toba60

Uno Per Uno Tutti i Criminali Politici e Finanziari che Verranno Posti Sotto Processo Nella Prossima Norimberga 2

Quello che avrete modo di leggere non un è un testo qualunque come spesso se ne vedono molti in rete, ma e’ stato tratto da una fonte sul DeepWeb che ha dovuto traslocare per i motivi che tutti ben conosciamo.

È diventata una scelta obbligata e pure noi ci stiamo attrezzando per questo inevitabile passo che perdurando cosi le cose temiamo avverrà in tempi più brevi del previsto.

Chi lavora in fabbrica o in ufficio o si gode la pensione non ha sentore probabilmente delle difficoltà che in questo periodo storico noi Blogger stiamo vivendo e che ci vede in balia di un ambiente sempre più ostile su ogni cosa che svolgiamo.

Abbiate cura di scaricare subito i nomi su File Pdf delle persone implicate nella lista a fondo pagina perché non sempre è attivo per la transazione!

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità.

Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Ecco Come hanno Distribuito la Tirannia del Covid Nazione per Nazione Così Rapidamente

Sia l’OPERAZIONE COVID-19 che il programma di super vaccinazione Covid erano in programma almeno dal 1913.

Con l’approvazione del Federal Reserve Act nel 1913, i banchieri internazionali (Cartello Bancario Centrale e Sindacato Bancario Internazionale) hanno reso disponibili i fondi e i finanziamenti necessari per finanziare una cospirazione globale così massiccia per bloccare il pianeta Terra PER SEMPRE!

Questo dato critico spiega anche la successione di eventi catastrofici che si sono verificati nel corso del XX secolo, tra cui la Prima Guerra Mondiale, il Genocidio degli Armeni, la Pandemia di Influenza Spagnola del 1918, il Crollo del Mercato Azionario del 1929 e la Grande Depressione, la Seconda Guerra Mondiale, la Guerra di Corea, la Guerra del Vietnam e molte altre calamità globali altamente organizzate.

Naturalmente, i falsi attacchi terroristici dell’11 settembre e la pandemia di Covid sono solo due esempi del 21° secolo che possono essere stati realizzati solo dalla cabala globalista del Nuovo Ordine Mondiale con il pieno sostegno dei banchieri internazionali. I soli insabbiamenti in corso costano centinaia di miliardi di dollari all’anno per essere mantenuti a sufficienza.

Passiamo ora dalla pandemia di influenza spagnola del 1918 alla pandemia di COIVD-19 del 2020/2021. È fondamentale capire che gli autori del NWO hanno avuto ben più di 100 anni per stabilire la struttura organizzativa dell’OPERAZIONE COVID-19, la gerarchia sovranazionale, le cariche direttive interconnesse, le reti di finanziamento che si sostengono reciprocamente, i partenariati pubblico-privati, i processi e le procedure mediche, le piattaforme informatiche, i depositi di dati digitali, le politiche di blocco a livello mondiale, i regimi di viaggio internazionali, le infrastrutture delle forze dell’ordine, ecc. Una parte ENORME di questo compito gargantuesco è stata quella di coinvolgere tutti i capi di Stato che avrebbero attuato la tirannia Covid nelle loro rispettive nazioni.

Ad oggi, tutti questi tiranni nudi si sono rivelati nient’altro che burattini corrotti e ricattati della “Scuola per dittatori Covid di Klaus Schwab”. Solo comprendendo correttamente la vera profondità e l’ampiezza del complotto cospirativo globale dei Covid, tutti i veri responsabili potranno essere identificati e perseguiti nella massima misura delle leggi che regolano il genocidio intenzionale e i crimini contro l’umanità (ad esempio, il Codice di Norimberga). L’eccellente esposizione che segue è molto utile a questo scopo; delinea bene questa cospirazione finora accuratamente nascosta, in modo che possa essere fatta giustizia per i miliardi di residenti del pianeta Terra che sono stati deliberatamente uccisi e feriti, debilitati e ammalati, mandati in bancarotta e impoveriti.

