toba60

Una Storia di Esperienza di Pre-Morte Profondamente Stimolante

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

In un mondo che dedica tutta la propria esistenza nel cercare di sopravvivere, il tema della morte viene costantemente delegata ad altri….

…interessante!!!

È una questione che pare non interessi proprio nessuno.

Toba60

Una Storia di Esperienza di Pre-Morte

Mellen-Thomas Benedict è un artista che è sopravvissuto ad un’esperienza di pre-morte (NDE) nel 1982. È stato morto per più di un’ora e mezza. Durante questo tempo, si alzò dal suo corpo ed entrò nella luce. Curioso dell’universo, fu portato lontano nelle remote profondità dell’esistenza, e anche oltre, nel vuoto energetico del nulla dietro il Big Bang.

Mellen-Thomas Benedict con la Moglie

L’eminente ricercatore di esperienze di pre-morte Dr. Kenneth Ring ha detto: “La sua storia di esperienza di pre-morte è una delle più notevoli che ho incontrato nella mia vasta ricerca sulle esperienze di pre-morte”.

Storia dell’esperienza di quasi morte di Mellen-Thomas Benedict

Nel 1982, sono morto per un cancro terminale. La mia condizione non era operabile. Scelsi di non fare la chemioterapia. Mi furono dati dai sei agli otto mesi di vita. Prima di allora, ero diventato sempre più avvilito per la crisi nucleare, la crisi ecologica e così via. Arrivai a credere che la natura avesse commesso un errore che probabilmente eravamo un organismo canceroso sul pianeta. Ed è questo che alla fine mi ha ucciso.

Prima della mia esperienza di pre-morte, ho provato tutti i tipi di metodi di guarigione alternativi. Nessuno mi ha aiutato. Così ho determinato che questo era tra me e Dio. Non avevo mai considerato Dio. Né mi piaceva alcun tipo di spiritualità. Ma la mia morte che si avvicinava mi mandò alla ricerca di maggiori informazioni sulla spiritualità e sulla guarigione alternativa. Ho letto varie religioni e filosofie. Davano la speranza che ci fosse qualcosa dall’altra parte.

Non avevo un’assicurazione medica, così i miei risparmi di una vita andarono a finire in una notte per i test. Non volendo trascinare la mia famiglia in tutto questo, decisi di occuparmene da sola. Sono finita nelle cure dell’ospizio e sono stata benedetta con un angelo come custode dell’ospizio, che chiamerò “Anne”. Lei rimase con me durante tutto quello che sarebbe seguito.

Nella luce

Mi sono svegliato verso le 4:30 del mattino e sapevo che questo era il momento. Stavo per morire. Chiamai alcuni amici e li salutai. Svegliai Anne e le feci promettere che il mio corpo morto sarebbe rimasto indisturbato per sei ore, dato che avevo letto che quando si muore succedono un sacco di cose interessanti. Tornai a dormire. La cosa successiva che ricordo è che ero completamente cosciente e in piedi. Eppure il mio corpo era disteso nel letto. Mi sembrava di essere circondato dall’oscurità, ma potevo vedere ogni stanza della casa, il tetto e persino sotto la casa.

Una luce brillava. Mi girai verso di essa e fui consapevole della sua somiglianza con ciò che altri hanno descritto nelle esperienze di pre-morte. Era magnifica e tangibile, attraente. Volevo andare verso quella Luce come se volessi andare tra le braccia della mia madre o del mio padre ideale. Mentre mi muovevo verso la Luce, sapevo che se fossi andato verso la Luce, sarei morto. Così ho detto/sentito: “Per favore, aspetta. Vorrei parlare con te prima di andare”.

L’intera esperienza si fermò. Ho scoperto che avevo il controllo dell’esperienza. La mia richiesta fu onorata. Ho avuto conversazioni con la Luce. Questo è il modo migliore in cui posso descriverlo. La Luce si trasformava in diverse figure, come Gesù, Buddha, Krishna, immagini archetipiche e segni. Ho chiesto in una sorta di telepatia: “Cosa sta succedendo qui?”.

L’informazione trasmessa era che le nostre credenze modellano il tipo di feedback che riceviamo. Se sei buddista o cattolico o fondamentalista, ricevi un ciclo di feedback delle tue stesse immagini. Sono diventato consapevole di una matrice del Sé Superiore, un condotto verso la Sorgente. Tutti noi abbiamo un Sé Superiore, o una parte sovrannaturale del nostro essere, un condotto. Tutti i Sé Superiori sono collegati come un unico essere.

Tutti gli umani sono connessi come un unico essere.

Era la cosa più bella che avessi mai visto. Era come tutto l’amore che avete sempre desiderato, ed era il tipo di amore che cura, guarisce, rigenera. In quel momento ero pronto ad andare. Ho detto: “Sono pronto, prendimi”. Poi la luce si è trasformata nella cosa più bella che abbia mai visto: un mandala di anime umane su questo pianeta. Ho visto che siamo le più belle creazioni eleganti, esotiche … tutto.

