toba60

Rituali Occulti e Programmazione Predittiva: Liberarsi dall’Egregore il Potente Fenomeno che Condiziona gli Esseri Umani

Non fatevi condizionare dai tanti luoghi comuni, la realtà virtuale che il mondo intero fa suo sempre piú suo, nasce dalla conoscenza di poche e semplici nozioni che vengono con estrema attenzione occultate da pochi eletti che sanno molto bene cosa vogliono….

Toba60

Rituali Occulti e Programmazione Predittiva

Questo saggio è un tentativo di rispondere alla seguente domanda: Come possiamo prendere il controllo della nostra vita quando siamo influenzati da cose che non capiamo?

Johann Woflgang von Goethe

Fu Johann Woflgang von Goethe a dire che “nessuno è più irrimediabilmente schiavo di chi crede falsamente di essere libero”. La verità è che viviamo in un mondo di informazioni, molte delle quali non sono né vere né utili. Ciononostante, certe informazioni che incontriamo risuonano con noi e quindi influenzano inevitabilmente i nostri pensieri, credenze e azioni.

Molti di noi operano con un certo livello di ingenuità infantile nel senso che siamo naturalmente fiduciosi e accettanti e scegliamo di vedere il bene nelle persone piuttosto che il male. Mentre questo approccio alla vita è da celebrare, l’incapacità di proteggere la nostra mente conscia e inconscia da forze meno congeniali può portare a una manipolazione di proporzioni sconfinate.

Mentre tendiamo a pensare alle nostre emozioni, credenze, pensieri e atteggiamenti come interamente personali, c’è un aspetto della nostra esperienza che risiede nella coscienza collettiva. Infatti, quando certi pensieri ed emozioni sono amplificati attraverso l’energia di un gruppo, questo può portare alla creazione di ciò che gli esoteristi chiamano un “egregore”.

Gli egregori non sono intrinsecamente buoni o cattivi (possono potenziarci o renderci schiavi). Tuttavia, se il nostro obiettivo finale è la completa libertà spirituale, allora essere consapevoli dell’esistenza e dell’influenza degli egreghi nella nostra vita quotidiana è della massima importanza.

Cos’è un Egregore?

“Egregore” è un termine usato nella letteratura occulta ed esoterica per descrivere un potente fenomeno che può influenzare le persone a livello spirituale e psicologico. In certa letteratura, gli egreghi sono descritti come “entità psichiche”, capaci di agire con un livello di autonomia.

Infatti, la definizione più comune di un egregore è una “entità psichica autonoma composta da e che influenza i pensieri di un gruppo di persone”. Questa definizione, anche se utile, non riesce a racchiudere un aspetto importante degli egreghi di cui si scrive spesso nella letteratura esoterica più antica, e cioè che, oltre ad essere entità psichiche, sono condotti per intelligenze non umane.

BuyBitcoinFiveMinute

Alcuni scrittori sostengono che gli egreghi forniscono un collegamento tra il nostro mondo materiale e le dimensioni invisibili, e quindi, rappresentano una fonte di potere che può essere sfruttato attraverso la pratica occulto-magica.

Un’altra interessante definizione degli egreghi è offerta da Mouni Sadhu, un occultista polacco, nel suo libro I Tarocchi:

Un’entità collettiva, come una nazione, uno stato, religioni e sette e i loro aderenti, e anche organizzazioni umane minori. La struttura degli egreghi è simile a quella degli esseri umani. Hanno corpi fisici (cioè, collettivamente tutti i corpi di coloro che appartengono al particolare egregore) e anche astrali e mentali; l’Egregore è la somma di tutti questi elementi.

Qui è importante notare ciò che Mouni sta dicendo: gli egreghi sono creati dalle credenze e dai pensieri collettivi di gruppi di persone. In altre parole, gli egreghi sono un prodotto della Mente di Gruppo.

La Mente di Gruppo

Tecnicamente parlando, “mente di gruppo” è il termine errato per le credenze, i pensieri e i desideri collettivi che portano alla creazione degli egreghi. Questo è più correttamente definito come la coscienza collettiva, cioè le credenze e i desideri collettivi comuni ad un certo gruppo sociale.

