toba60

Utilizzi Google? Prima di Farlo Istruisciti bene ma non Partendo da la

Un tempo la cultura si acquisiva attraverso i libri e la conoscenza veniva tramandata di generazione in generazione attraverso un interazione verbale tra gli individui.

Oggi c’è Internet e Google è l’intermediario che stabilisce quello che si può o meno sapere, come sono cambiati i tempi, da un mondo dove la lettura apriva le menti e le coscienze degli uomini a quella attuale dove un amplificazione infinita di tutto lo scibile, ha limitato oltre l’immaginario ogni sviluppo intellettuale e autonomo degli uomini.

Grazie Google, un servizio peggiore non potevi offrire al genere umano, detto tra noi, per me sei sempre un grande idiota e te lo dico da profondo del mio cuore, vedi, tu sai molte cose, ma io riesco a fare quello che tu neanche lontanamente puoi anche solo immaginare……..vuoi sapere cosa? ……te lo dico subito.

Mandarti AFFAN……………

Toba60

Il potere di Google

Google ha assunto l’onere di “verificare Internet” per aiutare presumibilmente gli utenti in un flusso di informazioni. Il colosso del monopolio dell’informazione intende classificare i risultati della ricerca in base a un “punteggio di verità” e non in base alla loro popolarità.

In generale, il motore di ricerca monopolio si basa su un sistema che ordina i siti in base al numero di link in entrata, il che significa che anche le informazioni “false” (ovvero verità non sistemiche, vaccini, cancro, irrorazione aerea, 5G, ecc. False le abominazioni sono ovvie) se lette, possono essere trovate relativamente in alto nella catena infinita di risultati di ricerca … e questo, ovviamente, non è accettabile per Big Pharma .

Google ha deciso che è meglio misurare l’affidabilità (sic) che la reputazione di un sito e, come rivelato nella rivista scientifica New Scientist, “ogni sito avrà una valutazione di fiducia basata sulla conoscenza basata sul numero di dati errati che verranno trovati su ogni sito “. Il punteggio si baserà su un software chiamato Knowledge Vault .

Si stima che lo stock di dati di Google superi gli 8 miliardi di informazioni raccolte da Internet. Quegli elementi ritenuti affidabili verranno considerati “ragionevolmente veri” mentre i siti con informazioni contrastanti verranno inseriti più in basso nelle classifiche, fino a perdersi inevitabilmente nel cestino dell’oblio digitale.

Questo è ciò che credono i Sapienti !!!

Questo avviene in un momento in cui gli sviluppatori stanno cercando di trovare modi per controllare tutti i tipi di contenuti web, inclusa la posta elettronica, applicazioni come Lazy Truth (un’estensione del browser progettata per eliminare le catene false intorno a Internet) o Emerget, un progetto del Center for Digital Giornalismo alla Columbia University di New York, che trova voci su vari siti e poi le conferma o le smentisce, citando altre fonti. Matt Stempeck, sviluppatore LazyTruth, afferma che tali strumenti online sono utili, sebbene sia molto difficile contestare dati errati. “Come fa Google a correggere le incomprensioni delle persone?” sottolinea Matt Stempeck.

Ovviamente non ci dice ciò che considera come “incomprensioni”, diciamo ad es. per il cancro e per le centinaia di modi per curarlo o prevenirlo, cosa che la medicina autoritaria nega. Milioni di persone vengono curate o non si ammalano affatto seguendo modi naturali (cibo vivo, erbe aromatiche, esercizio fisico, danza, ecc.) Ma la medicina autoritaria non è stata toccata dai vaccini prebellici. Sono quindi tenuti a prenderli sul serio, (sic) quando vendono vaccini a base di alluminio e formaldeide. La medicina è utile, ma la medicina autoritaria è dannosa.

Aggiungete quelli che li bruciano di più, vaccini, orgoniti, rimedi naturali, rifiuti trattati con il cibo, politica di immigrazione illegale (il violento insediamento dell’Europa con corpi stranieri e stranieri), irrorazione aerea, 5G, UFO, guerra elettromagnetica, potere economico, che non si adattano alla narrativa autoritaria … in breve, qualsiasi narrazione che non si adatta al potere, al controllo e alla repressione dell’animale umano, è battezzata come bufala, fake news, disinformazione e varie simili sciocchezze manipolatrici e distorte del computer. Ebbene, naturalmente, l’animale umano divora i centri di propaganda delle autorità. Tranne che ci sono molti esseri umani che comunicano attraverso Internet e rovinano la narrazione del potere e, cosa più importante … fede e obbedienza ad esso !!!

