toba60

Studio Ufficiale Rileva Inequivocabilmente che i Vaccini Sopprimono il Sistema Immunitario Naturale

É inutile oramai girarci attorno, sono migliaia oramai gli studi che hanno accertato la pericolosità’ di un veleno tecnologico fatto passare per un vaccino.

Ci voleva una guerra ora per far dimenticare il danno subito, come se il presente non riservasse tragedie che di questi tempi si moltiplicando a ritmi serrati, l’unico lato positivo è che la smetteranno di colpevolizzare i No-Vax per essersi trovati in mutande.

Putin ride sotto i baffi anche se non li ha e chi glielo dice adesso al popolo di inferiori Yes Man, che dopo due anni di mascherine, lockdown, vaccini, chiusura di aziende, recessione, debito pubblico, smantellamento della piccola e media impresa, Green Pass, per non parlare del catastrofico stato di una sanità che non ha più nemmeno i soldi per un posto letto nel reparto pediatria, che forse il nemico non è poi il diabolico Putin, ma qualcuno che ora gli punta il dito con accanimento terapeutico nella speranza che il popolo ci caschi per l’ennesima volta.

Toba60

I Vaccini Sopprimono il Sistema Immunitario Naturale

Lo studio intitolato “Innate immune suppression by SARS-CoV-2 mRNA vaccines: the role of G-quadruplexes, exosomes and microRNAs” è stato pubblicato il 21 gennaio e presenta una serie di prove inequivocabili che le modifiche genetiche introdotte dall’mRNA nelle iniezioni di Covid-19 hanno varie conseguenze sulla salute umana:

un legame causale potenzialmente diretto alla malattia neurodegenerativa; miocardite; trombocitopenia immunitaria; Paralisi di Bell; malattia del fegato; immunità adattativa alterata; aumento della produzione o formazione di tumori; e danni al DNA

Stephanie Seneff Ph.D, Dr. Peter Mccullough, Ph.D, hanno condotto lo studio insieme al Dr. Anthony Kyriakopoulos, Dr. Greg Nigh che hanno utilizzato le prove dalle segnalazioni di eventi avversi fatte al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) per sostenere le loro conclusioni.

Nel loro documento, il gruppo di scienziati esplora la letteratura scientifica che suggerisce che la vaccinazione con un vaccino Covid-19 mRNA avvia una serie di eventi biologici che non solo sono diversi da quelli indotti dall’infezione naturale, ma sono controproducenti in diversi modi per le prestazioni del sistema immunitario a breve e lungo termine e la normale funzione cellulare.

McCullough et al. affermano inoltre che le iniezioni di Covid-19 hanno ora dimostrato di “downregolare i percorsi critici legati alla sorveglianza del cancro, al controllo delle infezioni e all’omeostasi cellulare”. Introducono materiale genetico altamente modificato nel corpo.

Il dottor Peter Mccullough, il dottor Anthony Kyriakopoulos, il dottor Greg Nigh e la dottoressa Stephenie Sennef concludono il loro studio richiamando l’attenzione su tre aspetti molto importanti del profilo di sicurezza delle iniezioni di covid-19.

Il sovvertimento ampiamente documentato dell’immunità innata, che secondo loro è e continuerà ad avere una vasta gamma di conseguenze, tra cui una ridotta capacità di combattere efficacemente le infezioni future.

Il vaccino ha compromesso il sistema immunitario per individuare e prevenire “la trasformazione maligna geneticamente guidata all’interno delle cellule e il conseguente potenziale del vaccino di promuovere tali trasformazioni”.

L’interruzione causata dall’mRNA Covid-19 iniettato nella comunicazione intracellulare effettuata dagli esosomi e le conseguenze infiammatorie potenzialmente gravi della vaccinazione con mRNA inducono le cellule ad assorbire l’mRNA di picco e a produrre alti livelli di esosomi che trasportano le proteine di picco.

Inoculazione contro COVID-19 e infezioni con AIDS e condizioni immunosoppressive
Karina Acevedo Whitehouse Ph.D

Punti salienti dello studio

I seguenti sono alcuni dei punti salienti di questo studio ben studiato e completo.

Danno al sistema nervoso centrale

Lo studio si riferisce a un documento seminale di un team di ricerca in India che ha studiato il ruolo degli esosomi nella risposta cellulare alla proteina spike (Spike) SARS-CoV-2 sintetizzata internamente.

Secondo l’abstract dello studio: “Proponiamo che il prodotto del gene SARS-CoV-2, Spike, possa modificare il carico esosomiale dell’ospite, che viene trasportato in tessuti e organi lontani non infetti e può avviare una cascata immunitaria catastrofica all’interno del sistema nervoso centrale (SNC). sistema (CNS).

