toba60

Sfruttare Quantità illimitate di Energia Direttamente dal Tessuto dello Spazio

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

E’ testo molto complesso, ma per gli addetti ai lavori non dovrebbe essere un problema, nella stesura di questa ricerca alcune immagini sono andate perse, il testo e’ stato reperito da degli archivi e ci siamo presi la briga di inserire dei filmati di cui alcuni datati e un ampia documentazione di brevetti dell’autore dove potete liberamente scaricarli e per chi non ha molta dimestichezza con la materia abbiamo pensato pure a loro con un video in Italiano molto facile da capire che speriamo li possa stimolare ad approfondire questo meraviglioso mondo.

Toccando l’energia del punto zero

Riassunto

L’ipotesi di attingere all’energia del punto zero (ZPE) nasce combinando le teorie dello ZPE con le teorie dell’auto-organizzazione dei sistemi. La polarizzazione a vuoto dei nuclei atomici potrebbe permettere al loro movimento sincrono di attivare una coerenza ZPE.

Le anomalie ionico-acustiche del plasma osservate sperimentalmente, così come le invenzioni che utilizzano i moti cicloidali degli ioni, possono offrire prove a sostegno. L’esperimento suggerito di far circolare rapidamente un plasma carico in un anello vorticoso potrebbe indurre un’interazione di energia del punto zero sufficiente a manifestare un’anomalia gravitazionale. Un’invenzione che utilizza una brusca rotazione del campo E per creare una carica virtuale mostra una produzione di energia eccessiva.

INTRODUZIONE

La fisica odierna potrebbe consentire la possibilità di attingere quantità virtualmente illimitate di energia direttamente dal tessuto dello spazio.

Tale sorprendente congettura nasce dalla fusione di due aree teoriche separate della fisica moderna:

1) Le teorie dell’energia del punto zero (1-5) (ZPE) che modellano il vuoto come contenente fluttuazioni reali ed energetiche dell’energia del campo elettrico.

2) Le teorie dell’auto-organizzazione dei sistemi non solo aprono la possibilità di indurre coerenza in questa energia, ma forniscono anche i principi di base su come questo potrebbe essere ottenuto.

All’inizio questa ipotesi potrebbe sembrare una palese violazione della conservazione dell’energia. Ma la domanda chiave è:

L’energia del punto zero esiste VERAMENTE?

Se è così, una vera energia è già presente e la sua conservazione non sarebbe un problema.

Il vero problema è come le fluttuazioni casuali possano diventare coerenti.

Qualsiasi coerenza spontanea sembra violare la seconda legge della termodinamica, che è generalmente intesa nel senso che i sistemi dovrebbero evolvere verso un comportamento casuale, non verso la coerenza.

Questo punto è discusso a fondo nelle teorie dell’auto-organizzazione dei sistemi. Prigogine ha vinto il premio Nobel per la chimica nel 1977 per aver definito le condizioni in cui un sistema può evolvere dalla casualità verso la coerenza. Le condizioni sono che il sistema deve essere lontano dall’equilibrio, non lineare nella sua dinamica e avere un flusso di energia attraverso di esso. Queste condizioni sono espresse in termini generali di teoria dei sistemi, e si scopre che le teorie già pubblicate della ZPE possono, in certe circostanze, soddisfare queste condizioni.

Nonostante l’intrigante possibilità offerta dalla teoria dei sistemi, nessuna discussione puramente teorica potrebbe mai provare che l’energia del punto zero possa essere sfruttata come fonte di energia. Solo un esperimento abbinato alla teoria sarebbe convincente. Questo articolo discute come le anomalie osservate associate alle oscillazioni ionico-acustiche nei plasmi potrebbero essere una manifestazione di un’interazione ZPE coerente e, in particolare, come il moto cicloidale dei nuclei di un plasma potrebbe indurre una coerenza ZPE sufficiente a manifestare un’anomalia gravitazionale.

