toba60

Ucraina: Come sta Andando Davvero la Guerra?

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Guerra! Guerra! Guerra! è il mantra che in ogni parte del pianeta sta monopolizzando il sentire collettivo delle masse………..

e guerra sia….

tanto andrà tutto bene !

Toba60

Dopo aver dominato i media dall’invasione russa dell’Ucraina in violazione del diritto internazionale il 24 febbraio 2022, i rapporti di guerra sono ora in prima pagina.

Ci sono notizie secondo cui l’Ucraina ha riconquistato alcuni villaggi vicino a Kharkiv, e c’è una carovana di leader occidentali che fanno le loro foto a Kiev dove fanno dichiarazioni forti. Ma per il resto è come una nuova versione di Erich Maria Remarque , ma questa volta nella versione 2.0: niente di nuovo dal fronte orientale. E proprio come nella versione originale, copre la mancanza di notizie che le persone stanno effettivamente morendo e che la distruzione sta crescendo. Boris Johnson ordina a Vladimir Zelensky di non negoziare con la Russia, poiché “l’Occidente non è pronto per questo .

E il Congresso degli Stati Uniti stanzia l’incredibile cifra di 40 miliardi di dollari per la guerra , cioè principalmente per l’industria delle armi, e che i membri del Congresso si sono poi ovviamente assicurati buoni bonus dai produttori di armi. Solo una piccola parte di questo denaro passerà attraverso l’Ucraina. La Commissione europea raccoglierà prestiti “per aiutare l’Ucraina”, in modo che i contribuenti europei abbiano un’altra spesa in aggiunta a tutte le altre.

La narrativa prevalente è che “l’Ucraina vincerà”, tranne per il fatto che nessuno ha spiegato come l’Ucraina possa vincere contro la seconda potenza militare mondiale.

I media mainstream hanno iniziato a dubitare della propria narrativa. In un articolo del 10 maggio, New York Times che la Russia ha il controllo su vaste aree. In un altro articolo, NYT che la Russia ha il controllo dell’80% del Donbass e delle aree di lingua russa lungo la costa del Mar Nero ea nord e ad ovest della Crimea. News scrive:

L’invasione russa della vicina Ucraina, durata quasi tre mesi, è stata caratterizzata da una pianificazione inadeguata, scarsa intelligence, barbarie e distruzione spietata. Ma nascosta nelle lotte quotidiane c’è la realtà geografica che la Russia ha ottenuto guadagni sul campo.

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato martedì che le sue forze nell’Ucraina orientale sono avanzate fino al confine tra Donetsk e Luhansk, le due province di lingua russa dove i separatisti sostenuti da Mosca combattono l’esercito ucraino da otto anni.

È tutt’altro che ciò che sembrava soddisfare le grandi ambizioni del presidente Vladimir Putin in Russia quando ha lanciato l’invasione: il sequestro facile e veloce di gran parte dell’Ucraina, inclusa la capitale Kiev, rovesciata da un governo ostile e una sostituzione con fedeltà indiscussa che garantirebbe la sottomissione dell’Ucraina.

Tuttavia, il sequestro del Donbas, combinato con il successo iniziale dell’invasione russa nella cattura di parti dell’Ucraina meridionale al confine con la penisola di Crimea, che la Russia ha annesso illegalmente nel 2014, conferisce al Cremlino un’enorme influenza in qualsiasi futuro negoziato per fermare il conflitto. E i russi stanno godendo dell’ulteriore vantaggio del dominio navale nel Mar Nero, l’unica rotta marittima per il commercio ucraino, che hanno paralizzato con un embargo che potrebbe alla fine affamare l’Ucraina economicamente e già contribuire a una carenza globale di grano.

Le mappe per lo più corrispondono

Se ignoriamo le mappe propagandistiche di entrambe le parti, ora sembra che ci sia un grande accordo tra Oriente e Occidente quando si tratta di mappe delle aree conquistate e contese. Questa mappa di Al Jazeera è abbastanza simile alle mappe del lato russo e francese:

“Gli Stati Uniti e i loro alleati vogliono dissanguare la Russia, non dovrebbero”

Il NYT ha anche pubblicato una colonna di Tom Stevenson in guardia l’Occidente dal continuare la guerra contro la Russia.

Vedi: L’America e i suoi alleati vogliono sanguinare la Russia. Non dovrebbero davvero.

Per cominciare, il sostegno occidentale all’Ucraina era principalmente progettato per difendersi dall’invasione. Ora è puntato su un’ambizione molto più grande: indebolire la Russia stessa. Presentato come una risposta di buon senso all’aggressione russa, il cambiamento rappresenta in realtà una significativa escalation.

Espandendo il proprio sostegno all’Ucraina su tutta la linea e accantonando tutti gli sforzi diplomatici per fermare i combattimenti, gli Stati Uniti ei loro alleati hanno notevolmente aumentato il rischio di un conflitto ancora più grande. Prendono un rischio molto fuori passo con qualsiasi guadagno strategico realistico.

Quando ero in Ucraina nelle prime settimane di guerra, anche i leali nazionalisti ucraini hanno espresso opinioni molto più pragmatiche di quanto non lo siano oggigiorno in America. I discorsi sullo status neutrale dell’Ucraina e sui referendum monitorati a livello internazionale a Donetsk e Luhansk sono stati respinti a favore di magniloquenza e tribuna.

Inoltre, l’invasione ha portato direttamente a una maggiore spesa militare nelle potenze europee di secondo e terzo livello. Il numero delle truppe della NATO nell’Europa orientale è decuplicato ed è probabile un’espansione nordica dell’organizzazione. È in corso un riarmo generale dell’Europa, non spinto da un desiderio di autonomia dalla potenza americana, ma al servizio di essa. Per gli Stati Uniti, questo dovrebbe avere abbastanza successo. Non è chiaro cosa ci sia di più da guadagnare indebolendo la Russia, al di là delle fantasie sul cambio di regime.

Gli sforzi diplomatici dovrebbero essere al centro di una nuova strategia per l’Ucraina. Al contrario, i confini della guerra vengono ampliati e la guerra stessa viene rimodellata come una lotta tra democrazia e autocrazia, dove il Donbas è il confine della libertà. Questa non è solo una stravaganza dichiarativa. È irresponsabile. I rischi non hanno bisogno di essere indicati.

Una visione più realistica

Ci sono state diverse voci sul lato occidentale che sono più realistiche, scrive Moon of Alabama e cita il tenente colonnello in pensione Daniel Davies che si è fatto un nome con diversi articoli sobri sulla guerra.

Vedi: I progressi della Russia nel Donbas significano che l’Ucraina probabilmente non vincerà la guerra

Il tenente colonnello Davies scrive:

L’Ucraina e Washington hanno affermato ostinatamente non solo di resistere all’aggressione russa, ma di spingere per la vittoria diretta. Sebbene tali ambizioni siano perfettamente comprensibili, non è saggio perseguire politiche che cerchino un risultato privilegiato se non esiste un percorso razionale attraverso il quale l’Ucraina possa raggiungere questo obiettivo. Al momento, la maggior parte degli indicatori, la guerra fondamentale e le tendenze attuali sul campo di battaglia supportano la prospettiva di una sconfitta ucraina.

Davis descrive correttamente l’attuale situazione militare sul campo e conclude:

Continuando a cercare una vittoria militare in Ucraina, le truppe ucraine continueranno a combattere, non si cercherà realisticamente alcuna soluzione negoziata e molto probabilmente le truppe russe continueranno a fare progressi. Di conseguenza, più civili e truppe ucraine continueranno a essere uccisi e feriti, più città distrutte e la crisi economica e alimentare, sia per l’Ucraina che per il mondo, peggiorerà. Il risultato più probabile non cambierà (un accordo negoziato, non una vittoria militare ucraina), ma il costo per Kiev sarà molto, molto peggiore.

La guerra della NATO contro la Russia

Per qualsiasi osservatore sobrio, ora dovrebbe essere possibile vedere che questa è la madre di guerra della NATO, la Russia, attraverso il vice. Non è il destino dell’Ucraina o degli ucraini a comandare la guerra per il cuore. Sono usati solo come carne da cannone in una guerra che mira a “spezzare la schiena alla Russia”, e che gli ucraini devono pagare sempre di più per ogni singolo giorno di vittime e aree distrutte.

Sembra che la Russia conquisterà tutto il Donbass e l’ampia cintura da Mariupol a ovest. In tal caso, è maggiore dell’obiettivo di guerra fissato da Mosca durante l’invasione.

Ma è anche del tutto possibile che la guerra venga prolungata, che la Polonia si sposti nell’Ucraina occidentale e che, ad esempio, la Moldova venga coinvolta nella guerra. Allora saremo sull’orlo di una grande guerra europea con le conseguenze catastrofiche che avrà.

Fonte: steigan.no

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code