toba60

Smart City è una Maniera Molto Elegante di Dire Città Prigione

Una popolazione è allo sbando quanto un governo eroga 47,5 miliardi di euro in piena emergenza ”Pandemica”(?) per la tecnologia Hi-Tec (Siamo in Italia) e ne stanzia 4,3 per la Sanità, poi da la colpa ai No-Vax perché mancano i posti letto, due mesi dopo si dimenticano di tutto e vanno in ferie con il loro Green Pass e Mascherina e quando ritornano sono incazzatati come iene perché i NoVax sono ancora vivi, mentre loro con l’Iphone sempre in mano, stanno patendo le pene dell’inferno per qualche effetto collaterale che nemmeno l’immacolata concezione aveva previsto.

La città digitale sta cominciando a piacermi veramente, non vedo l’ora di vedere questa massa di imbecilli reduci dalle 10 fatidiche iniezioni di fiducia, quando un giorno nella loro Smart City gli scapperà di dover andare presso un bagno pubblico e si troveranno a dover scansionare quel coso che tengono in mano il quale si illumina e dice..

..Batteria Scarica.

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità. Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

Smart City Cittá Prigione

“Non importa quanta retorica sul progresso e sui benefici per la società venga impiegata nella promozione del concetto [di Smart City], esso ha il potenziale per svilupparsi in un futuro distopico.

Città prigione, che al posto delle guardie utilizzano telecamere e microfoni, collegati ad algoritmi di intelligenza artificiale che contano i punteggi di credito sociale; caratterizzate da geofencing – limiti al movimento e/o all’area in cui una persona può acquistare prodotti e servizi, con possibile perdita di autonomia corporea”. Wikispooks

Dal 25 agosto Wikispooks è vittima di un attacco DNS e il suo sito web è inaccessibile ai più. Stiamo condividendo alcuni dei loro articoli fino a quando il sito non sarà nuovamente accessibile a tutti. Per evitare complicazioni nella condivisione del nostro articolo, non abbiamo incluso i numerosi link incorporati nella pagina di Wikispooks, alcuni dei quali potrebbero essere collegamenti ad altre pagine del loro sito web. Tuttavia, abbiamo allegato una copia in pdf della loro pagina che include tali link. Tenete presente che le loro pagine vengono modificate e aggiornate di tanto in tanto.

Smart City by Wikispooks

Smart-city-Wikispooks

Una smart city è un’area urbana tecnologicamente moderna che utilizza diversi tipi di metodi elettronici e sensori per raccogliere dati specifici. Le informazioni ricavate da tali dati vengono utilizzate per gestire in modo efficiente beni, risorse e servizi; in cambio, tali dati vengono utilizzati per migliorare le operazioni in tutta la città.

Narrazione ufficiale

Preoccupazioni

A prescindere dalla retorica sul progresso e sui benefici per la società che viene utilizzata per promuovere questo concetto, esso ha il potenziale per svilupparsi in un futuro distopico. Città prigione, che al posto delle guardie utilizzano telecamere e microfoni, collegati ad algoritmi di intelligenza artificiale che contano i punteggi di credito sociale; caratterizzate da geofencing – limiti al movimento e/o all’area in cui una persona può acquistare prodotti e servizi, con possibile perdita dell’autonomia corporea (ad esempio, la possibilità di prendere decisioni sulla propria salute).

Geofencing

Il concetto di quartiere di 15/20 minuti prevede che tutti i servizi necessari siano raggiungibili in 15/20 minuti: ospedali, scuole, lavoro, negozi, ecc. – Il problema è che un abitante non può muoversi/interagire con le infrastrutture oltre il raggio di 15/20 minuti. Le porte non si aprirebbero, le macchine non distribuirebbero cibo. L’obiettivo è quello di evitare troppi spostamenti e di ridurre l’impronta di carbonio per contribuire alla lotta contro il cambiamento climatico.

Riconoscimento facciale

I microfoni e le telecamere registrano gli abitanti a fini di controllo e di credito sociale. Presumibilmente per migliorare i servizi e la sicurezza. Permetteranno di assegnare punti e multe per cose come passare con il rosso, ecc.

Quarta rivoluzione industriale

La quarta rivoluzione industriale è strettamente connessa al concetto di smart city, con la quale un elevato numero di posti di lavoro verrà tagliato a causa della robotizzazione.

