toba60

Ucraina: Censura Globale ”Il Ministero della Verità” è Ora L’unica Voce in Capitolo

Se qualcuno anche di fronte all’evidenza pensa di essere libero di esprimere ciò’ che vuole, significa che non ha praticamente nulla da dire e delega agli altri la responsabilità di pensare con la loro testa.

È un gioco di parole che esprime la situazione attuale in merito all’informazione nel mondo, George Orwell ci era arrivato già nel 1984, ma prima che le masse metabolizzano il tutto, temo che di tempo ne passerà ancora molto…….

.…………nel frattempo godiamoci lo stato letargico di ogni funzione cerebrale che non e’ mai stanca di dormire.

Toba60

Il Ministero della Verità

Sulla scia della guerra in Ucraina, i media e i governi occidentali ci vietano di leggere qualsiasi libro che non sia quello scritto dalla NATO.

Censura assoluta: 1984

I media russi che, per anni, sono stati uno spazio per gli analisti critici internazionali (1) (2), sono stati vietati dagli Stati Uniti, dall’Unione europea (3), dal Regno Unito (4) e da altri alleati. Il suo segnale aperto, i suoi canali YouTube (5) e tutte le sue reti sociali. Senza alcuna decisione giudiziaria.

Google ha cancellato dal suo motore di ricerca il suo contenuto precedente, la sua emeroteca (6). Riscrivere la storia, come il Ministero della Verità nel romanzo “1984”.

I media applicano una severa censura. Ma lascia alcuni spazi testimoniali per giustificare la sua falsa pluralità. Liu Sivaya, un politologo russo, ha affrontato un branco di segugi sul canale spagnolo Cuatro (7). Quando ha denunciato gli otto anni di bombardamenti ucraini sul Donbass, ha dovuto sentire che erano “sfumature irrilevanti”: “Trovo un vero insulto che si cominci con sfumature irrilevanti in una situazione che è così estremamente chiara, che non ci permette di prendere il bianco e il nero e in cui è molto chiaro chi sono i buoni e i cattivi”, ha detto la commentatrice Ketty Garat.

Proprio per riferire sulla situazione nel Donbass, il quotidiano francese “Le Figaro” ha censurato un servizio della sua corrispondente Anne-Laure Bonnel (8). Il colonnello spagnolo Pedro Baños ha deciso di smettere di apparire in televisione dopo aver ricevuto gravi minacce. La ragione: il tono neutrale della sua analisi del conflitto (9).

YouTube ha censurato non solo i media e i giornalisti russi con milioni di seguaci (10). Ha anche censurato documentari come “Ukraine on fire” di Oliver Stone, che è stato realizzato sei anni fa (11).

Twitter ha etichettato come “media affiliati al governo russo” gli account di ogni giornalista che ha collaborato con un’emittente pubblica russa (12). È la “stella gialla” con cui segnarli professionalmente per il futuro (13).

CEX.IOBitcoinExchange

Per la propaganda di guerra contro la Russia sulla rete TikTok, Joe Biden ha convocato i 30 ticktoker più influenti, dando loro un chiaro messaggio da diffondere: Putin è la colpa dell’inflazione negli Stati Uniti (14).

Facebook e Instagram hanno tolto il divieto di messaggi d’odio se sono contro la Russia, permettendo gli inviti a uccidere i presidenti russo e bielorusso e gli elogi per il Reggimento nazista ucraino Azov (15).

Le reti permettono e incoraggiano questo odio anti-russo: politici come il senatore americano Lindsey Graham hanno chiesto su Twitter l’assassinio del presidente Vladimir Putin, senza essere frenati dalla rete (16). Nei “media seri”, come NBC News, un giornalista ha proposto un attacco della NATO ai convogli russi, o, in altre parole, l’inizio della terza guerra mondiale (17).

Il giornalista russo che ha protestato in televisione contro Putin e che è stato solo multato è già una star mondiale (18). Ma su un giornalista europeo, il basco Pablo González, imprigionato e tenuto in isolamento in Polonia da quasi un mese, accusato di essere una “spia russa” per aver raccontato il dramma del Donbass, il silenzio dei media è quasi assoluto (19).

Nazismo buono

Il giornale catalano La Vanguardia ha fatto una promozione commerciale con lo slogan “Fermate Putin”. La disinformazione ci vuole divisi” (20). Tradotto: l’unità contro l’unico cattivo (la Russia) richiede la frantumazione di tutte le informazioni e opinioni che contraddicono la versione ufficiale europea.

Cancellando, per esempio, i crimini del nostro alleato, l’Ucraina. Il giornale spagnolo ABC ha cancellato la notizia che aveva pubblicato nel 2016 sullo stupro di bambini da parte dell’esercito di Kiev (21).