N.B. Per favore, pubblicate e diffondete questo importantissimo compendio di rivelazioni di Covid OVUNQUE!

Siamo costretti a pubblicare tutto questo dal DeepWeb

Tra gli altri nomi di spicco della scuola figurano Jacinda Ardern, primo ministro della Nuova Zelanda, le cui severe misure di chiusura sono state elogiate dalle autorità sanitarie mondiali; Emmanuel Macron, presidente della Francia; Sebastian Kurz, fino a poco tempo fa cancelliere dell’Austria; Viktor Orbán, primo ministro dell’Ungheria; Jean-Claude Juncker, ex primo ministro del Lussemburgo e presidente della Commissione europea; e Annalena Baerbock, leader dei Verdi tedeschi, prima candidata del partito alle elezioni federali di quest’anno e tuttora in corsa per diventare il successore della Merkel.

Nell’elenco figurano anche il governatore della California Gavin Newsom, selezionato per la classe del 2005, e l’ex candidato alla presidenza e attuale Segretario ai Trasporti degli Stati Uniti Peter Buttigieg, che è un alunno molto recente, essendo stato selezionato per la classe del 2019. Tutti questi politici, in carica negli ultimi due anni, hanno favorito risposte severe alla pandemia COVID-19, che ha anche aumentato notevolmente il potere dei rispettivi governi.

Ma l’elenco degli ex allievi della scuola non si limita ai leader politici. Vi si trovano anche molti capitani dell’industria privata, tra cui Bill Gates di Microsoft, Jeff Bezos di Amazon, Richard Branson della Virgin e Chelsea Clinton della Fondazione Clinton. Anche in questo caso, tutti hanno espresso il loro sostegno alla risposta globale alla pandemia e molti di loro hanno ottenuto notevoli profitti grazie alle misure adottate.

Wolff ritiene che le persone che stanno dietro al WEF e alla scuola Global Leaders siano quelle che determinano realmente chi diventerà leader politico, anche se sottolinea che non crede che sia Schwab stesso a prendere queste decisioni, ma che sia solo un facilitatore. Sottolinea inoltre che tra gli ex allievi della scuola non ci sono solo americani ed europei, ma anche persone provenienti dall’Asia, dall’Africa e dal Sud America, a indicare che la sua portata è davvero mondiale.

Nel 2012, Schwab e il WEF hanno fondato un’altra istituzione, la “Global Shapers Community”, che riunisce coloro che sono stati identificati come potenziali leader di tutto il mondo e che hanno meno di 30 anni. Ad oggi, circa 10.000 partecipanti sono passati attraverso questo programma, che si riunisce regolarmente in 400 città. Wolff ritiene che si tratti di un altro terreno di prova in cui i futuri leader politici vengono selezionati, esaminati e preparati prima di essere inseriti nell’apparato politico mondiale.

Wolff fa notare che pochissimi diplomati della scuola Global Leaders la riportano nel proprio curriculum. Dice di averne visto solo uno: quello dell’economista tedesco Richard Werner, noto critico dell’establishment. Wolff suggerisce che alla scuola sembra piacere includere anche i critici del sistema tra i suoi ranghi, dato che un altro nome tra i suoi diplomati è quello di Gregor Hackmack, il capo tedesco di Change.org, che faceva parte della classe 2010.

Wolff ritiene che questo sia dovuto al fatto che l’organizzazione vuole presentarsi come equa ed equilibrata, sebbene voglia anche assicurarsi che i suoi critici siano un’opposizione controllata. Un’altra cosa che accomuna i diplomati Global Leaders è che la maggior parte di loro ha un curriculum molto scarno, a parte la partecipazione al programma prima di essere elevati a posizioni di potere, il che potrebbe indicare che è il loro legame con le istituzioni di Schwab il fattore decisivo per il lancio delle loro carriere. Ciò è più evidente quando gli ex allievi della scuola vengono interrogati pubblicamente su questioni di cui non sono stati istruiti a parlare in anticipo, e le loro difficoltà a trovare risposte sono spesso molto evidenti. Wolff sostiene che il loro ruolo è solo quello di fare da portavoce dei punti di vista che coloro che sono nell’ombra dietro di loro vogliono siano discussi nel dibattito pubblico.

Gli Yes Men di Schwab in azione

Dato il crescente malcontento per le misure anti-Covid messe in pratica dai diplomati della scuola che ora sono leader nazionali, Wolff ritiene possibile che queste persone siano state selezionate per la loro disponibilità a fare tutto ciò che viene loro detto, e che siano state predisposte per fallire in modo che il conseguente contraccolpo possa essere sfruttato per giustificare la creazione di una nuova forma di governo globale.

In effetti, Wolff osserva che i politici con personalità uniche e punti di vista forti e originali sono diventati rari, e che il carattere distintivo dei leader nazionali degli ultimi 30 anni è stato la loro mitezza e l’adesione a una rigida linea globalista dettata dall’alto. Ciò è stato particolarmente evidente nella risposta della maggior parte dei Paesi alla pandemia, dove i politici che due anni fa non sapevano nulla di virus hanno improvvisamente proclamato che la Covid era una grave crisi sanitaria che giustificava il rinchiudere le persone nelle loro case, la chiusura delle loro attività e la distruzione di intere economie.

È difficile determinare con esattezza il funzionamento della scuola, ma Wolff è riuscito a saperne qualcosa. Nei primi anni, la scuola prevedeva che i membri di ogni classe si incontrassero più volte nel corso di un anno, compresa una sessione di “formazione per dirigenti” di dieci giorni presso la Harvard Business School. Wolff ritiene che, grazie all’incontro con i compagni di corso e all’inserimento in una rete più ampia, i diplomati stabiliscano contatti su cui contare nelle loro successive carriere.

Oggi, il programma della scuola prevede corsi offerti nell’arco di cinque anni a intervalli irregolari, che in alcuni casi possono sovrapporsi all’inizio della carriera politica o professionale di alcuni dei partecipanti, il che significa che questi ultimi si recheranno regolarmente a Davos. Emmanuel Macron e Peter Buttigieg, ad esempio, sono stati selezionati per la scuola meno di cinque anni fa, il che significa che è possibile che abbiano frequentato regolarmente i programmi legati ai Young Global Leaders mentre erano in carica politica e che, di fatto, li frequentino ancora oggi.

Una rete mondiale di ricchezza e influenza

I diplomati della scuola Young Global Leaders, e prima di loro i Global Leaders for Tomorrow, si trovano in una posizione privilegiata perché hanno accesso alla rete di contatti del WEF. L’attuale Consiglio di Amministrazione del WEF comprende luminari come Christine Lagarde, ex direttore generale del Fondo Monetario Internazionale e attuale presidente della Banca Centrale Europea; la regina Rania di Giordania, classificata da Forbes come una delle 100 donne più potenti del mondo; e Larry Fink, amministratore delegato di BlackRock, la più grande società di gestione degli investimenti a livello internazionale che gestisce circa 9.000 miliardi di dollari all’anno.

Tracciando i legami tra i diplomati della scuola, Wolff sostiene che si può vedere che continuano a fare affidamento l’uno sull’altro per il sostegno alle loro iniziative anche molto tempo dopo aver partecipato ai programmi Global Leaders. Wolff ritiene che molte università d’élite svolgano un ruolo nel processo determinato dal WEF e che non debbano più essere considerate come operanti al di fuori dei campi della politica e dell’economia.