L’Energia del Punto Zero Video (Ita)

Questo articolo evidenzia anche un’invenzione che utilizza la brusca rotazione dei campi elettrici per causare un’ipotetica produzione in coppia di cariche virtuali dall’energia del vuoto attraverso un sistema macroscopico. L’invenzione, secondo quanto riferito, emette una potenza eccessiva durante il funzionamento libero. L’invenzione, secondo quanto riferito, emette una potenza eccessiva mentre funziona liberamente, e la sua completa divulgazione può costituire un esperimento che potrebbe essere ripetuto dalla comunità scientifica.

IL TESSUTO DELLO SPAZIO

Il tessuto dello spazio vuoto contiene davvero un plenum di energia? Questa domanda è stata dibattuta nel corso della storia della scienza.

I primi scienziati del XIX secolo credevano nell’esistenza di un etere, che veniva modellato come una sostanza materiale in grado di sostenere la propagazione ondulatoria della luce.

Il famoso esperimento Michelson-Morley non riuscì a rilevare l’atteso vento di etere prodotto dal movimento della terra attraverso di esso. A cavallo del secolo scorso Einstein usò questo risultato per sostenere la teoria della relatività speciale. Quando questa fu accettata, la comunità scientifica rifiutò l’esistenza dell’etere. Così i fisici classici arrivarono a considerare il vuoto dello spazio come veramente vuoto.

Il modello classico sarebbe durato solo fino agli anni ’30, quando la meccanica quantistica fu accettata. Dalla meccanica quantistica nacque un termine matematico nella descrizione dello stato fondamentale di qualsiasi sistema oscillante chiamato energia del punto zero.

Il termine “punto zero” si riferisce a zero gradi Kelvin, il che significa che questa energia esiste anche in assenza di qualsiasi calore. L’energia è stata interpretata come inerente al tessuto stesso dello spazio.

Dirac mostrò come la produzione di coppie elettrone-positrone potesse derivare dalle fluttuazioni del vuoto e nacque l’elettrodinamica quantistica.

Il principio di indeterminazione di Heisenberg permetteva ai sistemi di meccanica quantistica di “prendere in prestito” questa energia per brevi periodi di tempo. L’etere è tornato nella scienza non modellato come una sostanza materiale ma piuttosto come un’energia fluttuante in modo casuale.

Uno spazio pieno di fluttuazioni di flusso elettrico potrebbe essere coerente con la relatività speciale? Boyer dimostrò che, invocando il postulato di invarianza di Lorentz, la densità spettrale di energia p delle fluttuazioni del punto zero deve avere la forma particolare in funzione della frequenza w: p(w) = kw3 dove la costante k è legata alla costante di Planck. Questo risultato dà una base quantitativa alla teoria dell’elettrodinamica casuale che cerca di dimostrare che gli effetti della meccanica quantistica derivano dall’interazione della materia con l’energia del punto zero.

Questa relazione di frequenza cubica implica un risultato assurdo: la densità di energia dello ZPE IN OGNI PUNTO DELLO SPAZIO è INFINITA!

Un problema simile affligge l’elettrodinamica quantistica dove gli infiniti sono rinormalizzati. Un qualche tipo di cutoff di frequenza è necessario per creare una teoria finita e quantitativa.

Wheeler ha applicato la teoria della relatività generale alla ZPE per creare un cutoff naturale nella sua teoria della geometrodinamica. Nella relatività generale il tessuto dello spazio si curva in funzione della densità di energia.

Quando la densità diventa sufficientemente grande, lo spazio si stringe come se stesse formando un buco nero. Questo dà luogo alla formazione di strutture iperspaziali che Wheeler ha chiamato “wormholes”.

Il suo calcolo ha prodotto canali microscopici dell’ordine di 10-33 (al -33°) cm con una densità di energia (equivalente alla massa) di 10+94 (al 94°) grammi/cm3 (al cubo).

La visione risultante è che il tessuto dello spazio consiste nella formazione e nell’annichilimento costante di coppie di microscopici “mini” buchi neri e bianchi che incanalano il flusso elettrico dentro e fuori il nostro spazio tridimensionale.

