toba60

Uno Studio Islandese Suggerisce che i Lavoratori del Governo non sono Necessari

Navigando nella rete si trovano in questi momenti tanto conflittuali e controversi, delle notizie le quali ci fanno ricordare che la vita in sostanza è una continua fase in cui si sono delle problematiche che se solo venissero affrontate con un po di quello che si si chiama buon senso, probabilmente la smetteremmo di consultare ogni santo secondo Dio Google e Madre Facebook, che ci da tutte le dritte necessarie per arrivare dove siamo ora.

Il testo è anche ironico e divertente fermo restando che chi lo ha scritto e’ un redattore facente parte di una delle più spudorate testate giornalistiche economiche del capitalismo statunitense e l’esito dello studio lo vedrete proprio non gli va giù 🙂

Toba60

Studio Islandese

La menzogna può fare il giro del mondo più velocemente della verità, secondo l’adagio apocrifo collegato a Mark Twain o Winston Churchill (o Jonathan Swift).

Reykjavík

Uno di questi tipi di menzogna, o almeno di offuscamento, è quello che io chiamo “notizie progressive pop” – pezzi di notizie, di solito studi quasi accademici o prove aneddotiche avvincenti, che servono a confermare i pregiudizi a lungo sostenuti dai progressisti.

Spesso hanno a che fare con notizie ambientali (pensate all’Artico, o allo scioglimento dei ghiacciai), ma possono essere qualsiasi cosa, dalle meraviglie dell’uguaglianza razziale o dei consigli di amministrazione di genere diverso al successo delle leggi sul salario minimo. Nel caso della scorsa settimana, i nostri amati progressisti hanno trovato problemi con la natura del lavoro stesso e le malvagie corporazioni che ci fanno lavorare troppo, per una paga troppo bassa.

Dovremmo quindi lavorare meno, per la stessa paga (noto anche come aumento).

Due prove di settimane lavorative accorciate in Islanda tra il 2015 e il 2019 sono arrivate a un risultato sorprendentemente positivo, ha suggerito la ONG britannica e una islandese di parte che hanno scritto il rapporto. (Non volendo partecipare a questa loro campagna di PR, mi astengo dall’indicare i loro nomi o dal linkare i loro siti web. Si presume che i lettori interessati siano competenti nell’arte di cercare su Google).

Seguendo “le richieste di lunga data delle organizzazioni di base e dei sindacati”, gli attivisti hanno convinto la città di Reykjavík a iniziare le prove con 66 persone in uffici selezionati, misurando le prestazioni rispetto a un controllo. La settimana lavorativa doveva essere ridotta di 1, 2 o 3 ore a settimana, con una retribuzione mantenuta.

Dopo un po’ di politica e un “successo iniziale”, la prova è esplosa a 2.500 dipendenti a tutti i livelli dello stato islandese, con dipartimenti e uffici interessati che si sono auto-selezionati per partecipare. Ogni nozione di controllo è scomparsa.

Tutti i dipendenti coinvolti erano funzionari governativi, dai servizi di importanza critica come la Biblioteca e il Museo della città, ai servizi di parcheggio e ai curatori del giardino botanico (sì, davvero). Tra quelli con la maggiore riduzione del lavoro, 4 ore a settimana, troviamo il dipartimento di polizia di Westfjord (che recentemente ha fatto notizia per aver inseguito le voci di un orso polare vagante) una remota area montuosa di 7.000 abitanti e un totale di 22 agenti.

I risultati sono stati apparentemente stupefacenti, con molti commenti positivi da parte dei partecipanti e nessun calo evidente in nessun servizio. La BBC ha riferito che la “settimana di quattro giorni” è stata un “successo travolgente”, e HuffPo e CNBC hanno fatto eco agli stessi sentimenti. Coprendo l’1% della forza lavoro islandese, il grandioso schema era stato esteso fino a coprire forse l’86% dei dipendenti, ci è stato fatto credere. (Sotto le mani non troppo attente di Chris Weller di Business Insider, è diventato l’86% “ora si sta muovendo per ridurre le ore”). Bloomberg l’ha riportato; l’Independent ha pubblicato citazioni politiche speranzose di uno dei “direttori della ricerca” del think tank; e i notiziari e le trasmissioni radiofoniche nordiche ne erano pieni.

E sì, con “esso” intendo anche le balle. Come in tutte le notizie progressive pop, le affermazioni sono molto sospette e il controllo giornalistico non si trova più da nessuna parte.

Cominciamo con le organizzazioni che non nominerò: quella britannica si descrive apertamente come concentrata “sul futuro del lavoro e sulla pianificazione economica”, come se cercare di pianificare l’economia fosse una grande impresa di cui vantarsi. La loro controparte islandese è una tipica iniziativa su piccola scala, da corsa, la politica è corrotta, che chiede una democrazia estrema sull’economia, corporazioni gestite dai dipendenti, e il potere restituito al popolo dai “piccoli e potenti gruppi” che ora presumibilmente controllano tutto.

Grandioso. Questa è la versione progressista del permettere alla Westboro Baptist Church di testimoniare sui problemi di salute mentale nella comunità LGBT, o di avere un portavoce dell’ISIS che si occupa della politica estera degli Stati Uniti.

Poi, alcune delle affermazioni oltraggiose. Il processo non prevedeva una settimana lavorativa di 4 giorni, e se sia stato un grande successo lo lascio decidere al lettore. A seconda degli uffici coinvolti, alcuni davano flessibilità di orario extra, altri facevano sovrapporre le settimane corte a quelle lunghe (con alternanza di orari più brevi e venerdì pomeriggio libero).

La maggior parte degli uffici ha ridotto le settimane lavorative di una misera 1 o 2 ore, e attraverso i guerrieri da tastiera attivisti della BBC o dell’HuffPo, questo è diventato una “settimana lavorativa di quattro giorni” – presumibilmente perché le organizzazioni dietro lo studio hanno esplicitamente considerato questo un obiettivo politico.

Altri commenti stravaganti includevano Yahoo Finance, secondo il quale i lavoratori apparentemente avevano tre giorni extra di riposo ogni settimana.

Per la prova iniziale di 66 persone, c’erano apparentemente alcuni gruppi di controllo coinvolti. Poi il “successo” iniziale ha giustificato un gruppo molto più grande, raggiungendo la sensazionale cifra dell'”1,3% della forza lavoro” su cui sono saltati i giornali internazionali. Da qualche parte tra la pomposa descrizione e l'”analisi”, i gruppi di controllo sono scomparsi, probabilmente unendosi alla gloria generale della ricerca di rendita.

Le metriche superficiali usate per ogni ufficio per misurare le loro prestazioni durante le prove erano abbastanza vaghe da includere le attività dell’intero dipartimento (permessi rilasciati, violazioni del traffico scritte, casi di immigrazione chiusi, e tempi medi di attesa) ed essere influenzate da varianze molto più grandi di quello che un lavoro di poche ore garantirebbe.

Relegate alla fine del rapporto, le comparazioni quantitative giustapponevano le prestazioni prima del processo con quelle dopo, indicando ripetutamente che non si potevano discernere effetti negativi. (Che senso avevano i gruppi di controllo se si voleva fare solo uno studio osservazionale?).

Reykjavík

Per fortuna, sembrava che gli agenti di polizia di Westfjord potessero scrivere tante multe per eccesso di velocità quante ne avevano fatte prima della sperimentazione e persino chiudere più casi l’anno dopo l’inizio della sperimentazione che nei due anni precedenti. Evviva!

La maggior parte dei comunicati stampa, forse nella loro ansia di diffondere il vangelo progressista, hanno giocato in fretta e furia con i numeri. Alcuni si sono concentrati sull’1% della forza lavoro che, sebbene approssimativamente vero, è altamente fuorviante per un paese la cui popolazione è appena inferiore a 370.000.

Altri aggregavano in modo sospetto tutti coloro che erano passati a settimane lavorative più brevi con tutti coloro che “hanno ottenuto il diritto di ridurre le loro ore di lavoro”, e quelli che “presto potrebbero ottenere questo diritto” attraverso i negoziati sindacali in corso. Sorprendentemente, tale aritmetica inclusiva ha prodotto l’86% della forza lavoro.

