toba60

Rapporto Sconcertante sui Decessi Contraffatti da Covid-19

Gli studi scientifici che smentiscono la narrazione globalizzata inerente il covid oramai non si contano più e gli inganni perpetrati alla popolazione mondiale da parte di una congrega di criminali non ha fine.

Non intendo nella maniera più’ assoluta chiamarli più politici, leader o élite, in quanto questo da un immagine loro che non corrisponde al ruolo che hanno assunto in seno alla società.

Noi della redazione di toba60 siamo veramente stufi di questa situazione, non e’ bello ricevere lettere minatorie ed epiteti indicibili da parte di coloro che paradossalmente cerchiamo in tutti i modi di mettere in guardia…..

Questo è lo scotto inevitabile che si deve subire in contesti come ce ne sono stati tanti in passato….

e la cosa strana e’ che ci stiamo facendo l’abitudine …è la vita.

Toba60

Decessi Contraffatti da Covid-19

Uno sguardo al modo non ortodosso in cui vengono registrati i decessi di Covid-19 mostra che i conti non tornano.

Quattromila novecentoquarantuno. E in aumento. Questo numero può solo aumentare o, nel migliore dei casi, rimanere lo stesso. Non potrà mai scendere.

Di tutte le innovazioni che i governi e i media di tutto il mondo hanno inventato, apparentemente indipendentemente l’uno dall’altro, durante il periodo di Covid, forse la più insidiosa è il totale giornaliero dei morti.

Mentre scrivo, il numero dato per l’Irlanda è di 4.941. E in aumento.

Mi sono spesso chiesto quale sia lo scopo di questo numero. In un’epoca in cui i nostri superiori nei media e nelle sale del governo ci dicono spesso di “seguire la scienza”, cosa c’è di più antiscientifico di una cifra che, anche quando non muore nessuno, incombe su di noi come un avvertimento che il pericolo è sempre presente e nulla è migliorato.

Inchinatevi davanti al suo potere, non c’è altro da fare.

Prendete il numero di persone che sono disoccupate. Ecco una cifra che ha raggiunto proporzioni terrificanti senza alcun sofisma o assistenza da parte della gente della scienza comportamentale. In effetti, un sacco di sforzo è speso per massaggiare questo numero dalla quantità reale a livelli che sono considerati più appetibili per il consumo pubblico.

Ma immaginate di calcolare il numero di persone che sono disoccupate calcolando un totale di tutte le persone che sono state disoccupate, in qualsiasi momento e per qualsiasi durata, durante gli ultimi 14 mesi? O dall’inizio della disoccupazione, un totale continuo di tutte le persone che sono state disoccupate?

Quale funzione avrebbe questo numero? Potrebbe aiutare a prevenire la disoccupazione futura? Potrebbe informarci meglio sulle competenze e la formazione necessarie per la nostra forza lavoro? Potrebbe essere utile per analisi e rapporti? Come diceva Frankie Howerd, “No, no, e tre volte no”. Scommetto che qualsiasi funzionario che proponesse un’idea del genere sarebbe presto sulla via del pensionamento anticipato, tanto popolare tra i politici quanto quei Gardiani che fanno il servizio dell’etilometro fuori da Leinster House.

Eppure è esattamente quello che facciamo con il totale delle morti in corso (e il suo quasi gemello, il totale dei casi in corso). Se lo scopo di questo numero era di mostrarci dove ci troviamo attualmente tra i flussi e riflussi della pandemia, allora sicuramente un totale mensile o settimanale farebbe meglio il lavoro. Potremmo allora, come facciamo con la cifra della disoccupazione, paragonare questo mese all’ultimo (o questa settimana all’ultima) e giudicare da che parte stiamo andando. Ci stiamo muovendo costantemente in avanti?

Stiamo cadendo irrimediabilmente all’indietro? Avete l’idea.

Perché non abbiamo mai avuto un totale corrente di morti per cancro, attacchi di cuore o diabete? Se avessimo iniziato anche solo un anno fa, questi numeri sarebbero ora a livelli impressionanti. Darebbero del filo da torcere al conteggio di Covid. Ci sarebbero opportunità per nuovi mercati di scommesse basati sulle cause di mortalità, anche se lo spread potrebbe essere sgradevole per le malattie contagiose.