“Mente di gruppo”, invece, si riferisce a una coscienza unica e unificata, creata attraverso l’assimilazione di agenti coscienti individuali. Questo, possiamo tranquillamente dire, non esiste ancora (anche se, lo sviluppo di impianti cerebrali, come Neuralink, lo renderà possibile abbastanza presto). Dove appare in questo saggio, il termine “mente di gruppo” dovrebbe essere pensato come sinonimo di “coscienza collettiva”.

È interessante notare che, anche se tendiamo a pensare alla coscienza come un’esperienza privata e individuale, la parola stessa ha le sue radici nel concetto di “consapevolezza condivisa”. La parola “coscienza” ha le sue origini nelle parole latine “Cum” (“insieme a”) e “Scire” (“sapere”). Molti psicologi sono d’accordo che la coscienza collettiva è un fenomeno reale e che lo sperimentiamo ogni giorno della nostra vita.

Inoltre, l’esperienza umana dimostra chiaramente che è così; la coscienza collettiva è un aspetto comune delle famiglie, delle tribù, dei gruppi etnici e delle riunioni religiose. Così l’esistenza della Mente di Gruppo apre la possibilità della manipolazione di massa di gruppi di persone.

Ed è nei circoli occulti che i metodi di controllo mentale sono più ben compresi. Infatti, come afferma Michael Hoffman nel suo libro Secret Societies and Psychological Warfare,

La criptocrazia occulta elabora la mente di gruppo delle masse principalmente attraverso lo psicodramma.

In modo inquietante, secondo Hoffman, una di queste tecniche usate dalla “criptocrazia occulta” per influenzare la mente del gruppo è l’omicidio rituale.

L’omicidio rituale è il controllo della mente. Non è sempre una compensazione terrena per manomissioni sacrileghe. Può essere cerimoniale, possedendo una liturgia che usa il linguaggio crepuscolare per imprimere la Mente di Gruppo, l’entità che si forma psichicamente quando un gran numero di persone si concentra intensamente sullo stesso oggetto, immagine o simbolo.

(“Linguaggio crepuscolare” si riferisce ad un sistema di comunicazione segreto che coinvolge elementi visivi, verbali e non verbali. Secondo Hoffman, nelle società segrete, il “linguaggio crepuscolare” era pubblicizzato come “la chiave della conoscenza divina”).

Anche se non lo dichiara esplicitamente, Hoffman si riferisce al concetto di egregores equiparando la Mente di Gruppo ad una “entità che si forma psichicamente quando un gran numero di persone si concentra intensamente sullo stesso oggetto, immagine o simbolo”. Egli divulga anche un’importante tecnica per la loro creazione e manipolazione: il rituale.

Il potere del rituale

Josclyn Godwin crede che l’ascesa e la caduta delle nazioni sia intimamente legata alle loro relazioni con i vari dei. Crede che tali dei siano/erano entità reali, ma non attribuisce loro la natura onnipotente che la gente spesso associa agli dei.

Invece, crede che tali dèi siano egreghi – entità psichiche, create dalla devozione e dalle credenze di grandi gruppi di persone. In altre parole, gli “dei” hanno bisogno della religione umana più di quanto ne abbiano gli umani.

Come afferma Godwin, la cosa più importante da capire è che gli egreghi “sono aumentati dalla credenza umana, dal rituale e soprattutto dal sacrificio”.

Secondo Godwin, se sufficientemente nutrito da tali pratiche, l’egregore può prendere una vita propria e apparire come una divinità indipendente e personale, con un potere limitato a favore dei suoi devoti e un appetito illimitato per ulteriori devozioni. Si crede allora che sia un dio o una dea immortale, un angelo o un daimon.

Ora abbiamo un quadro di riferimento per comprendere la pratica del rituale occulto, che spesso implica un sacrificio, che possiamo razionalizzare come un mezzo magico per energizzare e sostenere un egregore, cioè offrire la propria energia/devozione in cambio del potere posseduto dall’entità psichica che si è scelto di adorare.