Chiamano una base di addestramento dei mercenari “Centro di mantenimento della pace” (22). Una parola – a proposito – proibita dai media: sono “foreign fighters” (23). Ecco come una giornalista spagnola ha concluso la sua intervista con uno di loro: “Questo stesso pomeriggio partirà in un autobus per la Spagna, preparato con rifugiati ucraini e nel quale andranno alcuni dei combattenti stranieri spagnoli”. Questo mercenario di estrema destra tornerà a casa senza essere arrestato o interrogato. Senza passare per il calvario poliziesco e giudiziario che hanno subito otto miliziani di sinistra al loro ritorno dal Donbass nel 2015, dopo essere stati etichettati dai media spagnoli come “filorussi” (24).

Qualche telegiornale ha parlato di Fahrudin Sharafmal, il presentatore ucraino che, in diretta, ha chiesto la decapitazione di tutti i bambini russi (25)? E di Gennadiy Druzenko, direttore di un ospedale mobile volontario, che ha ordinato di castrare i soldati russi perché sono “scarafaggi” (26)? E degli atti di umiliazione pubblica, in Ucraina, dei Rom, dipinti di verde e legati ai pali (27)? Niente.

Il Reggimento Azov, composto da neonazisti, è una forza volontaria di riserva delle forze armate dell’Ucraina (28) (29). E i suoi membri -nazisti- sono intervistati, come se lo fossero, da media come la CNN (30). Azov ha ricevuto armi dai governi europei, come la Spagna (31): acquistate con un miliardo di euro dal “Fondo europeo di sostegno alla pace (32). Sul canale spagnolo Cuatro, un “esperto” ha dato – in tutta tranquillità – lezioni su come utilizzare queste armi per “uccidere più russi” (33): “Sono ottimista in un solo modo: dobbiamo uccidere più russi (…) Perché il popolo ucraino ne ha bisogno per poter raggiungere un buon negoziato”, ha detto l’istruttore militare José Jiménez Planelles.

In Portogallo, un giudice ha revocato l’obbligo del neonazista Mario Machado di presentarsi ogni due settimane, dopo che si è offerto di andare in Ucraina per fornire – tenete a freno le risate – “aiuti umanitari” (34).

Che il presidente Volodymir Zelenski ha conferito il titolo di eroe nazionale dell’Ucraina a Dmytro Kotsyubail (35), leader del gruppo paramilitare Pravy Sektor, mente del massacro dei sindacati di Odessa nel 2014, in cui 46 persone furono bruciate vive (36)? Non lo sentirete.

Che i servizi segreti ucraini hanno assassinato un membro della propria delegazione negoziale con Mosca per “tradimento” (37)? Roba di guerra.

In TV ci mostrano una mostra-protesta per i bambini uccisi, in queste settimane, in Ucraina (38). Eccellente. E la mostra a Mosca “Guarda negli occhi del Donbass”, sugli oltre 150 bambini uccisi dalle forze ucraine negli ultimi otto anni, che notizie ha mostrato (39)?

Notizie false per la guerra

Un carro armato ucraino che schiaccia una macchina dovrebbe essere trasformato in un “carro armato russo” (40). Un missile ucraino che abbatte un caseggiato diventa un “missile russo” (41). Una ragazza del Donbass vittima delle truppe ucraine in una ragazza di Kiev (42).

Ci sono centinaia di fake news simili (43). Il telegiornale di Antena 3, il più seguito in Spagna, ha aperto con le immagini di un’esplosione in Cina come se fossero bombardamenti russi (44).

“Il quotidiano italiano La Stampa ha titolato la sua prima pagina con una foto di civili massacrati in un bombardamento russo (45). Russo? No. La foto era di Donetsk, Russia. No. La foto veniva da Donetsk (Donbass), dove 30 civili sono stati uccisi da un missile ucraino (46).

Il governo russo assicura che non ha ordinato armi dalla Cina. La Cina lo conferma. Ma cosa ci dicono i media? Lettera per lettera, ciò che il governo degli Stati Uniti… dice (47) (48) (49).

Razzismo di classe con occhi blu

La lodevole solidarietà con la popolazione ucraina rifugiata è, di volta in volta, filtrata attraverso un filtro di razzismo di classe (50). Un giornalista della NBC: “Questi non sono rifugiati dalla Siria, ma dalla vicina Ucraina. Sono cristiani. Sono bianchi. Ci assomigliano molto” (51). Un giornalista della CBS: “Questo non è un posto, con tutto il rispetto, come l’Iraq o l’Afghanistan, che è stato in conflitto per decenni, questo è un paese europeo relativamente civilizzato” (52). Un intervistato della BBC: “Sono persone europee con occhi azzurri e capelli biondi che vengono uccise” (53). Una testimonianza su La Sexta: “Non sono i bambini che siamo abituati a vedere in televisione, ma bambini con gli occhi blu, e questo è molto importante” (54).

E come ciliegina sulla torta, un telegiornale di 13 (e non è una parodia): “La situazione dei rifugiati? Beh, potete immaginare. E sono persone come voi e me. Ho visto borse di Dolce & Gabbana, vestiti di Louis Vuitton, gente che potrebbe stare benissimo a Madrid, sono persone come noi e vivono in condizioni assolutamente deplorevoli” (55).

Il New York Times ha pubblicato una mappa sullo spostamento di persone: le famiglie ucraine in Polonia sono “rifugiati” (56). Quelli del Donbass in Russia, invece, sono “migranti”. Anche se stanno fuggendo dalle bombe ucraine.

Mentre l’Unione Europea ha dato l’ordine di regolarizzare, in modo straordinario, milioni di persone provenienti dall’Ucraina (57), la popolazione africana continua ad essere picchiata dalla polizia europea (58). Cioè quelli che arrivano. Nell’ultimo naufragio di marzo, quarantaquattro persone sono morte al largo delle isole Canarie (59).

La geopolitica ci impone di non martellare le nostre coscienze con gli oltre 10.000 bambini uccisi in Yemen dai missili dell’Arabia Saudita (60). Il cui governo, amico dell’Occidente, non riceve sanzioni. Nessuna.
La politica nello sport: ieri vietata, oggi obbligatoria

Il Grande Fratello è arrivato anche nello sport.

I tifosi della Stella Rossa di Belgrado hanno inscenato una potente protesta contro la NATO sugli spalti del loro stadio, mostrando i nomi dei paesi che ha bombardato (61). Immediatamente, la reazione del giornalismo europeo fu di mentire sul presunto carattere “neonazista” dei tifosi (62). Falso.

Nel 2009, il calciatore Frederic Kanouté è stato multato di 3.000 euro dalla FIFA per aver mostrato una maglietta a sostegno della Palestina (63). Nel 2016, per la stessa condanna di Israele da parte dei suoi tifosi, la UEFA ha sanzionato il Celtic (64). Ma ora fare politica in campo e sostenere il governo ucraino è obbligatorio per tutte le società di calcio.

“Due individui già identificati dalla Ertzaintza (polizia basca) hanno mostrato il loro sostegno alla Russia. Bandiere a favore della Russia sul (campo di San Mames). Bandiere e striscioni. L’Ertzaintza ha già identificato i colpevoli”: così ha detto il commentatore catalano Josep Pedrerol, cercando di criminalizzare coloro che portavano le bandiere della Repubblica Popolare di Donetsk (nel Donbass), un popolo massacrato per otto anni dall’esercito ucraino e che ha votato in massa per la sua indipendenza (65). Ma nei media si legge che erano “striscioni a favore dell’invasione russa” (66).

L’uomo d’affari russo Roman Abramovich è stato costretto dalla pressione politica e dei media a vendere la squadra di calcio inglese Chelsea (67). Ma Newcastle rimarrà nelle mani della casa reale saudita, che ha bombardato lo Yemen per sette anni e vi ha causato più di 300.000 morti (68). Per inciso, il 12 marzo, 81 persone sono state giustiziate a Riyadh in un solo giorno (69). Ma la Supercoppa spagnola continuerà a tenersi lì, in Arabia Saudita, che paga alla Federcalcio spagnola 30 milioni all’anno (70). Tutto molto coerente.

La politica del ricatto su scala globale significa che gli uomini d’affari russi sono sanzionati non per le loro decisioni, ma per quelle del governo russo. Proprio come i loro sportivi. Non possono competere con la bandiera del loro paese nei campionati mondiali o alle Olimpiadi (71). Nikita Mazepin, pilota russo, è stato licenziato dal team di Formula Uno Haas. (72). Il tennista Daniil Medvedev dovrà “rinnegare Putin” se vuole competere a Wimbledon (73). E il gran maestro di scacchi Sergey Karjakin ha ricevuto un divieto di sei mesi (74).

L’Associazione calcistica ucraina ha privato Anatoliy Tymoschuk, uno dei migliori giocatori della sua storia, di tutti i suoi titoli e della sua licenza di allenatore a causa del “suo silenzio di fronte all’invasione russa” (75). Il lottatore ucraino Maxim Ryndovskiy è stato torturato e giustiziato dai neonazisti, accusato di “equidistanza” nel conflitto con la Russia (76). Qualche scandalo nella stampa sportiva?