Non posso dire abbastanza su come ha cambiato la mia opinione sugli esseri umani in un istante. Ho detto/pensato/sentito: “Oh, Dio, non mi ero reso conto”. Sono rimasto stupito nello scoprire che non c’è il male in nessuna anima. Le persone possono fare cose terribili per ignoranza e mancanza, ma nessuna anima è malvagia. “Ciò che tutte le persone cercano – ciò che le sostiene è l’amore”, mi disse la Luce. “Ciò che distorce le persone è la mancanza d’amore”.

Le rivelazioni continuavano e continuavano. Chiesi: “Questo significa che l’Umanità sarà salvata?” Come uno squillo di tromba con una pioggia di luci a spirale, la Luce “parlò”, dicendo: “Tu salvi, redimi e guarisci te stesso. L’hai sempre fatto e sempre lo farai. Sei stato creato con il potere di farlo da prima dell’inizio del mondo”. In quell’istante ho capito che siamo già stati salvati.

Ho ringraziato la Luce di Dio con tutto il mio cuore. La cosa migliore che mi venne in mente fu: “Oh caro Dio, caro Universo, caro Grande Sé, io amo la mia Vita”. La Luce sembrò respirarmi ancora più profondamente, assorbendomi. Entrai in un altro regno più profondo del precedente, e fui consapevole di un enorme flusso di Luce, vasto e pieno, profondo. Chiesi cosa fosse. La Luce rispose: “Questo è il Fiume della Vita. Bevi quest’acqua di manna a tuo piacimento”. Bevvi profondamente, in estasi.

Il vuoto del nulla

Improvvisamente mi è sembrato di allontanarmi a razzo dal pianeta su questo flusso di Vita. Ho visto la terra volare via. Il sistema solare mi sfrecciò accanto e scomparve. Volai attraverso il centro della galassia, assorbendo più conoscenza mentre andavo. Imparai che questa galassia – e l’intero Universo – è piena di molte diverse varietà di vita. Ho visto molti mondi. Non siamo soli in questo universo. Sembrava che tutte le creazioni dell’Universo mi passassero accanto e svanissero in un granello di luce.

Poi apparve una seconda luce. Mentre passavo nella seconda luce, potevo percepire per sempre, oltre l’Infinito. Ero nel Vuoto, pre-Creazione, l’inizio del tempo, la prima Parola o vibrazione. Mi riposavo nell’Occhio della Creazione e mi sembrava di toccare il Volto di Dio. Non era una sensazione religiosa. Ero semplicemente uno con la Vita Assoluta e la Coscienza.

Ho cavalcato il flusso direttamente nel centro della Luce. Mi sentii abbracciato dalla Luce mentre mi prendeva di nuovo con il suo respiro. E la verità era evidente che non c’è morte; che nulla nasce e nulla muore; che siamo esseri immortali, parte di un sistema vivente naturale che si ricicla all’infinito.

Mi ci sarebbero voluti anni per assimilare l’esperienza del Vuoto. Era meno di niente, eppure più grande di qualsiasi cosa. La creazione è Dio che esplora il Sé di Dio attraverso ogni modo immaginabile. Attraverso ogni capello della tua testa, attraverso ogni foglia di ogni albero, attraverso ogni atomo. Dio sta esplorando il Sé di Dio. Ho visto tutto come il Sé di tutto. Dio è qui. Questo è ciò di cui si tratta. Tutto è fatto di luce; tutto è vivo.

La luce dell’amore

Non mi è mai stato detto che dovevo tornare. Sapevo solo che l’avrei fatto. Era solo naturale, da quello che avevo visto. Quando ho iniziato il mio ritorno al ciclo della vita, non mi è mai passato per la mente, né mi è stato detto, che sarei tornato nello stesso corpo. Non aveva importanza. Avevo completa fiducia nella Luce e nel processo della Vita.

Mentre il flusso si fondeva con la grande Luce, chiesi di non dimenticare mai le rivelazioni e i sentimenti di ciò che avevo imparato dall’altra parte. Ho pensato a me stesso come un umano di nuovo ed ero felice di esserlo. Da quello che ho visto, sarei felice di essere un atomo in questo universo. Un atomo. Quindi essere la parte umana di Dio… questa è la benedizione più fantastica. È una benedizione oltre la nostra più fervida immaginazione di cosa possa essere una benedizione.

Per ognuno di noi essere la parte umana di questa esperienza è impressionante, e magnifico. Ognuno di noi, non importa dove siamo, incasinati o meno, è una benedizione per il pianeta, proprio dove siamo. Così sono passato attraverso il processo di reincarnazione aspettandomi di essere un bambino da qualche parte.

Ma mi sono reincarnato in questo corpo. Ero così sorpreso quando ho aperto gli occhi, di essere di nuovo in questo corpo, di nuovo nella mia stanza con qualcuno che mi guardava, piangendo a dirotto. Era Anne, la mia custode dell’ospizio. Mi aveva trovato morto trenta minuti prima. Non sappiamo da quanto tempo fossi morto, solo che mi aveva trovato trenta minuti prima. Aveva onorato il mio desiderio di lasciare in pace il mio corpo appena morto. Lei può verificare che ero davvero morto.

