toba60

Torturare la Legge e la Ragione per Liberare il pianeta dai Negazionisti del Cambiamento Climatico

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Da tempo di parla di cambiamento climatico, ma a farlo guarda caso sono proprio le élite a capo delle multinazionali dell’energia, quelli per intenderci che che hanno molto a cuore la tutela delle persone e che da tempo indefinito ha dilapidato ogni risorsa del pianeta e finanziato guerre su scala industriale in ogni luogo del mondo.

Ogni commento e’ inutile

Toba60

Liberare il pianeta dai Negazionisti del Cambiamento Climatico

Diversi anni fa, il propagandista del clima Al Gore ha dichiarato: “I negazionisti del clima meritavano di essere puniti”. Quando la tirannia guadagna trazione, trova sempre un modo per sopprimere con la forza le sue vittime designate. Questo articolo lo mette a fuoco: “Il movimento per il clima ha scoperto il diritto penale come strumento per condurre la politica climatica”.

La commedia londinese del 2019, Kill Climate Deniers, mostra adeguatamente l’ultimo sentimento tenuto dall’eco-movimento verso i cosiddetti “negazionisti del clima”.

Questo è un articolo importante che dovrebbe essere letto parola per parola per capire il cambiamento radicale nella teoria legale.

Prefazione

Il movimento per il clima ha scoperto il diritto penale come strumento per condurre la politica climatica. Per integrare le cause civili contro gli stati e le aziende, gli attivisti del movimento intendono invocare la tortura e un nuovo crimine proposto di “ecocidio” per colpire i dirigenti delle aziende, i politici e altri che ostacolano le loro politiche preferite. Nel portare avanti la loro agenda, questi attivisti ricevono assistenza dalla magistratura, in particolare dalla Corte europea dei diritti umani.

L’uso del diritto penale per perseguire le politiche sul clima è un ulteriore passo nella radicalizzazione del movimento per il clima e rappresenta una minaccia alle libertà economiche e politiche, allo stato di diritto e alla democrazia. Se il movimento riesce a realizzare i suoi piani, tutti coloro che non sostengono politiche climatiche ambiziose dovrebbero temere di essere perseguiti e imprigionati. Al contrario, minacciare sanzioni penali contro politici e dirigenti aziendali creerà potenti incentivi per adottare politiche climatiche ambiziose e la narrativa dominante pro-clima.

Lucas Bergkamp spiega come il diritto penale, nella visione del movimento per il clima, dovrebbe integrare il diritto civile e amministrativo per eliminare qualsiasi opposizione ai suoi piani per la realizzazione di un’utopia climatica.

Governo europeo dei giudici

Nel corso di diversi decenni, la Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) si è evoluta in un governo europeo in sé. Sulla base di dottrine progettate per permetterle di espandere i suoi poteri a sua discrezione, la Corte ha emanato una serie di mandati per nuove leggi e politiche per l’Europa. C’è poco controllo democratico sul ruolo della Corte nel portare avanti le politiche progressiste. Una volta che la Corte ha parlato, i parlamenti nazionali non sono in grado di annullare la sua pontificazione perché un diritto umano ha la meglio sulla legge nazionale; le magistrature nazionali sono costrette a eseguire le sentenze della Corte, anche se la loro legge nazionale prevede diversamente.

Mentre impone le sue alte richieste morali ai governi esecutivi, la Corte si crede del tutto esente da qualsiasi vincolo morale o giuridico. In un precedente contributo, ho discusso come le controversie sul cambiamento climatico davanti alla Corte abbiano minato lo stato di diritto, la separazione dei poteri e la democrazia. In questo articolo, mi concentro sul ruolo della Corte nel criminalizzare il dibattito sul clima. Il suo sconsiderato disprezzo dell’imparzialità giudiziaria, del diritto a un processo equo e della moderazione giudiziaria è un’altra manifestazione del sostegno della Corte al movimento progressista.

