toba60

Vaccinati e Ingannati: Cavie Umane Ora Pronte al Macello Sociale

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Il popolo bue ha stabilito la sua sentenza, le pecore umane si sono fatte prendere dal panico per non morire di una patologia che rispetto al 99,9% delle malattie del pianeta è paragonabile ad una pandemia condominiale di raffreddore e che ora si ostina a difendere con accanimento terapeutico l’artefice dell’inganno.

Io personalmente mi godo lo spettacolo, sono cattivo per natura e selvaggio per volontà divina, sono il diavolo in persona e la sofferenza degli stolti mi rallegra, godo nel vedere la felicità dei registi della trama che ridono a crepapelle e mi compiaccio della morte delle masse prive dell’anima che implorando mi hanno tutti ceduto dal profondo del loro cuore.

Ora godetevi il vostro meritato strazio, maledicendo il giorno di essere nati e datevi da fare per porre finalmente termine alle vostre sofferenze.

Toba60 e Mister Hide

Anti Vaccini e Negazionisti

In poco più di un anno di esperienza con questi farmaci mRNA sperimentali, abbiamo verificato ciò che gli studi clinici indicavano, cioè che non impediscono la trasmissione o il contagio, né riducono la mortalità e i casi gravi (scartati dopo gli studi clinici senza giustificazione), quindi per il momento dobbiamo attenerci alla frase spesso ripetuta e ambigua: “impediscono che i sintomi si aggravino”.

Chiunque può dedurre che non importa quanto sia grave un sintomo, si può sempre affermare di aver impedito che diventi ancora più grave. È un loop dal quale possiamo uscire solo con buoni dati sulla riduzione della mortalità.

Peter Doshi, direttore del British Medical Journal (BMJ), ha già denunciato in un editoriale che la propagandata (e lucrativa, tra l’altro) efficacia del 95% è stata falsificata in modo che si parli di una riduzione del rischio relativo del 19% (che equivale a 0. 84% di efficacia assoluta) molto al di sotto della soglia del 50% di efficacia, che è un requisito assoluto per essere autorizzati dalle autorità di regolamentazione, e ha anche spiegato che non ci si poteva aspettare una riduzione significativa dei decessi, poiché non c’è ancora alcuna prova scientifica che i vaccini covid-19 abbiano salvato una sola vita. Infatti, sulla base degli studi clinici di Pfizer e Moderna conosciuti finora, si potrebbe affermare l’esatto contrario.

Con stupore scopriamo ora l’immunità naturale in questa recente pubblicazione (7 febbraio 2022) in The Lancet Rheumatology, scritta da McGonagle

La lettera denuncia l’obbligo di vaccinazione che molti paesi, come l’Inghilterra, hanno imposto agli operatori sanitari, dove medici e infermieri che non volevano essere vaccinati affrontavano il licenziamento ingiustificato dal loro lavoro. L’articolo sostiene che per i virus a RNA a singolo filamento, come il virus dell’influenza e anche la SARS-CoV-2, l’immunità generata naturalmente fornisce una protezione migliore della vaccinazione, ora può sembrare banale ma questo è stato negato all’inizio della vaccinazione.

Gli individui esposti all’infezione naturale avevano anche meno probabilità di essere ricoverati in ospedale. Infine, affronta il concetto di “immunità ibrida” che si ottiene dall’infezione più la vaccinazione “aumentando i livelli di anticorpi e di linfociti T (un concetto completamente inventato, privo di qualsiasi studio a lungo termine che mostri una correlazione clinicamente rilevante) secondo le stesse linee spiegate da Peter doshi nel suo editoriale, la presenza di anticorpi non implica immunità. Fortunatamente, il governo britannico sta ora considerando l’eliminazione di questi licenziamenti.

Pertanto, nell’articolo precedente abbiamo affermato che “le iniezioni di RNA non vaccinano”, ma la verità è che la realtà ci sta divorando. Da mesi stiamo osservando un nuovo giro di vite; un fenomeno che è stato chiamato con mille nomi: efficacia negativa, immunità negativa, anti-immunità, immunodeficienza. È un concetto scivoloso che non esprime bene ciò di cui stiamo parlando: l’anti-vaccinazione.

