toba60

Stiamo Vivendo in una Simulazione Informatica Dentro la Matrix

E’ un testo estremamente inquietante e va letto con quella apertura mentale che si conviene, il transumanesimo parte da una visione del mondo che e’ quella che avrete modo di vedere ora.

L’idea di un mondo virtuale come viene sintetizzato in questo editoriale, parte proprio da un establishment che in questo momento tiene le redini del potere nel mondo, conoscere a fondo le basi che poggiano su una logica che avrà ripercussioni imprevedibili nel prossimo futuro, e’ un dovere che ognuno di noi deve far suo per dare il suo giusto significato con tutte le sue implicazioni.

Toba60

Simulazione Informatica nella Matrix Divina

Gli scienziati credono che è altamente probabile che che viviamo in una simulazione. Riconoscendo questo potrebbe essere la nuova rivoluzione copernicana, secondo Rick Terrile

Dietro la vita e il sogno, Ecco ciò che conta di più: svegliarsi.
Antonio Machado

Per cosa siamo vivi? Per svegliarsi.

Questo è ciò su cui concordano il Buddha, Antonio Machado e una nuova ondata di scienziati e CEO di grandi aziende tecnologiche.

La reincarnazione delle idee di Samsara e Māyā è per la nostra generazione Matrix e più recentemente l’ipotesi di simulazione di Nick Bostrom, che sembra prendere piede tra scienziati e miliardari.

Il mondo in cui viviamo non è reale.

Oppure è reale, ma solo quando abbiamo scoperto che è un’illusione e allora possiamo ricrearla o spegnerla.

L’argomento di Bostrom è fondamentalmente questo.

Una civiltà post-umana, cioè che ha raggiunto una sussistenza che non dipende dalla biologia, come scaricare la propria coscienza in un computer, avrebbe necessariamente raggiunto un’enorme potenza di calcolo (una teoria cita le famose sfere di Dyson come fonte di potenza).

Questa potenza di calcolo sarebbe sufficiente per simulare ambienti di realtà ad alta fedeltà in grado di spacciarsi per reali (qualcosa come i set di The Truman Show).

Bostrom sottolinea che se solo una piccola percentuale di queste civiltà post-umane eseguisse “simulazioni ancestrali”, cioè simulazioni ad alta fedeltà della vita ancestrale, questo renderebbe la simulazione indistinguibile dalla realtà per l’antenato simulato.

Poiché non c’è limite alle simulazioni che una civiltà post-umana può fare, allora dovrebbe esserci un numero maggiore di antenati simulati rispetto agli antenati reali che fanno le simulazioni.

Va detto che Bostrom considera questo solo relativamente probabile, il che sarebbe definito dalla frazione di civiltà che arrivano a uno stato post-umano e dalla frazione di civiltà post-umane che sono interessate a generare queste simulazioni di antenati.

Se potessimo dire che queste frazioni sono alte, allora sarebbe molto probabile che siamo SIMS (esseri simulati).

Gli scienziati che sono inclini a pensare affermativamente in questo caso fanno riferimento al fatto che è molto probabile che viviamo in un universo infinito, quindi è anche molto probabile che ci sia un numero enorme di civiltà post-umane di tutti i tipi, al di là di quello che possiamo immaginare.

Qualche mese fa il CEO di Tesla Elon Musk ha spiegato perché pensa che sia molto probabile che viviamo in una simulazione o, nelle sue stesse parole, che esistiamo come personaggi di un videogioco (questo è quello che succede quando i tecnici vanno al Burning Man e prendono psichedelici).

Musk ha sostenuto che la tendenza esponenziale con cui la nostra tecnologia sta avanzando è un segno che in futuro saremo in grado di creare simulazioni indistinguibili dalla realtà.

Poiché viviamo in un universo di vastità incommensurabile, è semplicemente molto probabile allora che qualcuno prima di noi abbia già raggiunto questo punto critico e sperimentato la simulazione di un universo.

In un certo senso, simulare gli universi sarebbe la logica evoluzione di una civiltà tecnologicamente avanzata.