Criminalizzare la “negazione del clima

Un decennio fa, un avvocato americano ha sostenuto che la negazione del clima è probabilmente punibile come inganno criminale e frode secondo la legge esistente. Nel 2015, Al Gore ha detto che “i negazionisti del cambiamento climatico dovrebbero essere puniti”. Il ritiro del presidente Trump dall’accordo sul clima di Parigi è stato visto come un crimine contro l’umanità: “Questo è un omicidio”.

Un recente libro, Carbon Criminals, Climate Crimes, descrive “ciò che le corporazioni dell’industria dei combustibili fossili, il governo degli Stati Uniti e la comunità politica internazionale hanno fatto, o non hanno fatto, in relazione al riscaldamento globale.” Sul sito web dell’UNESCO, un articolo di primo piano sostiene che “i crimini climatici devono essere portati davanti alla giustizia” e che “gli stati e le aziende devono essere ritenuti responsabili delle loro azioni o inazione riguardo al cambiamento climatico”.

La logica che supporta la criminalizzazione

L’argomento per criminalizzare il “negazionismo climatico” si riduce tipicamente al seguente argomento articolato da Jeremy Williams:

Dato quello che sappiamo e che abbiamo saputo per decenni sul cambiamento climatico, negare la scienza, ingannare il pubblico e ostacolare intenzionalmente qualsiasi risposta seria alla catastrofe climatica significa permettere a interi paesi e culture di scomparire. È derubare … i più poveri e vulnerabili del pianeta della loro terra, delle loro case, dei loro mezzi di sussistenza, persino delle loro vite – e delle vite dei loro figli, e delle vite dei figli dei loro figli. Per il profitto. E per, power…. Questi sono crimini. Sono crimini contro la terra, e sono crimini contro l’umanità.

Questo clamore emotivo non solo è un amalgama impenetrabile di ragionamenti fattuali e morali, ma presuppone anche ciò che deve essere dimostrato. Per evitare il disastro, la razionalità deve essere riportata nell’analisi. Purtroppo, come dimostra la CEDU, non possiamo contare sulla magistratura per farlo.

Il “Tribunale europeo dei cambiamenti climatici

Nel 2020, la CEDU ha segnalato alla comunità dei diritti umani che era aperta a ricevere domande da parte degli attivisti del clima. La Corte e il Consiglio d’Europa hanno tenuto una conferenza, “Diritti umani per il pianeta”, in cui diversi giudici, tra cui il presidente della Corte, hanno svolto ruoli chiave. I discorsi tenuti dai giudici della Corte sono stati giustamente percepiti come un invito aperto agli attivisti.

Diversi casi sul clima sono ora pendenti davanti alla Corte. Come previsto, la retorica dell’emergenza climatica domina gli argomenti presentati dai querelanti. La Corte ha già dimostrato fin dove è disposta a spingersi per riscrivere la legge per salvare il pianeta.

“Emergenza climatica

La Corte europea dei diritti dell’uomo, alla quale il suo presidente si riferisce come alla “Corte europea del cambiamento climatico”, ha usato l’opportunità presentata dal contenzioso sul clima che ha invitato per prendere l’iniziativa nel criminalizzare il dibattito sul clima.

Lo ha fatto in diversi modi. In primo luogo, il presidente della Corte e uno dei suoi vice presidenti hanno dichiarato pubblicamente che “siamo di fronte a una terribile emergenza che richiede un’azione concertata da parte di tutta l’umanità” e che affronteremo il collasso di tutto ciò che ci dà sicurezza”.

Così, i leader della Corte hanno appoggiato apertamente e senza riserve la retorica allarmista del movimento climatico. Lo hanno fatto non basandosi sulla scienza, ma sulle dichiarazioni allarmistiche di Sir David Attenborough, un noto biologo e attivista climatico.

In secondo luogo, per evitare qualsiasi discussione sui fatti, i giudici hanno aggiunto: “Nessuno può legittimamente mettere in dubbio che stiamo affrontando un’emergenza terribile che richiede un’azione concertata da parte di tutta l’umanità”. Hanno anche impegnato la Corte alla causa: “Da parte sua, la Corte europea dei diritti dell’uomo svolgerà il suo ruolo nei limiti delle sue competenze di tribunale, sempre consapevole che le garanzie della Convenzione devono essere effettive e reali, non illusorie”.