Come per le percezioni distorte della società, credere nel potere è semplice, attraente e completamente sbagliato. È semplicistico e sciocco allo stesso tempo pensare che tutto andrà bene se lasciano soli i governanti a funzionare come desiderano. Inoltre, questa idea è allettante. Non hai bisogno di pianificare o formarti un’opinione, né la tua mente ha nemmeno bisogno di lavorare, poiché tutte le informazioni e le statistiche che il potere ti dà fanno il lavoro (del potere). Ma è anche sbagliato, poiché né la natura umana stessa, né i moderni sacerdozi di alcun tipo, funzionano come presumono gli amministratori ignoranti. Hai bisogno di una mente funzionale (discernimento e osservazione dell’ovvio) per percepire la conoscenza che Internet fornisce in modo ricco. 

Consentitemi anche di dare la definizione di cosa significano le informazioni importanti:

Importante è l’informazione filoveritiere, naturale, a livello etereo o mentale.
Insignificanti sono le informazioni antiveritiere naturali, a livello etereo o mentale.

Ti sta facendo del bene? L’intero pianeta dice che hai torto, non ti interessa.
Ti sta facendo del male? L’intero pianeta dice che hai torto, non ti interessa.

Tutto ciò che serve è una mente allenata e DISCREZIONE.

Così hanno preparato i mastini, “contatori di onestà e affidabilità” di un sito web, che sono già implementati da Google, provengono da conti statali e sono portavoce della propaganda dei media. La rapida ascesa di media alternativi e non sistemici è stata direttamente collegata (per volere delle autorità e con una propaganda intensa e persistente) a disinformazione e bugie sfacciate manipolate da troll e provenienti da queste istituzioni mediatiche sistemiche. Il potere trema quando non si identifica con il proprio e farà tutto il possibile per fermarlo.

Nel suo libro The Filtering Bubble , Eli Parizer si chiede in che misura l’algoritmo di Google abbia utilizzato i nostri dati personali per modellare ciò che vediamo su Internet in base alle nostre preferenze personali. Nel frattempo, uno studio condotto da psicologi della Columbia University suggerisce che le persone stanno gradualmente cambiando il modo in cui pensano poiché aumenta la loro facile dipendenza dai motori di ricerca per trovare risposte. La convenienza uccide la verità.

“Dalla creazione dei motori di ricerca, abbiamo riorganizzato il modo in cui ricordiamo. Il nostro cervello basa la sua memoria su Internet nello stesso modo in cui si basa sulla memoria di un amico, parente o collega. “Con il passare del tempo, sappiamo dove possiamo trovare le informazioni di quanto possiamo tenerle per noi”, afferma l’autrice Betsy Sparrow. Nei mercati azionari, anche il codice domina mentre cerchi di controllare gli algoritmi che calcolano e decidono (invece di pensare) cosa comprare e cosa no. I codici regolano ciò che il governo chiama “mercati” e non l’economia umana. Il denaro è intangibile e tra poco decideranno solo gli algoritmi e non il tuo lavoro, chi avrà soldi e quanto ne avrà.

Certo, Google è già entrato nel campo della “verifica della verità” e non dovrebbe essere molto efficace, a giudicare dall’impatto molto negativo che ha avuto sul ranking dei siti piratati con un recente cambiamento nell’algoritmo del motore di ricerca dell’azienda. Non che impedisse a questi siti di esistere o di non riuscire a trovarli !!!!

In caso di dubbi, quali criteri utilizzerà Google per decidere quali dati sono falsi e quali no.

Dai, è facile … con i suoi criteri servono la narrativa di ogni potere (LOL) e tutto ciò che non corrisponde al potere è chiamato bufala, fake news e tutti questi pappagalli. Ma il clero autoritario di ” Mystery Babylon” ha sempre usato questo metodo.

Google non è solo un motore di ricerca. La ricerca era chiaramente il fondamento dell’azienda, ma quello era solo l’inizio. Alphabet, la società madre di Google, ha attualmente la più grande concentrazione di esperti di intelligenza artificiale del pianeta. Si estende ai settori della salute, dei trasporti, dell’energia. Ha il potenziale per attirare i migliori scienziati informatici, fisici e ingegneri da tutto il mondo. Ha acquistato centinaia di start-up, tra cui Calico, che secondo lui ha il compito di “curare la morte”, e DeepMind, che mira a “risolvere il problema dell’intelligence”.