Dati di efficacia negativi

Questa sezione in un altro contesto potrebbe essere omessa, ma purtroppo vediamo nei media l’esperto principale parlare di una certa “perdita di efficacia”. Davanti a questi dati si sostiene ora che l’analisi del numero di casi è fuori contesto e che ha un’efficacia molto maggiore contro i ricoveri e i decessi, che è davvero la chiave. Forse ci illudiamo di aspettarci una qualsiasi immunità o protezione da un prodotto che chiamano “vaccino”.

È importante capire che non si tratta di vaccini che non funzionano o che perdono la loro efficacia. Se i vaccini semplicemente non funzionassero, la loro efficacia sarebbe simile a quella dei sistemi immunitari non vaccinati, e le nuove infezioni sarebbero distribuite proporzionalmente in tutta la popolazione, ma la realtà è che questo non sta succedendo esattamente il contrario. Sono le persone inoculate che hanno più probabilità di essere infettate, e secondo i dati, l’effetto aumenta con ogni dose. Se ci fossero 1000 nuovi casi in un contesto di efficacia zero, cioè a parità di condizioni, in una popolazione vaccinata al 90%, ci sarebbero 900 nuovi casi nei vaccinati e altri 100 nel resto. La realtà dei dati mostra che in molti paesi, non solo ci sono meno di 100 casi, ma ci sono anche meno di 10-15 casi in quel gruppo.

Prima di Omicron, alla fine di ottobre, The Lancet Infectious Diseases ha pubblicato che “l’efficacia dei vaccini nel ridurre la trasmissione è minima nel contesto della variante delta”. In termini simili, un altro grande studio svedese pubblicato su The Lancet ha concluso che i vaccini Pfizer e Astrazeneca (82% delle dosi somministrate in Spagna) non avevano “alcuna efficacia”. In dicembre, sono stati condotti più studi che hanno trovato un’efficacia negativa confermata in seguito in tutti i paesi, li rivediamo brevemente:

1 Danimarca

Pubblicato il 23 dicembre, sono stati i primi a parlare di efficacia negativa, questo studio analizza le infezioni positive in Danimarca per determinare la percentuale di Omicron, i ricercatori hanno trovato un’efficacia del vaccino contro la variante Omicron di -76,5% per Pfizer, e -39,3% per Moderna da 3 mesi dopo l’inoculazione. In altre parole, la variante infetta principalmente le persone vaccinate, con una misura maggiore nelle persone che sono state vaccinate con tre dosi.

Estrapolando da questi dati, se a 60 giorni la protezione è vicina allo zero, sarebbe necessario vaccinare ogni 30 giorni per mantenere la protezione.

Anche quest’altro studio con due gruppi di controllo mostra un’efficacia negativa.

2 Regno Unito

I dati disponibili presso l’Agenzia britannica per la sicurezza sanitaria mostrano che le iniezioni di Covid hanno un’efficacia negativa in tutti coloro che hanno più di 30 anni, e un’efficacia fino a -100% nei 40 e 69 anni. Un’efficacia del farmaco del -100% significa che le inoculazioni successive hanno totalmente inattivato la loro risposta immunitaria al Covid-19.

La stessa settimana 42 il rapporto di sorveglianza del vaccino pubblicato dall’UKHSA afferma: “I livelli di anticorpi (N) sembrano essere più bassi nelle persone che acquisiscono l’infezione dopo 2 dosi di vaccinazione”. Questo è stato confermato in studi successivi in altri paesi.

Per “incoraggiare” la vaccinazione ci è stato detto che sono gli anticorpi S che sono più importanti e non gli anticorpi N, quando è vero il contrario.

In questa immagine si possono vedere S, N, M ed E. Ciò significa che i cosiddetti “vaccini Covid-19” interferiscono con la capacità del sistema immunitario di produrre anticorpi N, che sono responsabili della risposta contro il nucleocapside che è il guscio del virus, e una parte cruciale della risposta del sistema immunitario.

