toba60

Simbolismo Esoterico e Meme: Strategie di Controllo

Il simbolismo esoterico che permea la realtà’ di tutti i giorni, è l’aspetto meno evidente del controllo occulto delle masse che inconsciamente obbediscono come automi a tutte le direttrici del grande fratello.

Lo osserviamo nei film, nella pubblicità, nelle fiction e nei programmi televisivi in prima serata, nei centri commerciali e ovunque l’occhio focalizzi un qualsiasi obbiettivo creato dall’uomo globalizzato che come punto di arrivo lo porterà al transumanesimo che lo libererà’ da tutti i doveri terreni senza rendere conto a nessuno di quello che fa.

La Simbologia ed i Memi hanno avuto un effetto pari a quello del LSD o dell’Eroina, solo che i suoi effetti sono invisibili ed impalpabili perché condivisi dalla maggioranza delle persone.

Gli automatismi si evidenziano nelle esternazioni contro il sistema privi di originalità e analisi dei fatti, nel condividere le problematiche in spazi molto frequentati come i social con il fine di soffrire ad alta voce per non dare spazio ai fatti concreti da realizzare e mille altre variabili inerenti la società dei consumi che sono sotto gli occhi di tutti …….

Tranne per i diretti interessati.

Toba60

Simbolismo Esoterico e Meme

“Il mondo è governato da personaggi molto diversi da quelli immaginati da coloro che non sono dietro le quinte”.

Benjamin Disraeli

Ci piace credere di essere razionali, di avere il controllo della nostra vita e di prendere le nostre decisioni. Siamo orgogliosi della nostra indipendenza e ci offendiamo se qualcuno suggerisce che siamo irrazionali o che le nostre decisioni sono in qualche modo influenzate da qualcun altro. Purtroppo, il libero arbitrio non è un’idea così credibile come sembra all’inizio.

Anni di ricerca psicologica rivelano l’immensa influenza della genetica, della cultura e dell’ambiente su come ci comportiamo. Mentre possiamo giustificare le nostre decisioni con un presunto ragionamento razionale, queste sono di solito sempre il risultato delle nostre emozioni che rispondono a fattori inconsci.

Teoria dei memi

Il modo migliore per capire questo meccanismo di controllo è la teoria dei meme. Un meme, secondo il dizionario Merriam-Webster, è una “idea, comportamento, stile o uso che si diffonde da persona a persona all’interno di una cultura”. Il concetto è stato proposto per la prima volta da Richard Dawkins nel suo libro del 1976 The Selfish Gene.

Anche se possiamo essere in disaccordo con il materialismo estremo e il darwinismo riduzionista di Dawkins, la sua comprensione dei memi è un ottimo modello per spiegare come simboli, idee e immagini possono essere usati per manipolare il comportamento.

Proprio come il meccanismo dell’evoluzione fisica funziona attraverso il gene che desidera riprodursi a tutti i costi, nel mondo dell’inconscio il meme si riproduce passando da mente a mente. Mentre i geni si riproducono attraverso il parossismo del piacere, il meme usa qualsiasi gancio emotivo primordiale a cui può aggrapparsi – il più delle volte si tratta di lussuria, aggressività, violenza o paura.

Ci sono memi “positivi”, ma purtroppo le emozioni umane più basse funzionano meglio per trasmettere una data idea o un sistema di idee (un memeplex). Incubi, leggende urbane e racconti di fantasmi, demoni e assassini passano di generazione in generazione con facilità. In tempi recenti è facile individuare memi all’interno di leggende urbane su assassini in fuga, assassini o mostri soprannaturali della notte.