Se si assume qualsiasi tipo di tasso di aumento, allora i giochi diventeranno indistinguibili dalla realtà, anche se questo tasso di aumento scende a un tasso mille volte inferiore a quello che avanza attualmente.

Per esempio, immaginate come sarebbe tra circa 10 mila anni, che non è niente in termini evolutivi.

Quindi, dato che siamo su una chiara traiettoria verso la progettazione di giochi indistinguibili dalla realtà, e questi giochi possono essere giocati su qualsiasi console o PC o altro, e ci dovrebbero essere miliardi di questi dispositivi, da qui potremmo dedurre che le probabilità di esistere in una realtà di base [in un mondo non simulato] sono una su miliardi.

Mi dica se trova qualche difetto in questo argomento?

In realtà dovremmo sperare che questo sia vero, poiché se una civiltà smette di avanzare, questo deve essere il risultato di qualche calamità che cancella la civiltà… o creeremo simulazioni indistinguibili dalla realtà o le civiltà cesseranno di esistere.

Non è molto probabile che andiamo semplicemente in una stasi di milioni di anni.

Un recente convertito all’argomento della simulazione è lo scienziato del Jet Propulsion Lab della NASA Rick Terrile.

Terrile ha detto a The Guardian:

‘Se si progredisce al ritmo attuale della tecnologia, tra qualche decennio saremo una società in cui le entità artificiali che vivono nelle simulazioni saranno più numerose degli esseri umani…. Se nel futuro ci sono più persone digitali che vivono in ambienti simulati di quante ce ne siano oggi, come possiamo dire di non essere già parte di una [simulazione]?

Alcuni fisici sostengono addirittura che l’universo su scala molto piccola non è composto da atomi, ma da bit di informazione, e che la realtà può essere pixelata.

“Se si guarda alle viscere dell’universo – la struttura della materia alla sua scala più piccola ci si rende conto che sono solo bit che fanno operazioni digitali locali”, dice il fisico Seth Lloyd.

Terrile ritiene che non vivere in una simulazione sarebbe altamente improbabile e che, di fatto, questa idea sarà in futuro simile alla rivoluzione copernicana (la scoperta, che oggi ci sembra così ovvia, che la Terra gira intorno al Sole).

E risponde alla domanda da 64 mila bit (su chi ha programmato la simulazione) dicendo:

“Noi stessi nel futuro” abbiamo creato la simulazione.

Il fisico Max Tegmark, famoso per la sua visione platonica della matematica come entità preesistenti all’universo manifesto, non è del tutto convinto.

Secondo Tegmark, mentre è logicamente possibile per noi vivere in una simulazione, le probabilità non sono così alte come credono Musk o Terrile.

“Per fare l’argomentazione, prima di tutto dobbiamo sapere quali sono le leggi fondamentali della fisica nel luogo in cui le simulazioni vengono eseguite. E se siamo in una simulazione non abbiamo la minima idea di quali siano le leggi della fisica. Quello che insegno al MIT sarebbero leggi di fisica simulate”.

L’argomento di Terrile è sostenuto da un’altra nozione che appare al centro della discussione scientifica contemporanea.

“Per decenni [nell’ambito della fisica quantistica]… gli scienziati hanno cercato di eliminare la nozione che abbiamo bisogno di un osservatore cosciente. La vera soluzione potrebbe essere che abbiamo bisogno di un’entità cosciente come il giocatore cosciente di un videogioco”.

L’interazione del giocatore con il gioco spiegherebbe, secondo Terrile, il problema della misurazione nella fisica quantistica o l’affetto apparente che nasce dall’atto di osservare un fenomeno.

Terrile tradisce il suo entusiasmo e sottolinea che l’ipotesi della simulazione è estremamente ottimista, poiché fornisce un quadro della nostra continuità senza la necessità di una soteriologia trascendente.

Alla fine, saremo in grado di simulare gli universi.

“Avremo i poteri della mente e della materia per creare tutto ciò che vogliamo, e potremo occupare quei mondi.

