toba60

Trattenete il Fiato. L’Europa è a Un Punto di Svolta, Poiché l’Abisso è più Vicino di Quanto Possiate Pensare

L’analisi di Martin Jay in relazione agli sviluppi in Europa dopo la fuoriuscita di Draghi in Italia vertono su alcuni punti che secondo me non combaciano con quella che è la realtà politica Italiana.

La destra in Italia è corrotta quanto e forse di più di un qualsiasi partito dittatoriale in Europa e nel Mondo e credere che da questo possa cambiare il corso della storia in seno all’unione europea e la nato è molto difficile.

La campagna elettorale che dovrebbe in teoria portare la destra in Italia ai vertici del potere sono in realtà’ movimenti politici in stretta simbiosi con i partiti di opposizione e di conseguenza non faranno mai nulla di quello che verrà promesso in campagna elettorale cosi come hanno fatto in tutti questi ultimi 20 anni!

Io starei attento piuttosto a quello che si svolge alle alte latitudini, (Olanda Danimarca Finlandia o Svezia) dove alle parole seguono in fretta pure i fatti.

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità.Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

Sarà l’Italia a dare il via a una svolta nella politica dell’UE sulla Russia e sulla guerra in Ucraina.

Potrebbe essere proprio l’Italia a segnare il punto di partenza di una sorta di declino dell’UE, con il crollo del governo di coalizione. Mario Draghi, che potrebbe ricordare i rialzi dei tassi d’interesse della BCE di questa settimana, avvenuti in precedenza solo quando era il capo che supervisionava la crisi dell’eurozona, è fuori.

Dimettendosi dal suo incarico di premier, deve aver capito che le cose stanno così e che ci stiamo dirigendo verso un’altra crisi dell’eurozona.

In questo momento, l’euro è già crollato alla parità con il dollaro e l’inflazione dell’Eurozona si aggira in media intorno all’8,6% (anche se ora è del 10% in Spagna, del 12% in Grecia e di un fragoroso 20% in Estonia). Un applauso alla Croazia, che ha intenzione di entrare presto nell’Eurozona.

Ma sarà l’Italia a dare il via a un’inversione di tendenza sulla politica dell’UE nei confronti della Russia e della guerra in Ucraina. A settembre, infatti, è quasi certo che le elezioni lampo porteranno al potere due gruppi italiani di estrema destra, i cui leader nutrono entrambi un’ammirazione per Putin.

Una volta che questo accadrà, altri nell’UE vedranno quanto sia ridicolo continuare la cosiddetta punizione di Putin, che in realtà distrugge le economie e rovina le vite in tutto il blocco dei 27 membri dell’UE. Altri Paesi dell’UE vedranno che la situazione disperata dell’Italia, con un debito pari al 150% del PIL e un’inflazione a due cifre, può essere salvata solo da un cambiamento politico radicale. Le élite degli altri Paesi dell’UE saranno spaventate dall’idea che le rivolte populiste che buttano fuori i partiti tradizionali in carica siano dirette verso di loro, una volta che vedranno l’economia italiana passare da un’ebollizione a un leggero ribollire. E una volta che la coalizione italiana sarà in piedi, inizierà il dialogo con Putin, cosa che non abbiamo ancora visto da parte dell’UE.

Putin se la ride fino in fondo in Ucraina con questa crisi che l’Europa si è creata da sola. Non c’è alcuna urgenza da parte sua di fare davvero qualcosa. L’UE si sta calando da sola in un bagno d’acido e lui non deve fare altro che guardarla come una commedia in TV.

Il cambiamento della politica italiana sarà un duro colpo anche per l’UE, che sta davvero andando fuori controllo. Chi avrebbe mai potuto immaginare che un’ex politico come Ursula von der Leyen sarebbe stata così inutile come si è rivelata. Per definizione – e per tradizione – i presidenti della Commissione europea dovrebbero essere piuttosto inetti e servili nei confronti dei loro padroni, Francia e Germania. Ma pochi avrebbero potuto immaginare come Ursula avrebbe sbagliato così tanto su Brexit, Covid, Russia e presto sulla stessa eurozona.

L’UE è forte solo quanto i tre giganti d’Europa – Germania, Francia e Italia che dovrebbe proteggere. Eppure, per la prima volta in 30 anni, la Germania ha un deficit commerciale e sta parlando di razionamento dell’energia, con molte fabbriche del Paese che dovrebbero presto chiudere o funzionare a metà produzione.

La pressione sarà tutta sulla BCE, mentre si profila un’altra crisi dell’eurozona quando l’Italia sarà costretta a pagare tassi più alti ai suoi debitori a causa del rallentamento della stampa di nuova moneta da parte della BCE. Questa situazione è estremamente pericolosa per l’Italia e potrebbe portare a un collasso totale della sua economia come in Grecia. La differenza è che l’Italia è un Paese fondatore dell’UE ed è troppo grande per crollare, il che significa che Francia e Germania dovranno mantenerla su una macchina di supporto vitale.

È difficile immaginare questo scenario senza un ripensamento da parte di Macron e Scholz riguardo alla guerra in Ucraina e alla posizione dell’UE in generale nei confronti di Putin. Solo di recente la Germania ha iniziato a dare segni di voler assumere un atteggiamento diverso nei confronti di Putin. Recentemente è stato rivelato che un pacchetto di aiuti di 9 miliardi di euro, destinato all’Ucraina, è stato bloccato da Berlino, e che i tedeschi non hanno rifornito i Paesi che sostengono l’Ucraina con i carri armati promessi in precedenza. Non si tratta di “crepe”. Questi segnali sono più prolifici e è più probabile che presto assisteremo a battibecchi tra Scholz e von der Leyen a Bruxelles, con Macron che interverrà per cercare un nuovo dialogo con Putin.

Anche le relazioni, un tempo dorate, tra gli Stati Uniti e l’Unione europea si stanno esaurendo. L’UE sarà presto più divisa che mai sulla guerra in Ucraina e la quasi certa autodistruzione di Biden alle elezioni di metà mandato di novembre vedrà una grande riduzione del ruolo degli Stati Uniti nel fornire armi a Zelensky. Ci sarà uno scaricabarile, preparato con cura per settimane dai media, che punterà alla corruzione endemica dell’élite ucraina e alla vendita illegale di gran parte dell’hardware statunitense ai jihadisti siriani.

Questo è già iniziato, ma non ha ancora ingranato la marcia più alta, che dovrebbe essere prevista nel periodo estivo prima delle elezioni italiane. L’Occidente deve uscire dalla guerra in Ucraina e ha bisogno di un motivo convincente per questa inversione di rotta. Zelensky, come sempre, fornirà loro le scuse perfette, dato che non fallisce mai nel suo ruolo primario di utile idiota naturalmente se sopravvive ai tentativi di assassinio da parte della sua stessa cabala che vuole una fetta più grande della torta.

L’assurda idea della sinistra di combattere una guerra totale in Ucraina con le forze della NATO sarà stroncata sul nascere dai fascisti italiani, che credono nel potere di nutrire la gente e di dare loro servizi pubblici piuttosto che nella follia di fare il tifo geopolitico e nelle manie che accompagnano tali sciocchezze. Chi avrebbe mai pensato che i discendenti di Mussolini avrebbero indirizzato l’UE lontano dall’abisso in cui è decisa a gettarsi?

Martin Jay

Fonte: strategic-culture.org


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code