toba60

Ucraina? Ricordiamo Tutte le Bugie e la Propaganda che Ha Dato Inizio a Quasi Tutte le Guerre nella Storia degli Stati Uniti

Siamo al punto di partenza, il popolo bue come al solito ci è cascato, non ci voleva molto a capirlo, ma noi della redazione per i pochi che hanno ancora una certa autonomia di pensiero, vogliamo offrire loro la conferma di quelle certezze che una mente priva di quell’indottrinamento che il Covid ha consolidato, su come funzionano le cose da più di un secolo a questa parte.

Per avere un idea dettagliata di chi ora si permette di menzionare Putin come un Dittatore, farebbe bene consultare questo rapporto ufficiale inerente coloro che si sono sostituiti a Madre Teresa di Calcutta.

Ed a quegli spudorati vigliacchi televisivi mediatici che in mala fede, (Senza prendersi nemmeno la briga di conoscere la storia) e’ bene ricordare loro ( ed agli imbecilli che li seguono) che in Ucraina la guerra è da 8 anni che e’ in corso e la nota spese data a fondo perduto per un esercito mercenario stazionario in Ucraina, (Che include tutti i membri dalla Nato, Italia compresa) ha superato cifre astronomiche a 9 zeri, con il risultato che nell’indifferenza generale di tutto il pianeta hanno sterminato oltre 15.000 persone nel solo DonBass per logiche non certo umanitarie, trasgredendo agli accordi di Minsk che l’Italiota vaccinodipendente nemmeno sa cosa sia, venendo meno tra l’altro agli accordi stipulati con Corbaciov (Sulla fiducia non fu messo per iscritto, vedi a fidarsi degli amici) una volta abbattuto il muro di Berlino sull’ingresso dei paesi del Patto di Varsavia nella Nato.

Voglio vedere cosa ne penserebbero gli Stati Uniti e la Nato se Putin stazionasse a Cuba o in Messico i suoi missili nucleari Ipersonici, con un esercito di 500.000 uomini addestrati e armati con carri armati e portaerei pronti all’azione.………cari Burattini, da Nicola Porro a Giuseppe Brindisi o il Mario Giordano di turno………questo e’ quello che da un anno si sta verificando sotto i vostri occhi…..

Sia lodato Gesu Cristo Sempre sia lodato perché non sanno quello che fanno e nemmeno vedono al di la del loro naso…

..colpa del Covid

Toba60

Le Bugie e la Propaganda che Ha Dato Inizio a Quasi Tutte le Guerre nella Storia degli Stati Uniti

La guerra è una delle manifestazioni più primitive e insensate dell’esperienza umana, quindi naturalmente, la maggior parte delle persone sane di mente con famiglie, ambizioni e cuori gentili non vuole avere niente a che fare con queste cose. Sfortunatamente, come stiamo vedendo con l’escalation Ucraina/Russia, i governi prosperano sulla guerra, poiché dà loro una scusa pressante per prendere più potere e prendere misure extragiudiziali, sia in patria che all’estero.

Per aggirare l’ostacolo dell’opinione pubblica, i governi hanno una lunga storia di bugie per entrare in guerra. Questo è difficile da credere per le persone che pensano che il governo abbia in mente il loro migliore interesse, ma è qualcosa che i governanti hanno fatto fin dall’inizio dei tempi. Negli Stati Uniti moderni, la gente è portata a credere che l’establishment si faccia accidentalmente strada in guerra con le buone intenzioni di proteggere il paese dal male o liberare un alleato in difficoltà.

Questa strategia di inganno è stata illustrata dal propagandista nazista Herman Goering, che notoriamente disse:

“Naturalmente il popolo non vuole la guerra. Perché un povero fannullone in una fattoria dovrebbe voler rischiare la sua vita in una guerra quando il meglio che può ricavarne è tornare alla sua fattoria tutto intero? Naturalmente, la gente comune non vuole la guerra né in Russia, né in Inghilterra, né in Germania. Questo è comprensibile.

Ma, dopo tutto, sono i capi del paese che determinano la politica ed è sempre una cosa semplice trascinare il popolo, sia che si tratti di una democrazia, o di una dittatura fascista, o di un parlamento, o di una dittatura comunista. Voce o non voce, il popolo può sempre essere portato agli ordini dei capi. Questo è facile. Basta dire loro che vengono attaccati e denunciare i pacifisti per mancanza di patriottismo e per aver esposto il paese al pericolo. Funziona allo stesso modo in qualsiasi paese”.

Naturalmente, il regime nazista è noto per la sua brutalità e l’inganno, quindi questa ammissione non è così sorprendente come lo sarebbe da un generale americano, ma non fraintendete che questi sono i tipi di pensieri che i generali e i politici americani hanno, solo che non sono abbastanza sfacciati da dirlo ad alta voce.

Che ci crediate o no, usare tattiche ingannevoli per influenzare l’opinione pubblica a favore della guerra è in realtà una parte ufficiale del playbook dell’esercito americano. Secondo Wikileaks, la pubblicazione dell’esercito americano “Special Forces Foreign Internal Defense Tactics Techniques and Procedures for Special Forces” raccomanda di finanziare i terroristi per operazioni di cambio di regime e di usare attacchi a bandiera falsa per destabilizzare i regimi ostili agli interessi occidentali.

Questo non è niente di nuovo però, è una parte della storia americana, come quasi tutte le guerre in cui gli Stati Uniti sono stati coinvolti sono state costruite su bugie. Qui sotto ci sono alcuni degli esempi più documentati di guerre che sono state iniziate a causa di bugie e propaganda governativa.

Guerra ispano-americana – 1898

Nel gennaio 1898, il presidente William McKinley ordinò alla USS Maine di attraccare all’Avana, Cuba, nonostante anni di conflitto tra i ribelli cubani e il governo spagnolo. La mossa doveva essere una dimostrazione di forza contro il governo spagnolo, in linea con la dottrina Monroe, per stabilire il dominio degli Stati Uniti nell’emisfero occidentale.

Alle 21:40 del 15 febbraio 1898, la USS Maine esplose con un equipaggio di 354 uomini a bordo, uccidendone 266. Mentre il governo spagnolo insisteva che l’esplosione era stata causata da un incendio in un bunker di carbone che aveva incendiato i caricatori di prua, i politici negli Stati Uniti si affrettarono a dare la colpa alla Spagna perché volevano una scusa per scatenare una guerra di conquista per il territorio in Messico, nei Caraibi e nel Pacifico.

Guerra ispano-americana – 1898

Anche se il presidente McKinley aveva precedentemente espresso la sua opposizione a un conflitto militare, il 25 aprile gli Stati Uniti dichiararono guerra alla Spagna.

La “guerra delle dieci settimane” portò non solo alla sconfitta degli ultimi resti dell’impero spagnolo, ma anche a una nuova era di “espansionismo” degli Stati Uniti, che presero il controllo di Porto Rico, Guam e delle isole Filippine.

Nel 1976, un team di esperti di esplosivi navali esaminò le prove e confermò le affermazioni spagnole che l’affondamento della USS Maine fu causato da un’esplosione interna di munizioni conservate a bordo.

Prima guerra mondiale – 1915

La prima guerra mondiale fu osteggiata dalla maggior parte degli americani fin dall’inizio, poiché la vedevano giustamente come una lotta di potere tra aristocratici europei in cui non avevano alcun interesse. Questo fu un problema per i militari britannici, guidati da Winston Churchill, che volevano disperatamente che gli Stati Uniti li appoggiassero nella guerra.

Gli Stati Uniti entrarono finalmente in guerra nel 1915, quando una nave statunitense chiamata Lusitania fu inviata come esca in acque ostili, carica di più di mille civili e di una quantità insolitamente grande di munizioni. La nave fu colpita da un siluro tedesco ed esplose all’istante a causa di tutte le munizioni a bordo, uccidendo più della metà dei passeggeri e dell’equipaggio.

Una settimana prima dell’affondamento del Lusitania, Churchill scrisse a Walter Runciman, il presidente del Board of Trade, affermando che è “molto importante attirare la navigazione neutrale verso le nostre coste, nella speranza soprattutto di mettere in difficoltà gli Stati Uniti con la Germania”.

