toba60

Vaccini: Bollettino di Guerra! USA ”Dati VAERS” Superati i 400.000 Eventi Avversi con 6.985 Morti

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

In Italia c’e stato politico noto in tutto il mondo che ha passato un anno e mezzo del suo tempo a mostrare i morti e i contagiati da covid, sbandierando un cartellino con il numero dei decessi e che ora si e’ venuto a sapere erano per lo piú dovuti a cause complementari.

Luca Zaia Governatore del Veneto

Ha mostrato un tale entusiasmo nell’apparire in televisione al punto che meraviglia tutti ora il fatto che si sia defilato proprio adesso che il frutto de suo lavoro, (Il cui fine era iniettare un siero miracoloso) ha partorito un numero di vittime che lo proietterebbe alla ribalta delle cronaca televisiva con spazi infiniti da qui all’eternitá.

La Gloria cari signori non e’ eterna e nemmeno la vita…almeno quella terrena, che e’ la sola in questo momento ci riguarda direttamente.

Toba60

Vaccini: Bollettino di Guerra!

Questa settimana il numero di eventi avversi totali per tutti i gruppi di età in seguito ai vaccini COVID ha superato i 400.000, secondo i dati rilasciati oggi dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC). I dati provengono direttamente dai rapporti presentati al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS).

VAERS è il principale sistema finanziato dal governo per la segnalazione di reazioni avverse ai vaccini negli Stati Uniti. I rapporti presentati a VAERS richiedono ulteriori indagini prima che una relazione causale possa essere confermata.

Ogni venerdì, VAERS rende pubblici tutti i rapporti sulle lesioni da vaccino ricevuti a partire da una data specifica, di solito circa una settimana prima della data di rilascio.

I dati rilasciati oggi mostrano che tra il 14 dicembre 2020 e il 25 giugno 2021, un totale di 411.931 eventi avversi sono stati segnalati a VAERS, compresi 6.985 decessi un aumento di 872 morti rispetto alla settimana precedente. Ci sono state 34.065 segnalazioni di lesioni gravi, in aumento di 2.825 rispetto alla settimana scorsa.

Negli Stati Uniti, 321,2 milioni di dosi di vaccino COVID sono state somministrate al 25 giugno. Questo include: 132 milioni di dosi del vaccino di Moderna, 177 milioni di dosi di Pfizer e 12 milioni di dosi del vaccino COVID di Johnson & Johnson (J&J).

Dei 6.985 decessi riportati al 25 giugno, il 22% si è verificato entro 48 ore dalla vaccinazione, il 15% entro 24 ore e il 38% in persone che si sono ammalate entro 48 ore dalla vaccinazione.

I dati di questa settimana per i ragazzi dai 12 ai 17 anni mostrano:

12.674 eventi avversi totali, di cui 720 classificati come gravi e 13 decessi segnalati tra i 12-17enni.

Due dei nove decessi erano suicidi.

I decessi più recenti segnalati includono una ragazza di 16 anni (VAERS I.D. 1420630) che è morta quattro settimane dopo la sua seconda dose di Pfizer, una ragazza di 17 anni (VAERS I.D. 1420762) che ha avuto un arresto cardiaco sei giorni dopo aver ricevuto un vaccino Pfizer, un ragazzo di 16 anni (VAERS I.D. 1426828) che è morto quattro giorni dopo aver ricevuto un vaccino Pfizer e un ragazzo di 13 anni (VAERS I.D. 1406840) che è morto due giorni dopo aver ricevuto un vaccino Pfizer.

Per una verifica Autonoma accedere direttamente al sito ufficiale Digita Qui

Altri decessi includono tre 15enni (VAERS I.D. 1187918, 1382906 e 1242573) e due 16enni (VAERS I.D. 1225942 e 1386841) e un 17enne (VAERS I.D. 1199455). 1.792 segnalazioni di anafilassi tra i 12-17enni con il 99% dei casi attribuiti al vaccino Pfizer, 1,2% a Moderna e 0,2% (o quattro casi) a J&J.

300 rapporti di miocardite e pericardite (infiammazione del cuore) con 296 attribuiti al vaccino COVID della Pfizer.

52 rapporti di disturbi della coagulazione del sangue, 51 attribuiti a Pfizer e 1 attribuito a Moderna.

CHD invita la FDA a togliere dal mercato i vaccini COVID Invia un commento

I dati VAERS totali di questa settimana, dal 14 dicembre 2020 al 25 giugno 2021, per tutti i gruppi di età mostrano:

Il 21% dei decessi erano legati a disturbi cardiaci.

Il 51% dei deceduti erano maschi, il 45% erano femmine e i restanti rapporti di morte non includevano il sesso del deceduto.

L’età media della morte era di 74,3 anni.

A partire dal 18 giugno, 2.337 donne incinte hanno segnalato eventi avversi legati ai vaccini COVID, comprese 791 segnalazioni di aborto spontaneo o parto prematuro.