Questi mini buchi manifestano una dinamica che potrebbe essere modellata come un plasma turbolento e virtuale che Wheeler chiama “schiuma quantistica”. In questa visione le particelle elementari sono come bolle o vortici derivanti dalla dinamica dell’energia del vuoto.

È possibile attingere a questa energia? All’inizio la risposta sembra essere no, poiché è estremamente difficile osservare sperimentalmente la sua esistenza; l’energia è onnipresente e un rivelatore RICHIEDE UNA DIFFERENZA DI ENERGIA per misurare l’intensità del campo. Tuttavia, le teorie dell’elettrodinamica quantistica indicano che tutte le particelle elementari interagiscono dinamicamente con lo ZPE dando luogo alla polarizzazione del vuoto. In particolare, l’elettrodinamica quantistica mostra che le diverse particelle elementari polarizzano il vuoto in modo diverso.

In un modello del primo ordine, gli elettroni, specialmente quelli della banda di conduzione, esibiscono un’interazione casuale simile a una nuvola eterea con le fluttuazioni del punto zero e sono effettivamente in equilibrio termodinamico con esso. Nessuna energia netta verrebbe assorbita da questo tipo di sistema.

Tuttavia, un nucleo atomico esibisce un modello di canali di polarizzazione del vuoto quasi stabili che convergono verso di esso. Questo può consentire la possibilità di guidare il sistema nucleo-ZPE fuori dall’equilibrio con un movimento brusco.

Questo soddisfa la prima condizione per l’auto-organizzazione del sistema.

Come anche le altre condizioni potrebbero essere soddisfatte può essere compreso modellando lo ZPE come un plasma virtuale. Come un plasma, è non lineare nel suo comportamento dinamico, può essere spinto fuori dall’equilibrio dal movimento brusco dei nuclei, e potrebbe essere sostenuto da un flusso di energia che interseca il nostro spazio tridimensionale da un superspazio dimensionale superiore.

Quest’ultimo punto è chiaramente il più speculativo. Se è vero, offre un’ENERGIA VIRTUALMENTE LIMITATA.

Si può sostenere al meglio notando che ci sono interpretazioni della meccanica quantistica e della teoria della relatività che implicano l’esistenza di uno spazio fisicamente reale, di dimensioni superiori, e la nozione di superspazio è ben discussa nella letteratura fisica.

È interessante notare che alcuni autori hanno riconosciuto che l’analisi matematica di un sistema non lineare che interagisce con lo ZPE mostra che l’energia potrebbe essere estratta, ma sono scettici a causa della mancanza di prove sperimentali.

OSCILLAZIONI IONICO-ACUSTICHE

La vera prova che l’energia del punto zero potrebbe diventare una fonte di energia può venire solo da un esperimento ripetibile. La discussione precedente suggerisce che il movimento dei nuclei di un plasma potrebbe essere un trasduttore efficace per interagire con lo ZPE.

Le oscillazioni coerenti dei nuclei in un plasma sono conosciute come il modo ionico-acustico e sono state associate con un comportamento anomalo del plasma che include elettroni in fuga, riscaldamento anomalo, resistenza anomala, e picchi di tensione ad alta frequenza. Queste anomalie potrebbero essere associate a un’interazione diretta ZPE che manifesta una polarizzazione macroscopica del vuoto ?

L’inventore T. Henry Moray ha sottolineato l’importanza delle oscillazioni ioniche nei tubi al plasma della sua invenzione che ha prodotto 50 kilowatt di potenza elettrica anomala negli anni ’30. La sua ben nota invenzione non poteva essere spiegata con la fisica dell’epoca, e lasciò perplessi tutti gli scienziati che investigarono il suo dispositivo.

Un altro esperimento in cui le oscillazioni coerenti dei nuclei potrebbero essere la fonte di calore anomalo è l’esperimento di “fusione fredda” elettrolitica di Pons e Fleischmann.