Nessun diritto a un processo equo per i negazionisti

Emettendo questi avvertimenti, la Corte ha effettivamente chiuso qualsiasi dibattito sul cambiamento climatico e sulla scienza del clima prima ancora che qualsiasi processo sia iniziato. Così facendo, ha privato gli stati imputati di un importante argomento per difendersi dalle accuse che le loro politiche climatiche sono inadeguate a combattere la presunta crisi climatica. Prima che potessero presentare le prove scientifiche rilevanti che dimostrano che non esiste un’emergenza climatica o una crisi climatica, i principali giudici della Corte hanno detto agli stati imputati che non devono osare negare.

Etichettando come “illegittima” qualsiasi argomentazione secondo cui non esiste una crisi climatica, questi importanti giudici europei, che dovrebbero servire da esempio di imparzialità giudiziaria, hanno avallato la retorica negazionista del movimento climatico. Questa retorica è un gioco inappropriato e non etico sulla negazione dell’Olocausto. Contemporaneamente, e direttamente rilevante per l’argomento di questo contributo, l’etichetta di “illegittimità” della Corte solleva anche lo spettro della persecuzione penale.

Non c’è nessuna crisi climatica

È difficile pensare a una condotta giudiziaria che mostri più partigianeria e disprezzo per il principio di imparzialità giudiziaria della condotta di questi giudici europei dei diritti umani. Il diritto a un processo equo, garantito dall’articolo 6 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo, è stato effettivamente messo da parte per i negazionisti del clima. Ci si dovrebbe chiedere se, date le opinioni espresse dai suoi dirigenti, la CEDU possa legittimamente pronunciarsi in qualsiasi caso sul clima.

La negazione della giustizia da parte della Corte è tanto più scioccante alla luce della scienza, che non supporta la proposizione che ci sia una crisi climatica. La Commissione Europea ha dichiarato: “Il termine ‘emergenza climatica’ esprime la volontà politica di rispettare gli obblighi dell’accordo di Parigi”. In quasi 4.000 pagine, il recente rapporto Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) AR6 non impiega nemmeno una volta i termini “crisi climatica” o “emergenza climatica” perché questi termini non appartengono alla terminologia scientifica (si trovano solo in una sezione descrittiva sulla comunicazione). Piuttosto, sono slogan politici, come ha suggerito la Commissione. Al punto che l’indefinita “emergenza climatica” è un’invenzione degli attivisti.

Tortura

Notevolmente, anche il puntare il dito contro il negazionismo climatico percepito non è stato sufficiente per la CEDU. Nel primo caso climatico pendente davanti ad essa, la Corte ha deciso, di sua spontanea volontà, di aggiungere “tortura” alle accuse contro 33 stati che presumibilmente non fanno abbastanza per combattere il cambiamento climatico, come richiesto dall’accordo di Parigi del 2015 sul cambiamento climatico. La Corte suggerisce che questi stati possono aver commesso “tortura” adottando “politiche climatiche inadeguate”.

La tortura, naturalmente, è un grave crimine. Lo Statuto di Roma della Corte penale internazionale (CPI) prevede che la tortura, “quando è commessa come parte di un attacco diffuso o sistematico”, è un crimine contro l’umanità. Di conseguenza, non attuare una politica climatica adeguata sarebbe un crimine contro l’umanità che può essere perseguito dalla CPI. Cosa penserebbero le vittime della tortura reale dell’uso improprio di questo termine da parte della Corte per ragioni politiche?
Minacce giudiziarie

I dirigenti delle aziende ritenute responsabili delle emissioni di gas serra, i politici che non sostengono politiche climatiche ambiziose, e chiunque altro sostenga l’agenda del movimento climatico, sarebbero esposti a procedimenti penali e alla reclusione fino a 30 anni. Questa non è un’interpretazione inverosimile della legge in questione, ma, come spiegato di seguito, un’applicazione abbastanza semplice. Ovviamente, la CEDU era ben consapevole di ciò che stava facendo infilando il termine “tortura”, ma si è comunque sentita a suo agio nel procedere in questo modo.