Cita l’esempio della Harvard Business School, che riceve ogni anno milioni di dollari da donatori, e della Harvard School of Public Health, ribattezzata Harvard T. H. Chan School of Public Health dopo aver ricevuto 350 milioni di dollari dal miliardario di Hong Kong Gerald Chan. Lo stesso vale per la Johns Hopkins School of Public Health, diventata Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health dopo che il magnate dei media Michael Bloomberg ha donato alla scuola 1,8 miliardi di dollari nel 2018.

Wolff afferma che l’influenza del WEF va ben oltre coloro che sono passati attraverso i programmi Global Leaders e Global Shapers, tuttavia, il numero di persone che partecipano alle conferenze annuali di Davos è molto più grande di quanto molti sospettino; cita di essere stato informato che circa 1.500 jet privati portano i partecipanti all’evento ogni anno, sovraccaricando gli aeroporti svizzeri.

L’alleanza tra grandi imprese e governi

L’obiettivo principale delle attività del WEF, secondo Wolff, è quello di facilitare e promuovere la cooperazione ad alto livello tra le grandi imprese e i governi nazionali, cosa che stiamo già vedendo accadere. Viviane Fischer, un’altra partecipante al podcast del Comitato Corona, fa notare che l’azienda britannica Serco si occupa del trattamento dei migranti per il governo britannico e gestisce anche le carceri di tutto il mondo, tra le sue molte altre attività.

Anche la portata internazionale dell’industria farmaceutica è notevole: Wolff ricorda che l’ex allievo di Global Leaders Bill Gates, ad esempio, era da tempo in affari con Pfizer, uno dei principali produttori del controverso vaccino anti-Covid a base di mRNA, attraverso le iniziative di salute pubblica della sua Fondazione in Africa, da molto prima dell’inizio della pandemia. Forse non a caso, Gates è diventato uno dei principali sostenitori delle chiusure e dei vaccini Covid da quando sono stati resi disponibili, e il Wall Street Journal ha riferito che la sua Fondazione ha ottenuto circa 200 miliardi di dollari in “benefici sociali” dalla distribuzione dei vaccini prima ancora che la pandemia avesse inizio. Si può solo immaginare a quanto ammontino oggi i suoi profitti sui vaccini.

Anche la tecnologia digitale, ormai onnipervasiva, sta giocando un ruolo di primo piano nei disegni globali dell’élite. Wolff sottolinea che BlackRock, gestita dall’ex allievo di Global Leaders Larry Fink, è attualmente il più grande consulente delle banche centrali mondiali e raccoglie dati sul sistema finanziario mondiale da oltre 30 anni, e senza dubbio ha una comprensione del funzionamento del sistema superiore a quella delle stesse banche centrali. Secondo Wolff, uno degli obiettivi delle attuali politiche perseguite da molti governi è quello di distruggere le attività dei piccoli e medi imprenditori, in modo che le multinazionali con sede negli Stati Uniti e in Cina possano monopolizzare gli affari ovunque. Amazon, che fino a poco tempo fa era guidata dall’ex allievo di Global Leaders Jeff Bezos, in particolare ha ottenuto enormi profitti grazie alle misure di blocco che hanno devastato la classe media.

Wolff sostiene che l’obiettivo finale di questo dominio da parte delle grandi piattaforme è l’introduzione della moneta digitale bancaria. Proprio nei mesi scorsi, l’International Finance Forum cinese, simile al WEF, ha proposto l’introduzione dello yuan digitale, che potrebbe a sua volta essere internazionalizzato dalla rete valutaria basata sulla blockchain Diem. È interessante notare che Diem è il successore di Libra, una criptovaluta annunciata per la prima volta da Facebook di Mark Zuckerberg, il che indica che si sta discutendo di una valuta globale che trascenderà il potere del dollaro o dello yuan e che sarà gestita attraverso la cooperazione di reti commerciali cinesi, europee e americane. Il consiglio di sorveglianza dell’International Finance Forum comprende nomi come Christine Lagarde del WEF, Jean-Claude Trichet, ex presidente della Banca Centrale Europea, e Horst Köhler, ex capo del Fondo Monetario Internazionale.