Le persone vaccinate non sembrano produrre anticorpi contro la proteina nucleocapside (N), il guscio del virus, che sono una parte cruciale della risposta nelle persone non vaccinate. I vaccini interferiscono con lo sviluppo di una robusta immunità a lungo termine dopo l’infezione.

Quando siamo infettati naturalmente, generiamo risposte efficienti e durature contro molti altri frammenti proteici, non solo S, a differenza dell’immunità generata da vaccini mRNA (Pfizer/BioNTech, Moderna), vaccini vettoriali (Astrazeneca, Cansino, Janssen) e vaccini a subunità proteiche (Abdala, Soberana, Novavax).

Anche se le varianti successive hanno sviluppato mutazioni in S, le altre proteine del virus (nucleocapside, matrice, involucro, RNA polimerasi), praticamente non accumulano mutazioni, perché così facendo comprometterebbero il loro normale funzionamento e la capacità di replicarsi. Pertanto, le persone con immunità naturale sono ben protette contro le diverse varianti del virus SARS-CoV-2, mentre le persone vaccinate non lo sono.

3 Scozia

I dati ufficiali della Public Health Scotland mostrano che i decessi tra i tripli vaccinati sono aumentati del 495% a gennaio e i vaccinati hanno rappresentato 4 casi su 5 di Covid, ricoveri e morti da dicembre. La popolazione vaccinata ha rappresentato l’86% dei casi di Covid-19, l’80% dei ricoveri e l’84% dei decessi. La campagna di richiamo è stata un fallimento perché la percentuale di casi, ricoveri e morti è diminuita nella popolazione non vaccinata mentre è aumentata notevolmente nella popolazione triplicemente vaccinata.

Sulla scia di questi cattivi dati, “Il Dipartimento della Salute scozzese ha deciso di “smettere di pubblicare le statistiche sui ricoveri e i decessi da covidi suddivisi per stato di vaccinazione, per evitare interpretazioni errate da parte degli antivaccinisti”. Ci viene chiesto di concentrarci sui ricoveri e sui decessi e non tanto sul numero di casi, d’ora in poi i dati saranno dati categorizzati in base alle loro comorbidità sottostanti.

Qualcuno pensa che i dati nelle due colonne dei ricoveri e dei decessi, se suddivisi in più categorie, siano migliori? Vi avvertiamo di essere cauti nel disaggregare troppo i dati, per non scoprire che nei gruppi con comorbidità o pazienti ad alto rischio, i dati non migliorano, ma migliorano nei pazienti sani o a rischio molto basso.

4-Canada

Numero di casi:

Un grande picco nel periodo circa 0-14 giorni dopo la prima vaccinazione e dopo circa 6 mesi dopo la seconda vaccinazione. Poiché ci è stato chiesto di non analizzare il numero di casi, passiamo ai ricoveri e ai decessi.

Ricoveri:

Lo stesso modello. Deceduti:

Lo stesso modello. 5-Spagna

Lo stesso schema si ripete. Sarebbe necessario aggiungere i pazienti, i ricoveri in terapia intensiva e i decessi di persone vaccinate senza un regime di vaccinazione completo, poiché questi non vengono contati come decessi vaccinati. Pertanto, la percentuale di persone non vaccinate sarebbe ancora più bassa di quella mostrata.

Manipolare i dati significa contare come non vaccinati tutti coloro che non sono stati vaccinati entro 14 giorni dall’inoculazione della seconda dose e anche tutti coloro che non sono stati vaccinati con il programma completo (una sola dose).

Questo significa che se si risulta positivi al test, si viene ricoverati e/o si muore entro 14 giorni dalla seconda dose, quella morte viene contata come una morte “non vaccinata”, gonfiando così i dati per quel gruppo. Il gruppo di controllo (non vaccinati) e un minimo di etica è qualcosa che è stato tolto da questa pandemia.