Riparazione del DNA e immunità adattativa alterate

Il sistema immunitario e il sistema di riparazione del DNA sono i due principali sistemi su cui gli organismi superiori fanno affidamento per difendersi da varie minacce e condividono elementi comuni.

La perdita di funzione delle proteine chiave di riparazione del DNA porta a difetti di riparazione che inibiscono la produzione di cellule B e T funzionali, con conseguente immunodeficienza. L’alterazione della riparazione del DNA è anche una via diretta al cancro.

McCullough et al. fanno riferimento a uno studio seminale di ricercatori di Shanghai, Cina, che ha monitorato diversi parametri associati alla funzione immunitaria in una coorte di pazienti prima e 28 giorni dopo la vaccinazione con Covid-19.

Gli autori hanno trovato un’alterazione coerente dell’espressione genica dopo la vaccinazione in molti diversi tipi di cellule immunitarie.

Hanno scritto:

“Insieme, questi dati hanno suggerito che dopo la vaccinazione, almeno al giorno 28, oltre alla generazione di anticorpi neutralizzanti, il sistema immunitario delle persone, compresi quelli dei linfociti e dei monociti, era forse in uno stato più vulnerabile.

Gli autori hanno anche identificato cambiamenti dirompenti nell’espressione genica che implicherebbero una ridotta capacità di riparare il DNA.

Trombocitopenia immunitaria

La trombocitopenia immunitaria è un disordine autoimmune in cui il sistema immunitario attacca le piastrine del sangue in circolazione.

Le piastrine circolano normalmente con una vita media di soli cinque-nove giorni, quindi vengono costantemente sintetizzate nel midollo osseo ed eliminate nella milza.

Gli autori dello studio scrivono che un terzo delle piastrine totali del corpo si trova nella milza. Poiché le iniezioni di mRNA sono trasportate alla milza da cellule immunitarie inizialmente attratte nel sito di iniezione nel muscolo del braccio, c’è una grande opportunità per il rilascio di esosomi contenenti proteine spike da macrofagi infettati dal vaccino nella milza.

Così, gli esosomi rilasciati dai macrofagi che sono costretti dal vaccino a sintetizzare la proteina spike agiscono per aumentare il rischio di trombocitopenia in risposta ai complessi immunitari formati dall’antigene della proteina spike e dagli anticorpi prodotti contro la proteina spike.


Segnale VAERS in immunosoppressione, trombocitopenia e neurodegenerazione

Durante i 31 anni di storia di VAERS, ci sono stati un totale di 9.153 decessi segnalati in associazione con qualsiasi vaccino, e 7.114 (78%) di questi decessi erano legati alle iniezioni di COVID-19.

È importante notare che solo il 14% delle morti segnalate da VAERS fino a giugno 2021 potrebbe escludere la vaccinazione come causa. Ciò suggerisce fortemente che queste iniezioni senza precedenti mostrano meccanismi insoliti di tossicità che vanno ben oltre ciò che si vede con i vaccini tradizionali.

Uno sbalorditivo 96% di tutti i casi che collegano la paralisi di Bell a qualsiasi vaccino dal 1990 erano legati alle iniezioni di COVID-19 (3.197 su 3.331 casi). Ci sono state 760 segnalazioni di sindrome di Guillain Barre (GBS) per le iniezioni di COVID-19. Sono stati elencati più di 100 casi di neurite ottica o neuropatia ottica. Un totale di 8.298 segnalazioni ha collegato l’emicrania a COVID-19.

Ci sono stati anche 52 casi di Herpes zoster oticus legati alle iniezioni di COVID-19. Questo è fondamentalmente un caso di herpes zoster che colpisce i nervi cranici vicino alle orecchie. La perdita dell’udito è un sintomo caratteristico dell’herpes zoster oticus e può diventare permanente.

Al 19 novembre 2021, c’erano 12.204 casi in cui “tinnito” era menzionato. La sordità è, ovviamente, molto più grave e quindi meno comune, ma ha anche un numero sorprendente di riscontri, con 2.662 casi.

Ci sono state 653 segnalazioni VAERS che collegano le iniezioni di COVID-19 alla trombocitopenia. Questo si confronta con 774 casi riportati per tutti gli altri vaccini nel periodo di 31 anni dal 1990 al 2021.