Implicazioni pratiche

The Great Reset & Build Back Better sono presenti, nell’ordine: Tony Blair, Greta Thunberg, Caroline Lucas, Andrew Cuomo, Hillary Clinton, Nancy Pelosi, Bill Clinton, Justin Trudeau, Boris Johnson, Elizabeth Warren, Barack Obama, Joe Biden, Bill Gates, Layla Moran, Kamala Harris, Tanya Rivero della CBSN, Charles Windsor, Kristalina Georgieva, il Principe Harry, Sadiq Khan, Jacinda Ardern, António Guterres, Klaus Schwab.

l tutto si ricollega al fatto che Greta Thunberg, in qualità di rappresentante della “società civile”, ha ricevuto molta attenzione ai vertici del WEF del 2019 e del 2020, durante i quali ha dichiarato che “la nostra casa è in fiamme”, chiedendo “un’azione urgente, sottolineando la necessità di emissioni ‘realmente zero'”.

Diverse “parti interessate” hanno dichiarato al WEF come prevedevano un Grande Reset:

Brad Smith di Microsoft ha dichiarato: “Mentre le persone tornano al lavoro, possiamo continuare ad aspettarci che la tecnologia digitale e i dati siano fondamentalmente l’infrastruttura di questo decennio e della Grande Ripresa”.

Ha inoltre affermato che (un non meglio specificato) “noi” dobbiamo sostenere la fiducia delle persone (le “loro”). “Questo significa proteggere la loro privacy, la loro sicurezza e garantire che le nuove tecnologie, in particolare l’intelligenza artificiale, siano impiegate in modo responsabile in tutto il mondo”.

Kristalina Georgieva del FMI ha dichiarato che “l’economia digitale è la grande vincitrice di questa crisi” e ha suggerito “investimenti pubblici e privati per le industrie a basso contenuto di carbonio, affermando bizzarramente – e questo da parte dell’istituzione che ha fatto di più per approfondire la disuguaglianza mondiale di volere una società “più giusta””. Il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha dichiarato: “Costruiamo società più eque, inclusive e sostenibili, che siano più resilienti di fronte alle pandemie e ai cambiamenti climatici”.

Ajay Singh di MasterCard ha voluto “portare il settore privato alla festa”, ma per far sì che funzioni davvero è necessaria un’enorme fiducia tra il settore pubblico e quello privato”. Saadia Zahidi, responsabile della sezione New Economy and Society del World Economic Forum, ha affermato: “Le imprese hanno l’opportunità di influenzare il cambiamento non solo nella propria forza lavoro e nelle comunità che rappresentano, ma anche attraverso la loro pubblicità e i loro prodotti, hanno il potere di cambiare la società”.

Egli prevede anche “un approccio completamente diverso al contenuto e all’erogazione dell’istruzione”, una “istruzione 4.0”. Geraldine Matchett, CFO di Royal DSM, vede la crisi come un grande livellatore tra i sessi in termini di vincoli. Vuole reinventare il posto di lavoro, “dove il 9-5 o 9-10” [sic], a seconda del tipo di lavoro, “è scomparso”.

Un articolo di The Hill del giugno 2020 cita:

Il 4 febbraio 2022, Neil Clark ha twittato:

Un rendering alternativo dello slogan Agenda 2030/Great Reset di Klaus Schwab

“Non possedere nulla” non si traduce ovviamente in comunismo; l’idea è (Perché dovrei possedere un frigorifero, se posso noleggiarne uno e avere sempre l’ultimo modello?) chiede un membro del WEF sul sito web del WEF. che le persone debbano affittare, prendere in leasing o pagare altre forme di interesse su tutto, dalle automobili alle utenze domestiche, da una superclasse che possiede tutto.

Martin Armstrong suggerisce (si veda la sua citazione qui sotto) che “The Great Reset” è solo un’altra parola per indicare la riforma monetaria. Il FMI è d’accordo: Dobbiamo cogliere questo nuovo momento di Bretton Woods. (Kristalina Georgieva, Direttore Generale del FMI Washington, DC, 15 ottobre 2020)

Le riforme monetarie sono una necessità sistemica (matematica) nel nostro attuale sistema monetario a causa della crescita esponenziale del debito e dell’offerta di moneta nel tempo. Armstrong e altri (Bernd Senf) concordano sul fatto che all’incirca ogni 70 anni deve avvenire una grande riforma monetaria. La storia dei “reset” finanziari mostra un numero sorprendente di casi in cui il vecchio denaro viene dichiarato non valido e viene decretato un nuovo tipo di denaro.