Inutile dire che la minaccia dell’ergastolo è un disincentivo molto potente. Come ha detto un autore accademico per l’UNESCO:

Le sanzioni penali sono gli strumenti più potenti che abbiamo per delimitare i comportamenti che vanno oltre ogni limite di tolleranza. La condotta criminale viola i diritti fondamentali e distrugge la sicurezza umana. Riserviamo il trattamento duro della punizione per la condotta che danneggia le cose che riteniamo più fondamentalmente preziose. Il cambiamento climatico sta causando proprio questi danni.

Questo sembra essere esattamente ciò che i giudici della CEDU credono. I dirigenti aziendali dovranno pensarci due volte sulle politiche climatiche aziendali e saranno inclini a cedere alle richieste degli attivisti. Allo stesso modo, i politici scettici sulle attuali politiche climatiche potrebbero sentirsi costretti a rinunciare alla loro resistenza. Anche tutti gli altri dissidenti potrebbero essere inclini a scegliere la sicurezza personale piuttosto che l’onestà.

La libertà economica, la libertà politica e la libertà di parola sarebbero cancellate. È questo che il presidente della Corte intende quando dice che le garanzie della Convenzione europea devono essere “effettive e reali, non illusorie”? L’inspiegabile decisione della Corte di aggiungere la tortura alle accuse nel primo caso sul clima aggiunge solo la preoccupazione che i diritti umani proteggano solo coloro che sostengono cause progressiste, non quelli che hanno altre preferenze politiche.

Ecocidio

Invocando il crimine di tortura nel dibattito sul clima, la CEDU potrebbe anche aver voluto aiutare gli sforzi per far riconoscere l’ecocidio come un crimine. “Ecocidio” si riferisce alla “devastazione e distruzione dell’ambiente”, ma non esiste ancora una definizione legale ufficiale. Per decenni, i verdi hanno cercato di far riconoscere l’ecocidio come un crimine internazionale, ma finora senza successo. Negli ultimi due anni, tuttavia, a causa dell’ascesa della narrativa della crisi climatica, hanno fatto progressi significativi. Ora c’è molta attività volta a convincere le organizzazioni internazionali a legiferare sull’ecocidio.

Nel maggio 2021, l’Unione interparlamentare (IPU), un’organizzazione globale che sostiene di dare potere ai parlamentari nazionali per promuovere, tra l’altro, lo sviluppo sostenibile, ha adottato una risoluzione che chiede a tutti i “[m]embri parlamenti di rafforzare il diritto penale per prevenire e punire i danni diffusi, a lungo termine e gravi all’ambiente” e di “esaminare la possibilità di riconoscere il reato di ecocidio per prevenire le minacce e i conflitti derivanti dai disastri legati al clima e le loro conseguenze” (enfasi aggiunta).

Nel giugno 2021, un gruppo di esperti convocato dalla Stop Ecocide Foundation ha pubblicato una definizione di “ecocidio” destinata a servire come base per un emendamento allo Statuto di Roma della CPI. Una volta che lo Statuto di Roma sarà modificato per includere l’ecocidio, gli individui sospettati di aver commesso ecocidio potranno essere processati davanti alla CPI.

L’ampiezza dell’emendamento

Con questo emendamento, la proibizione della negazione del clima diventa ridondante perché lo Statuto di Roma minaccia la reclusione non solo contro coloro che commettono un crimine ma anche contro chiunque “induce la commissione di tale crimine”, “aiuta, favorisce o assiste in altro modo la sua commissione o il suo tentativo di commissione”, o “in qualsiasi altro modo contribuisce alla commissione o al tentativo di commissione di tale crimine da parte di un gruppo di persone”. Inoltre, lo Statuto di Roma si applica allo stesso modo a tutte le persone, senza alcuna distinzione basata sulla capacità ufficiale; in particolare, i rappresentanti eletti e i funzionari governativi non sono esenti da responsabilità penale.