Sebbene Hollywood abbia reso popolare l’idea che i rituali occulti siano eseguiti solo da personaggi incappucciati in stanze poco illuminate, in realtà, tali rituali sono spesso eseguiti in pieno giorno, durante il quale sono volutamente trasmessi a milioni di persone in tutto il mondo.

Come scrive Hoffman

Nei crimini occulti, l’obiettivo non è lineare, cioè non è unicamente legato al raggiungimento degli effetti immediati dell’attacco sulla vittima, ma può in realtà essere una parte di un rituale più grande, simbolico, amplificato dal potere dei media elettronici, allo scopo dell’elaborazione alchemica della mente di gruppo subconscia delle masse.

Anche se è il rituale iniziale che viene percepito dal pubblico come un evento singolare e distruttivo, questo è semplicemente progettato come un catalizzatore per il “piegamento della realtà”, risultante in una reazione a catena di catastrofe sincronica.

Piegare la realtà

L’evocazione di un egregore può far sì che si verifichino sincronicamente eventi che rispecchiano il funzionamento iniziale del rituale. In altre parole, una volta sufficientemente energizzato, un egregore può iniziare ad influenzare il mondo materiale, provocando ulteriori catastrofi.

Come dice Hoffman,

…la natura del funzionamento del rituale primario è tale che non ogni anello risultante nella catena della catastrofe è il prodotto dell’agenzia umana diretta, ma piuttosto del rapporto contagioso che la forza catastrofica esibisce dall’invocazione simbolica e sincronica messa in moto dal rituale primario…

Il rituale iniziale da solo non è sufficiente a sostenere l’egregore, per questo è necessaria più energia. Questo è il motivo per cui tali eventi sono trasmessi attraverso i media, consegnati nelle menti consce e subconsce del pubblico ignaro; comprando la propaganda e accettando la storia, la gente dà la sua energia all’egregore, sostenendo inavvertitamente ciò che condanna.

L’11 settembre 2001, ogni schermo televisivo del mondo presentava l’immagine degli edifici in fiamme. Nel gennaio 2020, tutti i media del mondo iniziarono a promuovere incessantemente la narrazione del “coronavirus” in via di sviluppo (pochi si resero conto che l’unico virus era quello che veniva deliberatamente impiantato nella loro mente).

In effetti, tali rituali sono accuratamente costruiti in modo che possano attirare ulteriore simbolismo e sincronicità, un tratto che il massone Anton Mesmer chiamava “fascino”.

Date un’occhiata all’immagine qui sopra. A sinistra c’è la famosa immagine di un saltatore dell’11 settembre conosciuta come “l’uomo che cade”. Notate come sta cadendo nella stessa posizione dell’Impiccato dei Tarocchi. Era un evento attentamente pianificato, una semplice coincidenza o una sincronicità che si è evoluta dal rituale massonico iniziale?

Come sono costruiti questi rituali? Il processo inizia con la programmazione predittiva la creazione di un “copione virtuale” che viene fatto circolare tra le masse sotto forma di un film, un libro o un programma televisivo fittizio.

Come afferma Hoffman:

In certi rituali del crimine un’opera sincronica di letteratura, di solito di finzione, appare prima che i crimini vengano perpetrati, servendo come un copione virtuale.

In alcuni casi, il “copione virtuale” è una palese rivelazione di ciò che sta per arrivare, aggiungendo più potere al rituale quando viene finalmente eseguito.

Il copione virtuale

Le opere di finzione sono spesso usate come veicoli per la messaggistica subliminale, o in molti casi, la messaggistica palese che è progettata per condizionare il pubblico ad un certo modo di pensare e quindi prepararlo per le “cose a venire”.

La programmazione predittiva ha l’effetto di elaborare la Mente di Gruppo attraverso la manipolazione di simboli, trame e archetipi. Hollywood è un primo esempio di come viene effettuata questa messaggistica.