Il database VAERS include anche molti termini legati alla disfunzione epatica, e ci sono state circa 2.000 segnalazioni in VAERS per vari termini legati al fegato collegati alle iniezioni di COVID-19, come ad esempio:

  • epatomegalia (73 casi)
  • steatosi epatica (105 casi)
  • aumento degli enzimi epatici (338 casi)
  • disturbo epatico (71 casi)
  • danni al fegato (44 casi)
  • dolore al fegato (91 casi)
  • epatite (62 casi).

Ci sono stati 4.650 casi di disfagia, 1.697 casi di disfonia e 37.132 casi di dispnea in reazione alle iniezioni di COVID. Come rivisto nello studio di Mccullough et all, una probabile causa è il danno al nervo vago dovuto all’infiammazione indotta dall’esposizione agli esosomi contenenti la proteina spike e i microRNA associati.

La seguente tabella, tratta dallo studio, mostra il numero di eventi nel database VAERS dal 1990 al 12 dicembre 2021 in cui vari termini che indicano il cancro si sono verificati in associazione con il vaccino Covid-19 o tutti gli altri vaccini disponibili, insieme al rapporto tra i due.

Ci sono stati tre volte più rapporti di cancro al seno dopo un vaccino COVID-19, e più di sei volte il numero di rapporti di linfoma a cellule B. Tutti i casi di linfoma follicolare tranne uno sono stati associati alle iniezioni di COVID-19.

Il carcinoma pancreatico era più di tre volte superiore. McCullough et al. affermano che questo non può essere spiegato facendo riferimento ad un numero sproporzionatamente grande di persone che hanno ricevuto un vaccino mRNA nell’ultimo anno rispetto a tutti gli altri vaccini.

Il numero totale di persone che hanno ricevuto un vaccino non-COVID-19 non è noto, ma nei 31 anni di storia di segnalazione che VAERS contiene, è certamente molti ordini di grandezza maggiore del numero che ha ricevuto un vaccino mRNA nell’ultimo anno.

Complessivamente, nella tabella qui sopra, il doppio delle segnalazioni di cancro a VAERS sono legate a un vaccino COVID-19 rispetto a quelle legate a tutti gli altri vaccini. Questo, secondo gli autori dello studio, segnala un urgente bisogno di ricerca.

Il dottor Peter Mccullough, il dottor Anthony Kyriakopoulos, il dottor Greg Nigh e la dottoressa Stephenie Sennef concludono il loro studio richiamando l’attenzione su tre aspetti molto importanti del profilo di sicurezza delle iniezioni di covid-19.

La sovversione ampiamente documentata dell’immunità innata, che secondo loro è e continuerà ad avere una vasta gamma di conseguenze, tra cui la ridotta capacità di combattere efficacemente le infezioni future.

Il vaccino ha compromesso il sistema immunitario per individuare e prevenire “la trasformazione maligna geneticamente guidata all’interno delle cellule e il conseguente potenziale del vaccino di promuovere tali trasformazioni”.

L’interruzione causata dall’mRNA Covid-19 iniettato nella comunicazione intracellulare effettuata dagli esosomi e le conseguenze infiammatorie potenzialmente gravi della vaccinazione con mRNA inducono le cellule ad assorbire l’mRNA di picco e a produrre alti livelli di esosomi che trasportano le proteine di picco.

Gli autori dello studio affermano che “

“Se uno qualsiasi di questi potenziali effetti dovesse verificarsi in pieno, l’impatto su miliardi di persone in tutto il mondo potrebbe essere enorme e potrebbe contribuire al carico di malattie a breve e lungo termine che il nostro sistema sanitario deve affrontare.

La dichiarazione conclusiva di Mccullough, Kyriakopoulos, Nigh e Sennef sul loro studio recita:

“Alla fine, non esageriamo quando diciamo che sono in gioco miliardi di vite. Chiediamo alle istituzioni sanitarie pubbliche di dimostrare, con prove, perché le questioni discusse in questo documento non sono rilevanti per la salute pubblica, o di riconoscere che lo sono e agire di conseguenza. Finché le nostre istituzioni sanitarie pubbliche non faranno la cosa giusta a questo proposito, incoraggiamo tutte le persone a prendere le proprie decisioni in materia di assistenza sanitaria con queste informazioni come fattore che contribuisce a tali decisioni.

Variante dell’HIV altamente virulenta trovata in Europa

Una variante altamente trasmissibile e dannosa dell’HIV circola nei Paesi Bassi da decenni. La variante sembra aumentare il numero di particelle virali nel sangue di una persona, rendendola più propensa a trasmettere il virus. E sembra portare a una riduzione delle cellule immunitarie chiamate cellule T CD4, mettendo le persone infettate a rischio di sviluppare l’HIV molto più rapidamente di quelle con altre versioni dell’HIV.

Fonte: cienciaysaludnatural.com

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE