toba60

USA Dati Vaers Aggiornati Agosto 2021: 13.000 Decessi, Quasi 600.000 Eventi Avversi Segnalati Dopo i Vaccini COVID

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Non preoccupatevi, non e’ un bollettino di guerra, ma solo il frutto del lavoro con cui l’establischment si sta dando tanto da fare per salvaguardare la nostra vita, ce la stanno mettendo tutta e dai risultati direi che stanno riuscendo nell’impresa titanica di porre termine in via definitiva a tutte le nostre sofferenze……..non era esattamente quello che noi pensavamo…

ma a a quanto pare alla maggioranza della gente sta bene così

Toba60

USA DATI VAERS AGGIORNATI AGOSTO 2021

I dati diffusi oggi dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno mostrato che tra il 14 dicembre 2020 e il 13 agosto 2021, un totale di sono 595.622 eventi avversi totali stati segnalati al VAERS , inclusi 13.068 decessi , un aumento di 702 rispetto la settimana precedente.

Ci sono state 81.050 segnalazioni di lesioni gravi , inclusi decessi, durante lo stesso periodo di tempo – 10.945 in più rispetto alla settimana precedente.

Escludendo irapporti esteri ” presentati al VAERS, 464.769 eventi avversi , inclusi 6.018 decessi 6.018 decessi e 37.806 feriti gravi. Dei negli Stati Uniti sono stati segnalati segnalati negli Stati Uniti al 13 agosto, il 13% si è verificato entro 24 ore dalla vaccinazione, il 19% si è verificato entro 48 ore dalla vaccinazione e il 33% si è verificato in persone che hanno manifestato l’insorgenza dei sintomi entro 48 ore dalla vaccinazione.

Negli Stati Uniti, al 13 agosto sono state somministrate 354,5 milioni di dosi di vaccino COVID. Ciò include : 141 milioni di dosi del vaccino di Moderna , 199 milioni di dosi di Pfizer e 14 milioni di dosi del di Johnson & Johnson vaccino COVID (J&J).

I dati provengono direttamente dalle segnalazioni inviate al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS), il principale sistema finanziato dal governo per la segnalazione delle reazioni avverse ai vaccini negli Stati Uniti

Ogni venerdì, il VAERS rende pubbliche tutte le segnalazioni di lesioni da vaccino ricevute in una data specificata, di solito circa una settimana prima della data di rilascio. Le segnalazioni presentate al VAERS richiedono ulteriori indagini prima di poter confermare una relazione causale. ORDINA OGGI: il nuovo libro di Robert F. Kennedy, Jr. — ‘The Real Anthony Fauci’

I dati statunitensi di questa settimana per i ragazzi dai 12 ai 17 anni mostrano:

17.025 eventi avversi totali, inclusi 1.018 classificati come gravi e 18 decessi segnalati . Due dei diciotto morti erano suicidi.

I decessi riportati più recenti includono un ragazzo di 15 anni (VAERS ID 1498080 ) che in precedenza aveva COVID, è stato diagnosticato una cardiomiopatia nel maggio 2021 ed è morto quattro giorni dopo aver ricevuto la sua seconda dose di vaccino di Pfizer il 18 giugno, quando è collassato su il campo di calcio ed è andato in tachicardia ventricolare; e una ragazza di 13 anni (VAERS ID 1 505250 problemi ) che è morta dopo aver sofferto di cardiaci dopo aver ricevuto la sua prima dose di Pfizer.

Altri decessi includono due ragazzi di 13 anni (ID VAERS 1406840 e 1431289 ) morti due giorni dopo aver ricevuto un vaccino Pfizer, un ragazzo di 13 anni morto dopo aver ricevuto Moderna (ID VAERS 1463061 ), tre anziani (VAERS ID 1187918 , 1382906 e 1242573 ), cinque di 16 anni (VAERS ID 1420630 , 1466009 , 1225942 , 1475434 e 1386841 ) e tre diciassettenni (VAERS ID 1199455 , 1388042 e 1420762 ).

2.525 segnalazioni di anafilassi tra i 12 ei 17 anni con il 99% dei casi
attribuito al
vaccino di Pfizer .

432 segnalazioni di miocardite e pericardite (infiammazione del cuore) con 426 casi attribuiti al vaccino di Pfizer.

86 segnalazioni di disturbi della coagulazione del sangue, con tutti i casi attribuiti a Pfizer.

I dati totali US VAERS di questa settimana, dal 14 dicembre 2020 al 13 agosto 2021, per tutte le fasce d’età messe insieme, mostrano:

Il 21% dei decessi era correlato a disturbi cardiaci.

Il 54% dei deceduti era di sesso maschile, il 43% di sesso femminile e le restanti segnalazioni di morte non includevano il sesso del defunto.

L’ età media della morte era di 73,1.

Al 13 agosto, 2.947 donne in gravidanza hanno riportato eventi avversi correlati ai vaccini COVID, incluse 960 segnalazioni di aborto spontaneo o parto prematuro .

Dei 2.607 casi di paralisi di Bell segnalati, il 50% è stato attribuito alle Pfizer vaccinazioni , il 43% a Moderna e il 7% a J&J .

522 segnalazioni di sindrome Guillain-Barré , con il 40% dei casi attribuiti a Pfizer , il 34% a Moderna e il 25% a J&J .

126.905 segnalazioni di anafilassi con il 44% dei casi attribuiti al vaccino di Pfizer , il 47% a Moderna e l’8% a J&J .

8.396 segnalazioni di disturbi della coagulazione del sangue. Di questi, 3.586 segnalazioni sono state attribuite a Pfizer, 3.510 segnalazioni a Moderna e 1.695 segnalazioni a J&J.

3.033 casi di miocardite e pericardite con 1.335 casi attribuiti a Pfizer, 703 casi a Moderna e 78 casi al vaccino COVID di J&J.

Richiami in arrivo per la maggior parte degli americani 8 mesi dopo la seconda dose

L’amministrazione Biden ha deciso che la maggior parte degli americani dovrebbe ottenere una dose di richiamo del vaccino COVID otto mesi dopo aver ricevuto la seconda dose, nonostante il consenso tra gli esperti di salute degli Stati Uniti il mese scorso non ci fossero abbastanza dati per raccomandare richiami per la popolazione generale.

“Sulla base della nostra ultima valutazione, l’attuale protezione contro le malattie gravi, l’ospedalizzazione e la morte potrebbe diminuire nei mesi a venire”, (Stiamo parlando di un Vaccino?) hanno detto mercoledì i funzionari, guidati dalla dottoressa Rochelle Walensky, direttrice del CDC, e dalla dottoressa Janet Woodcock, commissario ad interim della U.S. Food and Drug Administration.

Il piano è ancora soggetto all’approvazione della FDA e del comitato consultivo dei vaccini del CDC, ma i funzionari dicono di essere pronti a iniziare il lancio dei richiami a partire dalla settimana del 20 settembre.

Tuttavia, il CDC ha rimandato di una settimana la riunione di un gruppo di consulenti esterni che dovevano rivedere i richiami COVID mentre il dibattito si scalda sulla necessità di una terza dose, secondo Bloomberg.

Il comitato consultivo del CDC per le pratiche di immunizzazione, era previsto per incontrarsi e possibilmente fare una raccomandazione sulla necessità dei richiami il 24 agosto, ma ora è impostato per riunirsi in due giorni a partire dal 30 agosto.

I primi richiami andranno probabilmente ai residenti delle case di cura, agli operatori sanitari e agli operatori di emergenza, seguiti da persone anziane che erano vicine alla prima linea quando le vaccinazioni sono iniziate alla fine dello scorso anno e poi alla popolazione generale.

I funzionari federali della sanità stanno aspettando altri dati prima di offrire una guida per i destinatari del vaccino J&J. Tuttavia, i funzionari si aspettano che sia necessario anche un richiamo.

Gli studi del CDC mostrano che la protezione del vaccino diminuisce nel tempo

Tre studi rilasciati mercoledì dal CDC confermano che l’efficacia del vaccino COVID contro le infezioni è diminuita nel tempo, ed è meno efficace nel combattere la variante Delta.

Uno studio ha valutato l’efficacia di Pfizer e Moderna nel tempo contro le infezioni tra i residenti delle case di cura, e ha scoperto che è scesa dal 75% pre-Delta al 53% quando Delta è diventato dominante. Lo studio non ha differenziato tra infezioni asintomatiche, sintomatiche e gravi.

Un altro studio ha utilizzato i dati di 21 ospedali per stimare l‘efficacia dei vaccini mRNA di Pfizer e Moderna contro l’ospedalizzazione nel tempo. Tra 1.129 pazienti che hanno ricevuto due dosi di un vaccino mRNA, l’efficacia del vaccino era dell’86% da 2 a 12 settimane dopo la vaccinazione e dell’84% da 13 a 24 settimane.

Il terzo studio, utilizzando i dati dello stato di New York, ha trovato che l’efficacia di tutti e tre i vaccini contro l’infezione è scesa dal 92% all’inizio di maggio all’80% alla fine di luglio, ma l’efficacia contro l’ospedalizzazione è rimasta relativamente stabile.

I dati dei tre rapporti nel rapporto settimanale di morbilità e mortalità del CDC, hanno contribuito a convincere l’amministrazione Biden a raccomandare i richiami alle persone otto mesi dopo aver ricevuto la seconda dose, nonostante non siano stati completati studi clinici in fase avanzata per valutare la sicurezza, l’efficacia e l’immunogenicità di una terza dose.

Lo studio di Oxford mostra che i vaccinati sono altrettanto contagiosi dei non vaccinati

Come The Defender ha riferito giovedì, uno studio di salute pubblica britannico rilasciato il 16 agosto, indica che le persone vaccinate con infezioni “breakthrough” potrebbero rappresentare un rischio significativo di infezione per coloro che non sono stati vaccinati.