In questo esperimento i nuclei di deuterio occupano pozzi di potenziale poco profondi nei siti del reticolo cristallino del palladio. Qui i nuclei sono liberi di oscillare, ma generalmente si diffondono nei siti di reticolo adiacenti e liberi.

Tuttavia, nelle condizioni di supersaturazione del deuterio, tutti i siti del reticolo sono occupati, e i deuteroni all’interno di un grano cristallino di palladio potrebbero subire oscillazioni sincrone simili al calore ionico-acustico. Questa ipotesi prevede che l’effetto sarebbe notevolmente migliorato dalla sovrasaturazione di un singolo cristallo puro di palladio e che un impulso elettrico potrebbe innescare l’oscillazione.

Potrebbe anche essere possibile generare calore anomalo con esperimenti che utilizzano acqua ordinaria (anche se è più difficile vincolare i protoni ai siti del reticolo rispetto ai deuteroni). La difficoltà di ripetere l’anomalia di calore dell’esperimento di Pons/Fleischmann è probabilmente il primo esperimento ripetibile in cui almeno alcuni altri scienziati sono in grado di produrre un’anomalia energetica.

SPIRALI DI PLASMA

Altri ricercatori hanno affermato anomalie energetiche associate al comportamento del plasma. Il fisico del plasma russo, Chernetskii, dalle sue osservazioni di attività anomale di plasma energetico spiega che in condizioni appropriate un plasma interagisce direttamente con lo ZPE.

Egli ha recentemente affermato di aver creato un dispositivo al plasma che assorbe energia dalle fluttuazioni del vuoto quando le particelle del plasma subiscono un moto cicloidale.

Allo stesso modo le invenzioni di Searle, Spence, e Papp hanno anch’esse un moto cicloidale delle particelle nei plasmi all’interno dei loro dispositivi di produzione di energia.

L’illuminazione a sfera è un possibile candidato per un’interazione ZPE poiché è stata modellata come un plasmoide ad anello vorticoso. La fonte di energia necessaria per mantenere la sua persistenza deve essere localizzata all’interno della sfera poiché è stata osservata all’interno di ambienti schermati come aerei e sottomarini.

In un sottomarino un particolare tipo di interruttore l’ha lanciata in più occasioni. Il modello dell’anello vorticoso del fulmine a palla ha le sue particelle di plasma che subiscono un movimento cicloidale precessionale, e potrebbe quindi essere un esempio di coerenza energetica del punto zero che si verifica in natura.

Potrebbe anche essere possibile indurre il moto cicloidale dei nuclei all’interno di materiali magnetici allo stato solido come le ferriti. Quando la parete del dominio magnetico di una ferrite si muove, i dipoli magnetici microscopici ruotano. Questo supporta la propagazione di onde spinore non lineari attraverso la ferrite. Questa onda si accoppia direttamente al reticolo della ferrite causando un’onda spinore elastica e acustica. Questo provoca il movimento elicoidale dei nuclei della ferrite.

Se tale movimento induce una coerenza energetica del punto zero, allora le bobine di raccolta vicine potrebbero rilevare un’energia anomala. Tale ipotesi potrebbe aiutare a spiegare le invenzioni di “energia libera” di Coler e Sweet.

L’ipotesi del vortice di plasma-ZPE potrebbe anche essere applicata agli studi sui vortici d’acqua di Schauberger. Egli sostenne che l’acqua costretta a precessare attraverso tubi a spirale di forma speciale induceva un’anomalia energetica che causava un peculiare bagliore bluastro che appariva al centro del vortice.

Anche gli studi sul giroscopio di Laithwaite possono essere adatti all’ipotesi del vortice. Laithwaite ha osservato che un giroscopio in precessione che è stato spostato lungo un particolare percorso cicloidale mostrerebbe un’anomalia inerziale/gravitazionale.

ANOMALIE GRAVITAZIONALI

L’aspettativa di anomalie gravitazionali associate alla coerenza dell’energia del punto zero deriva direttamente dalla relatività generale.