Caccia alle streghe nella cultura

La caccia alle streghe ha raggiunto anche la cultura. Il russo Valeri Guérguiev è stato licenziato come direttore dell’Orchestra Filarmonica di Monaco (77). I teatri europei, come il Teatro Real di Madrid, stanno cancellando gli spettacoli del Bolshoi Ballet (78). La Cardiff Philharmonic Orchestra (Galles) ha rimosso le opere di Tchaikovsky dal suo repertorio (79). A causa delle proteste, l’Università di Milano ha dovuto fare marcia indietro sulla sua decisione di eliminare un corso su Dostoevskij (80). E l’Università di Cordoba non solo ha rotto le relazioni con i docenti della Russia, ma ha minacciato di farlo con quelli di Cuba e dell’Iran “se non avessero respinto l’invasione russa” (81). Il rettore dell’Università di Valencia ha chiesto “l’auto-espulsione” di tutto il corpo studentesco russo (82).

Ad Arlington (Virginia), un insegnante che ha incluso il punto di vista della Russia in una lezione sulla guerra in Ucraina è stato filmato e denunciato da uno studente. Fu immediatamente sospeso per aver diffuso “propaganda russa” (83).

La follia non si ferma. Il nome del cosmonauta Yuri Gagarin, il primo uomo nello spazio morto 54 anni fa, è stato rimosso da un evento di beneficenza della Space Foundation americana (84). Molti media hanno diffuso la bufala che la Russia stava per abbandonare un astronauta americano nello spazio, il che era completamente falso (85). Era altrettanto falso che la tuta gialla indossata dai cosmonauti russi sulla Stazione Spaziale Internazionale fosse un “atto di sostegno” all’Ucraina (86).

Crimini di guerra?

“Criminale di guerra”, Putin è accusato dai media che non hanno mai applicato questo termine a George W. Bush, José María Aznar o Tony Blair, dopo l’invasione dell’Iraq, che ha causato centinaia di migliaia di morti (87).

Qualche canale televisivo ha recuperato il video dell’attuale presidente degli Stati Uniti sul bombardamento della Jugoslavia? Bene, ha detto esattamente questo: “Sono stato io a suggerire di bombardare Belgrado. Sono stato io a suggerire di mandare dei piloti americani a distruggere tutti i ponti” (88). Era il 1999. La NATO ha lanciato 2.300 missili e 14.000 bombe per 78 giorni (89). Ha ucciso più di 2.000 civili (90). E qual è stato il ruolo dei media, che oggi sono addobbati con la bandiera ucraina? Ricordiamo solo la copertina della rivista Time: “Driving Serbs to Hell: Massive bombing opens the door to peace” (91).

Autodeterminazione à la carte

Ci dicono che Putin è un tiranno perché sostengono vieta le manifestazioni contro la guerra (92). Zelensky ha appena vietato l’attività di undici partiti, quasi tutti di sinistra, oltre a quello comunista, che era già illegale (93). Per essere “filorusso”. Il tutto con l’avallo dell’Unione Europea (94).

Il governo lituano ha annullato una donazione di 400.000 vaccini anti-Covid19 al Bangladesh, perché questo governo si è astenuto nella votazione per condannare la Russia all’ONU (95).

La Svizzera, le cui banche detenevano l’oro del Terzo Reich (96), che protegge i trafficanti di droga e i truffatori di ogni tipo con il segreto bancario, in un gesto “etico” dopo qualche minaccia, forse? (97) – “abbandonerà la sua neutralità e si unirà alle sanzioni economiche” contro la Russia (98).

E infine, parliamo della sovranità e della libera decisione dei popoli.

La Spagna ha appena seguito la rotta tracciata da Donald Trump nei confronti del Marocco (99): accetta la sua occupazione illegale del Sahara e pugnala alle spalle il popolo Saharawi (100). Che continuano a soffrire dei bombardamenti marocchini (101).

Esattamente come per il Sahara, né la Spagna, né gli Stati Uniti, né l’Unione Europea, né l’Ucraina sono disposti a rispettare la volontà inequivocabile, espressa in un referendum e vicina al 90%, della popolazione di Crimea (102) e Donbass (103).

Questa volontà non è nemmeno menzionata nei media occidentali, che sono diventati l’artiglieria ideologica della NATO, come una delle chiavi ineludibili per risolvere il conflitto.

Oggi stiamo vivendo il maccartismo nella sua forma più pura. Una dittatura globale. (104).

José Manzaneda

Fonte: cubadebate.cu

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZION

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code