Sono sorpreso che Worldometer non abbia provato a fare qualcosa del genere. Per molti di noi, Worldometer è lo snodo centrale della gestione dei totali di morte Covid. In questo stesso momento, strombazza un formidabile 609.767, morti per gli Stati Uniti, un scoraggiante 127.782 per il Regno Unito e, come detto all’inizio, un non trascurabile 4.941 per l’Irlanda.

Ma a cosa si riferiscono questi numeri spaventosi? Beh, si riferiscono al numero di morti in Covid-19. Allora perché tutto questo trambusto? L’agitazione riguarda ciò che costituisce una morte per Covid-19. E cosa si intende, esattamente, per una morte da Covid-19? Ah, è qui che comincia a diventare un po’ complicato.

Il 16 aprile 2020, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha pubblicato un documento intitolato “Linee guida internazionali per la certificazione e la classificazione (codifica) del Covid-19 come causa di morte”. Questo documento prevedeva regole severe per la registrazione dei decessi per Covid-19, regole che erano fondamentalmente diverse da quelle che erano in vigore per la registrazione dei decessi per altre cause.

Alcuni medici hanno espresso preoccupazione per ciò che ritenevano avrebbe dato un quadro fuorviante delle cause di mortalità. Queste regole, dicevano, erano senza precedenti: avrebbero portato alla sovrasegnalazione delle morti per il Covid-19 e alla sottosegnalazione delle morti per altre cause. I loro avvertimenti sono rimasti inascoltati e, per la maggior parte, non sono stati riportati. Non c’era posto per la prudenza e il buon senso in mezzo alla frenesia e all’isteria dei primi giorni della pandemia.

Da allora, tuttavia, sempre più professionisti medici hanno aggiunto le loro voci a questo coro di dissenso. L’ultimo è Patrick O’ Connor, medico legale di Mayo e responsabile dell’informazione pubblica della Coroners Society of Ireland.

O’Connor ha espresso il suo disagio di fronte ai rapporti ufficiali sulle morti di Covid-19 in questo paese: “Penso che i numeri che sono registrati come morti di Covid possono essere imprecisi e non hanno una base scientifica”, ha detto all’inizio di questo mese.

Diamo un’occhiata al certificato medico internazionale della causa di morte (MCCD). Per questa sezione sono in debito con Dr. No, l’autore del blog ‘Bad Medicine’, per la sua succinta spiegazione di come funziona il MCCD e come, in pratica, le linee guida dell’OMS influenzano questo processo. Vi consiglio di leggere il suo articolo su questo argomento se volete una comprensione più dettagliata dell’argomento.

L’MCCD è stato introdotto dall’OMS nel 1948. Il suo scopo era quello di creare uno standard internazionale per la registrazione dei decessi e di descrivere la sequenza di eventi che hanno portato a una morte, piuttosto che solo la causa immediata (come era comune in molti paesi a quel tempo).

Il quadro A (sopra) è la parte più importante dell’MCCD. È qui che vengono registrate tutte le informazioni significative su una morte. Come potete vedere, il quadro A ha 2 caselle. La casella 1 è per registrare la causa della morte, la casella 2 è per registrare le condizioni che contribuiscono. Il riquadro 1, il riquadro della causa della morte, ha quattro righe: la prima riga registra la causa immediata della morte, le righe rimanenti registrano qualsiasi condizione che ha portato alla causa immediata della morte, con l’ultima riga che contiene la causa sottostante della morte. L’idea è di registrare la sequenza di eventi che hanno portato alla morte.

Per fare un esempio. Una persona con diabete muore per un attacco di cuore, che è stato causato da una malattia cardiaca.

Così la prima riga nel Box 1 contiene ‘Myocardial Infarction’ (il nome clinico per un attacco di cuore) perché un attacco di cuore è stata la causa immediata della morte. La seconda riga contiene ‘Ischaemic Heart Disease’ (il nome clinico per la malattia cardiaca) perché questa è la causa sottostante della morte. Questa è la condizione che ha iniziato la sequenza di eventi che sono culminati nella morte della persona: la malattia cardiaca ha portato ad un attacco di cuore.