La gravità è descritta come curvatura della metrica dello spazio-tempo indotta dal tensore sforzo-energia. Se l’energia punto zero ha l’enorme densità prevista da Wheeler, allora anche una leggera coerenza nella sua attività potrebbe curvare la metrica spazio-temporale locale producendo anomalie gravitazionali o temporali misurabili.

Un esperimento che alterasse il ritmo del tempo vicino all’apparato suggerirebbe il coinvolgimento dello ZPE. Puthoff ha recentemente esplorato quantitativamente il suggerimento di Sakarov che la gravità è intimamente accoppiata al comportamento dello ZPE, proponendo un modello in cui la gravità nasce direttamente dall’azione delle fluttuazioni del punto zero.

Un esperimento che producesse un’anomalia gravitazionale o temporale fornirebbe la prova che lo ZPE viene coerentizzato perché lo ZPE è l’unica energia abbastanza apprezzabile da indurre una curvatura metrica spazio-temporale con mezzi tecnologici.

Come si potrebbe dimostrare sperimentalmente una tale anomalia? Le idee presentate in questo articolo suggeriscono il seguente esperimento preliminare:

Un sistema di tubature viene modellato in un anello di vortici il cui rapporto di dimensioni poloidale/toroidale è simile ai plasmoidi osservati da Bostick nei suoi esperimenti.

The Energy Machine of T. Henry Moray: Zero-Point PDF

Fluido caricato o plasma viene pompato a circolare rapidamente attraverso l’anello del vortice. Si noti che il plasma è costretto a subire un movimento precessionale effettivo (una rotazione poloidale che si chiude in una rotazione toroidale).

Un cambiamento di peso nell’apparato o un cambiamento nel ritmo del tempo nelle vicinanze dell’apparato sosterrebbe la congettura proposta che un vortice di plasma ionico potrebbe indurre una coerenza ZPE.

(poiché non possiamo duplicare il disegno in questo file, la Figura 1 mostra una forma a ciambella vista dall’alto e generata da loop come se un giocattolo Slinky fosse collegato da un capo all’altro “Vortex ring mainfesting precessional flow”)

Un anello vorticoso oscillatorio di plasma ionico-acustico può essere creato con un circuito elettrico. Una bobina toroidale è avvolta su un nucleo di ferrite con un filo il cui isolante è rivestito con un materiale leggermente radioattivo.

In alternativa la bobina potrebbe essere bombardata da radiazioni ionizzanti. La radiazione deve solo essere abbastanza forte da ionizzare l’aria o il gas vicino alla superficie della bobina toroidale, e mantiene un plasma freddo.

La bobina viene poi sintonizzata per risuonare alla frequenza ionico-acustica di questo plasma aggiungendo una capacità appropriata al circuito. Una risonanza adeguatamente sintonizzata produce correnti di spostamento oscillatorio degli ioni nel mezzo che circonda il filo che funge da guida d’onda.

Durante la risonanza un’ulteriore ionizzazione potrebbe maturare spostando la frequenza ione-acustica. Questo effetto non lineare può essere stabilizzato con un condensatore variabile in parallelo, controllato tramite feedback dalla grandezza della corrente di uscita.

La capacità viene regolata automaticamente per massimizzare la corrente di uscita, a meno che non diventi troppo grande, a quel punto il sistema viene intenzionalmente detuned. Se il vortice ionico-acustico del plasma dovesse interagire coerentemente con lo ZPE, allora in un tale sistema potrebbe verificarsi una produzione anomala di energia.

PRODUZIONE MACROSCOPICA DI COPPIE

Il motivo degli anelli di vortice del plasma può essere applicato direttamente al plasma ZPE virtuale per creare un modello di carica elementare. Bostick ha mostrato che una coppia di anelli di vortici plasmoidi potrebbe sorgere da un plasma turbolento bruscamente eccitato.

In modo simile, la produzione di coppie elettrone-positrone potrebbe sorgere come anelli di vortici dallo ZPE modellato come un plasma virtuale? In questa analogia la carica sarebbe associata all’elicità della circolazione del flusso elettrico sull’anello del vortice.