Vent’anni fa non esisteva nemmeno, quando Tony Blair fu eletto Primo Ministro era impossibile cercarlo su Google, il motore di ricerca non era ancora stato scoperto. L’azienda è stata fondata solo nel 1998 e Facebook non è apparso fino al 2004. I fondatori di Google, Sergey Brin e Larry Page hanno solo quaranta anni. Mark Zuckerberg di Facebook ha più di trent’anni. Tutto ciò che hanno realizzato, il mondo virtuale che hanno creato, è diventato senza tempo, in un batter d’occhio.

Le conseguenze in termini di forza e portata di queste società monopolistiche stanno appena entrando nella percezione uomo-animale. Il recente clamore per le fake news su Facebook non ha destato allarme tra gli utenti ipnotizzati sul rischio di cedere i propri dati e diritti alle aziende. L’utente ignorante e stupido dice: “Wow, Facebook e Google hanno davvero molto potere” come se fosse una grande scoperta. Lentamente accede il nuovo grande fratello.

Non ti accorgi che la pagina che stai navigando su Facebook, la pagina su Google, gli annunci che stai guardando, i risultati che stai utilizzando nei motori di ricerca, sono tutti personalizzati. Non lo vedi perché non hai niente con cui confrontarlo.

Nessuno lo controlla o lo registra. Nessuno lo controlla.

Sei all’interno di una macchina e non puoi vedere il sistema di controllo della potenza.

Non ti accorgi nemmeno che esiste un sistema di controllo autoritario.

Vivi nella MATRIX e Smith sta giocando con te, piccolo uomo.

Gli utenti ignoranti pensano a Internet come all’aria che respirano o all’acqua che bevono. Ci circonda. Lo usiamo e in nessun caso lo contestiamo. Ma questo non è un paesaggio naturale, non è né l’aria né l’acqua che beviamo. Sviluppatori e dirigenti aziendali, editori e designer compongono i creatori di questo panorama elettronico, in buon accordo con le autorità. Sono esseri umani e tutti eseguono gli ordini dei loro padroni. Ma nessuno sa cosa siano questi comandi.

Né Google né Facebook pubblicano i loro algoritmi. Non lo sappiamo e non c’è modo di conoscerli. I loro sistemi sono “scatole nere”. Google e Facebook sono una potenza formidabile e stanno guidando un crescente movimento accademico per la “responsabilità algoritmica”. È necessaria un’ispezione regolare dei sistemi, abbiamo bisogno di persone in queste aziende che siano responsabili. Ai sensi del Digital Copyright Act (DMCA) negli Stati Uniti, ogni azienda deve avere un rappresentante per le comunicazioni. Questo è esattamente ciò che deve essere fatto. Sono obbligati a rispondere a qualsiasi reclamo, ma non solo non rispondono, ma si preparano a controllare in modo ancora più soffocante i loro utenti ipnotizzati e indifesi.

Elettronicamente analfabeta .

L’ignorante human_animal ha mezzanotte piena per questioni di base relative alla ricerca elettronica e al suo impatto diretto. Stiamo parlando della più potente macchina per il controllo mentale mai scoperta nella storia della razza umana e l’uomo della civiltà non se ne è nemmeno reso conto.

Damien Tambini, professore associato alla London School of Economics che si concentra sulla regolamentazione dei media, sottolinea che ci manca un quadro per affrontare il potenziale impatto di queste aziende sul processo democratico. “Abbiamo strutture che gestiscono potenti organizzazioni dei media. Abbiamo la legge sulla concorrenza. Ma nessuna responsabilità viene rivendicata da queste società. Non ci sono autorità che costringeranno Google o Facebook a rivelare qualcosa. C’è una funzione di modifica su Google e Facebook, ma è stata creata da algoritmi avanzati. Queste sono macchinee non per gli autori. È solo una funzione di modifica automatica “.

Ma la portata e la complessità dell’esistenza di due società energetiche globali di un tipo che non abbiamo mai visto prima e che influenzano così tante aree della nostra vita è tale, dice Naughton, che “non abbiamo il meccanismo mentale per sapere esattamente chi sono sono. i malfunzionamenti “.

E questo è particolarmente vero per il futuro. Google e Facebook sono i pionieri dell’intelligenza artificiale (AI). Conquisteranno il futuro. Le persone stanno appena iniziando a formulare il tipo di domande che devono porre. I politici non pensano (quando pensano) a lungo termine. Anche le aziende non pensano a lungo termine, perché si concentrano sui prossimi risultati trimestrali e questo è ciò che rende Google e Facebook come organizzazioni interessanti e diverse. Ci pensano ancora e ancora nel lungo periodo. Hanno le risorse, i soldi, il potere, il potere e l’ambizione sfrenata per fare quello che vogliono.