La “finzione”, pur essendo irreale nel senso che non rappresenta la nostra realtà quotidiana, occupa un posto molto reale nella psiche dell’individuo dove può subire un periodo di “gestazione” prima di materializzarsi come una sorta di profezia che si autoavvera. In altre parole, un’opera di fiction è, per molti versi, uno strumento di manipolazione della realtà e quindi un potente aspetto della guerra psicologica.

Ecco un esempio. La famosa serie di romanzi di Arthur C. Clarke che inizia con 2001: Odissea nello spazio (che è stato anche trasformato in un film diretto da Stanley Kubrick), dettaglia l’ascesa dell’umanità sull’albero dell’evoluzione, aiutata dalla tecnologia e dall’IA. Il sequel del romanzo, 2010, rivela l’esistenza di una civiltà di Star Child e nel 3001, l’uomo si è fuso con la macchina per diventare un dio, in grado di attraversare la galassia.

Nella foto sopra è l’entità transumana chiamata HALMAN, formata attraverso la sintesi dell’astronauta umano Bowman e l’intelligenza artificiale HAL9000.

The Matrix è un altro classico masterscript transumanista. Tra le altre scene inquietanti, il film mostra la crescita di bambini umani in uteri artificiali. I feti vengono alla fine trasferiti alla Centrale Elettrica, dove la loro energia bioelettrica e il loro potere di elaborazione neurale vengono usati come energia per le macchine. Completamente convinti di essere vivi e vegeti sulla Terra a cavallo del 21° secolo, la mente di ogni umano esiste in realtà all’interno di una realtà virtuale condivisa e neurale-interattiva.

È interessante notare che durante l’interrogatorio di NEO da parte dell’agente Smith, viene rivelato che il suo passaporto scade l’11 settembre 2001. The Matrix è andato in onda nel 1999.

Ci sono innumerevoli altri esempi dell’uso del “linguaggio crepuscolare” e del foreshadowing nei film di finzione per preparare il pubblico a ciò che verrà. Un esempio più recente di questo è il film del 2011, Contagion.

Qui sopra è un’immagine promozionale usata per il film. Contagion non era che uno dei MOLTI film sui virus che sono stati rilasciati in vista della truffa del Covid. Il film riguarda un nuovo virus (che ha origine in Cina!) e che si diffonde attraverso goccioline respiratorie. Dopo aver fatto uno show del “teorico della cospirazione” Alan Krumwiede che blogga sulle cure naturali, finalmente viene creato un vaccino che salva il mondo. Da notare lo slogan del film: Niente si diffonde come la paura.

Ormai dovrebbe essere chiaro che lo scopo di Hollywood e dei media in generale, è quello di creare un egregore. Questo porta alla domanda: cosa possiamo fare per fermarli?

Liberarsi dall’influenza degli egreghi

Se creiamo egreghi attraverso i nostri pensieri, desideri e credenze, è logico che possiamo anche distruggerli, o almeno liberarci dalla loro influenza.

Non tutti gli egreghi sono cattivi, sono semplicemente espressioni delle nostre energie e credenze condivise. Le emozioni sono ciò che dirigono e guidano le nostre azioni, ma sono anche cibo per gli egreghi. Ecco perché i rituali occulti sono spesso progettati per scatenare paura e panico diffusi (questo è un mezzo per alimentare e sostenere l’egregore).

La chiave per superare l’influenza degli egreghi nefasti è essere consapevoli dei nostri pensieri, credenze e sentimenti. Rafforzare il nostro discernimento porta ad una migliore percezione, che ci permette di de-energizzare l’egregore sganciandoci consapevolmente dalle sue grinfie.

Un egregore che è sostenuto, consciamente o inconsciamente, da milioni di persone non è facile da distruggere. Tuttavia, possiamo liberarci dalla sua influenza semplicemente limitando la nostra connessione e il contatto con i membri, i rituali, i simboli e le attività associate all’egregore e le persone che lo ancorano al mondo materiale.
Riferimenti

Michael Hoffman. Mark Stavish.

Fonte: newbraveworld.org

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 1

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code