Per esempio, l'”Uomo Alto” o “Slender Man” è iniziato come un meme di Internet creato da Eric Knudson nel 2009. Ha scatenato una marea di fiction su Internet e filmati su YouTube su uno strano personaggio con una faccia vuota e senza caratteristiche che indossa una tuta nera che dà la caccia ai bambini. Sfortunatamente, questo meme è diventato fin troppo reale quando nel Wisconsin nel 2014 due ragazze di dodici anni hanno attirato un’altra ragazza in un luogo isolato e l’hanno pugnalata 19 volte per impressionare lo ‘Slender Man’.
Semiotica e teoria dei meme

La semiotica è lo studio di come i simboli e i segni sono usati per creare significato. Se combinata con la teoria dei meme possiamo arrivare alla comprensione di come simboli, segni, immagini, pezzi di musica e fattori correlati possono essere usati per ancorare idee complesse e manipolare individui, gruppi e persino intere popolazioni a livello inconscio.

Nella Germania nazionalsocialista, i soldati portano striscioni con il loro simbolo di potere preso in prestito: la svastica.

Esaminiamo alcuni esempi. Il più ovvio è la svastica. Originariamente un simbolo indoeuropeo di fortuna – le spirali vorticose del sole hanno una lunga e vera storia come forse il più sacro dei simboli esoterici – fu preso dai nazionalsocialisti e trasformato in un simbolo dell’ascendenza tedesca. Mentre si trova ancora oggi in India, in Tibet e in molti altri paesi, provoca un brivido lungo la schiena della maggior parte degli occidentali. L’uso che ne fece il nazismo fu deliberato. Tentarono di imbrigliare l’intera eredità ‘memetica’ dell’immagine e portarla sotto il comando di una nuova visione dell’arianesimo promossa dalla Germania.

L’uso del simbolo ebbe grande successo poiché evocava, a livello inconscio, un’ampia gamma di associazioni, dalla teoria della razza all’obbedienza totale allo stato, senza alcuna premeditazione. Le emozioni furono influenzate e la popolazione tedesca reagì inconsciamente alla svastica, sostenuta da complesse parate e raduni ritualizzati, iconografia e uniformi. I tedeschi pensavano di scegliere razionalmente un leader che li avrebbe portati fuori dall’era della depressione post prima guerra mondiale, quando non c’era assolutamente nulla di razionale.

Winston Churchill fa il segno della V per la vittoria.

Un altro esempio è l’uso da parte di Winston Churchill del segno V per la vittoria. Ci sono prove che l’occultista e spia Aleister Crowley prese quello che era un segno greco-romano per la vittoria e, durante il suo lavoro per il MI5 britannico, raccomandò il segno a Churchill come un fioretto contro l’uso della svastica da parte di Hitler. Ebbe anche un notevole successo, anche espresso in musica usando una forma di codice Morse come una chiamata alle armi durante la guerra. Ancora una volta, il simbolo scatenò un’intera popolazione a reagire inconsciamente e a radunarsi per combattere.

Ci sono molti altri esempi come il simbolo della croce che si è trasformato dall’albero sacro all’Ankh dell’Egitto al crocifisso del cristianesimo. Ogni cultura ha adattato e usato l’immagine a modo suo. Purtroppo, con il cristianesimo, venne usata come simbolo della conversione forzata di altre culture. Come disse l’imperatore Costantino, “in hoc signo vinces” – in questo segno conquisterai.

Naturalmente, il dibattito continua per quanto riguarda il segno della pace degli anni sessanta. Mentre era composto dalle lettere N e D per il disarmo nucleare, altri sostengono che sia un crocifisso rotto. La storia della croce richiederebbe un intero libro per essere esplorata, così come la svastica. Entrambi sono simboli complessi con lunghe storie e innumerevoli variazioni.

Motivi cinematografici

Il cinema usa simboli, segni e immagini per creare reazioni inconsce. Il primo cinema espressionista tedesco, per esempio “Nosferatu” del 1922, usa strane angolazioni, manipolazione delle ombre e simboli occulti per evocare un senso di paura.

