toba60

Svegliatevi!

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

E’ una fase molto delicata quella che stiamo vivendo e molto di tutto quello che avverrà’, sarà in stretta relazione con quelle che sono le conoscenze acquisite nel corso della propria vita.

Pensare di essere immuni ai Mass Media, che tempestano di notizie ogni individuo, significa vivere una realtà’ che non esiste.

Ci sono alcune considerazioni molto importanti che e’ bene sottolineare.

La Tendenza collettiva, dettata dalle consolidate norme globalizzate, ha fatto si che molti individui siano prigionieri di un sistema, che obbliga gli individui a far fronte ai soli bisogni primari, (Mangiare Dormire, Lavorare, ecc.) impedendo loro di dedicare un po di spazio a quelli secondari (Cultura, Sport, Scienza, Letteratura, Arte ecc.) la logica conseguenza di tutto questo, fa si che il valore aggiunto che si conviene per dare un senso agli eventi, viene delegato a coloro che gestiscono la società’ per come la vediamo ora.

E’ fondamentale creare dipendenza negli individui e il miglior modo per poterlo fare, e’ imprimere verso il basso il salario della maggior parte delle persone e far si che tutti si debbano occupare per gran parte del proprio tempo alla propria sopravvivenza, ed e’ quello che grazie al covid19 si sta verificando con puntualità’ Svizzera.

Concentrare tutta l’attenzione sulle cose necessarie da parte delle masse, fa si che chi gestisce l’informazione Mainstream abbia il controllo della popolazione mondiale e di questo, tutti coloro che hanno aperto gli occhi, ne devono tenere conto.

Il pianeta e’ di tutti alcuni vogliono vivere altri si aggrappano con tutta la loro forza alla propria sopravvivenza rinnegando se stessi

Il Covid19 ha messo a nudo la predisposizione insita attualmente in ognuno di noi.

Toba60

“Facciamo Pipì e i Media dicono: Piove …”
EDUARDO GALEANO

MATRIX TI CONTROLLA

PARTE 1

Signore e signori, benvenuti nella GRANDE BUGIA GLOBALE !!! La “SOCIETÀ DELL’INFORMAZIONE !!! È molto chiaro che viviamo in un momento in cui la verità non viene fornita gratuitamente, tanto meno se la tua fonte principale è la Televisione.

E’ un momento in cui dire la verità diventa poco meno che un crimine, perché la verità si comporta come un’esplosione nucleare, viene trasmessa come una reazione a catena e coloro che tirano le corde dall’ombra lo sanno molto bene.

Concentreremo il nostro sguardo su come sono costruite le “verità” o le “realtà” che ci circondano, o piuttosto potremmo dire che ci vincolano in modo efficiente come un boa gigante. Cioè, come si verifica il processo di oggettivazione delle informazioni.

L’oggettività delle informazioni si basa su un processo molto interessante che richiede commenti.

In linea di principio, le informazioni soggettive sono discusse a diversi livelli della società e, a seconda dei media e delle persone che supportano tali informazioni, vengono scartate, ovvero diventano parte della conoscenza marginale o sono legittimate, il che significa entrare parte della conoscenza accettata a livello globale.

Una volta che queste informazioni sono legittimate, riteniamo che tali informazioni siano oggettive. In altre parole, è un processo di conformità sociale, per così dire.

Questo è il processo fondamentale per legittimare le informazioni.

Facciamo una pausa per un momento per analizzare le principali fonti che interagiscono nel processo di legittimazione:

  • I mass media (convenzionali) o “mass media”.
  • Le autorità a favore o contro tali informazioni.

Cominciamo con i mass media:

Qualcuno ha smesso di pensare al motivo per cui ogni giorno possiamo ESATTAMENTE vedere le stesse notizie, praticamente nello stesso ordine, su uno qualsiasi dei canali TV o sui giornali o sulle stazioni radio. Funzionano tutti all’unisono, come una macchina perfettamente ingrassata e stretta.
Ti sfido a vedere di persona.

Bene, capita che il giorno in cui l’ agenzia EFE , che è quella che canalizza il flusso di notizie nel nostro paese, decida quali diffondere e quali no, quando farlo e come farlo; un bel giorno fai un errore. Quindi si scopre che tutti i media che bevono dalla fonte dell’agenzia EFE, come i credenti che pregano nel tempio, fanno esattamente lo stesso errore …

Per mostrare un pulsante, guarda questo esempio che parla da solo. Il direttore dell’agenzia EFE aveva torto e ha detto che Oslo era in Svezia e non in Norvegia, ha notato un “giornalista” del mass media ? …

Digita QUÍ per vedere l’articolo completo)

Questo è ciò che accade quando la FALSIMEDIA distribuisce le storie parola per parola dell’Agenzia ufficiale di disinformazione ed EFEmérides.