Dei 3.985 casi di paralisi di Bell riportati, il 55% è stato attribuito alle vaccinazioni Pfizer, il 42% al vaccino Moderna e il 7% a J&J. 365 segnalazioni di sindrome di Guillain-Barré, con il 45% dei casi attribuiti a Pfizer, il 42% a Moderna e il 19% a J&J.

114.113 segnalazioni di anafilassi con il 44% dei casi attribuiti al vaccino di Pfizer, il 48% a Moderna e l’8% a J&J.

7.263 rapporti di disturbi della coagulazione del sangue.

Di queste, 3.151 segnalazioni sono state attribuite a Pfizer, 2.566 a Moderna e 1.501 a J&J.

1.576 casi di miocardite e pericardite con 1.001 casi attribuiti a Pfizer, 523 casi a Moderna e 48 casi al vaccino COVID di J&J.

Pfizer per richiedere l’approvazione d’emergenza del vaccino COVID per i bambini dai 5 agli 11 anni entro l’autunno

Fox News ha riportato il 1 luglio, i bambini più piccoli potrebbero diventare idonei per un vaccino COVID questo autunno, secondo un alto dirigente di Pfizer che ha detto che la società ha in programma di richiedere l’approvazione di emergenza del suo vaccino nei bambini dai 5 agli 11 anni entro settembre o ottobre. Il vaccino di Pfizer è attualmente autorizzato per l’uso in individui dai 12 anni in su.

La dottoressa Alejandra Gurtman, vicepresidente della ricerca e dello sviluppo clinico del vaccino alla Pfizer, è apparsa insieme ai rappresentanti di altre grandi case farmaceutiche per discutere i dati e le scadenze dietro gli studi clinici pediatrici durante un simposio virtuale della Johns Hopkins University e dell’Università di Washington.

Nonostante le crescenti segnalazioni di infiammazioni cardiache negli adolescenti legate al vaccino, Gurtman ha detto Pfizer “si sentiva molto comodo per spostare verso il basso in età”, parlando alle prove che coinvolgono i partecipanti di età compresa tra 6 mesi e 11 anni.
Uomo muore dopo la seconda dose di Moderna a seguito di un raro disturbo della coagulazione del sangue legato al vaccino

Come The Defender ha riportato il 29 giugno, i medici in Pennsylvania hanno riportato un caso di un paziente statunitense che ha sviluppato coaguli di sangue dopo aver ricevuto il vaccino Moderna COVID. In un rapporto sul caso, pubblicato negli Annals of Internal Medicine, gli operatori sanitari hanno detto che un uomo di 65 anni è arrivato in ospedale con una grave forma di coagulazione del sangue nota come trombosi con trombocitopenia (TTS) solo 10 giorni dopo aver ricevuto la sua seconda dose del vaccino Moderna.

Due giorni dopo, il paziente senza nome è morto, con i medici che hanno concluso i suoi sintomi erano coerenti con la coagulazione indotta dal vaccino, noto anche come VITT. I fornitori di trattamento dell’uomo non hanno riconosciuto VITT prima, così non ha ricevuto il trattamento specializzato dato alle persone che soffrono di quella condizione, ma invece è stato trattato con eparina.

I medici dell’Allegheny Health hanno detto che la loro ricerca “complica” le teorie che i precedenti casi di coagulazione siano stati causati esclusivamente da vaccini a base di adenovirus, come alcuni esperti hanno precedentemente ipotizzato. I medici hanno anche dichiarato di credere che questo sia il primo caso riportato di coaguli di sangue in seguito a un vaccino mRNA, nonostante le migliaia di casi riportati a VAERS.


Il senatore Ron Johnson tiene una nuova conferenza con le famiglie ferite dai vaccini COVID

Come The Defender ha riportato il 29 giugno, il senatore Ron Johnson (R-WI) ha tenuto una conferenza stampa lunedì per discutere le reazioni avverse legate ai vaccini COVID – dando alle persone che sono state “ripetutamente ignorate” dalla comunità medica una piattaforma per condividere le loro storie.

Il gruppo che ha parlato è stato messo insieme da Ken Ruettgers, un ex offensive lineman dei Green Bay Packers, la cui moglie ha subito una reazione avversa dopo aver ricevuto un vaccino COVID. Ruettgers, che ora vive in Oregon, ha avviato un sito web per portare la consapevolezza delle reazioni al vaccino COVID alla comunità medica.

“Siamo tutti a favore del vaccino”, ha detto Johnson all’inizio della conferenza stampa. Infatti, Johnson ha fatto tutti i vaccini dopo l’influenza suina, è aggiornato su tutti i suoi vaccini ed è stato un grande sostenitore dell’Operazione Warp Speed, anche se non ha avuto un vaccino COVID perché aveva già COVID.

Cinque persone provenienti da tutti gli Stati Uniti, tra cui una ragazza di 12 anni che faceva parte della sperimentazione clinica della Pfizer, si sono unite alla conferenza presso il tribunale federale di Milwaukee. Hanno descritto le loro reazioni ai vaccini COVID, compresi problemi neurologici, cardiaci e gastrointestinali, problemi di salute debilitanti e ricoveri.