Estrazione di energia sotto vuoto quantistico (Brevetto USA 7,379.286)

Allo stesso modo le linee di campo elettrico (E) che emanano da una carica potrebbero essere modellate come filamenti elicoidali. Qui i filamenti elicoidali avrebbero origine dalla carica e sarebbero sostenuti continuamente dal flusso elettrico che scorre alla velocità della luce. Questo modello di linee di campo E offre una possibilità dinamica per attivare l’energia del vuoto.

Se una linea di campo E da sola potesse essere ruotata bruscamente, imiterebbe il flusso precessionale di una sezione dell’anello del vortice e di conseguenza manifesterebbe per un istante la carica virtuale a livello macroscopico. Questo costituirebbe una coerenza nell’energia del punto zero.

Un esperimento in cui le linee di campo E sono ruotate bruscamente potrebbe produrre energia eccessiva dai transienti di tensione risultanti.

Un tale esperimento è già stato fatto, e la sua descrizione è essenzialmente l’invenzione di Hyde. Hyde usa rotori segmentati che girano rapidamente per tagliare bruscamente le linee di campo E, e si dice che la sua invenzione produca una potenza dieci volte superiore a quella in entrata!

Figura 1

L’invenzione consiste in una coppia di piastre eccitatrici, una coppia di rotori segmentati e una coppia di statori segmentati. La carica è libera di migrare sulle superfici conduttive che comprendono i rotori e le piastre di eccitazione, ma sugli statori i segmenti adiacenti e conduttivi sono elettricamente isolati l’uno dall’altro.

E = PIASTRA DI ECCITAZIONE
R = SEGMENTO DEL ROTORE
S = SEGMENTO STATORE
P = RADDRIZZATORE A IMPULSI

Collegamento dei componenti (vista laterale) Una fonte di tensione esterna carica le piastre dell’eccitatore che forniscono un campo di polarizzazione elettrostatica. L’isolamento sulle superfici caricate negativamente del dispositivo assicura che non ci siano perdite di corrente dalle piastre dell’eccitatore e che poca potenza sia assorbita dalla fonte di tensione di carica.

I rotori sono collegati elettricamente tra loro attraverso un albero conduttivo che viene fatto girare da un motore elettrico (non mostrato).

Brevetti e invenzioni Zero Point Energy Generator Moray B. King

I rotori nella descrizione del brevetto erano collegati elettricamente tramite spazzole ai loro statori adiacenti, ma Hyde ha migliorato la sua invenzione rimuovendo questi contatti. Il campo dalle piastre dell’eccitatore induce una polarizzazione tra i rotori collegati.

I segmenti di entrambi i rotori sono allineati per permettere loro di schermare una coppia allineata di segmenti dello statore. Mentre il rotore gira, i segmenti di statore allineati sono ALTERNATIVAMENTE ESPOSTI e SCHERMATI dal campo di polarizzazione dell’eccitatore.

Ogni segmento dello statore è collegato elettricamente alla sua controparte sull’altro statore attraverso un CIRCUITO RETTIFICATORE D’IMPULSI in cui gli impulsi di tensione transitori vengono ridotti e poi incanalati verso un circuito di uscita del raddrizzatore combinatorio (non mostrato).

È una sorpresa che un dispositivo così semplice come quello di Hyde possa produrre una potenza anomala. Un’analisi usando solo la fisica classica prevederebbe che la tensione indotta attraverso una coppia di segmenti dello statore oscillerebbe tra zero e la tensione della piastra dell’eccitatore, poiché questo è il limite dello stato stazionario per le condizioni schermate ed esposte. Questo si osserva quando il rotore viene fatto girare lentamente.

Tuttavia, quando il rotore viene fatto girare nell’ordine di 6000 rpm, un potenziale di 3 KV attraverso le piastre dell’eccitatore produce impulsi statorici in eccesso di 300 KV con una resistenza molto piccola sul rotore.