Non è un po ‘spaventoso? Se tutti i media mainstream bevono dalla stessa fonte, chi controlla quella fonte non controlla la realtà che conosciamo?

Fermiamoci un momento a riflettere su chi appartengono i “mass media”.

  • Credi che i canali televisivi statali o regionali trasmetteranno informazioni che mettono in pericolo il culo dei politici in servizio?
  • O che questi stessi politici rischierebbero di infastidire i loro burattinai?

Per quanto riguarda i canali privati, suppongo che tu conosca il miliardario Rupert Murdoch .

Bene, quest’uomo controlla direttamente o indirettamente una grande percentuale dei grandi canali televisivi privati ​​del mondo (quelli principali, cioè quelli che contano ).

Vi lascio un documentario essenziale (sottotitolato in spagnolo) intitolato ” OUTFOXED Ruppert Murdoch contro i media “, in modo da avere l’opportunità di incontrare un personaggio così sinistro.

Ruppert Murdoch contro i media digita Qui

La guerra ingannevole di Rupert Murdoch contro il giornalismo

È chiaro quindi che le notizie che appaiono nei “mass media” rispondono agli interessi di pochi e non agli interessi del bene comune, come ci viene portato a credere.

Quindi se queste sono le principali fonti di oggettivazione delle informazioni che ci inondano quotidianamente, abbiamo un grave problema … Le informazioni che ci vengono vendute come obiettivi sono davvero legittime?

Sì cari amici, siamo gli agnelli di alcuni lupi, che gestiscono l’universo simbolico e costruiscono coscienziosamente la realtà che ci circonda, cioè quella che serve i loro interessi.

A questo puoi aggiungere il controllo delle agenzie di intelligence degli Stati Uniti e del resto dei paesi del mondo occidentale, che cercano abilmente, analizzano e neutralizzano possibili fonti di dissenso, usando strumenti come Echelon .

Come dice Esquivel , non è in discussione se ci cucineranno, se non con quale salsa vogliono cucinarci con … Yum, yum ricchi piccoli agnelli!

E tu, con quale salsa vuoi essere cucinato?

Per quanto riguarda le autorità che legittimano le informazioni,

  • Chi pensi che li autorizzi a comunicare e raggiungere le masse?
  • Chi ti esalta e ti dà popolarità, che è erroneamente tradotto come autorità?
  • E chi li detronizza e li trascina nel fango quando gli si addice?

Infatti, i nostri amati distributori di salse per cucinare agnelli, i “mass media”. I famosi cheff della realtà sociale.
 

Quindi ti sfido ad essere cortese
e cercare informazioni al di là dei mass media di comunicazione e formare il tuo parere su
questo.

APRI I TUOI OCCHI
 

Qui puoi vedere un magnifico documentario della BBC su come la società di disinformazione ci manipola a piacimento. Si intitola “La Fabbrica del Consenso”

La Fabbrica del Consenso Noam Chomsky Digita Qui

Un’analisi meticolosa che decostruisce i meccanismi di controllo sociale dalla base, per mano di Noam Chomsky , uno dei più grandi pensatori del nostro tempo.

PARTE 2

“Se un uomo, mantenendo una convinzione che gli è stata insegnata durante l’infanzia o che è stato successivamente persuaso, sminuisce e mette da parte tutti i dubbi che sorgono nella sua mente, evita di proposito di leggere libri e la compagnia di uomini che mettono in discussione o discutono, e vedono come empie quelle domande a cui non è possibile rispondere facilmente senza disturbarla, in modo che la vita dell’uomo sia un singolo e lungo peccato contro l’umanità ”.
WILLIAM K. CLIFFORD
matematico e filosofo inglese della fine del XIX secolo

MATRIX TI CONTROLLA!

(Articolo dedicato a The Parent Project e Rafapal)

Dopo aver capito come i media controllano l ‘”obiettività” delle informazioni che fluiscono nella nostra società e chi controlla i media dall’ombra, ci si potrebbe chiedere:

Per iniziare a rispondere a domande così ampie come queste, è necessaria un’analisi preliminare della procedura di acquisizione dei dati e della sua cognizione, o in altre parole, come elaboriamo questi dati e i diversi livelli di elaborazione dei dati. informazioni o la qualità delle informazioni.

Cosa può essere compreso dal LIBERO PENSIERO? Il LIBERO PENSIERO può aiutarci a vivere una vita migliore?

Partiremo da un esempio di vita quotidiana, che ci aiuterà a illustrare l’argomento.

