toba60

Studio Svedese: I Vaccini COVID-19 Indeboliscono il Sistema Immunitario e Aumentano il Rischio di Sviluppare il Cancro

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Le fonti autorevoli da dove sono tratte queste informazioni che potete verificare all’interno dell’articolo, dovrebbero i indurre tutti coloro che hanno avuto fiducia a dei capi di governo che ci hanno portato nell’euro, fatto invadere in questi ultimi 10 anni da milioni di extracomunitari, dato a credere che dopo l’unificazione europea avremmo tutti lavorato un giorno in meno e guadagnato il doppio, tagliato la spesa sanitaria di 50 miliardi in un lasso di tempo bionico per la sua tempestività, che forse tutto sommato una fine prematura è il male minore che possa loro capitare.

Toba60

I Vaccini COVID-19 Indeboliscono il Sistema Immunitario e Aumentano il Rischio di Sviluppare il Cancro

Un recente studio di ricercatori svedesi ha scoperto che i vaccini Wuhan coronavirus mRNA (COVID-19) indeboliscono il sistema immunitario di una persona e aumentano la probabilità di sviluppare il cancro.

I ricercatori dell’Università di Umea, nel nord-est della Svezia, hanno scoperto che la proteina spike di SARS-CoV-2 a lunghezza intera viaggia attraverso il corpo di una persona infettata dal virus e sopprime la sua immunità adattativa. “A differenza delle risposte immunitarie innate, le risposte adattative sono altamente specifiche per il particolare patogeno che le ha indotte.

Possono anche fornire una protezione di lunga durata. Una persona che si riprende dal morbillo, per esempio, è protetta a vita contro il morbillo dal sistema immunitario adattativo. “, hanno scritto gli autori dello studio. I dati delle prove cliniche dei vaccini COVID-19 avevano precedentemente trovato che i vaccini compromettono la produzione di globuli bianchi, una componente critica del sistema immunitario del corpo.

Questa indagine ha trovato una significativa diminuzione dei linfociti nelle persone che hanno preso il vaccino COVID-19 mRNA della Pfizer. I linfociti, come le cellule T e B, sono tipi di globuli bianchi e sono parti importanti del sistema immunitario.

“Il fatto che i ricercatori svedesi abbiano riportato una perdita di funzione immunitaria associata all’invasione della proteina spike nel nucleo delle cellule, combinato con i dati di precedenti studi clinici che hanno trovato riduzioni transitorie del numero di globuli bianchi, può spiegare i rapporti di aumento delle infezioni COVID. poco dopo la vaccinazione”, ha scritto Lyn Redwood per Defense of Children’s Health .

La soppressione immunitaria da parte dei vaccini può portare al cancro


I dati epidemiologici clinici mostrano che gli effetti immunosoppressivi dei vaccini COVID-19 mRNA possono aumentare significativamente il rischio di una persona di contrarre il cancro.

I linfociti, in particolare le cellule T, sono ben noti per il ruolo significativo che svolgono nella prevenzione del cancro a causa della loro capacità di attaccare e uccidere le cellule tumorali prima della loro diffusione. I dati mostrano che le persone a cui è stato iniettato il vaccino mRNA possono sperimentare una temporanea soppressione o disregolazione immunitaria che può durare una settimana o anche di più.

Altre ricerche mostrano che i vaccini mRNA possono “riprogrammare” le risposte immunitarie adattative e innate. In particolare, i vaccini upregolano il percorso TLR4, che è noto per svolgere un ruolo cruciale nella risposta del sistema immunitario alle infezioni e alle cellule tumorali. (Correlato: L’ATROCITÀ DEL CANCRO DA VACCINO: Come un orologio, la maggior parte degli americani vaccinati perderà la funzione immunitaria entro Natale e inizierà a crescere tumori CANCRO accelerato che li ucciderà nel prossimo decennio).

Questa combinazione di fattori significa che se una persona vaccinata ha un tumore da qualche parte nel suo corpo noto o sconosciuto o se ha una predisposizione a qualche tipo di cancro, uno stato di immunosoppressione o disregolazione indotta dal vaccino potrebbe potenzialmente innescare la crescita improvvisa del tumore (o dei tumori) nelle settimane successive alla vaccinazione.

L’attuale consenso scientifico è che i vaccini stessi non contengono agenti cancerogeni, ma questa affermazione deve essere adeguatamente indagata. Anche l’entità della crescita tumorale indotta dal vaccino è attualmente incerta.

Ma le conclusioni degli studi sono supportate da prove del mondo reale che mostrano che ci sono già diverse migliaia di segnalazioni di tumori causati dai vaccini. In agosto, il patologo clinico Dr. Ryan Cole ha descritto un aumento significativo di alcuni tumori tra cui seno, ovaie, endometrio, prostata e pancreas dall’inizio della campagna di vaccinazione di massa negli Stati Uniti.

Più recentemente, i patologi tedeschi hanno notato l’improvvisa crescita di tumori causati dalla disregolazione immunitaria post-vaccino. Ascolta questo episodio di aggiornamento della situazione di “Health Ranger Report”, un podcast di Health Ranger Mike Adams, mentre parla di come i test del tampone COVID-19 sono stati scoperti a contenere livelli allarmanti di ossido di etilene. Questo è un gas tossico utilizzato per sterilizzare le attrezzature mediche che può aumentare il rischio di una persona di sviluppare tumori cancerosi.

Fonti: vaccines.news & childrenshealthdefense.org & swprs.org & brighteon.com

Abbiamo  bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per  finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile secondo le proprie possibilità è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo. 

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code