BuyBitcoinswithCreditCard

Vogliono digitalizzare tutti i libri del pianeta: lo fanno. Vogliono costruire un veicolo semovente: lo fanno. Il fatto che l’utente legga i post di notizie false e si renda conto che potrebbero aver influenzato le convinzioni politiche e il risultato elettorale, equivale a dire: su quale pianeta vivi? Ma è evidente e ovvio. Hanno deciso che possiedono la “verità” assoluta e che sono il dio a cui crederai e obbedirai.

Internet è coinvolto in cose che il produttore non capisce come funzionano. “Questo è il più grande progetto che coinvolge Chaos nella storia. Centinaia di milioni di utenti creano, ogni minuto e consumano un numero incalcolabile di contenuti digitali in un mondo elettronico che non è vincolato dalle leggi terrene. Internet come stato illegale e anarchico “. Quale distruttore digitale farebbe una previsione del genere? Questo è Eric Schmidt, presidente di Google. Queste sono le prime frasi del libro di testo, The New Digital Age, di cui è coautore con Jared Cohen.

Non è vincolata da regole terrene ed è nelle mani di due aziende giganti e potenti. Questo è il loro esperimento, non il nostro. La tecnologia che dovrebbe liberarci (da cosa) ha creato un’enorme rete di propaganda, che calpesta l’intera Internet come il cancro. La stessa tecnologia consente ad aziende come Cambridge Analytica di creare messaggi politici su misura per le tue esigenze. Capiscono le tue reazioni emotive e come innescarle. Conoscono i tuoi gusti, le tue antipatie, dove vivi, cosa mangi, cosa ti fa ridere, cosa ti fa piangere.

Poiché Google è quasi un monopolio della ricerca, la sua ambizione di possedere e controllare l’infrastruttura naturale della tua vita è il passo successivo. Contiene già i tuoi dati e con essi la tua identità. Cosa significherà quando si diffonderà a tutte le altre aree della tua vita?

Le multinazionali traggono sempre vantaggio dai risultati di Internet: più utenti si connettono a Facebook, più facile sarà l’iscrizione per tutti gli altri, anche per pensionati e anziani.

Per quanto possa sembrare spaventoso, il prodotto principale di Google è il gruppo titanico di utenti e i loro dati su come si comportano su Internet. Il suo prodotto prezioso sono i suoi utenti, i suoi clienti. Perché offre così tanti servizi “gratis” ti sei chiesto? Sai quanto sono affidabili questi servizi? Cosa significa “libero” che puoi immaginare? Quale azienda commerciale e monopolistica offre servizi “gratuiti”?

Questi dati preziosi vengono utilizzati, apparentemente, per abbinare le aziende con potenziali clienti, offrendo loro annunci che faranno clic su di essi. Nell’uso quotidiano, questa pratica è qualcosa che di solito dimentichi. Ma le tue abitudini, le tue preferenze di YouTube, le tue ricerche o i tuoi clic su Gmail vengono tutti utilizzati per delineare il tuo comportamento. Inoltre, Google segue tutte le tue abitudini di navigazione tramite codici Analytics e Adsense (incorporati nelle pagine web) per monitorare i tuoi interessi al di fuori del motore di ricerca. A quanto pare, perché le apparenze sono raramente identificate con la realtà.

Tutto questo è più o meno noto. Alcuni lo sanno, altri non se ne curano, i più sospetti usano altri, più innocenti motori di ricerca. Ma con Google che domina il web, la rivoluzione degli smartphone ha moltiplicato i dati preziosi. Che tu sia sull’autobus e scherzi sul tuo cellulare, o guardi la TV e allo stesso tempo desideri trovare informazioni su Google, quasi ogni attività crea un percorso virtuale. Questa è la materia prima per Google Data Distilleries. E poiché tutti i dispositivi diventano più intelligenti, ovvero si connettono tutti a Internet, questo volume cresce.

Questa abbondanza di dati ha cambiato la natura della concorrenza. Con sempre più dati, vengono creati ulteriori campi di azione. Pertanto, raccogliendo più dati, un’azienda ha più spazio per migliorare i propri prodotti, il che attira più acquirenti, che a loro volta generano ancora più dati e il ciclo non finisce mai. I colossali sistemi di sorveglianza ora coprono l’intera economia: Google può vedere cosa cercano gli utenti, Facebook sa cosa condividono 2 miliardi di persone su questo pianeta e Amazon sa cosa stanno comprando.

