toba60

Spostando il Gioco in Fuorigioco: “Cos’è il Talento nel Calcio?”

Il testo e’ stato scritto nel 2011 ed i giocatori inseriti nel palinsesto editoriale penso faccia rivivere ricordi piacevoli a molte persone.

Quando si parla di talento non esistono date storiche a cui fare riferimento, e vale veramente la pena leggere tutto di un fiato questa disanima riferita all’essenza del gioco del calcio che viene sviluppato da queste persone baciate dalla fortuna loro e……. nostra.

Toba60

Cos’è il Talento nel Calcio?

In questo articolo filosofico, si affronta una delle eterne domande del calcio: cos’è il talento? Come si manifesta esattamente, chi ce l’ha e può essere allenato?

Anche se il talento è considerato la condizione di base per il bel calcio e i grandi giocatori di calcio, quasi nessuno sa cosa si intende esattamente con esso. Questo articolo esplorerà ora questa domanda.

Questione di definizione

Wikipedia dice quanto segue sul talento: “L’attitudine o il talento è un requisito speciale di prestazione di una persona. Di solito si tratta di una o più abilità superiori alla media. Anche se si può supporre che quasi tutte le persone siano dotate in misura maggiore o minore, l’uso del termine giftedness di solito si riferisce a prerequisiti di performance superiori alla media”.

Nel calcio, tuttavia, i talenti fisici e genetici sono indicati come “attitudini” – una persona minuta non potrà mai essere un buon portiere, non importa quanto bene allena la sua tecnica di portiere. Allo stesso modo, l’altezza e la velocità non sono doti psicologiche o legate al calcio, ma sono comunque essenziali per il gioco del calcio, e molti giocatori hanno fallito nonostante una tecnica eccezionale a causa di una mancanza di basi fisiche.

Ma cos’è allora il talento specifico del calcio? La capacità di afferrare e imparare le cose velocemente? La comprensione ha più a che fare con l’intelligenza, e in una certa misura con l’educazione e la comprensione del linguaggio e delle istruzioni. Quindi è utile per il calcio, ma non è un talento puramente calcistico.

È la tecnica? Anche questo può essere allenato e viene praticato attraverso altri giochi con la palla fin dalla più tenera età, il che ha aiutato molti principianti tardivi. Molti dei più grandi tecnici attribuiscono la loro forza tecnica all’allenamento sul campo di calcio, all’influenza dei loro padri o a un allenamento speciale nel club; per esempio, si dice che il metodo Coerver faccia miracoli anche per i professionisti di lunga data.

Ex giocatori di classe mondiale come Ronaldo e Ballack affermano che non erano né i migliori né i più talentuosi tra i loro amici quando erano giovani, ma quelli che si allenavano a fare tutto compresa la tecnica. Si dice che Pelé abbia detto una volta a un avversario: “È tutto un allenamento” e in seguito ha ripetuto queste parole nei media.

Ora, se si parte da queste premesse, si può ancora credere nel vero talento? Un talento speciale è solo un mito, come molti scienziati hanno sostenuto a lungo? La scienza moderna suppone infatti che ogni atleta o artista di livello mondiale ha bisogno di circa diecimila ore di allenamento efficace e che il resto dipende dalle attitudini fisiche. Il successo nello sport è quindi reso possibile da una miscela di forza mentale con questi anni di preparazione e geni.

Sembra quasi che il termine “talento” nel calcio debba essere accantonato, ma non sono d’accordo, solo la definizione dovrebbe essere cambiata.

Il talento in un particolare sport dovrebbe indicare qualcosa che non si può imparare, che avviene istintivamente ed è specifico del gioco del calcio – cosa sarebbe più appropriato qui della simbiosi tra giocatore individuale e squadra, la fusione di gioco e palla, il controllo assoluto e la visione d’insieme dell’avversario e dei compagni di squadra, delle azioni di gioco precedenti, il corretto processo decisionale in tutte le potenziali situazioni di gioco così come la sensazione dell’umore di gioco corrente, il momento?

Andrea Pirlo

Un giocatore in grado di analizzare le situazioni di gioco precedenti, intervenire in esse e anticipare le situazioni di gioco future a partire da queste conclusioni sarebbe in grado di avviare i cambiamenti più complessi nella matrice di una partita di calcio attraverso i movimenti e le azioni più semplici, oppure potrebbe dominare e prendere il controllo del gioco attraverso la sua anticipazione e apparirebbe quasi onnipresente.

Non realistico? Andres Iniesta e Xavi usano il loro talento per una di queste due varianti ciascuno e non per niente sono considerati il cuore e l’anima del gioco del tiqui taca del FC Barcelona. Tale talento non può essere misurato statisticamente, ma il suo valore per la squadra è inconfondibile e anche se ci sono molti giocatori che possiedono questo stile di gioco, questo modo di vivere il calcio, spesso sono solo rudimenti.

Il talento specifico del calcio si riferisce quindi alla padronanza assoluta sulle tre componenti principali di palla, spazio e tempo, che richiede un alto grado di forza tecnica, un’elevata intelligenza tattica e qualcosa che viene spesso trascurato: Forza di carattere.

Se si accettano queste condizioni descritte, si possono, secondo me, affermare tre tipi creativi di base e un tipo distruttivo per quanto riguarda il talento:

Onnipotenza

Il tipo onnipotente trova anche i più piccoli vuoti nello spazio ed è in grado di utilizzare questi vuoti con la palla al piede. Lionel Messi, un’altra stella del FC Barcelona, così come molti altri giocatori come Diego Maradona, Garrincha o Ronaldo rientrano in questo tipo, che richiede abilità tecniche estreme e una sensazione naturale per il movimento dell’avversario.

Non c’è da stupirsi che questi tipi di talento siano estremamente spettacolari quando hanno un rendimento eccezionale e le condizioni fisiche giuste, e operano per lo più sulle ali o al centro dell’attacco come dribblatori. In termini di carattere, è necessaria una certa calma, aplomb e un alto livello di fiducia in se stessi per fare un uso costante di questo talento, perché non si può permettere di uscire dal proprio ritmo.

Secondo me, questo modo di giocare è molto ben illustrato negli esempi seguenti:

Digitare sull’immagine per vedere il video

Messi sembra sempre trovare un varco e la palla lo segue anche quando entra in contatto con i giocatori avversari. Fortuna? Impossibile per la quantità di queste “coincidenze”. Piuttosto, un comportamento istintivo in possesso di palla, un’anticipazione che si è estesa alla palla, all’avversario e al gioco, e anche se molti considerano l’agilità e la tecnica sublime di Messi come il presupposto più importante e la causa della bellezza di tali azioni, grazie ad altri esempi, si può dimostrare il contrario.

Digitare sull’immagine per vedere il video

Robert Prosinecki, uno dei migliori tecnici degli anni ’90, era lento, pigro e probabilmente si è rovinato una grandissima carriera, ma nonostante questo il suo talento non è mai stato messo in discussione quasi in modo ridicolo ha fatto correre avversario dopo avversario verso il nulla.

Il talento non è quindi da limitarsi alle capacità fisiche e nemmeno al successo delle rispettive azioni: è l’idea, la conoscenza del possibile spazio aperto e la calma di volerlo semplicemente sfruttare, che rende questo dono così unico e bello.

Digitare sull’immagine per vedere il video

Onniscienza

Il secondo grande tipo di talento potrebbe essere descritto come onnisciente. Giocatori come Andrés Iniesta, Guti o Francesco Totti sembrano sapere in ogni momento quale spazio è giocabile quando e come, il che è particolarmente evidente nelle azioni dirette o nei movimenti in spazi ristretti.

Francesco Totti una volta aveva un partner di pensiero simile in Antonio Cassano e i due hanno mostrato grandi azioni congiunte:

Digitare sull’immagine per vedere il video

Ma Andrés Iniesta, ad esempio, mostra cosa può ottenere questo tipo di gioco da solo:

Digitare sull’immagine per vedere il video

Notate la semplicità e la nonchalance dei suoi dribbling e passaggi in questo video. Ogni singola azione sembra ben pensata e, anche se senza alcun vero inganno del corpo, uso della forza o dinamismo estremo, non può essere difesa, perché ogni singolo contatto con la palla, così come ogni corsa senza palla, è coerente in sé e si inserisce nello slancio del gioco.

Lo spazio aperto e giocabile viene semplicemente utilizzato e non sono necessari effetti collaterali per creare spazio, perché il tipo di talento onnisciente, per quanto possano sembrare esagerati gli attributi individuali, sa esattamente in quale intervallo di tempo può giocare quale e quanto spazio. Sembra quasi che il puro controllo del tempo spetti a tali giocatori, le palle già viste dall’avversario vengono ancora salvate e i passaggi arrivano perfettamente in corsa anche con giocatori in pieno sprint – non è un caso che Iniesta superi così facilmente i suoi avversari: per lui, il tempo scorre un po’ più lentamente. Come disse David Endt in riferimento a Bergkamp: “un secondo impiega più tempo con i geni che con le persone normali”.

Onnipresenza

Il terzo tipo di giocatore creativo è il giocatore onnipresente, che viene utilizzato soprattutto al centro come playmaker e stratega. Gli esempi più noti oltre a Xavi sono probabilmente Xabi Alonso o Paul Scholes e Andrea Pirlo. Tirano virtualmente la palla e sembrano pronti a giocare in qualsiasi momento.

Paul Scholes è stato probabilmente l’eccezionale centrocampista inglese degli ultimi due decenni si può chiaramente vedere perché. A differenza dell’onnipotente, che utilizza lo spazio intorno a lui, e del tipo onnisciente, che ha una portata media, il tipo onnipresente ha la portata più lunga. È giocabile sia in difesa che nel terzo finale, sia al centro che sulle fasce, e la sua influenza si estende dalla semplice impostazione del gioco nella propria metà campo a un passaggio mortale davanti alla porta avversaria. Questa capacità quasi misteriosa di emergere in qualsiasi momento ed essere disponibile per un passaggio, oltre ad essere in grado di controllare il gioco, rende questo tipo di talento indispensabile per un top team in azione.

Onnivori

Il termine “onnivoro” per il talento distruttivo del calcio può essere un po’ approssimativo, ma dato che non deve tenere conto dello spazio, del tempo, degli avversari o della palla, anche se dovrebbe e gli è permesso, non gli interessa quale talento abbia il suo avversario e nemmeno quale talento abbia lui stesso. Il talento distruttivo, tuttavia, richiede abilità proprie, idealmente approcci di tutti e tre i tipi di giocatori avversari per essere in grado di anticipare i loro movimenti e poi attaccarli. I giocatori italiani in particolare hanno elevato questo talento a un’arte; oltre al leggendario Franco Baresi, Nesta e Maldini in particolare hanno dimostrato di essere eccezionali in questo settore negli ultimi dieci anni.

Digitare sull’immagine per vedere il video

La linea di fondo

Il talento nel calcio è difficile da definire e, anche se non si raggiungerà mai un consenso, è spesso l’argomento principale di conversazione nelle riunioni degli habitué e degli esperti.

Tuttavia, i prerequisiti fisici così come le prestazioni sono troppo spesso presi come base per la valutazione, il che manca il punto. L’attributo talento deve essere puramente legato al calcio e mettendolo in relazione con il calcio, si può limitare in quali aree si possono trovare talenti eccezionali: Palla, spazio, tempo e avversario. Tutti e quattro i tipi descritti dipendono da prerequisiti fisici, ma è comunque possibile guardarli isolatamente.

Il primo tipo di talento si concentra sull’interazione con la palla e l’avversario; il calciatore onnipotente può fare tutto con la palla e superare il giocatore avversario sfruttando lo spazio intorno a lui. Il tipo onnisciente è probabilmente il tipo meno appariscente, i suoi talenti risiedono principalmente nell’area dell’intelligenza di gioco e nel controllo dei fattori di spazio e tempo, che utilizza all’interno delle sue possibilità per guadagnare tempo o per dare spazio alla sua squadra attraverso corse fuori dalla palla.

Ma perché questo tipo di talento riceve così poco riconoscimento? Perché a volte viene messo in ombra da altri giocatori, forse anche inferiori? La spiegazione può quasi paradossalmente essere trovata in un video di highlight di tali giocatori.

Sono piccole azioni poco appariscenti che ottengono grandi cose ma si perdono nel baccano dei dribbling affascinanti degli altri giocatori. Ci si rende conto solo dopo di quanto siano precise ed efficaci queste piccole azioni di questi giocatori e non c’è da meravigliarsi che anche in partite poco appariscenti, per esempio quella di Iniesta, il Barcellona agisca molto più forte collettivamente questa semplicità e direttezza è la caratteristica più importante e la più grande piaga di questi giocatori.

Non altrettanto spettacolare, ma al più tardi dai tempi dei sei punti di gioco, quasi altrettanto popolare del dribblatore è il ragazzo onnipresente: la sua sfera d’influenza è tutto il campo e quasi arcaicamente lancia un incantesimo sulla palla, sui compagni e sugli avversari. Sottomette il gioco a se stesso, nel piccolo come nel grande.

Pronto a giocare in qualsiasi momento, irradiando dominio anche senza palla, e con la palla smantella la formazione avversaria con passaggi lunghi, spostamenti di gioco e simili. Il nemico dichiarato del mago è il distruttore, ma come detto, anche questo è un talento da non sottovalutare, soprattutto perché è lui che per primo ci mostra il valore delle azioni creative e addirittura le rende possibili: lo fa facendo da pietra di paragone e da cote per i grandi geni della sua gilda, separando il grano dalla pula e resistendo alla bellezza – c’è, opportunamente, un bel proverbio straniero: “Chi non ha conosciuto il dolore non può conoscere la felicità”.

Ogni giocatore possiede almeno dei rudimenti in uno o anche tutti questi tipi di talento, ma alla fine è di nuovo una questione di quantità di talento di allenamento e di psiche fino a che punto uno può usare il suo talento e richiamare il suo potenziale. La componente della personalità è purtroppo spesso quella che viene trascurata, perché come ogni essere umano, ogni calciatore è schiavo del suo carattere e deve fare uso di questi punti di forza e di debolezza sia nella vita reale che in campo.

Digitare sull’immagine per vedere il video

Lo stile di gioco, il “perché” nelle azioni è in gran parte dovuto al carattere – che è poi il vero talento, la perfetta corrispondenza delle capacità fisiche, tecniche e tattiche allenate con il carattere del giocatore così come il suo talento calcistico, comunque lo si voglia definire.

In conclusione…

…come autore, vorrei aggiungere che questa è solo la (mia) opinione, che dovrebbe dare al lettore una visione leggermente diversa. Alcune cose nel testo sono state deliberatamente stilizzate e drammatizzate, che si tratti di azioni individuali, di giocatori o delle denominazioni dei tipi di giocatori.

Il mio motivo per questa escursione filosofica era che la discussione sul talento si svolge spesso, ma una definizione universalmente valida è più lontana che mai. Molti giocatori sono sottovalutati e giudicati male dai media e dal pubblico, ma la bellezza del gioco va oltre i gol, le occasioni e i dribbling. Spielverlagerung si schiera a favore di una visione più differenziata del calcio, della definizione di talento e vuole fornire spunti di riflessione senza pretendere di essere corretto.

Ciò che è considerato talento calcistico nella discussione pubblica è, come ha detto Pelé in modo così bello, molto spesso solo “duro lavoro, perseveranza, apprendimento, studio, sacrificio e, soprattutto, amore per ciò che si sta facendo o imparando a fare”. Il calciatore brasiliano del secolo, che tra l’altro spaventava i suoi avversari con doppi passaggi in cui usava i loro stinchi come cuscino, ha anche detto: “Non credo che esista un calciatore “nato”. Forse si nasce con certe capacità e talenti, ma francamente mi sembra impossibile che si nasca davvero per essere un asso del calcio”.

Forse questa è l’unica verità su questo argomento, e se lo è, allora possiamo gioire della giustizia nel calcio, della possibilità che chiunque abbia i giusti requisiti fisici possa realizzare i propri sogni con il duro lavoro e se questa non è l’unica verità, possiamo gioire del fatto che possiamo continuare a cercare la verità e filosofeggiare sulle definizioni di termini che in realtà non sono importanti.

Fonte: spielverlagerung.de

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code