toba60

Siete dei Giornalisti Freelance o Liberi Cittadini e Desiderate Partecipare All’incontro Annuale di Davos? Ecco cosa Dovete Pagare

Liberta liberta liberta!!!

Ma a che serve nominarla se la maggior parte delle persone ambisce alla schiavitù.

Toba60

Davos ? Ecco dosa dovete pagare per parteciparvi!

Supponiamo che siate un privato cittadino o un giornalista investigativo e che vogliate partecipare all’incontro annuale di Davos del World Economic Forum (WEF), unendovi alle centinaia di dirigenti e leader mondiali che ogni anno si paracadutano in città.

Sicuramente il raduno annuale di leader governativi e commerciali finanziato dal governo non profit vorrebbe essere trasparente e aperto al controllo pubblico, giusto?

Sbagliato!

A meno che non siate il capo di Stato di un Paese o un funzionario governativo di una nazione potente, non entrerete a Davos senza pagare.

Per poter ricevere il prezioso invito alla riunione annuale di Davos, è necessario acquistare un pacchetto di membership organizzativa al World Economic Forum. Questo include i presunti giornalisti presenti che, attraverso i loro datori di lavoro, pagano il WEF per “collaborare” con loro agli eventi di Davos.

Il WEF vaglierà ideologicamente i potenziali invitati per verificare la presenza di opinioni errate, e i “negazionisti della scienza” (coloro che rifiutano la bufala del clima) saranno esclusi.

Affinché il WEF prenda in considerazione un candidato per un invito a Davos, è necessario che sia affiliato a un’organizzazione disposta a pagare le quote di adesione e di partnership, che variano da 60.000 a 600.000 franchi svizzeri, che attualmente corrispondono a circa 62.500-625.000 dollari USA. Secondo il sito web del WEF, “la partecipazione a Davos comporta un costo aggiuntivo rispetto alle quote di adesione o di partnership”.

Coloro che sono sufficientemente privilegiati da ricevere il biglietto d’oro vedranno le loro tasse continuare ad accumularsi.

Gli invitati pagano un minimo di 28.000 dollari per il loro biglietto d’ingresso alla conferenza. La maggior parte sceglie il “badge bianco”, che costa 50.000 dollari per i 4 giorni dell’evento.

Ma non è tutto.

Il trasporto all’evento costerà almeno 1.000 dollari a tratta in automobile, anche se molti degli ospiti arriveranno in aereo con jet ed elicotteri privati. I pernottamenti partono da circa 1.000 dollari per l’equivalente di una stanza in un motel economico, ma possono facilmente raggiungere i 140.000 dollari a notte per uno chalet privato.

Con questo enorme afflusso di capitali, il WEF ha portato circa 45 milioni di dollari di entrate per la presunta conferenza no-profit del 2020.

Il punto è che nessuno può andare a Davos senza sborsare almeno 100.000 dollari. La maggior parte dei partecipanti paga molto, molto di più, per la loro fuga annuale per intrattenersi con i membri della classe dirigente globale.

Ovviamente, Davos è solo per i tripli “vaccinati”.

Non solo il biglietto del WEF vi costerà in termini monetari, ma ovviamente, entrando a far parte dell'”élite” dominante globale, pagherete anche con la vostra dignità.

E infine, secondo Open The Books, il WEF è sovvenzionato in parte dai contribuenti statunitensi: Il WEF è sovvenzionato in parte dai contribuenti statunitensi, che sono stati costretti a versare 60 milioni di dollari alla struttura nel corso degli ultimi 8 anni.

Adam Andrzejewski

Fonte: openthebooks.substack.com/

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code