Wolff spiega inoltre che le chiusure e i successivi salvataggi che si sono verificati in tutto il mondo negli ultimi due anni hanno lasciato molte nazioni sull’orlo della bancarotta. Per evitare una catastrofe economica, i governi del mondo hanno fatto ricorso a 650 miliardi di diritti speciali di prelievo, o DSP, che sono attività supplementari di riserva in valuta estera gestite dal Fondo Monetario Internazionale.

Quando questi ultimi arriveranno a scadenza, gli stessi governi si troveranno in gravi difficoltà, ed è per questo che l’introduzione della moneta digitale è diventata una priorità improvvisa – e questo potrebbe essere stato lo scopo nascosto dei blocchi per tutto il tempo. Wolff afferma che due Paesi europei sono già pronti a iniziare a utilizzare la moneta digitale: Svezia e Svizzera. Forse non a caso, la Svezia non ha avuto praticamente nessuna restrizione di blocco a causa della pandemia, mentre la Svizzera ha adottato solo misure molto leggere.

Wolff ritiene che ciò sia dovuto al fatto che i due Paesi non hanno avuto bisogno di far crollare le loro economie con misure di blocco perché erano già pronti a iniziare a utilizzare la moneta digitale prima dell’inizio della pandemia. Egli sostiene che potrebbe essere in preparazione una nuova serie di blocchi che porteranno alla fine delle economie mondiali, con una disoccupazione di massa e l’introduzione del Reddito di Base Universale e l’uso di una moneta digitale gestita da una banca centrale. Questa moneta potrebbe essere soggetta a restrizioni, sia per quanto riguarda i beni per i quali gli individui possono spenderla, sia per quanto riguarda l’arco di tempo in cui è possibile spenderla.

Inoltre, Wolff indica che l’inflazione che si sta registrando in tutto il mondo è una conseguenza inevitabile del fatto che i governi nazionali, dopo aver ottenuto prestiti dalle banche centrali, hanno immesso circa 20.000 miliardi di dollari nell’economia globale in meno di due anni. Mentre i precedenti salvataggi erano stati indirizzati ai mercati, quest’ultima tornata è stata destinata alla gente comune e, di conseguenza, sta facendo aumentare i prezzi dei prodotti per i quali la gente comune spende il proprio denaro, come il cibo.

La democrazia è stata cancellata

La conclusione finale che si deve trarre da tutto questo, secondo Wolff, è che la democrazia come la conoscevamo è stata silenziosamente cancellata e che, sebbene l’apparenza dei processi democratici sia mantenuta nei nostri Paesi, il fatto è che un esame di come funziona la governance nel mondo oggi mostra che un’élite di individui super ricchi e potenti controlla effettivamente tutto ciò che accade in politica, come è stato particolarmente evidente in relazione alla risposta alla pandemia.

Il modo migliore per combattere i loro disegni, sostiene Wolff, è semplicemente quello di educare le persone su ciò che sta accadendo, e far sì che si rendano conto che la narrazione del “virus super-pericoloso” è una menzogna che è stata progettata per manipolarli ad accettare cose che vanno contro i loro interessi. Se anche solo il 10% dei cittadini comuni ne prendesse coscienza e decidesse di agire, potrebbe vanificare i piani dell’élite e forse aprire uno spiraglio affinché i cittadini comuni riprendano il controllo del proprio destino.

Elenco dei giovani leader globali (2005-2011) & Aggiornamento qui (scaricatelo e conservatelo non sempre è accessibile)

Tutti coloro che figurano in queste liste dovrebbero essere considerati come possibili sospetti di collaborazione al più grande crimine mai commesso e dovrebbero essere esaminati di conseguenza.

Fonte: DeepWeb & Foto Maria Petroff

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code