Background dell’idea di simulazione

Anche se queste idee sembrano radicali e innovative, non lo sono poi così tanto:

i filosofi vedici e post-vedici avevano il concetto di māyā i buddisti la nozione di samsara Platone considerava questo mondo come l’ombra o la copia di un mondo reale superiore (il mondo delle forme) gli gnostici consideravano letteralmente questo mondo come la simulazione o la copia di qualità inferiore della creazione divina, fatta da un demiurgo o da un gruppo di demiurghi (talvolta indicato come lo “stereoma”, la realtà virtuale progettata dagli Arconti).

Mentre nel buddismo il samsara non ha un inizio o una fine, non è un programma che è stato messo in moto ad un certo punto o da qualche programmatore, esso manifesta certe leggi (come il tempo e il karma) che esistono solo finché uno non si è risvegliato e ha scoperto che il mondo è un’illusione (succede come nel sogno che quando sappiamo di stare sognando possiamo volare e camminare attraverso i muri senza problemi).

Anche in alcune descrizioni della cosmologia buddista si dice che il nostro mondo è stato manifestato (progettato in qualche modo) dall’intenzione di esseri ultraterreni, gli Abhasvara.

Forse sapere bene (con tutto il nostro codice, per usare una metafora informatica) che viviamo in una simulazione è la stessa cosa di ciò che i buddisti chiamano la bodhicitta assoluta, cioè la mente del risveglio assoluto, che è appunto legata alla saggezza che il mondo è un’illusione, è vuoto, non ci sono oggetti, nessun sé indipendente che li percepisce.

E queste simulazioni potrebbero essere come le “terre pure” o campi di Buddha generati da alcuni bodhisattva nel buddismo Mahayana, il più famoso dei quali è Sukhavati (la terra pura del Buddha Amitabha).

In questo caso queste simulazioni buddiste (che sono paradisi per la coltivazione del dharma) non sono generate con la potenza di calcolo che si trova nella materia, ma con la consapevolezza compassionevole, con la più pura intenzione di liberare tutti gli esseri dall’illusione.

E il Buddha stesso, insegna il buddismo Mahayana, non è che una forma abile, una specie di programma olografico che si manifesta secondo i bisogni degli utenti intrappolati nel gioco, per mostrare loro che il mondo illusorio della sofferenza può cessare.

Il Buddha, come Morpheus in Matrix, può solo mostrare la via, offrire la medicina, ma tutte le persone devono prendere la medicina da sole, camminare sul sentiero e risvegliarsi per proprio merito.

La metafora dell’uscita da Matrix è molto simile alla scoperta della māyā o del risveglio al nirvana che è sempre esistito sotto l’illusione del samsara, questa è la risonanza archetipica che ha reso la saga Wachowski così popolare.

Una differenza importante tra le antiche concezioni del mondo come illusione – che sia la māyā vedica o il samsara buddista – e la nozione moderna di esistere all’interno di un programma informatico, è che per il Vedanta o per il Buddismo, l’illusione persiste solo finché persiste l’ignoranza della realtà, solo finché la percezione è oscurata e non può vedere la verità.

Viviamo in un’illusione; il mondo solido, separato, finito, e così via, non esiste, ma non esiste nemmeno un limitatore trascendente e una differenza tra il programma o gli attori del programma e il programmatore.

Così siamo effettivamente liberi e paradossalmente realizzando che il mondo è un’illusione – un sogno, un programma del computer – che è il prerequisito per il risveglio, annienta il programma stesso, fa sì che l’illusione in realtà non sia mai esistita.

I buddisti vedono solo Buddha, per loro tutta la realtà è illuminata.

Scoprire l’illusione, la Māyā, è fare dell’esistenza un gioco magico di infinite possibilità….

Alejandro Martínez Gallardo

Fonte: pijamasurf.com

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

  • SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
  • IBAN:  IT19B0306967684510332613282
  • INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
  • SWIFT: BCITITMM
  • CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code