Le rimanenti righe del riquadro 1 sono lasciate in bianco perché questa persona non aveva altre condizioni che hanno contribuito alla sequenza di eventi che hanno portato alla sua morte. Il diabete è registrato nella casella 2 perché è una condizione che ha contribuito, piuttosto che essere parte della sequenza di eventi che ha portato alla morte. Questo decesso sarà registrato come malattia cardiaca ischemica (o semplicemente malattia cardiaca) perché questa è la causa di fondo della morte.

Un altro esempio. Una persona muore per un’emorragia interna dovuta alla rottura di un’arteria a seguito di un incidente stradale.

La prima riga del riquadro 1 contiene ‘Emorragia interna’ perché questa è la causa immediata della morte. La seconda riga contiene ‘Rottura di un’arteria’ perché questo è ciò che ha portato all’emorragia interna. La terza riga contiene ‘Road Traffic Accident’, perché questa è stata la causa di fondo della morte: è stato un incidente stradale che ha iniziato la sequenza di eventi che ha portato alla morte.

In questo caso, la casella 2 è lasciata vuota perché non ci sono state condizioni che hanno contribuito. Quindi, l’incidente stradale ha portato alla rottura dell’arteria che ha portato all’emorragia interna. Questa morte sarà registrata come un incidente stradale.

Le linee guida dell’OMS definiscono una morte da Covid-19 come “una morte risultante da una malattia clinicamente compatibile, in un caso probabile o confermato di COVID-19, a meno che non ci sia una chiara causa alternativa di morte che non possa essere collegata alla malattia COVID (per esempio un trauma)”. Si tratta di una definizione estremamente vaga e che permette un’interpretazione piuttosto ampia di ciò che può essere considerato un decesso da Covid-19.

Come si può vedere dal sito web dell’HSE o da quello del NHS del Regno Unito, c’è una grande sovrapposizione tra i sintomi del Covid-19 e quelli di qualsiasi numero di altre condizioni respiratorie o Influenza Like Illnesses (ILIs). Ognuna di queste altre condizioni può essere considerata una “malattia clinicamente compatibile”.

Noterete che il Covid non deve essere confermato: un caso “probabile” è sufficiente per essere incluso come morte. Come dice Dr. No, “Se sembra Covid-19, è Covid-19”.

La guida continua:

Un decesso dovuto al COVID-19 non può essere attribuito a un’altra malattia (per esempio il cancro) e deve essere contato indipendentemente dalle condizioni preesistenti che si sospetta possano innescare un decorso grave di COVID-19″.

Questo è molto importante. Quello che viene detto qui ai medici è che, quando hanno identificato un decesso per Covid-19 (usando la definizione libera “se sembra Covid”), allora indipendentemente da qualsiasi condizione preesistente che può aver innescato il Covid-19 grave, il decesso deve essere registrato e conteggiato come un decesso per Covid-19. Questo va contro tutte le convenzioni per identificare la causa della morte.

Quindi come si collega questo al nostro modulo MCCD? Bene, nei nostri esempi precedenti di qualcuno che muore per un attacco di cuore e qualcuno che muore in un incidente stradale, non ci dovrebbe essere alcuna differenza nel modo in cui le morti sono registrate. In tutta onestà, l’OMS è abbastanza chiara nella sua guida che questi due tipi di morte non dovrebbero essere registrati come Covid-19.

(Sfortunatamente, questo non ha fermato le autorità troppo zelanti in tutto il mondo dal registrare l’insufficienza cardiaca, gli incidenti automobilistici, i suicidi e gli omicidi come morti per Covid).

Tuttavia, quando si tratta della maggior parte degli altri tipi di morte, cominciamo ad entrare in acque torbide: prendiamo l’esempio di una persona che muore di polmonite, causata dall’immobilizzazione, che a sua volta è stata causata dalla sclerosi multipla.

In questo caso, la causa della morte è la sclerosi multipla. Perché? Perché la sclerosi multipla ha portato all’immobilizzazione che ha portato alla polmonite. Quindi questa morte sarà registrata come sclerosi multipla.

Ora, immaginiamo che questa persona sia risultata positiva al Covid-19.

Notate qualcosa di strano? A causa delle linee guida dell’OMS, la causa principale della morte non è più la sclerosi multipla, ma è invece il Covid-19. La sclerosi multipla (e l’immobilizzazione) viene spostata nella casella 2, ora è stata relegata a condizione contributiva. Questa morte sarà registrata come Covid-19. Ricordate che l’OMS ha detto nelle sue linee guida:

Una morte dovuta al Covid-19 non può essere attribuita a un’altra malattia e dovrebbe essere contata indipendentemente dalle condizioni preesistenti”.

Un ulteriore problema con l’esempio di cui sopra è che la presenza di Covid-19 è determinata solo sulla base di un risultato positivo del test PCR.

Secondo le istruzioni di codifica clinica dell’OMS, una morte deve essere registrata come Covid-19 se il paziente ha ricevuto un risultato positivo del test, anche se non ha mai mostrato alcun sintomo.

Esaminerò i problemi con i test PCR in un prossimo articolo, ma è sufficiente dire qui che sono notoriamente inaffidabili, e anche l’OMS stessa avverte della loro tendenza a produrre risultati falso-positivi.

Così qui abbiamo il caso di un individuo sfortunato la cui sclerosi multipla, nel corso di molti anni, ha causato l’immobilità. L’immobilità, purtroppo, può portare alla polmonite che, soprattutto per le persone anziane e/o immunocompromesse, spesso porta alla morte. Tuttavia, a causa della guida dell’OMS, la sola presenza di un risultato PCR positivo significa che tutta la loro storia medica, l’intera catena di eventi che ha portato alla morte della persona, viene messa da parte e sostituita dalla spiegazione fuorviante di Covid-19.

Ma il problema va ancora più in profondità. Ricorderete che la definizione dell’OMS di una morte per Covid-19 include casi “probabili” così come quelli “confermati”. Il nostro ultimo esempio descrive un individuo che muore per una sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS), causata da una polmonite, a sua volta causata da un disturbo polmonare ostruttivo cronico (COPD).

Come potete vedere, la causa di fondo della morte è la BPCO, che ha portato alla polmonite, che ha portato all’ARDS. Questa morte sarà ovviamente registrata come BPCO.

Ma cosa succederebbe se questa persona avesse avuto contatti con qualcuno noto per avere la Covid-19 o anche con una persona sospettata di averla? Ecco cosa accadrebbe alla MCCD:

La causa di morte sottostante è ora il “sospetto Covid-19”, che, nelle cifre che vediamo nei notiziari notturni e nella stragrande maggioranza delle statistiche rese disponibili dai governi, è trattato esattamente allo stesso modo di una morte confermata di Covid-19. Le istruzioni di codifica clinica dell’OMS insistono sul fatto che lo sia, a condizione che il defunto abbia avuto “contatti con (un) caso confermato o probabile”. La BPCO che ha causato la polmonite di questa persona viene messa da parte, non si considera più che abbia avuto un ruolo nella sequenza di eventi che hanno portato alla sua morte.

Questo è assurdo. Eppure questo è il modo in cui i decessi in tutto il mondo vengono ora registrati.

Se qualcuno sta morendo di malattie cardiache, epatiche, respiratorie, cancro, demenza o qualsiasi altra malattia terminale, e ha un test PCR positivo o è stato semplicemente in contatto con qualcuno sospettato di avere il Covid, la sua morte è ora registrata e contata come una morte da Covid-19.

BuyBitcoinswithVisaMcCard

Qualsiasi condizione preesistente, non importa quanto grave e non importa quale parte abbia giocato nella loro morte finale, viene spostata nella casella 2 dell’MCCD e non registrata come causa di morte. Le linee guida dell’OMS affermano, nella sezione intitolata “Comorbidità”, che “se il deceduto aveva condizioni croniche preesistenti… dovrebbero essere riportate nella parte 2 del certificato medico di causa di morte”.

Le condizioni che per più di settant’anni, dall’introduzione del modulo MCCD, sono state intese come cause di base della morte, vengono ora ribattezzate come fattori contribuenti. Tutto per far posto al potente Covid.