Da questo punto di vista, Klaus Schwab non è un visionario; il suo “lavoro” è semplicemente quello di annunciare l’inevitabile con un sacco di parole che decorano il freddo e duro fatto che la crescita esponenziale non è sostenibile nel lungo periodo.[16] La SDS potrebbe aver appreso queste meccaniche monetarie osservando la fase di costruzione della grande depressione del 1929 e centinaia di crolli di valute nel corso degli ultimi secoli.

Le chiusure, le sanzioni e soprattutto l'”agenda verde” (punizioni per la CO²) servono tutte a far calare l’attività economica, che potrebbe essere il presupposto per un atterraggio morbido rispetto a uno scenario di crollo come quello del 1929. È interessante notare che le sanzioni (che portano a prezzi del petrolio molto alti), le chiusure e le tasse sulle emissioni di CO² sembrano continuare, anche dopo che la “causa” per cui sono state presumibilmente introdotte ha cessato di esistere. Putin, in qualità di “leader globale del WEF”,( Il programma WEF può servire sia a fare pressioni che a controllare (manipolare) i loro membri. Putin è stato messo in una situazione di doppio legame, di fronte a due pessime opzioni, indipendentemente dal fatto che avesse attaccato o meno.) ( potrebbe quindi “sostenere” la spinta verso un “reset” con la sua invasione dell’Ucraina.

Parole proprie

Il progetto mira a mettere in contatto i leader governativi e imprenditoriali globali con “un momento storico per plasmare il sistema per l’era post-corona”. Prevede una soluzione di “capitalismo degli stakeholder”, in cui le grandi aziende diventano “fiduciarie della società”.

In tutti questi piani non c’è alcuna partecipazione democratica, in cui le persone possano davvero decidere del proprio futuro a livello locale. Il processo democratico nel Great Reset si riduce all’impegno con i leader dei governi globali e con gli “stakeholder”, cioè i leader delle comunità autoproclamati dalle ONG, il più delle volte con posizioni in linea con le grandi aziende.

Il lancio del forum allude anche a una riduzione del tenore di vita materiale per i cittadini medi (ma forse non tanto per i proprietari delle aziende o per il Principe Carlo), soprattutto nei Paesi sviluppati; “un cambiamento degli stili di vita” verso un’economia verde, che comprenda una “rapida crescita del digitale” in contrapposizione ai beni e ai servizi fisici, come i viaggi. Il lancio cita le “opportunità di lavoro” e le “opportunità per tutti” per “colmare i divari di uguaglianza”, ma non menziona gli standard di vita.

Il Principe Carlo in un discorso durante l’evento e su Twitter ha commentato quanto segue:

Il concetto di Great Reset è fortemente promosso dal presidente esecutivo del WEF Klaus Schwab, che prevede un “approccio globale” per plasmare il futuro, integrando “tutte le organizzazioni e le persone con idee innovative”. Chi siano queste persone e organizzazioni e che tipo di idee saranno protagoniste lo si può intuire dagli oratori intervenuti al lancio dell’iniziativa: Kristalina Georgieva del Fondo Monetario Internazionale, Brad Smith di Microsoft, Bernard Looney di British Petroleum e il Principe Carlo di Gran Bretagna. E i partner strategici che contribuiranno alla formulazione del piano d’azione sono costituiti da un centinaio di aziende tra le più spietate al mondo.

Klaus Schwab, insieme al suo co-autore Thierry Malleret, ha pubblicato un libro intitolato “COVID-19: The Great Reset” nel luglio 2020. “Non è sufficiente cambiare alcune politiche o affrontare questioni a breve termine, ciò di cui abbiamo bisogno….

….. è un cambiamento di mentalità, di stili di vita, di modelli di business”, ha affermato Schwab.

Rhoda Wilson

Fonti: expose-news.com & datasmart.ash.harvard.edu & breitbart.com & weforum.org & thehill.com & armstrongeconomics.com & dailymail.co.uk & spectator.com.au

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *