toba60

Un Crimine Indicibile Il Trattato Stipulato da Trilioni di Dollari per Estendere la Vita delle Armi Nucleari

Che stana la gente, aborrisce la guerra e con enfasi supporta tutti coloro che la desiderano intensamente!

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità.

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Un Crimine Indicibile

Cinque mesi fa, due giorni prima che il mondo civilizzato festeggiasse un anno dall’entrata in vigore del Trattato sulla proibizione delle armi nucleari, il 22 gennaio, i funzionari del National Security Campus di Kansas City hanno celebrato virtualmente un’altra pietra miliare con i partner della National Nuclear Security Administration e dell’Aeronautica Militare degli Stati Uniti.

“Con grande orgoglio ed eccitazione, hanno riconosciuto il completamento della prima unità di produzione del programma di estensione della vita della bomba B61-12. Questo impianto è responsabile della produzione di 39 importanti bombe. Questo impianto è responsabile della produzione di 39 componenti principali non nucleari della B61-12.

Il programma da mille miliardi di dollari di estensione della vita delle armi nucleari è in contrasto con il Trattato di non proliferazione nucleare, ratificato dagli Stati Uniti, in spregio all’articolo VI del Trattato, che richiede che “tutte le Parti si impegnino a perseguire negoziati in buona fede su misure efficaci relative alla cessazione della corsa agli armamenti nucleari, al disarmo nucleare e al disarmo generale e completo”. Nei nove anni trascorsi da quando il programma di estensione della vita della B61-12 è stato messo in atto, l’aspettativa di vita degli esseri umani in questo Paese è crollata. Imperterrita, la NNSA si vanta di aver prolungato l’aspettativa di vita della B61-12 di almeno 20 anni!

Questa nuova bomba sostituirà la vecchia B61, la principale bomba termonucleare a gravità dell’arsenale statunitense, schierata anche con gli alleati della NATO in Europa nell’ambito di un “Programma di condivisione delle armi nucleari”. Uno dei miglioramenti è che queste nuove bombe hanno alette di coda orientabili che le rendono molto più precise e dispiegabili. La loro forza esplosiva può essere aumentata o diminuita da 1 a 50 chilotoni, cioè più di tre volte la potenza della bomba che distrusse Hiroshima nel 1945.

“Più precise e dispiegabili” è un altro modo per dire che è più probabile che vengano usate, e con queste nuove armi a disposizione, i pianificatori bellici statunitensi stanno pensando a come usarle. Un rapporto del giugno 2019 dello Stato Maggiore degli Stati Uniti, “Nuclear Operations”, suggerisce che “l’uso delle armi nucleari potrebbe creare le condizioni per risultati decisivi (e) influenzare il modo in cui i comandanti prevarranno nel conflitto”.

Lo scorso autunno mi trovavo in Europa durante le esercitazioni della NATO “Steadfast Noon”, l’evento annuale in cui i militari di 14 Paesi della NATO provano un’invasione della Russia. Queste prove spiegano come una NATO in espansione, armata di armi nucleari più precise e flessibili come quelle prodotte proprio qui a Kansas City, potrebbe far pendere la bilancia verso un equilibrio precario. Dopo l’invasione dell’Ucraina, i comandanti russi hanno ipotizzato come le loro armi nucleari più precise e flessibili potrebbero aiutarli a prevalere.

“Gli Stati Uniti prenderebbero in considerazione l’uso di armi nucleari solo in circostanze estreme per difendere gli interessi vitali degli Stati Uniti o dei loro alleati e partner”, si legge nella Nuclear Posture Review 2022 del Pentagono. La Russia, più modestamente, ha abbandonato la sua politica di non primo utilizzo e “si riserva il diritto di usare le armi nucleariquando l’esistenza stessa dello Stato è in pericolo”.

Gli Stati nazionali, i loro interessi vitali e la loro stessa esistenza sono temporanei. Queste minacce di distruggere il pianeta in loro difesa sono folli.

Si credeva che la dottrina della “distruzione reciproca assicurata”, secondo cui l’orribile devastazione provocata da uno scambio nucleare non avrebbe lasciato alcun vincitore, fosse ciò che ha aiutato a prevenire una guerra mondiale negli ultimi decenni. La crescente illusione dei pianificatori di guerra di poter vincere una guerra nucleare pone il mondo in una situazione di pericolo senza precedenti. In questo periodo di catastrofi climatiche, carestie e pandemie, lo spreco di risorse per costruire armi nucleari è un crimine indicibile.

Nel 1949, all’inizio della guerra fredda con la Russia, il monaco e poeta Thomas Merton scrisse: “Quando prego per la pace, prego Dio di pacificare non solo i russi e i cinesi, ma soprattutto la mia nazione e me stesso. Quando prego per la pace, prego di essere protetto non solo dai rossi, ma anche dalla follia e dalla cecità del mio Paese.

Quando prego per la pace, prego non solo che i nemici del mio Paese cessino di volere la guerra, ma soprattutto che il mio Paese cessi di fare le cose che rendono la guerra inevitabile. In altre parole, quando prego per la pace, non prego solo che i russi si arrendano senza lottare e ci lascino fare a modo nostro. Sto pregando che sia noi che i russi possiamo in qualche modo tornare alla sanità mentale e imparare a risolvere i nostri problemi, nel miglior modo possibile, insieme, invece di prepararci al suicidio globale”.

Brian Terrell

Fonte: countercurrents.org

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code