Il risultato è una massiccia inflazione del numero di morti per Covid-19. Come dice Patrick O’Connor, il medico legale di Mayo, parlando dei malati terminali,

Se risultano positivi al Covid in un test, è questo (il Covid) che viene registrato come causa principale della morte – anche se quella persona potrebbe essere stata malata terminale con una breve aspettativa di vita prima di tale test”.

E, come abbiamo visto, un test non è nemmeno necessario, poiché le linee guida dell’OMS istruiscono i medici a includere nei conteggi i “probabili” con malattie “clinicamente compatibili”.

Patrick O’Connor

Anche prima che l’OMS pubblicasse le sue linee guida il 16 aprile dello scorso anno, le autorità italiane avevano usato un metodo simile per registrare i decessi da Covid, con l’88% dei pazienti lì (fino al 20 marzo 2020) che avevano almeno una comorbidità e molti ne avevano due o tre.

Oltre a gonfiare enormemente il numero di morti da Covid-19, questo bizzarro modo di contare distorce anche il tasso di mortalità della malattia, facendola sembrare molto più mortale di quanto sia in realtà.

Nel 2020, un totale di 73.444 persone sono morte in Inghilterra e Galles con il Covid-19 registrato come causa di morte. In risposta a una richiesta di libertà di informazione, il 29 marzo 2021, l’Ufficio di Statistica Nazionale del Regno Unito ha rivelato che solo 9.400 (12,8%) di quel numero sono stati registrati senza condizioni preesistenti.

Il 3 luglio scorso, l’allora Taoiseach ad interim dell’Irlanda, Leo Varadkar, ha twittato,

In Irlanda abbiamo contato tutti i decessi in tutti i contesti, i casi sospetti anche quando non è stato fatto alcun test di laboratorio, e abbiamo incluso persone con malattie terminali sottostanti che sono morte con il Covid ma non per questo”

Hosting WordPress

…rivelando che i numeri delle morti per Covid-19 in Irlanda erano ampiamente esagerati e non riflettevano in alcun modo la letalità della malattia in questo paese.

Anche se le statistiche di morte complete per il 2020 non sono ancora state rese disponibili per l’Irlanda, due settimane fa il coroner di Kildare, il professor Denis Cusack, ha pubblicato un rapporto che analizza le morti in quella contea durante la pandemia. Su 230 decessi registrati con il Covid-19 come causa, 228 (99,13%) avevano condizioni preesistenti.

Avrei pensato che questa fosse una scoperta significativa, che meno dell’1% delle persone morte per il Covid-19 nella contea di Kildare non avevano comorbidità. Ma, come qualsiasi altra cosa che non si adatta alla loro campagna di terrore contro il popolo irlandese, i media irlandesi non ne volevano sapere.

Mentre sia la RTE che l’Irish Times hanno dato copertura al rapporto del professor Cusack, nessuno dei due aveva niente da dire sul 99,13% dei morti di Covid di Kildare che avevano condizioni mediche preesistenti. Né si è parlato del fatto che l’età media della morte in questa coorte era di 82,2 anni.

Entrambi i servizi giornalistici hanno invece scelto di concentrarsi su aspetti selezionati del rapporto che hanno usato per sostenere la narrazione del “virus letale” che hanno a lungo favorito. Si tratta di censura? Forse è solo un giornalismo estremamente povero.

Il totale delle morti è uno dei pilastri che sostiene tutta questa farsa. La narrazione di una pandemia mortale non avrebbe mai funzionato senza l’impressione di un enorme numero di vittime, innumerevoli vite “perse a Covid”. I cambiamenti senza precedenti nel modo di contare le morti hanno permesso che ciò accadesse.

Si potrebbe immaginare che un cambiamento così fondamentale, che ha avuto un impatto così colossale su ogni uomo, donna e bambino del pianeta, sarebbe stato ampiamente riportato e discusso. Eppure è quasi impossibile trovarne una menzione da qualche parte nei media tradizionali.

Anche se la maggior parte di noi ha sofferto e continuerà a soffrire sotto il tallone dei draconiani regolamenti Covid, alcuni hanno tratto grande profitto da questo fiasco. Abbiamo visto come gli allarmi sanitari sono stati manipolati per guadagnare in passato, nessuno più della pandemia di influenza suina che non c’è mai stata, nel 2009, quando i governi, l’OMS e le corporazioni farmaceutiche si sono accordati per trarre profitto a nostre spese.