Certo, se si vive e lavora vicino o all’interno dei centri urbani più popolosi della Spagna, si può provare pienamente la Società di disinformazione.

Per comprendere le implicazioni di questa affermazione, immagina il caso del signor X:

Quest’uomo si sveglia nel suo appartamento a Barcellona alle 7:00 e si mette in contatto con la realtà quando suona la sveglia, ama vestirsi al ritmo delle notizie attuali.

Fa una breve sosta in bagno, dove collega la radio che ha appeso alla doccia e si prepara mentre ha appena ascoltato le “notizie” che il dispositivo emette, sai, una guerra qui intorno, una morte per violenza domestica di lì, una scomparsa infantile laggiù … (i colpi più grandi suonano sempre).

Va nel suo angolo cottura (ironico?), Avvia il tostapane e la caffettiera. Nel frattempo la sua attenzione si concentra interamente sulla scatola che vomita immagini e che gli consente di integrare le informazioni precedentemente assaggiate, è come passare dagli antipasti al piatto principale. Improvvisamente la primavera del tostapane salta, mentre il caldo odore del caffè indica che la colazione è pronta.

Svuota la tazza di caffè con il latte mentre si mette le scarpe e prende giacca e portafoglio.

Esce come un’espirazione e irrompe nella bocca della metropolitana, ma non prima di essere assalito da un simpatico fattorino di 20 minuti e riceve una copia del suddetto giornale. Raggiunge il tunnel della metropolitana e mentre si avvicina alla sua posizione preferita sulla piattaforma, le teste girate e lo sguardo del resto dello staff, gli ricordano che sullo schermo della sala trasmettono le “notizie” del giorno (fresche e succose come un Big Mac ).

Quindi ritorna per avvolgersi nelle nebbie dei “mass media”, mentre lecca pensando al dessert che lo attende, 30 minuti in metropolitana attraversando la città per lavorare, seduto comodamente a leggere il suo giornale “gratuito”.

Che sensazione meravigliosa! Il signor X. pensa, alzarsi la mattina e mettersi al lavoro, DIVERTENDO in ogni momento. È fantastico vivere nella società dell’informazione …

Continuiamo ad analizzare la sventura ignorata dal signor X. Quest’uomo non è né più né meno di un campione di ciò che possiamo contemplare quotidianamente come la vita di persone “normali”.

Una persona che viene letteralmente aggredita e programmata con la stessa serie di dati trapelati, ancora e ancora, e ancora e ancora …

È come un mantra , una sensazione di abbandono che conforta e ci ricorda com’è il mondo, che riafferma le nostre relazioni sociali e allo stesso tempo ci rende più individuali, in quanto ci consente di commentare i dettagli di “cosa succede” con il resto di i nostri congeneri e ci permette di posizionarci all’interno dei punti cardinali così “rigorosamente” disegnati.

Ed è in contrasto con ciò che ci piace pensare, tutte quelle informazioni che ci circondano (quelle che percepiamo consciamente e inconsciamente) influenzano la nostra cognizione e quindi la nostra interpretazione del mondo.

Così allagati dai “mass media”, la società DESinformation ci afferra quotidianamente con immagini di violenza e disperazione nelle nostre menti e nei nostri cuori.

Ci abitua alla Falsita’

La nostra esperienza si basa sulle informazioni che raccogliamo durante le nostre vite e riorganizziamo le nostre convinzioni e valori sulla base della credibilità delle nuove informazioni che ci vengono fornite. Pertanto, se garantiamo credibilità, legittimità ai media, stiamo entrando a far parte di una realtà costruita e ovviamente diretta.

In altre parole, se i media vengono manipolati , anche la nostra capacità di interpretare la realtà sarà distorta. Ci vogliono davvero docili e obbedienti.

Grandi ambizioni sociali e bisogni materiali, che fanno appassire menti splendide attraverso un educazione (meticolosamente progettata) priva di stimoli educativi.

Sono state applicate così tante serrature alla nostra capacità di immaginare che siamo diventati una società schiava .

Lavoro economico e docile, assolutamente incatenato al consumo, alla realtà materiale.

Non essere ingannato, perché lo stesso che dà, può portare via.

Guai a chi decide di disconnettersi dai media: Povero Mr. M, che ha smesso di guardare la TV e leggere i giornali … Non partecipa più ai discorsi mattutini in ufficio … Sembra cupo e solo … A volte dice alcune cose, che infastidiscono gli altri … dove otterrà informazioni così strane … non possono essere vere … perché non le abbiamo mai viste in TV … (pensano i suoi colleghi).