Uno studio dell’Università di Oxford ha scoperto che le persone che contraggono la variante Delta dopo essere state completamente vaccinate portano una quantità di virus simile a quella di coloro che prendono la malattia e non sono stati vaccinati.

Lo studio ha anche scoperto che la protezione era maggiore in coloro che erano stati vaccinati e che avevano già un’immunità naturale attraverso un’infezione precedente.

Basandosi su più di 3 milioni di tamponi di naso e gola, i ricercatori dell’Università di Oxford hanno scoperto che 90 giorni dopo una seconda iniezione del vaccino Pfizer o Astrazeneca, l’efficacia nel prevenire le infezioni era scivolata al 75% e 61% rispettivamente.

Questi risultati sono scesi dall’85% e 68%, rispettivamente, visti due settimane dopo una seconda dose, con il declino dell’efficacia più pronunciato tra quelli di 35 anni e più vecchi.

Lo studio ha anche mostrato che dopo due dosi del vaccino Pfizer, l’efficacia era almeno pari alla protezione offerta dall’infezione naturale con una maggiore efficacia iniziale contro i nuovi PCR-positivi, ma declini più rapidi nella protezione contro l’alto carico virale e l’infezione sintomatica.

I ricercatori hanno detto che non c’erano prove che l’efficacia variasse in base all’intervallo di dosaggio, ma la protezione era più alta tra i vaccinati che avevano già l’immunità naturale.

L’indagine, che deve ancora essere sottoposta a peer-review prima della pubblicazione in una rivista scientifica, sottolinea le preoccupazioni degli scienziati che la variante Delta può infettare le persone completamente vaccinate a un tasso maggiore rispetto alle varianti precedenti, e che i vaccinati potrebbero trasmetterla più facilmente.

CHD fa causa a Rutgers per il mandato del vaccino COVID

La Children’s Health Defense (CHD) insieme a 18 studenti lunedì ha presentato una causa in una corte federale contro la Rutgers University, il suo consiglio di amministrazione, il presidente della Rutgers Jonathan Holloway e altri sulla decisione dell’università di imporre i vaccini COVID agli studenti che frequenteranno la scuola in autunno.

La causa afferma che in una società libera, “tutte le persone hanno il diritto di decidere il proprio trattamento medico specialmente di decidere cosa iniettare nel proprio corpo. E ogni persona ha il diritto di prendere questa decisione volontariamente, senza coercizione da parte di nessuno, e di essere pienamente informato dei benefici e soprattutto dei rischi di questa decisione”.

La causa sostiene che la politica della Rutgers è una violazione del diritto al consenso informato e il diritto di rifiutare trattamenti medici indesiderati.

La denuncia sostiene anche che la politica è una violazione del contratto perché nel gennaio 2021, l’università ha assicurato agli studenti che i vaccini COVID non sarebbero stati richiesti per frequentare la scuola. Solo due mesi dopo, la Rutgers ha fatto marcia indietro e ha emesso nuovi requisiti per prendere il vaccino prima di frequentare le lezioni.

Secondo i querelanti, la Rutgers sta lavorando con tutti e tre i produttori – Pfizer, Moderna e J&J – per studiare e sviluppare i loro vaccini in studi clinici in corso, e beneficerà finanziariamente se più persone sono tenute a prendere le iniezioni che, fino alla licenza completa della FDA, sono definite dalla FDA come sperimentali.

Il requisito della Rutgers costituisce anche una negazione dell’uguale protezione, poiché l’amministrazione, la facoltà e il personale non sono tenuti a prendere il vaccino. È anche in conflitto con le leggi federali e statali, dato che nessuno dei due ha emanato una legislazione che richiede i vaccini COVID per i cittadini.


165 giorni e passa, il CDC ignora le richieste di The Defender

Secondo il sito web del CDC, “il CDC segue ogni rapporto di morte per richiedere ulteriori informazioni e saperne di più su ciò che è accaduto e per determinare se la morte è stata un risultato del vaccino o non correlato”.

L’8 marzo, The Defender ha contattato il CDC con una lista scritta di domande sui decessi e le lesioni segnalati relativi ai vaccini COVID. Abbiamo fatto ripetuti tentativi, per telefono ed e-mail, per ottenere una risposta alle nostre domande.

Nonostante le molteplici comunicazioni telefoniche ed e-mail con molte persone al CDC, e nonostante ci sia stato detto che la nostra richiesta era nel sistema e che qualcuno avrebbe risposto, non abbiamo ancora ricevuto risposte a nessuna delle domande che abbiamo presentato. Sono passati 165 giorni da quando abbiamo inviato la nostra prima e-mail al CDC chiedendo informazioni.

Megan Redshaw

Fonte: childrenshealthdefense.org

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code