Così, politici, dirigenti aziendali, leader di pensiero, e chiunque altro può essere soggetto a un’azione penale se esprime un’opinione o persegue una politica considerata “anti-clima” che quindi può risultare in ecocidio. Nella lotta contro la negazione del clima, questo strumento avrebbe un valore incalcolabile.

La “leadership” dell’Unione Europea

Il Parlamento europeo ha fatto riferimento all’ecocidio in due recenti rapporti e ha espresso il desiderio di riconoscere l’ecocidio nel diritto e nella diplomazia dell’UE. Per preparare l’adozione di una direttiva UE sull’ecocidio, l’Istituto di diritto europeo ha lanciato un progetto sull’ecocidio. Approfittando dello slancio, anche prima che questo progetto sia finito, il movimento per l’ecocidio sta ora spingendo per far includere l’ecocidio nella direttiva UE sui crimini ambientali, che è attualmente in fase di revisione.

Gli stati membri dell’UE controllano una parte significativa dei voti necessari per un emendamento dello Statuto di Roma e possono fornire incentivi per assicurarsi i voti aggiuntivi necessari per far adottare il crimine di ecocidio. Le conseguenze di un tale emendamento potrebbero essere enormi se la CPI segue l’esempio della CEDU e salta sul carro degli attivisti del clima.

Il cambiamento climatico è ecocidio

Non fate errori: mentre la definizione di ecocidio è ampia e vaga, l’obiettivo primario del movimento ecocida è il cambiamento climatico. La legge sulla responsabilità civile e la legge sui diritti umani danno agli attivisti del clima gli strumenti per forzare i governi e le aziende a conformarsi alle loro richieste, ma questo tipo di contenzioso è costoso e richiede tempo. Il nuovo crimine di ecocidio darebbe loro un potente strumento per abbreviare il processo, minacciando sanzioni penali contro i direttori e i funzionari delle aziende, così come i politici riluttanti e gli opinionisti, e per costringerli a cambiare i loro modi.

Gli attivisti climatici credono anche che il termine “ecocidio” avrà un effetto emotivo e stigmatizzante che “causare il cambiamento climatico” non ha.

Come dice un autore:

Il termine “ecocidio” suona drammatico. È più emotivo di “contribuire all’inquinamento” o “aumentare le emissioni di gas serra” o “investire in combustibili fossili”. Comunica la gravità e l’urgenza della distruzione irreversibile inflitta all’ambiente. Getta senza ambiguità i grandi inquinatori come “cattivi”, autori di un crimine (enfasi aggiunta).

Nessuna protezione

Le leggi nazionali non proteggono i sospetti. Secondo la definizione proposta dal panel internazionale, ecocidio significa “atti illegali o sconsiderati commessi con la consapevolezza che c’è una sostanziale probabilità che tali atti causino un danno grave e diffuso o a lungo termine all’ambiente”. Si noti che “illegale”, che è più ampio di “illegale”, è la porta per ignorare i permessi di emissione e la conformità delle attività e dei prodotti con le leggi nazionali.

Il trucco principale è che questa definizione non richiede alcun danno effettivo; la conoscenza di un probabile danno futuro è sufficiente – il che è un dato di fatto, alla luce della “scienza consolidata” esposta nei rapporti dell’IPCC. I principi fondamentali del diritto penale sono solo un ripensamento, se sono sullo schermo radar.

Torturare i diritti umani e il diritto penale

Inutile dire che il suggerimento della CEDU che i governi “torturino” i loro cittadini attuando “una politica climatica inadeguata” è sia offensivo per le vittime della tortura che illegale. L’inclusione della tortura in una causa sulla politica climatica è il culmine del progressivo spostamento della Corte da giudice dei diritti umani a istituzione di politica sociale. Questo attivismo non solo ha danneggiato la reputazione della Corte come un tribunale imparziale, ma ha anche creato seri problemi per le legislature nazionali di fronte ai mandati politici spesso sconsiderati imposti dalla Corte.