La fase dopo la ricerca è la previsione.

Google vuole sapere qual è il tuo desiderio PRIMA che tu lo sappia tu stesso. Questo sta quasi già accadendo, stiamo parlando dell’onniscienza di questi giganti tecnologici, tuttavia questa onniscienza può fare di nuovo passi da gigante, se acquisiscono la capacità di prevedere. Vogliono arrivarci. Prevedere e decidere prima di “te per” … È la definizione di “libero arbitrio” (LOL).

Questa visione “panoramica” del mondo e delle sue attività, questi vasti database è la risorsa più preziosa del nostro tempo e questo prodotto, che guida un settore in continua crescita, sta sempre più spingendo i regolatori antitrust a farsi avanti per porre limiti a coloro che ingrandiscono la loro influenza. Un secolo fa, questa posizione era ricoperta dal petrolio.

Google e Facebook sono responsabili di quasi tutto il drammatico aumento delle entrate pubblicitarie digitali dell’ultimo decennio. L’onnipotenza di questi giganti tecnologici ha causato grande preoccupazione, come fece una volta il Rockefeller Standard Oil all’inizio del XX secolo. Ma no, non sono solo le dimensioni di queste aziende a fare paura. Dopo tutto, la natura dei dati è tale da rendere inutili i precedenti accordi antitrust.

Dividendo un’azienda come Google in cinque, dieci googlet non cambierebbero nulla nell’ambiente di oggi. Invece, avrebbero portato più soldi alla casa madre Alphabet, così come i famosi discendenti di Standard Oil, Mobil, BP e Arco. L’unica cosa certa è che ricostruire le autorità antitrust nell’era della tecnologia non è facile. Ci aspettiamo tutti nuovi pericoli. Un’improvvisa mancanza di dose digitale giornaliera. Una giornata senza facebook, senza aggiornamenti automatici, senza accesso diretto al… del tuo vicino. No, nessuno vuole chiudere Google, Facebook o Twitter come nessuno una volta voleva chiudere MySpace, AOL e NetScape.

E tutto è iniziato con garage e dormitori … LOL

Più navighiamo sulle loro macchine, più le autorità sanno di noi e tutto alimenta un sistema circolare e chiuso. Quello che stiamo vivendo oggi è un’altra, classica era del meccanismo di propaganda. Lo abbiamo sperimentato di nuovo in passato, dopotutto, tutti i sistemi di potere nella propaganda si basano sul loro consolidamento. Quello che prima si faceva con stampe e libri, con il ritardo previsto, ora viene fatto in millisecondi. E sì, è spaventoso.

Non è possibile credere che l’intero sistema caotico sia fatto per guadagnare alcuni monopolisti americani dalla pubblicità? No, sì, … il problema è molto più profondo perché stanno costruendo una NUOVA REALTÀ e un NUOVO TIPO DI ANIMALE UMANO, che serve Big Pharma. Animali umani più inattivi, stupidi e creduloni per ogni uso.

La cosa buona, ovviamente, è che è molto facile per noi sapere chi lavora e dipende dal governo e chi è veramente indipendente. Quindi possiamo facilmente sapere cosa disturba il governo e lavorare di conseguenza, trarre conclusioni e muoverci nella giusta direzione; cioè, se il governo ei suoi portavoce dicono che è vero (perché le scoperte scientifiche e … bla bla) è facile scoprirlo chi è l’altro, che cerca di nascondersi da te. Se sei bendato per non vedere l’est e mostrarti solo l’ovest, beh, è ​​facile gettare le persiane e scoprire il resto dell’orizzonte.

Ciò che chiamano bufala, o fake news, mostra chiaramente ciò di cui hanno paura.

Quindi è facile sapere cosa fare e come muoversi; quelli di noi che hanno una mente.

Mentre gli algoritmi diffondono la loro influenza oltre le macchine e modellano l’ambiente che li circonda, l’ambiente in cui siamo chiamati a vivere, con le loro verità, è giunto il momento di sapere esattamente quanti algoritmi fanno e se hai ancora tempo per domarli.

È più che ovvio che tu non abbia questo tempo, né la conoscenza, né l’umore.

Gli algoritmi sono i mercati che decidono se e come vivrai, cosa imparerai e dove lo troverai, oltre a quando e come morirai.

Il mitico “libero arbitrio” è solo un breve scherzo. Lo è sempre stato.

Fonte: Edwhellas.gr

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code