Quindi il signor M, decide di smettere di essere un reietto e si riconnette alla tragicommedia mediatica e reindirizza i suoi rapporti di lavoro e nel profondo … nel profondo di lui, sa che ogni giorno muore un po ‘più di ogni giorno in cui si perde di più …

Ma è felice! Non si preoccupa più di problemi che non può risolvere …

Com’è meravigliosa la vita! E quanto è divertente!

Dopo questo semplice fumetto, passiamo ai problemi più profondi. In effetti viviamo nella società dell’informazione, una società che ci travolge con enormi quantità di dati che vengono accuratamente filtrati e ricomposti, in modo che ammettano molte interpretazioni (entro i limiti limitati). Molte informazioni, molte informazioni …

Ma … Cos’è successo alla conoscenza? Chi ha finito il pensiero critico? Dov’era la ragione?

Il nuovo idolo della nostra adorazione, il nuovo dio per pregare … I “mass media”. Ci forniscono cibo, il mana che ci nutre come società. O sono i cammelli che ci forniscono la droga che ci fa divertire?

In breve, distribuiscono le informazioni.

Ma l’informazione non è altro che raccolte di dati strutturati, che facilitano l’interpretazione della realtà.


La conoscenza, tuttavia, vive su un gradino più alto, che comporta l’elaborazione delle informazioni. Capacità riflessiva o qual è lo stesso pensiero razionale.


La saggezza appare solo in quei rari casi, in cui un insieme sapientemente semplificato di conoscenza per una facile trasmissione può rappresentare un significativo salto qualitativo nel modo di vedere e interpretare il mondo di coloro che lo ricevono.

Ecco perché NON viviamo nella società della conoscenza o della saggezza, perché questi balzi qualitativi nella gestione dei dati comportano l’elaborazione intelligente di informazioni, riflessione, pensiero, ragione …

Invece VIVIAMO IN SOCIETÀ DI INTRATTENIMENTO.

Sì, cari amici, poiché ciò che fa funzionare bene il mondo ogni giorno, come un orologio, è la distribuzione della droga della gente, l’informazione.
 

SOCIETÀ DELL’INFORMAZIONE O SOCIETÀ DI ALIENAZIONE? DECIDI ..

Ecco perché è essenziale cercare nuove fonti di informazione, che ci consentano di sviluppare conoscenze più contrastate e ci permettano di ragionare al di là della ” programmazione dei mass media “.

Dobbiamo rompere gli schemi in cui intendono contenere le nostre menti. Dobbiamo imparare a imparare e smettere di pensare che ciò che è diverso è marginale. Dobbiamo iniziare ad aprire serrature e porte nelle nostre menti illimitate, che gli architetti hanno posto con tanta cura all’ombra della nostra società. Dobbiamo iniziare a perdere la paura.

Dobbiamo iniziare a pensare in libertà …

E questo, onorevoli colleghi, è ciò che considero un libero pensatore , una persona senza paura di immaginare, capace di mantenere l’autonomia del suo spirito critico, che si concede la possibilità di PENSARE in un mondo diverso da quello che gli dicono. , senza perdere la capacità di relazionarsi e comunicare con gli altri.


Ma come posso diventare un libero pensatore?

Prima di tutto, dai via la TV o spegnila (se la accendi solo per vedere un documentario interessante), quindi inizia a leggere (se hai già letto, poi leggi di più), scrivi, avvicinati alla natura, comunica con le persone: incontra Nuove persone, parlare, discutere, condividere informazioni diverse, iniziare a informarsi in modo intelligente, se leggi le notizie sui giornali o le ascolti alla radio, poi le contrapponi su Internet, sviluppa il tuo pensiero critico e soprattutto non accetta mai dogmi da niente o niente. da chiunque. Cerca le tue informazioni, elabora le tue conoscenze.


Per sapere se essere un libero pensatore può renderti più felice o più infelice, devi decidere da solo . Posso solo dire che scoprire la verità a volte è doloroso, ma può liberarti dal giogo mentale e spirituale che ci è stato imposto.

Ti dico solo che l’ignoranza non fa felicità, perché nella complessità dell’essere umano sta la sua bellezza.


ANDARE MOLTO ATTENTAMENTE, IL PENSIERO LIBERO È CONTAGIOSO !!!

Peter Petrelli

Fonte: http://peterpetrellisite.wordpress.com/

Aiuta L’informazione Indipendente, Toba e’ Sempre di Corsa e non vuole Fermarsi

Neuroschiavi
Liberiamoci dalla manipolazione psicologica, politica, economica e religiosa
Voto medio su 33 recensioni: Da non perdere
€ 16,50

Chi sono i Padroni del Mondo
€ 14,00

La Fabbrica della Manipolazione
Come i poteri forti plasmano le nostre menti per renderci sudditi del Nuovo Ordine Mondiale
Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere
€ 11,50


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code