Prima guerra mondiale – 1915

Dopo aver indagato sulla tragedia, l’ex ufficiale dell’intelligence navale britannica Patrick Beesly disse: “a meno che e fino a quando non verranno alla luce nuove informazioni, sono spinto con riluttanza alla conclusione che ci fu una cospirazione per mettere deliberatamente a rischio il Lusitania nella speranza che anche un attacco abortivo su di esso avrebbe portato gli Stati Uniti in guerra. Una tale cospirazione non avrebbe potuto essere messa in atto senza l’espresso permesso e approvazione di Winston Churchill”.

Oltre a questa infida manovra militare, negli Stati Uniti ci fu un’incessante campagna per disumanizzare i tedeschi e dipingerli come mostri. In alcune propagande vendute ai cittadini statunitensi, i soldati tedeschi venivano raffigurati mentre uccidevano i bambini e a volte li mangiavano. C’erano persino falsi rapporti di crocifissioni.

Seconda guerra mondiale – 1941

I libri di storia suggeriscono che Pearl Harbor fu un attacco non provocato, che uccise migliaia di americani e “costrinse” il governo a entrare in una guerra che all’epoca era estremamente impopolare. Tuttavia il governo degli Stati Uniti stava emanando severe sanzioni sia sul Giappone che sulla Germania, sperando che uno dei due paesi facesse la prima mossa e desse loro una scusa per entrare in guerra. Non solo l’attacco fu provocato, ma il presidente Roosevelt e l’esercito americano sapevano che l’attacco stava arrivando e spostarono i loro aerei più costosi in altre località, lasciando migliaia di persone come pedine sacrificali.

I libri di storia vendono anche la guerra contro i nazisti come una guerra umanitaria per salvare la gente dall’Olocausto, ma gli Stati Uniti negarono un passaggio sicuro ai rifugiati ebrei, e l’intelligence britannica pianificò persino di far saltare in aria le navi dei rifugiati, in un complotto chiamato Operazione Embarrass.

Molte imprese e politici americani lavorarono a stretto contatto con i nazisti anche dopo che i due paesi erano in guerra tra loro. A quel punto l’Olocausto aveva già causato la morte di milioni di tedeschi e uno stato di polizia era stato istituito da tempo, quindi chiunque facesse affari con i nazisti sapeva esattamente con chi si stava mettendo in affari.

Prima che gli americani fossero coinvolti nella guerra, c’erano angoli dell’arena politica che erano effettivamente grandi sostenitori del partito nazista, sia per scopi commerciali che per interessi comuni come l’eugenetica.

Seconda guerra mondiale – 1941

Il politico americano più prominente a lavorare con i nazisti era in realtà il nonno di George W. Bush, Prescott Bush. Non c’è dubbio che finanziava e lavorava con i nazisti perché i beni della sua azienda furono sequestrati nel 1942 dal governo degli Stati Uniti in base alla legge sul “commercio con il nemico”. Lavorava a capo di una società finanziaria chiamata Brown Brothers Harriman, che fungeva da base statunitense per gli interessi commerciali nazisti.

Brown Brothers Harriman era una delle più grandi società di investimento internazionale negli anni ’30 e mandavano milioni di dollari in oro oltreoceano per ricostruire l’esercito tedesco e finanziare il partito nazista. Questo racket fu finalmente esposto il 30 luglio 1942, quando il New York Herald Tribune pubblicò un articolo intitolato: “L’angelo di Hitler ha tre milioni di dollari nella banca americana”. Questo articolo sollevò il sospetto che la banca fosse un “nido segreto” per le élite naziste e alla fine scatenò l’indagine che fece fallire l’operazione.

Guerra di Corea – 1950

La propaganda di guerra ha portato molti a credere che il governo nordcoreano abbia lanciato un attacco non provocato alla Corea del Sud, per conto delle grandi potenze comuniste di Russia e Cina. Eppure, ancora una volta, questo fu un altro caso in cui gli Stati Uniti stavano sostenendo un dittatore per combatterne un altro, nel tentativo di ottenere il controllo di un intero continente il tutto mentendo alla gente a casa sulle vere motivazioni della guerra.