Questa pratica non è limitata alla Spagna. È un modus operandi che si ripete in tutti i paesi ed è la pietra angolare che permette di pubblicare titoli come: “Essere vaccinati riduce di 5 volte la probabilità di essere ospedalizzati”. Per esempio, nello stato di Alberta, il 40% dei casi, il 48% dei ricoveri e il 56% dei decessi sono inclusi nel gruppo sbagliato. Questo rende impossibile tracciare la reale efficacia dei prodotti, e più seriamente, migliaia di morti non correlate ai vaccini sono state deliberatamente classificate come morti dei non vaccinati.

Secondo i dati sanitari spagnoli, in valori totali o assoluti (senza l’effetto statistico dei tassi relativi): 3 su 4 morti per covid dall’autunno erano perfettamente vaccinati (tra il 72% e l’80%). Il clamoroso silenzio su questo fatto ci fa perdere, come società, il senso della realtà. A titolo di verifica, chiedete semplicemente alle persone che conoscete se credono che la vaccinazione quest’anno abbia evitato più morti che nel 2020.

I dati ufficiali sui decessi:

  • 2020: 1,8 milioni di morti (ceppo più virulento, nessun vaccino)
  • 2021: 3,6 milioni di morti (il doppio del 2020) 2022: 4 e 5 dosi?
  • Studi clinici in corso con 3 dosi in neonati da 0 a 5 anni.

Questi risultati sono stati l’elefante nella stanza fino alla recente apparizione di Joan-Ramon Laporte al Congresso, dove ha semplicemente detto quello che sono, cattivi dati, anche per il caso di morti.

Questo signore è l’architetto dell’implementazione del sistema di farmacovigilanza in Spagna, ed è stato il suo direttore fino alla creazione dell’Agenzia spagnola dei medicinali. Inoltre, è stato anche presidente del gruppo OMS per i farmaci essenziali, consulente esterno dell’Agenzia europea dei medicinali, fondatore dell’Associazione europea di farmacologia clinica e terapeutica e un lungo eccetera, nella nuova normalità questo è il profilo di un negazionista secondo i media.

I suoi successi nel suo campo includono il riuscito ritiro dal mercato del farmaco di punta della Merck, il Rofecoxib, che ha dimostrato di raddoppiare il rischio di infarto tra i suoi utenti. Questo ritiro del prodotto è valso al signor Laporte una causa contro di lui, che alla fine ha vinto.

Nel suo discorso spiega in dettaglio il fallimento dei vaccini (con cifre ufficiali) e come non hanno impedito più morti, il presunto beneficio finale che dovrebbero fornire. Il video della sua apparizione è stato rimosso e censurato dai media mainstream, ma fortunatamente Qui avete l’intervento scritto:

Come c’era da aspettarsi, i media sono andati immediatamente alla sua giugulare. Anche lo stesso partito di governo, che l’ha invitato, ha messo in chiaro il suo disappunto per il suo intervento.

La cosa più blanda che gli è stata data è “negazionista o anti-vaccino”, dopo di che il governo si è dissociato dalle dichiarazioni affermando letteralmente che i vaccini, “qualunque cosa si dica, funzionano”. Ma questa “vaccinolatria”, o “tecnolatria” come direbbe il signor Laporte, non è né spontanea né scelta; è sempre complicato gestire i fallimenti e ancor più quelli che portano lo zaino di tanti morti associati.

La tenaglia negazionista che noi cittadini subiamo, tra i media e i nostri leader, ci porta a uno scenario preoccupante di realtà parallele dove non c’è spazio per l’errore e tutto funziona secondo i piani, dove non ci sarà mai un numero sufficiente di morti, infarti nei giovani e negli atleti o qualsiasi altro evento che ci costringerebbe a fare qualsiasi cambiamento sostanziale.

Come Laporte ha giustamente sottolineato nel suo discorso, questi vaccini mRNA hanno il triste primato di essere il farmaco più dannoso prodotto fino ad oggi, il database ufficiale VAERS indica che i “vaccini” COVID hanno ferito 30 volte più persone e ucciso 60 volte più persone della somma di tutti i danni prodotti da TUTTI I VACCINI inoculati negli ultimi 30 anni.