Per essere sicuri, abbiamo un problema di tortura, ma non sono i politici europei del clima che stanno torturando. Piuttosto, la Corte stessa ha torturato la legge per adattarla alla propria ideologia. La Corte ha torturato la Convenzione europea dei diritti dell’uomo finché non ha confessato che è un programma per la politica progressista. Ha torturato il diritto alla vita e molti altri diritti umani fino a quando non hanno accettato di includere nel loro ambito tutta una serie di cosiddetti obblighi positivi, che solo la Corte può definire.

Forse la cosa più egregia è che la Corte ha torturato la Convenzione fino a dare alla Corte il diritto di rinunciare a requisiti essenziali imposti dalla Convenzione per eliminare qualsiasi limite alla sua giurisdizione, il che ha poi permesso alla Corte di andare avanti con il primo caso sul cambiamento climatico, che voleva così disperatamente.

Il crimine del cambiamento climatico

L’uso del diritto penale per perseguire la politica climatica è un nuovo capitolo nella saga delle controversie sul clima. Gli attivisti del clima hanno scoperto il diritto penale come uno strumento tremendamente efficace per la politica climatica. I governi e le corporazioni possono essere subordinati attraverso il diritto civile e dei diritti umani, ma per fare pressione sui dirigenti aziendali e sui politici, il diritto penale è molto più efficace. Il diritto penale è il piede di porco che apre le porte dei consigli di amministrazione e delle camere dove vengono prese le decisioni politiche.

Il Risveglio del Leone
David IckeIl Risveglio del LeoneUmanità, mai più in ginocchio!Macro Edizioni
Voto medio su 57 recensioni: Da non perdere
€ 0,00

Ciò che è notevole è che gli attivisti includono non solo le organizzazioni non governative che sostengono di “lottare per il clima”, ma anche i più alti giudici europei alla Corte europea dei diritti umani. I limiti della sua autorità sono davvero sollevati dalla crisi auto-dichiarata?

Rinchiudeteli!

Negli stati totalitari, i dissidenti politici sono controllati in tre modi: vengono allontanati dalla vita pubblica come “pericolo per l’ordine pubblico”; vengono messi in ospedali psichiatrici, perché soffrono di malattie mentali; o vengono imprigionati perché hanno commesso dei crimini. L’ultima mossa del movimento per il clima persegue questa terza via di “delegittimazione” e “denormalizzazione” dei suoi avversari politici e di coloro che non sono d’accordo con il movimento.

Secondo il movimento per il clima, la presunta crisi climatica richiederebbe un’azione urgente per evitare la catastrofe imminente e salvare il pianeta e l’umanità. A suo parere, questo richiede che la democrazia, i principi fondamentali del diritto e i limiti del potere giudiziario siano messi da parte.

In questa lotta per la sopravvivenza, il movimento per il clima ha concluso che le emissioni di gas serra devono essere criminalizzate in modo che i negazionisti del clima possano essere rinchiusi. Sfortunatamente, la CEDU è caduta vittima del richiamo emotivo della retorica del movimento.

Minacce alla libertà

La strategia del movimento per il clima è chiara: la tortura e l’ecocidio devono essere parte della sua cassetta degli attrezzi in modo che i peccatori possano essere convertiti, i negazionisti possano essere puniti e l’utopia climatica possa essere realizzata. Inevitabilmente, tuttavia, il “climatismo” risulta nella soppressione della libertà e apre la strada al totalitarismo climatico.

Ironicamente, la CEDU, che è stata creata all’indomani della distruzione del regime totalitario nazista per agire come un baluardo giuridico a salvaguardia della libertà individuale, si è posta come l’attivatore giudiziario di questo processo.

Lucas Bergkamp

Fonte: clintel.org

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che  rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il  monopolio assoluto dell’informazione.  Toba60

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code