Come sottolinea lo storico Mark E. Caprio, professore di storia all’Università Rikkyo di Tokyo:

“L’8 febbraio 1949, il presidente sudcoreano incontrò l’ambasciatore John Muccio e il segretario dell’esercito Kenneth C. Royall a Seul. Qui il presidente coreano elencò le seguenti giustificazioni per iniziare una guerra con il Nord: l’esercito sudcoreano poteva essere facilmente aumentato di 100.000 unità se avesse attinto dai 150.000-200.000 coreani che avevano recentemente combattuto con i giapponesi o i cinesi nazionalisti. Inoltre, il morale dei militari sudcoreani era superiore a quello dei nordcoreani.

Guerra di Corea – 1950

Se fosse scoppiata la guerra si aspettava defezioni di massa dal nemico. Infine, il riconoscimento della Corea del Sud da parte delle Nazioni Unite legittimava il suo dominio su tutta la penisola (come previsto dalla sua costituzione). Così, concluse, non c’era “niente [da guadagnare] aspettando”.

Guerra del Vietnam – 1964

Le informazioni rilasciate nel 2005 dalla National Security Agency hanno dimostrato che l’incidente del Golfo del Tonchino dell’agosto 1964 fu deliberatamente falsificato per far sembrare che le cannoniere nord vietnamite attaccarono un cacciatorpediniere americano che pattugliava in acque internazionali, quando in realtà non era così. Questo fu l’evento che l’esercito statunitense usò come scusa per andare in guerra in Vietnam e fu circondato da mistero e controversie fino a decenni dopo, quando furono resi noti i fatti ufficiali.

Guerra del Vietnam – 1964

Sono passati 49 anni da quando gli Stati Uniti hanno ritirato le ultime truppe da combattimento dal Vietnam e gli ultimi prigionieri di guerra che erano tenuti nel Vietnam del Nord sono tornati sul suolo americano. Secondo le stime, più di 2 milioni di civili, 1,1 milioni di combattenti nordvietnamiti e Viet Cong, 250.000 combattenti sudvietnamiti e quasi 58.000 militari statunitensi sono stati uccisi in Vietnam durante la guerra tutto a causa di bugie che sono state utilizzate per creare una propaganda che ha fatto temere agli americani per la loro sicurezza.

Libia 1984 (poi 2015)

L’ex agente del Mossad Victor Ostrovsky ha ammesso che il Mossad ha piazzato una radiotrasmittente nel complesso del primo ministro libico Muammar Gheddafi a Tripoli, che trasmetteva false trasmissioni terroristiche registrate dal Mossad e usate per incastrare Gheddafi come un sostenitore del terrorismo. Il presidente Reagan bombardò la Libia immediatamente dopo i falsi rapporti, ma questa non fu la prima o l’ultima volta che gli Stati Uniti si sarebbero coinvolti in Libia.

Come The Free Thought Project ha riportato, 3.000 email dell’ex Segretario di Stato Hillary Clinton rilasciate dal Dipartimento di Stato contenevano prove schiaccianti delle nazioni occidentali che usavano la NATO come strumento per rovesciare Gheddafi.

Il rovesciamento della NATO non era per la protezione del popolo, ma invece, era per ostacolare il tentativo di Gheddafi di creare una moneta africana sostenuta dall’oro per competere con il monopolio bancario centrale occidentale. Come al solito, gli Stati Uniti e le loro controparti occidentali hanno lasciato il paese a se stesso dopo aver ridotto la nazione, una volta fiorente, al suolo.

Libia 1984 (poi 2015)

“Oggi non c’è un governo della Libia. Ci sono semplicemente folle che pattugliano le strade e si uccidono l’un l’altro“, ha detto il senatore dello Stato della Virginia Richard Black a RT sul casino lasciato dietro di sé.

Nonostante alcuni problemi in Libia prima del colpo di stato, “i libici avevano uno standard di vita incredibilmente alto, il più alto in Africa”, ha detto l’avvocato internazionale Francis Boyle a RT. “Quando sono andato per la prima volta in Libia nel 1986, sono rimasto stupito dall’empowerment delle donne. Quello che ho visto in Libia era che le donne potevano fare tutto quello che volevano”.

Iraq – 1990

All’inizio dell’operazione Desert Storm nel 1990, una società di pubbliche relazioni di nome Hill and Knowlton spese milioni di dollari per conto del governo degli Stati Uniti, costruendo notizie che avrebbero venduto la guerra al pubblico americano. Una delle bufale più commoventi di questa spinta alla guerra fu la testimonianza di una ragazza kuwaitiana di 15 anni, conosciuta solo con il nome di battesimo Nayirah.

In una testimonianza videoregistrata che fu poi distribuita ai media, lei affermò che i soldati iracheni uccidevano i bambini nelle incubatrici di un ospedale.

“Ero volontaria all’ospedale al-Addan, mentre ero lì, ho visto i soldati iracheni entrare nell’ospedale con le armi, e andare nella stanza dove… i bambini erano nelle incubatrici”, ha detto Nayirah. “Hanno tolto i bambini dalle incubatrici, hanno preso le incubatrici e hanno lasciato i bambini sul pavimento freddo a morire”.

Iraq – 1990

Sembra orribile, vero? Beh, per fortuna non è mai successo. Questo è stato un evento inventato progettato per disumanizzare il popolo iracheno agli occhi del pubblico americano. L’intera faccenda fu smascherata quando i giornalisti scoprirono che la testimone, Nayirah, era in realtà la figlia di un ambasciatore americano, che era stata persuasa da specialisti di operazioni psicologiche militari.

Oltre a questa falsa testimonianza, il governo degli Stati Uniti ha anche mostrato all’Arabia Saudita immagini satellitari false che ritraevano truppe irachene ammassate al loro confine.

Iraq – 2003-Presente

Le e-mail che sono state declassificate nel 2015 dipingono un quadro molto diverso dell’invasione dell’Iraq da parte dell’amministrazione Bush rispetto a quello che hanno portato il pubblico a credere. Un memorandum redatto dall’ambasciata statunitense a Londra ha rivelato come l’amministrazione Bush abbia usato “spie” nel partito laburista britannico per aiutare a formare l’opinione pubblica britannica a favore della guerra, prima dell’invasione degli Stati Uniti.

Nelle settimane precedenti l’invasione dell’Iraq, l’amministrazione Bush ha inondato l’etere americano con affermazioni che andavano dalle connessioni di Saddam Hussein con Al-Qaeda, alle affermazioni “gravemente errate” di Colin Powell che l’Iraq aveva armi di distruzione di massa.

Dopo aver invaso una nazione straniera sovrana, il presidente George W. Bush ha palesemente mentito al pubblico americano e quando è venuto alla luce che non c’erano, in effetti, armi di distruzione di massa, ha semplicemente accusato chiunque lo criticasse di tentare di “rivedere la storia”.

Durante la sua presidenza, mentre teneva un discorso proprio su questo argomento, Bush disse: Questa nazione ha agito di fronte alla minaccia del dittatore dell’Iraq. Ora ci sono alcuni che vorrebbero riscrivere la storia storici revisionisti è come mi piace chiamarli”.

Guerra al Terrore – 2001-Presente

Ora l’esercito degli Stati Uniti e i suoi alleati stanno esportando le loro guerre del terrore in tutto il mondo, in nome della lotta al terrorismo, e la maggior parte di queste guerre sono anche giustificate con propaganda e bugie.

Nei primi giorni della “Guerra al Terrore”, il governo macedone fu sorpreso a inscenare un falso attacco terroristico nel tentativo di ottenere finanziamenti dalle forze occidentali. Sei innocenti immigrati pakistani furono accusati di essere terroristi e uccisi nell’incidente.

Nel 2001, i media statunitensi passarono settimane a far circolare l’idea che gli attacchi con l’antrace fossero stati effettuati da arabi legati all’Afghanistan, quando in realtà dietro gli attacchi c’era uno scienziato del governo.

Nel 2005, l’ex avvocato del Dipartimento di Giustizia John Yoo ha suggerito che gli Stati Uniti dovrebbero creare una falsa organizzazione terroristica per dare all’esercito una scusa per attaccare luoghi dove si credevano potessero nascondersi veri terroristi:

“Le nostre agenzie di intelligence creano una falsa organizzazione terroristica”, ha detto Yoo. “Potrebbe avere i propri siti web, centri di reclutamento, campi di addestramento e operazioni di raccolta fondi. Potrebbe lanciare false operazioni terroristiche e rivendicare il credito per veri attacchi terroristici, contribuendo a seminare confusione tra i ranghi di al-Qaeda, inducendo gli operativi a dubitare dell’identità degli altri e a mettere in dubbio la validità delle comunicazioni”.

Nel 2005, i soldati israeliani hanno ammesso di aver lanciato pietre ad altri soldati israeliani in modo da poter dare la colpa ai palestinesi per giustificare l’uso della forza violenta contro i manifestanti. Israele ha anche una profonda storia di utilizzo di bugie e falsi attacchi per giustificare l’azione militare.

l’Affare Lavon nel 1954

In un incidente che divenne noto come l’Affare Lavon nel 1954, agenti israeliani sotto copertura fecero esplodere delle bombe contro obiettivi statunitensi e britannici, sperando che l’attacco sarebbe stato attribuito ai ribelli locali. Fortunatamente, furono catturati e il complotto fu scoperto.

Questa lunga serie di inganni è importante da considerare dato che l’esercito statunitense sta battendo di nuovo il tamburo della guerra, questa volta in Iran, dove c’è stata anche una lunga lista di falsi attacchi per mano delle potenze occidentali.

A partire dal 1957, i politici negli Stati Uniti e nel Regno Unito hanno sviluppato un complotto per addestrare gli estremisti islamici a compiere attacchi a bandiera falsa per spingere il cambio di regime in Iran. Ora, decenni dopo, la storia si sta ripetendo nella stessa parte del mondo, poiché il cambio di regime in Iran è di nuovo all’ordine del giorno, e le potenze occidentali stanno seguendo lo stesso schema.

Spinta attuale per una guerra per procura contro la Russia in Ucraina – 2022

Come questo rapporto ha dimostrato, l’uso di prove falsificate, propaganda, disinformazione, e anche veri e propri attacchi False Flag, è stata una pratica comune all’interno del manuale del complesso militare industriale per espandere l’imperialismo statunitense e l’ordine mondiale neo-liberale.

Quest’ultima spinta a trasformare essenzialmente l’Ucraina in Siria 2.0, una contorta guerra sporca tra Stati/ gruppi per procura per mantenere l’egemonia americana – e potenzialmente portare il mondo sull’orlo dell’annientamento nel processo – non è diversa.

Mentre è naturalmente pertinente riconoscere che la realtà per il popolo ucraino sul terreno è complessa e radicata in quasi un secolo di cultura e storia che tesse le proprie tensioni tra le popolazioni locali; un certo numero di fatti dimostra chiaramente la realtà delle forze trainanti dietro il conflitto di oggi.

Nel 2010, i cablogrammi diplomatici rilasciati da WikiLeaks mostrano la corrispondenza tra funzionari americani e francesi che dipingono chiaramente le intenzioni dei politici occidentali di assorbire l’Ucraina nella NATO. Essendo in diretta violazione degli accordi presi tra gli Stati Uniti e l’ex leader sovietico Mikhail Gorbaciov nel 1990.

Avanti veloce di quattro anni e vediamo l’inizio delle fasi dell’espansionismo aggressivo degli Stati Uniti e della NATO verso est.

Dopo il rifiuto del presidente ucraino Viktor Yanukovych di entrare nella NATO, le piccole proteste anti-corruzione che erano già in corso sono state cooptate da agenti provocatori occidentali e trasformate in una rivoluzione colorata di cambio di regime.

Ciò che è stato propagandato dai media occidentali come una rivolta popolare organica per rovesciare il loro leader comunista, era in realtà un colpo di stato accuratamente preparato.

Lo sappiamo grazie a una telefonata trapelata dall’allora assistente del segretario di Stato USA Victoria Nuland. In essa, la si può sentire discutere con l’ambasciatore americano in Ucraina Geoffrey Pyatt le figure chiave che dovrebbero essere installate in un governo post-Yanukovych.

Mostrando che non solo le proteste non erano organiche, ma gli Stati Uniti erano direttamente coinvolti nel rovesciamento del governo.