Non è stata un’esperienza di pre-morte. Credo che probabilmente ho sperimentato la morte stessa per almeno un’ora e mezza. Quando più tardi mi sono svegliata e ho visto la luce fuori, confusa, ho cercato di alzarmi per andare da lei, ma sono caduta dal letto. Lei sentì un forte “clunk”, corse dentro e mi trovò sul pavimento. Quando mi ripresi, ero sorpreso e stupito di quello che era successo. All’inizio non avevo alcun ricordo dell’esperienza. Continuavo a scivolare fuori da questo mondo e continuavo a chiedere: “Sono vivo?”. Questo mondo sembrava più un sogno che quello.

Nel giro di tre giorni, mi sentivo di nuovo normale, più chiaro, ma diverso come mai prima. I miei ricordi del viaggio tornarono più tardi. Ma dal mio ritorno non trovai nulla di sbagliato in nessun essere umano che avessi mai visto. Prima della mia morte ero critico e credevo che le persone fossero davvero incasinate.

Circa tre mesi dopo un amico mi disse che avrei dovuto fare il test per il cancro. Così ho fatto le scansioni e così via. Mi sentivo in salute. Ricordo ancora il medico della clinica che guardava le scansioni “prima” e “dopo”. Disse: “Ora non trovo nessun segno di cancro”. “Un miracolo?” Chiesi. “No”, rispose lui. “Sono cose che succedono… remissione spontanea”. Sembrava non impressionato. Ma io ero impressionato. Sapevo che era un miracolo.

Lezioni apprese

Ho chiesto a Dio: “Qual è la migliore religione del pianeta? Qual è quella giusta?” Dio ha risposto con grande amore: “Non ha importanza”. Che grazia incredibile. Non importa quale religione siamo. Le religioni vengono e vanno. Cambiano. Il buddismo non è qui da sempre, il cattolicesimo non è qui da sempre, e stanno tutti per diventare più illuminati. Più luce sta arrivando in tutti i sistemi ora. Molti resisteranno e combatteranno per questo, una religione contro l’altra, credendo che solo loro hanno ragione.

Quando Dio ha detto: “Non importa”, ho capito che è a noi che importa, perché siamo noi gli esseri che si preoccupano. Alla Sorgente non importa se sei protestante, buddista o ebreo. Ognuno è un riflesso, una sfaccettatura del tutto. Vorrei che tutte le religioni se ne rendessero conto e si lasciassero essere. Non è la fine delle religioni separate, ma vivi e lascia vivere. Ognuno ha una visione diversa, e tutto si aggiunge al quadro generale.

Sono passato dall’altra parte con un sacco di paure sui rifiuti tossici, i missili nucleari, l’esplosione della popolazione, la foresta pluviale. Sono tornato amando ogni singolo problema. Amo le scorie nucleari. Amo il fungo atomico; questo è il mandala più sacro che abbiamo manifestato fino ad oggi, come archetipo. Più di qualsiasi religione o filosofia sulla Terra, quella terribile e meravigliosa nuvola ci ha riuniti all’improvviso, ad un nuovo livello di coscienza.

Sapendo che forse possiamo far saltare il pianeta cinquanta volte, o 500 volte, ci rendiamo finalmente conto che forse siamo tutti qui insieme adesso. Per un periodo, hanno dovuto continuare a far esplodere altre bombe per farcele arrivare. Poi abbiamo cominciato a dire: “Non abbiamo più bisogno di questo”. Ora siamo effettivamente in un mondo più sicuro di quanto siamo mai stati e diventerà ancora più sicuro.

Così sono tornato ad amare i rifiuti tossici, perché ci ha riunito. Queste cose sono così grandi. Il disboscamento della foresta pluviale rallenterà, e tra cinquant’anni ci saranno più alberi sul pianeta che da molto tempo. Se ti piace l’ecologia, fallo; tu sei quella parte del sistema che sta diventando consapevole. Andate con tutte le vostre forze, ma non siate depressi o scoraggiati. La Terra si sta addomesticando, e noi siamo cellule di quel corpo. L’aumento della popolazione si sta avvicinando molto alla gamma ottimale di energia per causare un cambiamento nella coscienza. Questo cambiamento di coscienza cambierà la politica, il denaro, l’energia e altro ancora.

Il Grande Mistero della vita ha poco a che fare con l’intelligenza.

L’Universo non è un processo intellettuale. L’intelletto è utile; ma i nostri cuori sono la parte più saggia di noi stessi. Dal mio ritorno ho sperimentato la Luce spontaneamente. Ho imparato a raggiungere quello spazio quasi in ogni momento della mia meditazione. Anche voi potete farlo. Non dovete morire prima. Siete già cablati per questo. Il corpo è l’essere di Luce più magnifico che ci sia. Il corpo è un universo di incredibile Luce. Non abbiamo bisogno di comunicare con Dio;

Dio è già in comunicazione con noi in ogni momento!

Mellen-Thomas Benedict

Fonte: mellen-thomas.com

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che  rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il  monopolio assoluto dell’informazione.  Toba60

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE




Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code