Un’immagine vale più di mille parole:

Naturalmente c’è una percentuale di casi in cui non c’è relazione causale, ma è ben documentato che VAERS ha storicamente sottostimato l’incidenza totale degli effetti avversi di un ordine di grandezza, con un fattore di 44 volte inferiore. Quindi 400.000 morti sarebbero il vero numero dei vaccini negli Stati Uniti. Se questo non è insolito, cosa lo è?

Se siete tra coloro che sono scioccati da queste cifre, dovreste capire che qualunque cosa accada “i vaccini funzionano” e in ogni caso “sarebbe stato peggio”. (non importa quando leggete questo).

Appellarsi a una realtà alternativa, sempre peggiore e soprattutto intangibile, parla solo del disagio dei dati. È urgente smettere di vivere in realtà parallele e assumersi la responsabilità del dolore, della morte e della sofferenza della realtà in cui tutti viviamo.

Non possiamo aspettarci né a breve né a medio termine di vedere qualcuno assumersi esplicitamente la responsabilità del fallimento: Con le aziende farmaceutiche esonerate per contratto da ogni responsabilità fino al 2075, non ci resta che affidarci all’EMA o alla FDA, appellandoci alla loro funzione originaria, ma in pratica non sono altro che mere lobby delle stesse aziende farmaceutiche, il cui maggior risultato finora è stato quello di costringere alle dimissioni di uno dei loro membri per un conflitto di interessi.

Né ci si può aspettare una grande diligenza dagli stessi organismi sanitari nazionali; il modo in cui è stata gestita la precedente pandemia (influenza A) è ancora fresco nella memoria. C’era l’evidenza negli studi peer-reviewed che il Tamiflu causava gravi disturbi mentali (schizofrenia), ma non fu ritirato immediatamente. È stato semplicemente permesso di aspettare fino a quando è stato annunciato che i lotti erano scaduti o che erano disponibili altri trattamenti più efficaci. Quelli colpiti dai suoi effetti stanno ancora aspettando.

Con la stessa impunità, non aspettiamoci che i prossimi studi clinici diano la priorità alla vita e alla salute rispetto al profitto. Perché non è necessario raccogliere più morti per dimostrare la causalità (ecco un’analisi bayesiana in 145 paesi che dovrebbe essere sulle prime pagine di tutti i giornali nazionali, dimostrando la causalità e non la semplice correlazione), né è il momento di altri 1000 studi per dimostrare che le iniezioni di K0B1T non sono né sicure né efficaci. Questi prodotti sono una frode e avrebbero dovuto essere ritirati con le prime morti registrate, è ora di ripulire la catena di responsabilità.

Come ha spiegato Laporte nel suo discorso, è urgente modificare la legislazione europea sulla farmacovigilanza. Non possiamo più tollerare che siano le aziende farmaceutiche a determinare la sicurezza e l’efficacia dei loro prodotti. Un esempio di questo è quello che è successo quando la Pfizer ha cercato di far approvare il suo farmaco in India, dove è stata costretta a ritirare la sua domanda di autorizzazione all’uso di emergenza per il suo vaccino dopo che l’organismo di regolamentazione del paese ha chiesto che venisse effettuato uno specifico studio locale di immunità e sicurezza. In altre parole: nessuna frode, nessuna autorizzazione è possibile.

In definitiva, l’immunità negativa si traduce in una disattivazione del sistema immunitario, e questo effetto è più evidente nelle settimane successive all’inoculazione. I vaccinati subiscono un indebolimento dei globuli bianchi e una riduzione dei linfociti T CD8+, una forma di immunodeficienza acquisita (AIDS) la cui durata ed estensione non è ancora nota e, cosa più preoccupante, aumenta ad ogni nuova dose.

Ora cominciano ad essere pubblicato studi scientifici sui meccanismi attraverso i quali le terapie geniche dell’mRNA della proteina S indebolirebbero il sistema immunitario.

E’ stato dimostrato che attivano artificialmente le vie di segnalazione delle cellule, il che può causare una grave deprogrammazione del sistema immunitario.

Un vero successo non c’è che dire, un vaccino come questo che provoca tanti danni in un colpo solo, merita tutta la nostra devozione.

Fonte: DeepWeb

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code