Nel 2022, Victoria Nuland agisce ora come sottosegretario di Stato. La chiamata ha anche riconosciuto la cooperazione dell’allora e attuale consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan, e del vicepresidente dell’epoca ora presidente Joe Biden. Non c’è da meravigliarsi che le cose si stiano sviluppando nel modo in cui sono quando queste figure sono state manovrate in posizioni così cruciali.

Ma per peggiorare le cose, nel 2014, mentre il colpo di stato era in pieno svolgimento, gli Stati Uniti hanno preso a facilitare il più ripugnante degli individui per installare il loro nuovo regime fantoccio. Fornendo armamenti, finanziamenti e addestramento a forze paramilitari neonaziste apertamente ammesse.

Anni dopo, sembra che mantenere uno stato fascista in Ucraina sia essenzialmente diventato una parte apertamente accettata della politica americana nella regione. Nel dicembre del 2021, le Nazioni Unite hanno presentato la loro risoluzione annuale per condannare il nazismo, sollecitando le nazioni a lavorare insieme per prevenire la diffusione di ideologie ultranazionaliste e razziste. Avrebbe dovuto essere una risoluzione di buon senso su cui tutti erano d’accordo.

Eppure, tra tutti i membri delle Nazioni Unite, gli Stati Uniti e l’Ucraina sono stati gli unici due a votare contro. Purtroppo, questo è diventato tradizione. Entrambe le nazioni hanno regolarmente votato contro la risoluzione dal 2014.

In linea con questo, i media occidentali sono ancora permeati di propaganda che distorce i fatti che guidano il conflitto. Come elaborato in questo brillante pezzo di Alan Macleod di Mintpress News, gli Stati Uniti hanno speso più di 22 milioni di dollari per spargere i semi del malcontento per favorire un’agenda anti-russa, pro-USA ed espansionista della NATO.

Nessuno qui sostiene che Vladimir Putin o la Russia siano dei santi. Come è il caso di tutti i governi, sono sicuramente altrettanto vili e corrotti a modo loro. Ma i fatti contraddicono la narrazione. L’idea che la Russia stia agendo come aggressore “minacciando la libertà e la democrazia” e “mettendo in pericolo gli innocenti” è una farsa.

Anche sui media corporativi internazionali, i veri atteggiamenti e le intenzioni della crisi sono apertamente ammessi.

Nell’episodio del 20 febbraio 2022 di Al Jazeera’s Inside Story che ospitava un panel di tre esperti riguardo agli accordi di Minsk; il professore associato ucraino di sociologia, Università Nazionale di Kyiv-Mohyla Academy, Mychailo Wynnyckyj, mentre prima sosteneva che gli ucraini sono interessati alla de-escalation, ha chiuso il segmento affermando sfacciatamente –

“Cercando soluzioni pacifiche, naturalmente. Ma alla fine della giornata penso che gli ucraini capiscano oggi che la minaccia esistenziale che la Russia presenta all’Ucraina è a lungo termine, e dovremo affrontarla a lungo termine. Non è qualcosa che andrà via domani, o finché il regime di Putin rimane al Cremlino”.

Ammettere apertamente il desiderio di un cambio di regime. Questo è l’atteggiamento prevalente dei poteri elitari. E come menzionato in precedenza, mentre può anche essere in parte favorito da generazioni di disagi, è anche certamente aumentato ed esacerbato dalle attività geostrategiche dell’Occidente.

Se i russi avessero un’organizzazione simile alla NATO, allineandosi con la Cina, la Corea del Nord, l’Iran, il Venezuela, e una qualsiasi delle altre nazioni che l’America considera sue avversarie; e procedessero a spingere il loro esercito fino ai nostri confini del Canada e del Messico. Facendo il prepotente, minacciando e persuadendo le altre nazioni a conformarsi. Chiedendo apertamente una camera nel nostro governo. Potete essere dannatamente certi che non lo sopporteremmo.

Perché ci si dovrebbe aspettare di meno quando la scarpa è nell’altro piede, e la potenza globalista che è l’Impero Americano e i suoi alleati avendo una storia dimostrabile di flagranti crimini di guerra e abusi – si fa strada fino ai confini della Russia dopo aver espresso il desiderio di un cambio di regime?

Don Via Jr.

Fonte: thefreethoughtproject.com

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code