Albion Grau disegnò i set di questo film ai Prana Studios (Prana è il termine indù per la forza vitale) ed era anche un membro di spicco della Fraternatis Saturni, un importante ordine occulto dell’epoca. Vediamo la stessa tendenza nei film psichedelici degli anni Sessanta dove immagini, simboli e segni sono usati per trasmettere inconsciamente un messaggio. Nel 1973, ‘La montagna sacra’ di Alejandro Jodorowsky prese d’assalto Cannes con il suo viaggio surreale attraverso i pianeti basato sull’esoterismo di Georges Ivanovich Gurdjieff.

Mentre i temi esoterici possono essere usati per creare un buon film di fantasmi, horror o surreale, possono altrettanto facilmente essere usati per manipolare l’opinione dello spettatore. Ci sono opere che sono una chiara propaganda.

Queste opere sono molto meno pericolose delle forme più sottili di manipolazione culturale perché sono così ovvie che il filtro della mente cosciente tende a ignorare il loro messaggio. Una serie di motivi nel cinema moderno appaiono regolarmente. Ora, se questi sono considerati come “segni” che rappresentano un significato più profondo, che quelli dietro gli studi cinematografici vogliono imprimere nell’inconscio collettivo, allora possiamo iniziare a decodificare come l’élite di potere sta manipolando il popolo in generale.

Lo sviluppo del film sugli zombie è iniziato con “White Zombie” nel 1932 ed è stato seguito da un rivolo di film fino all’esplosione letterale di questi film e spettacoli televisivi oggi. Il motivo della piccola popolazione minacciata che cerca di combattere una minaccia infetta (leggi straniero) mentre il mondo si autodistrugge e cade nel caos. Inconsciamente, la richiesta è di legge e ordine e più governo per evitare una tale catastrofe. Man mano che i film diventano più violenti, brutali e sconvolgenti, portano con sé la paura di piaghe sconosciute e virus incontrollabili che possono essere contenuti solo da controlli più severi sull’immigrazione e da un governo più grande. Qualunque sia la vostra posizione sul dibattito sull’immigrazione, questa manipolazione inconscia delle paure della popolazione è ovvia.


Reality TV – La vita come simulazione

La mania che ha preso il sopravvento sulla maggior parte della programmazione televisiva è la cosiddetta Reality TV. Si va dal pacchiano “Grande Fratello” ai programmi di musica e cucina e persino alle coppie che lottano per essere i migliori progettisti di una casa in “The Block”. In questi programmi viviamo le nostre vite vicariamente attraverso i personaggi sullo schermo loro fanno le cose che noi non penseremmo mai di fare e quindi trasferiamo le nostre emozioni su di loro.

Cucinano, fanno musica e disegnano molto meglio di noi. Cerchiamo di essere un po’ come loro attraverso l’imitazione. Possiamo guardare ‘MasterChef’, prendere le ricette online, diventare migliori consumatori a casa e portare un po’ di glamour al tavolo da tè. Programmi come il ‘Grande Fratello’ offrono la giusta combinazione di nudità, sesso, crudeltà emotiva e attrito interpersonale per tenere agganciati gli spettatori.

Attraverso tali spettacoli dimentichiamo le nostre stesse vite e i nostri viaggi. Invece di affrontare noi stessi e ciò che sta accadendo nel mondo, siamo ridotti a consumatori passivi. Le società di vendita al dettaglio pagano per inserire i loro prodotti negli spettacoli, perché li compriamo e li possediamo per imitare i personaggi. Naturalmente, non possiamo essere come loro – sono simulazioni artificiali create dai produttori televisivi – ma continuiamo a guardare, consumare e modellarci in modelli di ruolo che non sono altro che ombre e stratagemmi di marketing.

Il culto della celebrità

La celebrità è un altro esempio di simulacro, l’immagine o la rappresentazione di qualcuno o qualcosa. Questi individui sono fatti per sembrare reali, ma in realtà sono modellati artificialmente dai media e dalle compagnie pubblicitarie. Sono memi in carne ed ossa e non possono essere visti come reali ma come rappresentanti di ciò che c’è dietro di loro.