Johnson ha detto che il suo obiettivo era quello di fornire una piattaforma per questi individui che sono stati feriti dai vaccini COVID in modo che la comunità sanitaria e i media tradizionali li riconoscessero e andassero alla causa principale.

Johnson ha sostenuto che mentre la maggior parte delle persone non soffre di effetti collaterali significativi in seguito alla vaccinazione, è preoccupato per “quella piccola minoranza che sta soffrendo sintomi gravi”.
La FDA aggiunge un avviso di infiammazione cardiaca ai vaccini Pfizer, Moderna COVID

Il Defender ha riportato il 28 giugno, la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti il 25 giugno ha aggiunto un avvertimento alle schede informative per pazienti e fornitori dei vaccini Pfizer e Moderna COVID indicando un aumento del rischio di miocardite e pericardite, in particolare dopo la seconda dose e con comparsa dei sintomi entro pochi giorni dalla vaccinazione.

L’aggiornamento della FDA ha seguito una revisione delle informazioni e una discussione da parte del comitato consultivo del CDC sulle pratiche di immunizzazione che si è riunito il 23 giugno, dove il comitato ha riconosciuto 1.200 casi di infiammazione cardiaca nei ragazzi dai 16 ai 24 anni.

I funzionari sanitari hanno detto che i benefici di ricevere il vaccino COVID superano ancora qualsiasi rischio. I medici e altri commentatori pubblici hanno accusato il CDC durante la riunione di esagerare il rischio per i giovani di COVID, e di minimizzare il rischio dei vaccini.
Due nuovi studi mostrano un legame tra i vaccini COVID e l’infiammazione del cuore

Come The Defender ha riportato il 30 giugno, in uno studio pubblicato il 29 giugno in JAMA Cardiology, 23 pazienti militari maschi con un’età mediana di 25 anni sono stati valutati tra gennaio e aprile 2021 per dolore toracico acuto dopo la vaccinazione con un vaccino COVID mRNA.

Tutti i membri militari erano precedentemente sani con un alto livello di fitness. Erano fisicamente in forma secondo gli standard militari e non avevano alcuna storia nota di malattia cardiaca, fattori di rischio cardiaci significativi o esposizione ad agenti cardiotossici. Sette membri militari hanno ricevuto il vaccino COVID di Pfizer e 16 hanno ricevuto il vaccino Moderna.

Secondo lo studio, i medici si aspettavano di trovare otto o meno casi di miocardite tra i 436.000 membri militari maschi che hanno ricevuto due dosi di mRNA. Ma 20 membri militari hanno sviluppato l’infiammazione dopo la loro seconda dose, tra cui 14 dopo il colpo Moderna e sei dopo il colpo Pfizer. Tre hanno sviluppato una miocardite dopo il loro primo vaccino.

I ricercatori hanno dichiarato che mentre la vera incidenza della miocardite è sconosciuta in questo momento, il modello di presentazione e il corso clinico suggeriscono un’associazione con una risposta infiammatoria alla vaccinazione.

Uno studio separato pubblicato su JAMA Cardiology il 29 giugno ha esaminato sette casi di miocardite acuta tra il 1 febbraio e il 30 aprile. Quattro casi si sono verificati entro cinque giorni dalla ricezione di una seconda dose di un vaccino COVID mRNA”.

“È possibile che questi quattro casi di miocardite acuta rappresentino un raro, potenziale evento avverso legato alla vaccinazione mRNA COVID-19”, hanno scritto i ricercatori. “I risultati del presente rapporto sollevano la possibilità di un’associazione tra la vaccinazione mRNA COVID-19 e la miocardite acuta”.

Il CDC riporta 4.115 casi di COVID con conseguente ricovero o morte

Come The Defender ha riportato il 29 giugno, più di 4.100 persone sono state ricoverate o sono morte con COVID negli Stati Uniti nonostante fossero state completamente vaccinate, secondo i nuovi dati del CDC.

A partire dal 21 giugno, quasi la metà (49%) dei casi si è verificata nelle donne e il 76% era di età pari o superiore ai 65 anni. Ci sono stati un totale di 3.907 ricoveri e 750 morti tra coloro che hanno avuto infezioni di rottura, anche se non tutti i ricoveri possono essere stati dovuti principalmente al COVID.

Secondo il sito web del CDC, il numero di infezioni di rottura del vaccino COVID è probabilmente un sottoconteggio di tutte le infezioni da SARS-CoV-2 tra le persone completamente vaccinate a causa della segnalazione passiva e volontaria.

Il 1° maggio, il CDC è passato dal monitoraggio di tutti i casi di penetrazione del vaccino segnalati alla segnalazione dei soli casi che hanno portato all’ospedalizzazione o alla morte, una mossa per la quale l’agenzia è stata criticata dagli esperti di salute.

Megan Redshaw

Fonte: Children’s Health Defense

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.



Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code