbiano anticorpi che li proteggono dal virus.

Essendo il primo paese a raggiungere un’ampia copertura con il vaccino, Israele si trova ora in una situazione impensabile: il numero di casi giornalieri ha raggiunto nuovi livelli record mentre la variante delta penetra la protezione del vaccino come un coltello caldo che taglia il burro.

Fonte: Bloomberg

Come minimo, i risultati dello studio sono una buona notizia per i pazienti che hanno già combattuto con successo la COVID, ma mostrano la sfida di affidarsi esclusivamente alle vaccinazioni per superare la pandemia.

“Questa analisi ha dimostrato che l’immunità naturale offre una protezione più duratura e più forte contro l’infezione, la malattia sintomatica e l’ospedalizzazione grazie alla variante delta”, hanno detto i ricercatori.

Purtroppo, lo studio ha anche dimostrato che qualsiasi protezione è limitata nel tempo. La protezione offerta dall’infezione naturale svanisce nel tempo, proprio come la protezione offerta dai vaccini: Il rischio di un caso di delta che sfocia nel vaccino era 13 volte più alto del rischio di sviluppare una seconda infezione quando la malattia originale si è verificata durante gennaio o febbraio 2021. Questo è significativamente più del rischio per le persone che si sono ammalate prima nell’epidemia.

Inoltre, dare una singola iniezione del vaccino a coloro che erano stati precedentemente infettati sembra anche aumentare la loro protezione. Tuttavia, i dati non ci dicono nulla sui benefici a lungo termine delle dosi di richiamo.

Questi ultimi dati mostrano che i vaccini non offrono da nessuna parte la protezione del 90%+ che era stata originariamente pubblicizzata dalla FDA dopo l’autorizzazione di emergenza. Altri studi stanno trovando effetti collaterali dannosi causati dai vaccini mRNA sono anche più diffusi di quanto si credesse in precedenza.

Leggi il preprint dello studio qui sotto:

2021.08.24.21262415v1.full di Joseph Adinolfi Jr. su Scribd

Tyler Durden

Fonte: Zero Hedge

SOTTOSCRIVI UN  PIANO DI ABBONAMENTO MENSILE  BASTA UN MINUTO DEL TUO TEMPO PER DONARE L’IMPORTO DI UN CAFFÈ

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.


Comments: 1

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code