Nelle mani giornalistiche del tutto incompetenti di Annie Nova alla CNBC, questa magia aritmetica è diventata una certezza: lei cita Jack Kellam, ricercatore della ONG britannica, dicendo: “Tuttavia, anche se l’Islanda è un’economia nazionale relativamente piccola, l’86% della popolazione ha fatto il passaggio”.

Per ricapitolare la traiettoria ridicola nei media progressisti del mondo negli ultimi giorni, siamo passati dall’1% della forza lavoro in prova per un orario di lavoro più breve, all’86% della forza lavoro potenzialmente coperta da accordi sindacali che potrebbe presto, forse, potenzialmente lavorare per un orario più breve, all’86% della popolazione che ha già fatto il passaggio a una settimana lavorativa di 4 giorni. Accidenti, quanto velocemente le bugie possono crescere, moltiplicarsi ed espandersi in tutto il mondo.

Un’azienda del settore privato, che non fa parte del processo, è stata costretta dal suo sindacato nel 2020 ad accorciare le settimane lavorative di ben 35 minuti. Roba esplosiva, lo so (Il rapporto non rivela ulteriori risultati da quel datore di lavoro).

E per il più grande cluster-f- di tutti: questi sono tutti dipendenti pubblici. Funzionari pubblici. Dipendenti pubblici. Il tipo che spinge la carta per vivere, quando non è impegnato a infastidire il resto di noi con il nulla burocratico. Il rapporto affermava che

“Per essere in grado di lavorare di meno fornendo lo stesso livello di servizio, è stato necessario attuare dei cambiamenti nell’organizzazione del lavoro. Più comunemente, questo è stato fatto ripensando il modo in cui i compiti sono stati completati: accorciando le riunioni, tagliando i compiti non necessari, e le disposizioni dei turni.”

Se non altro, la storia suggerisce che i dipendenti pubblici che lavorano meno non causano alcun danno identificabile alla società.

Buttatemi giù con una piuma: Volete dire che gli impiegati governativi, i maestri dello spingere carta inutile, in servizi governativi del tutto inessenziali, potrebbero lavorare di meno e nulla sembra essere successo al loro “output” già discutibilmente misurato?

Le interviste ai dipendenti selezionati sono state del tutto positive – sorpresa, sorpresa – con un sacco di citazioni succose su più tempo per la famiglia e il benessere mentale. Beh, perché non dovreste, se avete bisogno di frequentare il vostro piacevole e improduttivo lavoro governativo per qualche ora in meno ogni settimana, senza tagli al vostro reddito?

Reykjavík

Snark a parte, non credo che nessuno si opponga alla rimozione di “compiti inutili” o alla “riduzione delle riunioni” – dentro o fuori dal governo. La questione rilevante è, naturalmente, quanto questo abbia a che fare con la lunghezza della settimana lavorativa piuttosto che con la natura del lavoro del governo.

Posso essere così audace da suggerire un’estensione a questo processo eccitante?

Facciamo le cose in grande, e riduciamo del 50% la durata della settimana lavorativa; poi possiamo gradualmente passare a zero ore lavorate. All’inizio, sarei felice di mantenere questi funzionari a stipendio pieno, solo per farli uscire dai loro uffici, prima di eliminare gradualmente anche il loro stipendio.

Sì, solleviamoli del tutto dalle loro controproducenti mansioni lavorative. È probabile che troveremo molti più compiti “non necessari“, molti più “servizi” che non fanno nulla se non infastidire il pubblico, e molti funzionari pubblici che creano lavoro per se stessi piuttosto che valore per i loro cittadini.

In un terribile “studio”, l’Islanda ha dimostrato che possiamo ridurre le ore di lavoro dei funzionari pubblici senza alcun risultato negativo significativo per la società.

Scioccante, lo so.

Joakim Book

Fonte: aier.org

SOTTOSCRIVI UN  PIANO DI ABBONAMENTO MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment riduce notevolmente le nostre entrate . Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con un abbonamento mensile.





Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code