Quando sperimentiamo una celebrità stiamo sperimentando un simulacro, una simulazione ambulante o un meme olografico creato per innescare certe risposte da coloro con cui interagiscono. In molti modi le celebrità sono caricature – non sono persone ma memeplex accuratamente ingegnerizzati creati dalle compagnie pubblicitarie per manipolare e innescare specifiche reazioni a livello inconscio.

Questo può sembrare duro, ma se non li vediamo in questo modo non possiamo vedere attraverso di loro e cominciare ad apprezzare quanto siamo condizionati e il modo in cui i simboli e i segni sono usati per modellare e creare ciò che percepiamo come realtà.

Memetica diversiva

Una tecnica di secondo livello conosciuta come ‘Memetica Diversiva’ cattura coloro che iniziano a fare le domande importanti, ma li porta in vicoli ciechi.

Molte persone pensanti passano grandi quantità di tempo ad indagare su “micro cospirazioni”, corruzione del governo, informazioni diffuse su Internet, ecc. La fonte originale di molti memi diversivi è spesso oscura. Sono progettati per diffondersi a macchia d’olio, Internet è un modo particolarmente efficace per proliferare rapidamente un meme progettato per farci arrabbiare e desiderare di fare “qualcosa”.

Naturalmente la maggior parte delle persone si limita a diffondere il meme ad altre persone, e alla fine si sentono abbastanza impotenti quando si rendono conto che nulla cambia veramente. I memi (problemi politici, economici e sociali) continuano ad arrivare in un flusso senza fine.

Studiare ed esporre tutte le piccole cospirazioni è certamente un servizio importante, ma se non guardiamo dietro le quinte per decodificare il sistema generale di controllo, allora il vero cambiamento diventa impossibile. Non vediamo mai il quadro generale.

Quello che dobbiamo apprezzare è che il mondo è controllato da memi. I media e l’industria dell’intrattenimento rafforzano i valori che quelli al vertice vogliono che noi abbiamo. Siamo consumatori passivi che, nel complesso, non fanno domande – crediamo a ciò che ci viene detto

Conclusione

“Anche ai fini pratici, è molto importante riconoscere gli strumenti della guerra occulta, cioè i mezzi impiegati dalle forze segrete della sovversione globale per nascondere la loro azione, impedire l’azione dei loro avversari, e continuare ad esercitare la loro influenza.” ~ Julius Evola

Non c’è dubbio che simboli e segni siano usati per creare sistemi di controllo. La nostra realtà è manipolata da immagini codificate con l’aiuto di celebrità che sono più rappresentative che reali.

La correttezza politica definisce il nostro pensiero manipolando il nostro modo di parlare perché il linguaggio di un popolo riflette la sua anima. Quando ci preoccupiamo più del linguaggio della tecnologia e dei social network che della comunicazione personale, abbiamo un vero problema. Quando non possiamo dire la nostra opinione perché qualcuno, da qualche parte, potrebbe offendersi, allora l’autocensura limita la nostra capacità di pensare oltre certi confini predefiniti.

Il caos e gli sconvolgimenti stanno cambiando il mondo ad un ritmo rapido, ma noi balliamo, cantiamo e facciamo festa. Se non arriviamo a vedere le nostre catene non possiamo liberarci. Il primo passo in questo processo è decodificare gli strati di simbolismo, programmazione, memi e lavaggio del cervello che ci condizionano ogni minuto di ogni giorno.

Crediamo di essere agenti liberi e di poter pensare da soli.

Ma guardate i media, la televisione, i film, l’intrattenimento (per non parlare dei giochi per computer), e potete cominciare ad apprezzare come le nostre convinzioni su noi stessi, su chi siamo e sul nostro ruolo nel mondo, sono totalmente artificiali, totalmente condizionate, e rappresentano ciò che l’élite di potere vuole che pensiamo.

È ora di prendere la pillola rossa.

Robert Black

Fonte: newdawnmagazine.com

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che  rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il  monopolio assoluto dell’informazione.  Toba60

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code