Come lo ZPE potrebbe essere coerente con il taglio brusco del campo dai rotori

Durante la condizione esposta, la corrente scorre per caricare la coppia di segmenti dello statore. In condizioni di rotazione rapida, la pala del rotore taglia il gap più velocemente di quanto la carica possa lasciare il segmento di statore a causa del momento della corrente dall’induttanza residua del circuito di collegamento.

La carica rimane sul segmento di statore durante l’istante in cui le sue linee di campo E sono tagliate con conseguente brusca rotazione. Se una tale brusca rotazione delle linee di campo E manifesta una carica virtuale dall’energia del vuoto, allora questa carica aumenterebbe notevolmente il potenziale attraverso le coppie di segmenti statorici e produrrebbe un transitorio di tensione più vigoroso.

Si noti che la carica virtuale opposta viene creata simultaneamente sulle superfici esterne dei segmenti statorici collegati. L’elettrodinamica quantistica permette la produzione di coppie di cariche virtuali dallo ZPE, purché la carica sia conservata. Questa analisi dell’invenzione di Hyde suggerisce la produzione di coppie di cariche virtuali nel regno macroscopico.

La coerenza transitoria risultante dell’energia del punto zero accelera le cariche del circuito dei segmenti dello statore, e il sistema produce un’energia anomalamente eccessiva.

SOMMARIO

L’applicazione dei principi di auto-organizzazione del sistema alle teorie dell’energia del punto zero suggerisce che un sistema appropriato potrebbe essere in grado di indurre una coerenza nell’azione dell’energia del punto zero.

L’elettrodinamica quantistica mostra che la ZPE interagisce intimamente con le varie particelle elementari con diverse dinamiche di polarizzazione del vuoto. La descrizione della polarizzazione del vuoto dei nuclei atomici suggerisce che il movimento brusco e sincrono di ioni o nuclei può essere un buon candidato per l’attivazione coerente dell’energia del vuoto.

Le anomalie osservate associate alle oscillazioni ionico-acustiche di un plasma potrebbero essere la prova di questo. Ulteriori prove circostanziali possono derivare dalle affermazioni di diversi ricercatori e inventori i cui dispositivi mostrano un modus operandi comune: utilizzano un movimento coerente e sincrono di ioni o nuclei.

Le maggiori affermazioni sono associate a dispositivi che producono un movimento cicloidale o precessionale dei nuclei. Questo porta all’ipotesi che un VORTICE DI PLASMA CARICATO POSITIVAMENTE POTREBBE INDURRE UNA COERENZA ZPE.

L’idea può essere esplorata sperimentalmente facendo circolare rapidamente un plasma o un fluido carico attraverso un sistema di tubazioni ad anello vorticoso e cercando una variazione gravitazionale o temporale, poiché esiste una connessione teorica riconosciuta tra la gravità e l’azione dell’energia del punto zero.

Poiché la produzione di coppie di plasmoidi ad anello di vortici è osservata in plasmi turbolenti, la modellazione dello ZPE come un plasma turbolento e virtuale supporta il modello dell’anello di vortici per la carica elementare e il modello del filamento di vortice per le linee di campo elettrico.

Tale modello prevede che la brusca rotazione delle linee di campo elettrico manifesti una carica virtuale dall’energia del vuoto.

Il supporto sperimentale che la produzione macroscopica di coppie di cariche virtuali potrebbe fornire energia direttamente dallo ZPE proviene dall’invenzione di Hyde completamente divulgata. Sembra imperativo che l’invenzione di Hyde sia replicata, perché solo un esperimento ripetuto potrebbe provare che è possibile sfruttare l’energia del punto zero come fonte di energia.

Moray B. King

Web Archive Top Secret

RICONOSCIMENTI

Si ringrazia l’aiuto di Oliver Nichelson, Adrea Powell e Carl Rhoades.

SOTTOSCRIVI UN  PIANO DI ABBONAMENTO MENSILE  BASTA UN MINUTO DEL TUO TEMPO PER DONARE L’IMPORTO DI UN CAFFÉ

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.








Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code