C’è bisogno di un’indagine urgente, su scala globale, per scoprire come è stata permessa la pantomima di Covid. E ne abbiamo bisogno in Irlanda, per determinare chi sapeva cosa e quando, ed esattamente chi ne ha beneficiato.

L’attuale narrazione che viene diffusa in Irlanda è che siamo vicini a “trovare una via d’uscita” dall’isolamento e che, se ci comportiamo bene, ci potrebbero essere concesse alcune libertà limitate durante l’estate. Questo non è sorprendente. Stiamo arrivando alla fine della stagione dei coronavirus, il che significa che è molto più difficile gonfiare i ‘casi’. E poiché i tassi di mortalità nell’emisfero settentrionale sono tipicamente al loro minimo durante i mesi estivi, non è così facile attribuire un enorme numero di morti al Covid-19. È stato lo stesso la scorsa estate.

Ma il governo si è preparato per questo. Ci sono già 5 centri di test walk-in in funzione in Irlanda, con molti altri in programma – un modo perfetto per aumentare i numeri e tenerci sulle spine per i mesi estivi. E, naturalmente, il governo si riserva il diritto, in qualsiasi momento, di riportarci tutti in isolamento.

Allo stesso tempo, è stato reso abbondantemente chiaro che qualsiasi libertà limitata che ci sarà concessa sarà condizionata alla vaccinazione di massa e, tra non molto, ai passaporti vaccinali e all’identità digitale.

E non dimenticate che la stagione dei coronavirus si ripresenta a settembre. Ma, come abbiamo visto, la letalità di questa malattia, per la quale abbiamo cambiato radicalmente il nostro modo di vivere e abbiamo rinunciato a tanta parte della nostra libertà, è stata gonfiata a dismisura dal modo fraudolento in cui vengono registrati i decessi.

Abbiamo sofferto sotto l’austerità per un decennio. È difficile credere che gli stessi politici che hanno decimato il nostro servizio sanitario, causando disagi e morti indicibili, ora vogliano proteggerci.

Abbiamo fiducia che stiano spendendo i nostri soldi onestamente e saggiamente? Quanto viene speso per la vaccinazione di massa, i test, la tracciabilità, l’infrastruttura del passaporto del vaccino? E qual è il costo del periodo di Covid per la nostra economia? Tutto questo circo si prende gioco degli anni di austerità e di tutte le persone che hanno sofferto a causa loro.

Poi c’è il costo per la nostra salute.

Molti hanno perso la vita a causa di questo inganno, ma non si vede un totale delle loro morti al telegiornale ogni sera. Quanti sono morti a causa della mancanza di assistenza sanitaria primaria, che è stata messa da parte e trascurata, sacrificata sull’altare del Covid? Quanti interventi chirurgici cancellati e screening mancati? E quelli che avevano urgente bisogno di cure e che erano troppo spaventati per andare in ospedale? E quelli che sono stati respinti prima ancora di raggiungere un ospedale, perché i Guardiani a un posto di blocco hanno ritenuto il loro bisogno non sufficientemente urgente?

La salute mentale della nostra nazione è andata in picchiata, non a causa di Covid ma a causa delle chiusure e di altre sanzioni ingiustificate contro il nostro popolo. Solitudine, depressione e disperazione hanno preso il loro pedaggio. Il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie degli Stati Uniti (CDC), difficilmente una roccaforte radicale anti-lockdown, ha stimato che un terzo di tutta la mortalità in eccesso negli Stati Uniti durante il 2020 era dovuta a ragioni diverse dal Covid-19.

Siamo stati ingannati. Quando fatti importanti vengono lasciati fuori da una narrazione per favorire un’idea sbagliata, lo chiamiamo mentire per omissione.

Siamo stati ingannati da politici, funzionari della sanità pubblica, ricchi baroni dei media e i tirapiedi che scrivono per loro. E abbiamo pagato un prezzo terribile.

Nel crepuscolo della nostra libertà, è il momento di lottare per la verità.

Bernard Marx

Fonte: Off Guardian

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.







Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code